La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 30 novembre 2008

Exit-poll alegeri

Exit-poll Insomar la Senat: PSD - 35,9%, PD-L - 31.1%, PNL - 19,9% Exit-poll CCSB: PSD - 36,5%, PD-L - 30,6%, PNL - 20,4%, UDMR - 6,7%. PSD cistiga, PD-L si PNL pot face guvern cu UDMR
de Redactia Politic
Duminică, 30 noiembrie 2008, 21:00
Actualitate Politic

Exit-poll Insomar la Senat: PSD - 35,9%, PD-L - 31.1%, PNL - 19,9%, UDMR - 6,7%, PRM - 3,4%, PNG - 2,1%
Exit-poll Insomar la Camera Deputatilor: PSD - 36,2%, PD-L - 30.3%, PNL - 20,4%, UDMR - 6,7%, PRM - 3,3%, PNG - 2,1%
Sondaj CCSB CAMERA Deputatilor: PSD -PC: 36,5%, PD-L - 30,6%, PNL 20,4%, UDMR - 6,7, PRM 2,5
Sondaj CCSB Senat: PSD-PC - 36%, PD-L - 30,9%, PNL - 20,2%, UDMR - 7,3%, PRM 2,6%

Alianta PSD-PC a cistigat primele alegeri desfasurate in sistem uninominal, in timp ce PD-L si PNL au impreuna aproximativ 50%. UDMR a intrat din nou in Parlament, in timp ce PRM paraseste prima scena politica. PNG, partidul lui George Becali, nu a intrat in Parlament.

Potrivit Insomar/Realitatea TV, Calin Popescu Tariceanu a obtinut 45,4% in colegiul sau, Mircea Geoana - 71,3%, iar Vasile Blaga - 50,1%.

Sursa: HotNews.ro

MAE: 9.000 de români au votat în străinătate până la ora 13.00


Aproximativ 9000 de cetăţeni români au votat până la ora 14.00, ora României, în secţiile de votare din străinătate, potrivit unui comunicat al Ministerului de Afaceri Externe. MAE a anunţat în comunicat că prezenţa cea mai numeroasă la vot s-a înregistrat la secţiile de votare 118 şi 119 din Chişinău, secţia 90 din Castellon de la Plana şi secţia 37 din Torino.
În Italia au votat aproximativ 3000 de români până la ora 14.00, potrivit corespondentului Antena 3, cea mai mare prezenţă fiind înregistrată la Torino. Au torităţile nu se aşteaptă însă ca numărul alegătorilor din Italia să depăşească 20.000.
În Spania, 1500 de români şi-au exprimat până la ora 13.00 opţiunile de vot, iar la Chişinău 1300.
Mulţi dintre românii aflaţi în străinătate nu vor putea vota, însă, deoarece ei nu deţin actele necesare pentru a dovedi că au reşedinţa în colegiul respectiv.
În Italia au fost deschise 19 secţii de votare dintre care patru la Roma, două la Milano, două la Torino şi câte una la Genova, Florenţa, Treviso, Padova, Trento, Palermo, Cagliari, Napoli, Bologna, Trieste şi Bari.
În Spania au fost organizate 20 de secţii de votare dintre care două la Madrid şi câte una la Alcala De Henares, Cosalda, Bilbao, Ciudad Real, Santiago De Compostela, Barcelona, Palma De Mallorca, Zaragoza, Sevilla, Roquetas De Mar, Murcia, Castellon De La Plana Şi Alicante, Valencia, Torrejon De Ardoz, Alcazar De San Juan, Malaga Şi Tarragona.
La Chişinău au fost deschise patru secţii de votare.
Sursa: Antena3.ro

Visita della delegazione rumena alla Spezia


Nei giorni scorsi una folta delegazione proveniente dalla Romania, circa 40 persone fra esponenti del mondo della scuola e dell’università, ha visitato la Provincia della Spezia nell’ambito di un itinerario organizzato dalla Regione Liguria, Dipartimento Affari Europei, con l’obiettivo di mostrare le nostre esperienze in merito alla gestione dei fondi comunitari ad un paese da poco entrato nell’Unione Europea.
In particolare, la Provincia della Spezia è stata scelta dalla Regione per presentare le proprie “buone prassi” realizzate, con il supporto del Fondo Sociale Europeo, per quanto attiene le politiche del lavoro e della formazione.Dopo il saluto dell’assessore al lavoro Elio Cambi, il dirigente del settore Marco Casarino ha illustrato le modalità di governance del FSE mentre, a seguire, Massimo Bonati, Massimiliano Zollino, Federica Zanello e Orietta Lombardi hanno presentato progetti ed esperienze realizzati in materia di qualità dei servizi per l’impiego, orientamento al lavoro, creazione d’impresa, rete dei job center e collocamento delle persone svantaggiate.
Gli ospiti rumeni, molto interessati da quanto loro esposto, si sono impegnati ad attivare nel prossimo futuro progetti di collaborazione con il nostro territorio.
28/11/2008
Fonte: Città della Spezia.

venerdì 28 novembre 2008

Campagna di sensibilizzazione per la donazione del sangue della comunità romena residente in Italia


Cari amici, vi invio il manifesto che vede impegnate due associazioni nazionali di volontariato, la Lega dei Romeni in Italia e AVIS Nazionale, nella campagna di sensibilizzazione per la donazione del sangue della comunità romena residente in Italia.
Mi permetto di evidenziare alcuni importanti obbiettivi condivisi della Lega dei Romeni in Italia

1. Promuovere la cultura della soliedarità e del dono.
2. Promuovere la cultura della donazione del sangue all’interno della comunità straniera romena residente sul territorio italiano.
3. Diffondere informazioni e indicazioni precise per conoscere AVIS e le sue sezioni.
4. Creare strumenti per realizzare campagne di sensibilizzazione all’interno dei punti di rifferimento delle famiglie straniere.
5. Creare reti per lo sviluppo di percorsi di interscambi culturali e scientifici con la Romania.
6. Accrescimento quantitativo delle risorse emotransfusionali.

Credo che il processo d’integrazione parta dalla solidarietà. Attraverso il sangue ci si fraternizza di più. Noi i romeni che abbiamo scelto di vivere qui, abbiamo bisogno di sentirci a casa, di essere apprezzati per quelli che siamo. Siamo un popolo laborioso, che rispetta i valori della famiglia e della cristianità, onesto ed ospitale e soprattutto con un grande cuore.
Per questi motivi, ritengo che l'integrazione dei cittadini romeni in Italia non è difficile, abbiamo caratteri simili e ci unisce il rispetto degli stessi valori.
E’ qui che viviamo, è qui che diamo la luce ai nostri figli, qui proviamo sia le gioie sia le amarezze della vita, ed è giusto che sia qui che il nostro sangue diventi dono prezioso per la vita.
Vi ringrazio per l’attenzione e vi auguro ogni bene.
Cordiali saluti.

Emilia Stoica, Presidente LRI
presidente@lri.it
http://www.lri.it/

Totul despre alegerile uninominale: Cum se votează şi cum sunt distribuite mandatele


28 noiembrie 2008

Recentele sondaje de opinie au arătat că în condiţiile noului sistem de vot uninominal, mulţi români preferă în continuare să voteze un candidat promovat de partid, pentru ei această imagină fiind mai familiară decât complicaţiile noului mod de votare. Puţini au înţeles că de această dată vor vota numai din colegiul de reşedinţă şi că vor avea de ales numai dintre persoanele care candidează pentru un loc de deputat sau senator în colegiul respectiv.

Noua lege electorală a împărţit ţara în circumscripţii şi colegii: 330 de colegii pentru Camera Deputaţilor şi 137 de colegii pentru Senat, adică exact numărul de mandate existente în prezent în cele două Camere ale Parlamentului. Colegiile uninominale au fost trasate astfel încât numărul locuitorilor să fie aproximativ egal cu cel din norma de reprezentare: un senator la 160.000 de locuitori şi un deputat la 70.000 de locuitori. Conform legii, diferenţa dintre cel mai mare şi cel mai mic colegiu nu poate fi mai mare de 30%. Numărul colegiilor din fiecare circumpscripţie electorală este dat de numărul parlamentarilor ce revin judeţului, în funcţie de câţi locuitori are fiecare judeţ. Practic, cu cât numărul locuitorilor unui judeţ este mai mare, cu atât vor fi mai mulţi parlamentari care să reprezinte regiunea în viitorul legislativ.

Fiecare partid şi-a nominalizat câte un reprezentant pentru fiecare colegiu. Pe lângă cei propuşi şi susţinuţi de partide mai există şi 31 de candidaţi independenţi, care au nevoie de obţinerea majorităţii voturilor din respectivul colegiu pentru a intra în Parlament.

Condiţiile pentru exercitarea dreptului de vot

Programul de vot în circumscripţii, stabilit de lege, este de la 7.00 până la ora 21.00. În situaţii speciale, adică dacă în circumscripţii au existat probleme tehnice, votul poate fi prelungit.

Persoanele care doresc să-şi exercite dreptul de vot trebuie să deţină acte de identitate valabile şi să se afle în ziua alegerilor în reşedinţa de care aparţin, practica listelor suplimentare pe care se putea vota în cadrul vechiului sistem de vot proporţional fiind desfiinţată. Anulată a fost şi practica urnei mobile, care a iscat numeroase controverse şi suspiciuni de fraudare a alegerilor în trecut. O persoană suferindă nu va mai putea apela la urna mobilă decât dacă poate dovedi cu acte în regulă situaţia sa medicală.

Pentru a vota pe 30 noiembrie, românii din dispora trebuie să demonstreze, la rândul lor, cu acte eliberate de autorităţile din ţara respectivă, că au domiciliul sau reşedinţa în statul în care se află în momentul desfăşurării alegerilor parlamentare de acasă. De altfel, Ministerul de Externe a anunţat că a dispus măsuri pentru ca misiunile diplomatice româneşti să identifice documentele necesare pentru fiecare stat în care vor funcţiona secţii de votare.

Românii care în ziua alegerilor se vor afla în altă ţară, în scop turistic sau de afaceri, nu vor putea să-şi exercite acest drept dacă vor dori acest lucru. Măsura se doreşte o cale de a preveni orice încercare de fraudare electorală.

Buletinul de vot

Fiecare persoană care se va prezenta la urne pe data de 30 noiembrie va primi două buletine de vot pe care vor figura doar candidaţii înscrişi în cursa electorală pentru circumscripţia uninominală respectivă: unul pentru Camera Deputaţilor şi unul pentru Senat.

Spre deosebire de cele folosite pentru votul proporţional pe liste, pe buletinul de vot uninominal vor fi găsite doar numele unui singur candidat din partea fiecărei formaţiuni, alături de siglele partidelor din care fac parte şi, eventual, menţiunea candidaturii în calitate de independent acolo unde este cazul.

Pentru a vota candidatul dorit trebuie aplicată ştampila în chenarul ce conţine numele acestuia. În vechiul sistem de vot, cetăţeanul cu drept de vot, făcea alegerea căutând şi bifând lista judeţeană cu candidaţi a unui partid, votul său contribuind astfel la trimiterea mai multor politicieni în Parlament.

Cu alte cuvinte, acum buletinele de vot pentru alegătorii din Mizil vor fi diferite de cele ale alegătorilor din municipiul Ploieşti chiar dacă fac parte din aceeaşi unitate administrativă. Românul nu va trebui să facă altceva decât să pună ştampila pe favoriţii pe care vrea să-i trimită la Senat şi Camera Deputaţilor pentru a reprezenta colegiul de care aparţine.

Majoritar în colegiu, parlamentar numai dacă partidul trece pragul electoral

Asta nu înseamnă că cel votat va deveni şi parlamentar. Pentru a obţine un astfel de mandat, un candidat trebuie în primul rând să cumuleze 50 la sută plus unu din totalul opţiunilor de vot exprimate în respectivul colegiu. O a doua condiţie de accedere în viitorul legislativ ţine de randamentul electoral al propriului său partid. În cazul în care formaţiunea politică respectivă nu va trece de pragul de 5% sau nu va îndeplini condiţiile pragului alternativ - plasare pe primul loc în opţiunile de vot a şase colegii pentru Cameră şi trei pentru Senat -, candidatul respectiv pierde lozul parlamentar chiar dacă s-a clasat în topul preferinţelor electoratului din colegiul său. În ceea ce priveşte alianţele politice şi electorale, pragul electoral este stabilit în funcţie de numărul formaţiunilor care fac parte din respectiva alianţă. La pragul de 5% se adaugă 3% din voturile valabil exprimate pe întreaga ţară pentru al doilea membru al alianţei, iar începând cu al treilea membru, câte un singur procent, fără a se putea depăşi 10% din voturile valabil exprimate pe întreaga ţară.

Carenţele procedurii de redistribuire

Următorul pas al noului sistem de vot uninominal constă în atribuirea mandatelor în colegiile unde au existat candidaţi ce au obţinut majoritatea. Cum numărul de candidaţi per loc de deputat sau senator se apropie de cifra 7, este de presupus că vor exista un număr semnficativ de mandate care vor fi acordate partidelor politice în cadrul procedurii de redistribuire. În acest caz, favorizaţi vor fi reprezentanţii marilor partide, iar cei mai defavorizaţi vor fi independenţii.

Numărul de mandate care revin fiecărui partid, în cadrul circumscripţiilor este în strânsă corelaţie cu numărul de voturi pe care acesta îl va obţine la nivel judeţean şi naţional.

După ce Biroul Electoral Central a stabilit partidele care au depăşit pragul electoral la nivel naţional, la nivelul judeţului are loc prima etapă. Biroul electoral de Circumscripţie stabileşte coeficientul electoral al judeţului. Voturile obţinute de candidaţii partidului în toate colegiile uninominale se adună, urmând ca în baza acestui rezultat să se determine numărul de mandate ce revin partidului respectiv în acel judeţ. Dacă partidul X a obţinut 40% din voturi la nivelul unui judeţ îi vor reveni 40% din mandatele rămase neocupate.

Politicienii plasaţi pe locul doi sau trei în colegiul în care au candidat ar putea deveni astfel senatori sau deputaţi, şansele lor fiind strâns legate de performanţa partidelor care i-au susţinut. Cu cât un partid adună mai multe voturi la nivel naţional cu atât creşte posibilitatea ca un astfel de candidat să prindă un mandat parlamentar în etapa de redistribuire.

Sub incidenţa neplăcută a redistribuirii cad şi candidaţii aceluiaşi partid care nu au obţinut majoritatea mult dorită. Mandatele obţinute de un partid prin redistribuire sunt acordate reprezentanţilor săi, ţinând cont de numărul de voturi obţinute de fiecare candidat în colegiul său. Nu contează poziţia candidatului în colegiu. Candidatul cu cel mai mare număr de voturi primeşte primul mandat, chiar dacă s-a plasat al treilea sau al patrulea în colegiul uninominal. Pentru o mai bună exemplificare, un candidat al partidului X care a ocupat poziţia a patra în preferinţele electorilor din colegiul său cu un număr de 1.000 de voturi ar putea primi mandatul înaintea unui candidat al aceluiaşi partid care a obţinut primul loc în alt colegiu dar numai 900 de voturi.

Independenţii, discriminaţi

Discriminarea survine şi în cazul candidaţilor independendenţi. Un astfel de candidat care nu reprezintă niciun partid politic, primeşte un mandat numai dacă obţine majoritatea voturilor valabil exprimate în colegiul în care candidează. În cazul în care obţine un scor de 49% în urma alegerilor, el ar putea pierde deputăţia sau locul de senator în favoarea unui contracandidat plasat mai slab decât el în preferinţele electoratului. Acesta din urmă ar putea deveni beneficiarul procedurii de redistribuire a mandatelor rămase, dacă are un partid politic în spate cu un rezultat electoral bun la nivel judeţean sau naţional.

Diaspora defavorizată

Circumscripţia nr. 43 rezervată românilor din străinătate conţine patru colegii uninominale de deputat şi două de senator. Practic, românii care trăiesc în afara graniţelor ţării vor fi reprezentaţi în Parlament de patru deputaţi şi doi senatori. Numărul a nemulţumit asociaţiile din diaspora care au criticat în repetate rânduri faptul că peste două milioane de români vor beneficia de o reprezentativitate atât de mică. Autorităţile au reacţionat, argumentând că potrivit statisticilor, la niciun scrutin de până acum nu au votat mai mult de 70.000 de români din afara graniţelor. Totuşi, instituţiile abilitate de la Bucureşti au trimis peste hotare 620.000 de buletine de vot pentru alegerile din 30 noiembrie.

Gratuităţi CFR pentru tineri în perioada alegerilor

Tinerii cu vârste între 18 si 25 de ani vor primi o calătorie CFR dus-intors gratuită, către şi dinspre localitatea de domiciliu, pentru a putea vota la alegerile parlamentare. Potrivit unei măsuri guvernamentale, călătoria se va face cu trenul rapid, la clasa a II-a, iar biletul de călătorie va fi eliberat la casele de bilete ale staţiilor şi agenţiilor de voiaj în baza actului de identitate. Beneficiarii vor fi obligaţi să procure atât biletul pentru drumul dus, cât şi pentru întoarcere. Călătoria de întoarcere se poate efectua doar în zilele de 30 noiembrie sau 1 decembrie.

Precedente pentru uninominalul mixt

Sistemul de vot uninominal mixt se întâlneşte în ţări ca Germania, Noua Zeelandă, Lesotho şi Venezuela. Votul pe listă se regăseşte în zeci de democraţii şi dictaturi, cel uninominal, în două tururi, se practică în Franţa şi fostele ei colonii, iar cel într-un singur tur aproape în întregul sistem anglo-saxon.

Marius Vulpe, Antena3.ro

Immigrati/ La Caritas Ambrosiana: romeni, comunità emergente

E' il gruppo di immigrati più numeroso e uno dei più produttivi

Milano, 27 nov. (Apcom) - I romeni, con i bulgari, sono gli ultimi arrivati in Europa. Ma, tra gli immigrati in Italia, sono anche gli ultimi per gradimento a causa, soprattutto, di drammatici eventi di cronaca che hanno finito per lanciare un'ombra su tutta la comunità. In realtà, come spesso accade lanciando uno sguardo oltre i facili stereotipi, i rumeni sono un popolo laborioso. Tra il milione di immigrati in Italia, 27mila si sono messi in proprio, per lo più nel settore delle costruzioni. Un quinto di queste aziende opera in Lombardia. Questo il quadro che emerge dai dati del convegno "Emergenza romeni o romeni emergenti?" organizzato oggi dalla Caritas Ambrosiana.
Come negli anni scorsi era accaduto per gli albanesi, la rappresentazione mediatica non corrisponde alla realtà. I romeni sono, infatti, il gruppo di immigrati più numeroso e una delle comunità straniere più produttive. In Lombardia offrono un contributo fondamentale alla produzione del Pil. Con un milione di presenze la comunità rumena ha superato le già numerose comunità di albanesi e marocchini. Molti segnali indicano che si tratta di una comunità piuttosto integrata. Il 90% dei romeni in Italia svolge un'attività lavorativa con un reddito medio di 1.030 euro mensili; il 71% possiede una tv e la usa come principale mezzo di svago, il 9% è proprietario di casa, il 6% vive presso il proprio datore di lavoro: è il caso delle badanti, attività prevalente tra le donne.
Cresce anche la loro presenza imprenditoriale. Gli imprenditori romeni sono quasi 27mila, un quinto dei quali opera in Lombardia, la regione con il maggior numero di aziende con a capo uno straniero. In Lombardia gli immigrati provenienti dalla Romania sono impiegati per lo più nelle costruzioni (4.126 addetti pari all'80% del totale), mentre la loro presenza è residuale nelle altre attività (il manifatturiero, 5,4%) ecommercio (4,6%).
Nonostante tutto ciò, i romeni continuano a essere guardati con forte diffidenza. Secondo un'indagine dell'Agenzia per le Strategie di Governo realizzata alla fine del 2007 e all'inizio del 2008, il 65% degli italiani non vorrebbe in famiglia una persona di origine romena, mentre il 60% dei romeni ritiene di essere stato discriminato in occasione dell'omicidio di Giovanna Reggiani, la donna uccisa alla periferia di Roma da Romulus Nicolae Mailat. "La ricerca dimostra quanto sia distante la realtà dagli stereotipi sulla comunità romena in Italia - ha commentato don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana -. Ciò ci dovrebbe indurre a riflettere sui meccanismi della comunicazione pubblica".
Fonte: Virgilio Notizie.

Nuovo cinema romeno


27.11.2008 scrive Nicola Falcinella

Foto: Una scena del film "Come ho trascorso la fine del mondo"
Li accomunano le esperienze all’estero e l’aver raccontato il passato recente della Romania. Sono i nuovi registi del cinema romeno che hanno dato lustro ad un paese poco conosciuto. In rassegna al MART di Rovereto dal 28 novembre all'1 dicembre
Questo articolo esce in contemporanea sul Corriere del Trentino, edizione locale del Corriere della Sera

Il Festival di Cannes, che dal 2002 ha cominciato a presentarli al mondo e nel 2007 li ha consacrati, aspetta con ansia i loro nuovi film. Sono i registi romeni della nuova generazione. Una decina in tutto, per ora. Il movimento cinematografico più interessante e nuovo in Europa.

I loro nomi – Cristi Puiu, Catalin Mitulescu, Cristian Mungiu o Corneliu Porumboiu – dicono poco allo spettatore italiano perché solo le pellicole degli ultimi due, rispettivamente “4 mesi, 3 settimane, 2 giorni” (Palma d’oro 2007) e “A est di Bucarest” sono stati distribuiti in Italia. Questo pugno di talenti, che non appartengono a nessun movimento e sono accomunati solo da ragioni anagrafiche (nati tra metà anni ’60 e metà anni ’70), dall’aver avuto esperienze all’estero e dall’aver raccontato il passato recente del loro paese, in particolare la “rivoluzione” dell’89 che rovesciò Ceaucescu, hanno contribuito a dare lustro a una nazione poco conosciuta e della quale si parla quasi solo in occasione di eventi negativi.

Il cinema romeno non nasce oggi, bensì viene da lontano: il primo lungometraggio di cui si ha notizia al mondo, “Indipendenta Romaniei” di Grigore Brezeanu, fu girato da un attore di Bucarest anche se poi l’opera è andata perduta. Sono venuti poi registi che hanno segnato gli anni ’60, ’70 e ’80 cercando di difendere spazi di libertà creativa dentro la dittatura: Lucian Pintilie, Liviu Ciulei, Mircea Veroiu, Stere Gulea, Mircea Saucan o Mircea Daneliuc. Fino al Radu Mihaileanu, che lavora in Francia, di “Train de vie”, “Ricchezza nazionale” e “Vai e vivrai”.

Intorno ai lungometraggi recenti dei nuovi autori è nato un interesse negli ultimi tempi con rassegne a Roma e Pisa, il focus Romania all’interno del ciclo “Le parole dello schermo” che si conclude a fine mese a Bologna e la prossima rassegna di Rovereto dal titolo “Terminus Paradis. Il meglio del cinema rumeno”, organizzato da Nuovo cineforum Rovereto in collaborazione con Osservatorio Balcani e Caucaso, MART e ARTA-A Associazione dei Romeni del Trentino Alto-Adige (28 novembre - 1 dicembre).

Proprio a Bologna, accanto alla proiezione di film del passato e del presente, si è svolta di recente una tavola rotonda alla presenza di cineasti romeni e alcuni produttori e registi italiani che hanno lavorato in Romania. Tra i primi Stere Gulea, Catalin Mitulescu, l’attrice Dorotheea Petre, lo sceneggiatore Tudor Voican (nel film “California Dreamin’” di Cristian Nemescu) e il critico Marian Tutui. Tra i secondi, Carmine Amoroso che ha girato “Cover Boy”, storia di un ragazzo immigrato in Italia per inseguire il sogno di lavorare nella moda, o Francesco Pamphili, che ha prodotto “Mar Nero” di Federico Bondi sul rapporto tra un’anziana fiorentina (Ilaria Occhini, attrice premiata al Festival di Locarno 2008) e la sua badante romena (la Petre, protagonista anche di “Come ho trascorso la fine del mondo” di Mitulescu) che supera le diffidenze e si apre a un’amicizia speciale.

Marian Tutui ha parlato degli aspetti produttivi e della storia recente del cinema romeno. “Dopo l’89 – ha raccontato – si ebbe un tracollo nella produzione. La moneta, il leu, si svalutava in continuazione, perdeva valore durante la lavorazione dei film tanto che il budget alla fine non era più sufficiente. Però è stato creato un ‘Centro nazionale di cinematografia’ sul modello francese e un sistema di finanziamento con fondi provenienti dalle tasse sulle televisioni. Inoltre, negli anni ’90 lo studio Castel ha prodotto molti lungometraggi stranieri e questo ha tenuto in piedi l’industria e permesso ai tecnici di lavorare”.

Il problema maggiore ora, per Tutui, è il mercato romeno: esistono meno di 40 sale in tutto il paese e programmano per lo più pellicole straniere, i film nazionali raggiungono quando va bene poche decine di migliaia di spettatori. “Il minimalismo che caratterizza i film dei nostri nuovi registi – ha concluso Tutui – è conseguenza della povertà di mezzi. Da una parte si accetta una regola estetica, dall’altra si tiene conto di una realtà contingente. Il problema è come proseguire. Forse si sono esaurite le storie, forse si esaurisce l’interesse verso la Romania perché non sarà più esotica. In questo momento non sappiamo in che direzione andare”.

“Non so cosa potrà fare in futuro il cinema romeno – ha detto l’esperto Gulea, che ha girato un film fondamentale come “I Moromete” e ha insegnato all’Università Carangiale, dove sono passati quasi tutti i giovani cineasti, tra i quali Mungiu – La nuova generazione è esplosa in pochi anni con prodotti d’alto livello e molto polemici rispetto al cinema che si faceva prima. Polemici a livello politico e sociale ma anche a livello espressivo: sono stati innovatori sul piano linguistico. Sotto il comunismo c’erano anche registi capaci di innovare ma il cinema aveva per lo più un carattere polveroso e datato, non ha avuto movimenti e, a differenza di altri paesi dell’est come la Jugoslavia o la Cecoslovacchia, non ha avuto un rinnovamento”.

“Nessuno in Europa – ha aggiunto Gulea – si aspettava questo fenomeno in così breve tempo. Perché uscisse una nuova generazione sono passati più di 10 anni dal 1989. Il film che ha cambiato tutto è stato “Marfa sii bani – Stuff and Dough” di Puiu nel 2001, che riuscì ad arrivare al Festival di Cannes.

C’è da chiedersi perché è servito tutto questo tempo. I nati tra la fine dei ’60 e i primi ’70 si sono potuti alfabetizzare con un linguaggio nuovo. Molti hanno avuto esperienze all’estero e anche un impegno sociale del quale hanno fatto tesoro quando sono arrivati al cinema. Il problema ora è la continuità. In Romania sono poche decine di migliaia gli spettatori per un film, che esce di solito in 3-4 copie e non si può contare sugli incassi per coprire le spese. Sono dati che fan preoccupare. Ed è paradossale che questi autori siano adulati all’estero e quasi sconosciuti in patria”.

Catalin Mitulescu, all’attivo solo “Come ho trascorso la fine del mondo” che aprirà la rassegna di Rovereto il prossimo 28 novembre nella Sala Conferenze del MART, ha confermato questo elemento: “in fondo siamo solo una decina, abbiamo una bella immagine all’estero ma non nel nostro paese”. “E’ Cannes che ha fatto tutto – ha aggiunto il regista – Ci ha anche fatto conoscere tra di noi, perché io e Puiu ci siamo conosciuti là! Non posso pensare di fare soldi in Romania, in TV il mio film ha avuto quasi 800.000 spettatori ed è già un successo. Dal punto di vista produttivo fare il secondo film non è difficile e c’è Canes che ci aspetta. Ma al di là di Cannes, dobbiamo concentrarci sulle nostre storie e impegnarci a realizzare bei film. Questi nostri film hanno rappresentato delle ‘confessioni’ per tutta la Romania, sono state storie importanti per tutti. Ma ora che abbiamo vinto dei premi dobbiamo creare un pubblico. E' questa la provocazione, perché da noi 20.000 spettatori sono un grande traguardo”.

Voican è stato invece cosceneggiatore di Cristian Nemescu, il regista morto a soli 26 anni nel 2006 in un incidente stradale quando stava montando “California Dreamin”, film che verrà proiettato nella seconda serata della rassegna roveretana sabato 29 novembre. Il film lasciato com’era ha poi vinto la sezione “Un certain regard” di Cannes nel 2007, seguendo nel palmares “La morte del signor Lazarescu” di Puiu film che chiuderà la rassegna trentina lunedì 1° dicembre.

“Per alcuni anni – ha affermato Voican – è stato impossibile girare dei lungometraggi, così appena abbiamo avuto la possibilità ci siamo sentiti tutti impegnati a fare qualcosa di importante. Lavorando a ‘California’ avevamo ben chiara la percezione di avere una chance eccezionale per raccontare una nostra storia che non potevamo perdere a nessun costo. Non avevamo nulla da perdere, potevamo essere personali, folli, inattesi. Avevamo libertà, potevamo fare ciò che ci passava per la mente e ci siamo impegnati al massimo. Per arrivare sul mercato italiano sarebbe ora importante che anche Venezia prendesse i nostri film”.

“Ciò che conta oggi – ha concluso Mitulescu – è trovare belle storie, avere belle sceneggiature. In Romania un po’ di soldi li troviamo ma non bastano e servono coproduzioni internazionali. La sensazione è che trovare soldi all’estero, soprattutto in Italia, per un regista romeno è impossibile”.

Fonte: Osservatorio sui Balcani.

Immigrati/ Barrot: No a espulsioni sistematiche su base reddito

"Per cittadini Ue non sarebbero conformi a diritto comunitario"

Bruxelles, 27 nov. (Apcom) - Il commissario europeo alla Giustizia, libertà e sicurezza, Jacques Barrot, ha affermato oggi a Bruxelles che "espulsioni sistematiche di cittadini Ue per problemi di risorse economiche non sarebbero conformi al diritto comunitario". Il commissario ha parlato durante la conferenza stampa finale del Consiglio Affari interni e di giustizia dell'Ue, svoltosi oggi a Bruxelles.

La Commissione, ha riferito Barrot, ha riunito un gruppo di esperti per elaborare delle linee guida sull'applicazione della direttiva 38 del 2004 sulla libera circolazione dei cittadini comunitari. Le linee guida, ha aggiunto, saranno pubblicate "l'anno prossimo", e aiuteranno gli Stati membri a interpretare correttamente e applicare con efficacia le disposizioni della direttiva. "Non si tratta di rimettere in discussione i princìpi della direttiva, che è fondamentale per per la libera di circolazione nell'Ue, ma di lottare contro gli abusi, le infrazioni gravi e ripetute e le recidive".

In virtù della direttiva 38, gli Stati membri possono rifiutare la residenza ai cittadini comunitari per ragioni di reddito, nel caso in cui rischino di costituire un 'onere irragionevole' per il sistema di sicurezza sociale nazionale. A un cronista che chiedeva se si possa assimilare il rifiuto della residenza a un'espulsione dal territorio nazionale, Barrot ha risposto: "Le espulsioni possono essere decise solo caso per caso e devono rispettare il principio di proporzionalità. L'espulsione è una misura grave e bisogna che i fatti in base ai quali viene decisa sinao sufficientemente gravi".

Quanto all'interpetazione della nozione di 'risorse economiche sufficienti', il commissario ha riconosiuto "Bisogna che ci lavoriamo ancora con gli esperti, per avere linee direttici chiare sul rispetto del principio di proporzionalità, ma espulsioni sistematiche per problemi di risorse non sarebbero conformi al diritto comunitario... Bisogna che guardiamo anche al diritto nazionale degli Stati membri, per vedere se il rifiuto della residenza può condurre a un'espulsione. Proprio questa questione dimostra l'utilità di elaborare delle linee guida".

A margine della conferenza stampa, parlando con alcuni cronisti, Barrot ha aggiunto che la Commissione "sta ancora monitorando" un decreto del 'pacchetto sicurezza' varato dal governo italiano l'estate scorsa. E' il decreto, già in vigore, che prevede l'espulsione automatica per gli stranieri condannati a più di due anni di carcere. La Commissione esige che l'Italia precisi, nel testo legislativo, che questa misura non si applica ai cittadini comunitari. "La rappresentanza permanente italiana presso l'Ue - ha riferito comunque il commissario - mi ha garantito che il testo verrà modificato in questo senso". La Commissione aveva chiesto, in precedenza, che non fosse applicata ai cittadini comunitari neanche 'l'aggravante di clandestinità' prevista i reati commessi da immigrati illegali.

Fonte: Virgilio Notizie.

CE nu aprobă expulzarea sistematică a românilor fără venit din Italia


Comisia Europeană nu aprobă expulzarea sistematică a românilor fără venit din ţări precum Italia. Anunţul vine din partea comisarului pentru justiţie Jacques Barrot, citat de NewsIn.

Oficialul european a mai precizat că măsura anunţată de guvernul italian, de a expulza cetăţenii comunitari care nu pot dovedi că au un venit, ar fi în contradicţie cu legislaţia Uniunii.
Expulzările nu pot avea loc decât în urma examinării fiecărui caz în parte şi doar dacă faptele sunt foarte grave, a subliniat comisarul pentru justiţie.
Potrivit presei, principala ţintă a acestei restricţii sunt comunităţile de romi, iar Comisia Europeană a cerut statelor Uniunii să ofere şanse reale de integrare a acestei comunităţi şi combaterea discriminările.
Sursa: Realitatea TV

Immigrati/ Nitto Palma: Ue chiarisca su libera circolazione

Lo abbiamo chiesto noi e la Gran Bretagna, alti concordano

Bruxelles, 27 nov. (Apcom) - La Commissione Ue deve fare chiarezza sulle norme europee in materia di libera circolazione dei cittadini comunitari soprattutto per quanto riguarda la possibilità di espulsione di chi commette gravi reati. Lo chiedono alcuni Stati membri, in particolare Gran Bretagna e Italia.

Lo ha riferito il sottosegretario agli Interni Francesco Nitto Palma, intervenuto oggi a Bruxelles al Consiglio dei ministri degli Interni della Ue.

"C'è un reale problema di interpretazione della direttiva sulla libera circolazione dei cittadini comunitari - ha spiegato Nitto Palma incontrando i giornalisti a Bruxelles -. La Gran Bretagna per prima, trovando subito il nostro accordo, ha proposto di invitare la Commissione Ue a dare la sua interpretazione autentica delle disposizioni, perchè gli Stati possano poi darne trasposizioni omogenee nei loro ordinamenti".

Il problema, in particolare, è quello della possibilità di espulsione dal territorio di uno Stato dei cittadini comunitari. "Dobbiamo sapere in particolare - ha spiegato Nitto Palma - quali siano le norme per l'allontanamento di colui che compie reati di una certa gravità. Ovviamente non ci sono problemi sull'aspetto della libera circolazione, che anzi favoriamo, ma per quanto riguarda l'allontamento attualmente ogni Stato interpreta le norme in maniera diversa".

Fonte: Virgilio Notizie.

90% dintre românce nu-şi verifică sănătatea înainte de a face un copil

IGNORANŢĂ Copii bolnavi, naşteri premature sau avort spontan
de Milena NIŢĂ 27 NOIEMBRIE 2008
Analizele se fac cu trei luni înainte de concepţie
Fără investigaţii medicale, mamele riscă să aibă copii cu infecţii materne

Româncele nu obişnuiesc să-şi facă analizele înainte de a rămâne însărcinate. Drept consecinţă, aceste femei riscă să nască prematur sau să avorteze spontan, spun medicii ginecologi. „Viitoarele mămici trebuie să ştie că, înainte de a purta o sarcină, este necesar să-şi facă o serie de analize medicale, pentru a-şi verifica astfel starea de sănătate. În caz contrar, există riscul ca acel copil să se nască cu infecţii materne sau înainte de termen. De asemenea, gravidele care nu şi-au făcut investigaţiile înainte de a rămâne însărcinate pot avorta spontan”, atenţionează dr. Elena Voiculescu, medic primar obstetrică-ginecologie, la Spitalul Universitar de Urgenţă Elias. „La noi, 90% dintre femei nu-şi fac aceste investigaţii înainte de sarcină”, estimează dr. Voiculescu. Medicul consideră că cele mai multe femei nu ştiu că înainte de concepţie trebuie să consulte un medic de specialitate.

O femeie care se pregăteşte să devină mamă trebuie să-şi facă analizele medicale cu maximum trei luni înainte de concepţie, spun specialiştii. Pentru realizarea unora dintre aceste investigaţii, pacientei i se recoltează secreţie vaginală, din care i se va face examen de secreţie standard, teste pentru Mycoplasma, Ureaplasma, Chlamidya şi testul Babeş-Papanicolau (care detectează prezenţa cancerului de col uterin). Mycoplasma, Ureaplasma şi Chlamydia sunt bacterii care pot depista infecţii urogenitale, urmate de complicaţii. Cea de-a doua categorie de analize, din sânge, se realizează pentru depistarea HIV, sifilis (VDRL şi TPHA), rubeolă, citomegalovirus, toxoplasma, herpes, Chlamidya, antigen anticorp de hepatita B şi C şi imunoglobulinele IgM şi IgD. În cadrul acestui set de analize, se vor mai determina grupa de sânge şi Rh-ul. De asemenea, medicul de familie va testa gratuit glicemia, colesterolul şi ureea. Controlul clinic mai include şi o ecografie, care poate depista eventuale probleme medicale ale viitoarei mame. În situaţia în care femeii i s-au depistat anumite afecţiuni, ea va face mai întâi tratamentul necesar pentru boala respectivă şi abia apoi se poate gândi la o sarcină.

Febra, periculoasă la sarcină

Medicii specialişti atenţionează femeile însărcinate că febra este foarte periculoasă pe parcursul gravidităţii. „Febra este foarte gravă în timpul sarcinii. Gravidele riscă să nască prematur sau să facă avort spontan”, atenţionează dr. Elena Voiculescu. Totuşi, medicul spune că determinarea de anticorpi de listeria (bacteria răspunzătoare de apariţia febrei – n.r.) nu se încadrează în setul de analize obligatorii pe care trebuie să le facă o femeie înainte de a rămâne însărcinată. „Vin paciente însărcinate la cabinet, cu trimitere de la medicul de familie, să-şi facă acest tip de investigaţie. Vreau să spun că se face doar dacă gravida are febră. În rest, această analiză nu este obligatorie”, subliniază dr. Voiculescu.

Sursa: Gandul.

Traian Basescu: Fac un apel la romani sa mearga la vot


Traian Basescu: Fac un apel la romani sa mearga la vot. Avem nevoie de un Parlament care sa reprezinte vointa romanilor, si nu indiferenta lor
de A. Neagu, V. Marin
Joi, 27 noiembrie 2008,

Traian Basescu
Foto: AGERPRES
"Motivul pentru care doresc sa fac o declaratie privind alegerile din 30 noiembrie este legat de ceea ce indica sondajele - o slaba participare la alegerile din 30 noiembrie. Fac un apel la romani sa participe la vot. Avem nevoie de un Parlament care sa reprezinte vointa romanilor, si nu indiferenta lor ", a afirmat, joi, presedintele Traian Basescu, in cadrul unei declaratii de presa sustinute la Palatul Cotroceni.

Cele mai importante declaratii ale sefului statului:

"Avem nevoie de un Parlament care sa ii reprezinte pe toti romanii si de un Guvern care sa vina cu solutii in contextul crizei economice."
"Fac un apel la romani sa participe la vot din doua motive:

1) In Romania a inceput sa se resimta criza globala si criza economica va continua sa afecteze tara in perioada urmatoare. De aceea avem nevoie de un Parlament responsabil, care sa ia masurile necesare pentru diminuare efectelor crizei.
2) Modul de desfasurare a alegerilor - noua lege care introduce votul uninominal - este prima oara cand politicul a raspuns dorintei romanilor de a vota persoane si nu liste de partid."

"Pentru prima data, vor fi alese persoane, nume, si nu liste de partid, datorita introducerii votului uninominal".
"Pentru prima data, responsabilitatea alegerii parlamentarilor e impartita intre partidul care i-a nominalizat si electorat."
"In acest fel, parlamentarii vor avea o responsabilitate mai mare si vor fi mai legati de colegiul electoral."
"Avem nevoie de un Parlament care sa reprezinte vointa romanilor, si nu indiferenta lor."
"Pentru ca noi, astazi, sa putem vota liber, au murit oameni. Suntem datori sa le respectam jertfa."

"Poate vom gasi resurse ca la balcoanele noastre, in casele noastre, sa arboram un steag, cu ocazia Zilei Nationale. Aceste alegeri sunt incarcate de o simbolistica aparte, se implinesc 90 de ani de la Marea Unire", a incheiat seful statului.

Sursa: HotNews.ro

Il pianista che viene dall'Est

di Carmen Valisano
Terzo appuntamento della stagione dell'Associazione musicale etnea con protagonista Radu Lupu, pianista rumeno che si è esibito in un programma tutto tedesco

«Ha nelle mani i pianissimi "celesti" di Richter, i fortissimi squillanti di Gilels, gli accordi misteriosi di Cherkassky. E ogni cosa gli riesce con disarmante facilità». Così il giornale britannico “Guardian” ha definito Radu Lupu, pianista rumeno, ospite dell'Associazione musicale etnea lo scorso mercoledì 19 novembre. La serata è stata organizzata in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini.
Il programma ha avuto protagonisti due grandi compositori tedeschi, Ludwig van Beethoven e Robert Schumann, insieme al talento del pianista nato nel sud della Romania. Lupu, tra i numerosi riconoscimenti ottenuti nella sua lunga carriera, si è aggiudicato il premio “Abbiati” oltre a un Grammy ed un Edison per le incisioni.
I primi due brani (la Sonata in mi maggiore op.14 n.1 e la Sonata in sol maggiore op.14 n. 2) scivolano con eleganza, mentre con le prime note della Sonata in do minore op.13 n.8 – detta “Patetica” dallo stesso Beethoven – ci si trova coinvolti in un'atmosfera solenne, vitale, irruente. Radu Lupu sembra quasi schivo nel rapporto con il pubblico, ma il suo coinvolgimento durante l'esecuzione è intenso.
La seconda parte della serata è dedicata a Schumann. L'Arabesque in do maggiore op.18 è un brano delicato nel suo inizio per poi prendere vigore e tornare con lo stesso tema dolce e cullante e finire infine quasi in dissolvenza, “una sospensione onirica del tempo” (come scrive Dario Miozzi, docente di Storia della musica).
La rigogliosa Fantasia in do maggiore op.17 e due bis chiudono il concerto del musicista rumeno che viene ripagato con un lungo applauso dal pubblico.
Il prossimo appuntamento è quello di domenica 30 novembre con Matilde Politi: cantante, strumentista e poeta, porterà il teatro Sangiorgi “alla scoperta delle tradizioni popolari”.
(25 novembre 2008)



Fonte: Step 1.

Mutu a ''Scherzi a parte'': le prime anticipazioni


26/11/2008
Filtrano dai media rumeni le prime anticipazioni relative allo scherzo di cui è rimasto vittima qualche settimana fa l'attaccante viola Adrian Mutu, da parte dello staff della trasmissione televisiva "Scherzi a parte". Mutu appena uscito dagli studi Mediaset di Milano è stato fermato dalla polizia per un controllo di routine: al rumeno viene chiesto di aprire il bagagliaio dal quale esce un uomo, che risulta poi un ricercato dalla legge, per lo stupore comprensibile dello stesso Mutu. Seguono altre scene dal commissariato prima che lo scherzo venga rivelato.
Fonte: ViolaNews

giovedì 27 novembre 2008

In Lombardia oltre 5 mila imprese romene

Imprenditori emergenti: quasi 27 mila le ditte in Italia. Nonostante i pregiudizi della maggioranza degli italiani
MILANO - Sono quasi 27 mila le ditte con titolare rumeno presenti sul territorio italiano, e un quinto di esse (5.400 circa) si trova in Lombardia. L'imprenditoria immigrata in generale sta emergendo sempre più negli ultimi anni e ha raggiunto un totale di 141 mila imprese, quasi il triplo rispetto a 4 anni fa. Proprio i romeni, che con un milione di presenze in Italia sono diventati la prima collettività fra gli immigrati, sono fra gli stranieri più produttivi e hanno registrato un incremento delle ditte individuali, dal 2004 a oggi, pari al 143%.
Se ne è discusso questa mattina a Milano nel corso di un convegno organizzato dalla Caritas ambrosiana, intitolato «Emergenza romeni o romeni emergenti», in cui è stato messo in luce che questo gruppo di cittadini, neoarrivati nell'Unione Europea, opera principalmente nei settori delle costruzioni (80,5% delle ditte), delle attività manifatturiere (5,4%) e del commercio (4,6%).
Tutto ciò nonostante la discriminazione e lo scarso gradimento da parte della maggioranza degli italiani, che nel 65% dei casi dichiarano che non vorrebbero in famiglia una persona romena. Questi dati - raccolti nel libro «Romania: immigrazione e lavoro in Italia», presentato nel corso dell'incontro odierno - mettono in evidenza il forte legame che comunque unisce i due Paesi. L'interscambio fra Italia e Romania è pari a 12 miliardi di euro l'anno, con oltre 20 mila imprese italiane insediate in Romania. Considerevole anche il numero di italiani nel paese, circa 6 mila, dove sono considerati una minoranza etnica e, in base alla nuova costituzione, hanno un proprio parlamentare.
Fonte: Corriere della Sera

mercoledì 26 novembre 2008

Milano. Invito convegno Romania del 27 novembre


Evento segnalato da Marinela Costan.

Strade killer, la Tiburtina è la più pericolosa d'Italia


Il rapporto Aci

Meglio restare lontani dalla Tiburtina: è la strada più pericolosa d'Italia. Il tratto killer è quello compreso tra il chilometro 12 e il 22. La Statale tra Roma e Tivoli ha una media di 11,70 incidenti e di 0,70 morti per chilometro nel triennio 2004-2006.

È il rapporto più alto di tutta la Penisola. Il tragico primato è stato registrato dall'Automobile Club d'Italia (Aci) nell'indagine condotta nell'ambito del programma europeo sugli standard di sicurezza stradale (Europap). Ma la provincia di Roma ha anche altre quattro strade al top delle classifiche di pericolosità. Tra le arterie statali c'è l'Aurelia che si piazza al terzo posto in Italia: tra il km 10 e il 28 ha una media di 10,50 incidenti e 0,50 morti per chilometro. Per non parlare del Grande raccordo anulare: nel mirino trenta chilometri tra l'uscita per L'Aquila e quella per Fiumicino e dodici chilometri tra Castel Giubileo e l'uscita per L'Aquila rispettivamente al secondo e terzo posto tra le «autostrade urbane» in cui si rischia maggiormente la vita. E poi c'è l'A1, tra la bretella di Roma e l'uscita Anagni-Fiuggi che per ventisette chilometri si attesta al quarto posto tra le cinque autostrade più pericolose d'Italia.
L'analisi dell'Aci non calcola l'indice di pericolosità solo in base alla manutenzione delle strade e allo stato della segnaletica, ma indaga anche sui livelli di rischio in rapporto alla circolazione, in modo da calcolare la probabilità che ha l'automobilista di restare coinvolto in un incidente. Per questo motivo il presidente dell'Aci, Enrico Gelpi, ha chiesto «più risorse per realizzare il catasto stradale e rilevare i flussi del traffico». Il presidente dell'Anas Pietro Ciucci ha cercato di rassicurare autisti e motociclisti: «Un terzo dei fondi attribuiti all'Anas è stato proprio destinato alla manutenzione della rete con la posa di asfalto drenante, l'istallazione di barriere di sicurezza più moderne e l'eliminazione dei punti neri della rete».
Di certo non serviva lo studio dell'Aci per ricordare ai romani i pericoli che si corrono sulle strade urbane ed extraurbane in tutta la provincia. Basta ricordare i due incidenti mortali sulla Palombarese a ventiquattr'ore di distanza l'uno dall'altro: ieri mattina un romeno a bordo di uno scooter è morto nell'impatto frontale contro un'auto in località Sant'Angelo Romano. È rimasta ferita anche la conducente della macchina: è stata trasportata in ambulanza all'ospedale di Monterotondo. La mattina prima, sempre sulla provinciale di Palombara tra Marcellina e Guidonia, è morto un ragazzo di 17 anni: viaggiava su un'automobile che si è schiantata contro un albero. Sei le persone ferite.
E si si va indietro di 48 ore va ricordato il carabiniere di 33 anni che con la sua moto si è schiantato contro due macchine ferme in mezzo all'Ostiense all'altezza del bivio con via Valchetta Rocca, in zona Tor di Valle. Le due auto pochi minuti prima si erano scontrate frontalmente e una ragazza era rimasta incastrata nelle lamiere. I carabinieri stavano effettuando i rilievi quando il loro collega è piombato sul luogo dell'incidente. Il militare è morto poco dopo in ospedale. Nella carambola sono rimaste ferite altre sette persone. E sempre domenica, in zona Casetta Mattei, un ciclista romeno è stato investito da un pirata della strada che poi è fuggito a piedi. Grave anche il bilancio di sabato: due giovani scooteristi sono morti in incidenti avvenuti nel giro di mezz'ora sulla via Flaminia. Il primo all'altezza di Corso Francia. Il conducente di una moto ha perso la vita dopo aver investito due pedoni. Questi ultimi sono stati ricoverati nell'ospedale San Pietro. L'altro incidente è avvenuto nei pressi di Grottarossa: uno scooterista si è scontrato contro un camion ed è morto sul colpo. E questa lunga scia di sangue sulle strade diverrebbe interminabile se invece di contare solo gli ultimi tre giorni si considerassero gli incidenti avvenuti a Roma nelle settimane scorse.
Dario Martini
25/11/2008
Fonte: Il Tempo.

Workshop Gusto Italiano a Bucarest

Mercoledì, novembre 26
Eventi
Organizzato dall´ICE con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico, con la collaborazione di Confagricoltura e la partecipazione della Regione Abruzzo, si è svolto il 18 novembre scorso, presso l´Hotel Hilton di Bucarest, un workshop dal titolo Gustul Italiei - Il Gusto Italiano. E´ lo stesso Istituto per il Commercio con l´Estero a fornirne un ampio resoconto.
La manifestazione era dedicata all´esposizione, con relativa degustazione, dei pregiati vini del bel Paese ed alla presentazione di prodotti agroalimentari italiani, con la partecipazione di 44 società rappresentative delle varie regioni italiane ed il coinvolgimento di circa 100 imprese romene. Sono stati promossi i prodotti tipici e tradizionali locali: formaggi, salumi, olio, pasta, pizza, etc. oltre all´immancabile vino.
Ben 29 delle società italiane partecipanti all´evento erano produttrici di vino italiano, prodotto unico ed inimitabile, che per l´eccellenza e la diversità rappresenta in modo incomparabile il Made in Italy. E´ anche vero che le aziende vinicole italiane devono fare i conti con una forte concorrenza da parte delle società romene che - secondo le stime dell´Associazione dei Produttori di Vini Romania - nel 2008 incrementeranno di quasi il 20 per cento la produzione rispetto al 2007; va ricordato che nelle cantine romene sono conservate oltre 600 milioni di bottiglie di vino (circa 30 bottiglie per ogni consumatore).
Nonostante la forte presenza di vini importati, il vino romeno possiede ancora il 97 per cento della quota del mercato locale. Pur tenendo conto di questa situazione, gli espositori italiani si sono dichiarati alquanto ottimisti sulle prospettive future nel mercato romeno . "Facciamo parte dalla categoria di produttori che nel mondo difende il "Made In Italy", ed in tal senso, cerchiamo di collaborare con delle società romene per trovare la maniera giusta per promuovere e valorizzare i nostri prodotti sul mercato locale" ha dichiarato Fabio Cornelli, direttore della In Italy.
A ciò bisogna aggiungere che tutti i prodotti esposti e presentati erano di alta qualità e come tali indirizzati verso un settore di nicchia o riservati a ristoranti, alberghi e/o società interessate a usufruire di prodotti di qualità per i loro clienti. In tal senso i marchi prodotti in Italia hanno il vantaggio di essere già conosciuti in Romania, grazie ai tanti romeni che lavorano in Italia e sono abituati a consumare prodotti tipici. "In Romania la nostra clientela è prevalentemente costituita da persone che hanno vissuto o lavorato in Italia e che, quindi, cercano e conoscono i prodotti che offriamo. Continueremo comunque a promuovere i prodotti italiani per abituare sempre di più i romeni ai nostri sapori" ha affermato il manager della società Menù Italiano Natale Ghinassi. "L'interesse delle aziende italiane per il mercato romeno e' in crescita non solo nel settore alimentare ed in tal senso riteniamo che tale tendenza continuerà anche in futuro. Occorre tener conto che le aziende italiane che operano in Romania hanno un impatto sul PIL tra i 7 ed il 10 per cento. Per quanto riguarda gli scambi tra i due paesi questi ammontano a circa 12 miliardi di euro", ha affermato il direttore di ICE Bucarest, Mario Iaccarino. In Romania le imprese italiane sono attive nel settore dei servizi (banche, assicurazioni, intermediazione, etc.) con il 30 per cento del totale degli scambi, mentre le transazioni immobiliari rappresentano il 14 p.c., e l´edilizia il 10; infine il settore manifatturiero (abbigliamento, pelletteria e calzature, mobili, etc.) rappresenta circa il 15 per cento delle attività delle aziende italiane in Romania. A metà del 2008 - secondo i dati pubblicati dal Registro di Commercio - sono state registrate in Romania 25.854 società italiane, con un capitale di 862 milioni di euro.
Nel periodo compreso tra gennaio e novembre 2008 l´ICE Bucarest ha ricevuto richieste di assistenza da parte di circa 1.000 imprese italiane interessate ad operare nel mercato romeno, ma anche 188 offerte commerciali da parte di società romene alla ricerca di partner italiani. L´ICE possiede un database di oltre 40.000 imprese italiane di vari settori di attività interessate ad operare in Romania.
Marcello Berlich - by ICE.GOV.IT
Fonte: Portalino

martedì 25 novembre 2008

Vizite turistice gratuite in Roma. 3‏0 noiembrie Vatican si Castel Sant'Angelo


Va informam ca pe 30 noiembrie, de la ora 9.00 la 13.00, romanii rezidenti in Roma au ocazia de a face o vizita turistica gratuita la Vatican si Castel Sant'Angelo.

Asociatia IRFI onlus a aderat la proiectul CTA – Centro Turistico ACLI, "Un turismo per tutti": ciclo di visite guidate per i residenti stranieri a Roma, pentru a implica cat mai multi romani in activitati artistice, turistice si culturale.

Persoanele interesate sa participe sunt invitate sa sune la nr. tel. 06-5708728 sau la Cecilia, mobil 339-6962548.

Punct de intalnire:
duminica 30 noiembrie
ora 9
in fata obeliscului din piata Sf. Petru.

Este prevazut un mic dejun pentru participanti oferit de ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani).


Vizitele ghidate prevazute in program sunt:
30 noiembrie 2008: Castel Sant’Angelo si San Pietro
14 decembrie 2008: Excursie in "battello" pe Tevere
In ianuarie 2009: Vizita in provincia Romei


Asociaţia IRFI onlus "Italia Romania Futuro Insieme"
www.irfionlus.org
info@irfionlus.org
389-1864064

Invito al concerto dedicato al compositore transilvano Sigismund Toduta mercoledi' 26 novembre 2008 Accademia di Romania‏



Mercoledì, 26 novembre, ore 19.00
Sala Conferenze, Accademia di Romania

Sigismund Todutã, maestro della musica transilvana

Nicolae Dumitru (pianoforte)

Introduzione alla personalità artistica di Sigismund Toduta
a cura del Prof. Mihai Ghircoias

Sigismund Todutã, uno dei più grandi compositori romeni del periodo post-enesciano, è l’unico grande musicista romeno ad aver studiato all’Accademia Santa Cecilia di Roma (1936 – 1938) sotto l’attenta direzione dei maestri Alfredo Casella e Ildebrando Pizzetti, rappresentanti di spicco del neoclassicismo italiano. L’Accademia di Romania desidera rendere omaggio al maestro in occasione del centenario della nascita con un concerto sostenuto dall’eccellente pianista Nicolae Dumitru, diplomato dell’Accademia Russa di Musica “Gnessin” (1998) e con una conferenza tenuta dal prof. Mihai Ghircoias, segretario generale della Fondazione „Sigismund Todutã” di Cluj-Napoca e ottimo conoscitore dell’opera del compositore e musicologo romeno.

Programma

Sigismund Toduţã – Passacaglia
Suite di canzoni e danze romene
Franz Liszt – Sonata quasi Fantasia “Apres une lecture de Dante”
Johannes Brahms – Tre pezzi per pianoforte op.118
Serghei Rahmaninov – Variazioni su un tema di Corelli op.42

-------------------

Miercuri, 26 noiembrie, orele 19.00
Sala de Conferinte, Accademia di Romania

Sigismund Todutã, maestru al muzicii transilvane

Nicolae Dumitru (pian) - concert
Prof. Mihai Ghircoias – Personalitatea artisticã a lui Sigismund Todutã (prelegere)

Sigismund Todutã, unul dintre cei mai mari compozitori români din perioada post-enescianã, este singurul mare muzician român care a studiat la Accademia Santa Cecilia din Roma (1936 – 1938), sub atenta îndrumare a maestrilor Alfredo Casella si Ildebrando Pizzetti, reprezentanti de renume ai neoclasicismului italian.
Accademia di Romania doreste sã aducã un omagiu maestrului cu ocazia centenarului nasterii sale prin concertul sustinut de excelentul pianist Nicolae Dumitru, diplomat al Academiei Ruse de Muzicã “Gnessin” (1998) si prin conferinta d-lui prof. Mihai Ghircoias, secretar general al Fundatiei „Sigismund Todutã” din Cluj-Napoca si bun cunoscãtor al operei compozitorului si muzicologului român.

Programma

Sigismund Toduţã – Passacaglia
Suita de cantece si dansuri romanesti
Franz Liszt – Sonata quasi Fantasia “Apres une lecture de Dante”
Johannes Brahms – Trei piese pentru pian op.118
Serghei Rahmaninov – Variatiuni pe o tema de Corelli op.42

Accademia di Romania

Testează-ţi votul pe internet. Un site a lansat un chestionar în urma căruia afli cu ce partid te potriveşti


25 noiembrie 2008
Alegerile parlamentare uninominale se apropie. Cu toate acestea, mulţi români sunt încă nehotărâţi în privinţa votului pe care ar trebui să îl dea, fie din cauză că nu cunosc îndeajuns de bine programele politice ale partidelor, fie pentru că nu reuşesc să îşi dea seama care dintre acestea se potrivesc cel mai bine cu propriile credinţe sau nevoi.
O organizaţie neguvernamentală, Median Research Centre vine în ajutorul acestora, lansând un site pe internet, unde, în urma unui test " de compatibilitate", românii pot identifica partidul cu al cărui program politic se potrivesc cel mai bine.
Testvot.eu este un site care îşi propune să ofere cetăţenilor accesul la informaţii din surse valide din punct de vedere ştiinţific în ceea ce priveşte diferenţele de viziune şi politici dintre partidele înscrise în alegeri, prin intermediul unui chestionar online interactiv.
"Testează-ţi Votul!" cuprinde două etape. În prima, utilizatorii sunt rugaţi să răspundă în termeni de acord şi dezacord la un set de afirmaţii/întrebări. În a doua etapă, cetăţenilor le este oferită o comparaţie a poziţiilor lor cu cele ale partidelor politice, pe ansamblul întrebărilor şi separat pe domenii.
MRC este o organizaţie ne-guvernamentală înfiinţată în 2003 cu scopul de a face cercetări de top în ştiinţele sociale şi politice, cu relevanţa practică pentru procesul democratic din România şi din ţările post-comuniste.
Antena3.ro

Oggi a Campello per la sicurezza sul lavoro, a due anni dalla strage


di Giuseppe Giulietti

“Proviamo a fare qualcosa, non possiamo solo indignarci dopo….”. Questi e altri pensieri circolavano a Campello due anni fa, dopo la tragica esplosione che portò alla morte di 4 operai e che ferì in modo indelebile le loro famiglie, la comunità di Campello, l’Umbria tutta. A quella strage ne sono seguite altre, centinaia di morti che qualcuno chiama bianche, ma che invece sono sporche, sporchissime. Nel giorno del lutto tutti invocano processi rapidi, giustizia, provvedimenti severi. In realtà l’espressione “tolleranza zero” non si applica mai quando si parla di morti sul lavoro. Chi muore in un cantiere viene rapidamente dimenticato, se poi si tratta di un lavoratore straniero persino il suo nome rischia di restare sepolto sotto le macerie. Un operaio rumeno che delinque conosce l’onore della prima pagina. Un operaio rumeno che muore ammazzato, mentre contribuisce alla ricchezza nazionale, rientra a mala pena nella statistica. La stessa sorte tocca spesso alle famiglie delle vittime; sempre più spesso può capitare, come è accaduto a Campello, che i soldi del risarcimento vengano chiesti addirittura alle mogli o ai figli. Di questo passo, un giorno o l’altro, spetterà agli operai morti risarcire i loro padroni (il termine imprenditore non mi sembra appropriato in questo caso).
Per fortuna l’Umbria non ha dimenticato. Ha approvato una legge per creare un fondo di sostegno. Ha promosso accordi sulla prevenzione. In tanti comuni sindacati, amministratori, esponenti della chiesa e della società civile tentano di non spegnere i riflettori e di richiamare l’attenzione collettiva sulle vite precarie, sul rischio che si possa ancora morire di lavoro e sul lavoro. Attorno a questa campagna si sono ritrovati anche tanti esponenti del giornalismo, della cultura, dello spettacolo, convinti che oltre alle indispensabili misure repressive, serva anche e soprattutto,un’instancabile campagna di informazione, capace di raggiungere il cantiere più sperduto e il lavoratore meno tutelato. Da queste preoccupazioni, dalle iniziative dei sindacati, dalle fiaccolate promosse dai familiari delle vittime di Campello, dagli appelli del sindaco Pacifici, è nata l’idea di portare anche in Umbria la carovana per il lavoro sicuro, promossa da Cesare Damiamo, già ministro del lavoro e da Articolo21, l’associazione per la libertà di informazione, presieduta da Federico Orlando, storico braccio destro di Indro Montanelli.
Attorno alla carovana si sono ritrovati tutti i sindacati, l’associazione degli invalidi civili, il mondo del cinema, la Federazione della Stampa, le Acli, la Tavola della Pace, l’Arci, centinaia di artisti da Ottavia Piccolo a Monica Guerritore, dai Subsonica ai Caparezza, dai Tetes de Bois a Mariella Nava, a Mimmo Calopresti. Tutti uniti contro la cultura della indifferenza, della rimozione, della cancellazione della memoria. A Campello ci saremo per rendere omaggio a chi non si arrende, a chi cerca la verità, a chi vuole tutelare la memoria di chi non c’è più e la dignità di chi è restato, condannato a convivere con il dolore.
Le sentenze non spettano alla politica,sarà la magistratura ad accertare le responsabilità e a pronunciare le sentenze. L’importante è che non passino i decenni, tra un artificio tecnico e una richiesta di rinvio. I giornalisti che si ritroveranno a Campello ricorderanno quei giorni, lo faranno con la stessa onestà e lo stesso rigore con il quale seguirono quella terribile vicenda. Qualche cosiddetto imprenditore li ha accusati di aver esagerato, di aver fatto mala informazione. In realtà quei colleghi, delle testate nazionali e regionali, hanno solo fatto il loro mestiere, in un paese che non sembra amare più di tanto quei cronisti che hanno la sola ambizione di raccontare quello che vedono e sentono.
Il sindaco di Campello, i familiari, i sindacati hanno chiesto alla carovana non solo di recarsi a Campello, ma anche di continuare a seguire la vicenda, di non staccare la spina, di illuminare un processo che molti vorrebbero ricacciare nella oscurità. Faremo di tutto per onorare l’impegno e sul sito di Art.21, www,articolo21.info, apriremo, quando sarà il momento, uno spazio dedicato a Campello, aperto a tutti quelli che vorranno inviare il loro contributo.
In questi giorni i grandi media nazionali ci stanno raccontando tutto su Olindo e Rosa, sulla strage di Erba. Restiamo sempre in attesa di vedere una intera trasmissione dedicata, quando ci saranno, al processo di Campello, al rogo della Thissen, alla strage da amianto che si è consumata a Casale Monferrato.
Sino ad oggi tre delitti privati, sia pure terribili, hanno attirato l’attenzione di tutte le piazze mediatiche nazionali. Le grandi tragedie collettive e della sicurezza sociale hanno avuto un’attenzione assai minore. Anche questo è un pessimo aspetto del triste spirito dei tempi.
Da Campello partirà un appello a non rassegnarsi. Siamo certi che l’Umbria civile e solidale, per l’ennesima volta, saprà e vorrà essere una grande capitale nella lotta per riaffermare i valori della legalità e della sicurezza individuale e collettiva, contro i caporali vecchi e nuovi.
Fonte: Articolo 21.

25 Novembre 2008. Le donne non si toccano nemmeno con un fiore…


SPECIALE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

(Roma) Sarà il manifesto contestato, “Donna crocifissa”, della campagna nazionale antistupri di 'Telefono Donna', che ritrae una donna seminuda, il corpo coperto soltanto da un lenzuolo bianco, e con sotto le braccia due cuscini, a rappresentare il braccio orizzontale della croce, (evidente rimando alla sofferenza di Cristo), a comparire, ancora questa mattina sulle pagine di quotidiani, riviste e siti web - nonostante la decisione del Comune di Milano, di bloccarne l'affissione - per celebrare il 25 Novembre, Giornata Internazionale contro la violenza alle donne (il 25 novembre 1960 furono violentate e uccise le sorelle Mirabal, paladine della lotta di liberazione della Repubblica Dominicana dalla dittatura e da allora simbolo internazionale della lotta per l'eliminazione della violenza contro le donne). […]
Il 31% degli omicidi volontari in Italia avviene tra le mura domestiche. Secondo il rapporto Eures presentato a gennaio 2008 e relativo all’anno 2006, i delitti compiuti all’interno delle mura domestiche sono al primo posto. Ne uccide più la famiglia che la mafia. Il fenomeno continua a caratterizzare soprattutto il nord (94 vittime, pari al 48%). Segue il Sud con 62 vittime e il centro con 39 vittime. Una ricerca sulla stampa italiana nel 2007 mostra ancora una volta che l’uccisione di donne avviene soprattutto per mano di familiari e partner e che i media amplificano o minimizzano i casi in base all’etnia e all’identità della vittima. I numeri parlano da soli: 107 donne uccise nel 2007, 19 nel gennaio 2008 per un totale di 126 femminicidi commessi, di cui 6 duplici omicidi.
Molto spesso si dimentica di sottolineare che “le donne straniere sono sempre più spesso vittime di soprusi e di violenze", come denuncia Souad Sbai, presidente dell`Associazione Acmid-Donna Onlus e deputata del Pdl, convinta che un dialogo costruttivo possa rappresentare l'anello di congiunzione tra le diverse culture. […]
Sia che si tratta di violenza contro donne italiane, sia straniere, l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica su questi fatti è assai mutevole. I casi che fanno audience, eclatanti, capaci di catturare l’attenzione del pubblico, vengono riportati, trasmessi, analizzati da telegiornali e talk show fino alla nausea, diventando puri eventi mediatici. Come riporta S. J. Grana, i femminicidi sono ignorati o sensazionalizzati a seconda della razza, classe e capacità di attrarre della vittima. Il fatto che sia una donna, una ragazza, a essere stata uccisa perde di senso, valore e misura. E poi sono tanti, troppi i casi di omicidi di donne che passano inosservati, o quasi, perché migranti o prostitute. All’opposto, i casi di donne italiane uccise da stranieri hanno ben maggiore evidenza. Così nel senso comune passa un messaggio inverso rispetto alla realtà: è, infatti, molto più frequente che un uomo italiano uccida una donna straniera che il caso opposto. Proprio per ovviare alla mancanza o distorsione dei dati, la “Casa delle Donne per non subire violenza” di Bologna ha affidato a Sonia Giari uno studio sul femminicidio, basato sugli articoli pubblicati sulla stampa italiana nell’anno 2007, che è stato diffuso in questi giorni con il titolo La mattanza e che è pubblicato sul nostro sito www.deltanews.it. [...]
L’analisi dei casi conferma quello che già si conosce, ma che i media spesso nascondono all’opinione pubblica. Il 35% degli assassini (o presunti tali, dato che si tratta di indagini o processi non ancora conclusi) è il legittimo consorte della donna uccisa, mentre nel 15% dei casi è un ex (marito o fidanzato). Complessivamente i tre quarti delle donne sono uccise da un familiare (comprendendo in questa categoria anche fidanzati o conviventi). Tutti uccidono per i motivi arcaici di sempre: il 25% in seguito a una lite, il 16% perché non accetta la separazione, l’8% per gelosia. Solo un femminicidio su otto in Italia, circa uno al mese, è commesso da sconosciuti. Le vittime straniere sono il 28%, ma ben una donna uccisa su dieci è di nazionalità romena. Tra gli assassini, il 70% è italiano e il 16% è straniero (il restante 13% è sconosciuto). [...] Inoltre nel 2007 vi è stato un significativo aumento degli omicidi di donne affette da malattia, nella maggioranza dei casi anziane allo stadio terminale di patologie come l’Alzheimer, quindi un tema legato alla solitudine, alla fatica della cura e alle carenze dei servizi sociali. Non si rilevano mutamenti riguardo alla nazionalità, a riprova, commenta l’autrice, che “ogni richiamo allo “straniero che uccide le nostre donne” è puramente fallace, e ha l’unico scopo di fomentare la massa verso un capro espiatorio rassicurante per la società in quanto non appartenente ad essa, al di fuori di essa”. […]
I dati nazionali mostrano quanto sia poco fondato anche il tanto sbandierato "pericolo immigrazione": nell'81,6 per cento degli omicidi commessi tra il gennaio 2007 e il gennaio 2008, infatti, l'assassino è di nazionalità italiana. Di 126 delitti, sono venti quelli commessi da stranieri. Nell'Isola, gli autori dei delitti sono tutti italiani. […]
L’EMILIA-ROMAGNA, punta ad aiutare le donne vittime di violenza attraverso il lavoro e l’autonomia economica. Lavoro e formazione in sostanza, in collaborazione con l'attivita' dei Servizi di supporto e accoglienza. […]
Il progetto 'Una rete regionale…', finanziato con 251.000 euro, intende promuovere e facilitare l'inserimento sociale e lavorativo delle donne che hanno subito violenza fisica, sessuale, psicologica, accolte nei centri antiviolenza o inserite in percorsi di protezione sociale. Infine a luglio 2008 è stato siglato un accordo di collaborazione con la Romania, sottoscritto anche dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero del lavoro, della salute e delle Politiche sociali e da altre regioni italiane, finalizzato a collaborare nella lotta alla tratta di esseri umani. Obiettivi principali del progetto sono: la prevenzione del fenomeno e sensibilizzazione; l'inclusione sociale e lavorativa delle vittime, attraverso l'attivazione di percorsi personalizzati, scambio di esperienze e costituzione di una rete tra tutte le autorità coinvolte, sia italiane che romene. […]
Fonte: Delta News.

Sesso in cambio di 50 euro, nei guai


MONTEFORTE IRPINO - Ha avvicinato una ragazzina rumena di 15 anni e le ha offerto 50 euro in cambio di “atti sessuali”. Sorpreso sul fatto, è stato denunciato dai carabinieri della compagnia di Baiano. L’uomo è un settantunenne, un artigiano sposato e con quattro figli, di cui non è stato reso noto il paese d’origine, che avrebbe adescato la quindicenne all’uscita di un supermercato di Monteforte Irpino. La ragazza è una nomade, già costretta a stazionare dinanzi i negozi della zona per chiedere l’elemosina. Una storia, la sua, segnata dal bisogno e dallo sfruttamento. Ed ora l’incontro con l’orco, che approfittando della sua indigenza, ha violato gli ultimi barlumi di innocenza di una bambina già segnata dalla vita. Dopo essere uscito dal supermercato, il 71enne avrebbe avvicinato la giovanissima, e le avrebbe chiesto di appartarsi con lui. In cambio le avrebbe dato 50 euro. Qualcuno però ha visto, ed ha avvertito i carabinieri che lo hanno trovato in macchina con la quindicenne. Una scena che raccontava da sola degrado e sopraffazione. L’anziano è stato denunciato a piede libero, rischia grosso: la pena prevista in questi casi va dai due ai sei anni di carcere. La quindicenne rumena è stata affidata ad una casa famiglia. Dell’inchiesta si occuperà la procura di Avellino unitamente al Tribunale dei Minori di Napoli.
di bibi 24/11/2008 Anno I Numero 74
Fonte: Il Nolano

lunedì 24 novembre 2008

RO. ANM: Vom avea zăpadă de sărbători


24 noiembrie 2008
Zăpada nu aduce numai probleme, ci şi bucurii. Iar cea mai mare este atunci când avem zăpadă de sărbători. Se pare că de asta vom avea parte anul acesta de Crăciun şi Revelion.
După 2007- când iarna a fost considerată cea mai călduroasă din ultimii 107 ani, acum vom avea parte de o iarnă friguroasă, dar fără excese, susţin specialiştii de la ANM.
Zăpada nu s-a lăsat prea mult aşteptată în acest an. A nins deja la munte, iar în luna decembrie zăpada se va aşterne în toată ţara.
Potrivit celei mai recente prognoze ANM pe şase luni, zăpada se va menţine de sărbători, chiar şi în zonele joase din sudul ţării, se arată în cotidianul Gândul. Şi asta în condiţiile în care tendinţa generală a fost, în ultimii ani, de scădere a numărului de zile cu strat de zăpadă.
De pildă, iernile din Capitală au fost, în ultimii doi ani, sărace în zăpadă. În 2006 ninsorile au fost trecătoare, iar zăpada nu a ţinut decât câteva zile. Mai mult, valul de căldură de atunci a transformat stratul subţire de omăt de pe pârtia de schi de la Păltiniş în patinoar.
Iar aceasta a fost doar începutul, întrucât anul care a urmat, adică 2007, a fost cel mai cald din ultimii 107 ani, susţin specialiştii de la ANM. În aceaste condiţii, faptul că iarna îşi reintră în drepturi în acest an nu poate decât să-i bucure pe români.
Antena 3

Italia: Teatrul din Arad a fost invitat să devină un promotor al culturii române

Teatrul Clasic „Ioan Slavici“ din Arad face demersuri pentru accesarea de fonduri pentru a participa la proiectul intitulat „Români în inima Italiei“, în urma unei invitaţii făcută de Consiliului Local al oraşului Umbertide din Italia, transmite NewsIn.
Conducerea teatrului arădean a precizat că pe adresa instituţiei a sosit o invitaţie oficială din partea Consiliului Local al localităţii italiene Umbertide, prin care este solicitată să devină „principalul operator cultural al promovării culturii române în Umbertide şi în regiunea Umbria“. „Proiectul iniţiat de Consiliul Local din Umbertide se înscrie pe linia celor propuse şi susţinute de guvernele României şi Italiei, care vizează promovarea culturii române în spaţiul italian, eforturi susţinute inclusiv de preşedinţia României. Invitaţia a sosit ca urmare a faptului că de mulţi ani au fost concretizate numeroase schimburi culturale în cadrul cărora au fost implicate activ teatrele din cele două localităţi, schimburi sprijinite şi de municipalităţile din Umbertide şi Arad“, declarat, luni, Mihaela Balint, purtător de cuvânt în cadrul Teatrului Clasic „Ioan Slavici“ din Arad.
În scrisoarea adresată teatrului din Arad, de primarul localităţii Umbertide, Gianpiero Giulietti, se arată că prin intermediul teatrului arădean să fie prezentate în Umbertide şi în regiunea Umbria, atât pentru publicul italian, cât şi pentru românii din Italia, spectacole de teatru, expoziţii ai artiştilor plastici români, muzicieni, ansambluri folclorice şi altele. Cei din Umbertide doresc ca şi artiştii şi cultura italiană să fie reprezentată în Arad.
„Teatrul Clasic „Ioan Slavici“ Arad, alături de Fundaţia Art Clasic din Arad, au răspuns pozitiv la iniţiativa italienilor, urmând a demara toate procedurile necesare pentru accesarea de fonduri în vederea materializării proiectului «Români în inima Italiei»“, a mai menţionat Mihaela Balint.
Sursa: Adevarul

Românii sunt avertizaţi să nu-şi mai bată copiii


Peste 80% din copii declară că sunt bătuţi de către părinţi, în timp ce în 75% din şcolile româneşti au loc cazuri de violenţă asupra elevilor. Autorităţile nu au rămas nepăsătoare şi au elaborat un Plan Naţional de Acţiune privind prevenirea şi combaterea violenţei asupra copilului. Autoritatea Naţională pentru Protecţia Drepturilor Copilului îşi propune să-i protejeze pe cei mici împotriva violenţei fizice şi verbale sau a exploatării prin muncă.
Planul este supus, în prezent, în dezbatere publică pe site-ul instituţiei. Potrivit acestuia, românii trebuie să fie mai responsabili şi să sesizeze autorităţile atunci când aud că un copil este abuzat.
Totodată, planul de acţiune îşi propune implicarea, în mod constant, a serviciilor specializate pentru reabilitarea şi reintegrarea socială a copiilor . Poliţiştii sunt şi ei angrenaţi în această luptă împotriva viloenţei copiilor.
Autorităţile vor să creeze şi un cadru legislativ mai bun decât cel din prezent.
Astfel, părinţii dar şi dascălii vor fi instruiţi în privinţa comportamentului pe care trebuie să-l aibă în relaţia cu micuţii.
Potrivit cotidianului Adevărul, aceştia vor învăţa să-şi controleze accesele de furie atunci când discută cu copiii.
Părinţii nu mai au voie nici să-şi exploateze copiii prin muncă. Şi asta în condiţiile în care românii nu se sfiesc să-şi pună copiii la sapă, la tăiat lemne, cărat apă şi păzitul vitelor de la o vârstă fragedă.
Conform datelor Biroului Internaţional al Muncii în România, aproximativ 150.000 de copii au fost exploataţi prin muncă anul trecut.
Antena 3

Esplode una villetta: muore un uomo


Il nucleo familiare era di origine romena. Ferito anche un anziano che abitava al primo piano
Lo scoppio a Ponte Biscottino per un fuga di gas: tratte in salvo dalle macerie la moglie e i due figli

PONTE BISCOTTINO (PISA) - Un'esplosione, terribile, all’ora di cena e il soffitto della palazzina che crolla addosso alla famiglia, padre, madre e due figli, tutti di origine romena da anni in Italia con regolare permesso di soggiorno. L’uomo, Stelica Tindeche, 39 anni, camionista muore sotto le macerie; salvi la moglie Maria Magdalen Cecihe, 32 anni, i figli Gina di 6 anni, Florentin di 12 e un italiano di 63 anni che si trovava al piano di sopra. Illese altri due italiani che, al momento della deflagrazione, si trovavano nello scantinato della villetta. È accaduto in località Ponte al Biscottino, nelle campagne tra Livorno, Pisa e il comune di Collesalvetti. Secondo i primi accertamenti dei vigili del fuoco, l’esplosione potrebbe essere stata causata da una stufa a gas che si trovava al primo piano dell’edificio abitato dal pensionato italiano.

IL BOATO - «Abbiamo sentito un boato e la terra che tremava – racconta Maria Terreni, una vicina di casa -. Credevamo fosse il terremoto. Quando siamo usciti di casa abbiamo visto fumo e macerie». La prima ad essere salvata dalle squadre di soccorso è stata la bambina che frequenta a Collesalvetti la prima elementare. Poi hanno estratto dalle macerie la mamma e Florentin, l’altro figlio di 12 anni al secondo anno delle scuole medie. Il corpo del padre è stato trovato rannicchiato sotto il tavolo: probabilmente ha cercato di fare scudo con il suo corpo ai figli ed è stato investito in pieno dalle macerie. Tre dei quattro feriti sono stati ricoverati all’ospedale di Livorno, il ragazzino è stato invece trasferito al centro grandi ustionati di Pisa.

I FERITI - I primi accertamenti sono però incoraggianti. «Sono sotto choc, hanno lesioni e bruciature su tutto il corpo ma non sono in pericolo di vita», dicono i medici. Quando i vigili del fuoco hanno estratto dalle macerie Maria Magdalen, la donna ha chiesto dei figli e del marito. Poi è svenuta. Secondo i soccorritori, i feriti sono stati miracolati. L’eplosione è stata devastante ed ha distrutto quasi interamente il piano superiore. L’uomo che lo abitava, rimasto ferito non gravemente, è stato sbalzano a metri di distanza. Nicola Nista, sindaco di Collesalvetti, comune dove i bambini studiano, è stato tra i primi ad andare sul posto. «Una famiglia molto integrata e apprezzata – dice – ci stiamo già muovendo per dare loro un aiuto».

Marco Gasperetti
23 novembre 2008

Fonte: Corriere della Sera.

Incontro dei Capi di Stato Maggiore delle aeronautiche militari italiana e rumena


A PALAZZO AERONAUTICA INCONTRO TRA IL GENERALE TEI ED IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLE FORZE AEREE RUMENE
La visita ufficiale in Italia del gen. Croitoru segue quella effettuata in Romania nel giugno scorso dal Capo di Stato Maggiore italiano
Dr.ssa Gianna STRAFFI - Ufficio Pubblica Informazione SMA
del 21/11/2008

Cordiale incontro a Palazzo Aeronautica tra il generale s.a. Daniele Tei ed il lieutenant general Constantin Croitoru, rispettivamente Capi di Stato Maggiore delle aeronautiche militari italiana e rumena.

L'ospite, cui sono stati resi gli onori miltari dal picchetto schierato, è giunto nella mattinata del 19 novembre.

I due alti ufficiali - che si erano già conosciuti nel corso della visita che il generale Tei aveva, a sua volta, effettuato in Romania dal 3 al 6 giugno scorso - dopo un breve colloquio privato e lo scambio di crest, hanno assistito presso la Sala Piccio di Palazzo Aeronautica ad un briefing dei rappresentanti dei Reparti dello Stato Maggiore. Nel corso dell'incontro, oltre a temi inerenti l'attività operativa e addestrativa della Forza Armata, si è parlato anche dell'addestramento dei piloti da caccia degli F-16 e degli Eurofighter.

L'agenda di lavoro della delegazione rumena, che si concluderà domenica 23 novembre, ha previsto anche alcune visite a reparti ed enti dell'Aeronautica.
Presso la base del 4° Stormo, il giorno 20, è stata ricevuta dal comandante, colonnello Achille Cazzaniga. Dopo il briefing illustrativo, il gen. Croitoru ha effettuato un volo sull'Eurofighter.
Il giorno 21, nella mattinata, gli ospiti stranieri sono giunti per una visita conoscitiva a Poggio Renatico sede del COFA (Comando operativo delle forze aeree), accolti dal comandante generale s.a. Roberto Iacomino. Anche qui la delegazione ha assistito ad un briefing illustrativo sui compiti della difesa aerea.
Nel pomeriggio dello stesso giorno si sono recati presso la base di Cameri, ricevuti dal comandante colonnello Gian Maria Morresi, trasferendosi quindi al 1° Reparto Manutenzione Velivoli, dove sono stati ricevuti dal colonnello Giuseppe Lupoli, comandante del RMV. Domenica 23 il gen. Croitoru farà rientro in Romania.

Fonte: Aeronautica Militare.

Marian Mocanu in campanie electorala la romanii din Firenze


Miercuri Marian Mocanu a ajuns in mijlocul comunitatii de romani care traiesc in orasul Firenze (Italia), unde candidatul PSD a participat la o conferinta organizata de catre Primaria din Firenze si Partidul Europa Progress. La intalnire au participat circa 50 de persoane, liderii comunitatii romanesti, precum si reprezentanti ai presei italiene din Firenze.

Partidul Europa Progress exista din noiembrie 2007 la Firenze si a functionat initial ca o asociatie culturala. Deoarece romanii doresc sa conteze si mai mult din punct de vedere politic la nivel local, dna Mioara Dinca, presedinte Europa Progress, a decis ca asociatia lor sa faca si politica pentru a intensifica sprijinirea romanilor din Firenze.

La intalnire a participat un consilier al primariei florentine Giovanni Varrasi, foarte atent la dezvoltarea comunitatii romanesti la nivelul local. In orasul Firenze traiesc peste 4400 de romani care muncesc si sunt bine integrati in societatea italiana. Consilierul Varrasi a declarat celor prezenti ca este bucuros de faptul ca romanii sunt o comunitate cu care se creeaza usor legaturi de colaborare si care are optimi reprezentanti pe teritoriu, precizand ca va continua sa fie disponibil romanilor care vor avea nevoie.

Marian Mocanu a ascultat problemele romanilor din Firenze, in general legate de neplata salariilor, apoi le-a prezentat romanilor programul electoral si cum ii va ajuta in rezolvarea problemelor lor. Spre finalul intalniri Mocanu le-a explicat romanilor si importanta participarii la alegerile locale italiene, deoarece acolo unde s-au format comunitati mari de romani care muncesc legal si platesc taxele ca si italienii, romanii au dreptul sa candideze reprezentanti in administratiile locale sau sa voteze persoanele care ii sprijina pe emigranti.

La incheiere, publicul si politicienii au participat la un bufet oferit din partea Primariei din Firenze, momente in care au avut ocazia sa puna intrebari, sa faca cunostinta si sa discute despre obiective comune viitoare.

Biroul de Presa al candidatului
Marian Mocanu
Candidat PSD pentru Senatul Romaniei


Invitam ceilalti candidati sa ne trimita comunicatele proprii pentru a le publica pe site-ul nostru. Autorii isi rezerva dreptul de a selecta doar cele pertinente cu subiectul site-ului.

Mantova: attraversa i binari, un rumeno travolto dal treno

Un giovane rumeno è morto questa mattina travolto da un treno a Mantova mentre attraversava a piedi i binari della linea ferroviaria Mantova-Monselice, fuori città. Ionut Sorin Segarceanu, 23 anni, residente a Verona dove si era trasferito da qualche tempo da Mantova, questa mattina verso le 7,15, era insieme alla fidanzata e ad un amico alla periferia della città, vicino al petrolchimico; ai due voleva mostrare il luogo, in riva al lago Inferiore, dove era solito andare a pescare. Ha, quindi, scavalcato il guardrail che divide la massicciata dai binari proprio nel momento in cui arrivava il treno diretto a Monselice, partito cinque minuti prima dalla vicina stazione di Mantova. 23/11/2008
Fonte: L'Unione sarda

Şase fructe exotice pentru imunitate


Maracuya, fructul pasiunii, conţine vitaminele A şi C, guava este bogat în fosfor, iar kiwi este o sursă bună de potasiu şi de fibre.

Supermarketurile „găzduiesc“ multe fructe tropicale care nu au preţuri foarte mari în comparaţie cu cele obişnuite. Fuctele exotice sunt excelente pentru cei care vor să slăbească sau să-şi întă rească sistemul imunitar în această perioadă în care gripa bate la uşă. „De asemenea, regularizează tranzitul intestinal şi ajută la prevenirea cancerului şi a bolilor cardiovasculare“, precizează prof. dr. Gheorghe Mencinicopschi, directorul Institutului de Cercetări Alimentare din Bucureşti. În plus, aceste fructe conţin puţin zahăr.

„Din acest motiv, sunt mai potrivite pentru persoanele care doresc să slăbească“, completează medicul nutriţionist Eduard Adamescu. Specialiştii susţin că românii consumă mai puţine fructe tropicale din cauza gustului cu care nu sunt obişnuiţi.

„Dacă se doreşte consumarea frecventă a acestor fructe, gustul trebuie educat şi oamenii trebuie să treacă peste bariera psihologică“, crede Gheorghe Mencinicopschi. Până vă obişnuiţi cu gustul fructelor, puteţi să le stoarceţi şi să le consumaţi sub formă de suc.

1. Rodiile. Aceste fructe sunt foarte bogate în antioxidanţi. „Consumate frecvent, rodiile întăresc sistemul imunitar şi menţin prospeţimea tenului“, afirmă Gheorghe Mencinicopschi. Rodiile se mănâncă simple, alături de alte fructe în salate sau adăugate în iaurturi sărace în grăsimi. O jumătate de fruct conţine 80 de calorii.

2. Fructul pasiunii. Maracuya este bogat în vitaminele A şi C, potasiu şi fibre şi conţine doar 16 calorii. Tăiaţi în două fructul pasiunii şi apoi scoateţi şi consumaţi pulpa cu seminţe. De asemenea puteţi consuma maracuya în salate de fructe sau cu pui ori peşte.

3. Papaya. Fructul conţine multă vitamina C şi este o sursă bună de potasiu şi folaţi. „Papaya este indicat mai ales după mesele copioase, deoarece conţine o enzimă care ajută la procesul de digestie. Totuşi, unii oameni se pot acomoda destul de greu cu gustul fructului, mai ales dacă este mâncat cu tot cu seminţe“, mai spune Gheorghe Mencinicopschi.

4. Guava. Acesta este un fruct zemos, dulce şi acid, are gust de căpşune şi de pere. Miezul poate fi de culoare albă, galbenă, roz sau roşie. Guava este o excelentă sursă de vitamina C. De asemenea, conţine vitamina A, fibre, potasiu, fosfor. „Acest fruct este şi un bun afrodiziac“, adaugă Mencinicopschi.

5. Carambola. „Fructul stea“ are o culoare galben-auriu, iar gustul este o combinaţie de citrice, măr şi prune. Fiecare fruct conţine 40 de calorii şi este o sursă foare bună de vitamina C. Se spală, se feliază şi se mănâncă cu totul. Poate fi adăugat în salate, în diverse feluri de mâncare sau chiar ca garnitură. „Carambola are un gust acrişor şi de multe ori se foloseşte la ornarea deserturilor“, adaugă specialistul în nutriţie. Persoanele care au probleme cu rinichii nu ar trebui să consume acest fruct, deoarece conţine acid oxalic.

6. Kiwi. Cu doar 70 de calorii, kiwiul este o sursă de potasiu, fibre şi are o cantitate dublă de vitamina C faţă de o portocală. „De asemenea, kiwi menţine tenul strălucitor şi anihilează efectul radicalilor liberi. În plus, dacă este folosit ca o mască, poate ajuta şi la prevenirea ridurilor“, afirmă profesorul Gheorghe Mencinicopschi.
Sursa: Evz.Ro

venerdì 21 novembre 2008

“Gustă-mă” - reţete ca la noi acasă. Roma, 13 decembrie

Eveniment gastronomic cu specific romaneste pe 13 decembrie la Piazza Vittorio Emanuele in Roma.

PRIMA EDITIE 2008

“Gustă-mă” - reţete ca la noi acasă
Prima Ediţie 2008
Sâmbătă, 13 Decembrie 2008, începând cu ora 9.30
Mercato Esquilino - Piazza Vittorio Emanuele
Roma

Evenimentul cultural gastronomic este organizat de către Asociaţia IRFI onlus în colaborare cu Primăria Romei, Departamentul XVIII şi cu organizaţiile de comercianţi români din Roma, cu obiectivul de a promova valorile româneşti, cunoaşterea şi dialogul între români şi italieni (şi nu numai...), prin intermediul gastronomiei: specialităţi şi reţete “ca la noi acasă”.

PROGRAM

9.30 deschidere şi prezentare
10.00 - 12.00 spaţiu bucătărie: prezentare bucate româneşti pregătite de bucătari români profesionişti, care în Italia lucrează pe şantier sau ca îngrijitoare în familie.
10.30- 11.30 spectacol cu dansuri populare itinerante

15.30 – 17.30 spaţiu copii: creaţii de obiecte specifice româneşti cu materiale riciclate
16.00 – 17.30 cântece româneşti
16.30 – 17.30 jocuri şi “tombola” cu premii în produse alimentare româneşti

Invităm bucătarii români, care vor să participe, să ne contacteze!

Cei care doresc să propună şi să participe cu reţete româneşti sunt rugaţi, de asemenea, să ni le transmită din timp spre fotocopiere. Reţetele vor fi prezentate şi pregătite ad-hoc pe parcursul zilei de 13 decembrie.

Partner media, "Realitatea din Italia", de pe forum-ul căruia vom prelua câteva reţete postate de forumişti: http://www.realitateadinitalia.com/foru ... f=14&t=156 .

Deschişi faţă de oricine şi orice asociaţie pentru colaborare şi îmbunătăţire a evenimentului ...

Invităm pe toţi cei care au societăţi comerciale, magazine etc. să-şi promoveze serviciile şi produsele, inclusiv asociaţiile, le rugăm să se facă cunoscute, participând cu pliante, reviste, ziare samdp.

Asociaţia IRFI onlus
http://www.irfionlus.org/
Infoline: 389-1864064