La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 30 luglio 2008

Arezzo:Anagrafe - una guida per i cittadini stranieri


L’Assessorato alle Politiche per l’Integrazione del Comune di Arezzo ha promosso la realizzazione di una “Guida ai servizi di anagrafe e stato civile per i cittadini stranieri e comunitari” nelle versioni in inglese e rumeno.
La Guida sarà a disposizione dei cittadini presso l’ufficio Anagrafe del Comune in Piazzetta delle Logge del Grano 7/8, presso lo Sportello Polivalente in Piazza della Libertà 1, presso il Centro per l’Integrazione in Via Leone Leoni 18, oltre che presso le sedi delle Circoscrizioni e altri sportelli normalmente frequentati da cittadini stranieri e comunitari.
L’ufficio anagrafe è il primo ufficio istituzionale in cui si recano gli utenti stranieri, il più delle volte senza parlare bene l’italiano, con gravi disagi per loro stessi e per gli operatori di sportello. La Guida si aggiunge quindi al servizio di mediazione linguistico culturale, già in atto presso l’Ufficio Anagrafe, consentendo di eliminare gli ostacoli linguistici - comunicativi e creando uno spazio di incontro intermedio in cui vengono superate le difficoltà. Il Comune di Arezzo, in linea con le direttive europee, si colloca quindi ancora una volta come istituzione attenta ai bisogni di tutti i cittadini presenti nel territorio.
MERCOLEDì 30 LUGLIO 2008 - Comune di Arezzo - Servizio Comunicazione
Fonte: Arezzo Notizie

Apele au început să se retragă, au rămas în urma lor case şi vieţi distruse

După zile întregi petrecute în tabere improvizate sau la rude, sinistraţii din Moldova au început să se întoarcă acasă. Oamenii au pierdut tot ce aveau, umblă acum pribegi pe uliţe, doar cu un toiag în care îşi sprijină neputinţa. Se uită cu deznădejde la apa care nu se mai dă dusă din gospodăriile lor şi cer, ruşinaţi, o felie de pâine vecinilor care au apucat să mai salveze câte ceva din calea apelor. Visul întoarcerii acasă s-a transformat în coşmar. Unii şi-au găsit casele dărâmate, iar alţii pe cale de prăbuşire. Mii de oameni din Moldova sunt acum nevoiţi să ia viaţa de la capăt.

Apele care au acoperit localitatea Săuceşti, judeţul Bacău, sunt în scădere, iar oamenii sunt aduşi înapoi la locuinţele lor în camioanele Jandarmeriei şi ale Inspectoratului pentru Situaţii de Urgenţă. Pentru cei mai mulţi dintre ei peisajul este unul terifiant. Casele în care au trăit o viaţă s-au făcut una cu pământul. Astfel, din cele peste o mie de locuinţe inundate, peste 20 sunt complet distruse. Cele care nu au fost încă distruse, acum stau să se prăbuşească. Tot ce mai speră oamenii acum e să-şi poată recupera ceva din bunuri.

Oamenii din Răchiteni, judeţul Neamţ, au fugit de inundaţii doar cu hainele de pe ei şi actele. Acum încep să se întoarcă acasă şi realizează că ele au rămas singura lor avere. Cu casele dărâmate sau în curs de prăbuşire, fără bani sau mâncare oamenii au ajuns acum la mila vecinilor mai norocoşi sau a autorităţilor. Maşina Jandarmeriei încărcată cu saci de alimente este singura lor garanţie că nu vor vor muri de foame în următoarele zile. Pentru cei mai mulţi, viitorul depinde tot de autorităţi. Oamenii speră că vor primi în continuare ajutoare financiare şi materiale pentru a-şi reconstrui sau consolida casele.

Apele Siretului au inundat ieri aproape 500 de case la Răchiteni, iar 1.200 de oameni au fost evacuaţi. Pe alocuri, puhoaiele au făcut ca apa să ajungă şi până la doi metri adâncime, iar câteva zeci de case au fost acoperite aproape complet.

Emoţii fără margini şi la Tămăşeni, tot în judeţul Neamţ. După două zile de pribegie în care mii de oameni s-au ferit din calea apelor, azi, cei mai mulţi s-au întors acasă. Cu ochii plini de lacrimi, localnicii din Tâmăşeni au despicat apele şi au intrat în gospodării, unde totul este distrus. Zidurile sunt crăpate, iar lucrurile sunt înecate în mâl. De cum au intrat în case oamenii s-au pus pe treabă. Au luat găleţile şi lopeţile şi au încercat să şteargă urmele lăsate de puhoaie. Apa a măturat tot ce a găsit în cale. Pentru mulţi au rămas numai amintirile. Acum, oamenii încearcă să-şi uite suferinţa şi să meargă mai departe.

În judeţul Neamţ, peste 9.000 de oameni au fugit din calea apelor. 300 de case din şase localităţi au fost inundate. Mulţi dintre sinistraţi şi-au petrecut noaptea pe câmp sau prin casele vecinilor. Cei mai mulţi au fost evacuaţi din localităţile Tămăşeni, Doljeşti şi Roma.
Oamenii încep să se întoarcă acasă şi în Rădăuţi-Prut, satul acoperit complet de ape acum câteva zile. Priveliştea este însă îngrozitoare: zeci de case distruse complet şi sute de animale moarte. După o viaţă de muncă, cei mai mulţi dintre ei s-au ales doar cu o mână de lucruri. Atât cât au încăput într-o barcă. Autorităţile îi ajută momentan cu alimente, apă minerală şi haine. Acum, doar puţine locuinţe mai sunt inundate. Însă furia apelor a distrus complet 100 de case, în timp ce pe alte 70 le-a avariat foarte grav. Autorităţile au început vaccinarea localnicilor împotriva tetanosului şi a febrei tifoide.

800 de oameni din comuna Victoria, judeţul Iaşi au fost evacuaţi din cauza pericolului de inundaţii în şcoala din localitate aflată într-o zonă sigură. În adăpostul improvizat oamenii au primit de la autorităţi alimente, apă, paturi, saltele şi pături. Autorităţile au mai hotărât şi evacuarea localităţile ieşene Trifeşti, Hermeziu, Vladomira, Şendreni, Sculeni, Probota şi Bivolari.

Sursa: Realitatea.net

Campobasso: Bracciante agricolo trovato morto a Campomarino

2008-07-30
E' morto in un campo di pomodori. Nell'indifferenza generale. Soffocato dal caldo, stroncato dalla fatica.

Radu Gheorghe, 35 anni, rumeno, è stato trovato privo di vita nelle campagne di Campomarino dove si trovava fin dalle prime ore del mattino per lavorare come bracciate. Il cadavere è stato trovato in una zona isolata, al margine dei campi coltivati in località Nuova Cliternia. Probabilmente la morte risale alle ore del mattino, ma il corpo è stato rinvenuto soltanto nel pomerigigo da alcuni passanti. Il rumeno era in Italia da tempo, viveva a Torremaggiore (Foggia) ed era in regola con il permesso di soggiorno. La sua morte è diventato un caso da trattare per la Procura di Larino. Sembrano evidenti le cause naturali del decesso. Probabilmente il caldo ha provocato un malore che ha stroncato il giovane bracciante. Il magistrato che si occupa dell'episodio ha disposto l'autopsia. Ma gli inquirenti indagano per capire se, al momento della morte, Radu Gheorghe era solo o con lui c'erano altri lavoratori che lo hanno lasciato morire senza soccorrerlo. I carabinieri di Campomarino in queste ore hanno ascoltato diversi lavoratori stranieri che erano impiegati nella raccolta di pomodori nei campi vicini al punto dove è stato trovato il corpo del rumeno. Tutti avrebbero detto di non essersi resi conto di quanto stava accadendo. Ma qualcuno potrebbe finire nei guai per omissione di soccorso.
Fonte: AltroMolise

Immigrazione e Manovra: i limiti all’assegno sociale riguardano solo gli stranieri


29 luglio 2008
Immigrazione e Manovra: i limiti all’assegno sociale riguardano solo gli stranieri e non anche gli italiani!
Il Governo tenta di fornire in extremis una interpretazione delle nuove disposizioni sull’assegno sociale per placare le proteste di sindacati e associazioni.
Oscurata dai mille altri problemi che hanno accompagnato l’approvazione della manovra alla Camera, la questione della stretta sull’assegno sociale, che dal gennaio 2009 sarà concesso solo a chi ha lavorato continuativamente nei precedenti dieci anni, è esplosa anche sui grandi media che hanno dato voce alle proteste di associazioni e sindacati.
Già mercoledì scorso alla Camera, il Governo aveva accolto un ordine del giorno impegnandosi a rivedere, dopo l’approvazione definitiva della legge di conversione del d-l. 112 sulla manovra, la norma che prevede per la concessione dell’assegno sociale il doppio requisito del soggiorno regolare decennale e di una attività lavorativa continuativa per lo stesso periodo.
Il dubbio era e resta: la norma si applica a tutti o solo agli immigrati extracomunitari e comunitari?
Nel primo caso, si violerebbero alcune direttive europee che impongono parità di trattamento degli extracomunitari lungosoggiornanti e dei comunitari soggiornanti da almeno cinque anni con i cittadini; nel secondo - come sta accadendo - si penalizzerebbero anche tutti quegli italiani che non hanno avuto possibilità di svolgere un lavoro continuativo, come ad esempio nel caso delle casalinghe.Sul punto, ieri in Commissione Bilancio del Senato il senatore Filippi (LNP) ha precisato che la modifica della disciplina relativa al riconoscimento dell’assegno sociale riguarda i “soggetti ultrasessantacinquenni ricongiunti a soggetti extracomunitari, per i quali vengono previsti requisiti più stringenti volti a garantire un maggiore equilibrio tra misure assistenziali e contributi in termini lavorativi forniti nel nostro Paese dai soggetti stranieri”.
Più preciso il presidente della Commissione Azzolini (PdL) per il quale la misura prevista dal decreto manovra non riguarda gli italiani, ma solo gli immigrati. “Certamente - ha detto Azzolini - lo spirito della legge lo esclude. La norma prevede, per l'ottenimento dell'assegno sociale, oltre al requisito di aver soggiornato legalmente in Italia, quello di aver «lavorato legalmente con un reddito almeno pari all'importo dell'assegno sociale per almeno dieci anni». La norma non riguarda quindi i cittadini italiani, che hanno residenza e domicilio, ma non soggiorno”.(R.M.)
Fonte: ImmigrazioneOggi.

Sicurezza, Consiglio d'Europa: '''Pacchetto' viola diritti umani e principi umanitari''


Presentando un rapporto sulla base della sua visita compiuta a Roma il 19 e il 20 giugno

Il commissario per i diritti umani, Hammarberg : ''Sembra prendere di mira gli immigranti rom'' e rischia ''di provocare ulteriore xenofobia''. Preoccupazione anche per ''la dichiarazione dello stato di emergenza in tre regioni italiane''. La replica del governo: ''Nostre misure in linea con norme internazionali''

Bruxelles, 29 lug.- (Adnkronos/Aki)- "La preoccupazione per la sicurezza non può essere l'unica base per la politica di immigrazione. Le misure prese in Italia violano i diritti umani e i principi umanitari e possono provocare ulteriore xenofobia". Sono durissime le parole usate del commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Thomas Hammarberg, presentando un rapporto sul pacchetto sicurezza adottato dal governo sulla base della sua visita compiuta a Roma il 19 e il 20 giugno.

Il Commissario, si legge in un comunicato, "ha espresso forte preoccupazione per il 'pacchetto sicurezza' che sembra prendere di mira gli immigranti rom, e per la dichiarazione dello stato di emergenza in tre regioni italiane". Secondo il rapporto Hammarberg "la frequente adozione di misure legislative d'emergenza e di altre miusre da parte di uno Stato membro del Consiglio d'Europa indica la grave debolezza del meccanismo statale che sembra non essere in grado di trattare con i problemi sociali".

Per Hammarberg "la vasta maggioranza dei Rom e dei Sinti hanno urgente bisogno di reale protezione dei propri diritti umani, in particolare i diritti sociali, come il diritto di alloggi adeguati ed istruzione, da parte delle autorità nazionali, regionali e locali". "Adottare lo Stato d'emergenza e fornire maggiori poteri ai 'commissari speciali' e alla Polizia - ammonisce ancora il Consiglio d'Europa - potrebbe non essere la migliore opzione possibile per trattare con i bisogni delle popolazioni Rom e Sinti".

E critica le condizioni di vita in campi nomadi "come il Casilino 900" a Roma sono "inaccettabili". "Le autorità italiane devono dare priorità all'adozione di misure per il miglioramento delle condizioni di vita dei Rom e dei Sinti". "Le autorita' italiane -prosegue il documento- devono sforzarsi per fornire ai Rom e ai Sinti alloggi adeguati, che significano abitazioni strutturalmente sicure , anche da un punto di vista igienico e sanitario". Il commissario è anche "estremamente preoccupato" per gli atti di violenza contro i campi nomadi in Italia "senza che vi fosse una effettiva protezione da parte delle forze dell'ordine che a loro volta hanno condotto raid violenti contro gli insediamenti". In questo contesto, chiede alle autorità italiane di garantire "che tutti i membri delle forze di Polizia abbiano una sistematica, basica e continua istruzione in materia di protezione dei diritti umani" ma anche di "assicurare indagini effettive nei casi di uso illecito della forza da parte della Polizia".

Nel mirino di Hammarberg anche "la decisione di criminalizzare l'ingresso di migranti e il soggiorno irregolare". In questo il commissario del Consiglio d'Europa vede "un preoccupante allontamento dai principi della legge internazionale vigente". Tali misure, dichiara, "possono rendere più difficile per i rifugiati chiedere l'asilo e potrebbe provocare un'ulteriore stigmatizazione e marginalizzazione di tutti i migranti". L'elenco delle critiche del Consiglio d'Europa non si ferma qui. Hammarberg "nota con grande preoccupazione che l'Italia ha forzatamente rimandato migranti in paesi in cui è provato l'uso della tortura". Il Commissario fa riferimento al "cittadino tunisino espulso per ordine del ministro dell'Interno, nel quadro della legge sulle misure d'emergenze per combattere il terrorismo", dichiarandosi "contrario al fatto che tali decisioni siano prese sull abase di assicurazioni diplomatiche".

Il riferimento è Essid Sami Ben Khemais, espulso in giugno, nonostante avesse fatto ricorso alla Corte europea per i diritti dell'uomo contro un precedente decreto di espulsione. La Corte aveva decretato la sospensione del decreto visto che la Tunisia "non garantisce i diritti umani". Nel comunicato diffuso anche a Bruxelles Hammarberg aggiunge: "Il diritto dell'appello (contro l'espulsione) è una pietra miliare del sistema europeo di tutela dei diritti umani". Infine, il commissario "esorta le autorità italiane a procedere rapidamente con la creazione di un'efficace istituzione nazionale sui diritti umani, per rafforzare il sistema di protezione del paese".
Fonte: Adnkronos Ign.

Il carroccio romeno


29/7/2008 - contrasti

Capricci dell'integrazione. Che funziona nella misura in cui la si vuole...

Leggiamo tutti i giorni le cronache dei drammi dell'immigrazione, le difficoltà di adattamento, i crimini di chi non è dei "nostri" (ma anche dei "nostri"). Storie che strappano il cuori e intrecciano le budella. Così si dimentica di parlare di tutto quello che funziona. Che spesso è più di quello che non va.

Tutti i fine settimana nel campetto del parco del Cinquantenario, a Bruxelles, si gioca a pallone. Qui l'integrazione non è un problema. Sul rettangolo corrono islamici e cattolici, bianchi e neri, marocchini, turchi, portoghesi, britannici, italiani, tedeschi e ogni sorta di gente naturalizzata belga. Si entra, si esce, si fanno i turni. Nessuno fa caso alla tua provenienza o alla tua età. L'obiettivo è sgambattare, fare gol, divertersi sotto un sole mai troppo generoso.

In questo lembo di prato sintetico sei solo uno che vuole giocare. Tutto il resto è relativo. Non ci sono rancori. Solo mani tese.

L'integrazione funziona.

Non solo qui. Chissà cosa ha pensato Umberto Bossi (che ora si crede Alberto da Giussano e fa tornare in mente quel film girato a Torino con Ian Holm - I vestiti nuovi dell'imperatore -in cui tutti i matti erano convinti di essere Napoleone) quando è andato a supervedere il set della fiction leghista sul carroccio, Federico Barbarossa e la battaglia di Legnano? Chissà con quale spirito ha messo il suo bollino verde su una produzione che si sta realizzando in Romania e in cui l'Alberto padano è interpretato da un bellone israeliano?

Non l'ho letto nelle puntuali cronache dei colleghi inviati. Però è un pensiero che fa sorridere. Perchè l'integrazione, quando si vuole, può funzionare. Nonostante i crimini e le violazioni di legge che porta con sé ogni situazione di povertà e disagio. Indipendentemente dal colore della pelle, dalla provenienza, dalla religione e dall'etnia.
Fonte: La Stampa

Romania, Il campionato delle modelle


Loro sono 18 e la formula dello scontro è uno contro uno. Ognuna delle modelle indossa la maglia della squadra del cuore e va in campo. Succede in Romania dove l'edizione romena della rivista Maxim organizza il curioso torneo. Naturalmente votano i lettori e, tra le curiosità, esiste anche la possbilità del pareggio. Per ora in testa alla classifica con 51 punti c'è Raluca Arnautu,, 20 anni, del Politechnica Timisora. Per vedere le 18 ragazze, click sul link che segue.
Fonte: La Repubblica Online

Mostre: A Perugia, "Umbria terra d'incontri, dialogo con la Romania"


''Umbria: terra di incontri. Dialogo con la Romania'' e' il titolo della mostra in programma dal 2 al 24 agosto al Centro Espositivo della Rocca Paolina di Perugia. In esposizione 80 opere di artisti romeni contemporanei e di una selezione di ''performance'' di sei artisti umbri per un dialogo tra culture differenti all'insegna dell'arte. Uno scambio artistico che proseguira' nel 2009 a Bucarest, quando, in quella sede, esporranno gli artisti umbri. ''Si tratta - si legge in una nota del servizio cultura della provincia di Perugia- di una iniziativa che ricalca e rafforza il concetto di reciprocita' dello scambio culturale, gia' fortunatamente sperimentato con Polonia e Cina''. Ad esporre le proprie opere al Centro Espositivo della Rocca Paolina di Perugia saranno gli artisti Cristian Ditoiu, Grabriela Drinceanu, Elena Hariga, Luciano Boccardini, Claudio Carli, Carlo Carnevali, Silvano D'Orsi, Luigi Frappi, Paolo Grimaldi, Francesca Manfredi e Romano Mazzini.
Fonte: Adnkronos Cultura

Maltempo: Inondazioni Romania; Messaggio cordoglio di Frattini


''Ho appreso con tristezza la notizia delle gravi inondazioni che hanno colpito il Suo Paese nei giorni scorsi, provocando diverse vittime e migliaia di sfollati, oltre ad ingenti danni materiali'': lo sottolinea il ministro degli esteri Franco Frattini in un messaggio inviato al collega romeno Lazar Comanescu. ''A nome del Governo italiano e mio personale, desidero esprimerLe il piu' profondo cordoglio per la tragica perdita di vite umane, che La prego di voler far giungere alle famiglie delle vittime'', afferma nel messaggio Frattini, che inoltre rileva: ''In questa grave situazione d'emergenza, desidero inoltre assicurarLe la piena solidarieta' dell'Italia, confermandole la disponibilita' a fornire l'assistenza che si dovesse rendere necessaria''28/07/2008 21:11
Fonte: Ansa.it Balcani

martedì 29 luglio 2008

Cittadini comunitari tutelati se viaggiano fuori dalla Ue


28/07/2008
In assenza di una rappresentanza del proprio Paese, possibile rivolgersi a quella di un altro Stato membro

In piena estate una informazione utile da Il Sole-24 Ore di oggi, nella sezione Sportello reclami. Se si viaggia all'estero in un Paese dove non sono presenti un'ambasciata o un consolato italiani, ci si può rivolgere, in caso di necessità, alle autorità di un altro Paese membro della Ue.
Questa possibilità è prevista dall'articolo 20 del Trattato istitutivo della Comunità Europea e riguarda tutti i cittadini comunitari che si trovino in un Paese extra Ue dove il proprio Paese non abbia una rappresentanza permanente.
Fonte: Guida Viaggi

Bilanţul inundaţiilor: 4 morţi, 10.500 de persoane evacuate, 99 de locuinţe distruse


Ministerul Internelor şi Reformei Administartive a făcut public, marţi, noul bilanţ al inundaţiilor: şase judeţe afectate şi 10.500 de persoane evacuate. Numărul persoanelor decedate a rămas acelaşi. A crescut, însă, numărul locuinţelor distruse, ajungând la 99. 122 de locuinţe sunt în pericol de prăbuşire, 2.000 sunt afectate, în timp ce 6.700 sunt inundate.145 de localităţi au înregistrat pagube în urma inundaţiior. Au fost afectaţi peste 7 kilometri de drum naţional şi 1.067 de dumuri judeţene.
Au fost distruse 1.408 de poduri şi podeţe, 8.300 de fântăni şi 23.315 hectare de teren agricol. Alte 3.034 de hectare de păşuni şi fâneţe au fost acoperite de ape.2.813 oameni, dintre care 1.328 aparţinând ministerului de Interne, lucrează în zonă.Zona cea mai expusă în faţa inundaţiilor este porţiunea cuprinsă între Răchiteni şi zonele de acumulare din judeţul Bacău.Localităţile Săuceşti, Letea Veche şi Tamaş sunt noile zone afectate.
Antena3.ro
Adăugat: 29 iulie 2008

Alessadria: popolazione in crescita


CAPOLUOGO: POPOLAZIONE IN CRESCITA

(red. 28/7) - Alessandria continua a crescere dopo il periodo che l' aveva portata al di sotto dei novantamila residenti. Adesso nel capoluogo vivono 93.264 persone rispetto ai 92.839 del 1°gennaio scorso. La presenza dei cittadini comunitari la maggioranza, nell'ordine, ono i romeni, seguitida polacchi, francesi e lituani . Gli extracomunitari sono in questo ordine: albanesi, marocchini, cinesi, equadoregni.
Ancora un dato statistico: gli immigrati sono stati 1610 contro i 1029 emigrati. Negativo il saldo tra nascite e morti. In questi mesi i nati sono stati 413 contro i 577 morti.
Fonte: Agenfax

Bergamo: Sommozzatori intervengono sull'Adda, salvati quattro rumeni

Pomeriggio intenso quello di domenica 27 luglio per il Corpo dei sommozzatori volontari di Treviglio. Intorno alle 14,30 sono intervenuti con il gommone nel fiume Adda all'altezza di Fara per recuperare tre rumeni che stavano facendo il bagno nel fiume. Il gruppo di volontari, che il fine settimana pattuglia la zona, è stato richiamato dalle grida dei tre che sono stati quindi soccorsi. In particolare uno di loro era in difficoltà, un rumeno di 26 anni che pare non sapesse nuotare: il giovane è stato trasportato a riva insieme ai suoi amici e per tutti e tre non è stato necessario l'intervento dei medici.

Poco dopo i sommozzatori sono dovuti intervenire anche all'altezza della diga «Pora Cà» dove un altro rumeno di 47 anni, residente a Urgnano, non riusciva a raggiungere la riva dopo aver deciso di nuotare da una sponda all'altra del fiume. La corrente provocata da una chiusa aperta ha messo in difficoltà l'uomo che, stremato, si è aggrappato a una base di cemento della diga. Prima soccorso dal custode della diga, sul posto è intervenuto l'elisoccorso e i sommozzatori che lo hanno recuperato. Anche per lui non è stato necessario l'intervento dei medici.(27/07/2008)
Fonte: L'Eco di Bergamo.

L'Aquila: colpito da un fulmine un pastore rumeno

Un pastore ventottenne di nazionalità romena è stato ricoverato in ospedale a Castel di Sangro dopo essere stato colpito da un fulmine mentre era al pascolo con il suo gregge sulla Montagna Spaccata, in località Pantaniello, nel territorio del Comune di Scanno (L'Aquila). Sorpreso dal temporale, il giovane è stato sfiorato da un fulmine sul fianco sinistro. E' riuscito comunque a chiedere soccorsi ed è stato raggiunto dagli uomini del Corpo Forestale e dai sanitari del 118. Ora è ricoverato in prognosi riservata.
27/07/2008
Fonte: L'Unione sarda

lunedì 28 luglio 2008

Così si cancella l'assistenza


di Giuliano Cazzola
26 LUGLIO 2008

La fretta può giocare dei brutti scherzi, soprattutto quando è il pregiudizio dell'ideologia a metterci lo zampino. Così l'offensiva - scaturita dal profondo Nord contro i ricongiungimenti di cittadini comunitari allo scopo di percepire l'assegno sociale rischia di rivoltarsi contro gli italiani ultra 65enni privi di pensione e di altri redditi.
Durante l'iter legislativo alla Camera al requisito del soggiorno legale (per almeno 5 anni) si sono aggiunti quelli diun'attività lavorativa per almeno un decennio e di un reddito pari all'importo dell'assegno sociale, per almeno un decennio, nel territorio nazionale. Il che non solo snatura il profilo assistenziale dell'assegno sociale (una prestazione che tutela gli anziani indigenti, ai sensi dell'art.38 comma 1 della Costituzione), ma l'inasprimento dei criteri mette in difficoltà anche gli italiani bisognosi di assistenza, dal momento che le regole valevoli per i cittadini comunitari devono essere applicate anche a loro (e viceversa). Sarà il caso, allora, che il Senato corregga questo evidente errore, ripristinando il criterio del soggiorno o della residenza, magari prevedendo periodi più lunghi dei cinque anni inizialmente previsti.Sarà comunque un problema controllare la mobilità delle persone in ambito comunitario. Ma parlare di attività lavorativa continuativa (a fronte della quale vanno pagati i contributi obbligatori) non ha senso quando si tratta, come nel caso dell'assegno sociale, di una prestazione assistenziale. Soprattutto, però, sarebbe il caso di ridimensionare sul piano culturale quando si tratta di stranieri e di immigrazione - degli idola tribus non sempre razionali. Gli immigrati non rubano il lavoro a nessuno, ma nella stragrande maggioranza dei casi svolgono mansioni che la manodopera italiana rifiuta.
Vi sono interi comparti economici importanti per la nostra vita economica e sociale (sicuramente l'agricoltura, il turismo, le costruzioni, tra qualche anno persino l'industria manifatturiera) che senza l'apporto dell'immigrazione dovrebbero dare forfait per mancanza di addetti disponibili.
Tutto il settore dell'assistenza alle persone (non solo le badanti, ma anche il personale impiegato nelle Istituzioni) è in grado di operare solo grazie agli stranieri.
Tra qualche anno sarà unicamente la possibilità di assumere infermieri stranieri a consentire il funzionamento degli ospedali. Soprattutto, sono tanti i «diversi» che pagano i contributi e le tasse. Nel 2007 i lavoratori stranieri, censiti dall'Inps, erano poco meno di un milione 790mila (contro il milione 476mila dell'anno precedente), con un reddito imponibile superiore a 21 miliardi di euro (erano 18,4 miliardi nel 2006 e 16,7 miliardi nel 2005).
Fonte: Il Sole 24 Ore.

Si getta sotto il treno ed esce illesa


Romena di 29 anni ha tentato di togliersi la vita ma il convoglio le è passato sopra senza farle un graffio

DESIO 26/07/2008 - Per togliersi la vita, una romena di 29 anni ha pensato di distendersi sulle rotaie della linea ferroviaria Milano Chiasso, a pochi metri dalla stazione di Desio. La donna però si è sdraiata in posizione parallela ai binari. Così, quando il treno delle 20.45 diretto a Milano è arrivato, è passato sopra alla 29enne, lasciandola del tutto illesa. Con grande paura per il macchinista del convoglio ferroviario.L’addetto al locomotore ha visto la donna quando ormai era troppo tardi. Ha frenato di colpo. Ma il treno non si è fermato in tempo, passando sopra alla donna. Pensando di averla uccisa, il macchinista ha bloccato il treno, chiamando il 118 e i carabinieri di Desio.Ha tirato un sospiro di sollievo quando ha scoperto che per fortuna la romena non si era fatta niente, a parte un grande spavento. Subito il treno si è spostato e la giovane è stata recuperata. In stato di choc, è stata portata al Pronto soccorso dell’Ospedale di Desio, dove è stata confortata e tenuta sotto osservazione per alcune ore.
Scritto da: Daniele Bianchi
Fonte: Cronaca Qui

Non basta Vucinic, la Roma cade a Bucarest


26/07/2008
I giallorossi subiscono tre reti, mentre Vucinic mette a segno il goal della bandiera in chiusura di gara.

La Roma è uscita sconfitta alla sua prima uscita stagionale: a Bucarest, contro lo Steaua, i giallorossi hanno perso per 3-1. Ma non c'è di che sorprendersi, dopottutto la squadra di Spalletti ha soli cinque giorni di lavoro alle spalle, mentre i rumeni sono molto più avanti nella preparazione, con cinque amichevoli già disputate. La differenza di preparazione fisica si è fatta sentire, soprattutto sottoporta, dove i rumeni si sono dimostrati più lucidi.Nel primo tempo, Spalletti ha iniziato con Montella unico attaccante, con alle sue spalle un centrocampo a cinque formato da Aquilani, Perrotta, Taddei, Virga ed Esposito, schieramento poi rivoluzionato nella ripresa quando il mister giallorosso ha cambiato quasi tutti gli effettivi. Fra i nuovi acquisti, bene Riise e Loria, mentre per il portiere Artur è stata una partita tutta da dimenticare, visto che almeno due reti rumene sono arrivate su sue disattenzioni.Già al 10' la Roma era sotto di una rete: lancio in profondità verso Moreno che solo davanti ad Artur non ha avuto problemi ad infilare la porta giallorossa con un pallonetto sul portiere in uscita. Panucci e Riise hanno provato ad impensierire la porta rumena ma le loro conclusioni sono terminate di poco a lato, così come quella di Ghionea sul finale di tempo. La prima frazione di gioco si chiude, quindi, sull'1-0 per la squadra di casa.La ripresa vede una Roma subito intraprendente, con Cicinho ad impensierire il portiere avversario con una conclusione al volo dall'interno dell'area. Al 72' Andreolli impedisce il raddoppio dello Steaua, salvando sulla linea di porta su conclusione di Kapetanos. Passano solo tre minuti, però, e la squadra rumena trova la via della rete: su azione d'angolo è Stancu ad infilare la porta giallorossa. All'81' arriva anche la terza rete rumena, con Neaga bravo nel concludere di destro al volo su cross proveniente dalla sinistra. All'88' Vucinic accorcia le distanze con una grande conclusione su calcio di punizione. Finisce così 3-1 per la formazione di casa.
IL TABELLINO
STEAUA BUCAREST - ROMA 3-1
MARCATORI: 8' Moreno (S), 75' Stancu (S), 81' Neaga (S), 88' Vucinic (R)
STEAUA: Zapata; Golanski (44' pt Neşu), Rădoi, Ghionea, Petre Marin; Pleşan, Ovidiu Petre, Szekely, Nicoliţă; Dayro Moreno, Arthuro. A disp.: Cernea, Vâtcă, Goian, Rada, Baciu, , Vali Badea, Lovin, Ochiroşii, Neaga, Bogdan Stancu, Tiago Gomes, Kapetanos.
ROMA (4-2-3-1): Artur; Cicinho, Loria (8' st Andreolli), Panucci (1' st Juan), Riise; Aquilani, Perrotta (10' st Tonetto); Taddei (1' st Cassetti), Virga (1' st Vucinic), Esposito (28' st Palermo); Montella (11' st Alvarez). All.: Spalletti.
ARBITRO: Sebastian Coltescu
Fonte: Goal.com

Viorel Rus è il nuovo allenatore della Allmag Torino '81

Serie A2 pallanuoto maschile - Campionato 2008
VIOREL RUS E’ IL NUOVO ALLENATORE DELLA ALLMAG TORINO ‘81
di Edoardo Osti
26/07/2008

Viorel Rus è il nuovo allenatore della Allmag Torino ’81. Romeno, nato a Culj il 14 novembre 1952, nell’ultima stagione ha allenato in serie A1 a Sori. Prima della formazione ligure ha condotto, sempre in Italia, due anni la Mestrina e quattro il Chiavari. Sempre da tecnico ha guidato la nazionale della Romania alle Olimpiadi di Atlanta 1996. Ai Giochi Olimpici ha partecipato anche da giocatore: nel 1972 a Monaco di Baviera, nel 1976 a Montreal e nel 1980 a Mosca. «Sono molto contento, arrivo a Torino con tanto entusiasmo - queste le prime parole del neotecnico subalpino -. Ringrazio la società per avermi scelto, metterò al servizio della Torino ’81 tutta l’esperienza maturata in questi anni. Non vedo l’ora di cominciare a lavorare».Viorel Rus si occuperà anche del coordinamento del settore giovanile con particolare risalto per la squadra Under 17.
Il tecnico romeno prende il posto di Bruno Bodrone, al quale va un grande ringraziamento per il lavoro svolto nelle ultime tre stagioni.
LA SCHEDA DI VIOREL RUS
Nato a Culj (Romania) il 14/11/1952
2001-2003 Mestrina
2003-2007 Chiavari
2007-2008 Sori
2008-2009 Allmag Torino ‘81
Fonte: Waterpolo.

sabato 26 luglio 2008

Gesto eroico di un camionista romeno: Si getta in acqua e salva due vite


Notizia inserita il 26/7/2008

È stato un camionista romeno a salvare due giorni fa da una morte sicura la donna e la figlioletta di 7 anni cadute con l’auto dentro il canale che costeggia via Sutter, in zona pmi. Erano le 17.30 quando, all’altezza del bar California, la Toyota Yaris condotta dalla donna si è scontrata contro una Ford Escort ed è finita nell’acqua.

Mentre la vettura si stava inabissando è passato un camion che si è subito fermato. Il conducente, un giovane romeno, è sceso e con una grande prontezza di riflessi, oltre che di coraggio, ha assicurato il paraurti dell’auto al camion per impedire che sprofondasse ulteriormente. Poi si è calato in acqua e dal finestrino ha tratto in salvo prima la bambina. Dopo averla riportata a riva è tornato indietro per salvare la madre.

Aveva ancora la donna in braccio quando sono arrivati i soccorsi e le forze dell’ordine. Madre e figlia, pur spaventatissime, erano illese. Ferito lievemente invece il conducente della Escort che è stato medicato al pronto soccorso.

Turismul românesc se confruntă cu o criză acută de personal calificat


În plin sezon estival, în turism se resimte criza de personal calificat. Chelnerii, barmanii şi bucătarii pricepuţi ori s-au reprofilat ori au plecat din ţară. Vechea şcoală românescă de turism s-a desfiinţat, iar cea nouă e ca şi inexistentă. Iată de ce avem parte de servicii proaste în concediu. Cum s-a ajuns aici şi ce se poate schimba, au aflat colegii noştri de la “Reporter Special”.
Serviciile sunt una dintre marile probleme ale litoralului românesc. Personalul este obraznic, plictisit, murdar şi necalificat. Preşedintele Patronatului Industriei Hoteliere spune că personalul calificat şi cu experienţă preferă să muncească în străinătate. O altă problemă, semnalată de Nicolae Pupăză, preşedinte al asociaţiei Maitre D'Hotel România, este a aceea a patronilor.Majoritatea nu sunt de profesie şi, devenind patroni “prima lor grijă a fost să-şi pună în punctele cheie rudele care nu aveau nicio pregătire profesională”. Ei sunt interesaţi să-i “coste cât mai puţin cheltuiala cu personalul şi să aibă încasări cât mai multe”, a concluzionat Nicolae Pupăză, care consideră că această atitudine ar putea fi fatală afacerilor pe care aceşti patroni le conduc.Potrivit statisticilor oficiale, România a câştigat anul trecut din turism puţin peste un miliard de euro. Dar nu a cheltuit aproape nimic pe pregtirea personalului. Un documentar despre serviciile din turismul românesc, vineri seară, la Reporter Special, pe Antena 3, de la ora 23.05.Sursa foto: tripadvisor.com
Antena 3
Adăugat: 25 iulie 2008

Pensiile vor creşte cu 20% de la 1 noiembrie


Bucurie Înainte de alegerile parlamentare
Pensiile vor creşte cu 20% de la 1 noiembrie
de Caterina NICOLAE
Punctul de pensie va ajunge la 697,4 lei
Pensia medie pentru bătrânii care au ieşit din câmpul muncii la limita de vârstă şi cu stagiul de cotizare complet va ajunge la 930 de lei

Ministrul Muncii, Paul Păcuraru, s-a hotărât: punctul de pensie va creşte cu 20% de la 1 noiembrie. Bineînţeles, acest anunţ va deveni decizie oficială abia după ce va fi aprobată în şedinţa de guvern, dar este puţin probabil să apară surprize. De ce cu 20%? Ministrul Muncii a decis să aplice Legea 250/2007 în avans şi să aducă, de la 1 noiembrie, nu de la 1 ianuarie 2008, punctul de pensie la valoarea de 45% din salariul mediu brut. Cum valoarea acestuia este în prezent de 1.550 de lei, punctul de pensie a rezultat 697,4 lei. Faţă de valoarea actuală de 581 de lei, majorarea reprezintă 19,9%. Aplicând procentul la pensia medie înregistrată în luna mai în sitemul asigurărilor sociale de stat, rezultă că de la 1 noiembrie pensia medie va fi 677 de lei.
Pentru cei care au ieşit la pensie la limită de vârstă şi cu stagiul de cotizare complet, pensia medie va ajunge la 930 de lei. Paul Păcuraru n-a vrut să precizeze însă cât din excedentul de 150 de milioane de euro înregistrat la Casa Naţională de Pensii va fi consumat pentru creşterea cu 20% a punctului de pensie. El susţine că, pe lângă majorarea generală, experţii din Ministerul Muncii studiază şi posibilitatea de a corecta „pierderile” suferite de cei care au lucrat în grupele I şi II de muncă după recalcularea pensiilor. Cât a rămas din excedent, ca „obiect de studiu”, rămâne însă un mister. În ceea ce priveşte posibilitatea ca pensiile să crească încă o dată, la 1 ianuarie 2009, ministrul Muncii este optimist. Pensiile vor creşte din nou, dar nu se ştie cu ce procent.

Acesta va fi stabilit ulterior, în funcţie de salariul mediu brut. „Punctul de pensie va trebui să rămână la 45% din salariul mediu brut înregistrat, dar este prea devreme să ne pronunţăm asupra valorii acestuia la 1 ianuarie 2009”, a explicat ministrul.
Sursa: Gandul.

Italia. Cerşetoria a fost interzisă în Veneţia


Veneţia a devenit primul oraş din Italia în care cerşetoria a fost interzisă, pentru a se limita fenomenul de exploatare a copiilor de către grupurile infracţionale. Efectivele poliţiei din Veneţia vor fi suplimentate, în special în Piaţa San Marco, în zona Podului Rialto, la "Puntea Suspinelor" şi în jurul bisericilor. Persoanele care vor fi prinse cerşind vor fi amendate cu sume cuprinse între 25 şi 50 de euro, iar banii pe care cerşetorii îi au asupra lor vor fi confiscaţi, informează Telegraph.co.uk.Potrivit sursei citate, până joi seara deja fuseseră arestate 15 persoane, majoritatea etnici rromi. "Toată lumea din Veneţia aştepta această măsură. Cerşetoria îi deranjează pe localnici şi pe turişti, afectează imaginea Veneţiei şi îngreunează circulaţia", a declarat Augusto Salvadori, reprezentantul Consiliului Urban din Veneţia.Poliţia din Veneţia estimează că sunt aproximativ 150 de cerşetori în oraş, care "lucrează" în schimburi, dintre care 80 operează în centrul istoric al oraşului.
Antena3.ro
Adăugat: 25 iulie 2008

Nel Reggiano sono stranieri 9 abitanti su 100

L’OSSERVATORIO DELLA PROVINCIA
di Francesca Manini
Non accenna a fermarsi il boom di immigrati nel 2007
raggiunta quota 46.648 presenze

«Benessere e offerta di lavoro fanno del territorio reggiano un miraggio per gli stranieri che nel 2007 sono aumentati del 12,1% per un totale di 46.648 presenze su 510.148 residenti, sono il 9,1% della popolazione. Il tessuto ha tenuto, ora difendiamo i risultati con attività di qualità e continuando la collaborazione tra enti locali, forze dell’ordine e servizi sociali». Tra realismo e soddisfazione, le parole della presidente della Provincia Sonia Masini commentano così i dati del rapporto provinciale 2008 sugli stranieri presentato ieri alla presenza del questore Francesco Perucatti, del prefetto Bruno Pezzuto, dell’assessore provinciale alla solidarietà Marcello Stecco e del direttore della Caritas Gian Marco Marzocchini.«Il bilancio è positivo ma non bisogna abbassare la guardia, si continui a fare rete» hanno concordato gli intervenuti. Il primato regionale per incidenza di cittadini stranieri sulla popolazione complessiva è ancora una volta tutto reggiano, con l’aumento di 5.663 residenti rispetto al 2006, per lo più provenienti da Marocco, con il 16,3% del totale delle presenze extra-Ue, Albania (11,3%) e India (8,8). Nel comune capoluogo è concentrata circa la metà delle presenze dei non comunitari, il 48,7%, mentre la restante parte è distribuita in modo non omogeneo sull’intero territorio provinciale con picchi a Guastalla e Correggio. Con l’ingresso nell’Unione Europea di Romania e Bulgaria il numero dei cittadini comunitari residenti è aumentato considerevolmente per un totale di 5.772 presenze che si sono unite in nuclei considerevoli soprattutto nei comuni di Scandiano e Montecchio. All’interno di ogni singola comunità si registrano considerevoli differenze di genere, con una schiacciante presenza rosa nei gruppi provenienti da Romania, Moldova e Ucraina.«L’economia reggiana ha bisogno degli immigrati - ha detto Sonia Masini - le industrie, i cantieri, il badandato, tutto questo attira presenze esterne, così arrivano anche i delinquenti che devono essere puniti severamente. In un territorio come Reggio che ha già superato la soglia del soddisfacimento dei beni di prima necessità per gli immigrati, bisogna puntare sulla limitazione della quantità e sulla creazione di insediamenti di qualità, attirare alte intelligenze e professionalità».«Reggio si è dimostrata capace di competere sul fronte sociale come su quello economico - ha sottolineato l’assessore Stecco - ma i problemi di integrazione restano, perciò l’attenzione sul tema dell’immigrazione è massima. Chiediamo alle comunità degli immigrati di collaborare con noi, è nel loro interesse che i delinquenti vengano puniti e non confusi con la parte seria e impegnata a favore dell’economia e della società in cui si è integrata».Il contributo degli stranieri all’intera provincia reggiana si misura anche in un aumento della popolazione dell’1,7% rispetto al quale la parte giocata dagli italiani è solamente dello 0,6%. «Lo spaccato fornito dalla Provincia conferma le valutazioni fatte in precedenza - ha illustrato il prefetto - il fenomeno migratorio è in crescita e con esso la proposizione di problemi ad oggi affrontati con grande attenzione. La scolarizzazione e ancor prima l’alfabetizzazione sono misure fondamentali per affrontare il problema dell’integrazione, bisogna continuare a lavorare insieme».«I reggiani - ha concluso il questore - conservino il loro spirito da perfezionisti, il loro volere lo stesso standard di civiltà per tutti, ma stiano tranquilli che i problemi legati alla clandestinità sono una percentuale davvero bassa».
(25 luglio 2008)
Fonte: L'espresso

Muti, cori e applausi dei tifosi all'attaccante rumeno

Friday 25 July 2008
Cori e applausi ieri per Adrian Mutu che ha ringraziato salutando sorridente con la mano e facendo un inchino ai tanti tifosi presenti a San Piero a Sieve per assistere all'allenamento della squadra viola svoltosi stavolta a porte aperte. Il clima di tensione attorno all'asso romeno, dopo qualche fischio e qualche striscione di contestazione dei giorni scorsi, pare quindi essersi dissolto: Mutu, definito incedibile dai Della Valle che hanno bloccato la sua cessione alla Roma e sceso ieri in campo per primo insieme a Cesare Prandelli.
Fonte: Nostalgia Toscana

Românii pot trimite SMS-uri direct de pe calculator


Vineri, 25 Iulie 2008

Vodafone a lansat un nou serviciu care permite trimiterea de mesaje text direct de pe computer. Serviciul se numeşte SMSender şi este disponibil abonaţilor, persoane fizice şi companii.
Aplicaţia Vodafone SMSender poate fi descărcată gratuit de pe site-ul www.vodafone.ro, conform unui comunicat Vodafone. Pentru a trimite mesaje text cu SMSender, abonaţii Vodafone au nevoie doar de o conexiune Internet. Utilizatorii pot trimite mesaje text de cel mult 480 de caractere, către mai multe numere de telefon, simultan, şi către liste de distribuţie predefinite. În plus, noul serviciu permite clienţilor să utilizeze ca expeditor un nume în loc de număr de telefon .
Mesajele text trimise prin serviciul Vodafone SMSender sunt taxate la aceleaşi tarife cu SMS-urile trimise de pe telefonul mobil.
Sursa: Realitatea.net

Ulteriori punti della manovra immigrazione


24 luglio 2008
Immigrazione e Manovra: classi differenziate nella scuola dell’obbligo, tassa sui permessi di soggiorno, richiesta dei danni erariali ai comuni troppo benevoli con i comunitari, stretta sulle pensioni di reversibilità ai coniugi stranieri. Ma anche minor rigore sulla questione assegno sociale.
Indicate ieri dal Governo - in sede di discussione finale del disegno di legge di conversione del d-l- 112 sulla manovra economica - le misure che intenderà adottare in materia di stranieri per favorire l’integrazione e, al tempo stesso, per contenere la spesa pubblica.
La Camera dei deputati, dopo aver approvato con il voto di fiducia la conversione del decreto legge 112 sullo sviluppo economico, semplificazione, competitività, ieri ha votato numerosi ordini del giorno che impegnano il Governo ad adottare una serie di provvedimenti in materia di immigrazione e stranieri. In particolare:

sulla scuola: il Governo ha accolto come raccomandazione la proposta del deputato Goisis (LN) di rivedere il sistema di accesso degli studenti stranieri alla scuola dell'obbligo, autorizzando il loro ingresso previo superamento di test e specifiche prove di valutazione, provvedendo all'istituzione di classi di inserimento temporaneo, che consentano agli studenti stranieri che presentano un livello di alfabetizzazione della lingua italiana molto basso, di frequentare corsi di apprendimento della lingua italiana, nonché gli insegnamenti di base previsti dai programmi scolastici, preparatori e propedeutici all'ingresso nelle classi permanenti. Inoltre si prevede di istituire attività didattiche e linguistiche di maggiore integrazione interculturale con la nuova comunità territoriale di «nuova appartenenza» dello studente straniero. Obiettivo finale della proposta è quello di creare da un lato un «progetto ponte d'integrazione» per l'inserimento definitivo degli studenti stranieri nelle classi con bambini italiani, dall'altro lato di evitare le cosiddette «fughe multietniche» dei bambini italiani dalle scuole del quartiere di residenza.

Tassa sul permesso di soggiorno: su proposta di D’Amico (LN) il Governo ha assunto l’impegno di istituire un Fondo presso il Ministero dell'interno destinato alle spese connesse alla gestione dell'immigrazione, e di istituire una tassa di concessione governativa di 50 euro annui sul rilascio ed il rinnovo dei permessi di soggiorno dei cittadini stranieri, i cui introiti vadano integralmente a questo fondo.

Assegno sociale: su proposta del deputato Miotto ed altri (PD) il Governo ha assunto l’impegno a valutare gli effetti applicativi della norma appena approvata che introduce forti limitazioni all’accesso all’assegno sociale, al fine di evitare che l'applicazione delle nuove norme non comporti il cambiamento della natura assistenziale della prestazione ed in particolare che non sia richiesto a italiani e stranieri aventi diritto di dimostrare di aver lavorato per almeno dieci anni, al fine di non escludere dall'assegno sociale i soggetti, in particolare donne, che non hanno avuto esperienza lavorativa o non hanno maturato il trattamento previdenziale minimo.
Sullo stesso argomento i deputati Ruggeri, Cesa, Poli, Delfino (UDC) hanno proposto - ed il Governo ha accettato - di riesaminare l’articolo 20, comma 10, appena approvato sulla fiducia, in quanto l'attuale formulazione rischia di vanificare lo scopo sociale della provvidenza in esame, ledendo anche diritti dei cittadini italiani e dei soggetti equiparati che l'istituto dell'assegno mira a tutelare. Accolto anche l’ordine del giorno del deputato Farinoni (PD) che impegna il Governo ad adottare tutti gli opportuni provvedimenti per evitare ogni irrazionale compressione dei diritti riconosciuti ai cittadini comunitari o ai loro familiari.
Sempre sulla questione dell’assegno sociale, ma di segno opposto, l’OdG proposto dal deputato Marinello (LN) ed accolto dal Governo che si è impegnato a sospendere gli assegni assistenziali già erogati ai comunitari privi di requisiti, ed a valutare l'opportunità di procedere per danno erariale nei confronti dei comuni che non abbiano rispettato le procedure per l'iscrizione anagrafica dei cittadini comunitari senza osservare le disposizioni della direttiva 2004/38/CE.

Pensioni di reversibilità: su proposta del deputato Marinello (LN) il Governo si è impegnato ad adottare ulteriori iniziative legislative volte a legare la reversibilità pensionistica in progressione al numero di anni di matrimonio, prevedendone il pieno godimento dopo un congruo periodo di stabile convivenza.

Assistenza sanitaria dei comunitari non iscritti all’anagrafe: su iniziativa del deputato Zaccaria ed altri (PD) il Governo ha accolto come raccomandazione l’invito ad adottare quanto prima ogni utile provvedimento atto a garantire che i cittadini comunitari non vengano in alcun modo discriminati tenendo anche conto delle modalità di partecipazione e dei relativi costi.

Censimento nei campi nomadi: il Governo ha accolto come raccomandazione l’invito del deputato Gozi (PD) a valutare l'opportunità di assicurare che nessun soggetto diverso da quelli per legge titolati al rilascio della carta d'identità sia sottoposto ai rilievi dattiloscopici e di garantire che la raccolta di dati sensibili, quali le impronte digitali, nei soli casi previsti dalla legge, sia in ogni caso accompagnato dal massimo rispetto di tutte le prescrizioni previste in materia di privacy.
(Raffaele Miele)
Fonte: ImmigrazioneOggi.

giovedì 24 luglio 2008

Sardegna: Contributi ai familiari delle vittime degli incidenti sul lavoro


23.07.08 - lavoro

La Giunta regionale ha stabilito i criteri e le modalità per l'erogazione di un contributo straordinario a favore dei familiari delle vittime degli incidenti sul lavoro in Sardegna. Il contributo erogato, "una tantum", a favore dei familiari della lavoratrice o del lavoratore deceduti a causa di infortunio sul lavoro, è concesso qualsiasi siano la natura e la tipologia di lavoro autonomo o subordinato svolto dalla vittima dell'infortunio e, prioritariamente, nel caso in cui la stessa risulti priva della copertura assicurativa obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. I beneficiari dei contributi sono:
-i familiari superstiti di lavoratori residenti in Sardegna, vittime di infortunio sul lavoro avvenuto in Sardegna, ovvero nel territorio nazionale, ovvero ancora all'estero;
-i familiari superstiti di lavoratori dipendenti di imprese aventi sede legale o sede operativa in Sardegna, vittime di infortunio sul lavoro avvenuto in Sardegna. I benefici sono estesi anche ai familiari dei lavoratori comunitari ed extra-comunitari che lavorano presso aziende operanti nell'Isola. La domanda deve essere inoltrata all'Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale in Via XXVIII Febbraio, 1 – 09131 a Cagliari. L'importo verrà erogato entro venti giorni dalla presentazione della richiesta nella misura massima complessiva di 30mila euro, tenendo conto delle condizioni sociali ed economiche del nucleo familiare degli aventi diritto, con riferimento all' indicatore della situazione economica equivalente (Isee).
Consulta la delibera;
Fonte: Regione autonoma della Sardegna

Traian Băsescu a semnat decretele de înfiinţare a trei noi consulate în Italia


Trei noi consulate vor fi înfiinţate în Italia, la Bologna, Cosenza şi Trieste, un altul la Cracovia, în Polonia şi două în Spania, la Bilbao şi Ciudad Real, preşedintele Traian Băsescu semnând miercuri decretele în acest sens, potrivit unui comunicat remis NewsIn de Administraţia Prezidenţială.

Şeful statului a semnat, miercuri, decretele privind înfiinţarea Consulatului General al României la Cosenza şi Bologna, în Italia, precum şi un decret privind schimbarea rangului Agenţiei Consulare a României la Trieste în Consulat General.
Românii vor avea un nou Consulat General şi la Cracovia, în Polonia, potrivit unui alt decret prezidenţial.De altfel, după decretul dat săptămâna trecută, care viza înfiinţarea unui nou consulat la Zaragoza, miercuri, şeful statului a semnat decrete pentru înfiinţarea a doi nouă consulate în Spania, la Bilbao şi Ciudad Real.
Guvernul României a decis să aloce, la finele lunii mai, 6,5 milioane de euro pentru reforma consulară şi reorganizarea Ministerului Afacerilor Externe.
Până la sfârşitul acestui an urmau să fie deschise trei noi consulate generale la Bilbao, Bologna şi Cosenza, două noi consulate în Ciudad Real şi Zaragoza şi nouă birouri consulare, la Almeria, Bari, Cagliari, Genova, Padova, Rimini, Trento, Veneţia, Verona.
Sursa: NewsIn

Roma: Lascia nipote di un anno solo in casa, romena arrestata da Carabinieri

Cronaca

Roma, 22 lug. - (Adnkronos) - Ha lasciato solo in casa, con una pentola sul fuoco e la finestra del balcone aperta, il nipotino di un anno che aveva il compito di accudire. R.T., romena di 51 anni, e' stata arrestata dai Carabinieri della Stazione Centocelle, a Roma, con l'accusa di abbandono di minore. La donna avrebbe dovuto guardare il nipote mentre i genitori erano a lavoro, ma si era assentata per andare a guardare un anziano. I militari sono stati avvertiti da dei passanti che avevano notato il bimbo in piedi su una sedia, sporgersi dal terrazzo del terzo piano dell'abitazione di via delle Mimose, nel quartiere romano di Centocelle. Il bambino piangeva disperatamente, rischiando di cadere, cosi' un addetto alle pulizie del palazzo, dopo aver suonato a lungo il campanello dell'appartamento senza che nessuno rispondesse ha pensato che chi accudiva il bambino potesse essere stato colto da un malore e ha sfondato la porta, recuperando il bimbo. Giunti sul posto poco dopo, i Carabinieri hanno chiamato i genitori del bambino, entrambi romeni, che hanno spiegato ai militari di aver affidato il figlio alla nonna perche' fuori casa per lavoro, lui a distribuire volantini, lei babysitter. R.T. e' arrivata dopo piu' di mezzora e, trovando i Carabinieri in casa, si e' giustificata spiegando di essere andata ad accudire un non meglio precisato anziano infermo per permettere alla moglie di questi di fare la spesa, lasciando da solo il nipotino che dormiva. Per la donna sono immediatamente scattate le manette. Si trova ora nelle celle di sicurezza della Compagnia Carabinieri Roma Casilina, in attesa di giudizio direttissimo. Il nipote e' stato affidato alle cure paterne.
(Fbe/Zn/Adnkronos)

Senato, approvato decreto sicurezza: cosa cambia

23/7/2008

Con 161 voti a favore, 120 contrari e 8 astenuti, il Senato ha trasformato in legge il decreto sulla sicurezzaEliminata in corso di studio del decreto la norma blocca processi. Mentre la maggioranza ha votato compatta, è stata registrata una differente tipologia di azione: Pd ed Idv hanno votato contro la manovra, l’Udc si è astenuta. Il Pdl, per voce del suo presidente dei Senatori, Gasparri, esprime piena soddisfazione per il traguardo raggiunto parlando di una manovra “storica” volta alla tutela ed alla salvaguardia della sicurezza dei cittadini dopo “l’impotenza” del passato governo. Il provvedimento, continua Gasparri, rafforza ed inasprisce le norme contro l’immigrazione clandestina, contro la criminalità organizzata, contro chi abusa di droghe od alcol e si mette alla guida di un automezzo. I reati di allarme sociale, inoltre vengono resi più rapidi.L’opposizione, per bocca del capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro, esprime parere contrapposto, basandosi, in maniera molto diretta e semplice sull’incostituzionalità di uno dei punti del provvedimento che ancora una volta porrebbe un individuo non uguale agli altri davanti alla legge.
I punti chiave del decreto:

Ambito giudiziario: potranno essere rinviati, fino a 18 mesi i processi relativi ai reati commessi fino al 2 maggio 2006 che non destano allarme sociale. Questo tipo di “pausa” congela anche il periodo di prescrizione del reato. Tale opzione potrà però essere rifiutata dall’imputato. I processi previsti con il rito in direttissima acquisiscono invece priorità: tra di essi i reati per mafia e terrorismo, incidenti sul lavoro e stradali, immigrazione clandestina e reati recidivi con pena superiore a 4 anni.
Per gli stranieri irregolari che delinquono scatta l’aggravante della clandestinità. Tale provvedimento è valido anche per i cittadini comunitari irregolari.

Presenza esercito nelle città: verranno adibite 3mila unità alla difesa delle maggiori città con funzioni di pubblica sicurezza. Il periodo di permanenza è fissato a 6 mesi con possibilità di proroga ad un anno. Le unità dispiegate saranno sotto diretto comando dei prefetti ed affiancheranno le forze dell’ordine. Verrà data priorità all’utilizzo di carabinieri reduci da missioni militari all’estero e da volontari specificatamente addestrati.

Espulsioni: è prevista l’espulsione per gli stranieri condannati ad una pena superiore a due anni e sarà prevista anche per i cittadini comunitari ed extracomunitari non in grado di dimostrare una fonte lecita di reddito. Abolito il patteggiamento in fase di appello.

Inasprimento pene per uccisione pubblico ufficiale: potrà essere condannato all’ergastolo chiunque uccida un rappresentante delle forze dell’ordine in servizio. Non sarà prevista la sospensione della pena per i seguenti reati: atti osceni, violenza sessuale, violenza sessuale di gruppo, furto e delitti aggravati dalla clandestinità, spaccio di sostanze stupefacenti e psicotiche.

Criminalità organizzata: nuove norme relative alla confisca di beni di origine mafiosa. Il procuratore nazionale antimafia potrà avvalersi di maggiori poteri di coordinamento. Niente gratuito patrocinio per i mafiosi già condannati.

Sindaci e prefetti: potranno godere di maggiore potere per ciò che riguarda il mantenimento dell’ordine pubblico e della sicurezza. Il loro lavoro può diventare complementare: nel caso in cui il sindaco non sarà in grado di intervenire il prefetto potrà predisporre il necessario al mantenimento della sicurezza.
Fonte: ExpoBg

Nomadi/ Viminale: espulsioni per motivi di sicurezza o irregolari

Linee guida: eliminare tutti gli insediamenti abusivi

Roma, 22 lug. (Apcom) - Le operazioni di censimento dei nomadi avviate dal governo italiano potranno anche portare ad espulsioni o all'allontanamento degli "extracomunitari irregolarmente presenti", dei "cittadini comunitari per i quali sussistono motivi imperativi di pubblica sicurezza", o dei "soggetti destinatari di provvedimenti restrittivi della libertà personale". Lo si legge nelle linee guida che il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha diramato oggi ai Prefetti di Roma, Milano e Napoli per l'attuazione delle ordinanze con le quali sono stati nominati Commissari delegati per l'emergenza relativa agli insediamenti di comunità nomadi nelle regioni Lazio, Lombardia e Campania.

Lo scopo dichiarato delle attività messe in atto dai commissari è infatti quello di "individuare" chi può "legittimamente abitare negli insediamenti autorizzati" e punta ad "eliminare" dall'altro lato "tutti gli insediamenti abusivi".

Nel capitolo delle linee guida dedicato a "Attività di prevenzione, allontanamenti ed espulsioni", si premette: "I dati disponibili relativamente all'insediamento di comunità nomadi, in specifiche aree del Paese, dimostrano che queste non sono omogenee nella composizione e risultano essere il frutto di un'aggregazione avvenuta nel tempo di soggetti appartenenti a diverse etnìe e nazionalità, anche italiana. Si tratta in prevalenza di persone senza fissa dimora che si spostano sul territorio creando insediamenti abusivi temporanei".

Quindi "gli interventi di ricognizione, identificazione e censimento potranno portare anche alla individuazione di soggetti destinatari di provvedimenti restrittivi della libertà personale, di extracomunitari irregolarmente presenti sul territorio dello Stato e/o cittadini comunitari per i quali sussistono motivi imperativi di pubblica sicurezza o altre circostanze previste dalla legge che ne giustifichino l'allontanamento, per i quali dovranno essere adottati immediatamente i relativi provvedimenti, previsti dalla normativa vigente".

Infatti "l'insieme delle attività è funzionale ad individuare le persone che potranno legittimamente abitare negli insediamenti autorizzati e punta ad eliminare, nel contempo, tutti gli insediamenti abusivi". I dati raccolti che rispondono a finalità di sicurezza, ovvero, riguardino soggetti extracomunitari irregolari, comunitari per i quali sussistono motivi per cui la legge ne prevede l'allontanamento, o colpiti da provvedimenti restrittivi della libertà personale, saranno comunicati, per legge, a polizia e magistratura.

"Per quanto concerne - specificano le linee guida del Viminale - lo specifico trattamento dei dati, in quanto finalizzato alla tutela della sicurezza con gli ordinari strumenti di prevenzione e repressione dei reati, va operato in modo che le informazioni raccolte siano come di consueto indirizzate verso i canali giudiziari e di polizia previsti dalle vigenti disposizioni di legge".
Fonte: Virgilio Notizie.

Immigrazione: Associazione, romeno sconta pena ma è in centro

ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 19 LUG - Nel Centro di identificazione ed espulsione di Lamezia Terme c'e' un cittadino romeno che dopo aver scontato una pena di cinque mesi viene trattenuto in attesa di rimpatrio. Lo rende noto l'associazione Baobab. Ad accertarlo e' stata una delegazione guidata dalla senatrice Daniela Mazzuconi, del Pd, che ha compiuto una visita nel centro. ''Anche questa circostanza - ha sostenuto la parlamentare - meriterebbe una riflessione da parte del Legislatore perche' in questo caso eravamo in presenza di un cittadino comunitario che aveva scontato interamente la sua pena sul territorio nazionale, per cui le modalita' di accompagnamento nel Paese d'origine non possono contemplare, anche per motivi umanitari, il passaggio in un centro come quello di Lamezia, che si configura di fatto come una detenzione attenuata, ma pur sempre una detenzione''.
(ANSA).

mercoledì 23 luglio 2008

Roma: Invito venerdì, 25 luglio - Il sangue è uguale per tutti‏


Campagna di Sensibilizzazione
ll sangue e uguale per tutti
Blood is the same for everyone
Le sang est le meme pour tous
La sang re es igual por todos
Sângele e egal pentru toti

Raccolta di sangue multietnico
Avis Regionale Lazio, con il patrocinio dell'Assessorato alla Sanita' della Regione Lazio ti invita a donare il tuo sangue. Ti aspettiamo
Venerdi 25 luglio 2008
dalle ore 8.00 alle ore 11.00 presso Santa Croce in Gerusalemme a Roma
dove sara' presente l'autoemoteca dell'Avis
La giornata e dedicata agli stranieri che vivono a Roma. Speriamo tu possa comprendere l'importanza di questo gesto e contribuire con noi a risolvere in parte il problemadella mancanza di sangue per la cura di molte malattie.
Come and donate your blood!
Vieni a donare il tuo sangue....
Per info: 06/491340 (centralino)lazio@avis.it / http://www.avislazio.it
Campagna di comunicazione realizzata con il supporto dei Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio Cesv e Spes
In collaborazione con IRFI - Italia Romania Futuro Insieme" onlus
Upter Universita' Popolare di Roma
Assessorato alla Sanita
Regione Lazio Per lo sviluppo e l'integrazione multietnica del paese

CAMPANIE INTERCULTURALA IULIE/AUGUST 2008 "SÂNGELE E EGAL PENTRU TOTI"ROMA
Piazza Santa croce in Gerusalemme
25 luglio 2008
h 8:00 - 11:00
Suntem în plina criza de sânge. Spitalele Regiunii Lazio sunt în deficit cu 20.000 de pungi de sânge.
Asociatia IRFI onlus va fi alaturi de AVIS REGIONALE LAZIO în lunile iulie si august pentru campania "Il sangue e' uguale per tutti" (Sângele e egal pentru toti). Criza de sânge din Regiunea Lazio va fi potolita prin intermediul campaniei interculturale organizate în lunile iulie si august 2008 de catre AVIS REGIONALE LAZIO (Asociatia Voluntari Italieni Sânge din Regiunea Lazio), cu intentia de a sensibiliza opinia publica, atât cea italiana cât si straina din Regiunea Lazio, cu sloganul "Il sangue e' uguale per tutti" (Sângele e egal pentru toti). În orice limba am spune-o... "Sângele e egal pentru toti"! Acest obiectiv face parte din drepturile-datoriile sanctionate nu numai de catre Constitutia Italiana, dar tine mai ales de etica si de morala. "O spunem italienilor, care beneficiaza de cura în spitale, dar si strainilor care traiesc în Italia, au dreptul sa se simta parte onesta si muncitoare a acestei tari, deci au aceleasi obligatii etice ca si un cetatean italian", comunica AVIS Regionale Lazio. "Sunt convinsa ca suntem peste 20.000 de români în Regiunea Lazio: haideti cu totii sa donam sânge! În primul rând, cu aceasta ocazie, ni se ofera posibilitatea sa tinem sub control sanatatea noastra, analizele fiind gratuite; în al doi-lea rând, avem ocazia sa fim în mod concret solidari cu cei aflati pe un pat de spital", spune Simona C. Farcas, presedinta IRFI si viitoare candidata in Parlamentul României pentru românii din diaspora. "Asociatia IRFI (Italia Romania Futuro Insieme) este prezenta în mod activ la recoltarea sângelui si în aceasta campanie de donare, "Sângele e egal pentru toti", alaturi de Cesv.Spes, Centri servizi per il Volontariato nel Lazio (Centre Servicii pentru Voluntariat), Upter, Universita Popolare di Roma (Universitatea Populara din Roma), Amsi, Associazione medici Stranieri in Italia (Asociatia medicilor Straini din Italia) si Anolf, Associazione Nazionale Oltre le frontiere (Asociatia Nationala peste Granite). Contributia Asociatiei IRFI în a contacta si a raspândi informatiile printre donatorii români a fost extrem de pretioasa", spune într-un comunicat realizatoarea campaniei, Paola Palombi. 25 iulie. O zi de recoltare extraordinara din partea comunitatilor straine din Roma .25 iulie, va fi o zi interculturala; recoltarea sângelui "multicultural" se va desfasura în colaborare cu Upter , Amsi, Cesv-Spes, IRFI si Anolf în Piazza Santa Croce in Gerusalemme, la Roma, de la ora 08:00 la 11:00

Comunicato segnalato da Marinela Costan, Ravenna

Friuli - La V edizione del "Festival multietnico di Udine" è dedicata alla Romania e alle etnie di rom e sinti


(2008-07-22)
Parte la quinta edizione di Udine Solidale, 25-27 luglio, il festival multietnico, promosso dall'ALEF – Assoc. Lavoratori Emigrati del Friuli Venezia Giulia, e sponsorizzato da Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine, ARLEF, Fondazione CRUPFriulAdria Credit Agricole, Lega Coop FVG, Autovie Venete S.p.A.
L'evento quest'anno è dedicato alla Romania e alle etnie Rom e Sinti, e che vedrà esibirsi, oltre ai tanti dibattiti, chioschi, stand e cucine etniche, Marracash, Zion Train, Arbe Garbe e tanti altri. Di fronte alle trasformazioni sociali e culturali innescate dai poderosi flussi migratori che stanno sempre più interessando i paesi ad economia avanzata, appare necessario interrogarsi sull’immagine stessa di quest’Italia che muta, partendo dalla dimensione primaria delle città e dei loro territori, in un’indagine scevra da ideologismi e che faccia i conti fino in fondo con le tensioni dei processi in corso.
Un’indagine, quindi, che ci aiuti a ridefinire i contorni del Friuli odierno, partendo dal riconoscimento sia della specificità di questo spazio geografico storicamente coagulo di minoranze linguistiche diverse, sia del ruolo primario nei grandi cambiamenti in atto giocato direttamente dalle persone che in carne e ossa hanno scelto l’Italia come loro nuova “casa”.
La manifestazione giunta alla quinta edizione in un crescendo costante di successi e apprezzamenti, cerca di farsi luogo privilegiato della riflessione, elaborazione e reciproca conoscenza, muovendo dalla sua nuova e significativa collocazione urbana, il Piazzale del Castello. Nato come strumento per finanziare un progetto di cooperazione decentrata (progetto “Handicap-Dakar”), grazie al lavoro e alla partecipazione volontaristica di decine e decine di soggetti diversi, come persone, associazioni ed enti, nonché alla grande risposta offerta dal tessuto cittadino, il festival con il tempo ha assunto propria autonomia ed altra valenza, pur preservando i caratteri originari, allargando il discorso alle molteplici espressioni dell’“essere migrante”. [...]
Quest'anno parleremo di ciò che ha tristemente occupato giornali e tv, della diaspora rumena, di Rom, di Sinti, e del ritorno mortale di veleni mai neutralizzati. A modo nostro, ovviamente. Col sorriso della festa, con i suoi concerti, i suoi chioschi, gli stand, le cucine etniche. E col sorriso di chi non c'è più. A Ron Kosturi, nostro fratello”.
Il programma, ricco di incontri, ha inizio il 25 luglio con il progetto Alef “Solidarietà Friuli-Etiopia”: rapporto ai sostenitori e all’opinione pubblica, al quale seguirà la presentazione di Mamadou va a morire. La strage dei clandestini nel mediterraneo. Di e con Gabriele Del Grande. Introduce: Dott. Rossana Cillo (Università di Venezia)Dopo “Siediti e ascolta. Arrivano i cantastorie. Letture di poesia e prosa migrante”, con: Mihaela Dimitriu (scrittrice rumena), Viorel Boldis (scrittore rumeno), Hamid Barole (scrittore eritreo). Introduce: Raphael d’Abdon (Università di Udine), ci sarà la presentazione ufficiale del festival che si concluderà con la musica dei Marracash.
La seconda serata vede la presentazione di “Un mondo di mondi. Rom e sinti: contro l’esclusione, per la partecipazione”. Con Eva Rizzin (OsservAzione), Nazzareno Guarnieri (Presidente Federazione Rom e Sinti Insieme), Luca Bravi (Università di Firenze), Furio Honsell (Sindaco di Udine). Poi l'incontro con Demir Mustafà (poeta rom) e la presentazione del cortometraggio Chi ha paura di Cappuccetto Rosso? (20 min.), di e con Eva Ciuk (giornalista RAI)Verranno presenti due libri: “Non chiamarmi zingaro. Tutti hanno paura dei rom ma nessuno li conosce.” Di e con Pino Petruzzelli, e “Storia dell’immigrazione in Italia” di e con Luca Einaudi. Introduce Francesco Antonini (giornalista, Il Gazzettino). La serata continuerà all'insegna della musica. L'ultimo giorno, dopo “Accoglienza e convivenza: l’esperienza dei romeni in Friuli” (Padre Ioan (Chiesa di San Cristoforo), Cristina Marginean-Cocis (Pres. ad interim dell’ass. italo-romena “Alba Julia Nord Est”). Modera: Massimo Plaino (CRIN-Univ. di Udine), la Prof. Silvana Schiavi Fachin, Daniel Samba, Dott. Guglielmo Pizzalis. Modera: Paolo Cantarutti presenteranno l'“Immigrazione e lingue minoritarie: il Friuli come luogo di incontro”. “Il mondo a tavola”: presentazione del libro Mondopentola. Tredici racconti di altrettanti scrittori con ricette dei loro paesi d’origine. a cura della CLUF. Con Božidar Stanišic e Gabriela Preda (scrittrice rumena). Introduce: Rocío Luque (Università di Udine). “L’immigrazione romena in Italia” con Mihai Butcovan (scrittore rumeno), Viorica Nechifor (giornalista rumena), Cornel Toma (giornalista rumeno). Modera: Tommaso Cerno (giornalista, Messaggero Veneto). La chiusura vedrà l'esibirsi di altri gruppi musicali. Dietro le quinte del Festival c'è il lavoro di un Comitato Organizzativo composto dal Presidente Alessandro Oria e da un Comitato direttivo (Elvio Ruffino, Abdou Faye, Raphael d’Abdon) e dai vari responsabili d’area:Filippo Giunta e Michele Poletto (musica e spettacoli), Yassine Marroccu (cinema), Raphael d’Abdon (letteratura), Mihai Butcovan, Daniele Pantaleoni e Massimo Plaino (cultura rumena), Mirco Solari (ristorazione), Ariella Fadon (area no profit), Aida Marroccu e Massimo Sbuelz (allestimenti e strutture), Tommaso Michieli (architetto), Alessia Pilotto (ufficio stampa), Fulvio Romanin (sito web), Roland Ndoci (segreteria, promozione e ospitalità), Giulio Di Maria (tesoriere), Antonio Crialesi (grafica). In aggiunta un Comitato Scientifico : On. Laura Balbo (Sociologa, Presidente dell’Associazione “Italia-Razzismo”), Giampaolo Carbonetto (Caporedattore “Messaggero Veneto”), On. Franco Corleone (Sociologo, Garante dei detenuti di Firenze), Michele Di Salvo (Editore), Alì Baba Faye (Presidente del Forum “Fratelli d’Italia”), Giuliano Giuliani (Sindacalista, Giornalista), Armando Gnisci (Professore di Letterature Comparate, Università “La Sapienza” di Roma), Max Mauro (Giornalista, Scrittore), Antonella Riem Natale (Professoressa di Lingua e Letteratura Inglese, Università di Udine), Marco Orioles (Professore di sociologia, Università di Udine), Eva Rizzin (Ricercatrice in cultura romani, Università di Udine), Silvana Serafin (Professoressa di Lingue e Letterature Ispano-Americane, Università di Udine), Laila Wadia (Scrittrice), Leo Zanier (Poeta, Scrittore, Sindacalista). In collaborazione con Rototom Sunsplash, UCAI (Unione delle comunità e delle associazioni di immigrati del Friuli Venezia Giulia), Associazione Italia-Razzismo, CILM (Centro internazionale letterature migranti), Home Page, Redd Army, Ventuno Ent. Con il supporto di Fareast Connection, CDS Mulargia, etrArte, B. T. Antincendio, Jukebox Events, CLUF, Stud x US, La Buca del Castello. Media partners: Radio Onde Furlane (22/07/2008-ITL/ITNET)
Fonte: Italian Network

Gas Plus/ Al via perforazione pozzo Doina in Romania

Con progetto arrivano per Società le prime riserve internazionali

Roma, 22 lug. (Apcom) - Al via la perforazione del pozzo esplorativo Doina, in Romania, partecipato da Gas Plus al 15%. Lo comunica la stessa società, quarto produttore italiano di gas, spiegando che l'operatore Sterling Resouces, procederà alla perforazione del pozzo, Doina-4, ed eventualmente di un altro con lo scopo di confermare la fattibilità economica della produzione.

Le scoperte consistono in due ritrovamenti denominati Doina ed Ana a cui si aggiungono altri obiettivi potenziali ancora da perforare. Doina-4 è il quarto pozzo nell'omonimo campo. Le operazioni di perforazione sono iniziate il 19 luglio e dureranno per circa 20 giorni a cui seguiranno dei test sul pozzo per i successivi 15 giorni successivi. Il pozzo ha lo scopo di confermare le dimensioni del campo di Doina e pertanto permettere la conversione delle risorse stimate certificate in riserve. Il pozzo verrà utilizzato in futuro anche per la produzione. L'eventuale pozzo aggiuntivo sarà perforato nel campo di Ana ed avrà i medesimi obiettivi.

Gas Plus partecipa attraverso un'accordo di farm-in, con una quota del 15%, in due blocchi nel Mar Nero rumeno denominati Midia e Pelican. L'accordo di farm-in con Sterling Resources è diventato efficace dall'11 Gennaio 2008. Il campo di Doina contiene 2 miliardi di metri cubi di risorse di gas, come certificato da un soggetto indipendente, e 5,8 miliardi di metri cubi (0,9 miliardi in quota Gas Plus) per i due campi Ana e Doina insieme. Con la partecipazione nel progetto rumeno, Gas Plus ottiene le prime riserve a livello internazionale, in un'area a grande potenziale e a rischiosità contenuta.

Fonte: Virgilio News

Sicurezza: Maroni, governo del fare, misure in tempi record


(ANSA) - ROMA, 22 LUG - 'Entro fine luglio entreranno in vigore quattro dei cinque provvedimenti del pacchetto sicurezza', promette Roberto Maroni. Alla presentazione del rapporto di Confcommercio, il ministro dell'Interno sottolinea che 'questo e' un governo del fare', come dimostra l caso rifiuti a Napoli. Questa settimana, spiega 'verra' definitivamente approvato il decreto legge, poi entro fine luglio i tre decreti legislativi su ricongiungimenti familiari, asilo e soggiorno stabile dei comunitari.
ANSA

Medicina e chirurgia, e medicina veterianaria, definito il numero dei posti nazionali

Con due decreti datati entrambi 1° luglio 2008, e pubblicati in Gazzetta ufficiale n. 160 del 10 luglio 2008, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ha definito il numero dei posti disponibili a livello nazionale per le immatricolazioni ai corsi di laurea specialistica/magistrale in medicina e chirurgia e medicina veterianaria per l'a. a. 2008/2009. Il numero è fissato per la prima in 7.547 unità e per la seconda in 1.270 unità.
Limitatamente all'anno accademico 2008/2009, il numero dei posti disponibili a livello nazionale per i corsi di laurea specialistica/magistrale in medicina e chirurgia è determinato in 7.945 unità. In particolare, agli studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia sono destinati 7.547 posti e agli studenti stranieri residenti all'estero sono destinati 398 posti.Per conoscere la dettagliata ripartizione del numero dei posti consultare la Tabella allegata al decreto e pubblicata nella citata Gazzetta.Per quanto concerne, invece, la laurea specialistica/magistrale in medicina veterinaria i posti disponibili sono 1.270.In particolare, agli studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia sono destinati n. 1.201 posti ripartiti fra le università così come riportato nella Tabella allegata al decreto. Agli studenti stranieri residenti all'estero sono destinati n. 69 posti secondo la riserva contenuta nel contingente di cui alle disposizioni ministeriali in data 16 maggio 2008 decreto legge n. 85.
22/07/2008
Fonte: La tecnica della scuola.

martedì 22 luglio 2008

Storie olimpiche: Comaneci, la bambina d’oro


Milano, 20 luglio - Nadia Comaneci in romeno significa ginnastica, anzi mito. La 14enne romena infatti stupi` il mondo nell’edizione dei Giochi olimpici di Monterai 1976 vincendo tre ori ed ottenendo, per la prima volta nella storia, il punteggio di 10, il massimo possibile, nelle parallele asimmetriche. Ma la sua storia parte da lontano. A soli 13 anni la Comaneci ottiene i suoi primi grandi successi, vincendo quattro titoli ai Campionati europei del 1975, sotto la guida del prestigioso tecnico Bela Karolyi e della moglie Martha, famosi per i loro metodi di allenamento non certo ortodossi. La preparazione della piccola Nadia (nome che le fu assegnato da un personaggio di un film russo, che significava speranza, ndr) era pero` finalizzata ai giochi di Montreal, dove avvenne la sua consacrazione a ginnasta piu` forte di tutti i tempi.Dopo aver raggiunto il primo 10 (lo fece segnare altre sei volte), la votazione fu ritardata di qualche minuto, perche` i computer erano predisposti solamente per i punteggi fino a 9,99. Lei pero` non si scompose e chiuse quell’edizione dei Giochi con un bottino stratosferico: tre medaglie d`oro (concorso generale individuale, trave e parallele asimmetriche), una d`argento (concorso generale a squadre) e una di bronzo (corpo libero). Rientrata in Patria, dove vigeva il regime dittatoriale di Ceausescu, la Comaneci fu insignita di ogni sorta di onorificenza, ma fece l’errore di diventare l’amante del figlio del tiranno romeno. A quel punto alla farfalla le si piegarono le ali. Dopo essere stata per un po’ lontana dalla pedana, rientro` alle gare alle Olimpiadi del 1980, dove centro` altri successi. Le ali si erano infatti raddrizzate, anche se le violenze (psicologiche ma anche fisiche) subite durante gli anni piu` duri del regime non potevano essere dimenticate. E cosi` la farfalla romena, la bambina d’oro del regime filo-comunista, prese il volo verso l’odiata America. Senza pero` mai rinnegare il proprio Paese.
di Claudio Barbieri
Fonte: Datasport

Ungurii aduc autostrada la graniţa cu România, dar nu au cu ce să o conecteze


INFRASTRUCTURĂ Autorităţile de la Budapesta se mişcă mult mai repede
de Cristian Matache
Tronsonul dintre Nădlac şi Arad s-a împotmolit în exproprieri şi despăgubiri
Începerea lucrărilor pe această secţiune este programată în 2009

După 1990, în România s-au construit în medie 10 kilometri de autostradă pe an
Autorităţile maghiare au inaugurat la finele săptămânii trecute construcţia autostrăzii ce va lega oraşul Szeged de localitatea Nagylac, aflată la graniţa cu România, în dreptul oraşului Nădlac.
Prima porţiune din această autostradă, în lungime de 31,6 km, între Szeged şi Mako, va fi gata în 2010, urmând ca secţiunea dintre Mako şi punctul de frontieră Nagylac/Nădlac de aproximativ 20 de km, să fie extinsă ulterior. Costurile proiectului au fost estimate la 265 milioane de euro, două treimi din sumă fiind asigurate de Uniunea Europeană, iar restul de către autorităţile de la Budapesta. Tronsonul de autostradă Szeged-Nagylac face parte din coridorul IV paneuropean care se continuă în România prin Arad, Timişoara, Lugoj, Sibiu, Bucureşti şi Constanţa. Dacă ungurii mai au puţin şi aduc autostrada aproape de ţara noastră, autorităţile de la Bucureşti sunt încă la stadiul de birocraţie.

Autostrada există doar pe hârtie iar procesul de evaluare a terenurilor şi cel de despăgubire a proprietarilor este în fază incipentă. Acum se aşteaptă finalizarea studiului de fezabilitate undeva prin luna noiembrie. În aceste condiţii, autostrada construită de vecini se va opri mai mult ca sigur în câmp pentru că nu va exista o conexiune cu o corespondenţă românească, cel puţin pentru o bună bucată de timp. Începerea lucrărilor efective este programată cel mai probabil în luna martie 2009, iar termenul de execuţie să se întindă până în 2012. Valoarea tronsonului de autostradă se ridică la aproape 200 milioane de euro.
Ritm de melc
În România ritmul de construcţie al porţiunilor de autostradă este foarte lent. În 2007 de exemplu s-au realizat doar 13,6 kilometri de autostradă, adică centura oraşului Piteşti. Pentru 2008 se vor recepţiona doar 25 de kilometri din viitoarea autostradă Transilvania, ce este construită de firma americană Bechtel. Per total, noi deţinem în jur de 280 de kilometri de autostradă funcţionali, ceea ce înseamnă că ne situăm la coada Europei din acest punct de vedere. Practic, după 1990, în România s-au construit în medie cam 10 kilometri de autostradă pe an. Guvernanţii plănuiesc însă să depăşească cu mult această medie astfel încât până în 2013 să avem 1.800 de kilometri, majoritatea acestora urmând să fie recepţionaţi după 2010.
Sursa: Gandul.

100.000 de copii sunt, oficial, singuri acasă


STATISTICĂ Date îngrijorătoare
de Maria BĂRBULESCU
Numărul copiilor „căpşunarilor” a crescut de 5 ori, în nici 2 ani, 0,34% sunt în grija vecinilor şi doar 3,47% dintre copii beneficiază de protecţie specială
31,15% au ambii părinţi plecaţi

Într-un an şi jumătate, numărul familiilor de români care au plecat la muncă în străinătate a crescut de aproape 5 ori. Astfel, dacă la sfârşitul lui august 2006, în evidenţa Autorităţii Naţionale pentru Protecţia Copilului (ANPDC) figurau 14.470 de familii, la 31 martie a.c., numărul acestora ajunsese la 69.628. În prezent, în evidenţa ANPDC există 98.194 de copii cu părinţi plecaţi la muncă peste hotare, dintre care 31,15% provin din familii în care ambii parteneri au ales să-şi căştige pâinea în Occident.
Comparând aceste cifre cu datele de acum doi ani - când statul avea în evidenţă 20.945 de cazuri - rezultă cu numărul copiilor „căpşunarilor” a crescut de 5 ori. Într-o situaţie delicată se află şi minorii care au un singur părinte susţinător al familiei, plecat din ţară, numărul lor reprezentând 10,5% din totalul cazurilor. 95,67% dintre minori au rămas acasă în grija rudelor până la gradul IV (fraţi, mătuşi, unchi, bunici), fără a beneficia de protecţie specială din partea statului. 0,34% dintre copii au fost lăsaţi de părinţi în grija vecinilor sau a altor persoane, în timp ce 3,47% au fost încadraţi într-o formă de protecţie specială şi sunt îngijiţi fie de asistenţi maternali, de rude sau de persoane apropiate familiei, fie au primit găzduire într-un centru de plasament.

Şcoala şi Poliţia – datoare să ţină evidenţa copiilor „căpşunarilor”
Săptămâna aceasta, o comisie de experţi din cadrul MIRA, MECT şi MMFES se va întruni pentru a discuta pe marginea unui ordin comun, de monitorizare eficientă a copiilor aflaţi în situaţii de dificultate. Vicepreşedintele ANPDC, Gabriella Tonk, ne-a precizat că adoptarea acestui act normativ presupune împărţirea unor sarcini precise între cele trei ministere. Şcoala va fi obligată să raporteze Serviciului Public de Asistenţă Socială (SPAS) cazurile de copii rămaşi fie singuri acasă, fie în îngrijirea altor persoane, decât părinţii naturali. Poliţia, totodată, trebuie să se autosesizeze şi să colaboreze strâns cu acest serviciu.
Referitor la decizia ANPDC de a renunţa, anul trecut – după ce fusese aprobat de Guvern – la programul de interes naţional (PIN) destinat dezvoltării unei reţele de servicii specializate pentru copiii ai căror părinţi sunt plecaţi la muncă în străinătate, vicepreşedintele ANPDC ne-a declarat: „Am înlocuit acest PIN cu înfiinţarea unor centre de zi. Am considerat că nu e normal să-i tratăm pe aceşti copii separat. Asta a fost şi concluzia expertului UNICEF de la Geneva”. Subsecretarul de stat ne-a mai informat că ANPDC a contractat un împrumut de 14 milioane de euro de la Banca de Dezvoltare a Consiliului Europei, bani ce vor fi folosiţi, din toamnă, pentru înfiinţarea a 200 de centre comunitare.
În paralel cu monitorizarea realizată de SPAS, mai multe ONG, printre care şi Fundaţia Soros, au realizat diferite studii din care rezultă că numărul acestor copii este mult mai mare. Mai mult, 20% dintre ei nu se simt iubiţi. Alţii recurg la metode extreme şi, de dorul părinţilor, se sinucid.
„Nu cred că cineva, nici primarul, nici asistentul social, nu poate înlocui părintele. Nevoia de afectivitate a acestor copii nu poate fi suplinită prin servicii sociale. Părinţii, când pleacă, trebuie să fie informaţi cum să plece. Trebuie să vedem dacă aceşti copii au fost consultaţi şi informaţi asupra plecării părinţilor. Dacă copilul este pregătit din timp, el suferă mai uşor despărţirea”, - Gabriela Tonk (vicepreşedintele ANPDC)
Sursa: Gandul.

All'Ombra dei Rom‏

Da: Doriana Goracci (dorianagoracci@hotmail.it )

Cominciamo dai quelli che rubano sporcano delinquono falsificano, cominciamo dai Rom, magari:'per i bambini rom nati in Italia senza i genitori dovremmo garantire la cittadinanza italiana, un nome e un cognome per dargli tutela e identità, una cittadinanza non per ius sanguinis ma per ragioni umanitarie', propone e dispone Maroni. Questo incipit, non è un aborto umanitario-giustizialista estivo, nasce da un parto lontano, quasi un'ottantina di anni fa. In Europa, tra le due guerre, si era sperimentata l'eliminazione, quanto meno il controllo dei 'devianti sociali' e degli stranieri. Tra il 1926 e il 1972, venne condotta l'operazione in Svizzera dell''Enfants de la grand-route'(Bambini della strada maestra): oltre seicento bambini jenisches furono sottratti a forza alle loro famiglie, bisognava 'Sradicare il male del nomadismo'. Quella bella 'Opera di soccorso' era stata fondata e diretta fina dal 1926 , dal dottor Alfred Siegfried , benefattore amatissimo dalla polizia e dalle autorità pubbliche cantonali e comunali: 'Chiunque voglia combattere efficacemente il nomadismo deve mirare a far saltare la comunità dei girovaghi e porre fine, per quanto ciò possa apparire duro, alla comunità familiare. Non esistono altre soluzioni'. Tutto questo è scritto ampiamente nell''Eugenetica in Europa tra le due guerre e oltre' da Laurence Jourdan, per chi voglia approfondire. Settanta anni ci distaccano dal 1938, in cui l'Italia adotta le leggi razziali, il papa Pio XII tace addolorato, la Svizzera chiude le frontiere, in Germania si intensificano le ostilità contro gli ebrei, la conferenza di Evian sui profughi fallisce, l’Italia adotta le leggi razziali. Parlano i giornali svizzeri, come il cattolico Giornale del Popolo, allineato alle posizioni del Vaticano che condanna gli eccessi nazisti, ma vede di buon occhio il fascismo italiano e ritiene opportune le legislazioni discriminatorie, purché vengano prese con cristiana “mitezza e persuasione”. Silvana Calvo, ricercatrice ticinese, pubblicò nel 2005 un interessante studio intitolato “1938, anno infame. Antisemitismo e profughi nella stampa ticinese” in cui spiega come la stampa del Canton Ticino informava l’opinione pubblica sul crescente antisemitismo in Germania e sulla politica confederata in materia di profughi, malgrado alcuni organi della sinistra, come Libera Stampa, Avanguardia e Popolo e libertà, condannavano senza indugi il nazismo e il fascismo.
Ma venendo all'oggi, l'opposizione sinistra al governo, partorì anch'essa un sublime luogo di contonimento che è il Cpt, firmato da una parlamentare, la signora Turco e dall'attuale presidente della Repubblica italiana, Napolitano. Maroni può agevolmente incalzare: 'togliere la patria potestà a chi manda i figli a rubare o a chiedere l'elemosina. Anche solo a vendere rose. Del resto nel 2007 l'allora ministro Rosi Bindi disse che occorreva difendere i minori anche ricorrendo alla rilevazione delle impronte digitali'. Gioco facile quindi anche per un'altra signora del Pdl-An all'Europarlamento, Angelilli , intervenire sul dibattito impronte digitali rom, nell'Aula a Strasburgo, dicendo:'Questo dibattito mi dà l'occasione per rivolgere delle domande alla sinistra, che con tanta solerzia ha pensato di utilizzare il Parlamento europeo per giudicare in maniera del tutto impropria, pretestuosa e preventiva l'applicazione di un'ordinanza italiana che è ancora in fase organizzativa'. La seduta di luglio, si è conclusa con 284 voti favorevoli, 329 contrari e 11 astensioni, e ha bocciato un emendamento presentato da Roberta Angelilli e Mario Borghezio , quello che invitava l’Italia “a continuare il suo impegno per affrontare l’emergenza sociale e umanitaria e per assicurare il ripristino delle condizioni di legalità, sostenendo politiche per la lotta al lavoro nero minorile, allo sfruttamento dei minori e della prostituzione”. Questo accade al Pe. Da noi, in estate, magari afosa come dice la Rossanda, ci si indigna, seduti all'Ombra o sdraiati per l'abbronzatura, a malapena per il Lodo Alfano...Noi dobbiamo delegare: siamo o non siamo, come dice l'onorevole Borghezio, 'cittadini esasperati e nauseati dagli spettacoli da quarto mondo che offrono generalmente i campi nomadi, a cominciare dalla realtà di Roma, frutto dell'assoluto disinteresse di Veltroni'?
Dalla Lotta di Popolo alla Rinascita Nazionale: i dispersi si sono ritrovati nell'appello di Gaudenzi e di Pietro Sella nell'Università d'Estate a Erba, in cui si concluse: 'La genetica insegna che la società multirazziale è irreversibile; la freccia del tempo ha una sola direzione. Se dobbiamo batterci occorre farlo subito. Pentirsi domani di quanto non si è fatto oggi non servirebbe a nulla. Nessuna razza inquinata può tornare quel che era; nessun popolo che abbia perso la sua identità etnica potrà mai più recuperarla. Quel che è certo anzi è che in esso scompare l’interesse all’indipendenza politica e la voglia di difendere, per i figli, quella economica. Un popolo privo di identità diventa un gregge che si muove docile nella direzione voluta dalla Grande Finanza. È per questo che a noi non interessa che gli immigrati siano regolari, istruiti, magari cattolici. La presenza di masse di stranieri inassimilabili per ragioni di razza, di religione, di cultura, è comunque, per qualsiasi Paese, assolutamente negativa. Ci auguriamo che nella prossima legislatura, la Lega e quelle forze che specie al centro e al sud si coaguleranno intorno a Rinascita Nazionale, abbiano i numeri per imporre i grandi cambiamenti necessari'. Se avessero potuto avere gli Endsieg -Vittoria finale, li avrebbero fatti cantare il pezzo Kanaken.Tornando al presente, Maroni ha fatto notare che i bambini rom, vivono in condizioni eccezionalmente disagiate, che necessitano di misure eccezionali: «Quei bambini dividono il loro spazio con i topi. Tutti coloro che protestano dicano se se la sentono di consentire che oggi in Italia in questi campi i bambini convivano con i topi».
Chissà se Maroni ha mai letto MAUS di Art Spiegelmann, disegnatore di sublimi fumetti e topi? Nel suo libro, gli ebrei sono raffigurati come topi, i tedeschi come gatti, i polacchi come maiali, gli americani come cani e gli svedesi come cervi. Mancano gli italiani, ma qualcuno ci sta lavorando a questo 'disegno', anche se è estate e noi possiamo cantare come Fiorello con i Veltroni-boys, sul pulman del Pd, solo pochi mesi fa: ' Arrivederci Roma...ma che ce frega ma che ce 'mporta'...a gennaio c'è tempo. In alto i nostri medi e la croce, magari celtica.
di Doriana Goracci