La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 25 marzo 2015

97 anni dall'unione della Bessarabia con la Romania - "I voivoda della nazione - Fondatori e martiri" /"Voievozii neamului - Ctitori şi martiri"‏

INVITO

97 anni dall’unione della Bessarabia con la Romania (27 marzo 1918)

Recital di poesie patriottiche in lingua romena di Emil Boroghina

„I voivoda della nazione – Fondatori e martiri”/ „Voievozii neamului – Ctitori si martiri”

Intervengono:

Prof. Mihai Barbulescu (Direttore dell’Accademia di Romania in Roma)

Tatiana Ciobanu (Associazione Dacia, Roma)

Venerdì, 27 marzo 2015, ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Conferenze.

Recital di poesie patriottiche in lingua romena

di Emil Boroghina

I voivoda della nazione
Fondatori e martiri

Voievozii neamului
Ctitori si martiri

„Voievozii neamului – Ctitori si martiri” / „I voivoda della nazione – Fondatori e martiri”
Emil Boroghina

l’Accademia di Romania in Roma avrà luogo il recital di poesie patriottiche in lingua romena: „Voievozii neamului – Ctitori si martiri” / „I voivoda della nazione – Fondatori e martiri” di Emil Boroghina, al fine di sottolineare l’anniversario dei 97 anni dall’unione della Bessarabia con la Romania (27 marzo 1918).
Intervengono: Prof. Mihai Barbulescu (Direttore dell’Accademia di Romania in Roma) e Tatiana Ciobanu (Associazione Dacia, Roma).
Il recital dell’attore Emil Boroghina (Teatro Nazionale “Marin Sorescu” di Craiova, Romania), comprenderà poesie patriottiche in lingua romena. L’evento esprime l’esigenza di valorizzare l’identità culturale romena tramite la partecipazione delle associazioni romene e moldave del Lazio.
L’attore Emil Boroghina ha già riscosso grande successo con lo stesso recital presso l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e presso il Teatro Nazionale “Marin Sorescu“ di Craiova.
Emil Boroghina è attore, regista, socio d’onore del Teatro Nazionale “Marin Sorescu” di Craiova, direttore e fondatore del Festival Internazionale “Shakespeare” in Romania, presidente della Fondazione “Shakespeare”, vicepresidente della Rete Europea dei Festival “Shakespeare”, membro del Senato dell’Unione Teatrale Romena. Dal 1963 al 1988 è stato attore e regista del Teatro Nazionale di Craiova, mentre tra il 1988 e il 2000 è stato Direttore Generale dello stesso teatro. Nel 2000 riceve l’“Ordine Nazionale con il Grado di Cavaliere”, uno dei più importanti riconoscimenti conferiti dallo Stato romeno. Sotto la sua direzione il Festival Internazionale “Shakespeare” ha ricevuto dall’Unione Teatrale Romena il “Premio d’eccellenza per la qualità eccezionale dell’edizione 2006”. Nel 1997 il British Council ha conferito a Emil Boroghina il ”Premio per il miglior direttore di teatro della Romania” e, nel 2011, il ”Premio alla carriera per il sostegno e la promozione dei rapporti culturali tra Romania e Regno Unito”.

Ingresso libero.

Accademia di Romania
Piazza José de San Martin, 1 - 00197 Roma
Tel.: 00-39-06-320.80.24; 00-39-06-320.15.94;
00-39-06-323.67.72; Fax: 00-39-06-3216964
E-mail: accadromania@accadromania.it;
Web site: www.accadromania.it

Incontri per la musica 2015, giovedì 26 marzo Massimo Spada – pianoforte e Salvatore Terracciano - flauto‏

L’Associazione A.Gi.Mus.  e l'Accademia di Romania hanno il piacere di invitarvi alla

RASSEGNA DI CONCERTI

INCONTRI PER LA MUSICA 2015

Giovedì, 26 Marzo, ore 19.30

Sala Concerti

MASSIMO SPADA - pianoforte
SALVATORE TERRACCIANO - flauto

Programma:

Antonín Dvořák
Sonatina op. 100

Antonín Dvořák
4 Danze slave op.46

George Enescu
Cantabile e Presto per flauto e pianoforte

Erwin Schulhoff
Sonata per flauto e pianoforte
Allegro moderato - Scherzo: Allegro giocoso - Aria: Andante - Finale: Allegro molto gajo

Ingresso libero.


Seguiranno

Giovedì, 9 Aprile orele 19.30
Saria Convertino, fisarmonica
In programma : Domenico Scarlatti, Johann Sebastian Bach, anonimo (Hora Moldovenească), Viatcheslav Semionov.

Martedì, 28 Aprile ore 19.30
Gianni Bicchierini, pianoforte
In programma: George Enescu , Modest Mussorgsky, Giachino Rossini -Franz Liszt.

Martedì, 12 Maggio, ore 19.30
Viviana Lasaracina, pianoforte
In programma: Isaac Albeniz, Claude Debussy, George Enescu, Alexandr Scriabin, Igor Stravinsky

Giovedì, 28 Maggio, ore 19.30:
Feruccio Vignanelli/ violino, Alfonso Bossone,/viola Giuseppe Grippi/pianoforte.
In programma: Johannes Brahms, Robert Schumann, George Enescu

Accademia di Romania in Roma

Românul desemnat antreprenorul anului în Italia. Cum a construit Florin Simon o afacere de 16 milioane de euro

Publicat la: 23.03.2015

Florin Simon este singurul român desemnat „Antreprenorul străin al anului” în Italia. Plecat din ţară în anii ’90, bărbatul şi-a pus la punct o afacere de 16 milioane de euro.

FOTO: Business Magazin

Ajuns în Peninsulă în urmă cu 18 ani, Florin Simon a pus bazele unei companii de import şi distribuţie de produse fabricate în România, care ajung la conaţionalii aflaţi acolo la muncă. Acum, firma sa, Roma...nia SRL are 50 de angajaţi, toţi români, şi a îndeplinit toate cele cinci criterii pentru câştigarea titlului de „cel mai bun antreprenor”: creştere, număr de angajaţi, inovaţie, tineri antreprenori şi responsabilitate socială, scrie Business Magazin.

Spiritul antreprenorial al lui Florin Simon a început să se manifeste când avea puţin peste 20 de ani şi locuia încă în Bacău.

„Făceam tot comerţ, adică luam de aici - vindeam acolo, vindeam nişte măsuţe găsite prin târgurile la care mergeam zilnic: la Roznov, la Târgu-Frumos, la Bucureşti”, a povestit el.

Şi-a încercat apoi norocul cu un bar şi, pentru că lucrurile nu mergeau bine, a decis să plece în Italia cu gândul de a economisi banii de care afacerile lui aveau nevoie ca să funcţioneze.

„Am venit în Italia pentru că aveam aici o rudă îndepărtată care mi-a spus că îmi poate oferi un pat. Era bun şi acesta, nu am fost nevoit să dorm pe sub poduri sau prin vagoane, cum s-a întâmplat cu alţi conaţionali”, a adăugat el.

A lucrat la început ca salahor, apoi a obţinut o slujbă mai bună în cadrul unei firme de construcţii. Mai departe, în anul 2000, împreună cu soţia lui, sosită şi ea în Italia, a pus bazele firmei de renovări de apartamente.

În 2005 Simon a deschis primul magazine de produse româneşti, într-un cartier în care locuiau mai mulţi români din Roma. Era prima afacere în care muncea cot la cot cu soţia, care până atunci lucrase în mai multe firme, cel mai recent post ocupat fiind în cadrul unui hotel.

Un an mai târziu, extinderea la care Simon visa s-a concretizat prin achiziţionarea unui mic depozit cu o suprafaţă de 150 de metri pătraţi, aflat în apropierea magazinului, care l-a determinat să înceapă şi importurile directe din România.

Afacerea a crescut chiar şi pe timp de criză: chiar dacă nu cu acelaşi ritm, creşterile s-au menţinut la 10-15%, mai precizează sursa citată. Modul în care Simon şi-a dezvoltat afacerea din Italia se vede acum: antreprenorul român deţine un depozit de 3.000 de metri pătraţi, în care se află mai bine de 3.500 de tipuri de produse fabricate în România.

Afacerile lui Florin Simon au ajuns anul trecut la 16 milioane de euro.

Sursa: Gandul.info

Così lontani. Così vicini, Convegno Santadi Cuore Romeno

Published on mar 10 2015 // News Questo articolo è stato scritto da Hamlet
8 marzo – Santadi

L’Associazione Interculturale Italia – Romania “Cuore Romeno” di Oristano ha partecipato (con una delegazione di 20 persone) al Convegno “Così lontani. Così vicini” organizzato da Associazione 5 Mori Onlus, con il Patrocinio del Comune di Santadi, la collaborazione dell’Associazione Donne Romene in Italia – ADRI e l’ Associazione Dacia Nicolaiana
Ospite d’onore
Sua Eccellenza Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario
della Repubblica della Romania in Italia
Dottoressa Dana Manuela Constantinescu
Una finestra di osservazione su coloro che accudiscono giorno e notte i nostri anziani, un riconoscimento dell’elevato valore sociale delle assistenti straniere, risorsa sempre più essenziale per le famiglie, ma scarsamente tutelata e spesso caratterizzata da irregolarità diffuse.
L’Ambasciatore Dana Constantinescu, alla sua prima visita ufficiale in Sardegna, con la sua presenza offre la collaborazione del Suo ufficio con le autorità locali per migliorare l’integrazione della comunità romena favorendo i contatti tra la Sardegna e la Romania.

“Onorevoli rappresentanti delle autorità italiane,
Cari rappresentanti della comunità romena,
Come Ambasciatore della Romania in Italia è una grande soddisfazione poter festeggiare qui la festa della donna e portare in primo piano le realtà relative alle donne romene della Sardegna, altrimenti una categoria con poca visibilità nella società italiana.
Nonostante la sua bellezza e la sua ospitalità la Sardegna viene in modo naturale percepita come un ambiente lontano e isolato, in modo particolare per rapporto al paese di origine, cioè la Romania.
Perciò sono molto felice di aver trovato un forte sostegno nel realizzare questo obbiettivo – di mettere sul tavolo le sfide, le necessità e i desideri delle lavoratrici romene nel campo dell’assistenza familiare – non solo al livello delle associazioni di profilo, ma anche al livello della pubblica amministrazione italiana a qui spetta la piena regolarizzazione di questo settore.
Questo mi da la fiducia che l’impegno per la risoluzione delle problematiche relative a questa categoria sarà uno serio e di duratura.
Non solo perché questa categoria porta un contributo molto speciale nel quadro della società italiana, cioè la cura degli anziani italiani, ma anche perché lei stessa si trova in una posizione di vulnerabilità – sociale, fisica e affettiva – a cui dobbiamo trovare soluzioni per permettergli di farsi il dovere non solo in condizioni ottime ma anche dignitose.
Come donna colgo l’occasione per fare un augurio a tutte le donne presenti!”
Dana Constantinescu – ambasciatore

Fonte: Mediterranews


Leggi anche:
La città e i romeni: il sindaco ne discute con l’ambasciatrice
Visita dell'ambasciatrice romena in Italia. Lavoro ed economia i temi trattati
Il Presidente Pigliaru incontra ambasciatrice romena

domenica 22 marzo 2015

“Il sorriso triste dei girasoli”, di Ulisse Mariani e Liliana Gheorghe

Narrativa di riflessione

Non c’è trama, non c’è tempo, non c’è luogo. Soltanto le trame, i tempi e i luoghi dell’animo umano ferito. Uno psicoterapeuta affermato e con tanta esperienza, prende in cura una donna romena ipertraumatizzata: l’eco lontana del regime di Ceauşescu, il terremoto di Bucarest subito da bambina, un padre alcolista e affetto da sindrome bipolare, il ricordo vago del manicomio, il fratello suicida a 24 anni, una madre ipocondriaca sempre alle prese con tumori immaginari e crisi depressive. I dialoghi sono rarefatti ma il flusso dei pensieri, dei ricordi, delle memorie traumatiche e delle nostalgie dell’uno e dell’altra sono invece forti ed intensi. Spesso i ruoli sembrano invertirsi e le memorie di entrambi i protagonisti si intrecciano. Spesso il tempo e lo spazio perdono la loro precisa connotazione. Spesso non si comprende bene chi conduce il gioco mortalmente serio della cura. E’ la descrizione di un incontro particolare, di un incontro che viene da lontano e che si fa largo tra pesanti macerie. Un incontro al cui interno le memorie traumatiche della paziente risvegliano le memorie traumatiche del terapeuta, quasi ognuno a curare l’Altro e a prendersi cura della vita dell’Altro. Senza mai dirselo. Più che le parole e i dialoghi, emergono il non detto, il mai detto, le verità private, l’indicibile.
-----------------------------------
Sinopsis - rezumat

Nu există niciun complot, nici timp, nici loc. Sunt intrigile, momentele și locurile sufletului rănit.
Un psihoterapeut renumit și cu esperienta ia în cură o tânără româncă ipertraumatizata: ecoul îndepărtat al regimului ceaușist, cutremurul din București trăit de copilă, un tată alcolist bolnav de tulburarea bipolară, amintirea vagă a balamucului, sinuciderea fratelui la douăzecișipatru de ani, ipohondria mamei care luptă cu hoinare tumori și crize depresive.
Dialogurile sunt rare dar fluxul gândurilor, amintirilor traumatice ale celor doi protagoniști cu nostalgiile lor sunt intense și puternice.
De multe ori rolurile par a se inversa și amintirile celor doi protagoniști se împletesc.
Deseori timpul și spaziul pierd preciza lor conotație.
De multe ori nu este clar cine conduce jocul mortal de serios al curei.
Este povestea unei întâlniri particulare, unei întâlniri ce vine de departe și care își face spațiu printre dărâmături.
O întâlnire în care amintirile traumatice ale pacientei trezesc amintirile traumatice al terapeutului, fiecare îngrijindu-se de viața Celuilalt.
Fără să și-o mărturisească.
Mai presus de cuvintele și dialogurile, iese în evidență ceea ce nu se poate spune, nespusul, propriile adevăruri, inefabilul.
-----------------------------------

PAROLE CHE CURANO RACCONTANDO DI UN DISAGIO COMUNE

C'è un desiderio che ci accomuna tutti, per i motivi più profondi e diversi: è l'irresistibile sogno di scrivere. L’ho avuto dentro da sempre ma negli anni di grande impegno lavorativo e familiare lo avevo come annullato.

Ero convinta che siamo capaci tutti di farlo. E quest'estate a Caffeina, Roberto Cotroneo, scrittore giornalista e organizzatore di corsi di scrittura, me lo ha confermato con il libro che presentava: Il sogno di scrivere.

Ebbene, Ulisse Mariani aveva questo sogno e, come un apprendista-stregone ha saputo trascinarmi nel suo sogno tenendomi impegnata con la vita negli ultimi cinque anni.

La scrittura per me è stata da sempre una valvola di sfogo e leggendo i grandi psichiatri ho scoperto della capacita metapoetica del cervello, della capacità artistica che vaga nelle famiglie come la mia, vedi “Toccato dal fuoco” della psichiatra Kay Jamison, che sostiene che dove c'è il bipolare ed il suicida, il terzo deve essere un artista. Così mi sono messa al lavoro, sfidandomi per l'ennesima volta sia sul piano personale che su quello letterario, la rumena che sbaglia le doppie e gli accenti scriverà un romanzo.

Poi ho scoperto che la narrazione orale e la scrittura autobiografica, prodotte dalle persone che hanno vissuto il disagio psichico sono uno strumento di aiuto e conoscenza per tutti.

L'arte della psicoterapia è il verso libero, dice lo psicoanalista junghiano Aldo Carotenuto, scrittore e psicologo della personalità.
L’evento poetico entra nel setting quando immaginiamo, oltrepassando i ristretti confini di quell’Io che crediamo di essere.

Diceva che un vero psicoterapeuta è sempre un artista.
Gli psicoterapeuti, se non devono diventare alla lettera artisti e poeti, devono vedere e parlare come se lo fossero.

Ci appelliamo alla parola considerandola come un farmaco, da un lato come una possibilità di chiedere aiuto e dall’altro donando fiducia e speranza al prossimo nel processo di guarigione.

Il verso libero che vuole concepire il paziente è la voce dell’inconscio, dunque del Maestro Sogno.

Il Sogno sa chi siamo.

Per interpretare-analizzare-agire i sogni, dobbiamo diventare artisti e poeti, capaci di condensare immagini e di partorire desiderio.
Il Sogno armonizza simbolicamente gli eventi della nostra vita, sintetizza ciò che ancora è solo in potenza, squarciando il tempo dell’apparenza e generando coraggiosa e poetica autenticità.
Il sogno esprime la potenzialità del nostro talento sopito.

La nostra sensibilità individuale è il nostro genio, aveva scritto Baudelaire.
Cerchiamo il nostro verso libero per essere liberi.
Ma per essere liberi dobbiamo prima fare spazio dentro, altrimenti non può darsi voce-insegnamento-nuovo. L’insegnamento sta nel vuoto sotteso a ogni parola.
Perciò questa è una lezione sul silenzio.
Il Silenzio si può insegnare, quasi come la morte.

Psicoterapeuta e paziente si allenano insieme ad ascoltare il Silenzio, senza pretese di sapere, senza memoria del passato, senza desiderio sull’altro, ritirandosi nel vuoto fertile. Solo allora l’immagine pregna di autenticità fa irruzione nel setting e l’inconscio fluisce liberamente narrando poeticamente la sua Verità.

Quel suo dire ha il coraggio di inaugurare percorsi dall’esito imprevedibile, perché non dominato e non posseduto a priori.
Esito eroico di un approdo nell’Oltre.

Che devono fare dunque gli psicoterapeuti?
Devono avere cieca fiducia nei loro eroici pazienti, con i quali crescere insieme. Il dolore può rendere cattiva una persona, che si sente delusa dalla vita, non più capace di volere il proprio bene e di vedere “oltre”.

Generare una nuova ed esaltante visione di se stessi significa imparare ad amarsi.
Per questo si va in terapia.
Sto imparando che la cura è aspettare lì, sull'ombra scura del bordo della botola: lei che guarda in giù, io che guardo in su. Forse è lì che c'è la cura: circa a metà strada tra me e lei, dove gli sguardi si incrociano ed ogni respiro nell'attesa si sospende trepidante.

Per imparare ad immaginare abbiamo seguito il consiglio dei Saggi che dicono: sii sottomesso a qualsiasi cosa, aperto, in ascolto; sii innamorato della vita e qualcosa di quello che senti nel tuo cuore troverà la sua forma; rimuovi le inibizioni letterarie, grammaticali e sintattiche del tuo pensare; raccontati attraverso il monologo interiore, dai voce al flusso di coscienza, fallo nello stupore, accettando la perdita del vecchio Io senza paura, ignora la vergogna, dona dignità alla tua esperienza e valore al tuo progetto.
Perché tu sei degno e sei degno solo quando sei te stesso.
Questa è la cosa giusta da fare e se non la farai ti sentirai in colpa per non aver amato te stesso.

Il romanzo non fa altro che designare il percorso che ho fatto per scriverlo, partendo da uno stato d'ignoranza e cercando d'imparare qualcosa di questo mondo.
Il risultato è una forma di conoscenza non solo è tecnica ma soprattutto emozionale.

I disturbi mentali ruotano attorno al perno delle famiglie e alle loro storie; valorizzare la soggettività della persona portatrice del disagio è la via di aiuto alle famiglie che vivono questa condizione.
Il libro esprime un'idea di empatia e di solidarietà di cui molti sentono il bisogno in questo nostro mondo dominato dal ripiegamento su se stessi.
Attraverso la narrazione ci aiutiamo a non perdere la continuità della nostra esistenza. Quando la parola diventa narrazione costruisce la nostra storia di vita e la possibilità di consegnarla alla memoria collettiva.
Nel libro ognuno ha una sua vita, una sua dignità. E rendere partecipe la collettività è un altro modo di immaginare la globalizzazione, far parte dello stesso mondo.

Liliana Gheorghe

sabato 21 marzo 2015

Mostra - Paesaggi della Fede - dialogo fotografico romeno-italiano dedicato alla Pasqua‏

Comunicato stampa

Mercoledì 25 marzo 2015 ore 18.00 presso la Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania in Roma avrà luogo l’inaugurazione della mostra Paesaggi della Fede – dialogo fotografico romeno-italiano dedicato alla Pasqua. La mostra è organizzata dall’Accademia di Romania in Roma e dal Museo del Contadino Romeno Bucarest (Muzeul National al Taranului Roman Bucuresti).
La mostra è accompagnata da numerose opere: foto dalla Romania e foto dall’Italia, icone di vetro con tema pasquale, tessuti, piccole croci, sigilli con la croce per il pane benedetto e molte uova dipinte, il tutto proveneniente dal Museo Nazionale del Contadino Romeno di Bucarest.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 25 marzo al 2 aprile 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.

Nell’ambito del Lettorato Romeno presso l’Università l’Orientale di Napoli (Via Duomo, 216, Napoli), venerdì 27 marzo 2015 ore 12.00 l’Accademia di Romania e il Museo del Contadino Romeno di Bucarest (Muzeul National al Taranului Roman Bucuresti) presentano un documentario dedicato alla realizzazione delle uova dipinte - antichi simboli della tradizione comune a tutti i cristiani. In occasione delle feste pasquali, nell’ambito del Lettorato Romeno (Napoli), Rodica Marinescu (Museo del Contadino Romeno, Bucarest) e Ioana Popescu (Museo del Contadino Romeno, Bucarest) terranno una conferenza riguardante le tradizioni di Pasqua in Romania.

Di tutti i simboli associati alla Pasqua, l’uovo - simbolo della fertilità e della nuova vita - è il più conosciuto. Le tradizioni legate alle uova dipinte sono state associate per secoli alle festività pasquali. Originariamente le uova di Pasqua erano dipinte con colori brillanti per rappresentare l’alba della primavera e della Resurrezione, erano tenute in cestini e offerte in dono. Successivamente furono dipinte con vari simboli.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, marzo, 2015

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

Messa ortodossa martedì a Forza D'Agrò

di Giuseppe Puglisi - venerdì 20 marzo 2015
Gabi Ciobanasu

FORZA D’AGRO’ – Una messa col rito ortodosso sarà celebrata martedì prossimo 24 marzo alle ore 17 a Forza D’Agrò: il desiderio espresso dalla comunità romena di avere un luogo dove poter assistere alla messa secondo il proprio rito, è stata accolta dal sindaco di Forza D’Agrò, Fabio Di Cara, che ha assegnato la sala San Nicola del convento agostiniano dove appunto verrà celebrata per la prima volta nel comprensorio una messa con il rito bizantino della chiesa ortodossa romena.

La richiesta era stata esternata dalla comunità al console romeno dott.ssa Liliana Iacob presente a Forza D’Agrò in occasione della “Festa romena” celebrata su iniziativa della consigliera comunale di origine romena, Gabi Ciobanasu, con il coinvolgimento di gran parte della comunità romena della riviera jonica. C’era stata la disponibilità sia del sindaco per i locali, che del console per fare da tramite con il Patriarca affinché assegnasse un prete. Era anche intervenuto a sostegno della richiesta il ministro degli affari esteri della comunità rumena Angel Tîlvor.

E martedì celebrerà la sua prima messa a Forza D’Agrò padre Bogdan Voicu.

Fonte: Gazzetta Ionica

Asociaţia Românilor din Italia (ARI) continuă campania de ajutorare a familiilor nevoiașe din Vrancea‏

Roma, 17 martie 2015

Asociaţia Românilor din Italia (ARI) continuă campania de ajutorare a familiilor nevoiașe din Vrancea. De această dată, ARI împreună cu partenerii săi a organizat cea de-a douăsprezecea misiune umanitară adresată copiilor și adulților din localitățile Urechești și Popești, din județul Vrancea.

Președintele ARI, Eugen Terteleac a profitat de ocazie pentru a adresa un îndemn tututor românilor: ”Rog românii de pretutindeni să fie deschiși acestui tip de acțiuni. Îi invităm pe toţi cei care pot sprijini astfel de misiuni umanitare să contribuie, după posibilităţi deoarece multe persoane au nevoie de ajutorul nostru. Gestul de absolută împlinire sufletească este acela de a dărui, indiferent dacă vorbim de lucruri materiale sau spirituale. Nimic nu se compară cu zâmbetul sau îmbrățișarea primită de la un copilaș în schimbul darului oferit. Vă îndemnăm să faceți și dumneavoastră astfel de gesturi, dăruiți oricât de puțin și veți rămâne surprinși de emoția trăită.”

Toate ajutoarele au fost strânse în Italia de către voluntarii Asociației Românilor din Italia, de la membrii ARI și de la alți parteneri italieni. Totodată toate aceste bunuri au fost verificate de voluntarii ARI în ideea de a dărui copiilor din România bunuri de calitate.

”Dacă vom reuși prin acțiunilor noastre, să sădim această dorință de a face voluntariat și să convingem și alte persoane să facă asemenea gesturi, astfel de comunicate de presă nu vor mai exista. Nu vrem să ne promovăm activitatea, însă ne dorim să fim un exemplu de urmat și pentru alte organizații din Italia și din alte țări. Chiar mai mult, vreau să vă spun ca asociația noastră este deschisă colaborării cu alte organizații, interesate să sprijine persoanele nevoiașe atât din Romania cât și din Italia. De douăsprezece ori, în decursul ultimilor ani, Asociația Românilor din Italia a reușit să bucure mii de copii din România și va continua să facă acest lucru. Următorea misiune umanitară este programată în perioada iunie-iulie 2015, însă deocamdată dorim să mulțumim tuturor celor care au contribuit la realizarea acestei campanii în mod special: doamnei Monica Petrica și magazinului românesc LA STRADA, doamnei Silvia Dănilă - partener CCIRO Italia, domnului Valentin Manolescu - AutoVip, mulțumim Dacia tv și CCIRO Italia. Nu în ultimul rând, aș vrea să mulțumesc celor doi primari, domnului Nistor Bratosin din comuna Urechești și domnului Nicolae Ciocănel din comuna Popești pentru entuziasmul cu care au sprijinit acțiunea asociației noastre.” a adăugat peședintele ARI, Eugen Terteleac.

Video


Biroul de presă ARI

ASSOCIAZIONE DEI ROMENI IN ITALIA
Via Fringuello, N° 50 A, Roma
Tel / Fax (+39) 06. 263162
E-mail – info@associazionedeiromeni.it

8 martie sărbatorit în stil românesc


O zi însorită, o zi în care soarele-ţi mângâie cu dragoste obrajii, fruntea, trimiţând-u-te parcă în poalele mamei, în braţele iubitei, în sufletul plin de tandreţe al femeii. Mirosul de iarba cruda, parfumul mimozelor aurii, cântecul vesel ale pasărelelor îţi transmite bucuria primăverii, bucuria reînvierii, renaştetea speranţei şi a dragostei de viaţa.

De ce oare toate astazi? Pentru că astazi e o zi specială, o zi în care cele mai scumpe fiinţe sunt sărbatorite, fie ele, bunici, mama, surori sau fiice, ele sunt cele care ne dau viaţa, ne dau sensul vieţii şi viaţa în adevărata ei trăire. Suntem pe meleaguri străine şi nu putem uita tradiţiile noastre aşa ca în spiritul păstrarii obiceiurilor româneşti sarbătorim cu dragoste această zi specială unind mica noastra comunitate, oferind un mic spectacol de muzica, poezie şi dans.

În sala din Piazza della Catena pusa la dispoziţie de catre primarul comunei Ferentino, Antonio Pompeo, s-au adunat membrii asociaţie Rapsodia şi invitaţii sai printre care un vechi colaborator mereu prezent, Oreste Datti, artist local care a dat startul spectacolului cu un cantec intitulat "Per una donna" urmat de alte doua frumoase melodii.
În continuare solista grupului Florina Stoleriu a emoţionat publicul prin cântecele "Într-un sat cu vale-adânca" si "Dragul mamei drag fecior" melodii care au scos lacrimi din ochii celor care nu sunt alături de părinţii sau copiii lor.

Câtiva membri ai grupului folcloric Rapsodia au cântat meldia "Multumesc iubită mama" urmată de poezii dedicate mamelor, recitate de copiii: Popovici Andrea, Popovici Cosmin, Lupu Giada şi poezia "Limba noastra-i o comoara" recitată de catre Liviu Lucaci împreuna cu fiica sa, reamintind importanţa păstrarii şi trasmiterii graiului strămoşesc, a limbei noastre româneşti, pentru generaţiile tinere, fiind chiar departe de Tara.

Au fost oferite flori şi felicitari doamnelor prezente la spectacol, ele îndulcind publicul cu prajituri facute în stilul gospodinelor noastre pe care le preţuim si le urăm un calduros "LA MULŢI ANI !".

Seara a continuat cu un program de dans în stil românesc în care au răsunat horele şi sârbele mult apreciate de noi cei ce locuim departe de ţara, dar unde suntem noi, este un colţ de rai, un colţ numit -România celor ce îi duce dorul.

Presedintele Asociaţiei RAPSODIA din Ferentino - Gheorghe Stoleriu

Marco Baratto entra nella Asociaţia Naţională Cultul Eroilor „Regina Maria” di Bucarest‏

Con una comunicazione del 2 marzo scorso , il Generale (r) Visarion Neagoe ha comunicato al Dottor Marco Baratto, Vice Presidente dell'Istituto per la Storia del Risorgimento per le provincie di Cremona e Lodi, la decisione del comitato esecutivo dell'associazione romena "Asociaţia Naţională Cultul Eroilor „Regina Maria” di accoglierlo quale primo socio italiano dell'sodalizio affidandogli la rappresentanza dello stesso per le regioni Valle d'Aosta , Piemone,Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli VG, Trentino Alto Adigie.

Le motivazioni addotte dal Generale Neagoe sono rappresentante dalla molteplici attività culturali promosse dal Dottor Marco Baratto nell'ambito della storia militare con particolare riferimento alle relazioni italo romene, nonché all'attività di censimento delle sepolture di soldati romeni morti durante la grande guerra nel Nord Italia.

L' Asociaţia Naţională Cultul Eroilor „Regina Maria” è una associazione apolitica fondata nel 1919 e ricostituita , nell'attuale denominazione nel 1990. Lo scopo è quello di mantenere viva la memoria attraverso attività culturali la memoria dei caduti romeni durante le varie guerre nonché collaborare con con l' Ufficio per il Culto degli Eroi del Ministero della Difesa, e le rappresentanze diplomatiche la situazione delle sepolture dei soldati romeni .
In questo quadro, il Dottor Baratto ha in corso la realizzazione di alcuni eventi, alcuni in Lombardia per ricordare i caduti romeni sepolti nella Regione coinvolgendo le comunità romene, gli enti locali, le associazioni d'arma e ovviamente i rappresentanti diplomatico e consolari della Romania.

Pagina FB :
https://www.facebook.com/pages/Asociatia-Nationala-Cultul-Eroilor-Regina-Maria-Nord-Italia/1544957559111117?ref=hl