La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 24 maggio 2016

Presentazione dei libri "Autoritratto frammisto di vento versi smorti" di Stefan Damian e "Viaggio in Romania (tra realtà fantasia e utopia)" di Laura Rainieri‏

25 mai 2016, orele 18.00
Accademia di Romania. Biblioteca

Miercuri, 25 mai 2016, orele 18
în Biblioteca de la Accademia di Romania in Roma
(Piazza José de San Martin, no. 1 - Valle Giulia)
va avea loc, în prezeneţa autorilor,
prezentarea cărtilor:
________________________

25 maggio 2016, ore 18.00
Accademia di Romania. Biblioteca

Mercoledì, 25 maggio 2016, ore 18
presso la Biblioteca dell’Accademia di Romania in Roma
(Piazza José de San Martin, no. 1 - Valle Giulia)
avrà luogo, alla presenza degli autori,
la presentazione dei libri:


Accademia di Romania in Roma

Grande successo per la Commemorazione dei soldati transilvani a Pizzighettone‏


Grande successo per la cerimonia di Sabato 21 a Pizzighettone in ricordo dei soldati transilvani detenuti durante la Grande Guerra nella cittadina in provincia di Cremona. Come previsto dal programma voluto dal Dottor Marco Baratto, Coordinatore del Gruppo di Lavoro italo romeno per le celebrazioni della Grande Guerra e l'Unità Nazionale della Romania presso il Consolato Generale di Romania. La mattinata ha avuto inizio presso il cimitero cittadino dove il parroco di Pizzighettone ha recitato una preghiera in suffragio dei caduti sepolti, dopo questo momento religioso si è proceduto ad osservare un minuto di silenzio e a deporre una corona d'alloro. Al termine della cerimonia religiosa le autorità presenti si sono recate presso il Museo delle Mura di Pizzighettone per inaugurare la mostra "I romeni e la Grande Guerra". La mostra è stata curata da’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, del Museo Nazionale di Storia della Romania di Bucarest, dell’Archivio Nazionale della Romania e dell’Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca, essendo patrocinato dall’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana e dal Consolato Generale di Romania a Milano.

L'inaugurazione della mostra è stata affidata al Comm. Emanuele Bettini, presidente dell'Istiututo per la storia del Risorgimento di Cremona e Lodi.

Dopo questo momento è stata scoperta, presso le antiche prigioni militari, una targa in ricordo dei soldati transilvani che durante il primo conflitto mondiale furono assegnati a questo campo di detenzione. Si tratta della prima targa messa in terra in Lombarda a ricordo di questi soldati. Durante questa cerimonia, molto suggestiva, sono intervenuti il Console George Milosan, il Dottor Marco Baratto e il Signor Gianfranco Gambarelli nella sua veste di responsabile del Museo delle Mura di Pizzighettone.

Un sincero ringraziamento va anche all'associazione della comunità romena di Cremona, Orizzonti Latini, che ha sostenuto questa iniziativa.

domenica 22 maggio 2016

Un minuto di danza o…Uffa! spettacolo di Gigi Căciuleanu al Teatro Parioli Peppino de Filippo di Roma‏


Comunicato stampa

Un minuto di danza o…UFFA!
Uno spettacolo di Gigi Căciuleanu
Musica: Paul Ilea
Con: Gigi Căciuleanu, Paul Ilea, Ana Vișan e Răzvan Stoian
Assistente coreografie: Lelia Marcu-Vladu

Venerdì 27 maggio, alle ore 21:00, sul palcoscenico del teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma, avverrà il debutto italiano della compagnia di danza „Gigi Căciuleanu Romania Dance Company”. Lo spettacolo „Un minuto di danza o...UFFA!” rappresenta la prima tappa della tournèe europea della prestigiosa compagnia romena, essendo seguito da una seconda rappresentazione al Teatro Carlo Goldoni di Venezia, domenica 29 maggio, alle ore 20:30. Inoltre, ad autunno, sono previsti altri spettacoli su prestigiosi palcoscenici europei quali: Sadler’s Wells/Londra, Palais des Beaux-Arts/Bruxelles, Centre Pompidou/Parigi.
Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con: Istituto Romeno di Cultura, Accademia di Romania in Roma, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Gigi Căciuleanu Romania Dance Company, Fondazione Art Production, Solèart Management, Teatro Parioli Peppino De Filippo, Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni.
“Il setting coreografico è quasi concluso. Non manca che un minuto di danza prima della fine. Questo minuto di danza sarà re-inventato dal coreografo in ogni performance, alla presenza del pubblico. Ed i protagonisti (il compositore e la coppia di danzatori) dovranno "affrontare", in modo estemporaneo, la fantasia del momento, dovendo memorizzare la coreografia e, naturalmente, la musica, create entrambe all'ultimo momento, per integrarle ed interpretarle, nel miglior modo possibile. Per presentare immediatamente al pubblico lo spettacolo nella sua forma finale. Ad ogni rappresentazione, il compositore ed il coreografo dovranno ingegnarsi per produrre ogni volta in presenza del pubblico, qualcosa di completamente diverso.
La musica appartiene “all’uomo orchestra" Paul Ilea (SENSOR / KULT STUDIO) al quale il coreografo ha chiesto di iniziare dai temi più conosciuti e popolari del suo compagno di musica e "strambo": Wolfgang Amadeus Mozart, però di svilupparle, in seguito, a modo suo con molta "affettuosa irriverenza."
L'intera performance è in realtà progettata intorno al complicato e straordinario processo creativo necessario per produrre anche un unico minuto di danza. A causa di questa improvvisazione, ogni sera, per creare un minuto di danza, le performance risulteranno sempre differenti tra di loro. E, dunque, ogni spettacolo sarà unico!
Uno spettacolo che si ri-crea ogni sera in un modo unico...Il fuoco sacro della creazione artistica! Uffa!!!"
Gigi Căciuleanu

Gigi Căciuleanu (ballerino, coreografo, docente) ha scoperto la danza d'avanguardia contemporanea all'età di 14 sotto la guida di Miriam Răducanu, completando gli studi accademici di danza e coreografia al Teatro Bolshoi di Mosca. È stato solista del Teatro dell'Opera di Bucarest, dove ha interpretato ruoli di repertorio, ma altresì ruoli creati specialmente per lui da importanti coreografi romeni: "Il muro" e "Il mandarino meraviglioso" di Oleg Danovski, "Il medico amore" e "Un americano a Parigi "di Tilde Urseanu etc.
Ha collaborato con numerose celebrità internazionali quali: Astor Piazzola, Marius Constant, Pina Bausch, Maïa Plissetskaïa, Jeanine Richer, Jean-Michel Jarre, Guy Tudy, François Rabbath, Claude Lefevre, Santiago Sempere, Jean Le Poulain, Henri Ronse.
Tra i suoi partners sul palcoscenico ricordiamo: Ruxandra Racovitza, Maina Gielgud, Yvette Chauviré, Svetlana Beriozova, Anton Dolin, Reda Sheta, Adam Luders, Jean-Pierre Franchetti, Peggy Lyman, Patrick Dupond, Viktor Rona, Jean-Christophe Paré, Jean Guizerix, Wilfride Piollet, Sandra Giacosa, Brigitte Lefevre, Michael Denard, Louise Bédard, Ghislaine Thesmar etc.
Gigi Căciuleanu è uno dei membri fondatori del Consiglio Internazionale della Danza CID dell'UNESCO e creatore del festival di danza di strada „Danza ad Aix". Le sue coreografie sono entrate nel repertorio dei maggiori teatri dell’opera del mondo: Parigi, Lyon, Avignon, Hamburg, Roma, Cardiff, Wuppertaler Tanztheater, Teatro “La Fenice” di Venezia, Teatro Comunale di Sao Paolo, Teatro „Oleg Danovski" di Constanta etc.
Gigi Căciuleanu insegna corsi di danza contemporanea presso istituzioni prestigiose quali: Conservatorio Nazionale Superiore La Villette, l'Ecole de l'Opéra de Paris, i Conservatori Nazionali Francesi di Boulogne-Billancourt, Annecy, Chambéry, Rennes etc.
Doctor Honoris Causa dell’Università dell’Arte di Târgu Mureş, Gigi Căciuleanu è stato insignito con l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine delle Arti e Lettere di Francia, Cavaliere dell'Ordine della Stella di Romania e recentemente ha ricevuto il Premio di Eccellenza UNITER 2016.

Info e biglietti:
Teatro Parioli Peppino De Filippo
Via Giosuè Borsi 20, 00197 Roma
Tel. 06 807 3040
Website: http://www.teatropariolipeppinodefilippo.it/

Solèart Management
Via Tracia 2, 00183 Roma
Tel. 346.5858903
info@soleartmanagement.com
Website: www.soleartmanagement.com

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, maggio, 2016

International Music Competition for Youth "Dinu Lipatti"/Concorso Internazionale di Musica per Giovani "Dinu Lipatti" 23-27 maggio 2016‏

Comunicato stampa

Nel periodo 23 - 27 maggio 2016, l’Accademia Musicale Mediterranea e l'Accademia di Romania in Roma organizzano l’International Music Competition for Youth “Dinu Lipatti” / Concorso Internazionale di Musica per Giovani "Dinu Lipatti". Il concorso si svolge con il patrocinio della Presidenza del Senato della Republica Italiana.

Tutte le prove saranno pubbliche e si svolgeranno nella sala concerti dell'Accademia di Romania, a Piazza José de San Martin, nr. 1, come segue: Martedì, 24 maggio, alle 14.30, si svolgerà la prova d'archi, dalle ore 17.30 la prova per musica da camera e dalle ore 18.30 si terrà la prova per chitarra. Mercoledì, 25 maggio alle ore 14.30, le prove per pianoforte per categorie di età, fino alle 19.00, quando inizia la prova dedicata al canto lirico. Giovedi, 26 maggio dalle ore 14.30, continuerano le prove di pianoforte per categorie di età.
Venerdì 27 maggio, l'ultimo giorno di concorso inizierà alle ore 9:00 con la prova per musica da camera, seguito dalle ore 10.00 dalla Finale dei vincitori assoluti di categoria. Il concorso si concluderà con un Concerto di gala dei vincitori che avrà luogo Venerdì 27 maggio alle ore 19.00 nella sala concerti dell'Accademia.

Ulteriori informazioni sul concorso sono disponibili sul sito internet: www.accademiamusicalemediterranea.it.

Roma, 21 maggio 2016

Ufficio stampa,
Accademia di Romania

martedì 17 maggio 2016

Lezione concerto "200 anni dell'opera Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini"

Siamo lieti di invitarvi agli AppuntiMusicali

200 anni dell’opera Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini

Lezione-Concerto per bambini e adulti di Daria Trofanchouk

Giovedì 19 Maggio 2016, ore 18.30

Sala Concerti
Accademia di Romania,
Piazza Josè de San Martin 1, Roma

Daria Trofanchouk

è pianista classica diplomata al conservatorio di Santa Cecilia. E' allieva di Giuseppe Scotese e Francesco Buccarella. E' stata maestro collaboratore al teatro dell'Opera di Roma e concertista solista, svolge l'attività di accompagnatore d'opera suonando per teatri d’opera e manifestazioni operistiche. E' esperta di didattica della musica e ha elaborato un metodo originale per l'insegnamento del pianoforte ai bambini che fonde gli approcci Bastien e Suzuki con la didattica della scuola russa.

Da alcuni anni presenta lezioni-concerto sui grandi compositori della musica classica.

Prossimo appuntamento presso l'Accademia:

8 Giugno 2016

ENESCU: la musica popolare in chiave moderna

Accademia di Romania in Roma

lunedì 16 maggio 2016

34° Torneo Internazionale Città di Prato: trionfano Lev Kazakov e Ioana Minca

Tung-Lin Wu, Lev Kazakov, Ioana Mica, Lara Escauriza - 34° Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato

Sono il russo Lev Kazakov e la rumena Ioana Minca i vincitori del 34^ Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato

Nel maschile è stata una finale molto equilibrata che si è chiusa solo al terzo set dopo 2 ore e 30 di gara con il russo che ha prevalso per 6-7 7-5 7-6 sul giovane di Taipei. Primo set vinto da Wu per 76 con il tie break vinto 7-2. Nel secondo set si conferma l’equilibrio fino al 5-4 per Wu che ha un match point che il russo annulla e poi riesce a vincere il secondo set per 7-5. Nel terzo regna ancora la parità che porta i due atleti a giocarsi il titolo al tie break finale dove il numeroso pubblico pratese accorso sul centrale prima dell’inizio tributa un applauso ad entrambi. In vantaggio per 3-0 Kazakov si fa recuperare fino al 3-3 ma Wu commette un errore e manda 6-3 avanti il russo che chiude il match e si assicura l’affermazione del torneo.

Nel femminile è la rumena Ioana Minca a vincere in due set contro la paraguaiana Lara Escauriza per 6-3 6-4. Un match con molti errori all’inizio ma che si infiamma sul 3-2 per la rumena che poi chiude il primo set per 6-3. Nel secondo set è decisivo il break sul 5-4 che permette di alzare le braccia al cielo ala rumena Minca.

Al termine la premiazione con la consegna dei Trofei Banca Popolare di Vicenza per le nazioni vincitrici, il Trofeo Marini Industrie e il Trofeo Lenzi Automobili ai vincitori e il Trofeo per l’indimenticabile Loris Ciardi. “È stata un’edizione che ha visto più di 30 nazioni al via e tutti i ragazzi hanno dimostrato di essere dei vari campioni non solo in campo ma anche come comportamento – spiega il presidente del Tc Prato Alessandro Colzi – una manifestazione che si conferma e che ha visto anche i nostri giovani giocare con i campioni”.

Nel torneo di doppio femminile vincono l’atleta di casa Lucrezia Stefanini in coppia con l’americana Chiara Lammer mentre nel maschile la coppia belga portoricana Bergs-Arcila.

Finale maschile:
Kazakov b. Wu 6-7 7-5 7-6

Finale femminile:
Minca b. Escauriza 6-3 6-4

Fonte: UBI Tennis

Oderzo incorona Meucci

1 Maggio 2016

Il campione europeo di maratona conquista il classico appuntamento sulle strade della cittadina veneta davanti a La Rosa. Al femminile Console seconda alle spalle della romena Florea.

Il campione europeo di maratona Daniele Meucci e la romena Madalina Florea sono i vincitori della XXI Corsa Internazionale Oderzo Città Archologica. Al maschile il pisano dell'Esercito prende subito il comando delle operazioni senza mai mollare la testa della gara in circuito sulle strade della cittadina veneta in provincia di Treviso. In dirittura d'arrivo, però, l'azzurro imbocca la via sbagliata per il traguardo: giusto il tempo di fare retromarcia e Meucci conquista comunque la vittoria in 28:40. Alle sue spalle si piazza in 28:46 Stefano La Rosa (Carabinieri), l'altro azzurro pre-selezionato per la maratona olimpica di Rio 2016, mentre il terzo posto è per Marco Salami (Esercito) 28:54. Sesto, nel giorno del suo 19esimo compleanno, il campione europeo junior dei 10.000 metri Pietro Riva (Atl. Alba) in 29:11. Bel finale sui 5470 metri delle donne dove per tre giri il ruolo di front-woman tocca alla maratoneta Rosaria Console. La pugliese delle Fiamme Gialle non molla nemmeno quando nell'ultima tornata la Florea si porta al comando. La 23enne romena riesce ad imporsi in volata in 17:48, due secondi meglio della Console (17:50) seguita da Valentina Costanza (Esercito) 17:56.

XXI Corsa Internazionale Oderzo Città Archeologica
Ordine d'arrivo
UOMINI (9800m): 1. Daniele Meucci (Esercito) 28:40, 2. Stefano La Rosa (Carabinieri) 28:46, 3. Marco Salami (Esercito) 28:54, 4. Roman Prodius (Moldavia) 29:03, 5. Vasyl Matvijchuk (Ucraina) 29:10, 6. Pietro Riva (Atl. Alba) 29:11, 7. Francesco Bona (Aeronautica) 29:26, 8. Stefano Guidotti Icardi (Cus Torino) 29:35, 9. Marius Ionescu (Romania) 29:38, 10. Paolo Zanatta (Fiamme Oro) 29:40.

DONNE (5470m): 1. Madalina Florea (Romania) 17:48, 2. Rosaria Console (Fiamme Gialle) 17:50, 3. Valentina Costanza (Esercito) 17:56, 4. Laila Soufyane (Esercito) 18:00, 5. Barbara Bressi (Self Atl. Montanari Gruzza) 18:05, 6. Nadia Ejjafini (Esercito) 18:13, 7. Emma Quaglia (Cus Genova) 18:17, 8. Silvia Weissteiner (Forestale) 18:24, 9. Lucie Marsanova (Repubblica Ceca) 18:24, 10. Martina Merlo (Aeronautica Militare) 18:30.

Fonte: Federazione Italiana di Atletica Leggera

domenica 15 maggio 2016

Quattro candidati rumeni sulle liste di Stefano Parisi per le elezioni amministrative‏

“EUROPEI PER L’ITALIA” PRESENTA I SUOI CANDIDATI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI MILANO.

Ecco a voi i candidati che “Europei per l'Italia” ha presentato a Milano, con il fondamentale sostegno di “Italia Unica” il partito di Corrado Passera, sulle liste del candidato di centro - destra Stefano Parisi.

Sono Marioara Popescu, Daniela Davidoaia, Aura Anghelescu e Florin Stefan.

Con loro, sosteniamo Federico Figini, un'ottima persona che Italia Unica presenta nella lista di Stefano Parisi per il Consiglio Comunale.

Sono persone eccezionali, che vivono a Milano da più di vent'anni; tutti, conosciuti, stimati e apprezzati, sia come professionisti, sia per le loro qualità umane.

Per loro è un grande onore e un’importante responsabilità: rappresenteranno le migliaia di cittadini comunitari residenti a Milano, ora come candidati, e con l'aiuto di tutti dopo le elezioni, come consiglieri di zona.

È importante ricordare che Italia Unica per mano del suo deputato Guglielmo Vaccaro ha presentato alla Camera dei Deputati il 8 aprile 2016, un progetto di legge che prevede l'iscrizione automatica di tutti i cittadini comunitari nelle liste elettorali, bypassando l'attuale laboriosissimo iter burocratico. Si tratta di un’iniziativa che, oltre a favorire l’esercizio dei diritti politici di tutti i cittadini europei, porrà l’Italia all’avanguardia nell’integrazione
politica europea.

Ora “Italia Unica” e i suoi candidati hanno bisogno del nostro sostegno e noi possiamo e dobbiamo aiutarli: è nel nostro interesse.

Marian Mocanu
Presidente Europei per l'Italia
www.europeiperlitalia.it

Minicipi 3 , 6 e 7 : http://www.listacivicaparisi.it/municipio/

Palermo, la grillina romena studia da sindaco di Terrasini

13 maggio 2016

Eva Deak, 41 anni, nata in Romania, ha vissuto la dittatura di Ceausescu fino ai suoi 21 anni. Arrivata in Italia negli anni Novanta, adesso è candidata a sindaco di Terrasini, in provincia di Palermo, con il Movimento 5 stelle. Ambientalista convinta, nella cittadina del Palermitano ha condotto diverse battaglie contro l’inquinamento della costa. “Non è vero che il Movimento 5stelle è contro l’immigrazione, a volte quelle di Grillo sono provocazioni. Io devo tutto a questo Paese e sono innamorata dell’Italia. So cosa significa vivere in una dittatura, adesso sogno di ripulire Terrasini dalla spazzatura e rendere trasparente questo Comune”. (Video e intervista di Antonio Fraschilla)


Fonte: La Repubblica

Marino, la lista romena "Convivenza tricolore" sostiene Di Giulio

Pubblicato Martedì, 03 Maggio 2016

MARINO - Dopo l'annuncio del ritiro della candidatura di Roxana Bugheanu l'annuncio dell'accordo

Questa mattina l'annuncio del ritiro della candidatura solitaria (LEGGI l'articolo): ora l'annuncio dell'accordo stipulato col centrosinistra. La lista "Convivenza tricolore", espressione dell'associazione romena "Antica Dacia", ha scelto di sostenere Eleonora Di Giulio. La stessa lista nei mesi scorsi aveva prima sostenuto Stefano Cecchi e quindi lo aveva scaricato con l'accusa di mancato coinvolgimento (LEGGI l'articolo).

"Il nostro appello di allargare la coalizione del centro sinistra a tutti quei soggetti disponibili a scrivere una nuova pagina a Marino è stato raccolto anche dall’Associazione Convivenza Tricolore, che raccoglie le istanze della Comunità rumena di Marino – questo l’annuncio da parte del Comitato Elettorale di Eleonora Di Giulio. In un primo momento, l'Associazione Convivenza Tricolore aveva avuto l'intenzione di presentare una propria lista civica alle prossime elezioni comunali. Ora, ha scelto di aderire alla nostra proposta politica. Un'adesione che evidenzia con forza la vicinanza della Comunità rumena a quelli che sono da sempre i nostri valori, i nostri desideri e le nostre speranze per Marino. La Comunità rumena - si sottolinea ancora - è fortemente radicata nel territorio marinese",

E la Comunità rumena aggiunge: "La Lista Convivenza Tricolore, preso atto della situazione sociale e politica di Marino e delle esigenze imprescindibili di archiviare una stagione politica che sta soffocando la società marinese in una spirale pericolosa di cattiva politica e di pessima gestione della cosa pubblica, ha preso la decisione di scendere in campo per concorrere al cambiamento che tanti auspicano nella nostra Città. L'Associazione Convivenza Tricolore, che ha promosso la nascita della Lista Civica Convivenza Tricolore di Marino, intende così aderire alla coalizione di centro sinistra di Marino che presenta come Candidata a Sindaco Eleonora Di Giulio, diventando parte integrante della stessa, promuovendone il programma e portando quei principi dell'integrazione e della partecipazione dei nuovi italiani, delle famiglie miste e dei giovani come attori protagonisti del futuro della società marinese. "

L’accordo sottoscritto in queste ore, prevede la candidatura all’interno della lista civica Eleonora Di Giulio Sindaco, di Roxana Bugheanu. “Sono molto contenta, e con me la coalizione" dice Eleonora Di Giulio. "Dal mio punto di vista non è solo un semplice ampliamento di numeri, e quindi di voti: è l'accettazione da parte del centro sinistra di chiare e forti richieste politiche, civiche e civili di questa importante Comunità. L’inclusione e la parità di diritti, nel rispetto delle regole e della convivenza civile, è sempre stato uno dei punti forti del nostro programma. Adesso, con l’adesione dell’Associazione Convivenza Tricolore, allarghiamo il nostro impegno e le nostre forze a nuove risorse, rappresentative di bisogni ed esigenze collettive presenti nel territorio marinese. Il centro sinistra si pone come sintesi, in questo modo, di un consenso non solo dei cittadini comunitari ma di ampie porzioni della popolazione marinese che altrimenti rischiano di essere ghettizzate o non rappresentate - penso ai lavoratori precari e alle fasce non protette; penso ai lavoratori in nero, alle coppie giovani, agli anziani sempre più in difficoltà. Ecco, queste sono le energie positive che Convivenza Tricolore porta nella nostra coalizione. E sottolineo come Roxana, scelta dalla sua comunità a candidarsi con noi, rappresenti un evidente valore aggiunto. La sua storia personale dimostra quanto culture diverse possano coesistere e contaminarsi costruttivamente. Roxana è una donna forte, espressione ancor più forte della necessità di rinnovare, a Marino, una classe dirigente dimostratasi debole“.

A questo punto il quadro è praticamente al completo ed all'appello per l'unità del centrosinistra manca solo il Psi che insiste nella candidatura solitaria di Giulio Santarelli.

Fonte: ilmamilio

Scuola, aumentano gli stranieri. Sono romeni i più numerosi

Sono 814.187 gli studenti stranieri che frequentano le scuole italiane. Il dato si riferisce all’anno scolastico 2014-2015 con un incremento significativo rispetto al 2001/02 quando gli iscritti erano appena 196.414. Gli iscritti stranieri fra il 2009/10 e il 2014/15 sono cresciuti del 20,9%, a fronte di una diminuzione pari al -2,7% fra gli italiani (da 8.283.493 a 8.058.397 unità) e di un decremento del -0,9% della popolazione scolastica complessiva (da 8.957.085 a 8.872.584 alunni). Nell’ultimo anno scolastico considerato (2014/15) si segnala una crescita modesta rispetto all’anno precedente, pari all’1,4% di studenti stranieri (+11.343). I dati sono contenuti nel rapporto annuale del ministero dell’Istruzione e della Fondazione Ismu, “Alunni con cittadinanza non italiana. La scuola multiculturale nei contesti locali. Rapporto nazionale. A.s. 2014/2015”. Il rapporto rappresenta il consueto approfondimento sulla popolazione scolastica con cittadinanza non italiana nell’a.s. 2014/2015. In questa edizione particolare attenzione è stata data alle differenze territoriali, con l’obiettivo di identificare le caratteristiche degli alunni e istituzioni scolastiche nelle diverse regioni, province e nei principali comuni italiani, ricostruendo traiettorie formative, nonché difficoltà e successi nel processo di apprendimento.

ROMENI I PIU’ NUMEROSI - Nell’a.s. 2014/15 gli alunni con cittadinanza romena sono i più numerosi (157.153), seguiti da albanesi (108.331) e marocchini (101.584). A distanza troviamo il gruppo degli alunni di origine cinese (41.707) e filippina (26.132). I dati sulle cittadinanze confermano la forte eterogeneità che ha storicamente caratterizzato il nostro paese. Nelle prime quindici cittadinanze sono presenti tutti i continenti tranne l’Oceania. I romeni sono al primo posto in tutti gli ordini e gradi. Gli allievi di origine albanese sono al secondo posto nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, mentre sono al terzo posto nella scuola dell’infanzia e nella primaria. Nella scuola dell’infanzia i paesi che mostrano percentuali significative superiori alla media sono il Bangladesh (27,1%), il Marocco (25,8%) e l’Egitto (23,8%); nelle scuole primarie oltre al Bangladesh (43,2%) e all’Egitto (39,6) si aggiungono il Pakistan (40,1%) e l’India (39,5%). Nelle secondarie di primo grado gli studenti più numerosi sono originari della Cina (24,7%), della Macedonia (24,4%) e delle Filippine (24,1%). Infine nella secondaria di secondo grado sono particolarmente numerosi gli studenti dell’Europa orientale (ucraini 39,4% e moldavi 38%) e i latinoamericani (peruviani 34% e ecuadoriani 33,9%).

SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE - Aumento significativo delle presenze nelle scuole secondarie di secondo grado nell’ultimo decennio. Nell’a.s. 2014/15, rispetto all’a.s. precedente, si segnala una variazione di presenze di alunni, minima nella scuola dell’infanzia (+0,2%), nella scuola primaria (+3%) e nella secondaria di secondo grado (+2,8%). Diminuiscono gli alunni stranieri nelle scuole secondarie di primo grado (-1.6%), dato già riscontrato nell’a.s. 2013/14. Nell’ultimo decennio, si conferma l’ovvio primato della scuola primaria (scuola dell’obbligo e di durata quinquennale) per il maggior numero di alunni stranieri con cittadinanza non italiana, anche se la distribuzione percentuale nei diversi ordini e gradi mostra una consistente diminuzione in questo livello scolastico (passato da accogliere il 42,8% di alunni cni nel 2001/02 al 35,8% dell’a.s. 2014/15), a fronte di un aumento significativo delle presenze nelle scuole secondarie di secondo grado (dal 14% al 23%). Nell’a.s. 2014/15 sono 291.782 gli alunni stranieri iscritti alle scuole primarie (10,4% del totale), 187.357 gli studenti nella scuola secondaria di secondo grado (7% del totale), 167.068 gli allievi nelle secondarie di primo grado (9,6%) e infine 167.980 i bambini nelle scuole dell’infanzia (10,2%). Si nota che gli alunni italiani sono diminuiti in tutti gli ordini di scuola (tranne che nelle secondarie di secondo grado). L’unico ordine con una crescita nelle iscrizioni è la scuola secondaria di secondo grado, sia per quanto riguarda la presenza di italiani (+0,6%) sia di stranieri (+2,8%).

DIFFERENZE TERRITORIALI – Il Rapporto dedica una speciale attenzione alle differenze territoriali nelle presenze degli alunni cni e nella collocazione delle scuole multiculturali nelle comunità locali, in cui si possono generare rischi di eccessiva concentrazione di stranieri ma anche occasioni e spazi significativi di inclusione educativa e sociale. La regione con più alunni stranieri è sempre la Lombardia. La Lombardia è ancora la regione con il maggior numero di alunni stranieri (in totale, ma anche la maggioranza dei nati in Italia, dei neoentrati), superando le 200mila presenze (201.633), seguita da Emilia Romagna e Veneto (oltre 90mila alunni stranieri), Lazio e Piemonte (oltre 70mila). Solo in due regioni gli alunni stranieri decrescono fra il 2013/14 e il 2014/15 (-3,6% in Valle d’Aosta, -0,1% in Veneto). Nel complesso, nell’ultimo decennio, la crescita maggiore nella presenza di alunni cni, in termini di variazione percentuale, si registra in molte regioni del Sud che hanno visto crescere questa componente del più del 200% (Calabria, Basilicata, Sicilia, Campania). Per quanto riguarda l’incidenza percentuale, l’Emilia Romagna è la prima regione con 15,5 studenti cni ogni 100 studenti; il Veneto è la prima regione per incidenza di nati in Italia sul totale degli alunni stranieri (62,8%); la Sicilia la prima per incidenza di neoentrati nel sistema scolastico regionale (11,9%).

LE PROVINCE - Le province con più alunni stranieri sono Milano, Roma e Torino. A livello provinciale, nell’a.s. 2014/15 la graduatoria per numero di alunni con cni pone la provincia di Milano al primo posto (80.333), seguita da quelle di Roma (61.172), Torino (37.920) e Brescia (32.678), Bergamo, Firenze e Bologna (con oltre 20mila alunni), Treviso, Verona e Vicenza (con 18-19 mila presenze). Tra le prime 10 province si riscontra una prevalenza dei territori del Nord (tre province lombarde e tre venete), 5 capoluoghi regionali (Milano, Roma Torino, Firenze Bologna). La graduatoria delle province per maggior numero di nati in Italia coincide con la precedente (Milano, Roma, Torino e Brescia), così come quella per maggior numero di neoentrati (Milano, Roma, Torino, Firenze). Il calcolo dell’indice di associazione tra province e principali nazionalità evidenzia che: i tunisini si concentrano soprattutto a Trapani (con ben 13 volte la percentuale di presenza rilevata in Italia) e a Ragusa (10 volte), i cinesi a Prato (9 volte); gli ucraini nelle province campane (oltre 7 volte a Caserta e quasi 7 a Napoli, 5 volte ad Avellino e Salerno, 4 volte a Benevento); gli indiani nelle province di Mantova e Cremona (6 volte), di Latina (5 volte), di Reggio Emilia e Brescia (3 volte); i filippini nelle province di Messina, Cagliari (4 volte) e Milano (3 volte); i moldavi nelle province di Parma (4 volte), Padova e Venezia (3 volte), gli albanesi nella provincia di Pistoia (3 volte), i peruviani nelle province di Milano e Firenze (3 volte), i marocchini nella provincia di Biella (3 volte), i rumeni nella provincia di Agrigento (quasi 3 volte).
11 mag

Fonte: 9Colonne