La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 21 febbraio 2017

Taxe consulare - intra în vigoare Legea nr. 1/2017 care elimină cvasitotalitatea taxelor consulare

La data de 1 februarie 2017 va intra în vigoare Legea nr. 1/2017, care, între altele, elimină cvasitotalitatea taxelor aferente serviciilor consulare prestate de misiunile diplomatice și oficiile consulare ale României în străinătate.

În consecință, începând cu data de 1 februarie 2017, cetățenii români din străinătate vor beneficia de prestarea cu titlu gratuit a serviciilor consulare în materie de întocmire a actelor de stare civilă, a actelor notariale (autentificări, legalizări, certificări), eliberare a titlurilor de călătorie, acordare/redobândire a cetățeniei române, procurare de acte judiciare și extrajudiciare, verificare a valabilității permiselor de conducere, precum și a altor servicii consulare.

La eliberarea pașapoartelor simple electronice și a celor temporare, a fost eliminată taxa consulară aferentă, care constituia venit la bugetul de stat, cu mențiunea că de la solicitanți se va percepe în continuare, la fel ca la depunerea cererilor în țară, contravaloarea blanchetelor pașapoartelor (în cuantum de 59 euro pentru un pașaport simplu electronic, respectiv 20 euro pentru unul temporar), care reprezintă costul de producție al acestor documente de călătorie și care se virează către producători.

La autentificarea actelor notariale care urmează a fi utilizate în cadrul unor proceduri notariale din România, se va încasa doar tariful de publicitate notarială în vederea înscrierii actelor respective în registrele naționale notariale din țară (în cuantum de 3 euro), care se virează către Centrul Național de Administrare a Registrelor Naționale Notariale din cadrul Uniunii Naționale a Notarilor Publici din România, taxa consulară aferentă fiind eliminată.

Pentru a asigura aplicarea noilor prevederi legale în condiții de maximă eficiență și operativitate, în interesul cetățenilor români care apelează la serviciile consulare, Ministerul Afacerilor Externe a întreprins o serie de demersuri vizând actualizarea procedurilor și instrumentelor de lucru specifice, gestionarea corespunzătoare a activității de preluare și procesare a cererilor de servicii consulare, precum și diseminarea informațiilor privind noul regim de taxare în rândul comunităților românești din străinătate.

De asemenea, printr-un act normativ adoptat recent la nivelul Guvernului, a fost reglementată și finanțarea din alocații bugetare a unor activități care anterior erau suportate exclusiv din taxele de urgență accesorii taxelor consulare, precum asistența financiară în anumite cazuri umanitare și retribuirea personalului consular angajat pe plan local. Tot printr-o decizie recentă a Guvernului, schema de încadrare cu personal a serviciului exterior al Ministerului Afacerilor Externe a fost suplimentată cu 50 de posturi consulare, în vederea optimizării capacității de procesare a serviciilor consulare.

Sursa:Consulatul General al Romaniei la Torino

lunedì 20 febbraio 2017

Legge sulla corruzione, la comunità romena torinese torna in strada

I manifestanti in piazza San Carlo e a Porta Nuova hanno chiesto le dimissioni del governo del loro Paese d'origine

Continuano i flash-mob della comunità romena torinese contro la legge sulla corruzione nel Paese d'origine.

Sabato 18 febbraio 2017, i manifestanti hanno tenuto presidi in piazza San Carlo e davanti alla stazione di Porta Nuova. Ancora una volta hanno chiesto al governo di dimettersi e hanno distribuito volantini ed esposto cartelli con la scritta "Coruptia ucide. #rezist".

Iniziative analoghe si erano svolte la scorsa settimana.

Fonte:Torino Today

giovedì 16 febbraio 2017

România la cea de-a VIII-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor. “Mărțișor” – semn de primăvară

Comunicato stampa

20 februarie 2017 - 24 februarie 2017 Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia propune, cu ocazia celei de-a VIII-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor organizat de Bienala de la Veneţia, o serie de ateliere de creaţie dedicate tradiţiei româneşti a mărţişorului. Workshopurile organizate de România la acest eveniment, destinate copiilor de toate vârstele, vor avea loc în perioada 20-24 februarie zilnic, de la orele 9,45 şi 12.30.

Tradiția românească are un ritual simbolic pentru fiecare etapa a vieții şi pentru fiecare eveniment semnificativ din natura. Mărțișorul este mai mult decât un obicei tradițional, este un simbol al începutului, al renașterii şi al belșugului. Într-o contemporaneitate dominată de tehnologie, reîntoarcerea la poveste, mai ales o poveste cu aura mitologică şi care a străbătut istoria timp de secole, este o călătorie, o experiența. Pentru a crea un obiect simbolic înseamnă, pentru copii si tineri, a investi obiectul respectiv şi cu o valoare simbolica proprie, ascunsa între semnificațiile generale. Povestea devine vie, dinamică, se creează odată cu obiectul - în acest caz mărțișorul, este simultan evocată şi trăită, o condensare a trecutului, prezentului si viitorului.

Seria de workshop-uri propuse în cadrul acestui proiect are ca scop personalizarea mărțișorului care, asemenea măștilor venețiene, îmbracă forme consacrate, dar lasă loc interpretărilor, fanteziei, introspecției. Chiar daca sunt concepute ca jocuri, ca experimente creative, aceste workshop-uri au ca obiective redescoperirea valorii simbolice a lumii exterioare (indiferent de vârsta, copiii sunt capabili să atribuie semnificații fiecărui element sau eveniment din viață și lumea care ii înconjoară) şi crearea propriilor semne, crearea propriei semnături printr-un simbol.

Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia cu sprijinul Institutului Cultural Român

Pentru informații suplimentare despre participarea României la Carnavalul Internaţional al Copiilor: Alexandru Damian, alexandru.damian@icr.ro, 041-5242309

Pentru informaţii despre cea de-a 8-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor: http://www.labiennale.org/

mercoledì 15 febbraio 2017

Seconda edizione del festival teatrale "NarrAzioni"

Comunicato stampa

Quattro spettacoli al Mat - Apertura sabato 18 febbraio con Ulderico Pesce

Seconda edizione del festival teatrale "NarrAzioni"

Dal 18 febbraio torna al Mat di Viterbo la rassegna “NarrAzioni” a cura di HùRum teatro, compagnia Teatraedro e Arpa.

Dopo lo scorso anno, che ha visto in scena spettacoli di narrazione sul tema “Storie e suoni dal mondo”, in questa seconda edizione sono i personaggi stessi che si raccontano, in tessiture drammaturgiche dove sono le loro storie a diventare protagoniste.

Apre la rassegna sabato 18 febbraio alle 21,30 Ulderico Pesce con “Moro: i 55 giorni che cambiarono l’Italia”, spettacolo recentemente ospitato al teatro India di Roma e portato in scena con numerose repliche in tutta Italia.

Il racconto scenico, scritto con Federico Imposimato e con interventi video del giudice stesso, vuole prima di tutto contribuire alla scoperta della verità e alla sua divulgazione.  - ATTENZIONE LO SPETTACOLO E' AL COMPLETO -

Domenica 19 febbraio alle 18,30 la compagnia HùRum teatro presenta lo spettacolo “Diario di Eva” tratto da Mark Twain per la regia di Silvia Giorgi con Berta Filacchione e con le musiche di Fabio Porroni.  - a seguire cena - contributo serata: 7 euro spettacolo + 5 cena

Il linguaggio usato prende spunto da una traduzione al testo di Dario Fo e Franca Rame, dove, la parola insegue le cadenze di un madrigale, una reinvenzione che prende ispirazione dalla prosa di Boccaccio.

La rassegna riprenderà poi sabato 1 aprile alle 19,30 con “Drumul. La strada”, scritto e diretto da Lorenzo Di Matteo con Marius Bizău, attore italo-romeno attualmente impegnato nelle riprese del film per la tv “Romanzo familiare” (Rai Uno), per la regia di Francesca Archibugi.

“Drumul. La strada” racconta una storia vera, che è quella dell’attore stesso, Marius: metà vita in Romania, l’altra metà in Italia. Alla ricerca di una nuova armonia tra due culture, cercando una nuova strada.

A concludere la rassegna, la la compagnia Arpa domenica 2 aprile alle 18,30 porta in scena “Grasse matinée”, tratto dal testo di René de Obaldia.

Le due attrici, Eva Genova e Tiziana Di Nunno, interpretano due donne morte, che nelle rispettive bare ricordano e raccontano avvenimenti della loro vita, dialogando su se stesse, il mondo, l’amore, il senso della vita e della morte. Un linguaggio ricco e divertente, pieno di ritmo e humor, ma che sottende i temi fondamentali dell’esistenza.


L'INGRESSO AL MAT E' RISERVATO AI SOCI 2017

Non sei ancora tesserato e desideri farlo ?
➟ registrati mandando una mail di richiesta a info@tetraedro.org o manda un msg ad uno dei nostri numeri - 368 3750512 - 349 1591280 , riceverai tutte le info e lo Statuto dell'Associazione;
➟ RITIRA la Tessera all'ingresso.
Tra Registrazione e Ritiro devono intercorrere 24h, quindi non ridurti all'ultimo momento!!
Basta un semplice messaggio.

Flahmob a Torino della comunità rumena contro la corruzione e il decreto salva corrotti

Sabato 11 febbraio si è svolto a Torino un flashmob della comunità della Romania contro la corruzione nel paese dopo che il Governo rumeno ha adottato di notte e con procedura d’urgenzaquello che molti cittadini definiscono il decreto “salva-corrotti”, la OUG n.13/2017.

 Il flashmob ha visto una catena umana in Piazza Castello e davanti alla Mole Antonelliana, luoghi simbolo della città di Torino, che mostrava in silenzio la frase: “Coruptia ucide. #Rezist!

 Il decreto consente ai politici di eludere i procedimenti penali e depenalizza alcuni reati non violenti, come l’abuso d’ufficio e il favoreggiamento. Rende l’abuso di potere punibile con il carcere solo nel caso in cui fosse stato dimostrabile un danno per lo stato superiore a 44.000 euro.

 Secondo i manifestanti

 Liviu Dragnea Leader PSD, già condannato a due anni di reclusione per frode elettorale , a dicembre è stato rinviato a giudizio per abuso d’ufficio. Il processo a Dragnea si è aperto martedì 31 gennaio ed il decreto è stato emanato con procedura d’urgenza qualche ora dopo, in seduta notturna.

 La Romania è uno dei paesi più corrotti dell’Unione Europea, di cui fa parte dal 2007. Secondo uno studio del 2016 il 15% dei parlamentari eletti nel 2012 era sotto indagine per corruzione, lo era stato, o si era già dimesso in passato per accuse di questo tipo. Negli ultimi anni centinaia di funzionari e politici sono stati arrestati per abuso di potere e corruzione.

Parliamo delle più grandi manifestazioni nel paese da quelle che nel 1989 portarono alla caduta del regime comunista. Il popolo dice NO alla corruzione giorno e notte davanti alla sede del Governo e in tutte le grandi piazze del Paese. Numerose le proteste anche nelle città europee, e non solo, con maggior numero di residenti romeni. Klaus Iohannis presidente della Romania, ha promesso di fare tutto il possibile per ‘ripristinare lo stato di diritto’ schierandosi dalla parte del popolo.(Fotografie di Bianca Pascariu e Chiper George)

Fonte:Quotidiano Piemontese

Lomagna: incontro con la comunità rumena il 25

Questo mese Lomagna fa tappa in Romania, paese di provenienza di una delle comunità straniere più numerose in paese. E' in calendario, infatti, il 25 febbraio il terzo appuntamento intitolato 'Un pezzo di me un pezzo di noi' promosso dall'Amministrazione in collaborazione con alcune associazioni (Ale G, GSO e Bibliocultura) e con la Parrocchia.

 Grazie ad alcuni rappresentanti, membri da molti anni della comunità, si potrà conoscere meglio la Romania, uno stato ricco di storia, tradizioni e fantastici panorami spesso vittima di pregiudizi diffusi. L'appuntamento è fissato per sabato 25 febbraio alle ore 21 presso la palestra dell'oratorio. Sarà l'occasione per ascoltare, mangiare, ballare ma soprattutto per incontrarsi e condividere un'esperienza. Come successo per le altre iniziative del progetto 'Un pezzo di me un pezzo di noi', a partire da sabato 18 febbraio, sarà allestita presso l'Auditorium di via Roma 2 una piccola mostra di oggetti rumeni per cominciare a conoscere alcuni aspetti di questo stato e della sua popolazione. Per chi la volesse visitare la mostra sarà aperta dal 18 al 25 febbraio negli orari di apertura della biblioteca.

Il progetto "Un pezzo di me un pezzo di noi" è nato alla fine del 2016 dal tentativo di accogliere localmente la responsabilità di una riflessione sul tema del migrare e di assumere una responsabilità personale e comunitaria rispetto ai fatti che avvengono nel mondo, che ci appare sempre più complesso e diviso e in cui troppo spesso facciamo fatica a riconoscere l'umanità e il valore fondamentale dell'essere umano. L'Amministrazione Comunale di Lomagna ha quindi promosso un tavolo di lavoro, in cui sono stati coinvolti attivamente la Parrocchia SS Pietro e Paolo, l'Associazione Ale G, il Gruppo Sportivo Oratorio Lomagna, l'Associazione Bibliocultura, L'Associazione La Convivenza, le comunità locali di immigrati e privati cittadini: grazie all'adesione a questo tavolo di lavoro, alla condivisione degli obiettivi e dell'opportunità del percorso, è stato co-costruito il progetto che prevede tanti eventi, tutti collegati e finalizzati a concretizzare occasioni di riflessione e di incontro per aiutare a ritrovare il senso di essere comunità solidale, aperta e accogliente, per riscoprirsi persone sempre più capaci di riconoscere pari dignità all'esistenza di altre persone, di saper leggere e promuoverne le risorse e le qualità. Ecco allora la proposta: mettersi in viaggio, in un viaggio al tempo stesso concreto e simbolico, con una valigia vuota, senza preconcetti e pregiudizi, partendo da una dimensione personale (ME) per arrivare ad una dimensione comunitaria (NOI), un viaggio che non può che arricchire se ci si mette in ascolto aperto e attento delle persone che incontreremo, delle loro storie, delle loro vite.

Il percorso prevede diverse tappe: incontri di confronto e conoscenza dei paesi maggiormente rappresentati a Lomagna attraverso iniziative realizzate grazie all'attivazione diretta delle Comunità locali (si sono è già svolti a novembre il primo incontro dedicato al Marocco e a gennaio il secondo incontro sul Senegal), momenti di riflessione e spettacoli teatrali, testimonianze e storie di migrazione, gruppi di lettura relativamente a testi di autori immigrati di seconda generazione (a cura dell'Associazione Bibliocultura), mostre presso l'Auditorium, eventi sportivi, presentazione di un'analisi di dati e informazioni sul tema dell'immigrazione e dei migranti, una festa conclusiva. Il programma è, quindi, molto ricco e tutto da esplorare.

Fonte:Merate Online

sabato 21 gennaio 2017

Convegno "L'esercito silenzioso delle donne migranti"

Domenica 22 gennaio, ore 16:00, presso Lo Spazio Dogana (Via Dogana 2, Milano - zona Duomo) si svolgerà il Convegno “L’esercito silenzioso delle donne migranti” organizzato da l'Associazione Donne Romene in Italia - ADRI e l'Associazione per i Diritti Umani.

Per dare voce a chi e più fragile, per conoscere e capire i diritti, i doveri e le possibilità di migliorare le loro condizioni di vita, verrà proiettato il reportage “Figli sospesi” realizzato da Alessandro Gaeta, Speciale Tg1, un viaggio nella Romania poco conosciuta, quella da cui emigrano coloro che portano avanti le nostre case, i nostri figli, i nostri anziani, donne che si inseriscono nella quotidianità delle famiglie italiane, ne condividono i problemi e l’intimità, facendosi carico della fatica e delle preoccupazioni anche a scapito della loro stressa vita privata.

Il reportage verrà seguito da un dibattito in cui si raccontano le storie di madri, di quelle donne che hanno dovuto lasciare il proprio Paese e le loro famiglie per venire a lavorare in Italia, cercando di garantire un futuro migliore ai propri figli. Ma quanti sono gli italiani che conoscono, anche avendola in casa, l’altra faccia dell’emigrazione?

Relatori:

Prof.Diana de Marchi, Consigliera Comunale Milano Presidente Commissione pari opportunità e diritti civili
Paola Bonizzoni, Sociologa e ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università degli Studi di Milano
Elienor Llanes Castillo, Presidente MAIA - Migrants' Advocacy for Integration Association (Filippine)
Antonio Buozzi, Giornalista e consulente di comunicazione
Veronica Silva, Presidente Associazione Isola Solidale Aps, antropologa (Perù)
Silvia Dumitrache, Presidente Associazione Donne Romene in Italia - ADRI
Modera Alessandra Montesanto, vicepresidente Associazione per i Diritti Umani

– Ingresso gratuito –

Per informazioni:
adri_milano@live.it
info@peridirittiumani.com

Evento Facebook ADRI; La Dogana; Per I Diritti Umani

Silvia Dumitrache
Presidente
Associazione Donne Romene in Italia - ADRI
+39 3343540648

Web; FB; g+; twitter; youtube
Proiectul "Te iubeste mama!"
Sportello Donna - Mamma a distanza
C.F.97592630152

A tu per tu con Sergiu Ursache: leader rumeno di Torino. Ad maiora, ragazzo.



4 giorni fa

Scritto da Andrea Nalio
‘Tutto è iniziato grazie a un mio amico. In classe mi raccontava sempre gli allenamenti che faceva. Così, ho deciso di provare, nonostante avessi già 17 anni. Io abitavo a Odobești e la squadra era a Focșani. Non è stato semplice all’inizio perché dovevo spostarmi tre volte alla settimana e la mia famiglia non aveva molti soldi. Abbiamo fatto dei sacrifici. Ripensandoci oggi, però, sono felice di averli fatti’. I ricordi di Sergiu tornano ai primi placcaggi fatti in Romania. Ai sacrifici vissuti insieme alla famiglia e a un obiettivo diventato nel tempo sogno da realizzare. Oggi Sergiu Ursache è un giocatore di rugby professionista. Gioca seconda-terza linea nel Cus Ad Maiora Rugby e nonostante i soli 28 anni, in Italia è già diventato un veterano. Parma, Udine, Cus Verona, ora Torino. Percorso notevole per un ragazzo che nel tempo ha bruciato le tappe, lavorando duramente con professionalità. Voglia. E determinazione.

Sergiu, nonostante lei abbia iniziato tardi la sua vita da rugbista, la sua attitudine al lavoro e al sacrificio le hanno permesso di recuperare in fretta il terreno.
‘Dopo poco più di un anno di rugby in Romania ero stato convocato con Nazionale under 19. Eravamo 32, ma solo 26 avrebbero disputato i Mondiali a Dublino, nel 2007. Sapevo di essere uno dei possibili tagliati, considerata la maggior esperienza di altri miei compagni. Ma ho lavorato moltissimo e alla fine sono stato premiato con la convocazione Mondiale. Era il mio ultimo anno di giovanile’.
Quindi, subito Parma.
‘Dovevo decidere cosa fare della mia carriera. Un ruolo chiave per il mio trasferimento in Italia l’ha avuto Liviu Pascu. Al tempo, il presidente dell’Overmach Parma voleva ingaggiare due giovani dalla Romania. Grazie a Liviu, io sono stato uno di quelli’.
Come è andata l’esperienza in gialloblu?
‘Due anni fantastici, ho trovato una squadra professionista in tutti i sensi e conosciuto tantissime persone con le quali ancora oggi sono in ottimi rapporti’.
A Torino, con il Cus Ad Maiora Rugby è già diventato un leader. Come cerca di dare l’esempio ai compagni?
‘Gli anni di Parma sono stati per me fondamentali. Ho avuto modo di imparare moltissimo, sia come giocatore che come persona. La motivazione, la chiarezza degli obiettivi; ma anche la puntualità agli allenamenti, l’impegno e l’energia in ogni singolo esercizio. Così penso sia dia l’esempio. Questo è il comportamento che ho tenuto in tutte le mie esperienze. A Torino, eccezion fatta per un paio di compagni, tutti i ragazzi in rosa hanno un’età compresa tra i 17 e i 21 anni, periodo fondamentale per crescere come persona’.
La sua vita a Torino si divide anche tra l’attività di Educatore nelle giovanili…
‘Sì è la terza stagione, seconda con l’under 14. Vedere 3 volte alla settimana circa 30 ragazzi che non rimangono a casa a giocare ai vari videogiochi nonostante il freddo e il ghiaccio è già una grande vittoria. Solo la loro presenza al campo mi rende felice; quello che sto cercando di fare è trasmettergli la passione per il rugby e l’importanza di costruire un gruppo unito’.
Studente…
‘Sto frequentando il secondo anno di Scienze Motorie. In futuro mi piacerebbe il corso in fisioterapia. Vedremo’.
E padre di famiglia…
‘Con la nascita di Arianna, due anni fa, si è avverato il mio grande sogno di vita’.
Un sogno sportivo invece?
‘Mi piacerebbe vivere un’esperienza in Nuova Zelanda, un giorno. Per capire come lavorano i migliori rugbisti del Mondo’.
C’è molto rugby nella sua vita. Ci sarà anche in futuro?
‘Un giorno mi piacerebbe poter allenare o gestire una squadra. Ho moltissimo da imparare ma grazie allo staff del Cus e a questa società posso solo migliorare’.
Oltre al rugby, quali sono le sue passioni?
‘Viaggiare. Anche se ho un solo giorno libero alla settimana, insieme a mia moglie e a mia figlia spesso visitiamo posti mai visti’.
Segue il rugby rumeno?
‘Certo. Ho tantissimi amici che giocano in Romania. Seguo le partite ogni volta che posso e poi mi confronto con loro’.
In questi ultimi anni il livello rugbistico in Romania è cresciuto molto. Come interpreta questa crescita?
‘Negli ultimi anni la federazione ha limitato l’arrivo di stranieri, fino a 3 anni fa non c’erano restrizioni. Così facendo, riducendo a 8 gli stranieri in squadra (che diventeranno 6 la prossima stagione) sono rimasti solo i giocatori che fanno davvero la differenza e possono insegnare qualcosa ai giocatori del posto. E noi rumeni siamo bravi a imparare cose nuove’.
Che si sta traducendo anche in una variazione del modo di giocare della Nazionale.
‘Lo stereotipo della Nazionale rumena o delle squadre rumene in generale è: mischia forte e poco gioco dei tre-quarti. Non è più così. Ci sono oggi giocatori che hanno velocità, visione di gioco e dotati di un’ottima tecnica. Pian piano i risultati si vedono’.
Torniamo a Torino. Sergiu, quali sono i vostri obiettivi quest’anno?
‘Il ritorno in Serie A. La stagione scorsa non meritavamo la retrocessione, ero molto deluso. Ma lo sport insegna anche in queste situazioni’.

Fonte: Rugby Mercato

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani

Proposta dalla diocesi di Tarquinia con le chiese evangeliche e ortodosse

17/01/2017

TARQUINIA - La Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia, in collaborazione con le Chiese Evangeliche Battiste, la Chiesa Evangelica del Nazareno e la Chiesa Ortodossa Rumena, propone l’ottavario di preghiera ecumenica dal 18 al 25 gennaio.

Dal 18 al 25 gennaio, in tutto il mondo, si celebra la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani. Per otto giorni, tutte le Chiese cristiane si riuniranno in preghiera per realizzare quanto detto da Gesù: «che tutti siano uno». Quest’anno il tema per la Settimana di preghiera è tratto dalla lettera di San Paolo ai Corinzi: ''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'' (2 Cor 5, 14-20) con le meditazioni realizzate dalle comunità cristiane tedesche.

Anche nella diocesi di Civitavecchia-Tarquinia sarà possibile pregare per l’unità dei cristiani. Una commissione promossa dal vescovo Luigi Marrucci e dai rappresentanti delle Chiese Evangeliche Battiste, la Chiesa Evangelica del Nazareno e la Chiesa Ortodossa Rumena, e con i Movimenti ecclesiali della diocesi, ha predisposto un ricco programma di appuntamenti.

Ogni giorno a Civitavecchia o Tarquinia ci sarà un momento di incontro, dialogo e preghiera ecumenica, preparato a turno dalle diverse Chiese.

Gli appuntamenti diocesani (che si svolgeranno tutti alle ore 19) inizieranno lunedì 18 gennaio, nella Chiesa Evangelica Battista (Via dei Bastioni, 16) con la riflessione proposta da monsignor Giovanni Felici. Il 19 gennaio, stesso orario, nella Chiesa Evangelica del Nazareno (via Montanucci, 90) la riflessione del pastore Italo Benedetti (Battista). Venerdì 20, nella chiesa Evangelica Battista (via Papa Giulio II) l’incontro con il pastore Salvatore Scognamiglio (Chiesa del Nazareno). Il 21 gennaio, nella parrocchia San Giuseppe a Campo dell'Oro la preghiera animata dai diversi Movimenti ecclesiali della Diocesi. Domenica 22 gennaio, alle ore 15.30, la Marcia della Pace che partirà dalla Chiesa del Nazareno.

Il 22 gennaio, nella Chiesa Ortodossa Rumena (via Aurelia Km. 77), la riflessione proposta da don Diego Pierucci. Martedì 24 gennaio, nel Duomo di Tarquinia, l’incontro con il pastore Italo Benedetti. La conclusione il 25 gennaio, nella Cattedrale di Civitavecchia, con la riflessione di padre Giovanni Dimulescu (Chiesa Ortodossa Rumena).

Fonte: Viterbo News 24


Inoltre:
Settimana ecumenica di preghiera a Venezia: tutti gli appuntamenti in programma
L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione

Avalanşă Italia. A fost identificat și al treilea cetățean român minor. Se află la spital

Astăzi

Avalanţă Italia. A fost identificat și al treilea cetățean român minor. Se află la spital Avalanţă Italia. A fost identificat și al treilea cetățean român minor. Se află la spital
Autoritățile italiene au confirmat că a fost identificat și cel de-al treilea cetățean român minor victimă a avalanșei din Italia, acesta fiind, în prezent, sub îngrijiri medicale, la spitalul din Pescara, informează Ministerul Afacerilor Externe.

"În continuarea informațiilor transmise până la acest moment referitor la cei trei cetățeni români afectați de avalanșa care a lovit un hotel din localitatea Farindola, în regiunea Abruzzo, vă informăm că autoritățile italiene au confirmat că a fost identificat și cel de-al treilea cetățean român minor. Acesta este în viață și se află în prezent sub îngrijiri medicale la spitalul din Pescara. Reprezentanții unității medicale au confirmat că starea de sănătate a celor trei cetățeni români este bună și aceștia se află în afara oricărui pericol'', se arată într-un comunicat al MAE.

Pe parcursul gestionării operațiunilor de salvare, reprezentanții Ambasadei României la Roma au fost în contact permanent atât cu autoritățile italiene competente, cât și cu familia cetățenilor români, acordând sprijinul necesar.

Cetățenii români pot solicita asistență consulară la următoarele numere de telefon ale Ambasadei României în Italia — (0039) 06 835 233 58, (0039) 06 835 233 56, (0039) 06 835 233 52, (0039) 06 835 233 44 — apelurile fiind redirecționate către Centrul de Contact și Suport al Cetățenilor Români din Străinătate (CCSCRS) și preluate de către operatorii Call Center în regim de permanență sau pe numărul de urgență al misiunii diplomatice — (0039) 345.147.39.35, precizează MAE.

Sursă: REALITATEA.NET

lunedì 16 gennaio 2017

Storiografia medievistica in Romania Roma-Orte, 19-20 gennaio 2017