La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 29 giugno 2009

Încă un român a fost ales consilier local în Italia, în provincia Piemonte


29 Iunie 2009

Un român a fost ales consilier local şi la Verbania, capitala provinciei Piemonte din nordul Italiei, pe Lista Civică "Pentru Verbania", de centru-dreapta, relatează portalul AgoraVox.

Adrian Chifu, născut în Neamţ, a primit cele mai multe voturi dintre cei 40 de candidaţi înscrişi în alegeri, 119, potrivit blogului său. "În Verbania s-a scris istorie în cuvinte româneşti. Dupa 65 de ani de guvernare locală a stângii, dreapta obţine o victorie istorică. Comunitatea românădin Verbania, pentru prima dată, este privilegiată, având o voce puternica în Consiliul Local", a declarat românul pe blogul său.

În vârstă de 32 de ani, el a emigrat în Italia în 1996 şi şi-a deschis, împreună cu unul dintre fraţii săi o firmă de construcţii şi de import-export. De asemenea este manager general la o firmă din România şi a fost preşedintele filialei Piatra Neamţ a Partidului Iniţiativa Naţională (PIN), din care şi-a dat, însă, demisia.

Printre priorităţile sale în calitate de consilier se numără înfiinţarea "unui birou de informare a străinilor, care va fi situat chiar în incinta primăriei", spune el. "Străinii vor fi informaţi în primul rând despre drepturile ce li se cuvin şi posibilităţile pe care le oferă legea italiană oricărei persoane care locuieşte legal în localitate şi plăteşte taxe ca orice cetăţean italian", a scris Chifu pe blogul său.

"Pe parcursul mandatului meu voi încerca să îndeplinesc toate punctele din programul politic cu care m-am prezentat în faţa românilor în campania electorală, să nu copiez modelul politicianului din România care promite şi apoi uită tot. Pentru comunitatea de români, planurile se referă la scoaterea "din întuneric", aş spune. Vreau să demonstrăm pe plan local măcar că românii sunt deosebiţi şi ca ei au fost cei dintâi care au suferit în urma campaniei mediatice şi a scandalurilor din presă. Vreau să se ştie că noi contribuim la PIB-ul italian cu 1% şi că numărul infractorilor este normal pentru o comunitate atât de numeroasă", a adăugat el.

În provincia Piemonte trăiesc 1.200 de români cu drept de vot, dintre care 345 numai în Verbania.

Şi la Padova o româncă a fost aleasă în Consiliul Local, pe listele Partidului Democrat (PD) - Nona Evghenia, în vârstă de 30 de ani. Printre priorităţile sale politice se număra siguranţa. "Imigranţii sunt primii care cer certitudinea pedepsei, despre care nu se poate spune că există în Italia: vreau ca cei care greşesc să plătească şi cei care sunt cinstiţi să aibă dreptul la un viitor", explică ea.

Sursa: NewsIn

Teatrul Satiricus I. L. Caragiale la Roma, luni, 29 iunie 2009, ora 19


Asociatia IRFI - Italia Romania Futuro Insieme, va INVITA

Luni, 29 iunie 2009, orele 19:00 la spectacolul

MADE IN MOLDOVA!

care va avea loc la Teatro delle Emozioni
Via Tor Caldara, 23 (Metro A - Arco di Travertino)
Roma
Info: 320-1161307


Teatrul Satiricus Ion Luca Caragiale prezinta spectacolul
MADE IN MOLDOVA!

de Constantin CHEIANU
(piesa in stil rapp)

Roma

Teatro delle Emozioni
Via Tor Caldara, 23 (Metro A - Arco di Travertino)

Luni, 29 iunie, orele 19:00

Informatii si prenotari la info@irfionlus.org sau tel. 320-1161307
Intrarea: € 5,00

Scenografia şi regia artistică
Alexandru GRECU, Maestru în Artă

Muzica
Sandu GRECU junior, SUA

Maestru de balet
Dumitru TANMOŞAN

Costume
Rodica BARGAN

Distributia:
Vlad ŞAPTEFRAŢI, student la Drept
Arcadie RĂCILĂ

Petru ŞAPTEFRAŢI, tatăl lui Vlad, medic la Spitalul Urgenţei
Viorel CORNESCU

Maria ŞAPTEFRAŢI, mama lui Vlad, profesoară de liceu
Irina RUSU

Cristina ŞAPTEFRAŢI, sora lui Vlad, liceană, clasa a XII
Nina TODERICO

DECANUL
Vasile CAŞU

Sandu, prietenul din copilărie al lui Vlad ŞAPTEFRAŢI
Petru BOUROŞ

NECUNOSCUTUL
Igor MITREANU

Andrei, colegul de facultate al lui Petru ŞAPTEFRAŢI
Vitalie TAPU, Leonid BUZURNÂI

STAS
Valentin DELINSCHI

DOAMNA DIRECTOR
Lilia CAZACU

MEDICUL
Elena OLEINIC

ALIONA, asistenta doctorului Petru ŞAPTEFRAŢI
Ludmila GHEORGHIŢA

BĂRBATUL
Ion GROSU, Iurie POPA

LICEENII
Alexandrina GRECU,
Dan CORNESCU,
Ana Victoria BABIN

GRUPUL DE INTERPREŢI RAPP
Arcadie RĂCILĂ
Petru BOUROŞ
Nina TODERICO
Leonid BUZURNÂI
Iurie POPA

http://satiricus.md/repertoriu_ro/volodea_volodea/

Associazione IRFI "Italia Romania Futuro Insieme" onlus

Bologna: Domande per servizio civile regionale

Bologna, 28 giu. - (Adnkronos) - E' aperto fino al 22 luglio il bando per la selezione di volontari per il servizio civile regionale rivolto ai giovani fra i 18 e i 28 anni, comunitari e stranieri in regola con la normativa sul permesso di soggiorno. Ne da' notizia la Provincia di Bologna, ricordando che sono disponibili 19 posti e 7 progetti in ambito sanitario, culturale, formativo e assistenziale, per un impegno di 20 o 25 ore settimanali e una durata di 10 o 12 mesi.


Fonte: Adnkronos IGN.

Creştinii îi sărbătoresc astăzi pe Sfinţii Petru şi Pavel


Astăzi, creştinii îi sărbătoresc pe Sfinţii Petru şi Pavel. Potrivit Ministerului Administraţiilor şi Internelor, peste 260.000 de români îşi aniversează astăzi onomastica.

Potrivit statisticilor existente la nivel naţional, aproximativ 225.000 dintre aceştia sunt bărbaţi şi poartă numele Petru, Petre, Paul, Pavel sau Petrică. Dintre femeile care poartă numele unuia dintre sfinţii apostoli, majoritatea răspund la numele de Paulina, Petronela şi Petruţa.

Sursa: Realitatea TV

Comisia Europeană cere Franţei să recunoască studiile şi calificările românilor şi bulgarilor


Comisia Europeană a transmis vineri Franţei o scrisoare de notificare prin care îi cere să actualizeze listele de calificări ce beneficiază de recunoaşterea automată, prin adăugarea calificărilor corespondente din Bulgaria şi România, se arată într-un comunicat al CE.

Comisia arată că termenul limită pentru transpunerea în legislaţia naţională a directivei ce prevede adaptări tehnice ale regulilor din domeniul calificărilor profesionale, în urma aderării Bulgariei şi României la Uniunea Europeană, a expirat la 1 ianuarie 2007.

Franţa nu a pus în practică încă toate prevederile necesare, conform CE. Directiva 2006/100/EC, ce adaptează Directiva calificărilor profesionale, prevede că, de la 1 ianuarie 2007, România şi Bulgaria trebuie incluse în sistemul de recunoaştere a diplomelor ce conferă oricărui solicitant ce are o diplomă prin care poate să exercite o profesie reglementată în statul membru de provenienţă să o poată exercita şi într-un alt stat membru.

"Atâta timp cât directiva nu este transpusă în legislaţia naţională, specialiştii ce deţin documente de calificare profesională din Bulgaria sau România riscă să fie supuşi unor proceduri birocratice lente şi care nu sunt necesare, înainte de a putea să îşi exercite dreptul de a munci oriunde în Uniunea Europeană, iar utilizatorii potenţiali ai serviciilor oferite de aceşti specialişti pot fi privaţi de posibilitatea de a beneficia de expertiza lor", se arată în comunicatul Comisiei.

Curtea Europeană de Justiţie poate impune Franţei plata unei sume globale sau a unor penalităţi, dacă nu sunt luate măsuri în acest sens, avertizează CE.

Sursa: NewsIn

Polo - România a câştigat Turneul Internaţional Cupa României 2009


Duminica, 28 Iunie 2009

Naţionala României de polo pe apă a câştigat, duminică, Turneul Internaţional Cupa României 2009, disputat la Bucureşti, după ce a învins reprezentativa Germaniei cu scorul de 8-7 (0-0, 3-2, 2-3, 3-2) şi a acumulat 3 victorii din 3 meciuri, informează site-ul oficial al competiţiei. Foto (1)
Vezi Galerie Articol
România a disputat în cadrul acestui turneu trei meciuri şi s-a impus în toate, obţinând următoarele rezultate:

România - Rusia 9-3 (3-2, 1-0, 2-0, 3-1)

România - Ungaria 6-5 (2-1, 1-2, 2-2, 1-0)

Germania - România 7-8 (0-0, 2-3, 3-2, 2-3).

În clasamentul final al turneului, România a fost urmată de Ungaria (campioana olimpică) - 4 puncte, Rusia - 2 puncte, şi Germania - 0 puncte.

Golgheterul competiţiei, care s-a disputat în perioada 26-28 iulie la bazinul Dinamo, a fost Radu Cosmin, cu 7 reuşite.

Naţionala României participă în luna iulie la Campionatele Mondiale de Nataţie, care se desfăşoară la Roma.

Sursa: REALITATEA.NET

Miss Italia nel mondo e' moldava


2009-06-28
Padre romeno e madre di origini siciliane, parla 5 lingue

(ANSA) - JESOLO (VENEZIA), 28 GIU - Miss Italia nel Mondo 2009 e' la liceale Diana Curmei, 19 anni di Chisinau, giunta al concorso come Miss Moldavia. E' stata eletta al Palazzo del Turismo di Jesolo scelta fra 50 finaliste di 43 nazioni. Seconda la romena Simona E. Lungu di 22 anni, terza l'argentina Ana P. Ras Vitiello, 18 anni. Diana e' alta 1.76. Castana, occhi marroni, parla 5 lingue, ha una sorella. Il padre e' romeno, la mamma di origini siciliane. Danza, ama la fotografia e fa volontariato.

Fonte: ANSA.

Romeno si tuffa in dora per un bagno e scompare

(ANSA) - AOSTA, 28 GIU - Un romeno di 47 anni, residente a Saint-Vincent, Danut Cata, è scomparso questo pomeriggio dopo essersi tuffato nella Dora Baltea dal ponte delle Capre, a Saint-Vincent. Il fatto è avvenuto verso le 17,30.

L'uomo, impiegato come operaio in una ditta che si occupa di aree verdi, si trovava in compagnia di un connazionale, quando ha deciso di fare un bagno nel torrente e si è lanciato in acqua, ma non è più riemerso. Danut Cata aveva lasciato cellulare e portafogli all'amico, prima di buttarsi. Solo verso le 19, un suo connazionale, Costel Ursu, di 34 anni residente ad Ayas, si è recato dai carabinieri di Chatillon a dare l'allarme. Il romeno scomparso è sposato con cinque figli, i familiari sono in Romania.

Sul posto sono intervenuti per le ricerche la protezione civile, i vigili del fuoco professionisti e volontari che stanno setacciando la Dora. Solo pochi giorni fa a Champdepraz un giovane egiziano, sempre residente a Saint-Vincent, è scomparso dopo essere caduto in un torrente. (ANSA).

Fonte: Regione Autonoma Valle D'Aosta.

Romii vor să îşi schimbe titulatura în "indiromi", pentru a nu mai afecta imaginea României în lume


Sambata, 27 Iunie 2009

Reprezentanţii romilor vor ca titulatura de "rom" să fie înlocuită cu cea de indirom, "pentru a nu mai afecta imaginea României, din cauza infracţiunilor comise de unii romi", urmând ca o decizie să fie luată în cadrul unei conferinţe la Strasbourg, a declarat Dorin Cioabă.

"Vrem să ne debarasăm de această denumire, rom, pentru a nu mai fi acuzaţi de autorităţile din România că facem uz de numele ţării. Nu vrem să mai fim noi oaia neagră, să ni se spună că doar romii fac nenorociri prin afara ţării", a declarat corespondentului NewsIn, Dorin Cioabă, fiul regelui romilor Florin Cioabă.

Acesta a adăugat că a fost deja înfiinţată "Asociaţia Indirom", urmând ca această propunere să fie discutată în cadrul unei conferinţe de la Strasbourg de săptămâna viitoare.

"Sperăm ca la noua asociaţie să adere toate organizaţiile, iar ulterior demunirea de indirom să fie recunoscută în actele oficiale. Am ales această denumire pentru că noi ne tragem din India şi nu vrem să mai fie făcută vreo legătură cu România sau oraşul Roma", a precizat Dorin Cioabă.

Sursa: NewsIn

Chivu scalpita sotto l'ombrellone


Il difensore dell'Inter, attualmente in vacanza sul Mar Nero, è carico in vista della prossima stagione: "Dobbiamo vincere la Champions".

Cristian Chivu dalle pagine del quotidiano rumeno Evenimentul zilei si sente carico per la prossima stagione. Il difensore dell'Inter vuole rivincere il campionato e centrare finalmente l'agognato obiettivo Champions League: "Dobbiamo vincere la Champions e fare più di quanto abbiamo fatto lo scorso anno". Il centrale nerazzurro, che sta passando le vacanze insieme alla moglie Adelina e alla figlia Natalia sul litorale del Mar Nero a Mamaia, giura fedeltà al Biscione: "Non ho nessuna intenzione di andarmene da Milano, perchè non sono il tipo di calciatore che cambia subito squadra, per me il lato umano conta moltissimo".

Fonte: Sportal.tv

Due vittime del lavoro in Emilia Romagna


Un operaio romeno di 31 anni è morto a Bibbiano, nel Reggiano, precipitando per 15 metri nel vuoto. A Cento (Ferrara) un artigiano è caduto dal balcone dove stava montando una tenda da sole.

Reggio Emilia, 26-06-2009

Stava lavorando alla costruzione del tetto di un capannone quando è caduto all’interno della struttura. È morto così, dopo un volo di circa 15 metri Florin Sidorov, un operaio romeno di 31 anni. L’incidente è avvenuto questo pomeriggio in Via Sacco e Vanzetti a Bibbiano, comune della Val d'Enza, nel Reggiano. Non sono ancora chiare le cause dell’ennesimo incidente mortale sul lavoro, sul quale stanno indagando i Carabinieri e gli esperti di medicina del lavoro dell'Ausl di Montecchio Emilia. La vittima, residente a Medesano (Parma), è morto poco dopo il trasporto all'Ospedale di Reggio Emilia.

A Cento il secondo volo mortale
A Cento, in provincia di Ferrara, Umberto Govoni, un artigiano di 57 anni, di San Matteo della Decima, nel Bolognese, è morto per le lesioni riportate nella caduta dal balcone sul quale stava montando un tendone da sole. L'incidente è avvenuto in una villetta in via Rigone. Mentre stava lavorando, l'uomo è forse scivolato cadendo dal balcone da un'altezza di tre metri, battendo violentemente la testa. Inutili i soccorsi e le cure: trasferito all'ospedale di Ferrara, è morto in serata. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri di Cento e dei tecnici della medicina del lavoro.

Fonte: RaiNews24.

România, statul cu cei mai mulţi proprietari de locuinţe


26 iunie 2009

România este statul membru al Uniunii Europene (UE) cu cel mai mare număr de proprietari de locuinţe raportat la totalul populaţiei, de 96%, depăşind semnificativ media de 65% a blocului comunitar, a anunţat vineri Eurostat, într-un raport bazat pe date din anul 2007, citat de Mediafax

Prin urmare, în România, 96% dintre gospodării deţineau locuinţa în 2007, 2% locuiau în spaţii puse la dispoziţia lor gratis, 1% plăteau chirie pentu spaţiul pe care îl ocupau, în timp ce alţi 1% plăteau chirie la tarife sub preţul pieţei, arată statistica.

Spre deosebire de ţara noastră, numai 65% din populaţie eţine o locuinţă, în timp ce 21% plătesc chirie la preţul pieţei, 8% la tarife reduse şi 2% locuiesc în amplasamente care nu percep chirie.

56% din totalul românialor locuiesc în case, 41% în apartamente şi 3% în vile. În Europa, 46% dintre familii ocupă apartamente, 30% case şi 22% vile.

Sursa: Antena3.ro

venerdì 26 giugno 2009

Fight Gym Grosseto in un doppio confronto con un club rumeno


25-Jun-2009
Fight Gym Grosseto in un doppio confronto con un club rumeno
I ragazzi della palestra di via Della Repubblica sperano di ripetere le ottime prestazioni registrate nell’edizione di Shock of the ring

Castiglione della Pescaia: Venerdì 26 e domenica 28 giugno, il primo nella zona antistante l’ingresso dello stadio comunale di calcio ed il secondo nell’elegante e rinnovata piazza Garibaldi in Castiglione della Pescaia, vi sarà il doppio confronto fra una squadra di pugili sia uomini che donne tutta formata fra atleti della Fight Gym Grosseto allenati dai maestri Raffaele D’Amico e Cristian Albanesi ed una squadra rumena proveniente da Tg-Mures ai piedi della Transilvania.
Nel terzo evento del 2009, Amedeo Raffi, Presidente dell’Associazione, proporrà l’esordio di un cadetto appena quindicenne nella categoria dei kg. 85 per quanto riguarda il pugilato e di Federico Meconcelli e Alessandro Bretti nella Kick Boxing.
I ragazzi della palestra di via Della Repubblica sperano di ripetere le ottime prestazioni registrate nell’edizione di Shock of the ring in piazza San Francesco e per questo si stanno preparando al top per non tradire le aspettative dei loro tifosi.
Il ring della Fight Gym Grosseto ancora una volta raggiungerà in modo non usuale nuove locazioni perché lo sport del pugilato raggiunga da vicino la gente e sia conosciuto nella sua essenza più pura del dilettantismo.
Tali eventi vengono realizzati con l’indispensabile collaborazione dei fratelli Alessandro ed Andrea Del Mecio per quanto riguarda Grosseto e dell’Amministrazione Comunale di Castiglione della Pescaia in particolare nella persona dell’Assessore Davide Bulleri che non ha esitato a mettere a disposizione il salotto nuovo della piccola Svizzera Maremmana.

Fonte: Maremma News.

Romeni d'Italia. Migrazioni, vita quotidiana e legami transnazionali


Presentazione del libro:
Romeni d'Italia. Migrazioni, vita quotidiana e legami transnazionali
Torino 26 giugno 2009 - ore 18:00
P.za Carlo Alberto

Nell'ambito del Festival dell'Oralità popolare Pietro Cingolani presenterà il suo libro "Romeni d'Italia. Migrazioni, vita quotidiana e legami transnazaionali" (Il Mulino 2009). Ne discuterà con l'autore l'antropologo Marco Aime.

Alla presentazione parteciperanno anche membri delle associazioni romene e protagonsti della cultura popolare romena in migrazione.

I migranti romeni sono in Italia da più di quindici anni, rappresentano la principale collettività straniera, con un'incredibile complessità e articolazione sociale. Nonostante la sovraesposizione mediatica e le strumentalizzazioni politiche di cui i romeni sono stati oggetto, fino ad oggi sono state prodotte poche ricerche approfondite e rigorose su questo gruppo straniero. Romeni d'Italia è la prima monografia pubblicata nel nostro paese a proporre un percorso di conoscenza antropologica che si snoda tra i territori d'arrivo e il paese d'origine, ponendo in primo piano la voce dei migranti. Il lettore viene immerso in un fitto reticolo di legami e memorie che collegano l'Italia alla Romania, e che restituiscono anche un'immagine del nostro paese attraverso gli occhi dei nuovi cittadini.

Fonte: Roma Intercultura.

Romena eletta a Padova: 300 voti e il sogno della legalità

di Giannino della Frattina

Nona Evghenie ce l'ha fatta. E ora, dopo l'ultimo spoglio, è la prima donna romena a essere stata eletta consigliere comunale a Padova. Da clandestina a rappresentante dei cittadini, la sua è una di quelle storie che è bello raccontare. Una di quelle che fanno bene, la speranza che l'integrazione non sia solo un sogno lontano. La testimonianza che correttezza e rispetto della legge qualche volta possano non aver frontiere. E superare anche i confini geografici disegnati dall'uomo. «Gli immigrati - assicura lei - sono i primi che pretendono la certezza della pena. Cosa che in Italia non si può dire che esista: voglio che chi sbaglia paghi e chi è onesto abbia il diritto ad avere un futuro». Trent'anni, Nona Evghenie affronta oggi con un italiano perfetto il tema della sicurezza. Particolarmente sentito nella città di Sant'Antonio, così come in buona parte del Nord preso d'assalto da tanti extracomunitari che hanno preferito seguire le strade della criminalità. E lei assicura che questo sarà uno dei primi punti della sua azione politica, il suo primo impegno.
Candidata nelle liste di quel Partito democratico che ha spinto il sindaco-sceriffo Flavio Zanonato alla rielezione (quello che alzò il muro in via Anelli, il bronx padovano), lei vive in città da quando aveva 23 anni. Ed è stata eletta con 330 voti, guadagnati tra i 7.500 connazionali che risiedono nel comune. «Ma a votarmi - ci tiene a precisare - sono stati anche gli italiani, un terzo dei miei elettori».
La sua storia politica è recente. «Il mio impegno nasce assieme al Pd due anni fa - spiega - E tutto questo, ora che sono diventata una consigliera comunale, mi sembra incredibile. Soprattutto ripensando al mio primo anno in Italia. Da clandestina».
Laureata in economia internazionale nella sua città di origine, Nona è arrivata a Padova per congiungersi con la madre che lavorava qui. Ma insieme alla madre, ha trovato anche l'amore: «Ho incontrato un ragazzo italiano che oggi è mio marito - racconta - Mia mamma non voleva che mi fermassi qui dopo tanti sacrifici fatti per studiare. Non voleva che facessi la sua stessa vita da badante o facendo le pulizie».
Ma lei alla fine è rimasta in Italia e oggi lavora come tecnico gestionale in un grande gruppo bancario. Nei prossimi giorni si saprà quale ruolo avrà in consiglio comunale: «Mi piacerebbe lavorare per l'integrazione e le pari opportunità - confessa - ma anche nel campo delle politiche economiche. Un po' quello che ho studiato».

Fonte: Il Giornale.

O româncă a fost aleasă pentru prima dată în consiliul local din Padova


Joi, 25 Iunie 2009

O româncă a fost aleasă pentru prima dată în consiliul local din Padova, pe listele Partidului Democrat (PD, de centru-stânga) al lui Dario Franceschini, relatează Il Gazzetino în ediţia electronică.

Nona Evghenie, în vârstă de 30 de ani, licenţiată în economie internaţională în ţara de orgine şi angajată la un grup bancar important din Padova, a obţinut 330 de voturi. "M-au votat şi italieni, sunt o treime dintre alegătorii mei", a declarat tânăra.

Ea a intrat în politică în urmă cu doi ani, o dată cu formarea PD. "Mi se pare incredibil, ţinând cont că în primul meu an în Italia eram imigrantă ilegală, faptul că în prezent am devenit consilier comunal", spus Evghenie.

Printre priorităţile sale politice se număra siguranţa. "Imigranţii sunt primii care cer certitudinea pedepsei, despre care nu se poate spune că există în Italia: vreau ca cei care greşesc să plătească şi cei care sunt cinstiţi să aibă dreptul la un viitor", explică ea.

Nona Evghenie a ajuns în Italia la vârsta de 23 de ani, în vizită la mama sa care lucra în Peninsulă. "Am întâlnit un băiat italian, care astăzi este soţul meu; mama nu voia să mă opresc după atâtea sacrificii făcute pentru a studia, nu voia să fiu ca ea, menajeră sau femeie de serviciu", îşi aminteşte femeia, care în cele din urmă a rămas în Italia.

În următoarele zile se va afla ce rol va avea în consiliul local. "Mi-ar plăcea să lucrez pentru integrare şi oportunităţi egale, dar şi în domeniul politicilor economice, adică ceea ce am studiat", spune ea.

Sursa: NewsIn

MAE are probleme mari cu banii: Mai multe ambasade, anunţate să reducă din cheltuieli


24 iunie 2009
Foto: Antena 3

Ministerul de Externe are probleme mari cu banii. După ce luni, surse oficiale declarau că în consiliul de conducere al MAE s-a hotărât închiderea a 14 oficii consulare şi misiuni diplomatice din Africa, America de Sud şi Orientul Îndepărtat, marţi mai multe ambasade, printre care cele de la Londra, Washington şi Roma au fost anunţate să reducă cheltuielile.

Potrivit unor surse din cadrul Ministerului, citate de Mediafax, pe lângă ambasadele României de la Londra, Roma şi Washington, au fost de asemenea atenţionate şi reprezentanţele României la UE şi NATO, care de asemenea au cheltuieli foarte mari.

Totodată consulatul general de la Hong Kong şi ambasada României în Belgia au fost şi ele atenţionate să reducă din cheltuieli.

Informaţia vine la o zi după ce consiliul de conducere al MAE a decis reducerea cheltuielilor de capital şi de personal cu 20%, la alte opt dintre misiunile cu cele mai ridicate bugete.

Şi tot luni, consiliul de conducere al MAE a hotărât că ar fi bine să închidă 14 oficii consulare şi misiuni diplomatice din Africa, America de Sud şi Orientul Îndepărtat, printre acestea numărându-se ambasadele din Etiopia, Peru, Malaezia şi consulatul general de la Cape Town.

De asemenea, printre propunerile făcute de conducerea MAE figurează şi desfiinţarea consulatelor generale de la Sydney şi Lyon.

Deocamdată este vorba doar despre propuneri, iar decizia se va lua la nivelul preşedintelui şi al prim-ministrului.

Sursa: Antena 3

Peste 2.000 de tineri români de peste hotare vor veni în tabere organizate de MAE în România


Miercuri, 24 Iunie 2009

Peste 2.000 de tineri cu orginie română din ţări ca Republica Moldova, Ucraina, Serbia, Ungaria, Spania, Italia sau Israel vor participa în această vară la taberele de şapte zile organizate de MAE la Sulina, Poiana Pinului, Eforie Sud şi 2 Mai, în cadrul unui program ce va fi lansat joi.

Departamentul pentru Relaţiile cu Românii de Pretutindeni din Ministerul de Externe va lansa joi, la Farul Vechi din Sulina, programul de tabere pentru tinerii de origine română din comunităţile româneşti de peste hotare, denumit generic ARC. Din partea MAE va participa secretarul de stat pentru relaţiile cu românii de pretutindeni, Eugen Tomac, anunţă un comunicat al instituţiei.

În cadrul programului ARC, în această vară, peste 2.000 de tineri de origine română din Republica Moldova, Ucraina, Serbia, Ungaria, Bulgaria, Albania, Croaţia, Grecia, Austria, Germania, Spania, Italia, Portugalia, Franţa, Marea Britanie, Belgia, Olanda, Israel şi Autoritatea Naţională Palestiniană vor avea parte de o vacanţă de şapte zile în România.

Programul ARC se desfăşoară în cinci serii, în centrele de agrement pentru tineret din Sulina, Poiana Pinului, Eforie Sud şi 2 Mai. Tinerii care participă la aceste tabere sunt elevi, studenţi sau membri ai organizaţiilor româneşti de peste hotare. În prima serie, cea de la Sulina, vor fi găzduiţi timp de o săptămână 150 de elevi şi profesori ai şcolilor româneşti din Dubăsari, Râbniţa, Tighina şi Tiraspol, localităţi din regiunea transnistreană a Republicii Moldova.

În luna august, la Eforie Sud, finalul programului ARC va fi marcat prin organizarea celei de-a IV-a ediţii a Şcolii de Vară “Comunităţi româneşti şi identitate europeană” la care vor participa 500 de tineri etnici români din comunităţile româneşti din vecinătate, Uniunea Europeană şi Orientul Mijlociu.

Programul de tabere ARC este o iniţiativă a Departamentului pentru Relaţiile cu Românii de Pretutindeni din cadrul MAE, derulată în parteneriat cu Ministerul Tineretului şi Sportului şi Ministerul Transporturilor şi Infrastructurii şi sub Înaltul Patronaj al Preşedintelui României.

Sursa: NewsIn

Romania conduce in UE la numarul de morti in accidente auto


Download fisiere:
Raportul Consiliului European pentru Securitatea Transporturilor


Romania este printre statele UE cu cea mai mare rata a accidentelor rutiere mortale, potrivit studiului publicat luni de Consiliul European pentru Securitatea Transporturilor. 3.063 de persoane si-au pierdut viata in urma unui accident rutier in Romania in 2008, comparativ cu 2007 cand 2.794 de persoane au decedat pe soselele tarii.

Numarul mortilor inregistrate in urma accidentelor rutiere a crescut anul trecut in Romania cu 10%, potrivit Consiliului European pentru Securitatea Transporturilor. Romania inregistreaza cea mai mare crestere din Uniunea Europeana in acest domeniu.
Romania, Bulgaria, Polonia si Lituania au rata mortalitatii cea mai ridicata din UE, dar inregistreaza si cele mai slabe progrese in a reduce acest fenomen. Raportul mentioneaza de asemenea ca Romania, Italia si Bulgaria inregistreaza cele mai multe masini de lux din Uniunea Europeana.
Numarul persoanelor decedate in tara noastra in urma accidentelor rutiere intre 2001-2008
Romania 2,454 2,414 2,232 2,446 2,623 2,573 2,794 3,063
Anul 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
39.000 de persoane au murit in accidente rutiere pe teritoriul UE in 2008
Scaderea la jumatate a numarului mortilor in accidente rutiere pana in 2010 in raport cu 2001, ramane inca departe de acest obiectiv. Aceste cifre reprezinta totusi o scadere cu 8,5 la suta fata de 2007.
Numarul anual al mortilor in accidente rutiere a scazut cu 15.400 din 2001 (54.400), o scadere cu o medie de 4,4 la suta pe an. In acest ritm, UE va avea nevoie de inca sapte ani pentru a-si atinge obiectivul, dar anumite state, printre care Franta, Belgia si Spania l-ar putea atinge.
In Uniunea Europeana, 79 de persoane la un milion de locuitori au murit anul trecut in accidete rutiere, fata de 113 in 2001. In acest calcul intra si persoanele care au murit in urma ranilor suferite in accidente rutiere in termen de 30 de zile. Statele Unite inregistreaza 122 de morti la un milion de locuitori.
Strazile Suediei, Olandei, Marii Britanii si Elvetiei (care nu face parte din UE) sunt cele mai sigure din Europa, dupa insula Malta. Toate aceste state sunt sub pragul de 50 de morti la un milion de cetateni.
Norvegia si Germania sunt aproape de primele locuri, urmate de Irlanda, Finlanda, Spania, Franta, Danemarca, Luxemburg si Italia. Toate celelalte state depasesc media europeana, in timp ce Bulgaria, Letonia, Grecia, Romania, Polonia si Lituania se apropie de pragul de 150 de morti la un milion de locuitori.
In 2008, unele dintre cele mai periculoase state si-au redus in mod semnificativ statisticile, printre care Estonia (-33 la suta), Lituania (-33 la suta), Slovenia (-27 la suta) si Letonia (-25 la suta).
ETSC explica partial aceasta ameliorare prin criza economica si nivelul ridicat al pretului petrolului inregistrat la inceputul anului.
Pe perioada dintre 2001 si 2008, Luxemburg, Franta si Portugalia se claseaza pe primele locuri cu cea mai mare rata de ameliorare, reducand cu cel putin 47 la suta numarul mortilor, urmate de Spania si Letonia (-43 la suta), Belgia (-38 la suta) si Germania (-36 la suta). In schimb, in Romania si Bulgaria situatia s-a inrautatit.

Sursa: EurActiv.

Italienii îşi vând organele pe Internet. Transplanturile, realizate în România


Italienii îşi vând organele pe Internet. Transplanturile, realizate în România
24 iunie 2009

Din cauza crizei economice, italienii recurg la gesturi greu de imaginat. Aceştia au ajuns să-şi vândă organele pe internet pentru a face rost de bani. Şi mai interesant este faptul că transplanturile sunt realizate în state precum România, Bulgaria sau Isreal.

Potrivit Adnkronos International, din ce în ce mai mulţi italieni recurg la vânzarea organelor pe internet. Există secţiuni speciale pentru cei care îşi doresc să-şi vândă ficatul, rinichii sau măduva spinării.

Un organ este licitat pe internet pentru preţuri între 50.000 şi 300.000 de euro. În ultima perioadă, sute de anunţuri în limba italiană ale persoanelor care vor să vândă organe au fost publicate pe internet. Numărul acestora a început să crească, după începerea crizei economice.

Un astfel de anunţ conţine datele personale ale vânzătorilor, o fotografie a acestora, analize de sânge, date de contact şi, bineînţeles, suma de bani cerută.

"Sunt tânăr, dar nu reuşesc să-mi găsesc un loc de muncă şi am grave probleme financiare. Am hotărât să vând ceva indispensabil, o parte din ficat, un rinichi, măduva spinării, pentru că trebuie să fac rost de bani ca să-mi ajut familia", scrie un tânăr italian, într-un anunţ pe internet.

Legea italiană nu permite vânzarea organelor vitale, intervenţiile chirugicale fiind realizate în ţări precum Bulgaria, România Israel.

În Israel, preţul unui transplant de rinichi costă până la 20.000 de euro. În fiecare an, sunt vânduţi 15.000 de rinichi şi 14.000 de ficaţi.

Sursa: Antena3.ro

Calcio, Romania: Dario Bonetti nuovo allenatore Dinamo Bucarest

Bucarest

Dario Bonetti, ex calciatore di Roma, Juventus e Milan, è il nuovo allenatore della Dinamo Bucarest con cui ha firmato un contratto di due anni a 10.000 euro al mese. Bonetti, 47 anni, prende il posto del rumeno Mircea Rednic, che la scorsa stagione ha condotto la Dinamo al terzo posto in campionato conquistando così un posto in Europa League, la vecchia Coppa Uefa. L'ex difensore ha iniziato la carriera da allenatore nel 2000 in Scozia, nel Dundee, come vice di suo fratello Ivano, per poi passare alla Juve Stabia.
(24/06/2009) (Spr)

Fonte: La Repubblica.

In calo le morti sul lavoro ma sempre più vittime tra gli immigrati

Economia
Presentato oggi il rapporto Inail per il 2008
In calo le morti sul lavoro ma sempre più vittime tra gli immigrati. Fini: "Serve una cultura della sicurezza"

Roma - (Adnkronos) - Prosegue il trend positivo che vede una diminuzione continua degli infortuni, che si attestano a 874.940. Nel 2008 per la prima volta dal 1951 gli incidenti mortali sono scesi al di sotto dei 1.200 casi all'anno, -7,2% rispetto al 2007. Incidenza maggiore per gli immigrati. Il presidente della Camera: "Non puo' essere considerato come una fatalita' che irrompe all'improvviso e quasi casualmente, bensi' deve essere considerato come la conseguenza statisticamente prevedibile della condizione in cui si svolge e organizza il lavoro"

Roma, 24 giu. - (Adnkronos) - Sono 874.940 gli infortuni sul lavoro e 1.120 gli incidenti mortali per il 2008. E' quanto emerge dal Rapporto annuale dell'Inail, presentato oggi a Roma a Montecitorio. Per la prima volta dal 1951, primo anno per il quale si dispone di statistiche attendibili e strutturate, nel nostro Paese il numero di infortuni mortali e' sceso al di sotto dei 1.200 casi all'anno. Nel 2008, infatti, i morti del lavoro sono diminuiti del 7,2% rispetto ai 1.207 dell'anno precedente. Nel giro di circa quaranta anni, si e' passati dal tragico record storico di 4.664 morti sul lavoro del 1963, apice del boom economico, ai poco piu' di 1.500 di inizio millennio.

Tale trend decrescente e' poi proseguito negli anni Duemila: tra il 2001 e il 2008, gli infortuni mortali sono diminuiti di circa il 28% in valori assoluti e di oltre il 33% se il dato e' rapportato agli occupati, che nello stesso periodo di tempo sono aumentati dell'8,3%. In ogni caso, il calo e' stato continuo e sostenuto dal 2001 (1.546 infortuni mortali) al 2005 (1.280 casi) per interrompersi per un improvviso quanto imprevisto rialzo nel 2006, che ha registrato 1.341 decessi. I dati 2007 (1.207) e 2008 (1.120) hanno segnato di nuovo una decisa riduzione degli eventi mortali. Il pericolo numero uno per i lavoratori e' la strada, colpevole di oltre la meta' delle morti bianche.

Dei 1.120 infortuni mortali del 2008, infatti, 335 sono quelli determinati da circolazione stradale in occasione di lavoro (autotrasportatori, commessi viaggiatori, addetti alla circolazione stradale, ecc.) e 276 quelli in itinere, ovvero sul percorso casa lavoro e viceversa, accaduti prevalentemente su strada. Un dato particolarmente importante, quest'ultimo, se si tiene presente che alcuni Paesi dell'Europa a 15 (Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi, Regno Unito e Portogallo) non rilevano gli infortuni in itinere e che tra questi, Irlanda e Regno Unito, non registrano neppure quelli stradali occorsi durante l'esercizio dell'attivita' lavorativa.

Nel 2008 gli stranieri assicurati all'Inail hanno superato quota 3.266.000: si tratta del 6% in piu' rispetto all'anno precedente e del 41,9% in piu' rispetto al 2004, quando i lavoratori immigrati erano poco piu' di 2,3 milioni. Tuttavia, a fronte dell'aumento occupazionale del 6%, l'incremento degli infortuni tra lavoratori stranieri nel corso del 2008 e' stato solo del 2%, passando dai 140.785 incidenti sul lavoro del 2007 ai 143.561 del 2008. Risulta invece sostanzialmente invariato il numero degli infortuni mortali, che nel 2008 rimangono intorno ai 180 casi.

Gli immigrati pero' continuano a presentare un'incidenza infortunistica piu' elevata rispetto a quella dei loro colleghi italiani: 44 casi denunciati all'Inail ogni 1.000 occupati contro i 39 dei lavoratori autoctoni. Sempre nel 2008 gli eventi infortunistici occorsi a lavoratori stranieri hanno rappresentato il 16,4% del totale. Poco meno del 96% degli infortuni (per l'esattezza 137.223) si e' verificato nel settore dell'industria e servizi, contro il 90% per il totale dei lavoratori.

In particolare, prevale il peso delle attivita' di tipo industriale, in primo luogo le costruzioni che con 19.719 denunce rappresentano il 13,7% di tutti gli infortuni riguardanti i lavoratori stranieri. Questo settore, inoltre, detiene anche il primato degli infortuni mortali tra gli immigrati: ben 43 nel 2008, che equivale a 1 decesso su 4 tra tutti quelli segnalati all'Istituto. Venendo al personale domestico, 72 infortuni su 100 hanno colpito lavoratori di origine straniera, quasi sempre colf o badanti di sesso femminile. Sono inoltre Marocco (22.519 denunce di infortunio), Romania (21.400) e Albania (14.746) i Paesi che ogni anno denunciano il maggior numero di infortuni, totalizzando nel complesso ben il 41% degli incidenti sul lavoro e il 50% dei casi mortali.

"L'infortunio sul lavoro non puo' essere considerato come una fatalita' che irrompe all'improvviso e quasi casualmente nella vita lavorativa, come, cioe', una calamita' che sopravviene dall'esterno, bensi' deve essere considerato come la conseguenza statisticamente prevedibile della condizione in cui si svolge e organizza il lavoro", ha affermato il presidente della Camera Gianfranco Fini, intervenendo alla presentazione del Rapporto.

"Non e' possibile -ha aggiunto- separare nella riflessione il tema degli infortuni e delle morti dal piu' ampio tema della salute, intesa come sinonimo dell'integrita' psico-fisica della persona che lavora. Ne consegue che e' sempre piu' urgente rimettere al centro del dibattito il concetto di 'tutela della salute nel lavoro' cosi' da rendere 'la cultura della sicurezza' un elemento inscindibile rispetto ad ogni tipo di prestazione lavorativa".

"Purtroppo la geografia e la configurazione del nostro tessuto imprenditoriale registra talvolta gravi inadempienze e ritardi culturali. Sono sicuro -ha concluso Fini- che con il concorso di tutti, delle forze sociali, di tutte le componenti del mondo della produzione e del lavoro, di tutte le istituzioni, potremo grantire piu' alti livelli di prevenzione e di tutela, precondizione indispensabile per diventare un Paese economicamente e socialmente piu' equilibrato e soprattutto maggiormente capace di garantire la dignita' e, quindi, la salute del cittadino che lavora".

Fonte: Adnkronos IGN.

L'Onu alla Romania: "Riaprite le adozioni"

di Sara De Carli
23 giugno 2009
ADOZIONI. L'Onu alla Romania: "Riaprite le adozioni"

Dopo la raccomandazione del Comitato Onu, AiBi lancia una petizione internazionale

"Una famiglia per ogni bambino romeno”: è questo il titolo della petizione che Ai.Bi., con il coinvolgimento di altre associazioni di tutela dell’infanzia, intende avviare sul proprio sito internet (www.aibi.it) per raccogliere le adesioni di quanti vorranno sostenere il diritto dei minori alla famiglia attraverso la riapertura delle adozioni internazionali. La petizione sarà presentata a Bruxelles, in occasione della Tavola rotonda promossa da Ai.Bi. giovedì 9 luglio.

La Romania infatti ha di fatto chiuso le adozioni internazionali dal 1 gennaio 2005, con una legge che consente l'adozione all'etero di minori rumeni abbandonati solo ai nonni. Il Parlamento romeno ha adottato, lo scorso 16 marzo, un provvedimento di urgenza per modificare la legge 273/2004 in cui estende l’adozione internazionale anche ai parenti del bambino, fino al terzo grado, residenti all’estero.

"Purtroppo é evidente la mancanza di politiche adeguate per contrastare l’abbandono minorile nel Paese - ha detto Marco Griffini, presidente di Ai.Bi. - Non solo il Governo non è riuscito a promuovere l’adozione nazionale, ma non ha nemmeno favorito la nascita di Associazioni di genitori adottivi, linfa vitale dell’accoglienza familiare. Anche l’affido familiare non è decollato perché le istituzioni hanno preferito puntare sulla figura delle assistenti maternali: donne che ricevono un assegno mensile per occuparsi dei bambini, senza essere adeguatamente preparate né formate. In questo modo si è creata una generazione di rumeni senza famiglia".

Secondo gli stessi dati ministeriali, in Romania sono 80mila i minori fuori dalla famiglia che vivono in istituto o in stato di accoglienza temporanea (dati del Servizio Pubblico Specializzato per la Protezione del Bambino).

Una situazione che il Comitato ONU per i Diritti dell’Infanzia ha ora criticato ufficialmente, inviando venerdì 12 giugno, alcune raccomandazioni al Governo romeno. La legge rumena è definita come "contraria al supremo interesse dei minori romeni" e per prima cosa l'Onu raccomanda alla Romania di riaprire l’adozione internazionale dei minori, in conformità a quanto sancito dalla Convenzione de l’Aja

Fonte: Vita.

martedì 23 giugno 2009

Roma si libra / Festa dell’editoria romana


Partecipazione dell’Accademia di Romania in Roma
a Roma si libra / Festa dell’editoria romana

Roma Piazza del Popolo 27 giugno – 5 luglio 18.00 – 23.00

MERCOLEDÌ, 1 LUGLIO 2009
Piazza del Popolo, Spazio incontro A

Ore 18.00 Letteratura Romena in Italia
* Presentazione del libro Perché amiamo le donne di Mircea Cărtărescu / Ed. Voland 2009

A fronte di un quotidiano grigiore che talvolta rende inaccettabile la nostra stessa esistenza, si ritrova qui in ogni racconto un seme di ‘eccezionalità’, che produce frutti sorprendenti e si cela in ciò che è ‘ordinario’. Un omaggio – spesso nell’accezione più concreta, sentimentale ed erotica – tributato alle donne per il solo fatto “di essere donne”. Storie raccontate in maniera divertente e raffinata da un narratore la cui vita assomiglia, quasi fossero due gocce d’acqua, a quella di Mircea Cărtărescu, autore dallo stile ricercato, apprezzato dal pubblico e dalla critica.

Mircea Cărtărescu è nato a Bucarest nel 1956. È considerato uno dei più interessanti scrittori dell’Est Europa, e sicuramente il più importante autore romeno contemporaneo. I suoi libri sono stati tradotti in tutte le maggiori lingue europee. Dello stesso autore Voland ha già pubblicato Travesti (2000), Nostalgia (2003) con il quale Cărtărescu si è aggiudicato il prestigioso Premio Acerbi nel 2005, e Abbacinante. L’ala sinistra (2007).

Interverranno: Sandra Pertignani, critico letterario
Bruno Mazzoni, Univ. di Pisa (traduttore del libro)

* Presentazione del libro La farfalla dalle ali bruciate di Ştefan Damian/Edizioni Nemapress 2009

Metafora della soggezione a un despota, reale o immaginario, politico o sentimentale, La farfalla dalle ali bruciate di Stefan Damian può significare la morte della fantasia, ma, prima di tutto, l’agonia della libertà.

Stefan Damian è nato a Hodos – Bodrog, Arad, nel 1949, laureato in lettere italiane e romene all’Università di Cluj dove insegna l’italiano. E’ autore di diversi saggi dedicati alla letteratura italiana tra cui Federigo Tozzi, Una lezione contestuale (2000), Le versioni romene del Cantico di Frate sole (2001), Lettere dai tempi di guerra (2006).

Con la partecipazione di: Bruno Rombi, critico letterario
Neria di Giovanni, presidente Editrice Nemapress, vicepresidente dell’Associazione Internazionale dei Critici Letterari
In presenza dell’autore

Dalle ore 19.00 presso lo Stand delle Accademie "Finalmente in questa capitale" seguirà una lettura pubblica di Ştefan Damian.

VENERDÌ 3 LUGLIO 2009
Piazza del Popolo, Spazio incontro B

Ore 19.00 * Presentazione libro / Il Cavaliere della rassegnazione di Horia Vintilă / Il Cerchio 2009

La Casa Editrice Il Cerchio ha pubblicato una nuova edizione in lingua italiana del grandioso romanzo di Vintila Horia Il Cavaliere della rassegnazione, con un'inedita e feconda Introduzione di Franco Cardini, medievista di fama internazionale.
Anche ad una successiva rilettura, si tratta di un'edizione pregiata per un testo di assoluta contemporaneità, che indaga sui rapporti tra l’Europa e l’Islam, e tra l’Oriente e l’Occidente: tutti temi di grande attualità.

Horia Vintilă è nato a Segarcea nel 1915. Dal 1948 si trasferisce in Argentina dove insegna all'Università di Buenos Aires e dal 1953 in Spagna ove vive fino alla sua morte. Nel 1960 vince il Premio Goncourt con il suo libro Dio è nato in esilio. Fra i suoi libri più noti pubblicati in Italia, oltre a Dio è nato in esilio, La donna dell'Apocalisse, Il cavaliere della rassegnazione, Gli Impossibili, La settima lettera (sulla vita di Platone), Guida alla lettura di Ovidio e Diario di un contadino del Danubio.

Interverrà: Simonetta Bartolini, Università S. Pio V, Roma

27 giugno – 3 luglio
Finalmente in questa capitale
Stand delle Accademie

Per l’intera durata della fiera presso lo Stand delle Accademie saranno disponibili materiali legati all’attività dell’Accademia di Romania in Roma.

Accademia di Romania

"Le colline non hanno occhi" con ospite Nichi Vendola - Mercoledì 24 giugno '09 - 01.10 Raitre‏


Comunicato stampa
Mercoledì 24 giugno '09 - 01.10 Raitre
Le colline non hanno occhi
www.unmondoacolori.rai.it

Mercoledì 24 giugno Rai Educational, per la serie Un mondo a colori, presenta "Le colline non hanno occhi", in onda alle ore 1.10 su Raitre.

Anche quest’anno si riapre la stagione della raccolta dei pomodori in Puglia, e come ogni anno il ricorso al lavoro nero sarà massiccio. Ma perché sembra non esserci un’alternativa a questa consuetudine? E chi sono i lavoratori sfruttati, da dove vengono? Federico Ruffo ed Emilio Casalini sono andati sui campi pugliesi, e hanno compiuto un viaggio tra i nuovi schiavi delle campagne della Puglia.

L’inchiesta di “Un mondo a colori” prende le mosse dall’operazione “Terra promessa” dei Carabinieri del Ros, che ha portato alla liberazione di 115 polacchi, tenuti per anni in schiavitù nelle campagne del foggiano, mentre si indaga ancora sulla scomparsa di circa 30 immigrati e sulla morte misteriosa di altri 15, tutti giunti in Puglia dalla Polonia per lavorare. Il sospetto è che siano stati giustiziati dopo dopo essersi ribellati ai caporali.

Attraverso il racconto della vita di chi sui campi lavora di giorno e si deve nascondere di notte perché clandestino, Valeria Coiante mostrerà il dramma del caporalato, tra controlli carenti, omertà diffusa, ispettori del lavoro corrotti, e ne discuterà in studio con l’on.Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia, la sen. Adriana Poli Bortone, vice sindaco di Lecce, Antonio Virgilio, capomissione di Medici senza Frontiere, e l’imprenditore agricolo Giuseppe De Filippo.

La puntata sarà on line, in streaming, a partire da giovedì 25 giugno, sul sito del programma: www.unmondoacolori.rai.it

Un mondo a colori - Rai Educational

Sistem de verificare în timp real a datelor personale ale cetăţenilor români din străinătate

21.06.2009
Ministrul Afacerilor Externe, Cristian Diaconescu, a susţinut astăzi, 21 iunie, la sediul MAE, o conferinţă de presă privind introducerea unui sistem care facilitează verificarea în timp real a datelor personale ale cetăţenilor români din străinătate. În cadrul conferinţei a avut loc şi o simulare a mecanismului care permite implementarea acestei facilităţi.
Noul sistem de verificare a datelor personale în timp real este realizat de Ministerul Afacerilor Externe în colaborare cu Ministerul Administraţiei şi Internelor şi reprezintă un pas important în reforma serviciilor consulare prestate în beneficiul românilor de peste graniţă.
„De la 1 iulie, Ministerului Afacerilor Externe pune la dispoziţia cetăţenilor români din străinătate un sistem modern de verificare a datelor personale în timp real. Este un pas important în reforma serviciilor consulare prestate în beneficiul românilor de peste graniţă”, a declarat Cristian Diaconescu.
Transcriere;
Comunicat;

Sursa: Ministerul Afacerilor Externe.


Verificarea datelor personale ale românilor din străinătate se va face în timp real de la 1 iulie

21 iunie 2009
Foto: Antena 3

De la 1 iulie confirmarea permiselor de conducere şi a titlurilor de călătorie cerute de românii din străinătate se va face în timp real. Ministerul de Externe a pus la punct un sistem de verificare a datelor cu caracter personal de către oficiile consulare româneşti. Concret, până acum confirmarea în legătură cu permisele de conducere dura chiar şi o lună. Pe baza acestui sistem, problemele se pot rezolva într-o zi. Ministrul de Externe Cristian Diaconescu dă asigurări că sistemul este securizat, iar datele personale sunt protejate.



Sursa: Antena 3

Ormai nei cantieri si parla romeno

domenica 21 giugno 2009
I dati della Cassa edile
Ormai nei cantieri si parla romeno
di Giuseppe Taccini

Romeno. Tra i 18 e i 35 anni. Segni particolari: operaio comune. È l’identikit della manodopera edilizia di Roma e Provincia che nell’ultimo triennio ha visto una forte crescita dei lavoratori stranieri. Dal 6,8 per cento del totale dei lavoratori iscritti alla Cassa edile del 1998 si passa al 49,9 del 2008. Un balzo in avanti straordinario che, valutato sotto l’aspetto numerico - dai 1874 si arriva ai 31.904 - rende ancor più l’idea del boom di lavoro straniero che sta caratterizzando la Capitale e il territorio limitrofo. La parte del leone la fanno i romeni che rappresentano il 75 per cento del totale dei lavoratori provenienti dall’estero e che hanno sostituito nel tempo polacchi e albanesi, prevalenti una decina di anni fa. I comuni più abitati dagli operai dopo Roma, con più di 20mila unità (con particolare presenza nei municipi 8 e 13), sono Guidonia Montecelio, con 1617 lavoratori e Velletri (1340). L’insieme dei dati, forniti dalla Cassa edile di Roma e Provincia nel corso del primo rapporto annuale sull’occupazione nel settore edile a Roma, presentato a Palazzo Rospigliosi, indica come sempre più italiani si rifiutano di impiegarsi nel settore dell’edilizia. «I lavoratori italiani occupano una fascia medio-alta di età, sopra i 45 anni, mentre gli stranieri prevalgono in quella medio-bassa, dai 18 ai 35 anni - spiega Edoardo Bianchi, presidente della Cassa edile romana - Questo chiaramente significa che c’è una sempre maggiore ritrosia da parte dei nostri connazionali a svolgere certe mansioni». In 50 anni di attività, appena festeggiati, la Cassa edile ha registrato un trend positivo, soprattutto negli ultimi 10 anni: dalle 4.491 imprese per 27.361 lavoratori del 1998 si passa alle 11.544 imprese per 63.092 lavoratori del 2008. L’arrivo in massa di manodopera dall’estero ha prodotto una progressiva dequalificazione del lavoro: gli operai comuni rappresentano oggi il 47,3 per cento del totale contro il 28,6 del 1998. Si assiste negli ultimi 5 anni a un’impennata del lavoro part-time: dai 3mila lavoratori del 2003, pari al 10, per cento si passa ai 9500 del 2008, esattamente il 22,6 per cento. La crisi ha inciso anche nel settore edilizio: paragonando il primo semestre di quest’anno con quello dello scorso anno, risulta una diminuzione di tre milioni di ore lavorate per una media per lavoratore di 112 ore mensili e 1344 annuali. L’incubo disoccupazione è dietro l’angolo se non si interviene con strumenti adeguati: «Sarebbe banale chiedere più risorse. Una cosa che invece si può chiedere a tutti gli enti locali è una maggiore celerità nello svolgimento delle istruttorie per le varie autorizzazioni - precisa il presidente della Cassa edile di Roma -. Altrimenti si rischia a ottobre la disoccupazione di qualche milione di persone, tra l’edilizia diretta e quella indotta. Come imprenditori, abbiamo la percezione che questo problema non viene vissuto adeguatamente dalla pubblica amministrazione. Per una pratica che può essere istruita in 10 giorni, oggi servono 4 mesi. E non va bene». A preoccupare chi lavora nell’edilizia è anche la scarsità delle commesse pubbliche rispetto a quelle private: «I lavori pubblici non decollano, il Comune di Roma ha fatto 30-40mila appalti l’anno scorso ma nel mese di agosto per esempio il lavoro è stati pari a zero» chiarisce Sandro Grugnetti, vicepresidente della Cassa edile.

Fonte: Il Giornale.

Tasse sul lavoro, Italia maglia nera in Ue


Economia
Milano (Adnkronos/Aki) - E' il Paese europeo dove il carico fiscale sul lavoro è più alto. Lo rileva l'Eurostat. Le tasse e i contributi sociali rappresentano il 44% del costo del lavoro contro il 42,3% della Svezia e il 42,3% del Belgio. L'imposta sui consumi in compenso è più bassa della media europea

Bruxelles, 22 giu. (Adnkronos/Aki) - L'Italia è al primo posto in Europa per la tassazione sul lavoro. E' quanto emerge da un comunicato diffuso da Eurostat, l'Ufficio di statistica Ue, relativi al 2007.

Dati alla mano, in Italia il carico fiscale che ricade sul reddito lavorativo nel 2007 è stato pari al 44%, in salita rispetto al 42,5% del 2006. Seconda in classifica la Svezia, 43,1%, e a seguire il Belgio, 42,3%. I livelli più bassi dell'Unione sono invece stati osservati a Malta, 20,1%, Cipro 24% e Irlanda 25,7%. Il tutto a fronte di una media dell'Ue a 27 paesi del 34,4% nel 2007, invariata rispetto al 2006.

Sul fronte delle tasse sul capitale, in Italia sono salite al 36,2% nel 2007, contro il 34,2% del 2006; ma trend in salita anche per l'Ue a 27 paesi, al 28,7% nel 2007 contro il 25,7% dell'anno precedente. Sotto la media Ue invece le imposte sul consumo, nel Belpaese al 17,1% nel 2007, inferiori al 17,4% del 2006 e al 17,9% del 2000, mentre l'Unione ha registrato rispettivamente: 22,2%, 22% e 20,9%. Prima dell'Italia troviamo Grecia, al 15,4% nel 2007 e Spagna, 15,9%. Imposta sul consumo più alta dell'Ue invece in Danimarca, nel 2007 al 33,7%, Svezia al 27,8% e Ungheria 27,1%.

Fonte: Adnkronos IGN.

Tot ce trebuie să ştiţi despre constatarea amiabilă în caz de accident

Romania
AUTO Soluţionarea accidentelor uşoare se simplifică de la 1 iulie

Tot ce trebuie să ştiţi despre constatarea amiabilă în caz de accident
de Loredana VOICULESCU 23 IUNIE 2009

„Există posibilitatea ca cele două opinii să nu corespundă. Fiecare scrie ce crede şi apoi se vor certa companiile de asigurări, pentru stabilirea vinovatului“, Albin Biro, membru CSA

„Posibilitatea unor fraude creşte. Nu toţi şoferii sunt corecţi. Va fi destul de greu, în unele cazuri, ca societăţile de asigurări să stabilească vinovatul, în locul organelor de poliţie“, Bogdan Andriescu, expert în cadrul societăţii EOS Risq

Accidentele uşoare, fără puncte de penalizare
Foto: Valeriu Tanasoff

Şoferii care fac accidente soldate doar cu daune materiale pot scăpa, de la 1 iulie, de drumul la Poliţie, dar şi de eventualele amenzi şi puncte de penalizare, odată cu introducerea constatării amiabile (în terminologia de specialitate constat).

Constatul este un formular pe care şoferii implicaţi într-un accident uşor şi care nu se află sub influenţa băuturilor alcoolice sau a drogurilor îl vor putea completa pe loc cu datele accidentului, fără să mai fie nevoiţi să anunţe Poliţia. Noua metodă, care este opţională, fiind o alternativă la varianta tradiţională, funcţionează deja în toate statele Uniunii Europene.

„Comisia de Supraveghere a Asigu­rărilor (CSA) a făcut deja apel la companiile de asigurări pentru ca acestea să le dea tuturor posesorilor de RCA câte un formular de constat amiabil“, a declarat pentru Gândul Albin Biro, membru al CSA.

Vinovăţia, stabilită de asiguratori

Noutatea este că vinovăţia va fi decisă de companiile de asigurări unde posesorii de automobile au poliţa RCA, şi nu de către Poliţie. Ambii şoferi trebuie să accepte soluţionarea prin procedura de constatare amiabilă.
„Există posibilitatea ca cele două opinii să nu corespundă. Fiecare scrie ce crede şi apoi se vor certa companiile de asigurări, pentru stabilirea vinovatului. Însă, dacă una dintre părţi nu este de acord cu semnarea acestui document, atunci constatarea accidentului va putea fi făcută numai de unitatea de poliţie pe raza căreia s-a produs accidentul“, a explicat Biro.

Formularul, care are două pagini au­to­­­copiative, trebuie completat, prin­­tre altele, şi cu datele celor care au fost martori la evenimentul rutier, pre­cum şi cu o schiţă a accidentului. Repre­zentanţii companiilor de asigurări îi avertizează pe automobiliştii care vor recurge la constatul amiabil să fie atenţi. „Pentru a evita anumite neplăceri, cel mai bine este să se verifice permisul de con­ducere, cartea de identitate, talonul maşinii, poliţa RCA ale celuilalt şofer, pentru a fi siguri că acesta le-a com­pletat corect în formularul de constat amiabil, astfel încât asiguratorul să întocmească în mod corect dosarul de daună“, avertizează la unison reprezentanţii asiguratorilor.
Fiecare conducător auto îşi păstrează o pagină pe care va trebui să o ducă, în termen de 24 de ore la compania de asigurări care i-a eliberat poliţa RCA. „Formularul este la fel cu ceea ce se completa până acum la Poliţie în caz de accident, doar că de la 1 iulie se va completa pe capota maşinii, dacă aceasta nu este prea şifonată“, mai spune Biro.

Asiguratorii se tem de fraude

Unele companii de asigurări privesc cu reţinere introducerea constatului amiabil, temându-se de posibilitatea unor fraude. „Posibilitatea unor fraude creşte. Nu toţi şoferii sunt corecţi. Va fi destul de greu, în unele cazuri, ca societăţile de asigurări să stabilească vinovatul, în locul organelor de poliţie“, ne-a declarat Bogdan Andriescu, expert în cadrul societăţii EOS Risq. În schimb, preşedintele Astra Asigurări, Radu Mustăţea, este de părere că odată cu introducerea, de la 1 iulie, a constatului amiabil, costurile societăţilor de asigurări nu vor creşte semnificativ.

Info plus:
Când se poate folosi constatul amiabil
• Accidentul rutier nu este soldat cu victime
• În accident sunt implicate doar două vehicule asigurate cu RCA
• Şoferii nu se află sub influenţa alcoolului
• Autoturismele au inspecţia tehnică periodică la zi (Sursa: CSA)

Sursa: Gandul.

Fiumicino, investito da auto dopo discoteca: morto 20enne

Un romeno di 20 anni è morto la scorsa notte a Fiumicino a seguito di un incidente stradale. Secondo una ricostruzione delle forze dell'ordine il giovane stava attraversando via dell'Aeroporto di Fiumicino all'altezza di via della Scafa, intorno alle 3.40 quando è stato preso in pieno da una auto, una Nissan Qashqai alla cui guida c'era una donna di 34 anni. Molto probabilmente il romeno era uscito da poco da una discoteca. Sul posto i carabinieri del gruppo di Ostia e i sanitari del 118.
(21 giugno 2009)
Fonte: La Repubblica.

Ulster: 2 teenager arrestati per attacchi a famiglie rumene

Esteri
Belfast, 21 giu. (Adnkronos/Dpa) - Due teenager sono stati arrestati in relazione agli attacchi a sfondo xenofobo compiuti pochi giorni fa contro la comunita' rumena a Belfast, nell'Irlanda del nord. A renderlo noto e' stata la polizia, precisando che i due sospetti, di 15 e 16 anni di eta', sono stati arrestati con l'accusa di comportamenti provocatori, alla quale per il 15enne si aggiunge quella di intimidazione. I due giovani compariranno davanti ad una corte di Belfast domani. Le famiglie prese di mira - tra cui figurano oltre 40 bambini ed un nenonato di cinque giorni - hanno cercato rifugio in una chiesa dopo gli attacchi di martedi'.

Fonte: Adnkronos IGN.

domenica 21 giugno 2009

Ferie. Ecco cosa spetta a colf e badanti

Assindatcolf ricorda le regole da seguire per le vacanze dei collaboratori domestici

L’estate è alle porte e molti già pianificano le vacanze. Perché le ferie sono un diritto di tutti i lavoratori, compresi colf, baby sitter e badanti. La loro durata, il periodo per usufruirne e le altre regole da seguire per i collaboratori domestici sono state precisate da Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, aderente a Confedilizia.

Nel prospetto paga dei mesi estivi da consegnare al proprio collaboratore, vanno evidenziati i giorni di ferie godute, le eventuali ferie eccedenti o quelle godute in maniera anticipata, gli eventuali giorni di permesso non retribuito, le indennità di vitto e alloggio e la diaria di trasferta (se dovute). Ecco le indicazioni principali:

Entità delle ferie
Il lavoratore, indipendentemente dalla durata dell’orario di lavoro, ha diritto, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore, a 26 giorni di ferie.

Nuovi assunti
Chi non ha maturato un anno di servizio ha diritto a tanti dodicesimi del periodo di ferie in proporzione ai mesi di effettivo servizio prestato. Se il lavoratore dovesse fare richiesta di un periodo di ferie superiore a quelle maturate, il datore può scegliere di anticipare i giorni di ferie non maturati oppure di considerare tale periodo di assenza come permesso non retribuito.

Periodo di godimento
Il datore di lavoro può fissare le ferie (compatibilmente con le proprie esigenze e con quelle del proprio dipendente) nel periodo tra giugno e settembre.

Accordi diversi
Le parti, di comune accordo, possono decidere che le ferie possono essere usufruite in modo diverso, tenendo però presente che il diritto alle ferie è irrinunciabile.

Trasferta
Il lavoratore convivente ha il dovere di seguire il proprio datore o la sua famiglia nelle trasferte estive (presso, per esempio, la seconda casa al mare o in montagna). Se l’obbligo di trasferta non è stato previsto nel contratto di assunzione, al lavoratore verrà corrisposta una specifica diaria giornaliera pari al 20% della retribuzione minima tabellare.

Limiti
Il D.Lgs. n. 66/2003 ha previsto che ogni lavoratore ha diritto a godere di un periodo minimo di 4 settimane di ferie non monetizzabili. Le ferie devono avere carattere continuativo per uno o due periodi. Devono essere fruite per almeno 2 settimane entro l’anno di maturazione e per almeno due ulteriori settimane entro i 18 mesi successivi. A tale ultimo principio, il CCNL fa una deroga per i lavoratori di cittadinanza straniera che possono (su richiesta degli stessi e con l’accordo del datore) cumulare le ferie di un biennio per utilizzarle tutte insieme per "un rimpatrio non definitivo".

Retribuzione e indennità
Durante le ferie al lavoratore deve essere corrisposta per ciascuna giornata una retribuzione pari a 1/26 della retribuzione di fatto mensile. Al lavoratore che usufruisca del vitto e dell’alloggio spetta nel periodo delle ferie il compenso sostitutivo convenzionale.

Licenziamento o dimissioni
In caso di licenziamento o di dimissioni, al lavoratore spetta la monetizzazione di tanti dodicesimi del periodo di ferie quanti sono i mesi di effettivo servizio.

Infortuni o malattia
L’infortunio o la malattia occorso al collaboratore durante le ferie, le interrompe.

Fonte: Stranieri in Italia.

Mondovì, 21 giugno. Festa dei popoli


FESTA DEI POPOLI
Mondovì, 21 giugno. Festa dei popoli a Piazza Ellero (prima tettoia del mercato). A partire dalle ore 18.
Il programma:
ore 18,00: musica folk introduttiva con il gruppo "Fuory Rotta"
ore 18,15 : saluti e presentazione della manifestazione
ore 18,30: presentazione Campagna nazionale contro il razzismo, l'indifferenza e la paura
dell'altro intervento : " Non aver paura, apriti agli altri , apriti ai diritti "
ore 19.00: inizio degustazioni prodotti e cibi multietnici caratteristici
del Brasile, della Romania, dell'Egitto, delle Filippine, del Marocco, dell'Italia e
e musica folk con il gruppo "Fuory Rotta"
ore 20.00 : Spettacolo di musica, danze e folklore dalla Moldavia
ore 21.00 : musica e Danze e folklore dalle Filippine
ore 21.30 : musica e danze indiane
ore 22.00 : musica ritmica dal Senegal
ore 22.30 : musica e folklore dal Marocco
ore 23.00: Chiusura della serata
Saranno predisposti "stand" :
di presentazione dei vari paesi presenti alla serata,
delle associazioni che hanno aderito alla manifestazione
della Bottega “Cose dall'altro Mondo” con i prodotti equo e solidali.

Fonte: Di Tutti i Colori.

Luna di miele da incubo

Tour operator nei guai
Due giovani coniugi hanno deciso di fare causa a un tour operator di Parma, dopo essere stati bloccati per due giorni in un aeroporto egiziano. Su consgilgio degli operatori turistici il marito, di nazionalità rumena, aveva infatti lasciato a casa il passaporto

Come Tom Hanks nel film The Terminal. Solo che stavolta c’è di mezzo un tour operator di Parma, a cui due novelli sposi hanno deciso di far causa dopo essere stati trattenuti per 48 ore in un aeroporto egiziano. Motivo dell’inconveniente: il marito, di nazionalità rumena, su indicazione di agenzia di viaggi e tour operator aveva evitato di portare con sé il passaporto. Ora però, invocando una recentissima sentenza della Cassazione sulla “vacanza rovinata”, i coniugi hanno deciso di andare fino i fondo alla vicenda.

Stefania Soldati, 33enne romana, e Victoras Latu, 38enne di nazionalità rumena, lo scorso 14 giugno erano appena partiti per il viaggio di nozze diretti a Hurgada, una delle più esclusive località balneari del paese delle piramidi. Programma: sette giorni bagnati dal mar Rosso, in un resort da 904 euro a settimana.

Per i due, però, la luna di miele si è subito trasformata in un incubo. Appena atterrati a Hurgada, infatti, la polizia egiziana ha deciso di bloccare i giovani. Secondo gli agenti il marito, avendo con sé soltanto una carta di identità e non un passaporto, non aveva diritto ad entrare in territorio egiziano. Per due giorni, i novelli sposi sono così stati costretti a restare chiusi in uno spazio dell’aeroporto considerato territorio neutro.

Solo dopo 48 ore, firmando un misterioso “cartellino color beige”, marito e moglie sono riusciti a lasciare l’Egitto. Ma l’odissea non era ancora finita. La Soldati e Latu, infatti, sono stati rispediti in Italia con un volo diretto a Bergamo. Dalla città lombarda, poi, i due sono rientrati a Roma in treno passando addirittura per Milano. (20 giugno 2009)

Fonte: La Repubblica.

50 euro per un voto, "denaro e minacce a elettori romeni"


A Fonte Nuova (Roma) fallisce il tentativo di eleggere in Consiglio comunale un rappresentante della comunità romena. La denuncia di padre Bogdan, parroco ortodosso: "Offerte in denaro e minacce di perdere il lavoro"

ROMA - Cinquanta euro per un voto, quello per eleggere i componenti di un piccolo Consiglio comunale alle porte di Roma. Oppure, quando va peggio, la minaccia di perdere il proprio impiego se non si vota per il candidato indicato dal proprio datore di lavoro. Ecco dove vanno a finire i voti dei cittadini di nazionalita' romena iscritti nelle liste elettorali per le elezioni delle amministrazioni locali. La denuncia e' di padre Petre Bogdan, il parroco ortodosso a Fonte Nuova, comune di poco meno di 30 mila anime lungo la via Nomentana, una manciata di chilometri oltre il Grande Raccordo Anulare. Il sacerdote in un lungo colloquio con Redattore Sociale racconta la situazione della comunita' romena della capitale, anche dall'osservatorio del carcere di Rebibbia, nel quale e' ministro di culto ortodosso, e mette in evidenza l'assenza di politiche di integrazione e l'incapacita' degli stessi romeni di trovare un proprio rappresentante che possa portare la loro voce all'interno delle istituzioni: un obiettivo, questo, secondo padre Bogdan, assolutamente fondamentale per il futuro della comunita', ma che gli stessi romeni non hanno compreso, preferendo obbedire alle indicazioni di voto dei datori di lavoro o svendere la loro scelta per qualche banconota di piccolo taglio.

"Alle elezioni del 6 e 7 giugno scorsi- racconta padre Bogdan- la comunita' romena di Fonte Nuova ha giocato la carta di un proprio candidato per il consiglio comunale: l'idea era di avere un rappresentante che una volta eletto illustrasse le proposte e le esigenze della comunita' romena, ad iniziare dalla necessita' di un centro sociale polifunzionale e di una chiesa ortodossa". Una piccola carta da giocare, una strategia di azione sulla quale chiaramente ognuno poteva concordare o dissentire, anche perche' la rappresentanza di una comunita' non per tutti puo' essere coerente con una scelta specifica di tipo partitico. La strategia - risultati alla mano - e' risultata perdente: "Con circa 580 votanti romeni - spiega il sacerdote - il candidato ha ottenuto soltanto 72 voti, cioe' poco piu' del 10%", posizionandosi solo al quarto posto fra quelli di una lista civica capace di raccogliere l'8% complessivo dei voti. Una lista, "Cittadini per i valori", collegata, come molte altre, al candidato del Pdl che ha sfiorato con il 49,1% dei voti l'elezione al primo turno. Al di la' dei conteggi elettorali e delle piu' ampie considerazioni che possono essere fatte sull'opportunita' di una simile strategia, padre Bogdan e' amareggiato non tanto per il fatto che non si e' riusciti a concentrare i voti su un solo candidato, quanto per l'ignoranza e i motivi che stanno alla base della scelta: "Alcuni, perche' minacciati di perdere l'impiego, hanno dato il voto alle persone indicate dai loro datori di lavoro; altri ancora hanno venduto il loro voto per la misera cifra di 50 euro".

Legato al giorno elettorale, c'e' anche il rammarico da un lato per il mancato arrivo in tempo utile delle schede elettorali di una sessantina di romeni e dall'altro per la mancata possibilita' di verificare quelli che il sacerdote descrive come "i 150 voti annullati al candidato romeno", afferma padre Bogdan. A Fonte Nuova i voti nulli, secondo i dati non definitivi disponibili sul sito internet del Comune, sono stati complessivamente 364, il 2,34% di quelli espressi. "Siamo orfani- spiega padre Bogdaná- pur essendo ormai un numero considerevole (oltre 2 mila e 300 residenti su quasi 30 mila): siamo trattati come delle pecore buone da tosare, da mungere e forse anche da uccidere". Padre Bogdan e' convinto che la strada da seguire per uscire da questa situazione e' politica; a suo avviso infatti "questo e' l'unico linguaggio che conta e per il quale si e' tenuti in considerazione dalla comunita' italiana maggioritaria". "Se- puntualizza ancora il pope- avessimo l'appoggio del sindaco saremmo beneficiari di fondi, di spazi per un centro sociale dove avere un asilo, una scuola domenicale, una biblioteca, un museo: il dramma piu' grande e' la mancanza di uno spazio fisico che sia un luogo di aggregazione dove i romeni possano trascorrere insieme il tempo e una cappella o chiesa dove i fedeli ortodossi possano celebrare i loro riti. Ci vuole un punto fisso che dia stabilita' alle persone e alla comunita': abbiamo fatto richieste alle amministrazioni sia di Monterotondo che di Fonte Nuova ma senza risultati".

Per padre Bogdan "non esistono politiche di integrazione" perche' "cio' che interessa e' il nostro lavoro e non noi come persone, il nostro voto e non noi: finche' non ci sara' una tutela politica, amministrativa e giuridica per la comunita' romena le cose non cambieranno".

Domenica e lunedi' si vota nuovamente, per il ballottaggio: "La speranza e' che la nuova amministrazione sia piu' sensibile alle problematiche che riguardano l'integrazione degli stranieri e che si capisca che la comunita' romena non e' piu' da trascurare e non e' indifferente nello spazio cittadino: vogliamo creare un rapporto di collaborazione e di dialogo con le autorita', altrimenti si andra' avanti per conto proprio vivendo in realta' parallele (gli italiani da una parte, noi nel nostro ghetto), senza che ci sia un raggio di luce per essere integrati nel tessuto sociale del posto".(Dires - Redattore Sociale)
19 giugno 2009

Fonte: DIRE.

S-a mai stins o legendă. La 39 de ani de la Mondialul din Mexic, Mihai Mocanu a fost răpus de cancer


19 iunie 2009

Cel mai bun fundaş stânga din istoria fotbalului românesc, declarat astfel în anul 2000. Acesta era Mihai Mocanu, membru al "Generaţiei de la Guadalajara" din 1970, şi titular în toate meciurile de la Mondialul din Mexic, cu Brazilia, Anglia şi Cehoslovacia. Mocanu a murit joi, la 67 de ani, din cauza cancerului la esofag de care suferea, anunţă evz.

Starea de sănătate a lui Mihai Mocanu era una foarte proastă. În urmă cu trei ani, fostului fotbalist îi fusese amputat piciorul drept iar în ultima vreme era chinuit de cancer, situaţie de care ştiau şi colegii săi de generaţie.

Mocanu s-a născut pe 24 februarie 1942, la Constanţa, şi s-a făcut cunoscut la Petrolul Ploieşti, echipă la care s-a transferat în 1963 şi cu care a cucerit ultimul titlu de campioană al "găzarilor", în 1966, sub conducerea lui Ilie Oană. De altfel, Mocanu a jucat aproape toată cariera la Petrolul, fundaşul trecând doar pentru doi ani la Omonia Nicosia, în Cipru.

"Mi-aţi dat cea mai proastă veste din ultimii foarte mulţi ani. În astfel de situaţii regreţi că nu ai putut face nimic pentru un astfel de om. Mihai Mocanu a fost un fotbalist uriaş, un om care a trăit discret", a declarat Mircea Lucescu, coleg de echipă cu Mocanu, pentru sursa citată.

"Un băiat de nota 10. Îl iubesc. E prietenul meu cel mai bun. L-am vizitat la Ploieşti. N-am văzut până acum un fundaş mai harnic decât el.", declara mai demult Nicolae Lupescu despre Mihai Mocanu.

"Generaţia Guadalajara" a pierdut deja şapte reprezentanţi. Pe lângă Mihai Mocanu, foştii fotbalişti Adamache, Coe, Ivăncescu, Tătaru, Dumitrache şi Dobrin au trecut în nefiinţă.

Sursa: Antena3.ro

Assegni familiari, cambiano i livelli di reddito

Il contributo spetta a lavoratori italiani e stranieri. Scarica le tabelle

Roma – 18 giugno 2009 - Cambiano le soglie di reddito per gli assegni familiari. L’Inps ha pubblicato i nuovi valori, in vigore dal primo luglio 2009 al 30 giugno 2010.

L'assegno per il nucleo familiare spetta alle famiglie dei lavoratori dipendenti, dei pensionati da lavoro dipendente e, a determinate condizioni, dei lavoratori parasubordinati (come collaboratori coordinati e continuativi e liberi professionisti iscritti alla gestione separata dell'Inps) quando la somma dei redditi dei componenti è al di sotto di determinate soglie.

È una prestazione a sostegno del reddito, della quale possono godere i lavoratori italiani e stranieri.

La domanda va presentata al datore di lavoro o, per quanto riguarda lavoratori domestici e operai agricoli presso le sedi Inps. Nel primo caso l'assegno viene inserito in busta paga dal datore di lavoro, che poi verrà rimborsato, nel secondo pagato direttamente dall'Inps.

Scarica
Tabelle con gli importi degli assegni per ogni fascia di reddito e per numero di componenti del nucleo familiare

EP

Fonte: Stranieri in Italia.

Persi 204mila posti di lavoro, nel primo trimestre la disoccupazione è salita al 7,9%


Economia
I dati diffusi oggi
Persi 204mila posti di lavoro, nel primo trimestre la disoccupazione è salita al 7,9%
Roma - (Adnkronos/Ign) - Per la prima volta dopo 14 anni cala l'occupazione. Lo rileva l'Istat. Più marcata la flessione nel Mezzogiorno. Sacconi: ''Contrazione minore rispetto ai timori''. Damiano: ''Dati allarmanti e dal governo illusioni e silenzi''. Donne in pensione a 65 anni nella pubblica amministrazione, governo al lavoro con pressing Ue

Roma, 19 giu. (Adnkronos/Ign) - Cala l'occupazione in Italia, per la prima volta dopo 14 anni di crescita ininterrotta. Nel primo trimestre 2009 gli occupati nel nostro Paese sono diminuiti di 204.000 unità rispetto allo stesso periodo del 2008 (-0,9%). Il calo sintetizza la discesa di 426.000 unità della componente italiana e la crescita di 222.000 unità di quella straniera. E' quanto rileva l'Istat nei dati diffusi oggi.

Il calo dell'occupazione trova ragione nella caduta dell'occupazione autonoma delle piccole imprese, dell'occupazione a termine e nella riduzione del numero dei collaboratori ed è più accentuato nel Mezzogiorno (114mila posti di lavoro in meno).

Mentre le persone in cerca di lavoro sono cresciute di 221.000 unità portando il tasso di disoccupazione al 7,9% nel primo trimestre, il più alto dal 2005.

"I dati dell'Istat indicano una contrazione dei lavoratori attivi, ma, fortunatamente, in maniera minore rispetto a quello che potevamo temere - ha commentato il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi - Il fatto che ora l'Italia registri una disoccupazione al 7,9% ci deve preoccupare, ma per fortuna non raggiunge i livelli di disoccupazione di altri Paesi simili al nostro". E ricorda che il nostro Paese, fino a pochi anni fa "aveva un tasso di disoccupazione al 12%". Per questo, dice ancora Sacconi, "pur immersi nella straordinaria crisi globale registriamo il 7,9%".

Di diverso parere il responsabile Lavoro del Pd, Cesare Damiano. ''Un nuovo allarme viene dall'Istat: per la prima volta, dopo 14 anni, l'occupazione è in calo in Italia - sottolinea in una nota - Tutto questo si aggiunge alle cattive notizie che riguardano debito, deficit, esportazioni e cassa integrazione''. Tutte le associazioni del lavoro e dell'impresa, oltre che gli osservatori più attendibili, rileva l'ex ministro del Lavoro, ''sono concordi nel ritenere che l'autunno ci riserverà purtroppo brutte sorprese. Il tempo per agire prima dell'estate è breve e il governo continua a barcamenarsi tra false illusioni e silenzi imbarazzanti''.

Fonte: Adnkronos IGN.

Lavoro. Cgil: "Stranieri svantaggiati"

Lo rivela un sondaggio secondo cui gli immigrati sono spesso vittime di comportamenti discriminatori

Milano – 18 giugno 2009 - Avere nazionalità straniera è penalizzante sul luogo di lavoro. Sono concordi su questo i 200 lavoratori italiani e stranieri di Milano iscritti alla Cgil e intervistati per una ricerca sulla parità di trattamento e le discriminazioni sui luoghi di lavoro della Camera del Lavoro di Milano, sviluppata in collaborazione con l'Osservatorio sull'immigrazione dell'Ires. Nella classifica degli elementi più apprezzati infatti il passaporto straniero è in ultima posizione.

E se in testa alla classifica gli italiani mettono l'impegno, gli stranieri posizionano in cima alla graduatoria l'avere la nazionalità italiana. Dallo studio, emerge che i luoghi di lavoro sono ambienti dove si fa integrazione. L'immigrazione è infatti vista come una risorsa per l'84,5% degli italiani e il 95,5% degli stranieri. Il 71,4% degli italiani e il 52,3% degli stranieri sostiene che l'incontro tra culture diverse favorisca la crescita della società. Un parere positivo arriva anche sulla necessità di regolarizzazione dei clandestini e sui lati positivi della multietnicità (il 30,3% di italiani però ci vede anche il rischio di eccesso di manodopera).

Solo il 4,5% degli italiani vede nei clandestini problemi di ordine pubblico e l'86% non ha avuto con loro alcun rapporto problematico. Questo non esclude comportamenti discriminatori: il 53,4% ha subito appellativi razzisti, il 38,7% mancanze di tipo religioso, il 60,5% non ha visto sempre rispettato il contratto e il 48,3% è stato vittima di mobbing. È infatti comune l'individuazione della nazionalità e del colore della pelle come elementi sui quali si fondano le discriminazioni. Inoltre, i lavoratori stranieri sono meno soddisfatti per l'ambiente e la sicurezza (61,4%), orari e i ritmi (55,4%) e per la retribuzione (65,9%), confermata dalla differenza rispetto alle buste paga degli italiani: 1.048 per i primi, 1.320 per i secondi con uno scarto di quasi il 20%.

Per la maggior parte degli intervistati, infine, le aziende assumono personale straniero perchè è sempre più difficile reperirlo autoctono ma anche perché gli immigrati offrono maggiore flessibilità negli orari e nei contratti. Nell'ultimo anno il numero di immigrati in Lombardia è cresciuto, da 815.335 a 893.443 che rappresentano il 9,2% della popolazione residente nella Regione. Numeri importanti che si ripetono anche nella Provincia e nella città di Milano dove, rispettivamente, gli stranieri sono il 12,6% (394.047 immigrati) e il 14,6% (188.980).

Leggi la ricerca completa

Fonte: Stranieri in Italia.

venerdì 19 giugno 2009

Esperienza e classe, alla Yamamay arriva Turlea


Pallavolo
L'opposto rumeno è stato prelevato da Sassuolo. Un innesto "pesante" soprattutto in chiave europea. Villa Cortese non si ferma: prese anche Cruz e Secolo

Seconda mossa sullo scacchiere del mercato estivo per la Yamamay Busto Arsizio. Dopo l'ingaggio di Lucia Crisanti, prelevata da Perugia, la società del presidente Forte ha annunciato oggi l'arrivo di una bomber di alto profilo e dalla carriera solida come Carmen Turlea.
Rumena, 33 anni, Turlea arriva dalla Unicom Starker Sassuolo ma vanta un'esperienza nel nostro campionato iniziata addirittura nel 1997 con Matera e proseguita in piazze come Bergamo e Jesi, vincendo nella città orobica lo scudetto 2002. Nel 2007/08 è stata la miglior realizzatrice del campionato, una vena realizzativa che è stata confermata anche nell'ultimo torneo quando Carmen ha messo a segno ben 462 punti sfiorando il 40% in attacco.
Parisi avrà dunque a disposizione una delle giocatrici che vantano il miglior mix tra esperienza e rendimento, una sorta di "assicurazione" in vista del doppio impegno campionato-Coppa Cev.

Dal canto suo l'opposto rumeno ha parole dolci per la sua nuova squadra: «Ho scelto Busto Arsizio in maniera convinta e per diversi motivi. È una squadra che ho sempre apprezzato molto sin dalle sfide di A2 con Sassuolo (i due club diedero spesso vita a duelli infuocati ndr) per il modo di giocare improntato da coach Carlo Parisi. Inoltre da anni osservo con ammirazione il lavoro della società, che accompagna il progetto sportivo con serietà e competenza in tutti i campi. Giocare al Palayamamay, uno degli impianti migliori d'Italia e con un pubblico favoloso, sarà eccezionale: sono convinta che a Busto potrò fare molto bene e attendo di venire personalmente a conoscere il mio nuovo ambiente di lavoro, prima di qualche impegno con la mia nazionale e di un pò di relax estivo».

Nel frattempo, se la Yamamay prosegue nell'opera di "completamento" della formazione che affronterà la A1 per il terzo anno consecutivo, la McCarnaghi Villa Cortese continua a piazzare colpi ad effetto sul mercato. La società biancoblu, che aveva già firmato un trio eccellente come Berg, Anzanello e Cardullo, oggi annuncia due nuove campionesse: si tratta dell'azzurra Manuela Secolo, proveniente da Chieri, e della portoricana Aurea Cruz, di rientro dal campionato coreano. E, a quanto pare, non finisce qui.
18/06/2009

Fonte: Varese News.

Campania: Rumeno ucciso da clan, contributo Regione a famiglia

(AGI) - Napoli, 17 giu. - Dopo l'omicidio di Petru Birlandeanu, il musicista ambulante vittima lo scorso 26 maggio a Napoli di una sparatoria tra clan di camorra nel quartiere Montesanto, la giunta regionale campana, su proposta del presidente Antonio Bassolino, si accinge ad approvare venerdi' una delibera per stanziare un contributo alla famiglia del rumeno, sulla base di quanto previsto dalla legge regionale per il supporto dei parenti delle vittime di mafia e camorra. Bassolino, gia' nei giorni scorsi, ha chiesto al presidente della fondazione regionale Polis Paolo Siani di supportare la famiglia di Birlandeanu perche' ottenga nel piu' breve tempo possibile i benefici previsti dalla legge nazionale per le vittime di criminalita'. Il presidente, d'intesa col direttore del Madre Edoardo Cycelin, ha stabilito altresi' di intitolare le sale laboratorio dei bambini del museo alla memoria di Petru Birlandeanu. Bassolino, infine, insieme ai vertici della Fondazione Campania dei Festival Rachele Furfaro e Renato Quaglia, ha invitato artisti e spettatori del Teatro Festival Italia a osservare un minuto di silenzio in tutti gli spettacoli che si terranno stasera. Anche l'incasso della giornata sara' devoluto alla famiglia di Birlandeanu. "Le immagini diffuse in questi giorni del barbaro omicidio - sottolineano Bassolino, Furfaro e Quaglia - provocano forte dolore e scuotono nel profondo le nostre coscienze, perche' testimoniano quanto sia ancora lunga la strada da fare verso una societa' aperta, solidale e multiculturale. Nessuno di noi puo' restare indifferente di fronte a quanto accaduto a Montesanto. Poteva accadere, e accade sempre piu' spesso ovunque, perche' il prevalere di una cultura individualista in forme esasperate e' il brodo in cui si alimentano indifferenza e violenza. Ognuno di noi e' chiamato a fare la propria parte per affermare i valori della solidarieta' e della convivenza pacifica e civile, pur tra culture diverse".
"E' questo lo spirito che anima una manifestazione dal carattere internazionale come il Festival del Teatro in corso a Napoli, dove convergono migliaia di artisti e spettatori da tutte le parti del mondo. Ci sembra dunque giusto osservare un minuto di silenzio in tutte le manifestazioni del festival che si terranno oggi a Napoli, una citta' e un popolo che hanno sempre manifestato un grande spirito di accoglienza e che, nella loro stragrande maggioranza, siamo certi, sono vicinissimi al dolore dei parenti di Petru. Ed e' sicuramente significativo il fatto che all'inizio di ogni spettacolo un artista invii un messaggio di solidarieta' alla famiglia del giovane rumeno e di impegno nella lotta contro l'indifferenza.
Questo non solo per ricordare una vittima innocente, ma soprattutto, perche' si rifletta sempre piu' sul ruolo centrale che la cultura della solidarieta' e dell'inclusione devono avere qui da noi, in Europa e nel resto del mondo" hanno concluso Bassolino, Furfaro e Quaglia.

Fonte: AGI News On.

Leggi anche:
Montesanto, vince l´omertà: "Nessuno ha collaborato con noi"

Citeste si:
Repatrierea corpului bărbatului împuşcat la Napoli a fost plătită de autorităţile italiene
Sotia romanului ucis la metrou la Napoli, in vizorul Camorrei