La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 28 febbraio 2009

Mărţişorul, simbol al frumuseţii şi al norocului


Ca multe alte tradiţii, sărbătoarea mărţişorului şi-a pierdut simbolistica străveche, transformându-se într-un eveniment comercial. Trotuarele sunt împânzite cu tonete, care oferă de la mărţişoare confecţionate de artişti artizani, până la broşe Made in China sau bijuterii din argint. Pentru cei cu mai multă dare de mână, magazinele oferă mărţişoare din aur sau argint.

De unde vine însă această tradiţie şi ce semnifică ea pentru români?

Sărbătoarea mărţişorului este una dintre ce mai vechi datini păstrate la români, se pare, din cele mai vechi timpuri şi se celebrează începând cu data de 1 Martie.

Foarte mulţi etnologi sunt de părere că acest obicei se păstrează de la romani, cu atât mai mult cu cât luna martie este dedicată planetei şi zeului Marte. Înainte de a deveni întruchiparea războiului, Marte era o divinitatea a a vegetaţiei şi protector al căsătoriilor.

În calendarul romanilor 1 Martie coincidea cu începutul Anului Nou. Tot la această dată era celebrată şi Matronalia, sărbătoare a femeilor, când bărbaţii le făceau cadouri soţiilor.

La români, 1 Martie este ziua Babei Dochia, divinitate agrară şi maternă la vârsta senectuţii, care moare şi renaşte simbolic la 9 martie.

Cum se confecţiona mărţişorul în trecut?

Mărţişorul se numeşte cadoul făcut de 1 martie. După modul de confecţionare, măţişorul ţine de tradiţia Dochiei. În toate zonele ţării era tradiţie ca părinţii să lege copiilor câte o monedă de aur sau de argint la gât sau la mână. Această monedă era atârnată de regulă "de o cordea roşie ori de un găitan compus din două fire răsucite de mătasă roşie şi alb, sau dintr-un fir de arnici roşu şi unul din bumbac alb sau şi din multe fire de argint şi aur" (Simion Florea-Marian).

În Banat exista obiceiul ca nu numai copiii să poarte mărţişorul, ci şi fetele şi tinerele căsătorite. Acesta se agăţa de gât sau de mână în dimineţa zilei de 1 martie, înainte de răsăritul soarelui, pentru a-i ajuta pe copii să fie norocoşi şi sănătoşi. Femeile tinere îl purtau pentru a nu fi arse de soare, pentru a li se păstra tenul alb şi pe timpul verii.

Cât se păstra mărţişorul?

În funcţie de zona etnografică, mărţişorul era scos după 9 sau 12 zile sau la o altă sărbătoare a primăverii (Măcinici-9 martie, Armindeni-1 mai, Florii).

La înflorirea unor pomi - păducel sau vişin, mărţisorul se lăsa de către copii pe ramurile pomului ca să fie sănătoşişi frumoşi ca florile acestuia. Dacă pomului îi mergea bine, îi mergea bine şi copilului în viaţă.

La venirea berzelor, mărţişorul se aruncă după ele, zicând "Nă-i negreţele/Dă-mi albeţele".

Tinerele căsătorite purtau mărţişorul până la sfârşitul lui martie. Acesta era scos, ferit de lumina soarelui, modeda era pusă în vin, pe pâine albă şi caş, iar funia pe trandafiri, ca faţa să le fie albă şi îmbujorată. Pentru ca dorinţele să le fie îndeplinite, mărţişorul trebuia purtat cu demnitate. [...]

Magda Gheorghiţă

Sursa: Realitatea.net

Milano: corso di formazione-aggiornamento sulla salute della popolazione

Formazione: Milano: corso di formazione-aggiornamento sulla salute della popolazione immigrata

Fondazione Ismu – Iniziative e studi sulla multietnicità Milano, da marzo a dicembre 2009 Istituto San Vincenzo, sala conferenze “Peppino Vismara”Via Copernico, 1Anche per il 2009 è stato promosso dalla Fondazione Ismu il corso di formazione-aggiornamento sulla salute della popolazione immigrata rivolto a operatori socio-sanitari, che si terrà presso l’ Istituto San Vincenzo di Milano.
Le lezioni si terranno nei giorni di: 24 marzo, 21 aprile, 12 maggio, 9 giugno, 8 settembre, 13 ottobre, 10 novembre, 1 dicembre. Per conoscere gli argomenti del corso e la metodologia, leggi il programma preliminare. Per informazioni: www.ismu.org/salute

Fonte: Programa Integra

Medicamente compensate, de la 1 martie, pentru pensionarii cu un venit mai mic e 600 de lei


Veste bună pentru pensionari. Aceştia vor putea cumpăra, de la 1 matie, medicamente compensate în proporţie de 90%, dacă au un venit mai mic de 600 de lei. Hotărârea a fost luată în cadrul unei hotărâri de guvern, anunţă Evenimentul Zilei

Aceste compensări vor fi susţinute în proporţie de 50% din fondul de asigurări sociale, în timp ce 40% vor proveni din taxa de viciu.

Însă, medicamentele vor fi acordate pensionarilor în limita unui plafon lunar de 100 de lei pe persoană. Ministrul sănătăţii a anunţat, încă din ianuarie, acest programul social de compensare a medicamentelor.

La acea vreme, ministrul Bazac a precizat că pacienţii vor putea alege dintr-o gamă largă de medicamente, însă cei care vor prefera produse foarte scumpe vor plăti diferenţa din buzunar.

Sursa: Antena3.ro

Campania/ Violenza sessuale su bambino romeno: fermato un 28enne

Campania/ Violenza sessuale su bambino romeno: fermato un 28enne
Ha approfittato dell'assenza dei genitori, davanti alla sorellina

Milano, 28 feb. (Apcom) - I carabinieri della stazione di Cicciano, in provincia di Napoli, hanno eseguito un fermo nei confronti di Aniello Gradito, 28 anni di San Gennaro Vesuviano: il giovane è accusato di aver compiuto atti sessuali violenti nei confronti di un bambino rumeno di otto anni, in presenza della sorellina di poco più grande a cui il piccolo era stato affidato.
L'episodio è avvenuto in un contesto di degrado, approfittando del fatto che i genitori del bambino, che sono venditori ambulanti, lasciavano per l'intera giornata i figli nel cortile condominiale, affidati ai vicini: uno era proprio Gradito.
Le indagini, condotte dai carabinieri della stazione di Cicciano sotto il coordinamento della procura presso il Tribunale di Nola, hanno permesso di raccogliere, con l'aiuto di psicologi, le dichiarazioni del bambino e dei testimoni presenti al fatto, anch'essi di età infantile, oltre che altre prove in corso di sviluppo.
Le indagini in corso consentiranno di verificare se, come da alcuni spunti sembra verosimile, la violenza sia stata solo l'ultimo episodio di un comportamento in atto da tempo che, noto a più persone, non è mai stato denunciato e non ha ha indotto i familiari dei bambini a prendere precauzioni.
Il fermato è stato condotto al carcere di Poggioreale.

Fonte: Virgilio Notizie.

Un hacker român a fost angajat de Procuratura italiană


DECIZIE Italia păstrează românii valoroşi, fie ei şi infractori
Un hacker român a fost angajat de Procuratura italiană
26 FEBRUARIE 2009
El a fost extrădat în Italia şi condamnat la trei ani de închisoare pentru fraudă pe internet

Italia şi-ar dori să trimită înapoi României violatorii, hoţii, ucigaşii. Alţi infractori însă, îi pot fi folositori, drept pentru care chiar sunt rugaţi să rămână în Peninsulă. Un asemenea caz este cel al lui Gabriel Bogdan Ionescu, românul de 22 de ani care a câştigat Balcaniada de matematică şi informatică şi a intrat cu nota maximă la Institutul de Politehnică din Milano, relatează, în ediţia de ieri, Corriere della Sera. După ce anul trecut, el a fost extrădat în Italia pentru fraudă pe internet (şi condamnat la trei ani de închisoare), acum, autorităţile italiene încearcă să îl convingă să treacă de cealaltă parte a baricadei. Mai precis, să devină din hacker talentat un fel de „poliţist online” în slujba comunităţii italiene, care să ajute la prinderea altor hackeri.

Procuratura italiană promite că, dacă acceptă, îl va scoate din închisoarea Bassone din Como (Lombardia), unde îşi ispăşeşte pedeapsa. Postul ar fi deja pregătit pentru Gabriel Bogdan Ionescu, în cadrul departamentului pentru capital, care se ocupă de interceptarea infractorilor informatici, a indicat pentru Corriere della Sera avocatul tânărului, Pierpaolo Livio. „Băiatul a accepta oferta cu entuziasm. Atribuţiile sale vor fi, mai exact, dezvoltarea, în colaborare cu poliţia italiană, a unor sisteme informatice care să prevină fraudele ce se referă la clonarea cărţilor de credit şi mai ales în materie de pedofilie – să depisteze şi să identifice pe cei care gestionează site-uri cu pornografie infantilă”, a mai declarat Pierpaolo Livio.

Ultimul cuvânt în privinţa eliberării românului, pentru transferarea sa „în slujba societăţii”, îl va avea tribunalul, ce trebuie să se pronunţe asupra cazului pe 5 mai. Cel mai probabil, Gabriel Bogdan Ionescu va trebui să mai stea un timp în detenţie la domiciliu, respectiv la locul de muncă după ce iese din închisoare.

Fraudă de 200.000 de euro

Gabriel Bogdan Ionescu a fost arestat anul trecut, la Craiova, împreună cu mai mulţi membri ai unei bande de infractori specializaţi în phishing. Ei au reuşit să expedieze zeci de mii de emailuri mai multor titulari de conturi curente la Poşta italiană şi i-au păcălit pe aceştia să îşi introducă datele personale pe un site creat special – în fapt, o clonă a site-ului Poştei italiene. Hackerii treceau aceste date pe cărţi de credit preplătite, prin intermediul unei persoane care avea un cont curent deschis la Poşta italiană şi primise un astfel de card. Ei au reuşit să surmonteze şi limita impusă de poşta italiană – ca suma maximă retrasă într-o zi, dintr-un cont, să fie de doar 500 de euro. Problema a fost „rezolvată” prin transferarea banilor prin conturile unor cazinouri, rezultând o fraudă totală de 200.000 de euro. După ce a fost prins la Craiova, geniul în informatică a fost condamnat la trei ani de închisoare în Italia, iar autorităţile române au fost nevoite să îl extrădeze. De anul trecut, autorităţile române au tot depus eforturi pentru a-l elibera din închisoare, după ce şi-au dat seama că au renunţat prea uşor la „pepita de care dispuneau” doar pentru a le face pe plac italienilor, comenta, la vremea respectivă, Il Giornale. Consulul general al României în Italia se declară acum extrem de satisfăcut de iniţiativa italienilor. „Va fi o victorie pentru toată lumea”, spune el, potrivit Corriere della Sera.

Sursa: Gandul.


Gabriel, l'hacker romeno dal carcere all'intelligence
di Luca Salvioli

25 febbraio 2009

Il suo prossimo datore di lavoro non ha paura a definirlo «un genio». Il professore che gli ha appena dato trenta e lode in «Elementi di informatica» dice che «è tra i migliori dieci studenti» che abbia mai avuto. I complimenti per Gabriel Bogdan Ionescu, giovane romeno di 22 anni, oggi si sprecano. Eppure dal 25 gennaio dell'anno scorso vive tra le mura del carcere Bassone di Como. Proprio perchè è un genio, ma il software con cui diversi mesi fa è riuscito a prosciugare i risparmi di diversi correntisti delle Poste Italiane gli è costata una condanna di tre anni e un mese per associazione a delinquere con l'aggravante della transnazionalità del reato.

Gabriel quattro mesi fa si è iscritto alla facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano. E' arrivato primo. Pochi giorni fa i primi esami, nella sede di Como. «Elementi di informatica»: trenta e lode. «Analisi matematica»: trenta. «E' andata peggio - scherza l'avvocato del giovane, Pierpaolo Livio - non ha preso la lode perchè ha risolto un algoritmo a mente saltando tutti i passaggi intermedi». «Ha svolto l'esame con grande brillantezza - sottolinea Pierluigi Della Vigna, il docente di Informatica del Politecnico di Milano che gli ha dato la lode -. Risponde con grande tranquillità. Si ferma, pensa e scrive. E' certamente nell'1% dei migliori studenti che ho avuto. Forse nell'1 per mille». E pensare che «è arrivato in Italia per caso, come conseguenza delle sue qualità, che non sempre ha utilizzato in maniera lecita».

Come nelle migliori storie il lieto fine sembra vicino. Dopo i brillanti risultati all'università e il passaparola delle Forze dell'Ordine hanno iniziato a farsi avanti le aziende. «Continuano ad arrivarmi richieste» continua l'avvocato. Su tutte ha però avuto la precedenza Waylog Intelligence. «Lavoriamo a stretto contatto con le Forze dell'Ordine perchè la nostra attività è realizzare soluzioni hardware e software che contrastino i crimini informatici - spiega Luca Ganzetti, direttore di Waylog - ci è arrivata voce di questo ragazzo. E' un autentico genio, non vogliamo farcelo sfuggire». Il ragazzo sarà impegnato su due fronti: da un lato aiuterà l'azienda a contrastare la pedopornografia online, dall'altro combatterà contro il phising online e la clonazione di carte di credito.

Gli hacker nell'Europa dell'Est sono una figura piuttosto diffusa. «Sono i primi della classe in questo tipo di crimini», aggiunge Ganzetti. Bulgaria, Romania e i paesi dell'ex Unione Sovietica combinano infatti una scolarità piuttosto intensa con pochi sbocchi professionali. I ragazzi studiano, si laureano e per far soldi trovano una scorciatoia nella criminalità informatica. Non solo. In questi Paesi c'è una carenza di norme in materia. Quando vanno a toccare le leggi di altri Paesi, come nel caso di Gabriel e della truffa a Poste Italiane, viene chiesta l'estradizione. Che però non sempre è facile da ottenere.

Il ragazzo nel suo Paese sta diventando una sorta di eroe nazionale. Solo che è in carcere. Deve scontare ancora due anni di pena. Deciderà il magistrato di sorveglianza, il prossimo 5 maggio, se farlo uscire concedendogli l'affidamento in prova. I padri comaschi hanno già offerto la loro accoglienza. E i tecnici di Waylog non vedono l'ora di celebrare il lieto fine della storia del giovane hacker che finì per combatterli.

Fonte: Il Sole 24 Ore.

Focus: «Cara Italia», i romeni non sono criminali

La Diocesi ortodossa romena d'Italia scrive alle curie cattoliche e alle amministrazioni del nostro Paese. «La furia nulla risolve, ma il rispetto reciproco, la fiducia e l’applicazione corretta delle leggi» da Agenzia Sir

«Cara Italia». Inizia così una lettera scritta da un anonimo romeno al nostro Paese che nelle prossime domeniche verrà letta nelle parrocchie in cui celebrano la divina liturgia gli ortodossi romeni. La lettera è rilanciata dalla Diocesi ortodossa romena d’Italia che la farà recapitare alle autorità centrali del Paese. «Cara Itala – si legge nel testo – ho sempre considerato che la mia nazionalità non costituisca un difetto, ma un motivo di orgoglio». «Sono rattristato però, perché da qualche tempo, per alcuni la cittadinanza romena è diventata un problema». «La mia storia è quella di una persona qualsiasi, che non uccide e non ruba. È la storia di un milione di romeni che vivono qui, nella tua casa, rispettando le tue regole ma che si sentono stigmatizzati e trasformati in capro espiatorio per la colpa e le illegalità di qualche nostro concittadino. Quelli che infrangono le leggi devono pagare». Ma, «le pene collettive non risolvono nulla. Al contrario, coltivano il clima dell’odio e dell’intolleranza». «Pensando a tutto ciò ed alla bella storia che noi potremo creare insieme – conclude –, ho la fiducia che i tuoi cittadini capiranno che i romeni non sono né più buoni né più cattivi degli italiani. Che la furia nulla risolve, ma il rispetto reciproco, la fiducia e l’applicazione corretta delle leggi possono invece fare tanto».
«Noi, romeni ortodossi, in questi momenti difficili che stiamo attraversando, anche se non ci riteniamo dei santi, testimoniamo pubblicamente di sentirci molto rattristati ed indignati costatando che il nostro nome di cristiani e di romeni è macchiato e calpestato per colpa di alcuni nostri connazionali e chiediamo a tutti coloro che ben conoscono la nostra fede, umanità e laboriosità di unirsi a noi per promuovere la vera immagine che ci caratterizza e ci rappresenta». Così si legge ancora nella lettera che, su iniziativa della Diocesi ortodossa romena d’Italia, per due o tre domeniche i romeni ortodossi sottoscriveranno. La lettera e le firme raccolte saranno poi consegnate alle istituzioni locali, ai comuni e alle prefetture nonché alle curie cattoliche. «In questi momenti – prosegue il testo – desideriamo esprimere anche la nostra solidarietà con i nostri fratelli e le sorelle romeni che in silenzio soffrono, sottomessi a diverse umiliazioni ed abusi da parte di quelli che curano o per chi lavorano in Italia. Preghiamo Dio di rafforzarli ed incoraggiarli, di aiutare loro per raggiungere la riva tranquilla del compimento materiale e spirituale, in pace e buona intesa». Nella lettera, i romeni esprimono «la speranza di ritrovare prossimamente l’armonia che ha sempre caratterizzato le relazioni tra i nostri popoli e di camminare insieme verso un futuro migliore per tutti noi».

27 febbraio 2009

Fonte: Roma Sette.

Non si stigmatizzino romeni

Sicurezza/ Com.economico-sociale Ue: Non si stigmatizzino romeni
Sepi: evitare ossessione media e strumentalizzazioni politiche

Bruxelles, 26 feb. (Apcom - Nuova Europa) - In Italia la percezione dei romeni da parte dei mass media e dell'opinione pubblica "è deteriorata" e occorre evitare "il rischio che alcuni atti criminali isolati da parte di pochi individui stigmatizzino l'intera comunità romena che vive e lavora in Italia". E' quanto si legge in un appello approvato oggi dai rappresentanti italiani e romeni del Comitato economico e sociale dell'Ue (Cese), un organo consultivo che riunisce sindacati, imprenditori e rappresentanti della società civile europea.
"Questo appello è un messaggio molto equilibrato e allo stesso tempo di pacificazione, che ha l'obiettivo di ridurre le tensioni che si sono sviluppate in Italia negli ultimi tempi, anche a causa dell'ossessione dei mass media e soprattutto delle strumentalizzazioni politiche", spiega il presidente del Cese Mario Sepi, direttore dell'Istituto sindacale per la cooperazione allo sviluppo (Iscos) della Cisl.
Nella dichiarazione, i rappresentanti italiani e romeni insistono sulla "supremazia dello Stato di diritto e della presunzione d'innocenza fino a dimostrazione della colpevolezza" e chiedono alle autorità di Roma e Bucarest di "superare questa situazione critica attraverso un'azione sincera e cooperativa nello spirito di un vero dialogo e comunicazione, nel pieno rispetto delle regole e delle pratiche europee". Inoltre invitano "tutte le parti interessate ad astenersi dall'esprimere qualsiasi dichiarazione o adottare qualsiasi azione che possa infiammare le tensioni tra le due comunità".
Il Cese sottolinea che "anche durante questa crisi economica", il rispetto delle regole Ue resta fondamentale. "Bisogna ridurre i conflitti etnici per permettere una via d'uscita da questa crisi senza ulteriori tensioni a livello sociale", afferma Sepe.

Fonte: Virgilio Notizie.

Leggi anche:

«Non condannateci a priori, non siamo tutti criminali»
Scritte contro romeni svastica su muro di Roma
Molotov contro negozio romeno
Ronchi: "Via entro l’anno i romeni detenuti"
Ronde con sponsor, Maroni: "Impediremo quelle fai da te"
Guidonia, "Io ho paura": la storia di un ragazzino. Romeno
"Su ronde e immigrati il governo sta sbagliando"
Maroni: “No alle ronde fai-da-te”. Pioggia di misure per la sicurezza nei comuni/
Sicurezza, a Padova parte la prima 'ronda'. E' formata da cittadini stranieri

Citeste si:

Din ce în ce mai mulţi români pleacă din Italia din cauza lipsei de siguranţă
Magazin românesc incendiat la Torino
Români participă la patrulele civile ale imigranţilor din Padova
Giambattista Giannoccaro: „Prejudecăţile italienilor vor dispărea în timp“

Italia. Doi români au sărit în ajutorul unei turiste germane, prădată de o italiancă


26 februarie 2009

În multitudinea de ştiri negative care ne parvin din Italia, referitoare la infracţiunile comise de românii din peninsulă, apar, ca o gură de aer proaspăt, din când în când şi ştiri pozitive care vorbesc despre fapte bune, uneori chiar eroice, ale conaţionalilor noştri.

O turistă germană a fost agresată şi tâlhărită la Trento, în nordul Italiei. Povestea implică şi doi români, dar, în ciuda a ceea ce ar putea crede cei mai mulţi, cei doi nu sunt autorii furtului, ci au ajutat-o pe femeie. Bărbaţii au reuşit să o imobilizeze pe italianca de 37 de ani care o tâlhărise pe turistă, relatează agenţia ANSA.

Turista germană a fost atacată de italiancă în timp ce aştepta autobuzul, iar scena a fost sesizată de doi români care i-au sărit în ajutor. Italianca a fost predată poliţiei.

Sursa: Antena3.ro

mercoledì 25 febbraio 2009

Alle Ciminiere il Consolato rumeno itinerante

Lunedì 23 Febbraio 2009

Catania ha ospitato alle Ciminiere la prima tappa del Consolato Rumeno Itinerante: un gruppo di funzionari, capeggiato dal Viceconsole Violeta Calcan, riceve cittadini rumeni. Il Consolato Itinerante è un progetto che le autorità diplomatiche rumene hanno ideato per portare i servizi consolari ai cittadini rumeni che si trovano lontano dalle sedi dei consolati. La scelta di Catania come prima tappa è dovuta alla presenza massiccia dei rumeni nella provincia etnea e nella Sicilia orientale, all'attività delle associazioni culturali e soprattutto ai buoni rapporti con le istituzioni provinciali e cittadine. L'evento è stato possibile grazie al fruttuoso lavoro del Consulente della Provincia regionale di Catania per i rapporti istituzionali con la comunità rumena, Vasile Mutu, sostenuto in primo luogo dal Assessore alle politiche sociali e migrazione, Pippo Pagano, molto attento ai problemi delle comunità straniere a Catania. Un gran numero di persone ha beneficiato dei servizi consolari, rinnovo atti di identità, trascrizione di certificati di bambini nati a Catania, nulla osta per matrimoni e molti altri atti che coprono una ampia gamma di servizi, risparmiando ai beneficiari tempo e mezzi per viaggi a Roma.Svoltasi in un padiglione del complesso Ciminiere, l'attività del Consolato Itinerante Rumeno segna un buon inizio del progetto che vedrà il ritorno dei funzionari del Consolato a Catania con una certa frequenza.

Fonte: Catania Oggi.

Muzeul Ţăranului din Bucureşti va găzdui Târgul Mărţişorului, între 25 februarie şi 1 martie


Muzeul Ţăranului din Bucureşti se pregăteşte de Târgul Mărţişorului. Acesta îşi va deschide porţile, în perioada 25 februarie - 1 martie, pentru binecunoscutul târg. Bucureşteni vor avea ocazia să aleagă dintr-o gamă largă de oferte, de la mărţişoarele clasice la cele moderne, confecţionate din materiale inedite.

În 2009, muzeul îşi propune o valorizare a mărţişorului, introducând în oferta sa categorii aparte: mărţişorul tradiţional, mărţişorul de magazin, mărţişorul croşetat, mărţişorul de artişti, mărţişorul "trebuie", mărţişorul tradiţiilor reinventate sau mărţişorul "1000 de mărţişoare într-unul singur".

Vizitatorii vor avea parte şi de ateliere de creaţie, cum ar fi cel de hârtie manuală susţinut de Răzvan Supuran sau atelierul susţinut de Genoveva Sauciuc. Aceasta le va spune vizitatorilor târgului povestea mărţişorului tradiţional şi îi va învăţa cum se fac mărţişoarele din fir alb şi roşu.

De la târg nu vor lipsi nici mărţişoarele "gastronomice": kurtos kalacs, turta dulce, prăjiturele de casă, miere sau alte delicatese.

Sursa: Antena3.ro

Assunzioni lavoro domestico: ecco i nuovi moduli

(23/02/09)

Con la circolare numero 20 del 17 febbraio 2009, l’Inps ha indicato le nuove modalità per l’assunzione, la variazione o la cessazione del rapporto di lavoro domestico. Dal 29 gennaio, infatti, le comunicazioni non devono più essere inoltrate al Centro per l'impiego ma alla sede Inps competente per la zona di lavoro.

A seguito dell’entrata in vigore della legge 2/2009 è cambiata la procedura per le comunicazioni riguardanti i rapporti di lavoro domestici. Tale adempimento, in precedenza, avveniva tramite comunicazione al Centro per l’impiego. Dal 29 gennaio 2009 la comunicazione deve essere invece inoltrata alla sede Inps competente per la zona di lavoro. La comunicazione può essere resa on line dall’apposita sezione del sito internet dell’Inps, tramite comunicazione al contact center dell'Istituto o con l’inoltro della nuova modulistica tramite raccomandata.

Le comunicazioni inviate all’Inps assumeranno efficacia anche nei confronti dell’Inail, dei servizi competenti per il Ministero del lavoro e della Prefettura.

La circolare ricorda infine che le comunicazioni relative all’assunzione devono avvenire entro le 24 ore precedenti all’instaurazione del rapporto di lavoro e quelle relative alla trasformazione, proroga e cessazione del rapporto entro cinque giorni dal verificarsi dell’evento.

Circolare Inps 17_02_2009 n. 20 Comunicazioni lavoro domestico
Modulo assunzione
Istruzioni assunzione
Modulo variazione
Istruzioni variazione rapporto di lavoro

Fonte: Programma Integra.

Rapporto sugli Indici di integrazione degli immigrati in Italia

(23/02/09)

Cnel – Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, Dossier statistico Immigrazione Caritas/Migrantes (a cura di)
"Indici di integrazione degli immigrati in Italia. Il potenziale di inserimento socio-occupazionale dei territori italiani. VI Rapporto"
febbraio, 2009

E’ stato presentato lo scorso giovedì dal Cnel il VI Rapporto sugli Indici di integrazione degli immigrati in Italia realizzato dall’equipe del Dossier statistico Immigrazione Caritas/Migrantes. A partire da indicatori sociali e occupazionali, il documento misura le potenzialità dei territori italiani di accogliere i cittadini stranieri.

Per la prima volta è l’Emilia Romagna la regione italiana a più alto potenziale di integrazione socio-occupazionale degli immigrati in Italia, scavalcando il Trentino Alto Adige (5°) e il Veneto (7°) ai primi posti nel 2003 e nel 2004.

Per quanto riguarda le province, il primato va a Trieste seguita da Reggio Emilia, Biella, Vicenza e Asti. Delle nove città dell’Emilia Romagna, sono tra i primi 15 posti della graduatoria, oltre a Reggio Emilia, Piacenza (7°), Parma (8°) Modena (12°) e Forlì- Cesena (14°), a conferma dell’elevata capacità della regione di attirare e trattenere sul proprio territorio i cittadini immigrati.

A livello di grandi aree, è il Nord-Ovest a collocarsi al vertice della graduatoria dell’integrazione, togliendo il primato detenuto con continuità dal Nord-Est negli anni precedenti. Giocano un ruolo importante in questo cambiamento il Piemonte e la Lombardia, collocate rispettivamente in terza e quarta posizione, a ridosso delle prime regioni di testa (Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia,) e prima di Trentino Alto Adige (5°) e Veneto (7°). Sono invece in fondo alla graduatoria la Campania (19°) e la Basilicata (20°).

Il 1° posto nella graduatoria comparativa, cioè la regione a maggior potenziale integrativo degli immigrati rispetto allo standard di vita della popolazione locale, è della Sardegna. Seguono Marche, Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta e Umbria, ovvero realtà medio-piccole che riescono a valorizzare relazioni umane e sociali. A conferma di questo, i ricercatori riferiscono che le grandi regioni del Centro-Nord che spesso hanno un potenziale “assoluto” di integrazione più elevato rispetto al resto d’Italia, occupano posizioni di media o bassa classifica: è il caso del Veneto (13°), dell’Emilia Romagna (14°), della Toscana (16°), della Lombardia (18°) e del Lazio (20°).

La provincia a massima integrazione nella graduatoria comparativa è Cagliari seguita da Belluno, Biella, Macerata, Catanzaro, Vicenza, Pistoia, Massa-Carrara, Arezzo e Cremona. Da notare che le più importanti città del Centro-Nord si situano agli ultimi posti: Bologna (98°), Firenze (100°), Genova (101°), Milano (102°) e Roma (103°). "Proprio in queste realtà urbane più estese, si legge nel rapporto, lo scarto tra le condizioni medie di vita degli italiani e quelle degli immigrati risulta più dilatato a svantaggio di questi ultimi, che faticano a inserirsi sul piano socio-occupazionale a livelli paritari". Sono invece a metà graduatoria alcune città del Sud quali Bari (44°) e Palermo (45°).

Indici di integrazione degli immigrati in Italia. VI Rapporto

Fonte: Programma Integra.

Mesajul ministrului Diaconescu, lăudabil, dar nu suficient

Lideri ai românilor din Italia: Mesajul ministrului Diaconescu, lăudabil, dar nu suficient

Roma, 24 feb - Liderii şi membri ai comunităţii de români din Italia contactaţi de Agerpres apreciază mesajul ferm transmis de ministrul de externe, Cristian Diaconescu, luni seara, la conferinţa comună de la Roma cu omologul său Franco Frattini, însă consideră că acesta nu este suficient pentru a schimba atitudinea actuală creată în Italia faţă de întreaga comunitate de români, pe fondul prezentării în ultima perioadă în presă a violurilor şi altor infracţiuni cu autori români.

'Din punct de vedere al României a fost un moment pozitiv, este pentru prima oară când avem o poziţie verticală şi nu de vasalitate a unui ministru de externe român aici, în Roma, într-o perioadă când românii sunt înfieraţi. Nu e nouă situaţia aceasta, a început de cel puţin cei doi ani, iar atunci au fost poziţii timide şi întârziate. Domnul Diaconescu a spus lucrurilor pe nume şi a luat apărarea comunităţii româneşti', a menţionat secretarul naţional al Partidului Identitatea Românească, Mihai Muntean.

El consideră că, la nivel de mesaj public, deja s-a schimbat ceva la câteva ore după conferinţa de presă de luni seara, fiind favorabile pentru români mesajul transmis de conferinţa episcopală italiană, care a îndemnat la moderaţie autorităţile şi italienii de rând, dar şi statisticile prezentate marţi de Ministerul de Interne de la Roma potrivit cărora 6 din 10 violuri au autori italieni, iar numai 7% sunt comise de români.

Reprezentantul PIR consideră că autorităţile române nu trebuie să se mulţumească numai cu această intervenţie a şefului diplomaţiei, ci să reacţioneze cu mesaje în sensul respectării drepturilor de cetăţeni europeni ale românilor de fiecare dată când aceştia sunt luaţi pe nedrept în colimatorul politicienilor şi ai presei italiene.

'Campaniile de imagine nu servesc când se pun tunurile politico-mediatice pe noi din motive electorale. Trebuie însă să se răspundă pe acelaşi ton ferm şi prompt şi în continuare şi de către alţi înalţi oficiali români, pentru a se respecta drepturile noastre de cetăţeni europeni', a opinat Mihai Muntean. El este de părere, de asemenea, că un rău cum a fost cel creat în ultimele săptămâni la nivelul conştiinţei publice italiene este greu de îndreptat pe viitor. 'Oamenii şi-au făcut o impresie, au rămas cu nişte convingeri în privinţa noastră', arată Muntean.

De asemenea, Ramona Bădescu, consilierul primarului Romei, Gianni Alemanno, a insistat asupra faptului că mesajul ministrului Diaconescu privind protejarea de către autorităţile italiene a românilor la fel ca în cazul altor cetăţeni europeni trebuie însoţit şi de o colaborare mai strânsă la nivelul poliţiilor dintre cele două ţări. 'I-am transmis primarului Alemanno o idee de-a mea, de a aduce aici nu numai poliţişti români, ci şi maşini de poliţie româneşti, care să fie vizibile pe străzi. Dânsul a notat-o, dar, sigur, trebuie văzută efectiv şi posibilitatea de a o pune în practică', a spus Bădescu. Ea a mai apreciat că autorităţile române trebuie să răspundă pozitiv şi solicitării părţii italiene de a-i trimite pe infractorii condamnaţi definitiv pentru a-şi ispăşi pedeapsa în penitenciarele româneşti.

'Trăim momente delicate din punct de vedere social, moral, ne e frică unii de alţii, prin intermediul ştirilor negative, al acestui masacru de ştiri obsesive, s-a creat această opinie, această frică, iar pe mai departe trebuie procedat cu mare delicateţe, cu o colaborare bună între state', consideră cunoscuta cântăreaţă şi actriţă româncă.

Depinde de fiecare român în parte, pe viitor, să avem linişte în întreaga comunitate, de mai multă autoresponsabilitate şi de o înţelegere corectă a libertăţii şi şansei oferite de pământul italian, a menţionat Ramona Bădescu, care a ţinut să se insiste mai mult în presa română şi italiană asupra cazurilor de români bine integraţi în societatea italiană şi să nu se inflameze şi mai mult situaţia. Ea a precizat că o publicaţie tabloidă din România a publicat o informaţie 'umflată', potrivit căreia ar fi primit 200 de mesaje de ameninţare cu moartea pe contul său de Facebook, însă aceste emailuri nu erau de ameninţare, ci de 'intimidare, jignitoare'. 'În această înflăcărare de suflete se aruncă cu cuvinte, şi e drept că mi-am creat şi inamiciţii cu luările mele de poziţie în favoarea românilor, dar nu au fost ameninţări cu moartea. Am primit mult mai multe mesaje de încurajare', a mai spus Bădescu.

De asemenea, Simona Farcaş, preşedintele Asociaţiei Italia-România Futuro Insieme (IRFI), a spus că sunt lăudabile intervenţiile celor doi miniştri de externe şi că ele împărtăşite şi de către majoritatea românilor din Italia, însă, în condiţiile în care nu a fost transmis un mesaj direct în direcţia presei pentru a opri campania din ultimele săptămâni, lucrurile nu se vor schimba prea mult, deja tinerii italieni fiind infectaţi cu convingerea rasistă că românii sunt o naţie de infractori.

'Atât timp cât românii vor comite infracţiuni, noi suntem convinşi că presa le va prezenta în continuare cu obstinaţie. Guvernul, MAE italian, trebuie să ia măsuri în privinţa presei, care face un joc politic coordonat cu interese electorale', spune Simona Farcaş.

Ea crede că atât timp cât guvernul român menţine neînţelegerea cu privire la transferul deţinuţilor români din Italia în penitenciarele româneşti şi nu ia în serios combaterea infracţionalităţii româneşti din Italia, fără să se 'spele pe mâini' de românii infractori de aici, presa italiană va continua campania, pentru că îi este cerută de politicieni. 'Sunt mişcări de şah foarte simple, noi ca lideri de asociaţii am devenit neputincioşi. Facem acţiuni de imagine la nivel local, dar nu vom schimba niciodată atitudinea presei', afirmă Simona Farcaş, care crede că românii din Italia sunt mai înclinaţi spre soluţii pe cont propriu pentru a-şi proteja familiile şi viitorul decât să aştepte acţiuni ale politicienilor.


Ministrul Cristian Diaconescu a cerut luni seara ca instituţiile italiene să îi protejeze în acelaşi mod, şi pe cetăţenii italieni, şi pe cei români. 'Nu voi accepta niciodată, nici în cea mai mică interpretare, faptul că un incident se poate răsfrânge împotriva unei întregi comunităţi. Este împotriva moralei şi împotriva oricărei valori', a evidenţiat Diaconescu.

Franco Frattini a afirmat şi el că nu este normal să se generalizeze: 'Nu se fac afirmaţii care să privească o ţară, un popor, se fac menţionări precise care să spună că cine a comis o infracţiune să meargă în ţara sa să facă pedeapsa, cine este arestat să fie judecat, cine trăieşte cinstit va fi, la fel cum a fost şi până acum şi cum va fi şi în continuare, primit şi tratat ca un amic, un cetăţean european, cineva care face bine'.

Ministrul Frattini a subliniat că este necesar din partea autorităţilor italiene un 'efort de comunicare' prin care să fie spus opiniei publice italiene faptul că nu numai România este o ţară prietenă, ci şi poporul român este prieten al Italiei. 'Evident că nimic nu poate să afecteze relaţia noastră, cu atât mai puţin criminalii care au comis infracţiuni. Este vorba despre persoane care au făcut crime oribile, pe care noi nu le putem accepta, iar aceasta nu trebuie să facă pe cineva să pună la îndoială loialitatea şi corectitudinea unui popor întreg, ale celor care trăiesc respectând legile şi principiile noastre morale', a afirmat şeful diplomaţiei italiene.

Miniştrii de externe Cristian Diaconescu şi Franco Frattini au susţinut, luni seara, o conferinţă de presă comună la Palatul Farnesina, din Roma, după ce au venit împreună, în aceeaşi aeronavă, de la Bruxelles, unde au participat la lucrările reuniunii (CAGRE).AGERPRES

Data: 2009-02-24 20:25
Corespondentul Agerpres, Marius Frăţilă
Sursa: Agerpres

Diaconescu vs. Italia‏


Partidul Românilor din Italia - Identitatea Românească
Sediul legal: ROMA- Via Appio Claudio 289 Tel/ Fax: (+39) 06 71546412
Sediul operativ: ROMA- Via delle Rupicole 103 Tel/ Fax: (+39) 06 2328 8342
www.identitatearomaneasca.it info@identitatearomaneasca.it
ROMA, 25 februarie 2009
Comunicat de presă

Partidul Identitatea Românească salută poziția Ministrului de Externe al României, domnul Cristian Diaconescu în legătură cu respectarea legilor şi legalității Comunităţii Europene, în privința libertăţii de mişcare a cetățenilor europeni. Apreciem totodată şi declarațiile referitoare la respectarea prezumțiilor de vinovăţie cât şi de nevinovăţie, în prezentarea delictelor şi infracțiunilor, dar şi a culpei individuale şi nu colective, aşa cum s-a încercat sa se inducă pe toate canalele mass-media şi politice italiene, în urma evenimentelor de cronică neagră.

Pentru prima oară în istoria recentă a emigraţiei româneşti, autorităţile României au o poziţie de partener egal de dialog în privinţa discuţiilor legate de comunitatea română din Italia şi nu de vasalitate. Pentru prima oară sunt apărate public la cel mai înalt nivel demnitatea şi imaginea cetățenilor români din Italia.

Ne bucurăm să observăm că suntem sprijiniți, ţinând cont ca poziția PIR, încă de acum doi ani de la începutul evenimentelor a fost şi este în perfectă consonanţă cu declarațiile de azi ale Ministrului de Externe Cristian Diaconescu, dincolo de orice orientare politică.

Partidul Identitatea Românească
Secretariatul Naţional

Diaconescu - Frattini: rezultatele intilnirii‏

A fost nevoie de interventia Ministrului de Externe Diaconescu pentru stoparea discriminarii romanilor din Italia

Niciodata in istoria noastra postdecembrista, romanii din Italia nu au avut mai multa nevoie ca acum de ajutor politic din Romania.

Xenofobia, rasismul si vanatoarea de romani pe strazile din Italia ajunsese la un nivel alarmant. De asemenea, crimele comise de romani in Italia erau la ordinea zilei.

Personal am cerut interventia Guvernului de la Bucuresti inca din luna ianuarie a acestui an intrucat am inteles pericolele spre care se indrepta comunitatea romaneasca din Italia.

Gravitatea situatiei in care se gaseau romanii din Italia a fost inteleasa si aparata si de catre Biserica Ortodoxa Romana din Italia care in data de 22 februarie 2009 a dat citire unui mesaj tuturor crediciosilor, in cele cca 100 de biserici romanesti din Italia, in care s-a cerut o moderare a tonurilor.

In acelasi mod, Biserica Catolica din Romania a scris Cardianlului Bagnasco cerandu-i ajutorul pentru rezolvarea situatiei romanilor din Italia.

In aceasta situatie de gravitate extrema pentru romanii din Peninsula numai interventia Guvernului de la Bucuresti putea sa rezolve si sa destinda situatia tensionata. Politica italiana, cea care comanda mass-media italiana, colaboreaza doar atunci cand are in fata interlocutori pe masura, asa cum pot fi Ministri, preoti, sau oameni politici.

Nu este justificabil si usor de iertat modul in care presa italiana a tratat romanii in ultima perioada, sunt doar 2700 romani in inchisorile italiene din un milion de romani care traiesc in Peninsula.

Poate ca Italia ar trebui sa se intrebe din ce motiv 40% din romanii care sunt cautati de catre politia romana pentru a fi arestati, au fugit in Italia. Inainte sa arunce vina asupra noastra, presa italiana ar trebui sa ceara Guvernului Italian ca legea italiana sa fie respectata in Italia si nu sa caute alti vinovati pentru problemele Italiei sau sa atraga atentia opiniei publice italiene asupra unor alte probleme de importanta secundara fata de criza economica prin care trece astazi Italia, de exemplu.

Ministrul roman de Externe, Cristian Diaconescu, vicepresedinte PSD, in conferinta de presa de la Roma de pe 23 februarie 2009, a raspuns promt ziaristilor si a stiut sa transmita un mesaj clar catre societatea italiana: suntem cetateni europeni si trebuie sa beneficiem de toate drepturile concese de UE. Ministrul a precizat exact dreptul de libera circulatie si de munca nu poate fi negat romanilor din Italia . De asemenea, la întrebarea ce parere are despre circulatia cetatenilor români cu cazier (aceasta în urma precizarii lui Frattini ca politia româneasca trebuie sa raporteze deplasarea acestora catre Italia si eventual retinerea la granita), Diaconescu a precizat ca românii nu pot fi expulzati pentru ca sunt cetateni ai Uniunii Europene si nu pot fi opriti la granite pentru ca au cazier. Romanii care au platit pentru faptele lor cu inchisoarea nu pot fi opriti din dreptul de a se deplasa oriunde ca un oricare alt cetatean comunitar.

Comunitatea romaneasca din Italia trebuie sa izoleze si sa denunte delincventii, dar si cazurile de xenofobie si rasism.

Trebuie sa fim atenti, intrucit exista in continuu riscul ca uraganul mediatic italian sa loveasca si in viitor comunitatea romaneasca.

Marian Mocanu
Presedinte PSD Italia
www.mocanu.it

Italiano investe e uccide un giovane rumeno

Roma 23 febbraio 2009

Un operaio romeno di 31 anni e' stato travolto e ucciso ieri, intorno alle 23, da un'auto condotta da un ventiquatrenne italiano sotto l'effetto di alcol e stupefacenti.
Il giovane, al volante di una Citroen C2, ha proseguito la sua corsa fino alla propria abitazione di Capena, e solo dopo si e' presentato dai carabinieri per raccontare l'accaduto. Secondo la ricostruzione dei militari la vittima, residente a Roma e impiegata a Capena, e' stata travolta mentre camminava lungo il margine della strada provinciale 51B che dalla Tiberina conduce al paese.
Dopo aver raccontato l'accaduto l'autonmobilista e' ritornato con i carabinieri sul luogo dell'incidente dove, tra la vegetazione a lato della strada, e' stato ritrovato il corpo del giovane romeno. Dai test effettuati e' risultato che il conducente della Citroen aveva assunto cocaina e cannabis, e guidava con tassi di alcool superiori di 1,5 volte al limite consentito. Ora e' accusato di omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza.

Fonte: Rai News 24.

Il cane italiano ha morso l'uomo rumeno
Pubblicato da Claudio Alberti alle 19:04 in Vita da blogger

TG1 di oggi, ora di pranzo: un italiano, positivo a cocaina, cannabis e alcol, ha investito e ucciso un operaio rumeno di 31 anni, proseguendo poi la sua corsa e arrivando fino a casa. E' avvenuto vicino Roma. La notizia dura una decina di secondi. Evidentemente, pur sapendo con precisione la sua età e professione, questo rumeno non ha un nome, né una famiglia, né un comune di residenza, né dei colleghi, né delle persone che lo conoscevano.

Se fosse successo il contrario, e fosse morto un italiano investito da un rumeno, ci sarebbe stato un servizio di 5 minuti, con intervista alla mamma, alla sorella, alla zia, alla nonna, alla bisnonna, alla ragazza, alla ex ragazza piangenti del povero ragazzo ucciso, avremmo visto le foto della comunione del ragazzo sdentato e sorridente, sarebbero stati intervistati i magici "residenti" della zona che avrebbero lamentato che non si campa più, che gira tanta droga, che quelli che guidano sono dei pazzi, che bisogna stare sempre attenti, che non si può più uscire di casa.

Durante il servizio, avremmo sentito una decina di volte la parola tragedia, dramma, disperazione. E tante, tante lacrime, per mettere più paura possibile a quelli che a casa ci cascano ancora.

Meno male che è morto un rumeno. Con loro, secondo il TG1, evidentemente, è tutto più facile...

Fonte: Roma 2011

Stupri, i dati del Viminale. "Il 60% opera di italiani"


Secondo i numeri forniti dal ministero dell'Interno
solo il 7% dei violentatori è romeno, il 6% marocchino
Stupri, i dati del Viminale
"Il 60% opera di italiani"

ROMA - Gli autori delle violenze sessuali sono italiani in più di sei casi su dieci. E' il dato reso noto dal Viminale durante un convegno dedicato alla violenza sulle donne, che si è tenuto oggi a Roma. Il ministero dell'Interno ha detto che gli autori di stupro sono di nazionalità italiana nel 60,9% casi. Solo il 7,8% dei violentatori, invece, è romeno, mentre il 6,3% è marocchino. Il ministero precisa poi che le vittime sono donne nella gran parte dei casi (85,3%) e che nel 68,9% dei casi sono di nazionalità italiana.

I numeri sono nazionali, ma ci sono anche dati relativi alle singole zone e città. "Vicino Roma il dato cambia", ha sottolineato il capo di gabinetto delle Pari opportunità, Simonetta Matone. Rimane la prevalenza degli italiani, ma nei dintorni della capitale la percentuale scende "al 48%", mentre quella dei romeni "sale al 28%".

Dalle informazioni a disposizione del Viminale si evidenzia anche che a Milano, ad esempio, le violenze sessuali sono diminuite nel triennio 2006-2008: si passa dai 526 episodi del 2006 ai 480 del 2008. Anche qui però prevalgono gli italiani tra gli autori del reato: nel 41% dei casi denunciati il responsabile è cittadino italiano, nell'11% romeno, nell'8% egiziano e nel 7% marocchino.

A Bologna il fenomeno ha fatto registrare un netto calo, passando da 179 episodi nel 2006 a 139 nel 2008. Con rifeimento alla nazionalità degli autori, risultano nel 47% dei casi italiani, nell11% dei casi marocchini e nel 10 % romeni.

Matone ha annunciato che il governo si appresta a lanciare il piano nazionale anti-stupri, con una serie di interventi nelle scuole e "corsi di formazione di base per tutti i corpi delle forze dell'ordine, polizia, carabinieri e guardie di finanza, destinati a trattare la violenza sessuale e quella in famiglia".

(24 febbraio 2009)

Fonte: La Repubblica

Citeste si:
Românii, întorşi în ţară de xenofobia patronilor italieni
O româncă acuză un carabinier de viol
Codul penal italian, prea blând cu infractorii
Alessandra Mussolini: “Bărbaţii români să nu mai fie primiţi în Italia”
Elena Udrea: Scandalurile din Italia în care sunt implicaţi români vor afecta turismul românesc
Holocaustul românilor", grafitti apărut pe o stradă din Roma, alături de o zvastică
Italienii şi-au moderat tonul la adresa românilor
Interviu cu responsabilul de "cronica neagra" la Corriere della Sera: Implicarea politicienilor a crescut interesul presei italiene fata de romani

Leggi anche:
Decreto di contrasto alla violenza sessuale
STUPRI: MANGANELLI RINGRAZIA CAPO POLIZIA ROMENA
Il paradosso italiano: se commetti un reato è più difficile l'espulsione
Pattuglie miste, se è un immigrato a portare l’uniforme
RONDE E DICHIARAZIONI DI MARONI. IL SINDACATO DI POLIZIA NUOVA NON CI STA E RIBATTE: ''AFFERMAZIONI SCANDALOSE'
VENTIMIGLIA: 3 ANNI DI CARCERE PER L'ITALIANO CHE VIOLENTO' LA RUMENA
Fini: "Da integrazione benefici per il Paese"
PACCHETTO SICUREZZA, INTERVIENE L' ILLUSTRE FILOSOFO GIULIANO PONTARA: TENDENZE NAZISTE IN MARCIA NEL MONDO
Decreto sicurezza, il gelo del Quirinale. Vaticano: deriva xenofoba
Bucarest accusa l'Italia: "Inaccettabile approccio contro comunità rumena"
Violenza sessuale su romena, condannato imprenditore
SICUREZZA: MONS. MIGLIO (CEI), NO ACCUSE INDISCRIMINATE A RUMENI
Rumeno aggredito e derubato
Avances sessuali e minacce a romena. Condannato imprenditore edile
Pubblicato il decreto legge con misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale
Inoltre Mauro ci segnala questo servizio:
CRIMINALI ROMENI O FARSA ITALIANA..‏

Studenţii români din Italia, scrisoare către Silvio Berlusconi, împotriva discriminării


24 februarie 2009

Studenţii români din Italia i-au adresat o scrisoare deschisă preşedintelui Consiliului Miniştrilor din Italia, Silvio Berlusconi. Aceştia îi solicită lui Berlusconi să ia atitudine faţă de actele de discriminare care au loc împotriva românilor. Reprezentanţii Ligii Studenţilor Români din Străinătate au făcut un apel şi pentru presa italiană, care este rugată să prezinte lucrurile aşa cum sunt.

În scrisoarea adresată lui Silvio Berlusconi, studenţii români îşi exprimă îngrijorarea faţă de actele de discriminare şi xenofobie, a căror ţintă sunt cetăţenii români din Italia.

"Noi, Liga Studenţilor Români din Străinătate, vă rugăm să luaţi în considerare apelul nostru şi să ne susţineţi luând atitudine în ceea ce priveşte discriminarea românilor" scriu studenţii.

Autorii scrisorii spun că prin demersul lor nu încearcă să justifice actele criminale, în care sunt implicaţi români. "Nu acceptăm ca imaginea tuturor românilor şi a ţării noastre să fie denigrată şi condamnată pentru faptele câtorva persoane" arată aceştia.

În scrisoare se mai menţionează faptul că cei mai mulţi dintre cetăţenii români care se află în Italia sunt persoane cinstite şi care muncesc în mod legal. Demersul studenţilor români vine după ce în ultimele zile presa italiană a prezentat foarte multe infracţiuni în care au fost implicaţi cetăţeni români.

Sursa: Antena 3

Formazione : Roma: corso "non sono razzista, ma..."

(24/02/09)

Fondazione Centro Astalli
Roma, dal 25 marzo al 10 giugno
Via del Collegio Romano, 1

Il Centro Astalli organizza un corso di formazione dal titolo "non sono razzista, ma..." rivolto a volontari e operatori impegnati nei servizi all’immigrazione. Obiettivo del percorso formativo riflettere sui più diffusi pregiudizi e luoghi comuni.

Programma degli incontri

Mercoledì 25 marzo, ore 18
I clandestini sono pericolosi e gli zingari sono tutti ladri.
Relatori: Angelo Caputo (Magistratura Democratca) - Paolo Morozzo Della Rocca (Comunità di S.Egidio).

Mercoledì 15 aprile, ore 18
I musulmani sono terroristi.
Relatore: Elzir Ezzedine (imam di Firenze).

Mercoledì 13 maggio, ore 18
Gli africani non hanno cultura.
Relatori: Ingy Mubiay Kekese (scrittrice) - Jorge Canifa Alves (scrittore).

Mercoledì 10 giugno, ore 18
Ma lo dice anche la tv!
Relatori: Gianni Riotta (direttore TG1) - Gian Antonio Stella (editorialista Corriere della Sera) - Laura Boldrini (portavoce UNHCR Italia).

Per informazioni e prenotazioni:
Fondazione Centro Astalli
Via del Collegio Romano, 1 - 00186 Roma
Tel. 06 69 92 50 99
Fax 06 69 78 28 98
e-mail: astalli@jrs.net
http://www.centroastalli.it/
Locandina del corso

Fonte: Programma Integra.

martedì 24 febbraio 2009

Concerto di chitarra classica, giovedì 26 febbraio‏ a Roma


Giovedì, 26 febbraio, ore 19,00
Sala conferenze, Accademia di Romania

Omaggio al Maestro Roman Vlad
Concerto di chitarra classica di Luca Villani

Dedicandolo al noto compositore e musicologo romeno Roman Vlad, con il concerto di chitarra classica di Luca Villani l’Accademia di Romania desidera rendere omaggio al maestro in occasione del suo novantesimo anniversario. Luca Villani, un artista ormai consacrato sui palcoscenici italiani e internazionali come un virtuoso della chitarra ci propone in questa occasione un programma di rara bellezza e di grande tensione interpretativa.

Luca Villani è nato a Varese nel 1963. Avviato allo studio della chitarra con il Maestro Roberto Chiarini, si è diplomato in Chitarra Classica sotto la guida del M° Bruno Battisti D’Amario e si è laureato in Storia della Musica col Ch.mo Prof. Roul Meloncelli rispettivamente presso il Conservatorio Statale di Musica di Santa Cecilia e presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Allievo delle migliori scuole chitarristiche europee, ha sostenuto concerti brillanti in Italia e all’estero a partire dal 1984.
In programma: Bálint Bakfark -D'amours me plains; J.S.Bach -Suite BWV 1012 (tr. Luca Villani), Roman Vlad - Mutazioni nel segno di Bach, Béla Bartók- Danze popolari romene (tr. Luca Villani).

-------------------------------------
Joi 26 februarie, orele 19,00
Sala de conferinte, Accademia di Romania

Omagiu Maestrului Roman Vlad
Concert de chitarã clasicã al artistului Luca Villani

Prin acest concert de chitarã clasicã sustinut de Luca Villani si dedicat faimosului compozitor si muzicolog român Roman Vlad, Accademia di Romania doreste sã aducã omagiul sãu maestrului cu ocazia împlinirii a nouãzeci de ani. Luca Villani, un artist consacrat al scenei italiene si internationale ca un virtuoz al chitarei, ne propune cu aceastã ocazie un program deosebit de frumos si contradistins de o mare tensiune interpretativã.
Luca Villani s-a nãscut la Varese în 1963. Si-a început studiile de chitarã cu maestrul Roberto Chiarini, pe care le-a finalizat cu diploma în chitarã clasicã cu maestrul Bruno Battisti D’Amario. E licentiat în Istoria Muzicii cu Prof. Roul Meloncelli la Conservatorul de Stat Santa Cecilia si la Universitatea “La Sapienza” din Roma. A frecventat cele mai bune scoli de chitarã din Europa si a sustinut cu mare succes concerte în Italia si în strãinãtate începând cu anul 1984.
În program: Bálint Bakfark -D'amours me plains; J.S.Bach -Suite BWV 1012 (transcriere: Luca Villani), Roman Vlad - Mutazioni nel segno di Bach, Béla Bartók- Danze popolari romene (transcriere: Luca Villani).

Accademia di Romania

4 Mesi, 3 Settimane, 2 Giorni di Cristian Mungiu, Martedì 24 febbraio


COMUNICATO STAMPA

Domani, martedì 24 febbraio, QUARTO EVENTO di Antennacinema, al multisala Melies.

Alle 18.30 4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI di Cristian Mungiu e alle 21.00 L’ECLISSE di Michelangelo Antonioni.

Mungiu mette in scena l’aborto ai tempi della dittatura. Antonioni, l’eclisse dei sentimenti

CONEGLIANO, 23 FEBB. – Domani, martedì 24 febbraio, con il 4° evento della rassegna, Antennacinema continua il confronto tra i contesti sociali, politici, culturali, quotidiani del popolo rumeno e italiano. Presenta due film di grande spessore – 4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI di Cristian Mungiu e L’ECLISSE di Michelangelo Antonioni - che hanno fatto scalpore per la crudezza della storia narrata, il cinismo dei comportamenti umani e la descrizione dei paesaggi. Le pellicole sono accumunate dai lunghi silenzi dei protagonisti e dalle ambientazioni fredde, grigie ed impersonali.

4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI (2007, 113’), che sarà proiettato alle ore 18.30 al multisala Melies, è la storia di un aborto clandestino e il trauma profondo che subirà l’amicizia delle due protagoniste. È stato premiato con la Palma d’Oro al Festival di Cannes nel 2007.

«Ogni donna in Romania, anche mia madre, ha avuto almeno un’esperienza di aborto illegale – racconta Catalin Mitulescu, regista e critico cinematografico romeno - Durante la dittatura gli anticoncezionali erano proibiti, l’aborto era l’unico sistema di controllo delle nascite. Ma 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni va oltre, ci dice cosa significa avere il dittatore dentro la tua vita, nella tua cucina, nel tuo letto, che ti dice come fare l’amore, cosa desiderare. E come questo ti fa ammalare. Stiamo ancora cercando di guarire».

Il film di Mungiu è il primo lungometraggio del progetto rumeno “Tales from Golden Age” dedicato alla ricostruzione del clima dell’epoca che precede la fine del regime in Romania, avvenuta nel 1989, attraverso il racconto di storie personali e collettive e dei miti e delle leggende del comunismo.

In una piccola città romena, Otilia e Gabjta sono due amiche universitarie che alloggiano nella stessa stanza del dormitorio studentesco. Gabjta è incinta ma non vuole il bambino così affitta la stanza di uno squallido albergo super sorvegliato per interrompere la sua gravidanza. Otilia è l’unica persona a conoscenza del terribile segreto e assiste l’amica, ora dopo ora, diventando sempre più vittima e protagonista del dramma che si sta per compiere.

In Romania, una legge del 1966 aveva reso illegale l’interruzione di gravidanza spianando la strada all’aborto clandestino con tutti i rischi sanitari e penali a cui andava incontro la donna nel prendere questa difficile decisione.

Otilia è costretta a trovare un medico disposto clandestinamente a interrompere la gravidanza dell’amica. Il compenso che l’uomo chiederà andrà però ben oltre al denaro.

Il film di Cristian Mungiu non prende una posizione sull’etica della pratica in sé ma descrive gli effetti che questa decisione ha sull’amicizia delle due ragazze e con un vivido realismo ci mostra il mondo attorno a loro. Un mondo fatto di precarietà, di difficoltà e di ricatti. E, soprattutto, di paura; paura di essere visti facendo qualcosa di illegale.

Tutto il film è girato con la macchina da presa in spalla, da cui “lo spettatore è ipnotizzato” come scrive il Corriere della Sera, macchina da presa che sembra rincorrere Otilia nelle varie peripezie e si arresta bruscamente solo dinanzi all’orrore.

Significativi sono anche l’assenza totale di colonna sonora, che conferisce all’opera un estremo realismo, e i dialoghi scarni, intervallati dai lunghi silenzi, gli sguardi persi e fissi nel vuoto, che dicono molto di più delle parole.

Cristian Mungiu, nato a Iasi nel 1968, appartiene alla generazione "postdicembrista", cioè a quella categoria di uomini di cultura rumeni formatasi successivamente alla rivoluzione rumena. Nel 1998 si specializza in regia all’Accademia di Teatro e Film di Bucarest e collabora come aiuto regista al film TRAIN DE VIE – UN TRENO PER VIVERE del regista Radu Mihaileanu.

Il suo primo lungometraggio OCCIDENT è stato premiato in molti festival cinematografici europei e con 4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes nel 2007.
--------------

Antennacinema è organizzata dal Comitato Incontri di Cinema e Televisione e sostenuta dal Comune di Conegliano, dalla Provincia di Treviso e dalla Regione Veneto. È realizzata in collaborazione con La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale Roma, La Cineteca di Bologna, L’Archivio Carlo Montanaro di Venezia, MigraMente – Centro per il dialogo interculturale di Padova, il Centro Servizi per lo Spettacolo, Reteventi.

La finanziano numerosi sponsor privati: Castagner, Carron, Tonon, General Beton, Grafiche Battivelli, Door&Associati.

L’ingresso a tutti gli eventi di Antennacinema è libero e gratuito. Il programma completo è consultabile sul sito http://www.antennacinema.it/ .

Iubeşte româneşte de Dragobete!


Autor: Cristina Teodorescu

Pe 24 februarie sărbătorim Dragobetele, tradiţie din moşi-strămoşi. Numit în popor Năvalnicul sau Logodnicul Păsărilor, Dragobetele se credea a fi un tânăr chipeş şi puternic. Legenda spune că Dragobetele era un personaj mitologic, ce oficia în cer, la începutul fiecărei primăveri, nunta tuturor animalelor, tradiţie ce s-a extins treptat în rândul oamenilor, dând naştere unor obiceiuri specifice românilor din zona Dunării.

Rit tracic

În mediul rural, această tradiţie străveche încă se sărbătoreşte. Astfel, fetele şi băieţii îşi pun hainele curate de sărbătoare şi pornesc cu voie bună înspre pădure, pentru a culege ghiocei, viorele, tămâioasă, pe care apoi le aşază la icoane. Se spune că în acest moment se spuneau farmece de dragoste pentru ca iubirea îndrăgostiţilor să fie puternică.

Înspre ora prânzului, fetele pornesc în goană înspre sat, fuga fiecăreia atrăgând după sine un băiat, şi nu pe unul oarecare, ci pe cel care îi este drag. Dacă va reuşi să-şi prindă perechea, băiatul poate să-i fure tinerei o sărutare în văzul lumii, sărutare ce simbolizează legământul lor pe întregul an de zile. De aici vine şi celebra zicală “Dragobetele sărută fetele!”.

Un alt obicei al fetelor era acela de a strânge omătul netopit, apa de ploaie sau de la izvor, pe care o considerau ca având efecte magice asupra lor atunci când o foloseau, devenind astfel mai frumoase şi mai drăgăstoase cu aleşii inimii lor.

Superstiţii străvechi

Dincolo de semnificaţiile erotice ale sărbătorii, Dragobetele este legat şi de o serie de superstiţii. De exemplu, se spune că cine participă la sărbătoarea Dragobetelui va fi ferit de boli în acel an, iar gospodarii vor avea un an îmbelşugat. În această zi nu se sacrificau animale pentru că altfel s-ar fi stricat rostul împerecherilor.

Astfel, Dragobetele influenţa cursul dragostei, dar şi al vieţii satului pe tot parcursul anului, la fel ca şi zilele Babelor cu funcţia predictivă a acestora. Prilej de bucurie, Dragobetele rămâne una dintre cele mai frumoase obiceiuri străvechi ale românilor, o tradiţie redescoperită în ultimii ani, care se încearcă să fie revitalizată. Aşa că, în acest an, alege să iubeşti româneşte!

Sursa: Adevarul.

Le vs. lettere: A proposito di emigrazione italiana in Romania

A PROPOSITO DI EMIGRAZIONE ITALIANA IN ROMANIA

Sorprendente come titolo, vero? Eppure non c’è nessun errore, è proprio di emigrazione italiana in Romania che vi voglio parlare!
Il nostro paese sta vivendo un rigurgito razzista nei confronti dei nostri cugini
romeni che oltre ad essere disgustoso è per certi versi paradossale ( ammesso e non concesso che vi siano dei razzismi un po’ meno paradossali di altri !).
Lungi da me il voler insegnare alla Destra a fare il suo “mestiere” ma trovo un po’ “fastidioso” il fatto che nel nostro paese, nel sempre più vertiginoso ed inarrestabile calo di livello culturale, anche i razzisti ormai non leggano più i loro testi sacri.
Se lo facessero magari apprenderebbero che in Romania si parla una lingua molto simile alla nostra e che i romeni sono fieri della loro latinità tanto da autodefinirsi come “figli di Traiano”, o per esempio che molti di loro portano nomi di imperatori romani come Adrian o Trajan ecc ecc.
Ma al di là di questi spunti “culturali” vorrei ricordare, anche se sembra ormai passato di moda farlo, che anche noi italiani siamo stati degli emigranti ed in una misura tale che molto probabilmente non vi è nessuno stato al mondo che non abbia ricevuto una quota di questi nostri migranti.
E fra tutte queste destinazioni una è stata proprio la……….Romania !!!
Chi lo vorrà troverà alla fine di questo articolo un link per scaricare una interessante ricerca etnologica su una comunità italiana in Romania.
Siamo emigrati ovunque e per fare qualsiasi mestiere, dal muratore all’operaio, dal bracciante agricolo al pizzaiolo. Abbiamo esportati artisti ed architetti famosi ma anche famigerati delinquenti!
Abbiamo anche esercitati gli umili mestieri che nel nostro immaginario vengono associati alla gente del viaggio,agli zingari, ai rom come saltimbanchi od orsari!
Gli orsari od orsanti giravano l’intera Europa (fino in Russia) e si guadagnavano da vivere facendo ballare un orso nelle fiere.
E da dove pensate venissero questi orsanti? Dalla Sicilia? Dalla Calabria? No! Dall’Appennino tosco-emiliano, tanto che la cittadina di Compiano in provincia di Parma ha dedicato loro un piccolo museo.
E quasi pleonastico aggiungere che la Storia ha i suoi corsi e ricorsi e che zone che oggi accolgono immigrati erano in passato zone di forte emigrazione e viceversa.
Ciò vale anche all’interno del nostro paese.
Se vi capiterà di fare un giro in alcune valli montane del lago di Como, noterete che molte chiesette hanno una cappella od un altare dedicato a Santa Rosalia (per esempio nella bellissima chiesa dei Santi Eusebio e Vittore a Peglio).
Cosa ci fa Santa Rosalia, la santa palermitana per antonomasia nell’alto Lario?
Semplice! Nel Seicento e Settecento molti abitanti di queste valli erano costretti ad emigrare ed una delle loro mete preferite erano i cantieri navali di…..Palermo!
La comunità lariana a Palermo era numerosa ed aveva finito per adottare santa Rosalia come protettrice dedicandolo statue ed altari anche nella loro patria di origine!
Credo che la conoscenza della Storia sia fondamentale e necessaria per potere classificare nel loro giusto contesto i fenomeni migratori attuali e rendersi finalmente conto che non vi è nulla di nuovo sotto il sole.

Ecco il link:
http://www.emigrazione-notizie.org/public/upload/downloads/F.%20MIGRAZIONE%20ITALIANA%20IN%20ROMANIA%20-%20segnalato_1.pdf

Francesco Fusaro

A nord del futuro: l’oscura chiarezza di Paul Celan


“La funzione del traduttore, di ogni traduttore, è […] impresa e capitolazione a un tempo. Nel compito, il mandato è già esaurito; ci si ritira dalla competizione, se ve n’è una. Resa o abbandono, la traduzione praticabile è nella rinuncia a trasmettere, comunicare un significato presente nell’originale - perché se c’è messaggio, questo concerne e procede soltanto nella relazione tra le lingue in gioco, e non mediante un contenuto da recuperare nell’altro e riprodurre in proprio”. Così lo psicanalista Mario Ajazzi Mancini nel suo A nord del futuro - scritture intorno a Paul Celan (Editrice Clinamen, pp. 124, € 14,80) che raccoglie articoli, saggi e interventi sulla poesia di Celan scritti negli ultimi dieci anni e impreziositi di una serie di traduzioni di altissimo livello.
Ed è proprio nella relazione tra lingue e parole che risiede in qualche modo l’intera poetica celaniana fatta di disappartenenza e alterità: “sono te, quando io sono io.” È il lutto che viene messo in scena, scrive Ajazzi Mancini, il lutto che interiorizza l’altro; si tratta della rappresentazione dell’altro morto in me, delle milioni di vittime della lucidità nazista morte in noi. Questa è la vera forza d’urto della poesia di Celan: l’incredibile impatto del messaggio, impossibile da decifrare, da caricare su un vettore, ma in grado lo stesso di arrivare al destinatario in tutta la sua chiarezza. Perché il destinatario è l’altro e cioè me stesso quando sono me stesso. I versi del poeta rumeno sono già dentro me.
Come è possibile allora assolvere al compito di traghettare parole tanto prorompenti, eppure delicate, fatte d’ombra, in un’altra lingua? Come tradurre il linguaggio? Eppure il linguaggio è al centro dell’opera del più enigmatico dei poeti, che a sua volta fu traduttore (di Cioran, Ungaretti, Valéry tra gli altri). Ha ragione da vendere Ajazzi Mancini. Bisogna rinunciare al contenuto del messaggio.
Forse proprio dall’inquietudine identitaria delle sue origini - rumeno ebreo, di madrelingua tedesca, nato in una città della Bucovina austroungarica, oggi sotto l’Ucraina - e dalla sua vita, sempre in movimento, radicata e sradicata, passata attraverso l’orrore dei campi di concentramento e poi del regime comunista in Romania, dalla vita bohémienne parigina a quella dei salotti filosofici tedeschi, scaturisce la potenza del linguaggio di Celan - tanto che Maurice Blanchot lo definì l’ultimo a parlare - e scaturisce altresì la potenza del poeta e dell’uomo, che durante una lettura pubblica a Friburgo rimproverò aspramente, per la disattenzione con cui lo ascoltava, il filosofo che fece proprio del linguaggio un sistema mondo: Heidegger. Un pensatore che Celan amava nonostante tutto, nonostante il rifiuto alla sua richiesta di ripensare la sua silenziosa complicità col regime hitleriano.
Non è semplice avere a che fare con un personaggio tanto misterioso quanto cristallino, e tanto meno con le sue parole. A nord del futuro ci prova, e ci riesce arrendendosi. La resa, l’abbandono, il tuffo (linguistico) in acque torbide, come quello che fece Celan per chiudere il discorso con la vita, sono le uniche chiavi per affrontare il mistero delle sue poesie, oscure per la mente eppure perfettamente limpide per lo spirito. [...]

Fonte: Panorama.

Frattini: Romania mandi altri poliziotti. Sì di Bucarest ma no limiti a circolazione


Frattini: Romania mandi altri poliziotti.
Sì di Bucarest ma no limiti a circolazione
L'Italia chiede che i romeni condannati scontino pena in patria
Diaconescu: connazionali hanno stessi diritti cittadini europei

ROMA (23 febbraio) - La Romania mandi altri poliziotti in Italia. E' la richiesta del ministero degli Esteri Franco Frattini a Bucarest nell'incontro di questa con il collega romeno Cristian Diaconescu. I circa venti poliziotti di Bucarest che hanno aiutato ad arrivare all'arresto dei due romeni accusati dello stupro alla Caffarella non bastano.

Diaconescu ha garantito «piena collaborazione» all'Italia ed è favorevole alla «tolleranza zero» nei confronti dei reati, da chiunque essi siano compiuti, ma non prenderà «nessuna misura che limiti il diritto di circolazione» in Europa dei suoi cittadini. I due ministri sono tornati insieme da Bruxelles dove oggi hanno partecipato alla riunione dei ministri degli Esteri dei 27.

Carcere in Romania per i romeni condannati. Roma e Bucarest secondo Frattini devono «aggiornare» e migliorare l'accordo quadro del 2003 che potrebbe favorire anche il rimpatrio di quei cittadini romeni condannati in Italia in via definitiva che devono scontare la loro pena nelle carceri romene. «Si tratta - ha detto Frattini - di 900-1000 rumeni condannati in modo definitivo». Il ministro ha citato anche i casi degli «arresti fatti in flagranza di reato o quasi» e che devono essere processati in Italia, sulla base della legislazione italiana. «Ciò che chiediamo alla Romania è di temperare gli effetti di quei 10mila che creano problemi e che hanno fatto un po impressione all'opinione pubblica». E cita la Francia che ha espulso solo nel 2008 oltre 7000 cittadini romeni, «l'Italia ne ha espulsi circa 40, quindi le rassicurazioni le debbono dare i romeni a noi, che non ci siano più criminali romeni nelle nostre strade». D'accordo sul « principio della non colpevolezza fino alla condanna» richiamato da Diaconescu oggi che l'Italia rispetta «per prima».

Frattini ha ribadito il concetto di «tolleranza zero» verso chi commette reati «al di là di una nazionalità». Il ministro degli Esteri ha puntualizzato che l'Italia «accoglie bene i 990 mila rumeni perbene che lavorano e rispettano le leggi».

Duri solo con romeni che delinquono. Frattini chiarisce: «Noi accogliamo e continueremo ad accogliere i romeni che lavorano rispettando la legge, ma al tempo stesso che saremo fermissimi nei confronti di coloro che non rispettano la legge».

Bucarest: non limiteremo diritto di circolazione. Diaconescu assicura la collaborazione all'Italia, ma non prenderà «nessuna misura che limiti il diritto di circolazione» in Europa dei suoi cittadini, considerato «una conquista del nostro popolo dopo il comunismo che vogliamo difendere». I romeni che vivono in Italia, ha osservato Diaconescu, sono «cittadini europei che hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri» degli altri cittadini comunitari: «La criminalità non ha una nazione, non ha un passaporto», ha rimarcato Diaconescu che arriverà a Roma per dare solidarietà ai connazionali oggetto di atti di xenofobia.

Fonte: Il Messaggero





Citeste si: Franco Frattini: Cine comite delicte va fi pedepsit, cine lucreaza cinstit va fi primit in Italia ca prieten

Roma: Osservatorio sociale su molotov contro negozio romeno, risposte di condanna

ROMA: OSSERVATORIO SOCIALE SU MOLOTOV CONTRO NEGOZIO ROMENO, RISPOSTE DI CONDANNA

Roma, 21 feb. - (Adnkronos) - "Occorrono risposte ferme e di condanna a questi episodi di intolleranza e di violenza. Anche perche', di fatto, allontanano ulteriormente ogni soluzione di dialogo". Lo ha dichiarato Luigi Camilloni, presidente dell'Osservatorio sociale in una nota in merito alle bottiglie incendiarie contro un negozio di prodotti alimentari gestito da romeni a Roma.

"Occorre essere rapidi nel condannare questi episodi ed e' anche giunto il momento di dare delle risposte concrete al clima di intolleranza che sta dilagando - continua Camilloni - Questa volta non ci si puo' lavare le mani e i continui atti di violenza nei confronti dei romeni deve far riflettere. E' preoccupante l'onda di intolleranza che sta montando nel Paese dove c'e' un clima di irrigidimento se non addirittura di contrapposizione aperta verso alcune comunita' straniere che fino a poco tempo non esisteva".

"C'e' da chiedersi chi fomenta questa impressionante ondata di singolare maccartismo in chiave antiromena? Certa stampa - conclude - potrebbe fare qualcosa di concreto, visto che le responsabilita' esistono e sono evidenti. Alla comunita' romena va la mia solidarieta' e dell'Osservatorio sociale".

Fonte: Libero News.

Citeste si: Roma, molotov contro negozio romeni

Appello romeni a Berlusconi e Napolitano: fermate gogna mediatica

Conferenza stampa del Pir nel nuovo centro commerciale romeno

Roma, 21 feb. (Apcom) - L'appello dei romeni al presidente del consiglio Silvio Berlusconi e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è chiaro: "Fermate la gogna mediatica e la deriva xenofoba". E' il messaggio lanciato dal Partito dei romeni d'Italia che oggi ha organizzato a Roma una conferenza stampa nel nuovo centro commerciale romeno della capitale, in via della circonvallazione Nomentana.

Alla conferenza giornalisti italiani, romeni ma anche reporter della Bbc. Quello dei romeni non è solo un appello è anche un invito alla 'conoscenza', il presidente del Pri, Giancarlo Germani ha infatti per prima cosa letto i numeri che contraddicono la paura del romeno: "Secondo i dati ufficiali, Caritas e ministero dell'Interno, su 1 milione e 16 mila detenuti, 2828 sono romeni ovvero lo 0,2 %, mentre ad esempio il 3,4 sono algerini, il 2,2% albanesi, l'1,2% marocchini". Se si resta "a Roma - ha sottolineato Germani - secondo i dati dei carabinieri, dal primo gennaio ad oggi su 1421 persone arrestate solo il 16% sono romeni. Perché allora condannare tutto l'84% dei romeni che resta?"

Per questo l'appello a Berlusconi e Napolitano, perché fermino la "romenofobia", una deriva "che non è nei numeri", e la "gogna mediatica": Germani ha infatti stigmatizzato il pressing della stampa, che relega in poche righe ad esempio lo stupro della figlia adottiva da parte di un italiano, mentre sbattein prima pagina i 'mostri romeni'. "Non dimentichiamo - ribadisce il presidente del Pri - che l'85% delle violenze sessuali avvengono in famiglia e a Roma gli stupri sono calati del 10% mentre adesso sembra che ci siano orde barbariche di romeni che seminano il terrore nei parchi". "Noi crediamo - attacca Germani, che il pressing mediatico, la gogna mediatica che si è scatenata contro di noi sia pensata proprio per far passare queste leggi, come quelle sulle ronde, a furor di popolo. Ma i numeri dicono il contrario".

Non solo i numeri, alla conferenza stampa, per cui come luogo è stato simbolicamente scelto il nuovo centro commerciale di prodotti alimentari romeni, "a testimoniare che in Italia arrivano imprenditori e persone che lavorano e investono", ma anche storie: si è ricordato l'ultimo operaio romeno morto in un cantiere, perché non si dimentichi "quanti sono i lavoratori romeni sfruttati, pagati male e spesso in nero", come il manovale che viveva nelle baracche di Castelfusano: sua moglie e il figlio di 4 anni avevano acceso un fuoco per scaldarsi, sono morti bruciati, il giorno dopo Natale. E ci sono anche Adrian Nichifor e Sorin Pavel, due imprenditori romeni che hanno raccontato le loro storie di 'ordinaria romenofobia'. Ora "Badanti e operai romeni non trovano più lavoro", hanno denunciato i leader del partito dei romeni in Italia.

Fonte: Virgilio Notizie.

Citeste si:
Partidul Identitatea Românească: Nu-i trataţi pe români ca pe infractori

Denunciate i razzisti

Denunciate i razzisti (e fatecelo sapere)

Per telefono o per e-mail è facile inviare segnalazioni all’Unar, che ha già denunciato alcuni politici. Giratele anche a Stranieriinitalia.it

Roma - 19 febbraio 2009 - L’aria è sempre più pesante e non solo per i pestaggi, gli attentati e le cacce allo straniero. La vasca in cui questa barbarie nuota e cresce è alimentata quotidianamente da generalizzazioni, bestialità e insulti, pronunciati spesso da chi, impegnato in politica, dovrebbe tenere il timone dell’Italia sulla rotta della civiltà.

Quanta distanza c’è tra chi dice che un intero popolo è “specializzato in stupri” e chi alla violenza verbale preferisce quella fisica di un linciaggio? Quante dichiarazioni sulla tolleranza zero hanno ormai toni che sdoganano il razzismo e si ripetono così frequentemente da non scandalizzare più nessuno?

È tempo di farsi sentire, denunciando chi incita all’odio e facendolo punire. Non è difficile.

La legge vieta le discriminazioni, colpisce i colpevoli e tutela le vittime (ne parliamo in questa guida) e se muoversi da soli può essere complicato, ci si può sempre far dare una mano. In Italia esiste un Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (Unar) impegnato a prevenire, scovare, combattere il razzismo e ad assistere chi lo subisce.

Contattare l’Unar è semplicissimo, basta telefonare al numero verde multilingue 800 90 10 10 (dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 20.00) o inviare una mail a antidiscriminazioni@pariopportunita.gov.itIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo spiegando cosa è successo. Per fare la segnalazione non serve il permesso di soggiorno e, se riscontra un caso di discriminazione, l’Ufficio si mette in moto.

“Abbiamo diversi gradi di intervento. Spesso i nostri operatori riescono a risolvere il problema contattando gli autori della discriminazione e spingendoli a cambiare il loro comportamento. Situazioni più complesse passano all’esame di un funzionario e di un esperto, come un magistrato,un antropologo o un’altra figura adatta al caso” spiega Roberto Berardi, funzionario Unar.

Funzionari ed esperti valutano la strada migliore da seguire, ad esempio intervenendo direttamente su amministrazioni pubbliche e imprese che stanno discriminando, oppure convocando le parti per tentare una conciliazione informale. “A chi poi vuole arrivare in tribunale per un’azione civile contro la discriminazione, l’Unar è in grado di offrirle sostegno, anche se indirettamente. Indirizziamo la vittima ad associazioni che possono rappresentarla in tribunale o ad avvocati che offrono assistenza legale gratuita” aggiunge Berardi.

Fin qui siamo ai casi singoli, ma come ci si regola con chi incita all’odio contro interi gruppi etnici? “In queste situazioni ci muoviamo anche autonomamente, come pubblici ufficiali. Il razzismo è un reato, e noi quindi inviamo una notizia di reato all’autorità giudiziaria competente” chiarisce il funzionario. L’Unar ha già denunciato alcuni politici per le loro esternazioni riportate dalla stampa.

Perchè allora non dare mano all’Ufficio Nazione Antidiscriminazioni, segnalandogli i casi che puzzano di razzismo?
Se vi indignate con chi predica l’odio, se ascoltate o leggete frasi discriminatorie, se vi insultano solo perché siete stranieri… chiamate l’ 800 90 10 10 o mandate una mail a antidiscriminazioni@pariopportunita.gov.itIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Inserite la vostra denuncia anche su stranieriinitalia.it commentando questo articolo: ci aiuterà a seguire i casi e a far sapere a tutti se e come il razzismo è punito in Italia.

di Elvio Pasca

Fonte: Stranieri in Italia

Nuove disposizioni in materia di comunicazione sul lavoro domestico


Con la Circolare del 16 febbraio 2009, il Ministero del Lavoro, della salute e della solidarietà sociale chiarisce le modalità riguardanti l’instaurazione, la proroga, la trasformazione e la cessazione del rapporto di lavoro domestico

Il decreto legge 28 novembre 2008, n. 185 (modificato dalla legge di conversione 28 gennaio 2009, n. 2) prevede una deroga al sistema delle comunicazioni obbligatorie, introducendo la possibilità per i datori di lavoro domestico di adempiere agli obblighi previsti dalla normativa vigente con la presentazione all’INPS di un modello semplificato.

Le novità introdotte consentono ai datori di lavoro e alle famiglie di attivare con procedure semplificate le assunzioni di personale impiegato in rapporti di lavoro domestico e nello stesso tempo di effettuare tutti gli adempimenti connessi senza ulteriori oneri amministrativi.

Ambito di applicazione
Le disposizioni si applicano a tutti i datori di lavoro che assumono alle proprie dipendenze lavoratori per svolgere attività domestiche.

L’oggetto della comunicazione è quello previsto dalla legge 27/12/2006 n. 296 (art. 1, comma 1180 sgg.), vale a dire: l’instaurazione, la proroga, la trasformazionee la cessazione del rapporto di lavoro.

È opportuno ricordare che il lavoro domestico è disciplinato dal CCNL del 16/2/2007, e può essere prestato a tempo indeterminato oppure a tempo determinato (qualora esistano oggettive ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo).

L’orario di lavoro può essere articolato secondo le modalità previste dall’art. 15 del citato CCNL, inclusa l’ipotesi di prestazione di lavoro in regime di tempo parziale, orizzontale o verticale.

In materia di lavoro ripartito è consentita l’assunzione - per svolgere un’unica prestazione lavorativa – di due lavoratori domestici, responsabili personalmente e direttamente per l’intera obbligazione lavorativa (art. 8 del CCNL del 16/2/2007).

Per esigenze solo temporanee di lavoro domestico può essere utilizzato il lavoro accessorio (tipologia contrattuale introdotta dal Decreto legislativo 276/03, riformato dal decreto legge 25/6/2008, n. 112, convertito dalla Legge n. 133 del 2008).

Termini e modalità di Comunicazione
Allo scopo di attuare la più ampia semplificazione delle procedure, è stata introdotta una procedura speciale di comunicazione dell’instaurazione, trasformazione, proroga e cessazione del rapporto di lavoro domestico, che consente al datore di lavoro di assolvere agli obblighi previsti dalla normativa vigente attraverso l’invio delle comunicazioni direttamente all’INPS, non più al Centro per l’impiego territorialmente competente.

Restano tuttavia validi i termini già fissati dalla normativa, ossia: l’obbligo di comunicazione almeno il giorno prima, in caso di instaurazione del rapporto di lavoro; entro 5 giorni, in caso di proroga, trasformazione e cessazione dello stesso.

La procedura dell’INPS dovrà assicurare la data certa di comunicazione, quale data risultante dalla procedura di validazione temporale attestante il luogo e l’ora in cui la comunicazione è stata ricevuta all’INPS.

Le modalità operative per la trasmissione delle comunicazioni, da parte dei datori di lavoro, saranno indicate dall’INPS con apposita circolare attuativa che introdurrà anche la modulistica semplificata necessaria per tale obbligo di legge.

Al fine di garantire la pluriefficacia della comunicazione, l’INPS garantirà il trasferimento dei dati ricevuti agli organismi interessati che, oltre al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, saranno INAIL, Servizi regionali e, in caso di lavoratori stranieri, anche Prefetture. A tal fine dovranno essere mantenute da parte dell’INPS le medesime modalità e i medesimi standard previsti dal decreto ministeriale del 30 ottobre 2007.

Infine, per evitare conseguenze sanzionatorie per i datori di lavoro domestici che nelle more delle disposizioni attuative avessero inviato le comunicazioni ai servizi competenti, si conferma che tali comunicazioni sono valide e si invitano i servizi informatici ad inviare tale comunicazione al nodo di coordinamento nazionale al fine di garantire la pluriefficacia verso l’INPS e l’INAIL.

Fonte: Ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali

lunedì 23 febbraio 2009

Universitatea USAMV Cluj - deschiderea unui sediu in Viterbo‏


Universitatea de Stiinte Agricole si Medicina Veterinara USAMV Cluj - fundata in anul 1869 - este o instituţie modernă care a dobândit prin realizarile sale de zeci de ani o reputaţie de seamă atât pe plan naţional cât şi internaţional. Continuatoarea prestigiosei şcoli de agricultură clujene, universitatea are în componenţa sa patru facultăţi în care îşi desfăşoară activitatea peste 6000 de studenţi. Facultăţile universităţii oferă în prezent studenţilor 19 specializări bine ancorate în economia de piaţă, numeroase facilităţi şi perspectiva unei rapide integrări în structurile Uniunii Europene.

USAMV Cluj in intentia de a-si deschide portile, si a facilita integrarea pe piata muncii, tuturor romanilor din Italia care doresc sa-si continue sau sa-si perfectioneze studiile, in cadrul unei conferinte de presa gazduita de Prefectura din Viterbo, in prezenta tuturor institutiilor si oficialitatilor din Viterbo, va prezenta proiectul de deschidere a unui sediu permanent al Centrului Universitar si Cultural roman in Viterbo.

Proiectul de mare interes pentru comunitatea romanesca, nu numai din Viterbo, va fi expus de catre dl. Rector al USAMV Cluj, Prof. Dr. Doru Pamfil si de Presedintele USAMV Prof. Dr. Liviu Al. Marghitas.

Va invitam sa participati la aceasta prezentare in cadrul careia veti avea posibilitatea sa discutati direct cu promotorii acestui ilustru proiect, pentru a va putea exprima cerintele fata de activitatea pe care o astfel de institutie poate sa ofere.

Va asteptam cat mai numerosi miercuri, 25 februarie, ora 12,00, in Prefectura din Viterbo, Piazza del Plebiscito, 8.

Pentru info: dr. Anca Vanea, reprezentant relatii externe USAMV Cluj
E-mail: vna1990@aruba.it