La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 30 agosto 2008

RO: Absolvenţii de construcţii se pot angaja pe un salariu de pornire de până la 700 de euro


Bani
30 AUGUST 2008
Absolvenţii de construcţii se pot angaja pe un salariu de pornire de până la 700 de euro

Criza de forţă de muncă bine calificată de pe piaţa construcţiilor a dus, inevitabil, la creşterea salariilor oferite de constructori, un proaspăt absolvent de construcţii putând obţine un salariu de până la 700 de euro deşi nu are experienţă. Salariul de bază din construcţii este astfel de două ori mai mare decât cel din alte domenii, cum ar fi cel bancar, cu 250-300 de euro, sau IT&C.
“Lipsa de absolvenţi de studii superioare pe piaţa forţei de muncă din construcţii a determinat angajatorii să ofere salarii de 500-700 de euro încă de la angajare, nivel aproape dublu faţă de cel oferit de către bănci sau pe piaţa de IT&C. În acelaşi timp însă, în cazul celor două domenii menţionate salariul creşte mult mai repede decât în construcţii. În mediul bancar, de exemplu, se poate ajunge la un salariu de 500 de euro în numai un an, în timp ce în construcţii următorul pas, respectiv funcţia de şef de echipă, răsplătită cu circa 1.000-1.500 de euro pe lună, este obţinută mai greu, după măcar trei-patru ani de experienţă în cadrul companiei”, a declarat pentru Gândul Eliza Nechifor, coordonator de marketing şi comunicare în cadrul agenţiei de recrutare a forţei de muncă Manpower.

Construcţiile sunt plătite bine peste tot în ţară
În timp ce în mediul bancar diferenţele de salarii sunt destul de mari în funcţie de oraşul în care te angajezi, Capitala fiind cea mai “generoasă”, în cazul construcţiilor situaţia este diferită, mai ales în cazul marilor firme de construcţii. Faptul că multe companii din această industrie au proiecte în diverse locaţii din România determină ca diferenţele de salarizare între oraşe să fie mai mici decât în cazul altor afaceri, după cum explică Nechifor.
Unele companii de construcţii au început deja diverse proiecte de atragere a tinerilor absolvenţi încă de pe băncile şcolii, model preluat de la state dezvoltate ca Germania sau Franţa şi care a devenit necesar din cauza dinamicii slabe a înscrierilor la facultăţile de construcţii. În timp ce forţa de muncă necalificată sau calificată dar fără studii superioare poate fi asigurată şi din mediul rural sau prin recalificarea angajaţilor, faptul că după ’90 din ce în ce mai puţini absolvenţi de liceu s-au îndreptat spre facultăţile tehnice, printre care şi construcţiile, au creat o presiune foarte mare pe piaţa forţei de muncă, mai ales în contextul în care în ultimii ani piaţa construcţiilor a crescut foarte repede.
Salariile de plecare oferite tinerilor absolvenţi ar putea creşte anul acesta şi anul viitor mai puţin decât până acum, deşi cererea este în continuare foarte mare. Motivul este faptul că anul acesta şi anul viitor facultăţile din România vor fi absolvite de două promoţii în acelaşi timp, ca urmare a adoptării modelului universitar Bologna. (V.R.)
Sursa: Gandul.

Bologna: Disponibili 19 posti per il servizio civile

IL BANDO

Possibilità di presentare la domanda di partecipazione al bando per la selezione di volontari per il servizio civile regionale emanato dalla Provincia di Bologna, scade il 12 settembre alle 14. L'inziativa, rivolta a giovani fra i 18 e i 28 anni, comunitari e stranieri in regola

Bologna, 29 agosto 2008 - Scade il 12 settembre alle 14.00 il termine per presentare la domanda di partecipazione al bando per la selezione di volontari per il servizio civile regionale emanato dalla Provincia di Bologna. L'inziativa, rivolta a giovani fra i 18 e i 28 anni, comunitari e stranieri in regola con il permesso di soggiorno, rende disponibili 19 posti e 6 progetti in ambito sanitario, culturale, formativo e assistenziale, per un impegno di 20 o 25 ore settimanali e una durata di 10 o 12 mesi.
Ai volontari selezionati spetta un contributo economico di 360 euro al mese (per chi svolge un servizio da 25 ore settimanali) o 288 euro al mese (per chi svolge un servizio da 20 ore alla settimana). I giovani interessati potranno presentare una sola domanda direttamente all'ente che ha proposto il progetto, utilizzando i moduli on line scaricabili dal sito http://www.serviziocivile.provincia.bologna.it./
Fonte: Il Resto del Carlino.

venerdì 29 agosto 2008

Actorul Adriano Giannini trece de la Madonna la Dolina


Dupa ce a facut furori in rolul de macho interpretat in Swept Away (Naufragiati), unde impreuna cu Madonna a format un cuplu de senzatie, actorul italian Adriano Giannini revine pe marile ecrane cu filmul Dolina, o co-productie semnata Ungaria-Romania, care poate fi vizionata, din 29 august, la Hollywood Multiplex si Movieplex.

Selectionata la cea de-a 42-a editie a Festivalului International de Film Karlovy Vary, "Dolina" reprezinta cea mai recenta creatie a celebrului regizor Zoltan Kamondi, al carui vast palmares cuprinde si o nominalizare la Globul de Aur, pentru filmul Kisertesek.

Cu o distributie internationala, "Dolina" aduce pe marile ecrane, pe langa nume celebre ale cinematografiei unguresti: Piroska Molnár, János Bán, si actori romani consacrati: Coca Bloos si Ioana Abur, detinatorul rolului principal fiind actorul italian Adriano Giannini (Swept Away si Ocean’s Twelve).

Actorul Adriano Gianinni O alegorie bizantina despre un regim despotic care si-a propus sa controleze un catun adormit din centrul Europei – filmul Dolina (in regia lui Zoltan Kamondi) - este una dintre cele mai captivante productii de calibrul legendarului film Brazil, in regia lui Terry Gilliam.

In viziunea publicatiei Variety, Kamondi realizeaza cu succes o lume a intrigii si tradarii, o lume la fel de putreda ca si gunoiul care o inconjoara, o opera care nu s-ar fi putut naste fara sprijinul credincioasei sale echipe tehnice: si-au adus o remacabila contributie directorul de imagine, Gábor Medvigy, exceptionalul regizor artistic Gyorgy Arvai precum si costumele suprarealiste realizate de Edit Szücs si Janos Breckl.

Secventa din filmul Dolina In centrul actiunii il vedem pe Gabriel Ventuza (Adriano Giannini), care intr-o zi primeste o comanda din partea fratelui sau mai mare, chiar inainte ca acestuia sa i se garanteze eliberarea din inchisoare timp de o zi. Gabriel trebuie acum sa calatoreasca pana in micul orasel din estul Europei, Bogdanski Dolina, locul copilariei sale, pentru a exhuma ramasitele tatalui sau, faimosul escroc Victor Ventuza. Nevoit sa-si lase in urma viata “lipsita de evenimente”, prioritatea lui Gabriel este acum indeplinirea noii misiuni.

Filmul reprezinta o viziune suprarealista a vremurilor nesigure de tranzitie, generate de schimbarea sistemului politic est-european, ilustrand maniera in care un mic burghez inofensiv venit din vest se transforma intr-un escroc fara scrupule.

O productie semnata Honeymood Films (Ungaria) si Media Pro Pictures (Romania), filmul Dolina va avea vizionarea de presa miercuri, 27 august, cu incepere de la ora 10.30, la CinemaPRO.
Fonte: Apropo.Ro

CFR Cluj cu Chelsea, Roma şi Bordeaux, iar Steaua cu Lyon, Bayern şi Fiorentina,


CFR Cluj va întâlni formaţiile Chelsea, AS Roma şi Bordeaux în Grupa A a Ligii Campionilor, în timp ce Steaua va face parte din Grupa F, alături de Olympique Lyon, Bayern Munchen şi echipa lui Adrian Mutu, AC Fiorentina, s-a stabilit, joi, în urma tragerii la sorţi care a avut loc la Monte Carlo.

Chelsea, AS Roma şi Bordeaux sunt vicecampioanele Angliei, Italiei şi, respectiv, Franţei.

Olympique Lyon şi Bayern Munchen sunt campioanele en-titre ale Franţei, respectiv Germaniei, în timp ce Fiorentina a terminat pe locul patru în prima ligă italiană, în sezonul trecut.

CFR Cluj, campioana României la fotbal, s-a calificat direct în grupele Ligii Campionilor, iar vicecampioana Steaua a ajuns în această fază a competiţiei în urma unui tur preliminar, în care a trecut de campioana Turciei, Galatasaray, după 2-2 la Istanbul şi 1-0 la Bucureşti.

Steaua s-a calificat în grupele Ligii Campionilor pentru a treia oară consecutiv, însă CFR Cluj este o debutantă în principala competiţie a cluburilor din Europa. Totodată, România are în premieră două echipe în grupele Champions League.

Faza grupelor se va desfăşura în perioada 16-17 septembrie - 9-10 decembrie.

Primele două clasate se califică în optimile Ligii Campionilor, în timp ce ocupanta locului trei va evolua în 16-imile Cupei UEFA.

Grupele Ligii Campionilor stabilite în urma tragerii la sorţi de la Monte Carlo:

Grupa A: Chelsea Londra (Anglia), AS Roma (Italia), Girondins Bordeaux (Franţa), CFR Cluj (România)

Grupa B: Internazionale Milano (Italia), Werder Bremen (Germania), Panathinaikos Atena (Grecia), Anorthosis Famagusta (Cipru)

Grupa C: FC Barcelona (Spania), Sporting Lisabona (Portugalia), FC Basel (Elveţia), Şahtior Doneţk (Ucraina)

Grupa D: Liverpool (Anglia), PSV Eindhoven (Olanda), Olympique Marseille (Franţa), Atletico Madrid (Spania)

Grupa E: Manchester United (Anglia), Villarreal (Spania), Celtic Glasgow (Scoţia), Aalborg (Danemarca)

Grupa F: Olympique Lyon (Franţa), Bayern Munchen (Germania), Steaua (România), Fiorentina (Italia)

Grupa G: Arsenal Londra (Anglia), FC Porto (Portugalia), Fenerbahce Istanbul (Turcia), Dinamo Kiev (Ucraina)

Grupa H: Real Madrid (Spania), Juventus Torino (Italia), Zenit Sankt Petersburg (Rusia), BATE Borisov (Belarus).
Sursa: Mediafax

Spettacolo: 'Parada', film sugli orfani di Bucarest al Lido di Venezia


Venezia, 28 ago - (Adnkronos/Cinematografo.it) - "Questa storia l'ho trovata per caso, leggendo un quotidiano e vedendo un telegiornale. Ho incontrato Miloud, e subito dopo sono volato a Bucarest per rendermi conto di persona della situazione. Li' ho deciso che questo film lo dovevo fare". Nasce da un'urgenza morale 'Parada', primo film italiano in competizione nella sezione Orizzonti ed esordio nel lungometraggio del figlio d'arte Marco Pontecorvo (sui titoli di coda campeggia proprio la dedica al padre Gillo), che racconta la vera storia di un clown di strada, Miloud, mezzo algerino e mezzo francese, e la sua strordinaria avventura con i ragazzi di strada di Bucarest, i "boskettari".

"Il film Parada - dice il vero Miloud nella conferenza stampa di presentazione - non si può scindere dal progetto reale Parada, non avrebbe senso. Quest'opera era importante, al di là dei suoi meriti artistici, proprio perchè testimonia gli sforzi, le difficoltà e i successi di quindici anni di lavoro. Non abbiamo ancora finito: i bambini di strada non sono solo un problema di Bucarest, ma una realta' che riguarda tutti i Paesi, dal Brasile alla Francia".

L'avventura di Miloud, documentata anche nel reportage "Randagi"di Paola Mordiglia edito da Adnkronos libri (nella foto la copertina), comincia nel 1992, quando poco più che ventenne si reca in Romania per "visitarla subito dopo la rivoluzione". E' giovane, idealista e giramondo, ma il suo viaggio non ha al principio un significato umanitario. "E' stato l'incontro con alcune ONG del posto e con le straordinarie persone che vi lavoravano a farmi scoprire questa realtà e un nuovo orizzonte di senso", racconta "il clown- acrobata".

Miloud si avvicina a questi piccoli disadattati, orfani avviati verso la microcriminalità di strada, sniffatori di colla e fragili vittime nella mani di adulti senza scrupoli, li conquista con la magia e l'arte del circo, gli trasmette i ferri del mestiere e dopo appena un anno e innumerevoli difficoltà, costruisce con loro uno spettacolo, Parada (diventato nel 1996 una Fondazione operante ovunque), che costituirà il viatico verso la riconquista di una vita nuova.

"Questa storia ha un potenziale umano incredibile. - dichiara Jalil Lespert, l'attore che ha restituito nella finzione la figura di Miloud - Spero che faccia riflettere le persone, soprattutto in un momento in cui dalla politica arrivano proposte di legge sconcertanti, che richiedono la nostra attenzione". La proposta di legge a cui Lespert fa riferimento è quella che vuole le impronte digitale dei bambini rom, avanzata dall'on. Maroni. Pontecorvo la commenta così: "Se le prendiamo a loro, dobbiamo prenderle a tutti".
Fonte: Adnkronos Ign

Producţie record de vin în România. 30 de sticle de vin pentru fiecare român, în 2008


Producţia de vin de anul acesta va fi una record. Dacă totul merge cum speră culegătorii, la toamnă, în cramele din România, vor fi depozitate peste 600 de milioane de sticle de vin, adică în jur de 30 de sticle, pentru fiecare român.
Culegătorii au intrat în vii, iar cantitatea recoltată pe hectar i-a surprins chiar şi pe specialişti. Patronii podgoriilor sunt mulţumiţi. Cosmin Popescu, director general al "Murfatlar" a declarat: “ Estimăm o recoltă foarte bună pt Murfatlar, de 30 de mii de tone. Faţă de 2007, e o recoltă cu 32% mai mare.” Peste 21 de milioane de litri de vin vor ajunge de la podgoria Murfatlar pe pieţele interne şi externe.
În cealaltă parte a ţării, la Recaş, entuziasmul este ceva mai reţinut. Viticultorii bănăţeni cred că producţia va egala producţia de anul trecut.
Cosmin Popescu a mai spus că şi vremea influenţează semnificativ producţia. “O ploaie f puternică ne-ar crea probleme şi din punct de vedere al costurilor.” susţine acesta.
Ponderea vinurilor româneşti este tot mai mare în consumul românilor şi, în ciuda faptului că hipermarcheturile au fost invadate de vinuri din import, vinul românesc deţine 97% din piaţă.După primele rapoarte, Asociaţia Producătorilor de Vin a comunicat că, la nivel naţional, producţia de vin va fi mai mare, anul acesta, cu aproape 20%. Aceasta înseamnă că în cramele din România vor fi depozitate 630 de milioane de litri de vin, cam 30 de sticle pentru fiecare Român.
Antena3
Adăugat: 29 august 2008

Rumeni in Italia: il bastone e la carota


In Italia, tra 300 e 700 mila persone, quasi tutte donne e rumene, lavorano come “badanti”, assistenti domestiche per anziani o malati. Impiegni spesso “in nero” che il Governo, mentre penalizza l’immigrazione, fa finta di non vedere. Una testimonianza da Salerno.
di maria cerino.
28/08/08

Nicole ha appreso dai telegiornali del 23 luglio la notizia sul Pacchetto Sicurezza. Il giornalista del Tg delle 20.00 della prima rete di Stato diceva: «Introdotto dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni (Lega Nord, ndr) il “reato d’immigrazione clandestina”. Per i clandestini che delinquono la pena è aumentata di un terzo; prevista la confisca della casa affittata in nero a stranieri senza regolare permesso di soggiorno. Può essere espulso lo straniero condannato a più di due anni di carcere; processo per direttissima e condanna dai sei mesi ai quattro anni per coloro colti in flagranza di reato. Stop ai matrimoni di convenienza. Avviato il censimento nei campi rom per mezzo delle impronte».
Low cost lavorativo da Bulgaria e Romania
Nicole, in Italia da un anno, è una badante rumena. Tra le 300 e le 700 mila che le stime sui lavoratori domestici clandestini dicono presenti sul territorio nazionale. Nicole ha compiuto trentun’anni a maggio, ma se inizia a raccontarsi parte da lontano, in una distanza che da Hunedoara, Petrila – la città del carbone, in Transilvania, tra l’Ucraina, Ungheria e Serbia – traduce in chilometri vite e vite di partenze, separazioni e rientri. Accudisce un’anziana paralitica e trascorre le sue giornate in casa, ma nonostante il decreto e il fatto che lavori in nero, non correrebbe alcun rischio: la polizia italiana non pattuglia i giardinetti pubblici alla ricerca di badanti da ammanettare mentre portano i vecchietti a fare la passeggiata pomeridiana.
(rudlavibizon/flickr)
In un Paese che invecchia e un welfare istituzionale manchevole, le donne provenienti dall’Est europeo (Romania e Bulgaria, quasi esclusivamente) rappresentano il “low cost lavorativo” a cui affidare la cura dei nonni non autosufficienti. Fanno, insomma, quel lavoro che pochi italiani sono disposti a fare o che comunque farebbero con retribuzioni più alte; per questo motivo il Decreto Legge portato in aula dal Governo non contempla alcun tipo di provvedimento contro le colf straniere. «Sono partita dopo aver comprato casa. Avevo il mutuo da pagare e i soldi che mi davano ai mercati generali dove lavoravo – 550 nuovi lei, ovvero circa 150 euro – erano pochi». Così il 17 aprile 2007 Nicole è salita su uno di quei pullman organizzati dalle agenzie (un biglietto costa 160 euro) ed è giunta a Salerno (in Campania, ndr), meridione del Bel Paese. Ad attenderla «l’uomo di qua che dà lavoro a noi». Per duecento euro l’ha prelevata alla stazione e portata dove avrebbe cominciato a prestare servizio, a quindici chilometri di distanza. «Sono stata fortunata. Se non avevo subito un posto dove lavorare dovevo dormire a casa sua e pagare dieci euro a giorno», racconta. Ora viene pagata 600 euro al mese che spedisce al figlio rimasto a Petrila: «Qui guadagno quattro volte il mio stipendio del mercato e, in ogni caso, nemmeno quando lavoravo in Romania avevo una copertura assicurativa. Mi trattano bene, non mi lamento».
Rumeno e napoletano: tutto il mondo è paese
Per la vecchia donna di cui si prende cura è diventata Nicoletta, non è più Nicole, come accade alle Anja di diventare Anna o come, qualche anno fa, le ucraine e le polacche finivano per avere i soliti due nomi: Maria ed Olga. Rimane ventiquattro ore in casa accanto all’assistita, le vengono concessi due pomeriggi a settimana di libertà. Il giovedì e la domenica, dopo le 15, tanto la provincia quanto il centro di buona parte d’Italia si riempiono di giovani donne che in gruppo con pantaloni stretch e con le labbra truccate rosa perlato. S’incontrano alle fermate degli autobus e raggiungono dei locali – bar e pub – che si sono adeguati ai nuovi clienti. Offrono birra a prezzi bassi, e mettono musica rumena di cantanti molto simili ai neomelodici napoletani. D’altronde è la stessa Nicole a dire che la dizione rumena è molto vicina a quella del dialetto partenopeo. Anche i venditori ambulanti, insieme ai dvd pirata in italiano, hanno cominciato a vendere copie di film doppiate in rumeno e in bulgaro. Le prime parole della nostra lingua Nicoletta le ha imparate dalla televisione italiana, la domenica; poi ha memorizzato da un volume, che porta sempre con sé, Ghid de Conversatie Roman-Italian, Pentru toti (Guida di conversazione italiano-rumeno per tutti). Alcune espressione che le sarebbero potute venir utili come: “Voi putea ost fel sa ma revan sez pen tru norea dumnea voastra amabilitate”, traduzione a margine: “Potrò così ricambiare la loro squisita cortesia”.
Con il grande consenso ottenuto durante le ultime elezioni politiche dalla Lega Nord, il dibattito sulla questione immigrazione non ha fatto che inasprirsi. La nuova legge è una delle più severe d’Europa, tanto da essersi guadagnata il veto di Bruxelles per la raccolta delle impronte nei campi rom e il disappunto delle organizzazioni umanitarie, del Vaticano, dell’Onu e dei giudici. Ma Nicole non sembra preoccupata: «Per fortuna, ora, c’è l’Europa e posso, presto, tra qualche mese, tornare a Petrila. E intanto la nuova legge non ci dà problemi». In Italia, in un appartamento spartano e con vecchi anziani bisognosi di cure, abitano (vitto e alloggio gratis) gli eurottimisti.
Fonte: Cafè Babel.

Sibiu. Costume de epocă şi lupte între cavaleri, la Festivalul Medieval "Cetăţi transilvane"


Sibiul este în aceste zile gazda festivalului medieval "Cetăţi Transilvane". În deschiderea festivalului medieval de la Sibiu, prinţesele şi cavaleri neînfricaţi au luat cu asalt străzile oraşului. Sute de oameni s-au strâns în Piaţa Mare a oraşului ca să vadă spectacolul. Ziua a fost încheiată cu un concert al germanilor de la In Extremo.
Festivalul va continua joi cu o paradă a costumelor de epocă. Până duminică, în centrul istoric al Sibiului, vor avea loc concerte, spectacole pirotehnice şi lupte între cavaleri.
Antena 3
Adăugat: 28 august 2008

Taierea Capului Sfantului Ioan Botezatorul, zi de post


Taierea Capului Sfantului Ioan Botezatorul, zi de post
In fiecare an, pe data 29 august, praznuim Taierea Capului Sfantului Ioan Botezatorul. Sfantul Ioan Botezatorul s-a nascut in cetatea Orini. Fiu al Elisabetei si al preotului Zaharia, este cunoscut sub denumirea de "Inaintemergatorul", pentru ca a anuntat venirea lui Hristos. Zaharia, tatal sau, era preot al Legii Vechi, din neamul lui Abia, iar mama lui era din neamul lui Aaron si erau rude cu Sfintii Parinti Ioachim si Ana. In timp ce Zaharia slujea la templu in Ierusalim, Arhanghelul Gavriil i-a vestit ca Elisabeta va naste un fiu la batranete si se va chema Ioan.
Sursa: CrestinOrtodox.ro

giovedì 28 agosto 2008

Romeno condannato ed espulso

Prima applicazione del ‘pacchetto sicurezza’ per un cittadino Ue
Romeno condannato ed espulso

28/08/2008

PER LA prima volta un giudice ravennate, con la condanna dell’imputato — un romeno, quindi un cittadino Ue — ne ha disposto l’allontanamento dal territorio dello Stato. Il giudice che ha applicato la misura di sicurezza è Danila Indirli, anche ieri di turno in tribunale, peraltro alle prese con ben sette direttissime. L’imputato è Jonel Olceanu, di 37 anni, condannato a tre anni di reclusione per il furto di un navigatore satellitare dall’interno di un’auto in sosta in piazza Kennedy. L’imputato, difeso dall’avvocato Gianluca Vichi, è stato invece assolto dall’accusa di aver fornito false generalità. Era stato il pm di turno Silvia Ziniti a chiedere l’allontanamento di Olceanu, una volta espiata la pena. Trattandosi di una misura di sicurezza, alla fine della pena dovrà essere valutata in concreto la sussistenza della pericolosità sociale della persona: se verrà accertata, allora scatterà l’allontanamento.
L’‘espulsione’ di cittadini appartenenti all’Unione Europea e che sono stati condannati per reati di una certa gravità, è stato reso possibile con il decreto legislativo del febbraio 2007, modificato e reso più severo dal recente ‘pacchetto sicurezza’.
Olceanu era stato arrestato l’altra notte dalla polizia assieme ad altri due connazionali i quali martedì mattina avevano patteggiato la pena a due anni e due mesi di reclusione con custodia cautelare in carcere. Naturalmente anche nei confronti di Olceanu era stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere; il difensore aveva poi chiesto il processo con rito abbreviato. Al romeno è stata contestata e riconosciuta anche la recidiva specifica infraquinquennale e proprio questo precedente, assieme ad altre condizioni, è stato considerato per valutare la pericolosità ai fini dell’allontanamento.
Fonte: il Resto del Carlino

Cristian David: în scurt timp vom avea libertate de circulaţie deplină în Statele Unite


Românii ar putea să călătorească în SUA fără vize într-un timp relativ scurt, discuţiile instituţionale dintre ţara noastră şi oficialii americani privind vizele, “evoluând pozitiv”. Cel puţin aşa a declarat Ministrul de Interne, Cristian David, joi, la şcoala de vară a Tineretului Liberal.
Ministrul a spus că în cadrul discuţiilor sunt avute în vedere atât poziţia României de stat membru al UE, cât şi cea de aliat NATO, iar eforturile autorităţilor române şi cooperarea cu instituţiile corespondente din Statele Unite relevă o “evoluţie pozitivă”.
În 17 aprilie, Cristian David s-a întâlnit cu asistentul secretarului pentru securitate internă al SUA, Richard Barth, pentru a discuta în ce măsură îndeplineşte România condiţiile pentru a se încadra în programul “Visa Waiver”
În acelaşi timp ambasadorul SUA la Bucureşti, Nicholas Taubman a precizat faptul că Ambasada SUA încearcă să simplifice cât mai mult procesul de obţinere a vizelor, făcându-l deopotrivă mai rapid şi mai accesibil. Ambasada va întreprinde şi acţiuni de informare a populaţiei cu privire la criteriile de includere în programul “Visa Waiver”.
Potrivit ambasadorului american, odată cu intrarea României în UE, rata de refuz în ceea ce priveşte acordarea vizelor pentru cetăţenii români va scădea progresiv. Românii care deţin deja viză de turist pentru SUA pot contribui la scăderea ratei de refuz pentru compatrioţii lor, respectându-şi viza, nelucrând pe teritoriul american şi întorcându-se în ţară la timp.
Antena3.ro
Adăugat: 28 august 2008

Scuola, tornano i voti in pagella. Bocciati col 5 in condotta


Riimmesso anche lo studio dell'educazione civica

Il ministro Gelmini annuncia l'approvazione dei provvedimenti: ''Presto il ritorno del maestro unico alle elementari''. Per contrastare il caro libri: riedizione dei testi ''solo quando è strettamente necessario''.

Roma, 28 ago. (Adnkronos) - "Tre importanti novità per la scuola che inizia il 1 settembre". Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini , al termine del Consiglio dei ministri, ha annunciato così l'approvazione dei provvedimenti che reintroducono lo studio dell'educazione civica, il voto in condotta e i voti accompagnati da un giudizio esplicativo dei risultati ottenuti". La Gelmini ha anche anticipato che presto saranno portati in Consiglio dei ministri dei provvedimenti per istituire il maestro unico alle elementari, sul quale oggi il governo ha già dato "parere favorevole", e per contrastare il caro libri introducendo un sistema che prevede la riedizione dei testi "solo dove è strettamente necessario" e in un arco di tempo definito dai 3 ai 5 anni. A proposito dell'educazione civica, il ministro ha spiegato che l'insegnamento comprenderà anche l'educazione ambientale e l'educazione stradale per "una scuola che abbia al centro la persona con ragazzi al corrente dei propri diritti e doveri".Tra le innovazioni più attese, sicuramente quella che riguarda il voto in condotta: "Farà media e il 5 significherà bocciatura - ha detto la Gelmini - Si tratta di una risposta necessaria e urgente al bullismo". La titolare del ministero di viale Trastevere si è fatta invece sponsor, insieme al ministro dell'Economia Tremonti, del ritorno dei voti. "Serve chiarezza per rispondere all'esigenza di definire il livello di apprendimento, bisogna ripristinare ordine e chiarezza. Si è abusato di giudizi che non sono chiari sui livelli di apprendimento dei ragazzi, per questo con i voti ci saranno dei giudizi esplicativi dei risultati ottenuti".
La Gelmini ha anche anticipato alcuni provvedimenti che verranno approvati in futuro, come il ritorno del maestro unico alle elementari che "risponde all'esigenza e alla necessità di avere un punto di riferimento per i bambini".La novità, ha detto il ministro, sarà prevista nel piano programmatico per la scuola nell'applicazione della Finanziaria. Altro fronte aperto quello del caro libri: "Molti ministri, e in particolare il presidente Berlusconi, vogliono aiutare le famiglie - ha detto la Gelmini - Per questo sarà previsto un forte incentivo del governo per non cambiare i libri se non strettamente necessario. Materie fondamentali, come italiano o la matematica, non cambiano". Il ministro ha accennato anche all'introduzione di un parametro temporale, da 3 a 5 anni, entro il quale "i libri non possono essere cambiati".
Fonte: Adnkronos IGN.

Sedentarismul, grăsimile, alcoolul şi ţigările ameninţă sănătatea românilor


Carnea grasă, alcoolul şi ţigările reprezintă principalele pericole pentru sănătatea românilor. Sunt concluziile Programului de Evaluare a Stării de Sănătate, demarat în urmă cu un an. Ministrul Eugen Nicolăescu spune că românii sunt predispuşi la diabet zaharat, la afecţiuni cardio-vasculare şi la cancer, însă un regim alimentar sănătos şi puţin sport ar face minuni.
Programul de Evaluare a Sănătăţii nu a prins la români. Puţin peste jumătate dintre cei care au primit taloanele expediate de Ministerul Sănătăţii au mers la medic, să-şi facă analizele.
Peste 3 milioane de români prezintă riscul de a face diabet zaharat. Sunt predispuse femeile, în special cele din mediul urban. Afecţiunile cardio-vasculare ameninţă viaţa a 8% dintre românii consultaţi în ultimul an, iar cancerul, în diverse forme, reprezintă un risc pentru 6% dintre cei care şi-au făcut analizele.
Alimentaţia nesănătoasă, consumul de alcool şi fumatul în combinaţie cu sedentarismul reprezintă o adevărată bombă cu ceas, care ameninţă sănătatea şi viaţa românilor. Sub 2% dintre bărbaţi şi mai puţin de un procent dintre femeile care s-au prezentat la medic au declarat că fac sport.
Antena 3
Adăugat: 28 august 2008

La bellissima Mirela è ‘Miss Carlino estate’


Ferrara, 26 agosto 2008 - LA NUOVA reginetta dell’estate ha finalmente un nome: Mituta Mirela Ghita. Un metro e settantaquattro di bellezza e misure mozzafiato, 88-62-90, Mirela ha letteralmente sbaragliato la concorrenza, aggiudicandosi il titolo di «Miss Carlino Estate 2008» con ben 29.177 voti. Originaria della Romania, 22 anni il 31 agosto, Mirela ha un fascino dal sapore esotico: capelli castani e un viso sottile che esalta i suoi bellissimi occhi da gatta. Nel Paese d’origine, si sta per laureare in Lingue ma, da qualche anno, trascorre la maggior parte del suo tempo in Italia. E, precisamente, a Ferrara.

NELLA CITTÀ estense, sta cercando di sfondare nel mondo della moda: «Lavoro come modella — racconta Mirela emozionata — e partecipo a diversi concorsi di bellezza». Sempre cercando, però, di tenere i piedi per terra: «Se non riuscirò a sfondare come modella, vorrei fare l’insegnante di lingue. Mi manca un annetto per terminare gli studi e sono molto giovane: ho tutta la vita davanti». E quale luogo migliore per realizzare questi progetti se non l’Italia? «Adoro questo Paese — spiega la neoeletta Miss Carlino —. Amo l’arte e la natura: le bellissime città storiche, come Ferrara, ma anche la possibilità di rilassarsi al mare o in montagna». Per conservare ciò che Madre Natura le ha generosamente regalato, Mirela pratica molto sport: «Vado spesso in palestra — sorride —, ma amo molto anche ballare e praticare pattinaggio, sia sul ghiaccio che a rotelle».

IN ITALIA, Mirela ha anche trovato l’amore, un giovane ferrarese che l’accompagnerà sabato prossimo sulla passerella del Bagno Paparazzi 242 di Milano Marittima per la sfilata finale. Non ci saranno mamma e papà, che sono rimasti in Romania, ma parenti e amici le saranno vicini col cuore: «Ho mandato mail a tutti — racconta la bella reginetta —, anche in Romania, per farmi votare. A giudicare dal risultato ha funzionato!». Un successo accarezzato per sette lunghe settimane, durante le quali fanciulle provenienti da ogni angolo d’Italia si sono sfidate in una lotta all’ultimo voto. Ora è il momento della realtà, della sfilata e della fascia, ma anche del premio: un viaggio a Sharm el Sheik per due persone in pensione completa, offerto dal tour operato «I Viaggi del Turchese».
MA LO SPETTACOLO non è ancora finito. Anzi, il più bello arriva adesso. Le miss vincitrici delle diverse settimane, che riceveranno in premio un cellulare Vodafone, tutte le participanti di «Miss Carlino estate 2008», ma anche tutte coloro che volessero eventualmente entrare in corsa in extremis, potranno contendersi il titolo di «Miss Carlino Estate in passerella». A emettere il verdetto, una giuria di qualità durante la sfilata di sabato prossimo a Milano Marittima. «Tutte le bellezze che lo desiderano — sottolinea Mario Baldassari, anima dell’evento e proprietario del Bagno Paparazzi 242 —, potranno sfilare per contendersi anche le fasce di ‘Miss Paparazzi 242’, ‘Miss Viaggi del Turchese’ e ‘Miss Vip Master’». Un evento all’insegna della bellezza ma anche dell’abilità: sabato 30 agosto, a partire dalle 17,30, saranno anche premiati i migliori scatti dei fotografi improvvisati che, con le loro «paparazzate», hanno partecipato al «Paparazzo d’Oro».
Fonte: Il Resto del Carlino

Torino: La prima classe di soli stranieri, in una classe tutti immigrati


28.08.2008
Un registro di classe che è meglio del poster-cult di Benetton. Un allievo con gli occhi a mandorla, l’altro con la pelle scura, il terzo biondo, che più biondo non si può: United Colors of School, insomma. Sono quindici gli allievi della 1ª E dell’elementare Fiochetto che entrerà per la prima volta in aula il 15 settembre, a Torino. Quartiere di Porta Palazzo, il più multietnico della città. Quindici, e nessuno di loro è italiano.
Lì, a due passi dalla Mole Antonelliana, e dall’ufficio dell’onorevole Agostino Ghiglia di An (che nel maggio scorso chiese il numero chiuso agli immigrati in classe «non più del 10 per cento, per tutelare gli italiani»), si sta per battere il record dell’integrazione fra i banchi: 15 a zero, mondo al centro.
La squadra - vincente - degli stranieri è così composta: un allievo da Egitto, Nigeria, Congo e Albania. Tre dal Marocco. Altri tre dalla Cina. Ancora un tris dalla Romania. E infine due dalla Tunisia.
Alla scuola Fiochetto del primato si va molto fieri, al punto da aver indetto un concorso fra gli allievi per trovare un logo che raccontasse l’anima di un istituto in cui il 63,4 per cento degli scolari è straniero. Lo ha vinto, nel giugno scorso, una bimba marocchina con un futuro da copywriter. A dieci anni ha saputo scodellare in pochi minuti un’immagine dall’efficacia disarmante: una cartella da cui spuntano i cinque continenti, sorvegliata dallo slogan «Il mondo in uno zaino». La preside, Giulia Guglielmini, pedagogista (e una passione dichiarata per «il fruttuoso incrocio di culture») la osserva compaciuta: «Quando le cose funzionano, e si superano i pregiudizi, si scopre che una scuola in grado di mischiare storie di vita, differenze e contrasti, non può che arricchirti». Lo dice conscia del fatto che fra pochi giorni, magari, dovrà affrontare il problema dell’integrazione al contrario. Fornendo rassicurazioni ad una minoranza che non ti aspetti: quella dei genitori italiani, ché i loro figli in alcune classi sono ridotti a due alunni su quindici. Del resto, non a caso Torino è una delle città italiane più attrezzate per far fronte al fenomeno degli stranieri fra i banchi. L’ultima dimostrazione di questo interesse è una grammatica ad uso di chi italiano non è, commissionata e distribuita dal Comune: «Abbiamo deciso di affidare al professor Salvatore Tripodi - spiega l’assessore all’Istruzione Luigi Saragnese - un manuale costruito su misura sulle esigenze di apprendimento dei cittadini stranieri. Perché un conto sono le regole grammaticali spiegate a chi già possiede gli strumenti linguistici fondamentali. E un conto è spiegare come funziona l’italiano a chi comunica con gli ideogrammi». Saranno svantaggiati sull’italiano gli orientali, ma, come spiega la preside dell’elementare più multietnica di Torino, sono molto più facilitati nell’apprendimento delle scienze esatte e riescono a contagiare della passione per i numeri anche i loro vicini di banco. «Abbiamo organizzato le Olimpiadi della Matematica l’anno scorso - ricorda - e i cinesi hanno lasciato tutti al palo».
La differenza come opportunità dunque, e non come problema. E’ questa la sfida lanciata da questa piccola scuola affacciata sulla Dora, servita da una mensa in cui si preparano perlopiù menu speciali (privi di carne di maiale, per esempio, per i bimbi di religione musulmana). D’altronde oggi, sotto la Mole, il 22% dei neonati ha un genitore straniero, mentre la presenza di studenti di origine non italiana nella scuola dell’obbligo è del 20%. A Torino si contano solo 7-8 scuole elementari che sono sotto il 10%. Spiega l’assessore Saragnese, che di recente ha incontrato le scuole di Porta Palazzo e dintorni dove il 34% di studenti non è italiano: «Qui abbiamo una scuola dell’infanzia comunale con il 95% di stranieri e un nido con il 64 per cento». Aggiunge: «Tra l’altro, una legge degli Anni Ottanta ha eliminato la “zonizzazione”, il criterio in base al quale ci si doveva iscrivere nella scuola più vicina a casa. Oggi, insomma, c’è libertà di scelta».
Ma quali sono i problemi che i bimbi stranieri incontrano anche quando hanno il sopravvento (numerico) sugli italiani? «Spesso conoscono bene la lingua - conclude l’assessore - semmai hanno le stesse difficoltà che avevano negli Anni Settanta i bambini in arrivo dal Sud: sociali, culturali ed economiche».
E dire che, nel frattempo, Benetton ha venduto un mucchio di golfini colorati.

Proposta Ue: frutta e verdura gratis per gli studenti europei




Mercoledì, 27 agosto 2008
Frutta e verdura gratis nelle scuole europee a partire dal prossimo autunno. La Commissaria europea all’agricoltura e sviluppo rurale, Mariann Fischer Boel, annuncia dal suo blog il progetto di uno stanziamento di 90 milioni di euro l’anno per l’acquisto e la distribuzione gratuita di questi cibi.
Il contributo dell’Unione si limiterà al 50 per cento dei costi, ma potrà salire fino al 75 per cento in alcune aree che dispongono di minori risorse economiche.
La commissaria sottolinea come questa iniziativa sia un modo per rispondere al crescente problema dei disordini alimentari dei giovani europei: 22 milioni sono in sovrappeso e più di 5 milioni sono obesi, con un incremento di 400 mila soggetti ogni anno. Nel documento “Reform of the common market organisation for fruit and vegetables” della Commissione europea all’agricoltura e allo sviluppo rurale si parla anche di supporti economici alla distribuzione di prodotti orto-frutticoli anche in altre istituzioni come gli ospedali. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda 400 grammi di frutta e verdura al giorno. La maggior parte dei cittadini dell’Unione europea non raggiunge questa quota nella propria dieta quotidiana, mentre la rispetta solo il 20 per cento dei ragazzi under 11. “Una campagna di promozione importante che va sostenuta e sviluppata”. Così la Confederazione italiana agricoltori (Cia) manifesta apprezzamento e sostegno all’iniziativa lanciata dalla Commissione Ue che, inoltre, potrebbe servire anche a rilanciare il mercato dei consumi, calato nel 2007, secondo le stime della Cia, “del 2,5 per cento nelle vendite di frutta e del 4,2 per cento per verdure e ortaggi freschi”.
La Commissione europea ha presentato il primo testo di regolamento con le linee guida di questa campagna di promozione. In Italia, si è riunito un gruppo di lavoro il 25 luglio scorso che tornerà a incontrarsi nuovamente il 10 settembre. Il testo andrà all’esame del consiglio dei ministri il prossimo 19 settembre. La Commissione redigerà anche una lista dei prodotti da escludere dalla campagna promozionale, mentre i singoli paesi potranno scegliere i prodotti da promuovere all’interno della rosa autorizzata da parte dell’Ue. La commissaria europea all’agricoltura Mariann Fischer Boel ha inoltre dichiarato che si potrebbe riconsiderare la possibilità che frutta e ortaggi non rispondenti ai criteri di uniformità previsti dagli attuali standard per la “categoria A” possano tornare sul mercato per calmierare i prezzi dei prodotti agricoli. La proposta attuale è di eliminare 26 delle 36 norme che impongono limiti a grandezza, forma e peso di frutta e verdura, lasciando i distributori alimentari liberi di decidere su tali parametri. Soltanto dieci norme rimarrebbero in vigore: nello specifico, quelle vigenti su mele, pere, fragole, peperoni, pomodori, nettarine, ortaggi in foglia, uva da tavola, kiwi e agrumi. I funzionari Ue sperano di ottenere un voto favorevole su questo progetto entro l’estate; tuttavia, un gruppo di 17 paesi, Italia in testa, è nettamente contrario al provvedimento.
Fonte: Panorama.it

Romania: Prossime elezioni politiche il 30 novembre


BUCAREST: Il governo romeno ha annunciato che le prossime elezioni politiche si terranno il 30 novembre, a quattro anni dalle precedenti legislative del 2004, conclusesi con l'insediamento di una coalizione di governo di centro-destra. Per la prima volta, i deputati e i senatori romeni saranno eletti in base a un sistema elettorale misto, adottato dal Parlamento lo scorso marzo, che abbina il voto maggioritario a turno unico in collegi uninominali a quello sulle liste.
I piu' recenti sondaggi indicano al primo posto il Partito democratico-liberale (all'opposizione, vicino al presidente Traian Basescu), seguito dai socialdemocratici, sempre all'opposizione, e dai liberali del premier Calin Popescu Tariceanu. Per la prima volta dopo il 1990, le elezioni non si svolgeranno piu' simultaneamente a quelle presidenziali.
Ai sensi della Costituzione modificata nel 2003, il mandato del presidente sale da quattro a cinque anni, quindi le prossime presidenziali si terranno nel 2009

Lavoro stagionale, la carica dei rumeni

LIDO ESTENSI. Cameriera rumena al ristorante, pizzaiolo libanese, donna delle pulizia polacca in albergo, barista pakistano allo stabilimento balneare, impiegata francese nell’ufficio del camping: è così che va il mondo del lavoro stagionale legato alle attività turistiche. Sui Lidi comacchiesi la presenza di stagionali stranieri è sempre più forte. La concorrenza della manodopera italiana è sempre più debole e gli stranieri vanno a occupare i posti lasciati vuoti dai ragazzi ferraresi e di altre regioni.
Ristoranti, alberghi e bagni sono le attività che assorbono più stranieri. Il fenomeno non è nuovo, ma sta assumendo dimensione sempre più significative e importanti come segnala Dario Rondina, segretario dell’Ascom di Comacchio. L’osservatorio dell’associazione (l’Ascom tiene le buste paga di molte aziende) è utile per avere almeno un’idea di quel che sta capitando e di cosa ci attende nei prossimi anni. I dati più recenti dicono che la manodopera stagionale sui Lidi ha raggiunto ormai la soglia del 15-18%; fino a pochi anni si viaggiava al di sotto del 10%, ora gli incrementi sono forti e al momento inarrestabili.
Il panorama che esce dall’ufficio paghe dell’Ascom racconta una realtà composita, costituita da 122 stagionali (lieve maggioranza maschile) di 14 diverse nazionalitàm ma con una netta predominanza rumena, che si è fatta robusta soprattutto dopo il recente ingresso della Romania nell’Unione Europa. Gli stagionali rumeni sono 40 (poco meno del 30% del totale), si tratta di uomini e donne generalmente giovani dediti soprattutto a lavori di fatica, di pura manovalanza o quasi (camerieri, aiuti in cucina); non tutti reggono l’urto, specie tra i maschi i tassi di abbandono sono piuttosto alti. Consistente è anche la componente polacca, che conta 24 persone attive. La componente dell’est europeo si completa con 6 bulgari, 6 ucraini, 4 albanesi, 4 moldavi e 2 cechi (Repubblica Ceca).
Desta una certa sorpresa scoprire che tra gli stagionali vi sono anche quattro giovani donne francesi. Ma il mistero è presto spiegato. Per le straniere d’Oltralpe niente lavori pesanti, fanno incredibilmente le impiegate nei camping. E’ una stagionalità che fa eccezione. I camping, benchè bisognosi di manodopera, fanno meno riferimento al personale straniero per le mansioni più umili rispetto ad altre strutture ricettive e della ristorazione; finchè possono attingono al bacino della manodopera italiana che è mediamente più qualificata.
Il quadro delle presenze straniere si completa con 8 brasiliani, 8 libanesi, 6 marocchini, 4 pakistani, 4 cinesi e 2 iraniani.
Tra i 122 stagionali stranieri registrati dall’Ascom l’unico a svolgere (almeno ufficialmente) una mansione qualificato è un libanese assunto come pizzaiolo. Fino a pochi anni fa era facile imbattersi in egiziani che manipolavano margherite e quattro stagioni, non è che siano scomparsi, semplicemente si sono messi in proprio aprendo loro attività qui o altrove.
Il passaparola all’interno della stessa etnia o provenienza sembra essere la chiave che porta all’assunzione. Non essendo quasi mai necessaria una particolare selezione, trattandosi di lavori non qualificati, anche per l’imprenditore il criterio del passaparola risulta alla fine abbastanza funzionale.
Fonte: L’Espresso

Impresa Steaua, euforia Lăcătuş


Il tecnico dell'FC Steaua Bucureşti, Marius Lăcătuş, non riesce a trattenere l’euforia dopo che la sua squadra ha strappato il biglietto per la fase a gironi di UEFA Champions League battendo 1-0 il Galatasaray AŞ.
Il giorno più felice
"Questo è il giorno più felice della mia vita - ha detto Lăcătuş, che da giocatore ha vinto Coppa dei Campioni, Supercoppa UEFA e 10 titoli nazionali con lo Steaua -. E' il mio più grande risultato come allenatore. Sono felice e orgoglioso".
Rinascimento rumeno
Con il CFR 1907 Cluj già qualificato, la Romania avrà due squadre nella fase a gironi per la prima volta. "Lo Steaua è una squadra che migliora di giorno in giorno - ha spiegato il 44enne Lăcătuş -. Vogliamo fare più punti possibile, ma sappiamo che in Champions League non ci sono squadre deboli".
Statue
Raggiante anche capitan Mirel Rădoi. "Tenendo in considerazione i budget delle squadre rumene e quelli di molte nostre avversarie in Europa, credo che abbiamo fatto un vero miracolo, dovrebbero farci delle statue. Adesso vogliamo ottenere molti punti e - perché no? - qualificarci".
Fonte: Uefa.Com

martedì 26 agosto 2008

Pensionarii români stabiliţi în străinătate vor primi pensia în statul în care locuiesc


Aproximativ 29.000 de pensionari români stabiliţi în străinătate îşi vor primi pensia în statul în care domiciliază. Banii vor fi viraţi în contul bancar declarat la casa teritorială de pensii.Conform legislaţiei comunitare, cetăţenii români care au dreptul la pensie pot beneficia de aceste prestaţii chiar dacă în prezent locuiesc pe teritoriul unui alt stat membru al Uniunii Europene. De asemenea, pentru a asigura egalitatea de tratament între toţi beneficiarii sistemului public de pensii, a fost prevăzută şi posibilitatea plăţii pe teritoriul statelor extracomunitare.Numărul celor care vor beneficia de acest serviciu este de aproximativ 29.000. Dintre aceştia, cei mai mulţi se află în Germania, 10.000. Apoi urmează Austria cu aproximativ 5.000 persoane, Italia cu 3.000, Statele Unite cu 2.000 de oameni şi alţi aproximativ 5.000 de oameni în alte state.
Procedurile de transfer includ două etape: casele teritoriale de pensii vor face transferurile de pensii în valută, în a doua jumătate a fiecărei luni. Apoi, la două zile după ce a fost făcută plata, fiecare beneficiar îşi va putea ridica pensia. Pentru a testa procedurile de transfer, autorităţile din domeniu au efectuat primele plăţi în străinătate încă de luna trecută.
Antena3
Adăugat: 26 august 2008

Crescono le preoccupazioni per la ragazzina scomparsa


Angosciati i familiari: «Non aveva motivo»
2008-08-26

C’È MOLTA apprensione per la scomparsa di Emanuela Cirasela Varga, la ragazzina romena di 14 anni di Castiglione di Ravenna, che non ha dato più notizie di sè da venerdì 22 agosto. Mai l’adolescente aveva avuto comportamenti tali da lasciare pensare a una fuga, nè — affermano i familiari — aveva alcun motivo per farlo. Inoltre la ragazzina ha problemi di salute e anche questa circostanza aggiunge elementi di perplessità e timori sulla vicenda.
La notizia della scomparsa di Emanuela è stata comunicata dai carabinieri della Compagnia di Cervia-Milano Marittima anche alla Procura della Repubblica. Il relativo fascicolo, intestato a ‘atti relativi alla scomparsa di Varga Cirasela Emanuela’, è seguito dal pm Silvia Ziniti, il pm di turno al momento dell’allontanamento.
I carabinieri della Compagnia cervese hanno diramato le ricerche a livello nazionale, ma stanno anche esplorando altri fronti investigativi. «Non tralasciamo alcuna ipotesi» sottolineano gli inquirenti i quali non esitano a manifestare dubbi sulle modalità della scomparsa. Insomma, dalle ipotesi non viene esclusa quella relativa al fatto che la ragazzina non abbia deciso in piena autonomia di non fare più rientro a casa. E’ forse in compagnia di una persona adulta?Interrogativi angoscianti che trovano spazio in uno scenario al cui interno sembra infatti poco plausibile, proprio per via del carattere dell’adolescente, una fuga da casa di propria iniziativa.
Quando è scomparsa, Emanuela Cirasela Varga indossava una maglia azzurra e pantaloni beige. Chiunque l’abbia vista o sia in grado di fornire notizie può mettersi in contatto con i carabinieri di Castiglione di Ravenna (0544950108) oppure con il 112.
Da ieri è impegnata sul fronte delle ricerche anche la Squadra Mobile di Ravenna; l’attuale dirigente supplente, Monica Grazioso, e la ‘sezione minori’ hanno avviato particolari indagini.
Fonte: Il Resto del Carlino

lunedì 25 agosto 2008

Scende dall'auto per fare pipi' e viene investito, muore

(AGI) - Capalbio (Grosseto), 25 ago. - Esce dall'auto per fare pipi', ma nell'attraversare la strada viene investito da un'auto e muore sul colpo. E' accaduto oggi intorno alle 5,30 lungo la strada Aurelia al Km 135, dopo che la vittima, un cittadino romeno di 40 anni, Daniel Rascanu, residente a Roma, dove era diretto con la sua famiglia, aveva deciso di fare una piccola sosta. L'impatto e' stato molto violento. Il romeno ha sbattuto contro il vetro dell'auto che lo ha investito sul lato passeggero ed e' stato sbalzato in avanti per una decina di metri. L'auto, invece, si e' fermata 20 metri dopo l'urto.
Fonte: AGI

I veri romeni siamo noi



Un grup de asociatii romanesti din Italia au contribuit la crearea unui videoclip menit sa promoveze imaginea reala a romanilor din Italia.

Acest videoclip se doreste a fi primul dintr-o serie care va prezenta o comunitate romaneasca bine integrata si care a reusit sa patrunda la toate nivelele profesionale.

Sursa: Vocea Românilor

Dodici mesi di criminalità con i romeni protagonisti

lunedì 25 agosto 2008

Un anno di delitti, lacrime, sangue e cronaca nera all’ombra del Cupolone. Un catalogo di stupri, rapine e omicidi, vite spezzate ed esistenze rovinate per sempre. Fascicoli archiviati e altri ancora zeppi di paragrafi oscuri. Storie tragiche, violente, con un unico fattore comune: i colpevoli sono tutti romeni. Ecco una schematica rassegna dei casi più eclatanti che hanno riempito le pagine dei giornali negli ultimi dodici mesi.
Agosto 2007. Due giorni dopo Ferragosto Luigi Moriccioli, 60 anni, è aggredito e preso a bastonate sulla pista ciclabile di Tor di Valle da due giovani di 19 e 15 anni. Muore all’ospedale San Camillo dopo 40 giorni di agonia. Il 21 agosto, invece, il regista Giuseppe Tornatore viene rapinato nel quartiere Aventino da tre romeni, due maggiorenni e un minorenne.
Settembre 2007. Giorno 26, nel sottopasso della stazione Nomentana un romeno viene ucciso e altri due rimangono feriti. Colpisce la dinamica dell’omicidio: la vittima è fatta inginocchiare prima di essere giustiziata con un colpo alla nuca. Si tratta di un regolamento di conti tra organizzazioni criminali di Bucarest. Due giorni prima la squadra mobile sgomina una banda formata da tre romeni: la loro specialità è quella di aggredire le coppie di fidanzati che si appartano in auto nella zona di Tor Vergata. Si fanno consegnare a suon di minacce e botte telefonini e bancomat e, mentre alcuni prelevano modeste somme di denaro dal più vicino sportello elettronico, il capo-branco violentava le ragazze. Per gli abitanti della zona gli arresti sono la fine di un incubo.
Ottobre 2007. L’Italia si ferma per seguire la triste storia di Giovanna Reggiani, 47 anni, moglie di un alto ufficiale della marina militare. Nei pressi della stazione ferroviaria di Tor di Quinto la donna viene trascinata in una baracca, violentata e gettata in un fosso. È il 30 ottobre. Morirà due giorni dopo. Il responsabile dell’aggressione è Nicolae Romulus Mailat, un romeno di etnia rom.
Dicembre 2007. Nella zona di Giardinetti, una donna di 34 anni viene strangolata dal marito dal quale si stava separando. È il 9 dicembre. Tre giorni prima a Monterosi (Viterbo), ancora violenza tra romeni: due uomini di 29 e 32 anni vengono arrestati per tentato omicidio. L’accusa è di avere ferito a martellate un loro connazionale dopo una lite scoppiata per futili motivi.
Gennaio 2008. Un 17enne colpisce con dodici coltellate il compagno della madre, Florin Codreanu, operaio di 35 anni residente alla periferia di Aprilia. Il movente, dicono gli inquirenti, è la gelosia. Lo stesso giorno, il 5 gennaio, due prostitute romene ventenni vengono uccise con un rasoio da barbiere e due tagli netti alla gola da Marian Negoita, 31 anni.
Aprile 2008. Joan Rus, 37 anni, la sera del 17 aprile accoltella e stupra una studentessa universitaria del Lesotho all’uscita della stazione ferroviaria della Storta, a Roma Nord. La dinamica, per fortuna senza lo stesso tragico epilogo, ricalca per larga parte quella dell’aggressione ai danni di Giovanna Reggiani di pochi mesi prima.
Maggio 2008. Due fratelli di 24 e 21 anni vengono arrestati con l’accusa di tentato omicidio dalla polizia ferroviaria di Civitavecchia. Hanno ferito gravemente a calci e pugni un barbone marocchino di 54 anni. È il 17 maggio.
Luglio 2008. Il 5 luglio un pastore romeno di 26 anni finisce in manette perché ritenuto responsabile dell’assassinio di un agricoltore di 85 anni, ucciso con un taglio alla gola nelle campagne di Monterotondo.
Agosto 2008. Giorno 12, nell’area del mercato nei pressi di piazza Pino Pascali, tra la Collatina e la Prenestina, due romeni con precedenti cercano di violentare una connazionale di 23 anni al quarto mese di gravidanza. Provvidenziale è l’intervento dei residenti della zona, che sentono le grida della giovane ed evitano lo stupro. La notte del 17 agosto Iulian Muscocea, 26 anni, uccide a calci e pugni l’architetto romano Alberto Falchetti, dopo avere consumato con lui un rapporto sessuale. Risale a venerdì notte, infine, l’aggressione di due giovani pastori romeni ai danni della coppia di ciclo-turisti olandesi.

Fonte: ilGiornale.it

Romena- Ravennate miss 'Aquamodel'


Oana Nica, 16 anni, eletta all'Aquafan di Riccione

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 24 AGO - Una ravennate di origini romene, Oana Nica, ha vinto all'Aquafan di Riccione il titolo di 'Aquamodel dell'anno'. La reginetta ora studiera' per diventare modella nell'agenzia di modeling John Casablancas. La giovane, 16 anni, ha battuto in finale altre nove concorrenti. Era approdata alla sfilata scelta tra oltre 400 ragazzi e ragazze. Il 6 settembre Oana Nica partecipera' alle finali nazionali di 'Miss Fotomodella dell'anno'.
Fonte: ANSA

Acqua: Servizi igienici adeguati, lusso per 20 milioni europei

STOCCOLMA: Venti milioni di persone
nell'ambito dell'Unione europea non hanno accesso a servizi
igienici adeguati, con gravi conseguenze sulla loro salute. E'
quanto emerge dalle riunioni della Settimana mondiale dell'acqua
in corso a Stoccolma. I primi ad essere interessati, denunciano
le organizzazioni non governative locali, risultano i Paesi del
blocco dell'Est, nuovi membri dell'Unione, ma casi isolati
esistono anche in Europa occidentale, in Francia, in Irlanda o
ancora nei Paesi mediterranei.
''Pensiamo spesso che in Europa vivano solo ricchi che non
hanno questo genere di problemi'' ha spiegato Sascha Gabizon,
presidente dell'ong ''Donne in Europa per un futuro comune''. In
Bulgaria il 42% della popolazione abita in zone rurali dove solo
il 2% della abitazioni sono fornite di un sistema di fognatura a
scarico diretto. In Romania, 10 milioni di persone vivono senza
canalizzazione dell'acqua e in campagna solo il 15% degli
abitanti hanno a disposizione acqua corrente.
Le conseguenze per la salute sono enormi, considerando che gli escrementi
accumulati nel suolo finiscono nel terreno e inquinano l'acqua
dei pozzi e dei corsi d'acqua circostanti. La stessa acqua che
poi viene impiegata dagli abitanti della zona per lavarsi e
cucinare. Il tasso di nitrati autorizzato e' di 50 milligrammi
per litro e in alcune zone della Romania tocca i 500 miligrammi,
ossia cento volte tanto. Secondo Gabizon, quello dei servizi
igienici e' ''un argomento tabu' per le autorita' locali e
spesso non ne hanno nemmeno coscienza''.
Per i prossimi cinque anni, la Ue ha previsto fondi per 336 miliardi di euro nei Paesi membri piu' bisognosi, di cui 18 miliardi destinati a migliorare
le condizioni igienico-sanitarie. ''Per una soluzione immediata
- conclude Gabizon - sarebbero necessari meno di 480 milioni''.
Altro capitolo quello delle citta', dove un direttiva impone a
quelle con piu' di 10mila abitanti di essere adeguatamente
attrezzate dal punto di vista dei servizi igienici. Questo fa
si' che i fondi, spiega una ong bulgara, vengono indirizzati li'
a discapito delle campagne.
Fonte: Ansa International

Cultura, Mostre: A Roma, "Cucuteni Trypullya", la civiltà dell'antica Europa

Roma, 21 ago. (Adnkronos/Adnkronos Cultura) - Prima collaborazione in campo storico e culturale fra Romania e Ucraina, con uno speciale contributo della Repubblica di Moldavia, per realizzare una grande mostra dedicata all'antica civilta' d'Europa Cucuteni-Trypillya che, secondo alcune ipotesi, sarebbe la culla dei Sumeri se non, addirittura, il luogo della mitica Atlantide. Una civilta', comunque, affascinante e ancora avvolta dal mistero, che sara' protagonista della rassegna allestita a Palazzo della Cancelleria, a Roma, dal 16 settembre al 31 ottobre. Esposti oltre 450 reperti fra i piu' significativi finora emersi dagli scavi e provenienti dai musei e dalle collezioni private piu' importanti dei tre Paesi.

La mostra "Cucuteni-Trypillya: una grande civilta' dell'antica europa" proporra' diverse visioni delle proto-citta' ricostruite dagli archeologi, le cui prime testimonianze risalgono al V millennio a.C. Considerata la prima grande civilta' d'Europa, quella di Cucuteni-Trypillya e' emersa e si e' sviluppata nelle regioni che oggi fanno parte di Romania, Ucraina e Repubblica di Moldavia. Il nome e' stato scelto dagli archeologi in base a quello dei villaggi Cucuteni in Romania, vicino a Iasi, e Trypillya in Ucraina, vicino a Kiev, dove, alla fine del XIX secolo sono state rinvenute per la prima volta ceramiche dipinte e statuette di terracotta.
Fonte: Adnkronos Ign

sabato 23 agosto 2008

Tentato stupro a Milano: italiano scappa, ragazza salvata da un romeno


cristina.bassi
Venerdì 22 Agosto 2008

La serata di Annalisa (il nome è di fantasia) poteva finire nel peggiore dei modi. La sua brutta avventura, cominciata dopo il giro dei locali di corso Como, sarebbe diventata tragedia se non fosse stato per l’intervento di Adrian, un ragazzo romeno di 18 anni che l’ha salvata dall’aggressione di un marocchino 37enne. Forse lei contava sull’aiuto del ragazzo biondo, un italiano, con cui stava passeggiando in via Viganò, poco lontano. Ma l’accompagnatore di Annalisa è scappato appena il marocchino le ha messo le mani addosso.
Sono le 3 della scorsa notte. Annalisa, ragazza italiana di 30 anni che vive nell’hinterland, conosce in un locale un giovane italiano e accetta di andare con lui a fare una passeggiata. I due si allontanano di pochi metri dalla zona dei pub e delle discoteche, ma subito si avvicina uno scooter con abordo due uomini. Uno scende e strappa la borsetta della donna, passandola al complice che fugge. Lo scippatore rimane e aggredisce Annalisa, palpandola ovunque. È in questo momento che l’accompagnatore della ragazza si dilegua.
La 30enne è nelle mani del suo aggressore. Viene trascinata in un giardinetto, buttata a terra. Urla e cerca di divincolarsi, ma non riesce ad avere la meglio sul marocchino che le sta sopra, le alza la gonna e cerca di stuprarla. Adrian, che è senza fissa dimora e ha precedenti per droga e lesioni, si accorge della colluttazione. Affronta il marocchino e gli grida di lasciar andare la ragazza. L’aggressore, completamente ubriaco, la solleva da terra cercando di trascinarla via. Il giovane romeno non ha il cellulare e chiede di chiamare la polizia a un italiano che nel frattempo si è affacciato alla finestra.
Adrian tiene d’occhio il marocchino e Annalisa fino all’arrivo della volante Garbibaldi-Venezia. Gli agenti del turno di notte ammanettano Rachid C., clandestino con precedenti per furto e già colpito in passato da un decreto di espulsione, e lo portano in questura mentre lui urla che non ha fatto nulla e prende a pugni l’auto della polizia. Annalisa viene accompagnata alla clinica Mangiagalli, dove i medici le curano le ferite alla schiena e a un ginocchio e la assitono per il forte choc. Per un po’ dovrà fare i conti col ricordo di una notte terribile. E con la certezza di aver scampato il peggio.
Fonte: Panorama.it.

venerdì 22 agosto 2008

Naţionala României suferă fără Mutu şi Chivu


Evidenţă Deşi selecţionerul Piţurcă nu vrea să recunoască
Naţionala României suferă fără Mutu şi Chivu
de Adrian MACARIE 22 AUGUST 2008
Mircea Sandu: „E nevoie de un jucător care să aibă sămânţa aceea de a face diferenţa”
România a învins greu Letonia, cu 1-0, printr-un gol reuşit de Dică din penalty

România a învins cu 1-0, gol Dică, din penalty, în minutul 52, modesta echipă a Letoniei în amicalul de la Urziceni, dar, dincolo de rezultat, care este bun pentru palmares, selecţionerul Victor Puţurcă ar trebui să-şi facă griji.
Naţionala noastră a jucat modest, a avut puţine ocazii şi a fost evidentă lipsa de pe teren a unor titulari, în special a lui Mutu şi a lui Cristi Chivu.

Sandu îl regretă pe Mutu
Mircea Sandu, spre exemplu, nu s-a ferit să spună că echipei noastre îi este mult mai greu fără Mutu, deşi selecţionerul Piţurcă nu scapă nici o ocazie să spună că România nu stă în Mutu sau în Chivu: "Sunt mulţumit şi de echipa mare, şi de tineret, au fost rezultate bune, unul de moral, unul de clasament. Să sperăm că la 6 septembrie, în primul meci de calificare, să fie tot o victorie. Nu m-a dezamăgit echipa României, am avut debutanţi, schimbări de poziţii în teren, iar în repriza a doua chiar am dominat. Fără Mutu e greu. A fost Hagi, a venit Mutu, mâine vine altul. E nevoie de un jucător care să aibă sămânţa aceea de a face diferenţa.
Costea a avut două, trei acţiuni bune".
Şi pentru Gigi Becali evoluţia lui Costea este promiţătoare, patronul din Ghencea fiind de părere că olteanul este înlocuitorul perfect pentru Mutu: " Mutu e un jucător de valoare, dar prea se exagerează că nu putem fără el. Să vedem şi fără Mutu. Costea, în viitorul apropiat, o să fie peste Mutu. Aş vrea eu să-l iau la Steaua, dar nu pot".
În fine, Dan Petrescu, antrenorul celor de la Urziceni, spune că nu trebuia să avem atât de multe probleme cu Letonia, iar jucătorii care sunt chemaţi la lot ar trebui să fie în stare să facă uitată lipsa vedetelor Mutu şi Chivu: "Adversarul ne-a pus probleme mai mari decât ne aşteptam. Nu ştiu dacă cu Mutu şi Chivu era altfel. Oricum n-ar fi trebuit să se vadă lipsa lor. Speram la un joc mai bun, la goluri mai multe, dar e bună această victorie. Poate terenul nostru le aduce noroc şi mai vin aici. Cred că Mara şi Galamaz meritau să fie şi ei la lot, dar nu sunt selecţioner şi, apoi, sunt deja 22 de milioane. Trebuie să ne fie frică de oricine, fotbalul nu e matematică”.
Sursa: Gandul.info

Două familii de tineri au deschis la Iaşi prima librărie-cafenea


Două familii de tineri au deschis la Iaşi prima librărie-cafenea
Joi, 21 August 2008

Două familii de tineri din Iaşi au investit în prima librărie-cafenea din capitala istorică a Moldovei, un proiect pentru care au apelat la credite bancare pentru a-l transforma în realitate.

Potrivit lui Bogdan Ojog, unul dintre iniţiatorii proiectului, ieşenii interesaţi de ultimele cărţi apărute şi nu numai au la dispoziţie un salon special amenajat în interiorul librăriei unde pot servi o cafea, un suc natural sau o limonadă în timp ce răsfoiesc cartea care-i interesează.
"Mulţi îşi ridică în ziua de astăzi baruri, dar barurile rămân doar baruri. Ideea a plecat de la dorinţa de a investi în cultură. Important este pentru noi că facem ceea ce ne place şi, drept să vă spun, ai nevoie de un gram de curaj şi nebunie să investeşti în ziua de astăzi în cultură", a declarat, marţi, pentru NewsIn, Bogdan Ojog.
Conform acestuia, conceptul librăriei-cafenea vrea să elimine tipul de librărie comunistă şi să ofere celor interesaţi o clipă de relaxare în timp ce caută cartea pe care şi-o doresc.
"În ţară nu am văzut astfel de librării, dar în Franţa sau Irlanda există. De acolo am practic şi conceptul", a mai spus Bogdan Ojog.
Librăria-cafenea "Avant Garde" s-a deschis în centrul Iaşului, pe strada Alexandru Lăpuşneanu, într-o zonă importantă din punct de vedere cultural şi istoric, aici aflându-se o serie de anticariate şi magazine de antichităţi, cât şi Muzeul Unirii.
Sursa: NewsIn

RO: Trei dintre parcurile Capitalei sunt dotate, începând de astăzi, cu internet wireless


Bucureştenii pot naviga gratuit pe web în intervalul orar 10:00 – 20:00, în trei dintre parcurile Bucureştiului.
Bucureştenii pot naviga gratuit pe web în intervalul orar 10:00 – 20:00 în următoarele locaţii: Parcul Herăstrău (Zona Expo Flora, Grădina Japoneză), Parcul Cişmigiu (La Cetate) şi Parcul Tineretului (Intrarea principală în parc, lângă Liceul Şincai). Având în vedere că reţeaua pusă la dispoziţie bucureştenilor este una publică, site-urile cu conţinut nerecomandat minorilor sunt restricţionate.În zonele cu acoperire wireless, Administraţia Lacuri, Parcuri şi Agrement, care gestionează cele trei parcuri, a amplasat deja bănci şi mese de lucru.“Este una dintre promisiunile făcute bucureştenilor şi ne ţinem de cuvânt. Amenajarea acestor locaţii nu presupune nici mari cheltuieli, nici tehnologii extraordinare, trebuie doar să vrei să construieşti şi să-ţi pese. Internetul a devenit o necesitate mai ales pentru tineri şi cred că într-un oraş cu aproximativ 250.000 de studenţi şi tot atâţia elevi nu poţi să ignori ceea ce tinerii îşi doresc.”, spune Primarul General al Capitalei Sorin Oprescu.
Sursa: Realitatea.net

Le dritte di Altroconsumo: Sicurezza nei cieli, volare più alto

Adesso forse ci sarà chi approfitterà di questa triste occasione, l’incidente all’aeroporto di Madrid, per dare addosso alle compagnie low cost, organizzando il solito teorema: basso prezzo, scarsa sicurezza.

Come dimostrano le statistiche, le compagnie a basso costo risparmiano su numerose voci di spesa, ma non certo sulla sicurezza. Anche a volerla vedere cinicamente, questa garanzia è un indispensabile punto di forza che qualunque compagnia deve avere per continuare a volare. Senza questo requisito, ogni strategia aziendale (prezzi contenuti, procedure snelle, brevi soste in aeroporto, servizi ridotti al minimo…) fallisce.
I voli low cost, come del resto i viaggi con le compagnie tradizionali, sono sottoposti a precise regole di sicurezza internazionale. Da qualche anno è stata istituita l‘Agenzia europea per la sicurezza aerea, l’Easa, che informa periodicamente gli Stati membri circa le problematiche del settore. Negli ultimi anni sono stati uniformati maggiormente i criteri internazionali che garantiscono la sicurezza di chi viaggia in aereo. In Italia è l’Enac l’ente che esercita il controllo sul trasporto aereo. La Comunità europea nel frattempo ha stilato una lista nera delle compagnie considerate non sicure, aggiornata ogni tre mesi, alle quali è vietato volare nei cieli comunitari. Per ora l’elenco comprende soprattutto compagnie africane e asiatiche. Questi aerei non possono volare in Europa, ma non possono neanche essere usati dai tour operator per tratte extraeuropee.È stato fatto qualche passo anche verso una maggiore trasparenza del settore. Dal 2006 i viaggiatori hanno il diritto di essere informati sull’esatta identità del vettore aereo per cui pagano il biglietto, anche se si tratta di charter inseriti in pacchetti turistici.Nessuna sbavatura, dunque? Non è esattamente così. Del resto non lo nasconde la stessa Commissione europea, che sul proprio sito segnala che “non è stato possibile procedere a un controllo completo in tutti i casi, data la totale assenza di informazioni per alcune compagnie aeree, che potrebbero operare ai limiti o al di fuori del sistema di aviazione internazionalmente riconosciuto”. Inoltre va detto che le autorità degli Stati membri della Comunità europea fanno ispezioni limitate solo ai velivoli delle compagnie che volano da/verso aeroporti comunitari, e i controlli sono fatti a campione, visto che con l’attuale traffico dei cieli non sarebbe possibile esaminare tutti gli aerei che atterrano in ogni aeroporto. In altre parole c’è il rischio che la lista nera delle compagnie bandite non sia del tutto completa. Senza voler screditare la legislazione comunitaria e nazionale, Altroconsumo da tempo chiede standard più elevati di sicurezza per i velivoli e maggiori garanzie sui controlli delle strutture aeroportuali, da intensificare nei momenti critici come le settimane di alto traffico vacanziero.
Fonte: Panorama.it.

Tennis, WTA New Haven: Pennetta eliminata dalla Cirstea

La la tennista brindisina va ko in tre set

Flavia Pennetta viene sconfitta dalla romena Cirstea nel secondo turno del torneo di New Haven. Sul cemento statunitense... (continua)
Flavia Pennetta viene sconfitta dalla romena Cirstea nel secondo turno del torneo di New Haven. Sul cemento statunitense (montepremi di 708.000 dollari), la tennista brindisina, testa di serie numero 6, e' stata battuta agli ottavi di finale dalla romena Sorana Cirstea: dopo aver vinto 6-3 il primo parziale, la Cirstea si e' aggiudicata 6-4, 6-3 gli altri due set. Avanzano tutte le altre favorite tranne l'elvetica Schnyder, messa ko in tre set da Amelie Mauresmo. Doppio 6-4 della numero uno del tabellone Chakvetadze all'australiana Dellacqua, mentre la slovacca Hantuchova fatica un po' di piu' contro la Govortsova. I risultati del secondo turnoChakvetadze (RUS, 1) b. Dellacqua (AUS) 6-4, 6-4Daniela Hantuchova (SVK, 2) b. Olga Govortsova (BLR) 36 62 76Ame'lie Mauresmo (FRA) b. Patty Schnyder (SVI, 5) 64 36 76Sorana Cirstea (ROM) b. (6) Flavia Pennetta (ITA, 6) 36 64 63Alize' Cornet (FRA, 7) b. Katarina Srebotnik (SLO) 76 46 62Caroline Wozniacki (DAN) b. Monica Niculescu (ROM) 63 63
Fonte: DataSport
21/08/2008

Calcio e vino: Mutu "battezza" una nuova etichetta nel senese


Nome e maglia a tre prodotti dell'azienda agricola San Felice di Castelnuovo Berardenga
20.08.2008
Non è solo il calcio l'unica passione del "fenomeno" viola, Adrian Mutu. L'attaccante rumeno è sempre più attratto dal mondo del commercio e degli affari, forse anche per limitare almeno in parte i danni economici dovuti alla maxi-multa post-Chelsea. Dopo alcune incursioni nella moda e nel mondo dello spettacolo, il numero dieci della Fiorentina si è lanciato in una nuova attività, questa volta nel settore enologico. Vini personalizzati.Mutu ha deciso, infatti, di battezzare con il proprio nome ed il proprio numero di maglia - il 10 - ben tre prodotti di una nota fattoria di Castelnuovo Berardenga, l'azienda agricola San Felice. Sembra che la passione del giocatore rumeno verso l'enologia senese sia scoppiata da quando si è trasferito nel capoluogo toscano e ha cominciato ad assaporare i vini della nostra regione. Da qui l'idea di investire in uno dei prodotti d'eccellenza del made in Tuscany. Nasce, quindi, la nuova etichetta "Il 10 di Adrian Mutu": vermentino bianco, il rosato e il rosso. Le bottiglie da 750 costano 11 euro e sicuramente venderanno bene, considerato il nome di richiamo del calciatore, leader indiscusso della Fiorentina. La speranza dei tifosi è ora di brindare, magari proprio con il vino di Adrian, ai successi della "Viola" in campionato e in Champions.
Fonte: intoscana.it

giovedì 21 agosto 2008

Romania, locul 2 in UE la evolutia veniturilor medii


Romania se afla printre tarile cu cea mai buna evolutie a salariilor la nivelul Uniunii Europene. Potrivit unui raport al Observatorului pentru Relatii Industriale Europene, tara noastra a ocupat anul trecut locul doi in Uniunea Europeana in functie de ritmul de crestere a veniturilor medii si locul al treilea in funtie de majorarea salariului minim. In ceea ce priveste evolutia veniturilor trecute in contractul colectiv de munca, Romania a fost intrecuta numai de tarile baltice, anunta The Money Channel.
Veniturile medii ale romanilor au crescut anul trecut cu 7,1% fata de 2006, pana al nivelul de 25,5%. Aceasta dezvoltare i-a asigurat tarii noastre pozitia a adoua in cadrul Uniunii Europene, potrivit unui raport al Observatorului pentru Relatii Industriale Europene. Media avansurilor veniturilor a variat in 2007 de la 32,3% in Letonia pana la 0,7% in Malta.
Numai patru din cele 27 de state membre ale Uniunii au inregistrat anul trecut ritmuri de crestere a veniturilor formate din doua cifre.
Raportul face referire si la evolutia salariului minim. Tara noastra se plaseaza pe locul trei la nivelul Uniunii in functie de acest indicator, cu o crestere de 18,9%. Cele mai mari evolutii ale salariului minim au fost inregistrate anul trecut in Letonia, cu un avans de 33,3%, si in Estonia, unde s-a inregistrat o majorare de 20 de procente.
La nivelul Uniunii Europene, salariul minim a avansat cu 8,1% in 2007, peste ritmul de 6,2% inregistrat in 2006.
Sursa: Romania Libera

Canicattì, 7 mila romeni chiedono luogo culto ortodosso


Canicattì - 20/08/2008
di Carmelo Vella

Sino a qualche anno fa gli immigrati a Canicattì erano prevalentemente di nazionalità tunisina e marocchina, quindi di religione musulmana. Oggi, invece, i dati parlano di una massiccia presenza: sono circa 7mila le persone provenienti in maggior parte dalla Romania. Per questo motivo nell'ultimo periodo è nata l'esigenza che anche Canicattì possa avere un luogo di culto dove poter praticare la religione ortodossa. Attualmente, infatti, gli ortodossi si servono della chiesa che si trova all'interno della stazione ferroviaria della città. La scelta, secondo indiscrezioni, sarebbe ricaduta sull'antica chiesa di San Nicola recentemente restaurata e che si trova nel quartiere di San Domenico nel cuore del centro storico cittadino. "E' arrivato il tempo in cui gli ortodossi che vivono a Canicattì – ha detto uno dei tanti cittadini di nazionalità romena – abbiano un luogo in cui celebrare il proprio rito, che è diverso da quello cristiano. Fino ad oggi abbiamo utilizzato la chiesa della stazione ferroviaria, che ci permette di battezzare, unire in matrimonio e di svolgere ogni nostro rito, ma i tempi adesso sono maturi per avere un luogo di culto tutto nostro".
Fonte: Agrigento Notizie

Vieste: Muore rumena, i parenti la seppelliscono


Il custode del cimitero di Vieste era in ferie e così le esequie, con la fossa scavata e tutto il resto, è stato fatto dal marito e i familiari. La giovane donna avrebbe dovuto iniziare a lavorare a giorni, è morta per infarto mentre si faceva un bagno al mare
di ANTONIO D'AMICO

VIESTE - Era giunta in cerca di un futuro migliore, mai avrebbe immaginato di morirci e di vedersi pure negata una degne sepoltura. Marito e familiari hanno dovuto scavare una fossa con le loro mani, il Il custode infatti non c’era perché era in ferie. È accaduto a Vieste, la «perla del Gargano», dove una giovane rumena di 24 anni, Maria Marinela Matei, morta per un infarto mentre si immergeva nelle acque della spiaggia di «Sfinalicchio», ha trovato l’eter no riposo solo grazie all’intervento dei parenti, che, tra lacrime e colpi di pala, hanno ricavato uno spazio per la sua bara. Maria Marinela era ospite di una famiglia di Vieste insieme al marito e al fratello: a giorni avrebbe iniziato a lavorare nei campi. A Ferragosto era andata al mare come tanti suoi coetanei per immergersi nelle acque limpide di quel mondo che tanto aveva sognato e rincorso. Una maledetta crisi cardiaca l’ha colpita sotto gli occhi del marito. Inutile il tentativo dei medici di rianimarla: il decesso e il trasferimento all’obitorio del cimitero viestano. Una tragica conseguenza di problemi cardiologici che la ragazza accusava da alcuni anni. L’altra notte, l’arrivo in macchina dei genitori e dei suoceri dalla Romania, la benedizione di don Francesco Iannoli, la decisione di seppellire il corpo a Vieste, complici i costi proibitivi (circa 14mila euro) per il trasferimento della salma nel paese di origine. Al momento della tumulazione l’amara sorpresa: «Non c’è nessuno che possa seppellirla, se ci tenete pensateci voi...». Dolore, tanto. Ancora più grande quando il rispetto per la morte scorre dietro un esile filo di menefreghismo e leggerezza. Ancora più ingiustificabile quando colpisce chi, in terra straniera, cerca inutilmente di far valere i suoi diritti. I parenti della giovane hanno chiuso gli occhi, pianto e scavato.Solo all’ultimo momento, quando ormai la buca era praticamente finita, qualcuno si è sostituito agli improvvisati necrofori intuendo la gravità dell’episodio. Il Comune di Vieste ha promesso di avviare un’inchiesta interna per acclarare eventuali responsabilità. «Chiediamo scusa alla famiglia Matei - tiene a precisare l’assessore alla Polizia mortuaria, Angelo De Vita - per il deplorevole gesto. Quanto accaduto ci umilia come amministratori e uomini. Tutto ciò è assurdo». Maria Marinela ora riposa in un angolo d’Italia, di quella Italia che aveva tanto sognato. Mai saprà che nella sua fossa qualcuno ha seppellito anche la dignità umana. Quella che nessuno ha il diritto di calpestare.
20/8/2008
Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno.

Immigrazione: Da Bucarest fondi ad associazioni Romene Italia

BUCAREST, 20 AGO - Il governo romeno ha deciso oggi di stanziare 450.000 lei (130.000 euro circa) per sostenere 25 progetti di comunicazione che saranno promossi dalle associazioni dei romeni in Italia. ''La misura vuole sostenere le attivita' delle associazioni romene in Italia'', ha dichiarato la portavoce del governo di Bucarest, Camelia Spataru, stando ad un comunicato diffuso oggi. La Spataru ha annunciato che la misura del governo di sostenere finanziariamente le associazioni dei romeni in Italia e' volta a migliorare la percezione della Romania nella Penisola. Per poter ricevere i fondi, le associazioni devono essere registrate sul territorio italiano, non avere fini di lucro e avere come oggetto di attivita' lo sviluppo e l'integrazione sociale, economica e culturale delle comunita' romene nella societa' italiana, si legge ancora nel comunicato.
Fonte: Ansa International

mercoledì 20 agosto 2008

Vademecum su alcune normative decreto Sicurezza

Dopo l’approvazione del “pacchetto sicurezza” gli interventi a tutto campo della polizia si sono intensificate. Spesso controllori e vigili salgono sugli autobus a far dei controlli diretti in particolare contro gli immigrati. Ora è anche arrivato l’esercito. Tutti accusano i cittadini immigrati di essere clandestini ma nessuno dice che la clandestinità è tutta responsabilità del governo. Quelli che governo, mass media e settori di popolazione chiamano “clandestini” sono persone che lavorano ma che non possono regolarizzarsi perché la legge sull’immigrazione non lo permette. Molti italiani che si lamentano (ipocritamente) del pericolo “clandestini” hanno poi un “clandestino” alle loro dipendenze che lavora nelle loro fabbriche, cura i loro figli e i loro genitori.
Questo testo è un intento di far conoscere ai cittadini immigrati, ma non solo, cosa la polizia può fare e cosa non può fare affinché si possano denunciare gli eventuali abusi. Il testo è stato prodotto grazie al lavoro degli avvocati di “Supporto legale contro il razzismo". L’associazione Arci Todo Cambia ha contribuito alla sua realizzazione.info: controilrazzismo@yahoo.ittodo.cambia@libero.it
-----------------------------

CONTROLLO DOCUMENTI E IDENTIFICAZIONE
In generale, gli ufficiali-agenti di polizia (polizia di stato, carabinieri e altri corpi appartenenti all’esercito, polizia municipale ma solo se hanno la qualifica di agente di polizia di sicurezza) possono costringerti a seguirli nei propri uffici se rifiuti dichiarare le tue generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita) o mostrare un documento d’identità. Questo viene chiamato fermo di identificazione.
Possono portarti in questura anche quando ci sono indizi sufficienti per ritenere che le generalità che hai dato o i tuoi documenti siano falsi (art. 11, d.l. 21.3.1978 n. 59)
Puoi essere trattenuto (cioè fermato) in questura, commissariato, comando o caserma per essere identificato anche attraverso rilievi segnaletici (fotografie e impronte digitali), per un massimo di 24 ore, ma di regola sono 12 ore (art. 4 tulps).
Per identificarti possono prendere le tue impronte digitali anche senza la tua autorizzazione. Non possono prendere capelli o saliva senza la tua autorizzazione, eccetto nel caso in cui lo autorizzi un giudice. Anche se ti accusano di uno di questi reati ti devono rilasciare, al massimo, dopo 24 ore. Se ti fermano o ti arrestano hai diritto ad un avvocato di fiducia.
Se sei cittadino italiano o comunitario, e rifiuti dire le tue generalità (nome, cognome, ecc.) puoi essere arrestato fino a 1 mese (art. 651 c.p.). Invece se non fai vedere i documenti puoi essere arrestato fino a due mesi (art. 294 reg .att. tulps e art. 221 tulps).
Se sei cittadino extracomunitario e non fai vedere i documenti (passaporto-permesso), senza un valido motivo, ad agenti-ufficiali di polizia quando te lo chiedono puoi essere arrestato fino a 6 mesi; se c’è motivo di dubitare della tua identità, puoi essere accompagnato in questura per rilievi segnaletici (fino a un max di 24 ore.) - art. 6 d.lgs. n. 286/98.
Dopo l’entrata in vigore del Pacchetto sicurezza sono peggiorate le condanne nel caso in cui si dichiara una falsa identità: se dichiari (a voce o per iscritto) false generalità a un pubblico ufficiale puoi essere recluso da uno fino a un massimo di sei anni (artt. 495 e 496 c.p.) ed è stata anche introdotta l’aggravante di clandestinità. Questo significa che la sanzione prevista per il reato che hai commesso può aumentare solo per il fatto che non hai il permesso di soggiorno (art. 61, n. 11 bis c.p.).
Non esiste più il reato di oltraggio a pubblico ufficiale ma rimangono il reato di ingiuria cioè l’insulto o l’offesa a una persona (art. 594 c.p.) che viene spesso utilizzato dalle autorità e il reato di resistenza a pubblico ufficiale (cioè quando qualcuno si oppone con violenza o minaccia un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mentre questo compie un atto d’ufficio (art. 337 c.p). Ti possono accusare del reato di resistenza anche se usi violenza o minaccia nei confronti di un incaricato di pubblico servizio o di dipendenti di istituti di vigilanza privata (guardie private) in servizio presso stazioni dei treni, metropolitana e sugli autobus perché sono considerati ausiliari di pubblica sicurezza.

CONSIGLI PRATICI
Se ti ferma un agente di polizia/carabiniere:
Per i reati che abbiamo citato prima la polizia non ti può arrestare (Art. 384 c.p.p.), possono solo portarti in questura o in commissariato per identificarti. Se chi ti controlla è un agente in borghese deve prima identificarsi (generalità, numero di matricola, corpo di appartenenza) e mostrare il tesserino di riconoscimento; se non lo fa, non sei tenuto a seguire i suoi ordini.
Negli uffici di polizia e in generale quando ti fermano è sempre consigliabile chiedere il tesserino di identificazione, segnare la targa della macchina, scrivere il nome dei poliziotti che ti interrogano o fanno il verbale e chiedere sempre una copia di quello che ti fanno firmare; queste cose servono per denunciare eventuali irregolarità e/o prepotenze.
Se ti ferma un militare appartenente all'esercito
I militari attualmente in servizio nelle città hanno lo status di agente di pubblica sicurezza ma non possono svolgere funzioni di polizia giudiziaria. Questo significa che, come polizia e carabinieri, possono:
1) chiederti generalità e documenti di identità
2) portarti in questura per procedere all’identificazione (fermo di identificazione)
3) possono perquisirti e perquisire la tua auto ma SOLO in alcune condizioni:
a) in caso di eccezionale urgenza che non consentono l’intervento del giudice;
b) se devono verificare l’eventuale presenza di armi o esplosivi quando l’atteggiamento della persona non è giustificabile.
Al di fuori di questi casi NON POSSONO perquisirti e le perquisizioni non sono legali. E comunque deve essere sempre fatto un verbale e ti devono dare una copia. (art. 4 L. 22 maggio 1975, n. 152)
Se ti ferma un agente della polizia municipale (ex vigili urbani)
Gli agenti di polizia municipale sono pubblici ufficiali e possono essere (ma non sempre) anche agenti ausiliari di pubblica sicurezza e svolgere funzioni di polizia giudiziaria o polizia amministrativa. Possono quindi fermarti e portarti in questura, commissariato, comando per identificarti. Se non hanno funzioni di polizia giudiziaria NON possono:
- obbligarti a fare dichiarazioni od obbligarti con la forza ad altro;
- accompagnarti con la forza negli uffici di polizia giudiziaria
- ispezionare nella tua casa, roulotte, tenda o all’interno della macchina salvo che la legge lo autorizzi espressamente (art. 13, ult. Comma)
Il “pacchetto sicurezza” ha dato maggiori poteri ai sindaci e ora questi possono:
- segnalare alle autorità il fatto che uno straniero non ha il permesso di soggiorno e quindi suggerirgli di fare un decreto di espulsione (art. 6 d.l. n. 92/08 l. conv. in L. n. 125/08 .c.d. decreto sicurezza);
- intervenire per “prevenire e contrastare le situazioni che costituiscono intralcio alla pubblica viabilità o che alterano il decoro urbano, in particolare quelle di abusivismo e di illecita occupazione di suolo pubblico”.
Quindi è possibile che decretino misure che limitano le libertà personali (multe per chi beve alcolici per strada o si ritrova in gruppo in alcuni luoghi, ecc) e che gli interventi della polizia municipale contro venditori ambulanti saranno maggiori.
Se sugli autobus ti ferma un controllore
Il controllore è considerato un pubblico ufficiale (art. 357 c.p.). Cosa può fare:
- può chiederti le tue generalità (nome, cognome, ecc) e se ti rifiuti di dirle ti può accusare del reato art. 651 c.p. (arresto fino ad un mese, vedi sopra);
- può chiederti di mostrare i documenti SOLO nel caso in cui ti deve fare la multa e il verbale. Se non mostri i documenti può fermarti e chiamare la polizia per procedere alla tua identificazione. Quindi è sempre meglio avere il biglietto.
- ricordati che non è un agente di polizia anche se a volte si comporta come i poliziotti. Se ti accusa di un reato, deve andare a fare la denuncia come un normale cittadino. A parte il caso in cui non mostri i documenti e deve farti la multa (v. sopra), non può usare la forza o altri mezzi per obbligarti a far qualcosa, non ti può fare una espulsione, non ti può fermare per consegnarti alla polizia affinché questa proceda all’espulsione.
Riguardo ai casi di rastrellamento sugli autobus, cioè quando i controllori salgono sull’autobus insieme alla polizia o ai vigili, è bene sapere che queste azioni possono essere denunciate all’autorità giudiziaria nel caso in cui controllori e polizia chiedano biglietti e documenti in particolare agli stranieri, quindi fanno un controllo basato sulla provenienza etnica o nazionale. In questo caso può essere una azione discriminatoria. E’ perciò importante:
- documentare quello che succede (foto, video). Se ci sono furgoni della polizia documentare quante e quali sono le persone che vengono fatte scendere dal autobus e portate sulle camionette della polizia; prendere il numero di targa;
- reperire sul posto persone disposte a testimoniare, sia i cittadini stranieri che subiscono questi rastrellamenti sia i cittadini italiani presenti sui mezzi;
- identificare a che corpo appartengono gli agenti (polizia di stato, carabinieri, polizia municipale/vigili) che fanno queste operazioni;
- le persone straniere portate sui furgoni della polizia hanno l’obbligo di mostrare passaporto/permesso di soggiorno, eccetto nel caso di giustificato motivo (smarrimento, furto, sottrazione, permesso temporaneamente trattenuto da altri, ecc.); la polizia può portare lo straniero in questura in caso di dubbio sulla identità; il dubbio non può essere comunque basato solo sull’origine etnica/ nazionale. E’ quindi consigliabile chiedere subito conto del motivo del controllo e del perché la persona viene portata in questura.

PERQUISIZIONI E ACCESSO NELL’ABITAZIONE
Fip in proprio via oglio 21 - Milano
In generale la polizia non può perquisire una persona né entrare in una casa privata o locale privato senza un mandato del giudice. Se hanno il mandato, la persona ha comunque diritto:
- prima di iniziare la perquisizione, ad avere una copia dell’autorizzazione del giudice;
- durante la perquisizione, alla presenza di un avvocato o altra persona di fiducia (che siano facilmente reperibili);
Si possono fare perquisizioni personali e nei locali senza mandato del giudice nei seguenti casi:
1) quando si sta commettendo un reato o una evasione (fuga) o quando si deve eseguire un’ordinanza di custodia cautelare o un ordine di carcerazione o un fermo (art. 352 c.p.p.);
2) la polizia giudiziaria (polizia di stato, carabinieri, guardia di finanza, corpo forestale) può perquisire le persone, i locali, le macchine, i bagagli e gli effetti personali per prevenire o reprimere il traffico di droga (art. 103 dpr n. 309/1990);
3) la polizia giudiziaria può perquisire abitazioni, locali pubblici o privati, interi edifici o blocchi di edifici se ha fondato motivo di credere che ci sono armi, munizioni o esplosivi, qualcuno cercato dalla polizia che si nasconde, un evaso in relazione a determinati delitti di associazione mafiosa, traffico di droga o delitti con finalità di terrorismo (art. 41 tulps e art. 25 d.l. 8.6.1992, n. 306);
Con il nuovo decreto sicurezza anche l’esercito può effettuare, in casi eccezionali di necessità e urgenza, la perquisizione immediata sul posto di persone il cui atteggiamento e presenza in relazione a circostanze di luogo e tempo non appaiono giustificabili per verificare l’eventuale possesso di armi e esplosivi; possono perquisir anche il mezzo di trasporto.
Anche in questi casi:
- ti devono lasciare sempre una copia del verbale di perquisizione, anche se non viene sequestrato nulla dove si indicano le operazioni fatte, il motivo per cui hanno fatto la perquisizione senza l’autorizzazione del giudice, i nomi e la qualifica degli agenti che hanno fatto la perquisizione. Se non sei in grado di leggere, hai diritto ad un interprete e comunque fai sempre scrivere che non parli l’italiano;
- se sequestrano oggetti, documenti, devono essere specificamente indicati nel verbale di perquisizione.
La perquisizione in una casa o nei luoghi chiusi vicini a essa NON può farsi prima delle ore sette e dopo le ore venti. Puoi farsi prima o dopo questo orario solo nei casi urgenti in cui il giudice autorizza per iscritto. (art. 251 c.p.p.)

NOTA: Il pacchetto sicurezza ha introdotto una nuova disposizione che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni per “chiunque a titolo oneroso, al fine di trarre ingiusto profitto, dà alloggio ad uno straniero, privo di titolo di soggiorno in un immobile di cui abbia disponibilità, ovvero lo cede allo stesso, anche in locazione”. Possono anche confiscare l'immobile, eccetto nel caso in cui il proprietario non era a conoscenza della situazione.

NOTA: Chiedi sempre il motivo della perquisizione e ricorda che fuori dai casi citati prima la polizia non ha diritto di entrare nella tua casa: se ad esempio la polizia si presenta a casa tua, senza mandato, perché l’hanno chiamata i vicini perché c’era troppo rumore, non sei obbligato a farla entrare in casa. Se la polizia entra in casa con la scusa di ricercare armi o droga e fa delle espulsioni, queste espulsioni non sono legittime per violazione dell’art. 14 costituzione (cfr. Trib. Trieste, 24.7.2004) e si può far ricorso.
È sempre meglio girare in coppia o in gruppo e che in casa vi sia qualcuno, in modo che vi siano testimoni in grado di raccontare gli eventuali abusi fatti da parte delle forze dell’ordine.

Inviato da Doriana Goracci.