La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 30 dicembre 2008

2008 - 2009 Italia - Romania, rapporti volgono al bello

BUCAREST, 29 DIC -
Dopo il punto piu' basso toccato nelle relazioni Italia-Romania alla fine del 2007, con l'omicidio di Giovanna Reggiani a Roma, il 2008 ha segnato una ripresa nei rapporti bilaterali. L'omicidio Reggiani, per il quale il romeno di etnia rom Nicolae Romulus Mailat fu condannato nei mesi scorsi a 29 anni di reclusione, fu seguito lo scorso aprile da un altro reato commesso dal connazionale Ioan Rus, accusato di tentato omicidio, violenza sessuale e sequestro di persona contro una studentessa africana a Roma. E' stato allora che il governo di Bucarest invio' in Italia poliziotti e procuratori per aiutare i colleghi italiani nelle indagini sui reati commessi da cittadini romeni. Iniziato lo scorso gennaio con la firma, da parte degli allora ministri degli esteri Massimo D'Alema e Adrian Cioroianu, di una dichiarazione congiunta che aggiornava il partenariato strategico italo-romeno del 1997, il 2008, nonostante le polemiche in materia di immigrazione, ha privilegiato la collaborazione politica ed economica. Dopo essersi integrata ottimamente nella filiera produttiva romena, dall' agricoltura all'energia, l'imprenditoria italiana in Romania conta oggi circa 26.000 aziende che, con un capitale investito di 862 milioni di euro, hanno creato circa 800.000 posti di lavoro. Allo stesso tempo, in Italia, dove vive oltre un milione di romeni, funzionano 23.000 imprese romene. Nel 2007 l'interscambio ha toccato 11,5 miliardi di euro. Alla luce della crisi economica, gli imprenditori italiani auspicano di partecipare alle opere previste dall'utilizzo di 19 miliardi di euro come fondi strutturali Ue disponibili per la Romania fino al 2013. Dopo le visite del Presidente romeno Traian Basescu in Italia, a luglio e settembre, e' toccato a Calin Popescu Tariceanu, premier fino ai giorni scorsi, chiudere il capitolo dei contrasti sull'immigrazione, soprattutto dei rom, e rilanciare i rapporti bilaterali politici ed economici, al primo vertice intergovernativo Italia-Romania svoltosi a ottobre a Roma. Mentre un gruppo di esperti dei due Paesi ha cominciato a lavorare nei mesi scorsi per rendere operativo l'accordo bilaterale del 2006 sul rimpatrio dei detenuti romeni con condanne definitive in Italia, dal 12 ottobre vige anche l'accordo sul rimpatrio dei minori romeni non accompagnati, firmato il 9 giugno scorso. Nel tentativo di migliorare la percezione del Paese nella Penisola, il governo di Bucarest, col sostegno di Unimpresa, l'associazione delle aziende italiane di Romania, ha avviato delle campagne di promozione a Roma, Milano e Torino. Il nuovo governo di coalizione di Bucarest, insediato dopo le elezioni politiche del 30 novembre, propone nel suo programma di ''valorizzare i rapporti bilaterali privilegiati con l'Italia'', cosi' come pure a quelli con Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna.
Fonte:Ansa International

domenica 28 dicembre 2008

Tradiţii şi superstiţii în noaptea de Revelion


Ajunul Anului Nou este însoţit peste tot de vechi obiceiuri şi superstiţii. La noi tradiţia spune că e bine să fie mult zgomot în noaptea dintre ani pentru a alunga spiritele rele. Şi tot în 31 decembrie nu e bine să tăiaţi cu foarfeca, să călcaţi sau să spălaţi rufe. În schimb din casă nu trebuie să lipsească vâscul, trebuie să aveţi bani în buzunare, iar paharul de vin trebuie să fie în permanenţă plin.
Românii nu renunţă nici la celelate obiceiuri tradiţionale. Periniţa sau strigatul peste sat sunt la fel de importante. Copiii trec cu Sorcova prin fiecare casă, epntru a alunga spiritele malefice, iar Pluguşorul anunţă reînceperea simbolică a lucrului.
Lista superstiţiilor continuă. Niciodată un gospodar nu trebuie să măture în Ajun de Anul Nou, pentru că alungă prosperitatea. Obiceiul spune că până la miezul nopţii trebuie plătite toate datoriile şi mai mult, nu trebuie daţi bani cu împrumut în noaptea de revelion. Tot în seara de 31 decembrie nu se spală rufe şi nu se taie cu foarfeca pentru a nu distruge norocul.
La trecerea dintre ani, spun bătrânii, este bine ca fiecare să poarte o haină nouă şi ceva roşu, sau o altă culoare veselă care să atragă energiile pozitive. De revelion sunt nelipsite crenguţele de vâsc, care aduc noroc în casă. Primul om care va trece pragul în prima zi va influenţa tot anul. Dacă persoana care intră în casă este o femeie însemană că urmează un an mai puţin bun.
La miezul nopţii uşile trebuie deschise pentru ca anul vechi să iasă şi să lase loc celui nou care aduce sănătate, fericire şi mult noroc.

Sursa: Antena 3

Martedì 30 Dicembre su Rai Educational "Un mondo a colori - Romania"

PROSSIMA FERMATA: ROMANIA, 30 DICEMBRE 2008

Martedì 30 Dicembre all'1:10 su rai tre Rai Educational presenta: "Un mondo a colori - Prossima fermata: Romania", di Emilio Casalini e Valentina Petrini.
Valeria Coiante, alla conduzione del programma, accompagnerà i telespettatori in viaggio al contrario, un viaggio nella Romania che non si conosce, una Romania diversa da quella che ci viene raccontata dai mass-media.
Un viaggio che inizia con la storia di Gennaro Ciancio, napoletano di Scampia emigrato in Romania 12 anni fa con il sogno di aprire una pizzeria, oggi rappresentante a Bruxelles della camera di commercio di Cluj-Napoka. Un emigrante al contrario, uno degli italiani che emigrano in Romania in cerca di lavoro, come il figlio Edgardo, 32enne geometra diplomato a Rovigo, che oggi lavora come topografo sulle strade romene con uno stipendio più alto di quelli italiani.
Ma anche i lavoratori romeni cominciano a guadagnare bene, a cominciare dalle cameriere che lavorano nella pizzeria di Gennaro a 1200 euro al mese, per finire con i carpentieri che arrivano a guadagnare mille euro a settimana per costruire un tetto, come ci racconta Michael Rogojanu, costruttore di case alle porte di Bucarest.
Chi invece continua ad essere attratto dall'Italia sono i rom che vivono nelle campagne romene, la parte ancora povera ed arretrata del Paese. Qui non esistono accampamenti, né abusivi né autorizzati, perché le autorità locali proibiscono questo tipo di insediamenti. Eccoli allora partire per l'Italia, dove tutto, come dicono loro, è permesso.
Così come vengono in Italia i criminali che escono dalle prigioni romene, come ci spiega il direttore del carcere di massima sicurezza di Bucarest: - in due anni la popolazione carceraria romena è scesa da 52mila a 27mila detenuti, dato che molti sono espatriati, soprattutto in Italia -. E questo a causa della leggerezza delle pene italiane rispetto a quelle romene, che prevedono per esempio il carcere anche per il reato di guida senza patente.
In risposta l'Italia tenta di espellere i romeni ritenuti "socialmente pericolosi", ma all'aeroporto di Bucarest si incontrano continuamente persone appena espulse dal nostro Paese, consegnate nelle mani della polizia romena che non può far altro che rimetterli in libertà.
"Torniamo in Italia con il primo autobus - raccontano i romeni espulsi dall'Italia - è inutile quello che fate, buttate solo soldi."


Ringraziamo per la segnalazione Pietro Fatibene, Presidente dell'Associazione "Amici Romania Forum - A.R.F"

În Moldova, se taie purcei, cântă fanfara şi se încing hore


Ospăţul şi petrecerea continuă în Moldova. Proprietarii de pensiuni se dau peste cap să le facă toate mofturile turiştilor.

În oale clocotesc bucate delicioase, iar afară cântă fanfara şi se taie porcul, în timp ce oaspeţii încing hore în jurul meselor. În timp ce bărbaţii pârlesc purcelul, gospodinele fac o nouă oală cu sarmale, pentru că cele de la Crăciun au fost deja înfulecate. "Am pregătit sărmăluţe în frunze de varză şi în frunze de viţă. Avem cârnaţi făcuţi de casă, tradiţional, totul ca la mama acasă", a spus una dintre gospodine.Încă multe alte bunătăţi se înşiră pe mesele petrecăreţilor: de la salate şi aperitive frumos ornate, până la tochituri cu mămăliguţă. După ce turiştii îşi pun burta la cale cu merindele tradiţionale şi cănile cu vin fiert, începe veselia.

Sursa: Realitatea TV

Bucureştiul a intrat sâmbătă în Cartea Recordurilor cu cel mai mare cârnat afumat


Bucureştiul a intrat, de sâmbătă, în istoria gastronomiei cu cel mai lung cârnat afumat făcut vreodată, de 392 de metri. Preparatul a fost adus în Piaţa Constituţiei, unde a fost măsurat de experţii de la Guiness Book. I-am întrecut astfel pe polonezi.

Bucureştenii sunt încântați că orașul lor a intrat în Cartea Recordurilor la capitolul gastronomie.Cârnatul a fost produs de o firmă de mezeluri din Pitești. Sub escorta poliţiei, preparatul a fost adus în Piaţa Constituţiei. Aici a putut fi degustat de bucureşteni."Este un cârnat la care au muncit aproape trei săptămâni. Avem aproape 40 de oameni care l-au umplut manual, l-au îmbinat", a declarat Adrian Nicolaescu, marketing manager firma producătoare.Cârnatul a măsurat aproape 400 de metri. De patru ori mai mult decât recordul actual la cârnaţi afumaţi deţinut în acest moment de Polonia.

Sursa: Realitatea TV

De azi, băncile nu mai pot modifica dobânzile şi comisioanele creditelor fără acordul clientului


Începând de azi ( n.r. sâmbătă), băncile nu mai au voie să modifice sau să mărească dobânzile şi comisioanele unui credit nou contractat, decât dacă anunţă clientul cu cel puţin o lună înainte.

Astfel, clientul poate decide dacă acceptă majorarea sau dacă reziliază contractul. În acest caz, beneficiarul creditului poate rambursa suma datorată fără să achite vreun comision special.

Indiferent de situaţie, dobânzile fixe nu vor mai putea fi transformate în dobânzi variabile. ROBOR şi EURIBOR, la care se adaugă marja băncii, vor fi indicii de referinţă care vor apărea în contractele de credit în lei şi valută, după care se va calcula dobânda aferentă creditului.

Clineţii au dreptul de a solicita băncii precontractul de credit împreună cu o simulare a tuturor costurilor, inclusiv a dobânzii anuale efective.

Sursa: Antena3

Crisi economica: Todisco, 400mila clandestini hanno perso lavoro

Milano, 27 dic. (Adnkronos) - Sono senza permesso di soggiorno, ma lavorano, in nero, nei ristoranti, nei cantieri e nelle imprese di pulizie di tutta Italia. Ora che l'economia arranca, sono i primi a pagare il prezzo della crisi: sono 20mila a Milano e provincia e 400mila in tutta Italia gli immigrati clandestini che negli ultimi due mesi hanno perso il lavoro per via della crisi economica. La stima e' di Massimo Todisco, fondatore dell'Osservatorio di Milano, che per sondare una realta' che per sua natura e' difficilmente sondabile ha raccolto informazioni dalle comunita' delle principali nazionalita' che compongono l'immigrazione in Italia (albanese, ucraina, rumena, senegalese, marocchina, peruviana, ecuadoregna e cinese).
Essendo clandestini, ricorda Todisco, "sono persone completamente prive di diritti e non possono ribellarsi. Ora che sono senza lavoro, che cosa faranno? E' una vera bomba sociale". Il rischio, ragiona, e' che queste persone, private di un lavoro, finiscano per delinquere per sopravvivere e non morire di stenti. "Ogni anno - rammenta - 80 persone muoiono di freddo in Lombardia. Fanno notizia solo quelli che muoiono per strada, non quelli che perdono la vita in ospedale" per ipotermia. "Non possiamo preoccuparci solo degli italiani - conclude - dobbiamo affrontare anche questo enorme problema sociale".

Fonte: Adnkronos Ign.

Pe site-ul Fiorentinei, urările echipei de Sărbători sunt deschise de Adrian Mutu


Sambata, 27 Decembrie 2008

Adrian Mutu a dovedit încă o dată că este cel mai important jucător al Fiorentinei! Pe site-ul oficial al italienilor, urările din partea echipei pentru suporteri sunt deschise de internaţionalul român.

2008 poate fi considerat un an bun pentru Fiorentina. Echipa lui Adrian Mutu este pe locul 4 în serie A, la 10 puncte de liderul Inter şi a trecut din Champions League în Cupa UEFA.
Mutu a înscris de 8 ori pentru Fiorentina în acest sezon, de 6 ori în campionat, o dată în Cupa Italiei şi o dată în Champions League.
De Sărbători, Adrian Mutu a deschis seria de urări din partea echipei pentru suporteri. Mesajul internaţionalului român face parte dintr-o amplă acţiune umanitară iniţiată de Fiorentina.

Sursa: Realitatea TV

Duckadam: un eroe dimenticato


Eurosport - ven, 26 dic 2008

L'incredibile, e misteriosa, storia del portiere della Steaua Bucarest che nel 1986 vinse la Coppa Campioni battendo in finale il Barcellona. In quel match, Duckadam parò ben 4 rigori ai giocatori blaugrana

Chi è Helmuth Duckadam? Un eroe per una notte, un fenomeno e uno sfortunato campione che non ha avuto l'opportunità di affermarsi. Ecco, tutto questo è Helmut Duckadam (nella foto, alla sinistra della Coppa). Nel calcio, troppo spesso, ci sono personaggi che si trasformano in eroi per un solo giorno ma che poi, per motivi più o meno noti, vengono sistematicamente archiviati nel dimenticatoio. E' questo il caso di Helmuth Duckadam, portiere romeno della Steaua Bucarest che conquistò la Coppa Campioni nel 1986 battendo in finale il superfavorito Barcellona.

7 maggio 1986, stadio Ramon Sanchez Pizjuan di Siviglia . Il Barça, per motivi tecnici, per carisma e per tradizione, è nettamente favorito rispetto alla sorpresa Steaua: lo stadio è completamente invaso dai tifosi blaugrana, mentre i supporters rumeni sono in nettissima minoranza anche a causa delle restrizioni sull'espatrio che vigevano in quel periodo. Partita a senso unico, con la squadra romena che riesce a trascinare ai calci di rigore la corazzata spagnola grazie alle strepitose parate di Duckadam: un'impresa. Quello che succede, invece, ai calci di rigore ha quasi del miracoloso. Duckadam, infatti, indossa i panni di Superman e para tutti e 4 i rigori calciati dai giocatori blaugrana. Il numero uno della Steaua prima neutralizza i tentativi di Alesanco e Pedraza (ma dall'altra parte anche il suo collega, Urruticoechea, ipnotizza i primi due 'esecutori' romeni, ndr), poi si ripete sulle conclusioni di Alonso e Marcos. Dall'altra parte, invece, Balint e Lacatus (futuro giocatore della Fiorentina ed attuale allenatore del club, ndr) non sbagliano. La Steaua vince per la prima volta nella sua storia la Coppa Campioni con Duckadam premiato - ovviamente - come uomo del match.

La carriera dell'allora 27enne Duckadam subisce così un'incredibile, e inaspettata, svolta. I maggiori club europei si fanno avanti con la Steaua per assicurarsi il fenomeno della notte di Siviglia: tra questi club c'è anche il Manchester United, che pochi mesi dopo avrebbe ingaggiato come tecnico un certo Alex Ferguson . Proprio lo scozzese inserisce il nome di Duckadam nella la lista dei giocatori da acquistare per la rifondazione dei Red Devils. Nel frattempo, il portiere romeno torna in Patria dove oramai viene considerato, e trattato, come un vero e proprio eroe nazionale. Duckadam comincia a cullare i sogni di una vita: lasciare un Paese travolto ancora dalla Guerra Fredda per trasferirsi in un club che gli avrebbe garantito gloria, fama e ricchezza. Un sogno, che però, poco tempo dopo va in frantumi. Nei successivi mesi, infatti, il superman rumeno viene colpito da una misteriosa - e improvvisa - trombosi alle mani che inevitabilmente gli compromette in maniera definitiva la carriera. Addio Manchester United (che pochi anni dopo puntò su un'altra 'promessa', il danese Peter Schmeichel), addio sogni.

C'è però anche una seconda versione su cosa accadde veramente a Duckadam (versione ai limiti della leggenda e smentita dallo stesso portiere, ma solo nel 2007). Secondo questa ipotesi, l'allora Presidente del Real Madrid regalò all'eroe di Siviglia una lussuosissima macchina per ringraziarlo del 'favore' di aver sconfitto il Barcellona; tornato a casa, il figlio del dittatore Nicolae Ceauescu, Nicu, gli chiese la vettura ma Duckadam si rifiutò. Per vendetta, alcuni giorni dopo il portiere si ritrovò con entrambi i polsi fratturati. Come detto, lo stesso portiere ha smentito questa incredibile, e assurda, versione: qualche dubbio, però è sempre rimasto...

Nel 1991 Duckadam, che oggi ha 49 anni, decide di appendere definitivamente i guantoni al chiodo, dopo due stagioni passate a scaldare la panchina del Vagonul Arad.

Non sempre le favole, dunque, finiscono con il lieto fine. La storia, si sa, non si può scrivere con i se o i forse. Senza quella malattia (o senza quella assurda vendetta), però, Duckadam sarebbe potuto diventare uno dei portieri più forti della storia del calcio. Per gli amanti di questo sport, Duckadam resterà per sempre l'eroe di una notte, l'insuperabile numero uno romeno che, in una pazza e indimenticabile serata di maggio, spazzò via da solo il Barcellona.

Alessandro Brunetti

Fonte: Eurosport

Roma: Marrazzo, dolore per tragedia Castelfusano

Roma, 27 dic. (Adnkronos) - ''Penso con sgomento alla madre e al bambino che hanno perso la vita nel rogo divampato a Castelfusano. Questa immane tragedia ci obbliga a una profonda riflessione: credo che la politica abbia infatti colpevolmente investito troppe forze nelle cosiddette misure per la sicurezza, rispetto a quelle spese per l'integrazione e l'equita' sociale''. Lo ha dichiarato il presidente della regione Lazio, commentando la tragedia che si e' consumata all'alba di ieri nelle vicinanze di Roma e nella quale hanno perso la vita una donna rumena e il suo bambino di tre anni.

''Ci si e' limitati ad affrontare - sostiene- il problema delle poverta' in termini di difesa, senza investire sufficientemente in valori come solidarieta' e rispetto della dignita' delle persone. Di fronte alla morte tragica di una madre e di suo figlio, e' il momento che la politica faccia un passo avanti e investa, senza divisioni, su una vera cultura della socialita' e della solidarieta'''.

Fonte: Libero News

Muore col figlioletto nella baracca in fiamme


Castelfusano, arsi vivi mamma e bimbo di 3 anni

Freddo e fiamme mietono le prime vittime a Roma. Colpiti i disperati che vivono in quelle favelas sparse per la città. Ieri un donna e il suo bimbetto sono morti tra le fiamme a Castelfusano.

Un'altra mamma, anche lei rumena, è rimasta ustionata con le figliolette, di 10 e 11 anni, e il piccolo di quattro in una baraccopoli abusiva a Trigoria. In questo caso i vigili del fuoco sono riusciti a raggiungere la casupola di fortuna in via Alvaro Del Portillo e salvare dalle fiamme, provocate da una candela caduta su una coperta, le tre persone che la abitavano. Tutti sono stati soccorsi al S.Eugenio. Le bambine sono in prognosi riservata ma non in pericolo di via. Meno gravi le condizioni della mamma e del bambino ferito alle mani.
Ha gridato forte Dorina, ha invocato disperatamente aiuto, ha tentato, con tutte le sue forze, di salvare il suo Christian. Ma il muro di fuoco, fumo e morte li ha inghiottiti entrambi. Un'ora dopo negli occhi dei vigili del fuoco c'è tutto l'orrore di una fine straziante. Sono morti così mamma e figlio, 32 e soli 3 anni, nella loro baracca della pineta di Castelfusano, a due passi dalla via Litoranea, in quella casa che li ospitava da soli tre giorni e che avrebbero lasciato oggi. Dorina Preda era venuta a trovare il marito Christian Verbuncu, 40 anni, da poco più di un anno in Italia e operaio nei cantieri di Ostia, dalla lontana Craiova in Romania per trascorrere insieme il Natale.
Ieri il papà alle 6,30 è già pronto a uscire da quelle quattro pareti di cartone e miseria che chiamano casa per andare al lavoro, felice del nuovo impiego. Forse accende il fornellino riempito di alcool che utilizzano per riscaldare l'ambiente, forse lo accende poco dopo Dorina, poi una distrazione, l'attrezzo cade a terra e in un attimo, intorno alle 7,30, la baracca si trasforma in una trappola incendiaria di legno e plastica. A sentire per primi le urla agghiaccianti di Dorina sono i «vicini di casa» che cercano di farsi strada tra le fiamme senza riuscirvi. Poi la richiesta di aiuto al 112. Immediato l'intervento dei pompieri di Ostia che a fatica si fanno strada tra rami e fango con estintori e pale. Mentre il fuoco si spegne, i vigili iniziano a rendersi conto della tragedia.
A terra, tra pezzi di legno bruciati, due corpi torturati dal rogo, irriconoscibili. Papà Christian intanto torna a casa avvertito dai vicini. Le sue urla fendono l'aria fredda e piovosa di un tragico Santo Stefano. Anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno arriva e visita quel che resta della baracca. «Una tragedia terribile - dice - dobbiamo intervenire in modo ancora più incisivo sul problema degli accampamenti abusivi. A Castelfusano si interverrà entro l'estate; era già previsto nel piano della Questura. A gennaio ci sarà un incontro con il Prefetto per concordare un'unica modalità d'azione».
Valeria Costantini
27/12/2008
Fonte: Il Tempo.

Rumeno disperso in mare


Riace. Erano andati a pescare un po’ di pesce per la cena di Natale. Erano usciti in tre e sono tornati in due. Il mare ha preso vigore durante la sera, e un’onda ha travolto e affondato la barca. Taoufik Merdassi di 40 anni, tunisino, e due fratelli rumeni, Florin e Viorel Vieriu, di 32 e 26 anni, cognati di Merdassi, hanno dovuto nuotare per ritornare alla sponda. Purtroppo non lontano dalla riva uno di loro, Viorel, è sparito. Nonostante le ricerche disperate, sono remote le possibilità di ritrovarlo ancora vivo.
(27.12.2008)
Fonte: La Riviera.

Nella stessa pineta identificati i resti di un giovane romeno

(AGI) - Roma, 26 dicembre - Sono stati identificati dai carabinieri i resti umani trovati martedi' nella pineta di Castel Fusano, alle porte di Roma. Sono di un romeno di 23 anni scomparso a Ostia il 25 giugno. Il giovane si chiamava Valentino Gadioi Vasile e di lui non si avevano piu' notizie dall'inizio dell'estate scorsa. La sorella aveva presentato denuncia agli agenti del Corpo forestale dello Stato di Ostia, ma le indagini non avevano portato a nulla. Il romeno era morto in un tratto di pineta nei pressi di via della Villa di Plinio, nella zona di Casal Palocco. I resti (il teschio, due femori e una clavicola) erano stati rinvenuti il 23 dicembre da un passante, sparsi su un'area di circa trenta metri quadrati. Tra la vegetazione i carabinieri aveva trovato anche una bicicletta e un telefono cellulare con ancora all'interno la sim card. Le cause del decesso non sono state ancora stabilite. Il poveretto potrebbe essere stato stroncato da un malore, e il suo corpo dilaniato dagli animali. Ma al momento non si escludono altre ipotesi.

Fonte: Agi News On.

Una romena la donna travolta da un treno nel catanzarese

(AGI) - Catanzaro, 26 dic. - E' una cittadina romena la donna travolta e uccisa da un treno nel catanzarese. La donna, Ileana Sandor, 51 anni, e' stata identificata grazie ai documenti che portava con se'. L'incidente ferroviario e' accaduto nella zona di Simeri mare, dove l'espresso Catanzaro-Roma, secondo una prima ricostruzione, avrebbe "agganciato" la donna nei pressi di un ex passaggio a livello. Dell'incidente ci si e' accorti solo qualche chilometro dopo, nella stazione di Cropani Marina, quando i ferrovieri in servizio sul treno hanno effettuato una verifica per il colpo che avevano sentito durante la corsa. Il corpo era rimasto agganciato al treno e per la donna non c'e' stato nulla da fare. -

Fonte: Agi

mercoledì 24 dicembre 2008

I nostri e i vostri auguri di Buone Feste


Sarbatori fericite alaturi de cei dragi!

******************************

Bambino Gesù
Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!
accarezza il malato e l'anziano!
Spingi gli uomini a deporre le armie a stringersi in un universale abbraccio di pace!
Invita i popoli, misericordioso Gesù,
ad abbattere i muri creatidalla miseria e dalla disoccupazione,
dall'ignoranza e dall'indifferenza,
dalla discriminazione e dall'intolleranza.
Sei Tu, Divino Bambino di Betlemme,
che ci salvi liberandoci dal peccato.
Sei Tu il vero e unico Salvatore,
che l'umanità spesso cerca a tentoni.
Dio della Pace, dono di pace all'intera umanità,
vieni a vivere nel cuore di ogni uomo e di ogni famiglia.
Sii Tu la nostra pace e la nostra gioia!
Amen.
(Preghiera di Giovanni Paolo II)

Rugaciune
Tata din Ceruri, te rog sa-mi binecuvintezi familia, prietenii, rudele si pe cei pe care ii iubesc, si pe cei care citesc aceasta rugaciune chiar in acest moment.
Arata-le Tu o noua imagine a dragostei si puterii Tale nemarginite.
Binecuvinteaza-le Tu caminul, familia, munca, da-le Intelepciune si Lumina in viata lor.
Binecuvanteaza-i cand pleaca si cand se intorc acasa, mergi inaintea lor si deschide-le calea. Calauzeste-i si ocroteste-i clipa de clipa in toata viata lor.
Iarta-le lor pacatele facute cu voie sau fara de voie, cu stiinta, din nestiinta sau pe cele pe care nu si le amintesc.
Condu-i Tu pe Calea Ta Cea Sfinta,In Numele Fiului Tau, Iisus Cristos.
Doamne Tata, Fiule si Duhule Sfant, iti multumesc ca tu vei face mai mult decit iti pot eu cere.
Amin!

CRACIUN FERICIT! BUON NATALE‏
Irina Niculescu

********************************
Con i piu' sentiti auguri di Buon Natale e di Felice Anno Nuovo da parte dell'Accademia di Romania.

Prof. Mihai Barbulescu - Direttore
Dott.ssa Daniela Crasnaru - Direttrice programmi

Cu cele mai sincere urari pentru un Craciun fericit si un An Nou bogat in impliniri din partea Accademia di Romania.

Prof. Mihai Barbulescu - Director
Daniela Crasnaru - Director de programe
************************

Evenimentul Nasterea Domnului Isus!


Daniel Firiza

************************

CRACIUN FERICIT !

Marian Mocanu
http://www.mocanu.it/
******************************
Un piccolo pensiero per un grande Natale!
Auguri

FBMAX

*******************************


******************************


24 dicembre 2008
Buone feste

Il Segretariato Nazionale vi augura Buon Natale e Buone Feste ed un felice 2009 e con l’occasione siamo a vostra disposizione per migliorare la conoscenza e la presenza del PIR sul territorio e ti invitiamo a prendere contatto con noi per ogni tua esigenza di rappresentante PIR su territorio.
Intanto vi ringraziamo per quello che avete fatto finora per il partito e per la comunità e vi rinnoviamo i nostri migliori auguri a voi e alle vostre famiglie sperando di centrare nel 2009 gli obiettivi principali del PIR che sono integrazione della comunità romena nella società italiana ed una più consistente presenza dei romeni nella vita politica italiana.

Partito Identità Romena
Il Segretariato Nazionale
www.identitatearomaneasca.it

martedì 23 dicembre 2008

Obiceiuri de Craciun‏


Datini si Credinte la Ajun

Prin jud. Romanati, in seara de 23 - 24 Decemvrie, flacaii se duc pe la familiile cari au fete mari si le ureaza noroc si fericire la maritis. Spre Ajunul Craciunului este bine ca muncitorii de camp sa se gandeasca la popusoi, ca sa-i viseze peste noapte. Cum ii vor visa, asa vor fi popusoii peste an. Pentru Ajunul Craciunului gospodarii isi strang de prin sat toate lucrurile cari le aveau date cu imprumut, pentru ca sfintele sarbatori sa le gaseasca si pe dansele acasa, caci altfel, se crede ca ele vor plange. [...]

Mos Ajunul

In seara de 23 spre 24 Decemvrie, dupa miezul noptii si pana la ziua, se obisnueste, prin unele parti din Ardeal si Tara-Romaneasca, sa mearga cetele de copii, alcatuite din doi, trei, patru, si cate odata si mai multi insi, din casa in casa, cu colinda, mos-ajunul, buna-dimineata, colindisul, sau buna dimineata la mos-ajun. Prin jud. Muscel se zice ca umbla cu colindetele. [...]

Obiceiuri de Craciun: Sfintirea mesei de Ajun

Cand cocosul vesteste miezul noptii, spre Ajun, gospodinele se scoala ca sa moaie turtele. Clitul de turte se scoboara de la locul de unde fusese pus ca sa se usuce si sa fie ferit de ochii si manile copiilor, se iau cate 3 - 4 turte, se rup in doua ori in patru bucati si se moaie intr-o apa calduta in care s-a topit zahar si apoi se aseaza pe fundul unei farfurii. Peste acest strat de turte se presara zahar pisat, amestecat cu miez de nuca, asemenea pisat, sau numai jolfa, julfa, jofa sau jufla de samanta de canepa. [...]

Colindatul si Masca

Colindatul nu este specific numai sarbatorilor de iarna. El este un ceremonial complex, organizat de o ceata anume constituita, care transmite prin texte cantate sau strigate, numite colinde, si, uneori, prin masti, recuzita, dansuri, acte si gesturi rituale, formule magice vestea mor­tii si renasterii divinitatii adorate, urari de sanatate, rod bogat, implinirea dorintelor in noul an, in special casatoria fetelor. [...]

Obiceiuri de Craciun in Bucovina

Toate sarbatorile si praznicele crestine ne vorbesc despre unele evenimente sau fapte din viata Mantuitorului sau despre viata celor drepti. Praznicul Nasterii Domnului are o importanta deosebita, fiind sarbatoarea familiei, a parintilor, a bunicilor si in special a copiilor. In cele ce urmeaza vom arata, succint, cum au inteles bucovinenii Nasterea lui Hristos si ce obiceiuri au consacrat acestui eveniment devenit una dintre cele mai mari sarbatori ale crestinatatii. [...]

Sursa: CrestinOrtodox.ro.

'Aeros' sfida le leggi di gravita', dal 22 dicembre 2008 al Teatro Olimpico di Roma


Spettacolo

Con le coreografie di Daniel Ezralow, David Parsons e Moses Pendleton

Daniel Ezralow, fondatore di Iso, sue le coreografie del musical “Tosca” di Lucio Dalla. David Parsons, fondatore di Parsons Dance. Moses Pendleton, fondatore dei Momix, sue le coreografie per l’ultimo show televisivo di Fiorello.

Tre coreografi di fama internazionale che, in collaborazione con Luke Cresswell e Steve McNicholas (creatori di “Stomp”), hanno unito il loro genio creativo alle straordinarie capacità atletiche dei campioni olimpionici della Federazione Rumena di Ginnastica, per realizzare uno spettacolo unico nel suo genere.

La genesi di “Aeros” risale al 1997 quando Antonio Gnecchi, produttore teatrale milanese, per creare un nuovo ed originale evento, ebbe l’idea di utilizzare ginnasti di straordinario livello tecnico, affidandoli alla guida di tre coreografi per realizzare uno spettacolo in cui fondere humour, sensualità, sperimentazione e potenza fisica.

La scelta per le coreografie cadde su tre delle menti più geniali della danza contemporanea. Fu poi contattata la pluripremiata Federazione Rumena di Ginnastica Artistica, Ritmica ed Aerobica che scelse i suoi migliori atleti, tutti ginnasti olimpionici ancora nel pieno della loro attività sportiva. Il riscontro della prima messa in scena fu straordinario. Nacque così l’idea di creare una compagnia stabile, col nome di “Aeros”, che si affermò subito per le sue incredibili capacità atletiche ed espressive, divenendo protagonista di un tour di grandissimo successo.

Nel 2000, “Aeros” ha debuttato con successo a Los Angeles e iniziato una tournée di oltre due mesi negli Stati Uniti in città come Sacramento, Berkeley, Houston, Dallas, e registrando un grandissimo successo di pubblico e critica che ha da subito definito lo spettacolo una vera sfida alla legge di gravità e alla danza accademica. La volontà di esplorare nuove modalità di espressione ha infatti portato i tre coreografi a mescolare i linguaggi della danza e dello sport per rendere la danza un’esperienza accessibile al più ampio pubblico.


“Aeros”
Coreografie di D. Ezralow, D. Parsons e M. Pendleton
Produzione: AGR Associati

Dal 22 dicembre 2008
Teatro Olimpico
Piazza Gentile da Fabriano
Roma
Orario spettacoli:
- tutti i giorni ore 21:00;
- domenica e festivi ore 18:00;
- riposo mercoledì 24 dicembre 2008 e giovedì 1° gennaio 2009.
Prezzo biglietti:
- Poltronissima: 33,00 €
- Poltrona/Balconata: 28,50 €
- Galleria: 24,00 €;
- Bambini 4/12 anni: 15,00 €
Per informazioni e prenotazioni:
- tel. 06.3265991
- www.teatroolimpico.it

Francesca Loioli

Fonte: La Voce.

Torna "Oylem Goylem", i suoni dell'esilio, dal 22 al 31 dicembre 2008


Spettacolo
Il Teatro Strelher ospita nuovamente Moni Ovadia

Figura predominante sulla scena teatrale contemporanea, un gradito ritorno al Teatro Strehler di Milano in occasione del ventennale del Cabaret Yiddish: Moni Ovadia con "Oylem Goylem", dal 22 al 31 dicembre, con la replica del 31 dicembre alle ore 19,30.

Oylem Goylem ("il mondo è scemo", in lingua Yiddish) è stato lo spettacolo che, rappresentato per la prima volta nel 1993, ha rivelato Moni Ovadia al pubblico e con la sua lunga vita teatrale è diventato un cult.Lo spettacolo è stato ripreso dalle reti Rai e , nel 2005, è stato pubblicato in cofanetto e dvd da Einaudi, a dimostrazione di un successo duraturo nel tempo.Racconti,musiche,parole,canti di un popolo in esilio.

Lo spettacolo è interamente dedicato a quella parte di cultura ebraica di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica : quell'inafferrabile miscuglio di tedesco,ebraico,polacco, russo, ucraino e romeno, la condizione universale dell’Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque sono al centro dello spettacolo.Attraverso di lui l’universale e attualissima condizione di tutti i popoli che non si sentono sicuri sulla terra che calpestano.

La Moni Ovadia Stage Orchestra dà voce a sonorità capaci di un suggestivo intreccio di toni: dal canto liturgico, monocorde, dolente, della sinagoga all’esplosiva festosità di canzoni e ballate. Ecco quindi uno spettacolo che “sa di steppa e retrobotteghe, di strade e sinagoghe”, nel quale risuona il “suono dell’esilio, la musica della dispersione”, cita lo stesso Moni Ovadia.

“Alla fine ci si rende conto”, commentava Raboni (storica firma critica del Corriere della Sera), “di essere stati ammessi – per una sera, e forse per sempre – allo spirito di una cultura capace come nessun’altra di farci familiarizzare con l’assoluto, stemperando con infinita pazienza e tolleranza il tragico nel comico e il soprannaturale nel quotidiano”.

Oylem Goylem
di e con Moni Ovadia
e con Moni Ovadia Stage Orchestra: Maurizio Dehò (violino), Luca Garlaschelli (contrabbasso), Emilio Vallorani (flauto), Massimo Marcer (tromba),
Paolo Rocca (clarinetto), Albert Mihai (fisarmonica), Marian Serban (cymbalon) direzione musicale Emilio Vallorani
produzione Promo Music

Dal 22 dicembre 2008 al 6 gennaio 2009
Piccolo Teatro Strehler
largo Greppi (M2 Lanza)
Spettacoli: martedì e sabato ore 19.30
- mercoledì, giovedì e venerdì ore 20.30
- domenica ore 16.00
- lunedì riposo.
- mercoledì 24, giovedì 25, venerdì 26 dicembre e giovedì 1 gennaio riposo
- mercoledì 31 dicembre ore 19.30.
Ingressi: platea 24,50 euro
- balconata 21,50 euro (anche per il 31 dicembre)
- prezzi speciali su www.piccolocard.it
- Per informazioni: www.piccoloteatro.org

Tellini Alessandra

Fonte: La Voce

Sanremo: a Natale riapre la Chiesa delle Carmelitane


Riaprirà i battenti il giorno di Natale quando mancheranno pochi minuti alle dieci di mattina la chiesa delle ex Carmelitane di Sanremo, restaurata recentemente ed ora restituita al culto cristiano officiato dalla comunità ortodossa romena.

Erano più di vent’anni che i credenti non potevano più aver accesso al tempio, che sorge ora accanto alla nuova stazione ferroviaria, edificato alla fine dell’ottocento quando in questo angolo di paradiso si stabilì una comunità di suore carmelitane provenienti dalla vicina Francia, nazione in cui allora i Cristiani erano vittime di una feroce campagna laicista promossa dal governo del tempo. Trasferitesi le suore, nel secondo dopoguerra, sulla collina che separa Sanremo da Ospedaletti, a poca distanza dall’odierno casello autostradale, in un convento nuovo di zecca disegnato dal celebre architetto Giò Ponti, dell’ottocentesco convento rimasero solamente la chiesetta ed il parco con il vialetto dedicato alla meditazione delle monache, delimitato da due file di alti alberi. Nuovamente messi a soqquadro dai lavori per la costruzione della nuova stazione ferroviaria cittadina parco e chiesetta furono chiusi al pubblico. L’edificio di culto, che negli ultimi anni era stato officiato dal clero appartenente alla parrocchia di appartenenza ( Nostra Signora degli Angeli), presentava poi pure notevoli problemi di staticità. Abbandonato divenne rifugio di vandali, sbandati e forse anche satanisti. Onde fermarne il degrado il Comune, proprietario del sedime sul quale la chiesa sorge, pensò di trasformarlo in un salone civico da adibire sia a convegni sia alla celebrazione dei matrimoni civili, ma l’intendimento della giunta comunale fu bocciato dall’allora vescovo Barabino prima e dal suo successore Careggio poi. La chiesetta infatti mai fu sconsacrata. Di fronte all’impossibilità di recuperarla alla confessione cattolica per penuria di sacerdoti, il clero diocesano decise di cederla per gli uffici sacri all’erigenda parrocchia ortodossa- romena, guidata da Padre Claudiu, il parroco la cui giurisdizione si estende sul territorio delle Diocesi cattoliche di Albenga-Imperia e Ventimiglia-Sanremo. La Chiesa ora è dedicata ai Santissimi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa.
C.S.
Lunedì 22 Dicembre 2008

Fonte: Sanremo News.

Famiglie: il 5% non ha i soldi per il cibo e il 15% non arriva a fine mese


Cresce il divario tra Nord e Sud

L'allarme sulle condizioni di vita degli italiani nei dati dell'Istat riferiti alla fine del 2007: il 50% dei nuclei guadagna meno di 1.924 euro e uno su tre (il 32,9%) ha dichiarato di non essere stato in grado di far fronte a una spesa imprevista di 700 euro.

Roma, 22 dic. - (Adnkronos/Ign) - Peggiorano le condizioni di vita degli italiani. Alla fine del 2007 è infatti salito dal 14,6 al 15,4% il numero delle famiglie che ha avuto difficoltà ad arrivare a fine mese e una su tre (il 32,9%) ha dichiarato di non essere stata in grado di far fronte a una spesa imprevista di 700 euro, una percentuale che al Sud arriva al 46,4%. Il 5,3% ha addirittura affermato di aver avuto, negli ultimi 12 mesi, momenti con insufficienti risorse per acquistare cibo, mentre l'11,1% per le spese mediche e il 16,9% per l'acquisto di abiti necessari. Resta poi alto il divario Nord-Sud e la distanza tra i ricchi e poveri nel Meridione è maggiore rispetto al resto del Paese. Sono questi i risultati allarmanti dell'indagine campionaria annuale 'Reddito e condizioni di vita' diffusa oggi dall'Istat .

Dai dati emerge che nel 2006 il 50% delle famiglie ha percepito meno di 2.000 euro al mese (circa 1.924) con un reddito mediano nazionale pari a 23.083 euro, mentre il reddito netto, esclusi i fitti figurativi, cioè la spesa risparmiata per l'affitto dai proprietari di casa, è stato in media di 28.552 euro, circa 2.379 euro al mese. Tuttavia, a causa della distribuzione asimmetrica dei redditi, la maggioranza delle famiglie, pari a 61,8%, ha conseguito un reddito inferiore a questo importo medio.

Le situazioni più critiche sono nelle famiglie con tre o più figli minori, per gli anziani soli, specie donne con pensioni molto basse, e le famiglie mono-genitori, per lo più composte da madri sole, separate o divorziate o vedove. Nel 2007 il 18,5% delle famiglie monoreddito dichiara infatti di arrivare con molta difficoltà alla fine del mese. Mentre l'11,1% delle coppie con figli e, tra queste, il 21% di quelle con 3 o più figli, dichiara di esseri trovata in arretrato con il pagamento delle bollette, contro il 5,3% delle famiglie senza figli. La situazione di maggiore vulnerabilità delle coppie con almeno 3 figli è poi confermata anche dagli indicatori considerati: il 25% dichiara di arrivare a fine mese con molta difficoltà, l'8,1% di avere avuto insufficienti risorse per le spese alimentari, e il 25,3% per le spese di vestiario. Difficoltà minori sono riportate da famiglie che possono contare su reddito autonomo come fonte principale

L'indagine rivela poi che al sud e nelle isole si registrano ''segnali di disagio particolarmente marcati rispetto al resto del paese'', con il 22% delle famiglie che arriva con grande difficoltà alla fine del mese e il 46,4% che dichiara di non poter far fronte ad una spesa imprevista di 700 euro. Inoltre il 19,4% ha avuto difficoltà a pagare le spese mediche e un non trascurabile 7,3% di non aver avuto i soldi per le spese alimentari, almeno in un'occasione nei 12 mesi precedenti l'intervista. "I risultati dell'indagine confermano l'esistenza di un profondo divario territoriale: il reddito mediano delle famiglie che vivono nel Sud e nelle Isole è circa tre quarti del reddito delle famiglie residenti al Nord. Inoltre, i redditi delle famiglie residenti nel Sud e nelle Isole sono maggiormente concentrati nelle fasce di reddito più basse", spiega l'istituto.

La regione con la situazione più critica è la Sicilia dove il 10,1% delle famiglie ha problemi di risorse per il cibo. Seguono Campania, Calabria e Puglia. Tra le regioni del Nord e del Centro sono, rispettivamente, il Piemonte e il Lazio ad evidenziare maggiori segni di disagio con, rispettivamente, il 15,3% e il 14,4% delle famiglie che, nel 2007, dichiarano di arrivare a fine mese con molta difficoltà. Mentre le regioni con la migliore situazione sono la Provincia autonoma di Bolzano e l'Emilia Romagna.

Fonte: Adnkronos Ign.

Romania/ Governo guidato da Boc ottiene fiducia Parlamento

Grande coalizione ha ottenuto maggioranza in prima votazione

Roma, 22 dic. (Apcom-Nuova Europa) - Il nuovo governo romeno, formato dall'alleanza tra Socialdemocratici (Psd) e Democraticiliberali (Pdl) ha ottenuto la fiducia dal Parlamento. La squadra dell'esecutivo guidata da Emil Boc (Pdl) ed equamente distribuita tra i due partiti, ha ottenuto l'investitura con 324 voti favorevoli e 115 contrari, secondo fonti interne alla Camera dei deputati, scrive Mediafax.

Fonte: Virgilio Notizie.

Guvernul Emil Boc a fost validat de Parlament

Guvernul Emil Boc a fost validat de Parlament: 324 de voturi pentru, 115 impotriva. Marti, prima sedinta de guvern
de Redactia Politic HotNews.ro
Luni, 22 decembrie 2008 Actualitate Politic

"In numele echipei pe care o reprezint, va asigur ca stiu ce responsabilitate apasa pe umerii nostri. Stiu ca exista o speranta in aceasta tara si va asigur ca aceasta echipa isi va pune toata priceperea ei pentru a reda romanilor speranta, pentru a asigura stabilitatea tarii"
Emil Boc, dupa validarea Guvernului Guvernul

Emil Boc a primit, luni seara, votul de investitura al Parlamentului, cu 324 de voturi pentru, 115 impotriva si sase anulate. "Vom fi un Guvern anti-criza, dar nu si un guvern limitat la perioada de criza ", a declarat premierul desemnat Emil Boc, inainte de votul camerelor reunite ale Parlamentului, adaugand ca Executivul "nu va ezita sa aplice masuri dure dar nu va sacrifica politicile sociale". Parlamentul s-a reunit in sedinta comuna pentru ca premierul desemnat sa prezinte programul de guvernare si sa ceara votul de investitura pentru noul cabinet. La inceputul sedintei, PNL a cerut retragerea listei cabinetului Boc si amanarea dezbaterii din Parlament afirmand ca "s-a incalcat Constitutia la desemnarea premierului". Solicitarea liberalilor nu a obtinut votul parlamentarilor.[...]

Sursa: HotNews.ro

Sicurezza: Maroni, non c'è mai stata emergenza legata a romeni

Politica

Roma, 22 dic. - (Adnkronos) - ''Non c'e' mai stata e non c'e' un'emergenza criminalita' legata alla comunita' romena. Ci sono stati dei cittadini romeni che hanno compiuto dei reati''. Cosi' Roberto Maroni, nella conferenza stampa di fine anno al Viminale, risponde ad una domanda di una giornalista romena sul tema della sicurezza. Il ministro dell'Interno assicura che ''la collaborazione tra i due Paesi e' eccellente e molto utile, intendiamo continuare in questa direzione''. Quanto alla possibilita' che cittadini romeni che hanno compiuto reati scontino la pena in patria, Maroni ricorda che fa parte di un accordo gia' sottoscritto. ''Su questo non c'e' nessuna trattativa, nessun negoziato'', si attende solo che il governo romeno dia il via libera secondo gli accordi. La stessa cosa accade con Paesi come la Libia o l'Albania, si tratta di accordi ''che sono gia' perfetti, bisogna solo dargli applicazione'', dice Maroni.
22-DIC-08

Fonte: Il Tempo.

Montecchio, 51enne romeno muore in strada per un malore

Emilia R.

Sul corpo nessuna lesione che fa pensare a violenze

Roma, 22 dic. (Apcom) - Il cadavere di un cittadino rumeno, identificato nel 51enne Mihai Amariorari, da circa due mesi residente a Montecchio Emilia in Piazzale Cavour, è stato trovato in strada la scorsa notte nel comune in provincia di Reggio in Viale Guglielmo Marconi.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il personale medico del 118: sul corpo del romeno non c'erano lesioni violente ed è probabilmente deceduto per arresto cardio respiratorio o per un malore.
La salma del giovane, il cui decesso sarebbe avvenuto poco prima, è stata quindi posta a disposizione della Procura di Reggio Emilia che ha aperto un'inchiesta.

Fonte: Virgilio Notizie.

Ravenna: 22enne travolta e uccisa dal camion di Hera


22 dicembre 2008

RAVENNA - E' avvolta nel mistero la dinamica che ha portato domenica sera attorno alle 20.30 alla morte di una donna di appena 22 anni, rumena, all'uscita dall'ospedale di Ravenna. La ragazza era uscita dall'edificio ospedaliero dopo aver fatto visita al padre quando, in sella alla sua bicicletta, è stata travolta da un camion della nettezza urbana di Hera. Il giallo sta nel fatto che la bici non si riesce a trovare. Gli inquirenti possono contare sulla testimonianza di un'infermiera.

La vittima è Georgiana Militaru, rumena di classe 1986. Era appena uscita dal

piazzale dell'ospedale Santa Maria delle Croci quando, all'altezza dell'incrocio con via Gorizia, sarebbe stata travolta dal mezzo di Hera. Il conducente del camion ha dichiarato più tardi di non essersi accorto della donna, che è stata trascinata per una trentina di metri prima di restare al suolo senza vita per le gravissime ferite riportate nell'impatto.

Il camion avrebbe quindi avvolto tra le sue ruote la bicicletta e il corpo della donna, ma del velocipede non si trova traccia da nessuna parte. Un'infermiera di passaggio ha dichiarato di essere certa che la vittima si trovava in bicicletta, perché l'ha vista uscire dall'ospedale. Sul posto si è precipitata la polizia stradale, assieme agli uomini del 118 (che hanno solo potuto constatare il decesso). Georgiana lavorava al bar Boston di via Vicoli a Ravenna come barista.

Fonte: Romagna Oggi.

lunedì 22 dicembre 2008

Sfaturi si atentionari de la MAE pentru romanii plecati de sarbatori in strainatate

de V.M. HotNews.ro
Duminică, 21 decembrie 2008, Actualitate Esenţial

documente
MAE - Indrumar de calatorie pentru Sarbatorile de iarna
(21 Dec 2008) PDF, 247KB

Ministerul de Externe a pregatit anul acesta o lista consistenta de sfaturi, recomandari si avertismente pe care romanii care intentioneaza sa calatoreasca si pe care este bine ca acestia sa o citeasca, pentru a evita orice situatie neplacuta.

Recomandarile sunt necesare mai ales in contextul in care, in ultimii ani, vacantele romanilor in strainatate au fost marcate, in multe cazuri, de incidente si evenimente neplacute, precizeaza Mediafax.

"Ghidul" MAE poate fi consultat pe site-ul institutiei, impreuna cu mai multe avertismente de calatorie si cu date despre fiecare tara in parte. Acesta contine, pentru fiecare zona, de la sfaturi generale – verificarea valabilitatii actelor, incheierea unei asigurari inainte de plecare si cunoasterea numarului de telefon al misiunii diplomatice a Romaniei din tara de destinatie – pana la elemente de detaliu legate de comportamentul taximetristilor, rata infractionalitatii sau regimul jocurilor de noroc.

Astfel, romanii care vor sa calatoreasca in landurile austriece Tirol si Kaerntner sunt sfatuiti sa se informeze din timp referitor la starea vremii si a drumurilor, deoarece caderile masive de zapada conduc la impunerea unor restrictii de circulatie care merg pana la inchiderea drumurilor pentru circulatia publica.

Potrivit MAE, in statiunile din Austria, plasate la granita cu Elvetia sau Italia, romanii trebuie sa se informeze despre reglementarile privind achizitionarea si introducerea marfurilor dintr-o tara in alta, deoarece "un pret avantajos in Elvetia nu inseamna si scutirea de taxe vamale la intrarea pe teritoriul austriac".

MAE le atrage atentia romanilor care calatoresc in Bulgaria ca politia locala suspenda cu mare usurinta permisele de conducere.

De asemenea, MAE are un mesaj si pentru romanii care vor pleca de sarbatori in Cipru: nu exista trafic feroviar si exista transport rutier interurban numai intre principalele orase (Nicosia, Paralimni, Larnaca, Limassol, Pafos). In rest, singura varianta sunt calatoriile cu taxiul si masina personala sau inchiriata.

Pentru cei care se deplaseaza in Croatia, recomandarea MAE este succinta "Evitati sa va referiti la asemanarile cu limba si poporul sarb".

In ceea ce priveste romanii care se deplaseaza in Elvetia, MAE le atrage acestora atentia ca au in continuare nevoie de pasaport, iar autoritatile elvetiene le pot solicita sa prezinte biletul de intoarcere si dovada rezervarii la hotel.

In ce priveste Grecia, in cazul parcarilor in locuri interzise, soferii risca, pe langa amenda (pana la 150 euro), confiscarea placutelor de inmatriculare pana la 20 de zile. "Daca vizitati Atena, Salonic sau alte orase din Republica Elena, evitati zonele unde au loc manifestatii publice de protest. In cazul in care, in zona hotelurilor unde sunteti cazati sau a obiectivelor turistice pe care le vizitati au loc manifestatii publice de protest, va recomandam sa parasiti imediat zona", precizeaza MAE.

Pentru romanii care pleaca in Rusia, MAE anunta ca in vederea obtinerii vizei de intrare este nevoie de invitatie. Mai mult, "este obligatoriu ca viza sa fie inregistrata la autoritatile locale de ordine publica de catre persoana care a facut invitatia".In Rusia, se poate folosi permisul de conducere romanesc doar insotit de o traducere in limba rusa.

MAE are un avertisment si pentru romanii care calatoresc in America Latina si Caraibe. "Atragem atentia asupra faptului ca turistii pentru aceste destinatii sunt deseori atrasi in traficul ilicit de droguri. Concret, vi se poate cere sa transportati diferite bagaje in aceste tari, bagaje care in majoritatea cazurilor contin droguri. Oricat de simpla si fara riscuri poate parea onorarea acestor propuneri, refuzati-le ferm!", precizeaza MAE, potrivit caruia autoritatile locale fac eforturi deosebite pentru combaterea acestui fenomen, iar traficul de droguri (chiar involuntar) se pedepseste cu inchisoarea.

Romanii care vor alege aceasta destinatie sunt de asemenea indemnati sa incheie o asigurare de calatorie, inclusiv medicala. "In anumite tari din regiune serviciile medicale publice sunt precare, singura varianta reprezentand-o clinicile private. Solicitati asiguratorului lista unitatilor medicale recunoscute de asiguratorul local – altfel riscati ca, la nevoie, sa primiti ingrijiri medicale numai dupa ce le achitati", avertizeaza MAE.

Exista de asemenea avertismente in cazul fiecarei tara. Astfel, romanii care isi vor petrece concediul in Brazilia sunt atentionati ca in aceasta tara "sunt frecvente furturile, inselaciunile, talhariile". "In dese cazuri, agresorii au asupra lor arme. Daca sunteti victima unei agresiuni, poate fi periculos sa ripostati", le transmite MAE cetatenilor romani.

In Cuba, potrivit MAE, sunt frecvente inselaciunile, furturile (uneori cu violenta), consumul si traficul de droguri."Va recomandam sa schimbati valuta in moneda locala doar la casele de schimb. Utilizarea cardurilor de credit este relativ redusa. Puteti intampina rezerve la plata prin carduri emise de banca sau filiale ale bancilor americane. In unele cazuri, la plata prin card se poate percepe un comision de 10% din valoarea sumei cheltuite", atentioneaza MAE. De asemenea, romanii care pleaca in Cuba de sarbatori trebuie sa stie ca, pentru introducerea unui telefon GPS, au nevoie de o aprobare speciala a Ministerului Comunicatiilor.

In ceea ce priveste Republica Dominicana, MAE avertizeaza ca in regiunile cu paduri umede exista pericolul contaminarii cu malarie sau febra dengue. Pe de alta parte, schimbul valutar in moneda locala se poate face pe aeroporturi sau banci, nefiind insa posibil schimbul din moneda nationala in valuta forte.

MAE ii atentioneaza pe cei care decid sa calatoreasca in Egipt, Tunisia sau in Israel, sa nu paraseasca grupul mai ales daca nu cunosc limba engleza si sa nu se aventureze in zone neincluse in traseul prestabilit. "Pentru calatoriile in tarile arabe din zona, atragem atentia asupra necesitatii respectarii religiei si obiceiurilor locale. In cazuri extreme (comportament care sfideaza flagrant aceste obiceiuri), masurile luate de autoritati pot ajunge inclusiv pana la pedeapsa cu inchisoarea ", atentioneaza MAE.

In Turcia, romanii trebuie de asemenea sa evite locurile aglomerate si implicarea in demonstratii." In cazul unui accident auto soldat cu un deces, toate persoanele implicate sunt arestate, pana la stabilirea vinovatiei de catre autoritatile judiciare ", precizeaza MAE. Romanii care doresc sa achizitioneze din Turcia un obiect de arta sunt sfatuiti sa solicite factura si un certificat care sa ateste ca acel obiect poate fi exportat. "In cazul in care comerciantul nu il poate furniza, adresati-va in acest sens celui mai apropiat muzeu ", conchide MAE, incheind astfel lista de avertismente si atentionari pentru perioada de sarbatori.

Citeste toate recomandarile MAE in documentul atasat

Fonte: Hotnews.ro

Bucureştiul, oraşul cu cei mai mulţi Moş-Crăciuni din lume


Eveniment Prima realizare notabilă a lui Sorin Oprescu
22 DECEMBRIE 2008

Numărul Moşilor ar fi fost mai mare, dacă unii dintre ei nu s-ar fi pierdut pe drum

Bucureştiul, oraşul cu cei mai mulţi Moş-Crăciuni din lume
Se citea în ochii copiilor de 3-4 ani că nu mai ştiu ce să creadă, văzând miile de Moş Crăciuni fumând ca turcii şi dând pe gât vin fiert, ieri, în Piaţa Constituţiei. „E pentru record, mamă, Moşu’ ăla adevărat nu e pe-aici”, le explicau mamele de zor. La ora 12, când fusese fixată întâlnirea, îţi puteai da deja seama că vechiul record, realizat în Taipei cu 3.618 Moşi, o să cadă. Cam tot atâţia se adunaseră deja la locul stabilit şi, de pe bulevardele Capitalei, valurile de oameni continuau să curgă spre Piaţa Constituţiei. Este vorba de primul record mondial pe care primarul Sorin Oprescu şi-a pus în cap să-l doboare cu ocazia Crăciunului - cel mai mare număr de Moş-Crăciuni care dau cadouri adunaţi la un loc. A fost încălzirea pentru recordurile la care bucureştenii vor mai “atenta” săptămâna aceasta – cel mai lung cârnat şi cel mai mare tort din lume.

Moşii care s-au pierdut pe drum

Oprescu a dat startul marşului către Piaţa Unirii, moment în care Moşii au început să se îmbulzească. Înainte de a Părăsi Piaţa Constituţiei, fiecare Moş a trebuit să primeasă câte o cutie roşie care conţinea un cadou, o condiţie clară pentru ca recordul să fie omologat. Cadoul trebuia să fie dăruit de Moşi trecătorilor, până ca ei să ajungă în Piaţa Unirii, unde numărul lor avea să fie înregistrat.

Anunţul că se vor împărţi cadourile a atras şi un număr însemnat de trecători dornici de pomană, care au fost însă îndepărtaţi rapid de jandarmi. Odată ieşiţi din Piaţa Constituţiei, mulţi dintre Moşi au uitat de regulament şi au lepădat costumele, vârându-le în sacoşe cu tot cu pachetul cadou pe care trebuia să-l înmâneze altora. Majoritatea Moşilor, însă, au continuat marşul spre Piaţa Unirii. Drumul a durat destul de multă vreme, pentru că de-a lungul bulevardului se deschiseseră chioşcuri unde se vindea vin fiert cu scorţişoară, iar Moşii îngheţaseră de atâta stat în frig şi aveau nevoie să se dreagă. Până în Piaţa Unirii au ajuns 3.939 de Moşi, număr suficient pentru doborârea recordului deţinut până ieri.

“Bucureşteni, o chestiune am rezolvat-o. Suntem în Cartea Recordurilor. Semnificaţia este una clară. Nu numai în această perioadă a sărbătorilor, verbul a dărui din suflet să devină o conduită pentru toţi bucureştenii, pentru toţi românii”, a declarat primarul Sorin Oprescu în momentul în care recordul a fost omologat. În 27 decembrie, bucureştenii vor încerca să doboare recordul la cel mai lung cârnat şi la cel mai lung tort din lume. Pentru a face asta, cârnatul va trebui să aibă mai mult de 2.020 de metri, iar tortul peste 120 de metri. (D.R.)

Sursa: Gandul.

Cum se comportă creierul când ascultă manele


EXPERIMENTE Un profesor de la Carol Davila a studiat efectul muzicii

de Milena NIŢĂ 22 DECEMBRIE 2008

Simfoniile lui Mozart impulsionează procesele imunitare şi sunt recepţionate 100% de creier

Manelele „ating” doar planul instinctual, nu şi pe cel cognitiv

Muzica are cel mai bun efect terapeutic atunci când ascultăm ceea ce ne place
Stresul acumulat peste zi poate fi înlăturat cu ajutorul muzicii clasice, care reuşeşte să activeze structurile anumitor zone din creier. „Muzica clasică înlătură stresul psihic cauzat de abundenţa de informaţii şi solicitarea proceselor voliţionale (care ţin de voinţă, n.n.) necesare unor decizii permanente în regim de criză de timp. Toate exemplele de stres care afectează prioritar emisfera cerebrală stângă sunt contrabalansate de activarea emisferei cerebrale drepte prin influenţa artei, în special a muzicii”, susţine prof. univ. dr. Ioan-Bradu Iamandescu, şeful Catedrei de Psihologie Medicală şi Psihosomatică a Universităţii de Medicină şi Farmacie Carol Davila din Bucureşti.

Profesorul spune că muzica activează structurile unor zone din creier care au un efect euforizant şi de înlăturare a oboselii. Muzica ne poate face să ne simţim mai bine, ne învigorează, ne dă energie sau ne poate emoţiona până la lacrimi. Toate aceste efecte ale terapiei prin muzică se datorează eliberării de endorfine, cunoscute şi ca „hormonii fericirii”. Atunci când ascultăm melodiile preferate, creierul nostru emană endorfine, care ne dau acea stare de bine. Endorfinele se aseamănă, din punct de vedere al structurii chimice, cu morfina – un drog cu efecte euforizante, dar care generează efecte secundare severe. „Trebuie recunoscut că atunci când muzica ne place în mod deosebit – fie că este vorba de simfonii, muzică de dans, populară – are loc o stimulare a proceselor imunitare, ceea ce pe termen lung, pentru cei ce se bucură zilnic de binefacerile muzicii sau de a cânta, fie vocal sau instrumental, poate să contribuie la prelungirea vieţii”, subliniază prof. Iamandescu.

Muzica populară activează 50% din scoarţa cerebrală, cea clasică 90%

Specialistul spune că muzica mai are şi o acţiune analgezică, în afara celei euforizante, motiv pentru care ea mai este întrebuinţată de unii medici în combaterea durerii pre-şi postoperatorii. Profesorul Bradu Iamandescu consideră însă că muzica are cel mai bun efect dacă ascultăm numai ceea ce ne place.

„S-a demonstrat prin tomografii computerizate cu pozitroni că sub acţiunea muzicii sunt activaţi foarte mulţi neuroni, zone întregi ale scoarţei cerebrale care sclipesc sub forma unei luminiţe roşii. Astfel, muzica uşoară sau populară activează sub 50% din scoarţa cerebrală, muzica simfonică modernă 60-70%, muzica clasică ajunge până la 90% şi numai Mozart atinge 100%. Sunt specialişti care spun că muzica lui Mozart «se mulează» cel mai bine şi atunci când îl asculţi scoarţa cerebrală parcă îţi ia foc, dar eu sunt de părere că şi în cazul altor compozitori situaţia poate fi similară”, adaugă prof. Iamandescu. De aceea, în meloterapie se vorbeşte despre „efectul Mozart”.

Din manele ne alegem doar cu ritmul

Medicul vorbeşte şi de primitivismul mental al celor care ascultă manele. „Muzica ne afectează pe trei niveluri: intelectual (cognitiv), afectiv şi instinctual. La nivel cognitiv, muzica clasică, de cameră sau de operă influenţează persoanele cu un nivel de inteligenţă ridicat şi nu neapărat cu o cultură muzicală deosebită. Pe plan afectiv suntem influenţaţi de melodie, iar la nivel instinctual suntem impulsionaţi de ritm. Manelele, de exemplu, se bucură de popularitate printre oamenii simpli, deoarece sunt bine ritmate, deci ating planul instinctual, dar deloc pe cel cognitiv“, subliniază prof. univ. dr. Ioan-Bradu Iamandescu.

Specialistul spune că terapia prin muzică ar trebui să se numească muzicoterapie, şi nu meloterapie, pentru că, în afara melodiei, ne influenţează şi ritmul, şi armonia.

Sursa: Gandul.

Spagna. Revocata salvaguardia Ue per lavoratori bulgari e rumeni

Governo: "Non aveva più senso". Rumeni sono ormai 715.000

Madrid, 19 dic. (Apcom) - La Spagna ha deciso oggi di non rinnovare la clausola di salvaguardia prevista dalla legislazione Ue per i lavoratori bulgari e rumeni dopo l'ingresso di questi due paesi nell'Unione europea. Lo ha annunciato il ministro dell'Immigrazione Celestino Corbacho dopo il consiglio dei ministri tenutosi a Madrid.

Secondo Corbacho la salvaguardia Ue, che consente ai paesi della 'vecchia' Ue di continuare a considerare i lavoratori dei due nuovi paesi come extracomunitari quanto ai permessi di lavoro durante un periodo transitorio di massimo sete anni "non ha più molto senso". La vicepremier spagnola Maria Teresa Fernandez de la Vega ha spiegato che "data la situazione in cui si trovano Romania e Bulgaria, immerse in una consistente crescita economica, i flussi migratori probabilmente a medio termine saranno un po' al contrario", riferendosi alla possibilità che alcuni immigrati tornino al loro paese.

In ogni caso, come prevede la normativa Ue, Madrid si riserva di fare un bilancio entro sei mesi per vedere se la revoca della moratoria "abbia qualche effetto negativo", ha detto de la Vega. La comunità rumena in Spagna è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni, diventando la più numerosa in assoluto fra gli immigrati e superando i marocchini. Fra ottobre 2007 e settembre 2008 questa comunità è aumentata del 41%, raggiungendo le 715.750 persone. Anche i bulgari sono aumentati molto, del 25%, e ora sono 143.000.

La Federazione delle associazioni rumene in Spagna (Fedrom) ha salutato la decisione dell'esecutivo di José Luis Zapatero: secondo il suo presidente Miguel Fonda, la salvaguardia "è servita semplicemente di pretesto per una crescita molto rilevante del mercato irregolare e sommerso".

Fonte: Virgilio Notizie.

sabato 20 dicembre 2008

Cerimonia di consegna del Premio Internazionale “ProArte“ - Roma, 22 dicembre 2008

INVITO. Cerimonia di consegna del Premio Internazionale “ProArte“ - Roma, 22 dicembre 2008

Lunedì 22 dicembre Università “La Sapienza” Facoltà di Ingegneria Sala del Chiostro - via Eudossiana n. 18 Lunedì 22 dicembre 2008, con inizio alle ore 10.00, a Roma, Università “La Sapienza”, sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria (via Eudossiana n. 18), si svolgerà la cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio “ProArte”: un riconoscimento per i giovani, anche aggregatisi in associazione, che operano a favore di progetti mirati a promuovere cultura e identità del proprio territorio, con prospettive di sviluppo connesse al turismo, alla riscoperta e tutela della storia, degli usi, dei costumi e delle tradizioni. Obiettivo del Premio è favorire l’incontro tra giovani, Istituzioni ed esperti, per progettualità a sostegno dell’economia locale, generate appunto da idee e progetti frutto della creatività giovanile, messi in relazione con conoscenze ed esperienze di tecnici, e quindi con opportunità di finanziamenti. E’ rivolto ai giovani fino a 35 anni che abbiano appunto presentato concreti progetti con chiare indicazioni sui risultati raggiunti o previsti, sulla loro dimensione internazionale, sugli effetti di ricaduta per il territorio di riferimento. Sono candidati progetti già realizzati, in fase di realizzazione o solo ideati. Al Premio partecipano anche “aggregazioni istituzionali” e sono considerati fattori di rilievo e l’innovazione e le nuove tipologie di progettualità. Il Premio prevede una sezione Internazionale, con la collaborazione delle Università “Lucian Blaga” e “Alma Mater” della città di Sibiu, dell’Università Romeno-Americana di Bucarest, dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, dell’Istituto Interculturale di Timisoara, dell’Associazione Ostelli della Gioventù della Romania (AYHR), dell’Ente Nazionale per il Turismo della Romania in Italia, per promuovere la candidatura di progetti dal mondo giovanile romeno a cui il Presidente della Repubblica on.le Giorgio Napolitano ha destinato una speciale Medaglia che sarà consegnata ai candidati del progetto selezionato alla presenza di istituzioni italiane e romene nel corso dei lavori del 22 dicembre 2008, alle ore 11,00.Una particolare sezione è dedicata agli eventi televisivi connessi al turismo e in generale al tema del “Glocalismo nel Globalismo”, per porre in risalto i piani locali in un panorama più largo. Per quanto riguarda l’innovazione è concessa particolare attenzione a quei progetti che prevedono l’utilizzo della rete internet, l’internazionalizzazione, lo sviluppo dei dialogo interculturale e l’interazione con altri Paesi esteri. Il Premio ProArte è promosso da A.I.G. (Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù), CIRPS (Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo Sostenibile), ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), FORUM DEI GIOVANI, CIRCUITO INTERNAZIONALE PROARTE, ASSOCIAZIONE NIKANDROS, MORRONE & PARTNERS, ed èselezionato ed inserito nel calendario ufficiale degli eventi dell'Anno Europeo del Dialogo Interculturale 2008. E’ inoltre inserito tra gli eventi di promozione della Carta dello Studente del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali del Governo italiano, di Agis, Unesco, Aig, ed ha ricevuto il patrocinio dell'Ente Nazionale per il Turismo della Romania, la collaborazione dell'Institutul Cultural Roman e di altri Enti ed Istituzioni italiani e romeni.

I progetti candidati selezionati in Italia e per la sezione internazionale dedicata alla Romania:

1) Maratonina della Pace del Comune di Sannicandro di Bari (Puglia)
2) Nikolaos. Il Viaggio, i Luoghi, la Fede dell’Ass.ne Photography di Bari con il supporto del Comune di Bari (Puglia)
3) Concorso Internazionale di Musica Pietro Argento dell’Ass. Mus. Cult. Daniele Loberafo - Gioia del Colle (Puglia)
4) SpulcinellandofraleCorde dell’Ass.ne Musicale Culturale MusicArte - Caserta (Campania)
5) FriendsInRome – the great new way to make friends in Rome dell’Ass.ne FriendsInRome - Roma (Lazio)
6) Sicilian Culture Style – music and food from East Tyrrhenian area di Giacoma Crisafulli - Castroreale (Messina)
7) EFFIMERI, svegliati e stravaganti dell’Ass.ne Movimenti in Actor – teatro danza – Pisa (Toscana)
8) Toccare l’Arte dell’Ass.ne Artable - Roma (Lazio)
9) Made in Basilicata dell’Ass.ne 100% BASILICATA Idee in movimento - Potenza (Basilicata)
Sezione Internazionale: Chez les Amis – Youth Hostel di Ioana Felicia Ghica e Cristian Popa - Timisoara (Romania)

Hanno confermato la propria presenza: il Sottosegretario del Ministero degli Esteri on.le prof. Vincenzo Scotti, il direttore dell'Accademia di Romania dr. Mihai Barbulescu, il direttore dell'Ente Nazionale per il Turismo della Romania in Italia dr.ssa Ligia Hofnar, il Segretario Generale dell'Youth Hostel Romania (Cluj-Napoca - Romania) dr.ssa Ina Vadeanu, Padre Augustin Gheorghiu in nome del Vescovo della Chiesa Ortodossa di Romania in Italia S.E. Ep. Siluan, il Sottosegretario della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa Mons. Josè Manuel del Rio Carrasco, il consigliere del Ministro della Gioventù dr. Simone Pelosi, il coordinatore regionale del Centro Turistico Giovanile del Lazio dr. Riccardo Pece, il dr. Iannello del Centro Turistico Studentesco, il dr. Carlo Carnevale del ACSI (centri sportivi italiani). Si attende la conferma dell'Ambasciatore di Romania in Italia S.E. dr. Razvan Rusu e del Ministro per i Beni e le Attività Culturali del Governo Italiano on.le Sandro Bondi.

AIG - Tel. 064871152

AIG, Ufficio Stampa e Comunicazione
Italian Youth Hostels Association - Press Office
Via Cavour 44, 00184 ROMA, tel 06 4871152, fax 06 4880492
www.aighostels.com
aig.ufficiostampa@aighostels.com

Astăzi se sărbătoreşte Ignatul, ziua când se taie porcul pentru Crăciun


Astăzi, tradiţia este mai presus de postul Crăciunului. De Ignat, românii sacrifică porcii pentru masa tradiţională de Crăciun.

Potrivit obiceiului, gospodarii taie astăzi, în ziua Ignatului, porcul îngrăşat tot anul special pentru sfârşitul de an. Până la masa de sărbători, gospodinele au câteva zile la dispoziţie ca să pregătească caltaboşi, cârnaţi şi tobă.

Înainte de toatea astea, însă, după ce ritualul tăierii a fost îndeplinit, familia se strânge la pomana porcului, chiar dacă suntem în plin post al Crăciunului.

Şi în acest an, românii trebuie să se poarte cu mănuşi, cu porcul din coteţ. Regulile Uniunii Europene impun ca animalele să fie anesteziate total înainte de sacrificare.

Sursa: Realitatea TV

Gentilezza rumena

Caro Severgnini,
racconto una cosa che mi è capitata, sperando di poter contribuire alla causa del popolo rumeno. Alcune settimane fa ho deciso di uscire per la prima volta in auto con la mia piccoletta di 40 giorni. Mentre stavo parcheggiando davanti al supermercato, il clacson è improvvisamente partito e non si fermava più (probabilmente a causa di un incidente che avevo fatto precedentemente). Non vi dico il panico: rumore assordante, neonata strillante e io in stato confusionale anche a causa dello scarso sonno che affligge le neomamme. Molta gente passava e mi guardava con fare solidale, ma solo un corriere rumeno è arrivato in mio aiuto. Si è sdraiato per terra e ha lavorato mezz’ora sotto la mia auto, riuscendo infine a risolvere il problema. Ho poi scoperto che in Romania era meccanico. Mezz’ora di tempo per un corriere è veramente tanto, unito al fatto che si è sporcato di grasso e di terra. Ero senza parole e volevo sdebitarmi, ma lui è scappato via, imbarazzato dai miei ringraziamenti.Impagabile. Potrebbe rientrare tra le pubblicità che vanno in onda ora a cura del governo rumeno, di cui testimonio la veridicità, in quanto ho conosciuto l'infermiera rumena che appare in uno dei video al Multimedica di Sesto S.Giovanni, dove mio padre è morto l'anno scorso. Fino all'ultimo con lui è stata efficiente e gentile. So che sembra uno spot pro-Romania, ma è tutto vero. Sono una mamma italiana di 32 anni e ci tenevo a ringraziare pubblicamente queste persone, nella speranza anche di contribuire a rivalutare un popolo intero, spesso mal visto a causa di singole gramigne, che purtroppo crescono dappertutto.
Maria Luisa Cantatore, ml.cantatore@libero.it

Fonte: Corriere della Sera.

A Bra per il Concerto di Capodanno l'Orchestra Sinfonica di Brasov


Teatro : Dal 27 dicembre disponibili i biglietti a Bra per il Concerto di Capodanno
Inviato da Vanna Ariolfo il 19/12/2008

A partire da sabato 27 dicembre 2008 dalle 17 alle 19, e per tutte le sere seguenti, al botteghino del Teatro Politeama di Bra saranno in vendita i biglietti per il Concerto di Capodanno del 30 dicembre. Torna lo spettacolo di fine anno che quest’anno vedrà esibirsi l'Orchestra Sinfonica di Brasov. I biglietti saranno in vendita al costo di sedici euro per gli interi e dodici euro per i ridotti (oltre i 65 anni e sotto i 26 anni).

L’orchestra sinfonica di Brasov fu fondata nel 1952. La città rumena ha una forte tradizione culturale, con una università che risale al 1220. Dopo meno di dieci anni dalla fondazione, la sua orchestra è diventata una delle migliori formazioni della Romania e soprattutto si è stabilizzata successivamente come teatro d’opera. Questa crescita è stata merito soprattutto del primo direttore artistico e direttore principale dell’Orchestra, il maestro Antonin Costantinescu che, allievo di Daniel Gotiz e Peter Husain, ha iniziato la sua carriera a Parigi, tornando poi nel suo paese lavorando a Costanza e Iasi. I suoi allievi, Emil Simon, direttore stabile dell’Orchestra dal 1960 al 2000 e direttore artistico dal 1998 al 2000, e Ovidiu Dan Chirila, direttore generale della Filarmonica dal 2000 al 2005, hanno contribuito al lavoro di perfezionamento nell’interpretazione di un repertorio sempre più vasto, in particolare nell’ambito della musica romantica e del XX° secolo. Un altro nome prestigioso legato alla storia dell’orchestra è stato quello Cristian Mandeal, direttore negli anni ’80, un periodo felice per la formazione dell’orchestra di Brasov presso le principali sedi musicali rumene. La fama dell’orchestra è chiaramente legata anche a direttori e musicisti solisti che hanno collaborato con essa, sia a Brasov sia in tournee europee: sir Johm Pritchard, Anatole Fistoulari, George Georgescu, Kiril Kondrashin, Andrè Jolivet, Kurt Masur, Carlom Zecchi, Witold Lutoslawsky, Valeri Gergiev, Michi Inoue, Maurice Handford, Stanislw Wyslocky, Leopold Hager, Stefan Anton Reck, Alexandr Dimitriev, ed i solisti: Aldo Ciccolini, Josè Carreras, Montserrat Caballè, Patrik Gallosis, Angela Gheorghiu, Bruno Leonardo e tanti altri ancora. L’orchestra rumena ha partecipato a numerosi festival d’opera: l’”Enescu” International Festival di Bucarest, Lucerna, Torino, Varsavia, Instanbul, Strasburgo, Bratislava, Berlino, Interlaken, Santander. Le ultime collaborazioni in Italia sono state con Katia Ricciarelli, Renato Bruson, Luciana Serra, Alessandro Liberatore, Nicola Martinucci, Maria Dragoni, Bruno Canino e tanti altri artisti del mondo della musica classica internazionale.
Dopo il concerto, gli spettatori saluteranno il nuovo anno scambiandosi gli auguri nel foyer del teatro: il tradizionale brindisi sarà offerto dal Centro commerciale Big Store di Bra e dalle Cantine Fontana Fredda di Serralunga d’Alba. Per maggiori informazioni sui biglietti è possibile telefonare al numero 0172.430185. (va)

Fonte: Bra Notizie.

Cea mai lungă scrisoare din lume trimisă lui Moş Crăciun s-a scris la Braşov


2110 elevi braşoveni i-au scris lui Moş Crăciun o cea mai lungă scrisoare cu o lungime de 413,80 metri (99,13 metri patrăti). Astfel, a fost stabilit un nou record mondial, omologat în oraşul de sub Tâmpa de reprezentanţii World Records Academy.

Certificatul de omologare a recordului a fost înmânat reprezentanţilor Poştei Române în cadrul unei ceremonii organizate la Şcoala Generală nr. 25 din Braşov, în prezenţa a peste 400 dintre copii ce s-au implicat în stabilirea acestui record.

Scrisoarea va fi expediată de către Poşta Română pe adresa lui Moş Crăciun din oraşul finlandez Rovaniemi, urmând să ajungă la acesta la începutul săptămânii viitoare. Elevii braşoveni care au contribuit la scrierea epistolei record au participat la o tombolă, în urma căreia doi dintre ei vor pleca, în perioada 27 - 30 decembrie 2008, la Rovaniemi, în Finlanda, pentru a-l vizita pe Moş Crăciun chiar la el acasă.

Evenimentul, organizat de Poşta Română, prin intermediul Direcţiei Regionale de Poşta Braşov şi cu sprijinul Inspectoratului Şcolar Judeţean Braşov, s-a derulat în perioada 8-18 decembrie 2008. Pe o rolă de hârtie care a circulat pe la şcolile din Braşov, participanţii şi-au aşternut mesajele către Moş Crăciun, cel mai influent personaj din lumea celor mici. Moşul a fost rugat să intervină pe lângă oamenii mari pentru salvarea pădurilor, fără de care copilaria este şi ea în pericol.

Sursa: Realitatea.net

Catania, occhio a Dica

Salgono le quotazioni di Nicolae Dica in vista della sfida casalinga con la Roma.

Il trequartista romeno, non convocato per oltre un mese e rivistosi in campo nel finale della partita di Firenze, è stato tra i migliori (doppietta di testa e due assist) nella partitella con la Primavera disputata a Massannunziata e terminata 8-0 (in gol pure Mascara 2, Martinez 2, Morimoto e Antenucci).

Zenga ha mischiato le carte schierando inizialmente Kosicky in porta, Sardo, Silvestre, Stovini e Alvarez in difesa, Izco, Baiocco e Biagianti a centrocampo, Martinez, Mascara e Dica in avanti.

Nella ripresa spazio al 3-4-3 con Bizzarri tra i pali, Silvestri, Terlizzi e Sabato in difesa, Antenucci, Ledesma, Carboni e Dica in mediana, Morimoto, Plasmati e Paolucci in attacco.

Lavoro a parte per Giacomo Tedesco e Llama.

Fonte: La Sicilia.

Studiu: Mâncărurile româneşti, cele mai periculoase pentru siluetă


Trei din cinci români susţin că propriile mâncăruri tradiţionale sunt cele mai "periculoase" pentru siluetă, relevă un studiu GfK referitor la atitudinile europenilor şi americanilor cu privire la diete, mâncăruri tradiţionale şi gătit. Românii consideră că mâncărurile care îngraşă cel mai mult sunt chiar cele româneşti. Mâncărurile ungureşti şi cele americane sunt şi ele menţionate printre mâncărurile grase, dar de mai puţin de 10% dintre români.
În comparaţie cu alte ţări studiate în cadrul aceluiaşi proiect, România este pe locul 5 în topul ţărilor cu cele mai grase mâncăruri, fiind surclasată de Ungaria, Cehia, Grecia şi SUA.
Patru din cinci români au declarat că de cele mai multe ori beau apă la masa de prânz. Ocazional ea este înlocuită de bere, vin sau sucuri, naturale ori carbogazoase. Unul din cinci bărbaţi consumă frecvent bere la masa de prânz sau vin, în special din mediul rural. Femeile preferă mai degrabă sucurile şi cafeaua. Alte băuturi prezente pe masa românilor la prânz sunt laptele şi ceaiul, fiecare fiind printre preferinţele a aproximativ 10% dintre români. 11% dintre bărbaţi consumă frecvent băuturi alcoolice tari la masa de prânz.
În privinţa consumului de sucuri naturale şi carbogazoase, România este aproximativ la acelaşi nivel de preferinţă cu ţările din centrul şi estul Europei şi puţin peste nivelul celor din vestul Europei. Doar ruşii şi cehii ne depăşesc în privinţa consumului de cafea la masa de prânz. În ceea ce priveşte preferinţa pentru bere suntem pe locul 4, fiind surclasaţi de cehi, suedezi şi austrieci. La aceste produse, România se situează peste media Europei vestice sau centrale şi de est.
Cercetarea mai relevă că în gospodăriile româneşti se găteşte în cinci zile ale săptămânii, medie scăzută în comparaţie cu celelalte ţări participante la studiu. Numai în 43% dintre gospodării se găteşte în fiecare zi, iar în 35% o dată la două zile.În mediul urban gătitul la două zile este preferat în mai multe gospodării decât în mediul rural, 39% faţă de 27%.

Sursa: Agerpres

Românii sunt codaşii Europei la igienă


Vineri, 19 Decembrie 2008

Românii se află pe ultimul loc în Europa în privinţa consumului de săpun, detergent şi pastă de dinţi, potrivit datelor prezentate, joi, de Institutul de Sănătate Publică Bucureşti (ISPB), cu ocazia lansării Campaniei Naţionale de Promovare a Normelor de Igienă Personală şi a Mediului Înconjurător.

Un român consumă, anual, patru bucaţi de săpun, două paste de dinţi şi puţin peste patru kilograme de detergent. "Pe de altă parte, în sistemul sanitar nu prea se fac raportări ale bolilor generate de nespălare, iar medicii dermatologi sunt îngrijoraţi de cazurile cu care se confruntă în spitale şi au cerut demararea unei campanii de educaţie prin media", susţin reprezentanţii ISPB.

Campania Naţională de Promovare a Normelor de Igienă Personală şi a Mediului Înconjurător, care se va desfăşura până pe 27 decembrie, se adresează tuturor categoriilor de persoane, dar în special elevilor şi studenţilor. În cadrul campaniei, Institutul de Sănătate Publică Bucureşti a lansat un film care explică importanţa respectării unor reguli cât se poate de simple pentru a evita îmbolnăvirea.

Sursa: NewsIn

La stampa rumena insorge: l’intera Europa è corrotta, non solo la Romania.

December 19, 2008 -

Sul quotidiano rumeno Gândul appare oggi uno scritto in cui si esprime rincrescimento per il fatto che la Romania sia considerata in tutt’Europa come una nazione “povera e corrotta”.
“E’ vero – si legge nell’articolo – noi rumeni siamo poveri e corrotti ma si dovrebbe darci atto che stiamo facendo meglio dei bulgari sia da un punto di vista economico sia per quanto riguarda la lotta alla corruzione. Stiamo combattendo la corruzione nonostante le personalità che vi sono implicate non vengano mai condannate e nonostante la nostra giustizia non sia libera di agire.”
“Sono stati redatti rapporti da fonti indipendenti i quali mostrano che l’afflusso di fondi dall’Europa ha accresciuto ancora di più la corruzione, ma la Romania ha difficoltà ad amministrare i fondi europei soprattutto perché manca di esperienza e non ha quadri competenti.”
“La Romania non è però l’unico paese corrotto in Europa. Anche grandi nazioni come la Francia, la Gran Bretagna oppure la Spagna si trovano nella situazione di dover rimborsare milioni di euro perché hanno gestito male i fondi europei. I greci hanno ricevuto somme ingenti che avevano chiesto “per immense piantagioni di uliveti”, piantagioni che in realtà non esistono. Gli italiani hanno ricevuto fondi europei perché si sono allegramente inventati decine di fandonie. Il governo inglese non è riuscito, nel 2005 e nel 2007, a versare fondi agli agricoltori. Però nessuno ha mai accusato questi paesi di corruzione. Ci si chiede perché questa fama di paese corrotto sia applicata quasi esclusivamente alla Romania e soprattutto ci si chiede perché nessun politico europeo è interessato a toglierci di dosso questo marchio infame.”

Fonte: Ticino Libero

Romania/ Leader opposizione eletto a presidenza Senato

Era previsto dal patto della coalizione destra-sinistrapostato

Roma, 19 dic. (Apcom-Nuova Europa) - Il leader della sinistra romena, Mircea Geoana (Psd), è stato eletto presidente del Senato con 96 voti favorevoli, concludendo il cerchio delle spartizioni di poltrone stabilito dall'accordo di alleanza della grande coalizione tra Socialdemocratici e Democraticiliberali (Pdl). La notizia è stata pubblicata dall'agenzia Mediafax.
Geoana era l'unico candidato al posto di presidente del Senato. Per la Camera il Pdl ha presentato la candidatura di Roberta Anastase. Oggi il Parlamento romeno ha votato per approvare i risultati elettorali e per nominare i presidenti dei due rami parlamentari. Lunedì è previsto il voto di fiducia sulla squadra di governo presentata ieri dal premier designato Emil Boc. Rimane in bilico soltanto il nome del ministro della Giustizia che Psd e Pdl vogliono affidare a un personaggio autorevole e indipendente.

Fonte: Virgilio Notizie.

Guvernul Emil Boc e complet


Guvernul Emil Boc e complet: Vasile Blaga, Elena Udrea, Theodor Paleologu, Adriean Videanu (PDL); Gabriel Oprea, Cristian Diaconescu si Ionut Bazac (PSD) fac parte din Executiv
de Departamentul Politic HotNews.ro
Joi, 18 decembrie 2008, Actualitate Politic
Nominalizatii pentru posturile ministeriale in guvernul condus de Emil Boc
Foto: Agerpres

Conducerile PDL si PSD au desemnat joi nominalizatii pentru posturile ministeriale in guvernul condus de Emil Boc. Printre numele propuse de cele doua partide se numara fosti ministri:
Dan Nica
Ilie Sarbu
Marian Sarbu
Vasile Blaga
Radu Berceanu, dar si new-entries precum
Elena Udrea (la Turism)
Monica Iacob Ridzi
Theodor Paleologu (Cultura)
Mihai Stanisoara (MApN). La ministerul Justitiei ar putea fi propus Mihai Selegean, fostul director al Institutului National al Magistraturii.

Propunerile PD-L:

* Ministerul Finantelor Publice - Gheorghe Pogea
* Ministerul Transporturilor si Infrastructurii - Radu Berceanu
* Ministerul Economiei - Adriean Videanu
* Ministerul Apararii Nationale - Mihai Stanisoara
* Ministerul Dezvoltarii Regionale si Locuintei - Vasile Blaga
* Ministerul Comunicatiilor si Societatii Informationale - Gabriel Sandu
* Ministerul Culturii si Cultelor - Theodor Paleologu
* Ministerul Tineretului si Sportului - Monica Iacob Ridzi
* Ministerul Turismului - Elena Udrea

Propunerile PSD:

* Dan Nica este vicepremier
* Ministerul Muncii, Familiei si Protectiei Sociale - Marian Sarbu
* Ministerul Educatiei si Cercetarii - Ecaterina Andronescu
* Ministerul Sanatatii - Ionut Bazac
* Ministerul Agriculturii si Dezvoltarii Rurale - Ilie Sarbu
* Ministerul Administratiei si Internelor - Gabriel Oprea
* Ministerul Afacerilor Externe - Cristian Diaconescu
* Ministerul Mediului - Nicolae Nemirschi
* Ministerul pentru IMM-uri, Comert si Afaceri - Constantin Nita
* Ministrul pentru Relatia cu Parlamentul - Victor Ponta

Sursa: HotNews.ro.