La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 31 ottobre 2009

Omagiu pentru Mihaela Runceanu


Loredana Toma, 31 Octombrie 2009
„Fericirea are chipul tău/ Şi-n privirea ta voi sta mereu / Fericită să fiu/ Că iubirea o ştiu/ Împlinind viaţa mea...” - aceasta este „mărturisirea” Mihaelei Runceanu, o piesă apărută în anul 1989, cu puţin timp înainte ca artista să încheie, fără voia ei, socotelile cu viaţa.
Mâine se împlinesc 20 de ani de la moartea regretatei artiste, asasinată pe 1 noiembrie 1989, în locuinţa sa din Capitală. Casa de Cultură a Studenţilor va fi, mâine, de la ora 17.00, gazda unui eveniment comemorativ, intitulat „Eu nu te-am uitat”, organizat de trupa Amadeus şi Andreea Runceanu, verişoara cântăreţei.

„În avampremiera concertului, la 15.30, în foaierul Casei
de Cultură, vor fi prezenţi familia Runceanu, elevii Mihaelei, membrii Fan Clubului «Mihaela Runceanu», apropiaţi şi toţi cei care doresc să vadă filmări, să-i asculte muzica, să poarte discuţii legate de subiect, să asculte sau să depene amintiri legate de Mihaela”, a precizat Andreea Runceanu, totodată membră a trupei Amadeus. La ora 17.00 va începe spectacolul omagial, la care vor participa mulţi dintre elevii şi colegii Mihaelei, printre care Adrian Enache, Silvia Dumitrescu, Adrian Daminescu, Miki, Carmen Trandafir, Xenti Runceanu, Amadeus şi alţi invitaţi care au acceptat propunerea de a cânta benevol în cadrul evenimentului.

„Mi-a fost model de profesionalism şi de la ea am învăţat că trebuie să munceşti mult ca să ajungi la sufletele oamenilor. Poate că asta nu înţeleg mulţi artişti de acum, vor succes repede, cu mulţi bani şi muncă puţină. Mihaela a dispărut de 20 de ani şi nu numai că nu a fost uitată, dar este iubită la fel de mult”, a mai spus verişoara artistei, care îşi aminteşte de perioada când Mihaela le trecea pragul casei, ei şi familiei sale, şi transforma fiecare vizită într-o petrecere.

„Aveam 9 ani atunci când Mihaela a dispărut dintre noi. Eu o cunoşteam ca om, un om cald, tot timpul plin de viaţă. Mi-amintesc că, atunci când venea în vizită la noi, ne aducea tot timpul dulciuri şi cadouri
, iar vizita se prelungea într-o petrecere până în zori. Era extraordinar de haioasă, ştia să spună lucrurilor pe nume. Ce îmi aduc cel mai bine aminte era că ne distram copios de fiecare dată când ne vedeam şi că era o adevărată sărbătoare”, mai spune Andreea Runceanu.



AMINTIRE

20 de ani de la dispariţia unei stele

* Mihaela Valentina Runceanu s-a născut la Buzău pe 4 mai 1955.

* A urmat Liceul de muzică şi arte plastice din Buzău, pe care l-a absolvit ca şef de promoţie.

* A câştigat numeroase premii şi trofee la concursuri, pornind de la competiţia „Tinereţea Buzoiană”, unde a participat cu piesa „Anilor”, prima
recunoaştere publică a vocaţiei de solist de muzică uşoară, şi până la ediţiile concursului „Steaua fără nume” (inclusiv ediţia din 1989) sau concursul Mamaia '89.

* A fost profesoară de canto la Şcoala Populară de Artă din Bucureşti. Printre elevii săi se numără Silvia Dumitrescu, Miki, Adrian Enache, Carmen Trandafir, Mădălina Manole.

Pe 1 noiembrie 1989, în jurul orei 1.00 noaptea, Mihaela Runceanu a fost asasinată în garsoniera sa din Bucureşti, scopul crimei fiind jaful.
Fonte: evz.ro & Youtube

giovedì 29 ottobre 2009

Invito concerto anniversario Aliusmodum Il barocco tra Oriente e Occidente‏


Sabato, 31 ottobre 2009, ore 20,00
Sala Conferenze, Accademia di Romania

…il barocco tra Oriente e Occidente…
... barocul intre Orient si Occident ...

- concerto anniversario
dell'ensemble barocco Aliusmodum -

In occasione del 5° anniversario dell’ensemble Aliusmodum.

Mauro Lopes Ferreira, violino
Diego Roncalli, viola da gamba
Pierluigi Tabachin, flauto traverso
Cipriana Smãrãndescu, clavicembalo

In programma musiche di D. Speer, J.S. Bach, G.Ph. Telemann, Fr. Couperin.

Locandina

Accademia di Romania

“Roma mia, Roma mia….si parlerà di Romania”, Giovedì 29 Ottobre alle 18.15 su Radio Meridiano 12



Antenna sulla città.
Talkshow di Intercultura di Radio Meridiano 12


“Roma mia, Roma mia….si parlerà di Romania”

Giovedì 29 Ottobre alle 18.15 su Radio Meridiano 12, 97.5 FM a Roma e provincia

Un nuovo appuntamento con “Antenna sulla città”, il talkshow di intercultura di Radio Meridiano12.

La comunità romena in un anno ha raddoppiato la sua presenza in Italia. Partiamo da questo dato di Caritas Migrantes per dedicare la puntata settimanale di “Antenna sulla città” ad una popolazione ed una cultura che vive con noi ogni giorno.

Dare voce al popolo Romeno sarà il nostro obiettivo primario. Avvicinarci a loro partendo dalla conoscenza e scoperta delle tradizioni, dei costumi e del bagaglio culturale di questo popolo.

Ci interesseremo inoltre di un progetto appena nato nella Tuscia: “Il Centro universitario e culturale Romeno”. L’iniziativa, realizzata dalla Fondazione Omnia in collaborazione con l’Unione delle università di Cluj, vuole realizzare l’incontro tra percorsi culturali diversi.

Insieme a noi gli studenti del Montale con le loro curiosità e domande.

Ospiti in studio:

• Ramona Badescu, Consigliere per rapporti con la Comunità Romena
• Anca Maria Vanea, direttore responsabile del Centro Universitario e culturale romeno

Appuntamento Giovedì 29 Ottobre dalle 18.15 alle 19.30 su 97.5 FM di
Radio Meridiano 12.

Tutte le puntate di "Antenna sulla città" sono disponibili in podcast sul sito
www.radiomeridiano12.com.

Per info:

Redazione “Antenna sulla città” c/o Radio Meridiano 12
067480006

diretta@radiomeridiano12.com
antenna@radiomeridiano12.com

Românii din Italia s-ar întoarce în ţară, dar nu ca să lucreze la patron, ci pentru propriile afaceri


Miercuri, 28 Octombrie 2009

Cei mai mulţi dintre românii care lucrează în Italia vor să fie proprii lor patroni când se întorc în ţară, a declarat marţi şeful ANOFM, Silviu Bian.

"Nu avem o evidenţă legată de numărul celor care s-au întors din Italia, însă sunt români care s-au înregistrat la Agenţie şi şi-au exportat prestaţiile (şomajul n.r.) din Italia şi Spania. Marea majoritate vor să fie proprii patroni când se întorc acasă, iar în 18 luni aceştia vor beneficia de aceste instrumente de informare ce le vor prezenta condiţiile de muncă şi de viaţă pentru atunci când vor să se întoarcă acasă", a precizat preşedintele Agenţiei Naţionale pentru Ocuparea Forţei de Muncă, Silviu Bian.

ANOFM a lansat miercuri proiectul MEDIT - "Model de cooperare transnaţională pentru întoarcerea muncitorilor români" ce îşi propune să "definească aşteptările lucrătorilor români din Italia faţă de oportunităţile de angajare din România în urma intervievării a 1.000 de persoane din trei regiuni din Peninsulă cu concentraţie mare de români şi să culeagă informaţii referitoare la necesarul de forţă de muncă din România prin contractarea unui număr de 200 de firme".

Proiectul are o durată de 20 de luni, un buget total de 10,5 milioane lei şi este finanţat din Fondul Social European.

Şeful departamentului de migraţie din Italia, Federico Lazzarini, susţine că românii reprezintă cea mai mare numeroasă comunitate de lucrători din Italia, numărul acestora depâşind 600.000 de persoane, cei mai mulţi lucrând în construcţii, ca întreprinzători.

"Peste 400.000 de locuri de muncă s-au pierdut în ultimul an în Italia, însă acest număr îi priveşte mai mult pe italieni decât pe români în condiţiile în care, în aceeaşi perioadă, numărul lucrătorilor străini a crescut cu peste 200.000. Problema întoarcerii în ţară îi priveşte mai mult pe bărbaţi, iar noi ne propunem în cadrul acestui proiect să dăm certificate pentru competenţele dovedite celor care activează în construcţii, spre exemplu, ce pot fi folosite în România la negocierea unui salariu decent", a spus Lazzarini.

Pe de altă parte, şeful departamentului de migraţie din Italia a explicat că românii care doresc să se întoarcă nu vor să mai lucreze în firme, ci vor să îşi facă propriile firme de construcţii, comerţ sau turism, în condiţiile în care s-au calificat în aceste domenii în Italia.

Sursa: NewsIn

Pe 22 noiembrie votăm de trei ori: Modelele buletinelor de vot, publicate în Monitorul Oficial


27 octombrie 2009
Foto: Intact Images

Românii sunt aşteptaţi la vot pe data de 22 noiembrie. Alegătorii care se vor prezenta la urne în primul tur de scrutin şi care vor dori să-şi exprime opţiunea atât pentru viitorul preşedinte al României, cât şi pentru referendum trebuie să ştie că vor fi nevoiţi să semneze de două ori în secţia de votare. Aceştia vor primi apoi trei buletine de vot - două pentru referendum şi unul pentru alegerea preşedintelui.

Monitorul Oficial a publicat modelele celor două buletine de vot destinate referendumului.

Primul buletin conţine întrebarea "Sunteţi de acord cu trecerea la un Parlament unicameral în România?", iar cel de-al doilea - "Sunteţi de acord cu reducerea numărului de parlamentari la maximum 300 de persoane?".

La fiecare dintre întrebări, cetăţenii trebuie să răspundă cu "Da" sau "Nu".

În secţia de votare vor exista trei urne - una pentru buletinul privind alegerea preşedintelui şi celelalte două pentru cele de la referendum.

Iată modelele buletinelor de vot ce vor fi utilizate la referendum






Pentru alegerile prezidenţiale au fost organizate 21.207 secţii de votare. Ministerul Administraţiei şi Internelor estimează că vor fi necesare aproape 22 milioane de buletine de vot şi peste 18 milioane de timbre autocolante.

Cele mai multe secţii de votare vor fi organizate în Capitală. Celor 1,8 milioane de alegători bucureşteni, le vor fi puse la dispoziţie peste 1.250 de secţii.

O atenţie deosebită va fi acordată secţiilor speciale. În total, vor fi 3.360 de astfel de secţii, unde vor putea vota cei care au domiciliul în alta localitate.

Pentru buna desfăşurare a alegerilor, în secţiile speciale vor fi montate camere video.

Totodată, în ziua alegerilor, operatorii serviciului de urgenţe 112 vor fi suplimentaţi, iar cei care doresc să sesizeze nereguli privind procesul de votare o vor putea face şi la acest număr.

Pentru românii aflaţi departe de ţară, Ministerul Afacerilor externe va organiza 294 de secţii de votare.

Sursa: Antena3.ro

Cinema: Niente tagli agli insulti a politici in 'Francesca' di Paunescu

Roma, 27 ott. (Adnkronos) - Nessun taglio per gli insulti rivolti da uno dei protagonisti a due politici italiani, Alessandra Mussolini e il sindaco di Verona Flavio Tosi, per "Francesca", il film del regista romeno Bobby Paunescu che aveva aperto a settembre la sezione 'Orizzonti' della Mostra del Cinema di Venezia, ricevendo applausi ma provocando anche la reazione dei due politici italiani tirati in ballo (compresa una diffida della Mussolini) e dure polemiche.

Il film, distribuito da Fandango, arrivera' nelle sale il 20 novembre, nella versione doppiata restera' fedelissimo alla versione originale, insulti compresi. La pellicola e' in realta' tutta incentrata "sulla crisi di identita' che permea la societa' degli ex Paesi comunisti -come ha spiegato lo stesso regista nelle interviste veneziane- senza alcun valore e punto fermo", e racconta la storia di Francesca (l'attrice Monica Birladeanu), una giovane maestra d'asilo romena che sogna di emigrare in Italia. A pronunciare gli insulti ("put..na" e "sindaco di m....") nei confronti della Mussolini e di Tosi e' il personaggio del padre della ragazza, che accusa poi piu' in generale gli italiani di razzismo, cercando di dissuadere la giovane a trasferirsi in Italia. In realta' il film, che non vedra' mai realizzarsi l'arrivo in Italia della protagonista, e' una pesantissima critica alla societa' romena. "'Francesca' -ha sottolineato il regista- e' un'opera che tratta delle cose cui siamo fin troppo pronti a rinunciare nell'aspirazione ad una vita migliore condotta altrove, mentre tutti si sforzano di trovare il loro posto nel mondo. Si tratta di una storia contemporanea sulla famiglia, sui rapporti, sul bisogno di fidarsi l'uno dell'altro e sulla necessita' di affrontare i rischi che si incontrano lungo il cammino, ma anche di uno specchio su questo mondo violento, aggressivo e insicuro", ha aggiunto Paunescu che e' un noto produttore romeno al suo debutto nel lungometraggio.

Fonte: Libero-news.

Leggi anche:
Domenico Procacci presenta Francesca
Francesca: trailer originale e sito ufficiale del film "bloccato" dalla Mussolini

Gli immigrati regolari sono 4,5 milioni

28/10/2009 - IL DOSSIER
Gli immigrati regolari sono 4,5 milioni, nel 2050 cresceranno a 12
Il rapporto Caritas/Migrantes illustra i dati dell'immigrazione in Italia
ROMA
Gli immigrati regolari in Italia sono oltre 4 milioni e mezzo. Lo stima il rapporto 2009 sull’ immigrazione della Caritas/Migrantes, presentato oggi. Per la prima volta, nel 2008 - anno in cui gli immigrati sono cresciuti del 13,4% (+458.644 unità) - l’Italia ha superato la media europea (6,2%) per presenza di immigrati in rapporto ai residenti. I regolari, in particolare sono 4.330.000, il 7,2% dei residenti. Ma superano i 4 milioni e mezzo se si considerano i circa 300 mila regolarizzati lo scorso mese.

Il rapporto Caritas illustra poi lo scenario futuro: nel 2050, l’Italia sarà chiamata a convivere ben oltre 12 milioni di immigrati, la cui presenza «sarà necessaria per il funzionamento del paese». «L’Istat - spiega Pittau, coordinatore del dossier - ipotizza un aumento degli immigrati di circa 250 mila l’anno ma è inferiore a quanto effettivamente sta avvenendo. Negli ultimi anni, la crescita degli immigrati è stata di 300-400 mila l’anno. È evidente che gli immigrati nel 2050 potranno essere di più dei 12 milioni stimati dall’Istat».

I dati attuali dicono che oggi è straniero un abitante su 14 , circa la metà è donna. Oltre la metà degli stranieri regolari in Italia sono passati per le vie dell’irregolarità e sono stati quindi oggetto di regolarizzazioni. Il dossier della Caritas/Migrantes, dal titolo quest’anno "Conoscenza e solidarietà", ribadisce le critiche alla vigente normativa sugli ingressi nel nostro paese. Sugli immigrati - sottolinea il dossier - «non esiste alcuna emergenza criminalità, non ci distinguiamo in negativo nel confronto europeo. Mentre la vera emergenza, stando alle statistiche, è il catastrofismo migratorio, l’incapacità di prendere atto del ruolo assunto dall’immigrazione nello sviluppo del nostro paese».

Gli stranieri sono il 7,2% dei residenti ma se si fa riferimento ai più giovani (fino a 39 anni), gli immigrati sono il 10%. Siamo sulla scia della Spagna (5 milioni) e non tanto distanti dalla Germania (7 milioni). Fra gli immigrati, prevale la provenienza da paesi europei (53,6%, per più della metà da paesi comunitari); seguono africani (22,4%), asiatici (15,8%), americani (8,1%).

Le prime cinque comunità superano la metà dell’intera presenza: 800 mila romeni, 440 mila albanesi, 400 mila marocchini, 170 mila cinesi e 150 mila ucraini. Le maggiori presenze si hanno al Nord (62,1%); il 25,1% al Centro, il 12,8% al Meridione. Prima regione e la Lombardia (23,3%) seguita dal Lazio (11,6%) e Veneto (11,7%). Oltre un quinto degli stranieri sono minori (862.453), 5 punti percentuali in più rispetto agli italiani (22% contro 16,7%). I nuovi nati da entrambi i genitori stranieri (72.472) hanno inciso nel 2008 per il 12,6% sul totale delle nascite. Altri 40 mila minori sono giunti a seguito di ricongiungimento.

Tra nati in Italia e ricongiunti, il 2008 è stato l’anno in cui i minori, per la prima volta, sono aumentati di oltre 100 mila unità. Oltre metà degli stranieri sono cristiani, un terzo musulmani. Le acquisizioni di cittadinanza sono quadruplicate dal 2000 (39.484 nel 200). Dal 1995 sono stati celebrati 222.521 matrimoni misti (un decimo solo lo scorso anno); non mancano i fallimenti, il 6,7% finisce con una separazione, il 5,7% con un divorzio.

Fonte: LA STAMPA

Leggi anche:
Immigrati in aumento in Molise. Record di badanti romene
Un milione di immigrati in Lombardia
Lazio regione sempre più multietnica. In un anno +15 per cento
Cresce il numero degli immigrati nel Lazio
Immigrati: Italia e Spagna prime in UE
Immigrati: Visentini (Uil), legge Friuli Venezia Giulia discrimina anche altri

Centralino multilingue negli ospedali


Attivato al pronto soccorso del Galliera di Genova un servizio telefonico multilingue in grado di risolvere i problemi di comunicazione tra medici e pazienti stranieri. Un servizio che approda anche negli ospedali della provincia di Savona, che si sono attrezzati di “Sos Infomondo”, un traduttore telefonico. Le lingue a disposizione sono dieci: dall'inglese allo spagnolo, dall'arabo al cinese ma anche albanese, rumeno e portoghese. Il servizio si avvale della collaborazione di diversi operatori madrelingua di una società di Milano, in grado di tradurre simultaneamente la conversazione tra medico e paziente. Se il paziente non è in grado di spiegare i propri sintomi, il personale dell'ospedale si mette in contatto con la sala operativa di Milano, premendo un tasto seleziona la lingua prescelta e in ogni momento della giornata un interprete consentirà uno scambio informativo corretto ed esauriente per favorire l'iter clinico. Il progetto, in fase sperimentale, é attivo ogni giorno 24 ore su 24. Il servizio è automatico, e viene attivato direttamente dal personale del pronto soccorso in caso di necessità.
27/10/2009
Fonte: Città di Genova

SOS infomondo: per un pronto soccorso multietnico


Comunicato stampa ottobre 27, 2009

da ASL2 – Dai dati disponibili emerge in modo evidente la crescita del fenomeno dell’immigrazione nella nostra provincia costituito in particolare dalle comunità: albanese, marocchina, rumena ed egiziana. Nello specifico (dati al 21 luglio 2009) i cittadini stranieri iscritti al Servizio Sanitario Nazionale nell’Asl 2 Savonese erano 15mila e 600. Di questi, 4mila e 600 (quasi il 30%) appartengono alla comunità albanese, 2mila e 200 (circa il 15%) alla comunità marocchina e 1900 (12% circa) a quella rumena. Seguono, con percentuali a scalare, la comunità ecuadoregna, quella egiziana, l’ucraina, la peruviana e la cinese.
Il personale sanitario si trova di conseguenza ad interagire con persone di nazionalità, lingua e consuetudini diverse. I professionisti hanno necessità di utilizzare facili strumenti per una corretta comunicazione con i cittadini stranieri per evitare incomprensioni sia nel comprendere i sintomi presentati, sia nelle indicazioni terapeutiche da fornire.
Per risolvere questa necessità l’Asl2 Savonese ha deciso di avviare, dal 1 novembre, un sistema di mediazione linguistica telefonica denominato SOS Infomondo in via sperimentale per tre mesi presso i Pronto Soccorso dei quattro ospedali dell’Asl2. La sperimentazione prevede la disponibilità di 10 lingue straniere: inglese, spagnolo, francese, tedesco, arabo, cinese, albanese, rumeno, portoghese e ucraino, 7 giorni su 7, durante le 24 ore.

SOS Infomondo è un servizio di interpretariato telefonico utilizzato già in molte strutture pubbliche e private per risolvere i problemi di comunicazione faccia a faccia tra medici e pazienti stranieri.
Il sistema è costituito da due cordless con base collegata alla rete telefonica standard e con una ricezione che spazia nell’arco di 50 metri in mobilità. I due telefoni, uno per il medico e uno per il paziente, sono opportunamente programmati per la scelta delle lingue.
Il traduttore simultaneo è dotato di un collegamento telefonico 24 ore su 24 con una società specializzata di Milano presso la quale opera una squadra di interpreti. Se il paziente non è in grado di spiegare i suoi sintomi il personale alza il telefono e si mette in contatto con la Sala Operativa di Milano, premendo un tasto seleziona la lingua prescelta e in ogni momento della giornata un interprete consentirà uno scambio informativo corretto ed esauriente per l’iter clinico e diagnostico del paziente.

Il servizio si rende necessario soprattutto nei Pronto Soccorso dove si presentano i casi di emergenza quando aspettare l’arrivo di un interprete potrebbe procurare danni al paziente.
Il personale medico del Pronto Soccorso, superato l’ostacolo della lingua può dare inizio all’indagine diagnostica per poi somministrare le necessarie terapie o procedere al ricovero.

Si tratta di uno strumento importante specialmente in un territorio come il nostro ad alta vocazione turistica e dove i cittadini stranieri residenti e iscritti al Sistema Sanitario Nazionale nella nostra Asl sono in costante crescita.
Il Triage Multilingue, di cui gli utenti stranieri sono informati attraverso cartelli contenenti il messaggio scritto nelle diverse lingue (in allegato), va ad affiancarsi ad altre iniziative rivolte all’utenza straniera come la presenza di mediatrici culturali all’interno della Struttura Complessa Ostetricia e Ginecologia del San Paolo di Savona diretta dal Dott. Salvatore Garzarelli e in fase di attuazione anche nelle altre Strutture del’Asl.

L’installazione del sistema avviene quest’oggi martedì 27 ottobre 2009
- ore 14,30 Pronto Soccorso Ospedale San Paolo di Savona
- ore 16-16,30 Pronto Soccorso Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte
e domani, mercoledì 28 ottobre 2009
- ore 9,30 Pronto Soccorso Ospedale Santa Maria Misericordia di Albenga
- ore 11-11,30 Pronto Soccorso Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure

Questa risorsa è comunque a disposizione anche dei medici e degli operatori degli altri reparti ospedalieri, per le stesse finalità.

Fonte: Il Ponente.

Orio al Serio - Napoli


Voli
Orio al Serio - Napoli

La compagnia aerea Blue Air ha inaugurato il collegamento tra l’Aeroporto di Orio al Serio e Napoli. A bordo del volo, decollato regolarmente lunedì 26 ottobre alle ore 9:05, 84 passeggeri, 24 dei quali provenienti dall’aeroporto di Bucarest. La rotta con lo scalo campano viene servita cinque volte a settimana (lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e sabato) con un velivolo B737-800 da 189 posti.
In occasione del rinfresco offerto per celebrare il volo inaugurale per Napoli, la compagnia rumena ha consegnato ai passeggeri alcuni omaggi, sia al check-in che a bordo, tra cui copia del magazine aeroportuale Avion che dedica un servizio particolare alla città di Napoli.
Blue Air opera anche i collegamenti tra l’Aeroporto di Orio al Serio e Bucarest Baneasa, che si effettua tutti i giorni tranne venerdì, e Bacau, nei giorni di mercoledì e domenica.

Fonte: Quotidiano Viaggi.

Montesarchio. Rumena trovata morta per probabile esalazione da gas


Probabilmente a causa delle esalazioni da un braciere a carbone in uso in casa, una donna ha perso la vita mentre il marito è ora ricoverato in gravissime condizioni.

E' accaduto a Montesarchio dove le vittime sono una coppia di coniugi rumeni. La donna, una giovane di 26 anni, Elena Madalina Stanciu, è stata trovata cadavere in casa dai carabinieri e dai vigili del fuoco intervenuti sul posto, mentre il marito, Bogdan Stanciu di 29 anni, è stato ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale "Rummo" di Benevento. I vigili del fuoco non hanno rilevato tracce di monossido di carbonio. Tuttavia, la causa della morte sembra essere proprio l'esalazione del monossido sprigionato dai carboni. A dare l'allarme una vicina di casa la quale non vedendo la coppia si è prontamente attivata avvisando il datore di lavoro del ragazzo con il quale ha compiuto la macabra scoperta. La causa della morte sarà comunque accertata dall'autopsia disposta dal magistrato di turno.La coppia di romeni viveva in uno stabile di circa trenta metri quadrati in uno stabile al corso Caudino di Montesarchio. A far scattare l'allarme sono stati alcuni vicini che non vedendo la coppia hanno allertato le forze dell'ordine. Sul posto sono giunti i carabinieri ed i vigili del fuoco del distaccamento di Bonea. I soccorritori hanno visto la donna ancora a letto ormai priva di vita, lui agonizzante a terra. La coppia abitava in un piccolo stabile su due piani: a pian terreno c'era una piccola cucina mentre al piano rialzato era ubicata la stanza da letto dove è avvenuta la disgrazia. Il magistrato ha disposto l'autopsia, affidata al medico legale Monica Fonzo
Pubblicato il 27/10/2009
Fonte: TV7 Benevento.

lunedì 26 ottobre 2009

Lo scrittore Petru Cimpoesu a Transeuropaexpress, V edizione‏


Cari amici dell'Accademia di Romania,

Ogni anno la Casa delle Letterature ci offre l'appuntamento di TransEuropaExpress. Nell'edizione di quest'anno la Romania sarà rappresentata dallo scrittore Petru Cimpoesu, molto amato dai romeni soprattutto per il suo romanzo Simion liftnicul, tradotto in italiano con il titolo Il santo nell'ascensore (Castelvecchi editore, 2009). Con questo romanzo Petru Cimpoesu e' stato proposto per il Premio Strega Europeo.
Vi aspettiamo numerosi alla Casa delle Letterature!

RAPPRESENTANZA IN ITALIA DELLA COMMISSIONE EUROPEA
In collaborazione con Forum Austriaco di Cultura, Ambasciata della Repubblica di Estonia, Ambasciata di Francia, Ambasciata di Malta, Istituto Polacco, Ambasciata del Portogallo, Ambasciata della Repubblica Ceca, Accademia di Romania in Roma, Istituto Slovacco, Ambasciata di Spagna in Italia, Accademia d’Ungheria

TRANSEUROPAEXPRESS - V EDIZIONE

I NOSTRI MURI

28-31 ottobre 2009

Casa delle Letterature, piazza dell’Orologio 3

Quanti muri in Europa? A venti anni dalla caduta del Muro di Berlino possiamo davvero dire che tutte le barriere sono crollate? L’Europa unita è una realtà oppure un progetto ancora in cantiere? Le barriere culturali, psicologiche, sociali e linguistiche sembrano tuttora un ostacolo da affrontare. Su questo tema si confrontano scrittori, giornalisti, sociologi, saggisti, filosofi provenienti da tanti paesi dell’Unione Europea.


Venerdì 30 ottobre

Ore 15.00

Modera Stefano Velotti

Norbert Bugeja Malta scrittore e docente universitario

‘Difendiamo Malta dall’Invasione di Colore’: le dinamiche dell’ospitalità e xenofobia nello Stato membro dell’Europa più a Sud

Juraj Šebesta Slovacchia scrittore e direttore della Biblioteca Comunale di Bratislava

La natura teatrale della Rivoluzione di velluto in Cecoslovacchia – La prosa del nostro presente (distruggendo vecchi confini e costruendone di nuovi)

Petru Cimpoeşu Romania scrittore

Dall’altra parte del muro (frammento tratto dal romanzo La storia del Grande Brigante, 2007)

Géza Bereményi Ungheria regista e scrittore

I nostri muri nella testa

Sven Regener Germania scrittore

Berlin Blues


Il romanzo Il santo nell'ascensore

Il programma completo di TransEuropaExpress

Accademia di Romania

Catania: Firmato l'accordo tra l'Associazione Concordia e la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere


COMUNICAT DE PRESĂ

A fost semnat, azi 23 octombrie 2009, în fosta Mănăstire a Benedictinilor din Catania, un Acord de Colaborare între Facultatea de Limbi şi Literaturi străine a Universităţii din Catania şi Asociaţia româno-italiană CONCORDIA. Acordul tinde să promoveze proiecte îndreptate spre intensificarea şi difuzarea studiului fenomenelor socio-culturale legate de prezenţa comunităţilor de străini, în particular celei româneşti, pe teritoriul provinciei Catania; cunoaşterea limbii italiene de către noii cetăţeni comunitari şi a formarea lor profesională; studiul patrimoniului istoric şi cultural al Siciliei şi României; înţelegeri şi schimburi ştiinţifice şi culturale cu instituţii româneşti.
Decanul Facultăţii de Limbi, prof. Nunzio Famoso, a făcut auspicii ca semnătura Acordului să fie un pas înainte semnificativ în dialogul intercultural cu comunitatea românească, cea mai numeroasă în provincia Catania. In sfârşit, Vasile Mutu, Preşedintele Asociaţiei CONCORDIA, precum şi Consilier al Provinciei Regionale Catania pentru relaţii instituţionale cu comunitatea românească, a anunţat organizarea primei iniţiative comune în luna decembrie, ediţia a doua a manifestării culturale “Chipul României”, dedicate artei medievale româneşti şi evocării a 20 de ani de la Revoluţia română din 1989.

COMUNICATO STAMPA

E’ stato firmato oggi, 23 ottobre 2009, all’Ex Monastero dei Benedettini di Catania, un Accordo di Cooperazione tra la Facoltà di Lingue e Letterature straniere e l’Associazione romeno-italiana “Concordia”. L’accordo mira alla promozione di progetti volti ad intensificare e diffondere lo studio dei fenomeni socio-culturali connessi alla presenza delle comunità straniere, in particolare quella romena, nel territorio della provincia di Catania; la conoscenza della lingua italiana da parte dei nuovi cittadini comunitari e la loro formazione professionale; lo studio del patrimonio storico e culturale della Sicilia e della Romania; gli accordi e gli scambi scientifici e culturali con le istituzioni romene.

Il Preside della Facoltà di Lingue, prof. Nunzio Famoso, ha auspicato che la firma dell’Accordo possa essere un significativo passo avanti nel dialogo interculturale con la comunità romena, la più cospicua nella provincia di Catania. Infine, dott. Vasile Mutu, Presidente dell’Associazione “Concordia”, nonché Consigliere della Provincia Regionale di Catania per i rapporti con la comunità romena, ha annunciato l’organizzazione della prima iniziativa congiunta nel mese di dicembre, la seconda edizione della manifestazione “Il volto della Romania”, dedicata all’arte medioevale romena e alla rievocazioe dei 20 anni dalla Rivoluzione romena del 1989.

CONCORDIA
ASSOCIAZIONE SOCIALE CULTURALE RUMENA-ITALIANA
Sede legale: C.so Italia, 265, 95018 Riposto(CT),
Sede Sociale: Via S. M. di Betlem 18, Catania
Web: www.concordia-ct.it E-mail: info@concordia-ct.it

Incontro sul tema "Romania turistica", Torino 27 ottobre 2009


Si intitola “Conoscere la Romania” il ciclo di incontri che promuove l’Associazione italo-romena “Fratia” a Torino. Il primo appuntamento si è svolto il 28 aprile – un convegno che ha affrontato il tema “L’immigrazione romena in Italia”.

Ai lavori sono intervenuti Antonio Ricci della Caritas / Migrantes, il fondatore del Gruppo Abele, don Ciotti, l’assessore torinese all’integrazione Ilda Curti, l’assessore provinciale Aurora Tesio alle pari opportunità con il collega Salvatore Rao, assessore alla solidarietà sociale, don Fredo Olivero dell’ufficio pastorale per i migranti dell’arcidiocesi di Torino e Pietro Cingolani dell’università di Torino, ricercatore presso la fondazione Fieri e autore del libro “Romeni d’Italia”.

Il secondo incontro si è intitolato “La comunità romena in Piemonte” - successi e problematiche della comunità romena in Piemonte” Sono intervenuti su questa tema: Paolo Padoin, Prefetto di Torino, Viorel Badea, Senatore per i romeni all’estero (Bucarest), Alexandru Mugurel Buje, Console al Consolato Generale della Romania a Torino , Ilda Curti, Assesorealle Politiche per l’Integrazione Comune di Torino , Marco Borgione, AssesoreAlla Famiglia, Salute e Politiche Sociali Comune di Torino Don Fredo Olivero, Direttore Ufficio Pastorale per Immigranti, Dr. Enrico Allasino, IRES Piemonte, Dott.ssa Violeta Popescu, Responsabile del Centro Culturale Italo Romeno di Milano, Alina Toderici, Consigliere comunale Comune di Piscina

L'ultimo appuntamento si terrà il giorno 27 ottobre e avrà come tema principale:

"Romania turistica" alle ore 17:30 presso "Hotel Le Meridien Turin Art+Tech", via Nizza 230, Torino.

Intervengono:

Ioana Cuitre – responsabile Ente Turistico Romeno presso l'Ambasciata della Romania in Italia,

dott.sa Violeta P. Popescu – Centro Culturale Italo-Romeno di Milano,

Roberto Ploce – la riviste “Vie dell'Est”;

Aurelia Mirita - presidente, Associazione Fratia; Francesco Paganelli, coordinatore

Moderatore: Viorica Nichifor – giornalista

Fonte: Cultura romena.

Minori: CNR, tra i comunitari il 75% sono romeni

Nell'anno scolastico 2007-2008 erano124 mila gli studenti comunitari iscritti nelle scuole italiane: di questi 93 mila, vale a dire il 75%, erano romeni. Sono i dati resi noti da Corrado Bonifazi, dell'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr, durante la giornata di studio "minori non accompagnati appartenenti all'Unione europea", che si è svolta a Roma.

"Di notevole consistenza - ha aggiunto Bonifazi - anche i minori polacchi pari a 10.500, tedeschi pari a 5 mila e bulgari pari a 4.500". Per quanto riguarda i minori stranieri non comunitari il dato, elaborato dall'Anci nel 2007, risale al biennio 2004-2006: "abbiamo rilevato 7.800 minori stranieri non accompagnati - ha spiegato Monia Giovannetti - 6.102 in prima accoglienza e 3.515 in seconda accoglienza: naturalmente questi numeri comprendono i minori romeni che allora non erano ancora parte dell'Ue".

La necessità della presenza di un tutor che abbia cura e sia responsabile del minore straniero in Italia: è questa la priorità rispetto al tema della tutela e protezione dei minori neocomunitari sul territorio nazionale,emersa durante la giornata di studio "Minori non accompagnati appartenenti all'Unione europea", in corso a Roma e promossa dai Centri di documentazione europea (Cde) in collaborazione con il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr).

Fonte: ANSA.

Verrano rimessi al lavoro gli ottanta lavoratori dei cantieri di San Marco a La Spezia


8se.bag 23/10) - La Metacon è una società che affitta manodopera ad altre aziende che ne hanno bisogno per far fronte ad esigenze straordinarie: è stato così che un po’ di tempo fa è stata interpellata dai cantieri San Marco di La Spezia che desideravano avere ottanta tra carpentieri e saldatori al fine di consegnare in tempo ai clienti le varie commesse.
La Metacom ha immediatamente inviato ai cantieri spezzini gli ottanta operai richiesti, reclutati in Romania. “ In Italia si paga bene, il lavoro è certo, nessuno ti sfrutta” hanno pensato questi ultimi prima di abbandonare il paese danubiano per venire a lavorare qui da noi. Mai speranza fu peggio riposta: dal mese di Maggio gli ottanta, trattati come veri e propri schiavi, non percepiscono uno stipendio pieno, a giugno fu loro corrisposta il 70% della paga mensile, poi più niente. La proprietà dei Cantieri San Marco giura invece che in tutti questi mesi, per l’affitto dalla Metacon della manodopera romena, ha corrisposto il dovuto. Gli operai infatti lavorano per i Cantieri San Marco ma il salario lo percepiscono dalla società che li ha ingaggiati, cioè la Metacon, previo ristoro a quest’ultima da parte della ditta che si avvantaggia della loro opera. Ier l’altro, ormai disperati, gli ottanta romeni sono scesi in sciopero ma ieri mattina per ripicca i Cantieri San Marco hanno loro comunicato di non voler più avvalersi delle loro prestazioni e li hanno lasciati fuori dai cancelli. Immediatamente gli ottanta hanno organizzato un sit- in di protesta: “ A noi non è concesso scioperare per ottenere il giusto in quanto non siamo italiani. Per voi noi romeni dobbiamo essere considerati solamente al livello di bestie e schiavi” queste le loro parole proferite nei momenti di maggior rabbia. I sindacati spezzini, a partire dalla rappresentanza interna del San Marco, hanno immediatamente solidarizzato con loro e stamattina Moreno Amici, della Cisl ed Omero Maranca insieme ad Ulderico Carra, per la Cgil, sono riusciti a spuntarla di fronte alla proprietà dei cantieri. I fratelli Davide e Gabriele Calderan, proprietari del San Marco, infatti hanno assicurato il loro interessamento affinché agli ottanta entro Martedì siano pagate tutte le spettanze arretrate da parte di Metacon. Onde, entro venerdì prossimo, invece non venisse corrisposto nulla ai romeni la proprietà dei San Marco sarebbe disposta a versare gli stipendi arretrati di tasca propria per poi rivalersi sulla Metacon. A questo punto gli ottanta lavoratori romeni dovrebbero rientrare al lavoro in cantiere. In un comunicato congiunto le federazioni spezzine di Rifondazione Comunista e del PdCI per bocca dei rispettivi segretari provinciali Chiara Bramanti e Pierluigi Sommovigo sottolineano come “ ..la situazione critica degli ottanta lavoratori romeni è simile a quella di migliaia di altri in tutt’Italia che continuano a pagare in prima persona una crisi voluta e creata dalla classe imprenditoriale…” e denunciano l’esistenza di un disegno socialmente regressivo ed autoritario in buona parte ascrivibile alle scelte liberiste e populiste del Governo Berlusconi.

Fonte: AgenFax

26 ottobre: Chivu Cristian Eugen


26/ott/2009

Auguri al 29enne (classe 1980) Cristian Chivu, rumeno di Resita alla terza stagione in maglia nerazzurra, per la cronaca la numero 26.
Giocatore dalla grande duttilità, può essere tranquillamente schierato sia in difesa come centrale oppure terzino sinistro, che a centrocampo, ottenendo ottimi risultati frutto della grande classe e tecnica di cui è dotato, oltre che dell'esperienza acquisita non solo in patria ed in Italia (alla Roma), ma frutto anche della parentesi olandese (Ajax).
Pilastro della Nazionale rumena di cui ne è il capitano (circa 60 presenze), nonché dell'Inter con cui ha un contratto in scadenza a 30 giugno 2012, e con la quale ha già totalizzato circa 70 presenze (di cui circa 50 in Campionato) contribuendo in maniera determinante ai successi degli ultimi due anni: Scudetto 2007/08 e 2008/09, Supercoppa Italiana 2008.
Auguri ancora di buon compleanno e di un lungo futuro nerazzurro costellato da successi.

Fonte: Orgoglio Nerazzurro.

Atac 100% românesc, în echipa ideală a etapei a treia în Liga Campionilor: Mutu - Bilaşco


24 octombrie 2009

Internaţionalul român Adrian Mutu şi atacantul Unirii Urziceni, Marius Bilaşco, fac pereche în atacul ideal anunţat de UEFA după etapa a treia a grupelor Ligii Campionilor. Alături de Bilaşco, alţi doi elevi ai lui Dan Petrescu şi-au făcut loc în echipa ideală, graţie evoluţiei excelente din partida cu Glasgow Rangers, câştigată de ialomiţeni cu 4-1: portarul Daniel Tudor şi fundaşul George Galamaz.

Echipa ideală a etapei a treia a fost aleasă în urma voturilor exprimate pe site-ul uefa.com, informează Mediafax:

Portar: Daniel Tudor (FC Unirea Urziceni)

Fundaşi: George Galamaz (FC Unirea Urziceni), Sebastien Squillaci (FC Sevilla), Yevgen Khacheridi (Dinamo Kiev), Gabriel Heinze (Olympique Marseille)

Mijlocaşi: Cesc Fabregas (Arsenal), Aleksandr Riazanţev (FC Rubin Kazan), Gökdeniz Karadeniz (FC Rubin Kazan), Gerson Magrao (Dinamo Kiev)

Atacanţi: Marius Bilaşco (Unirea Urziceni), Adrian Mutu (AC Fiorentina).

Sursa: Antena3.ro

Giuliano Stroe, cel mai puternic copil din lume, la numai cinci ani


25 octombrie 2009
Foto: Antena 3

Cel mai puternic băieţel din lume are doar cinci ani şi este român. În ciuda vârstei sale fragede, Giuliano face exerciţii recomandate bărbaţilor în toată firea. Băiatul a intrat în Cartea Recordurilor, după ce imaginile de la antrenamentele sale au făcut senzaţie pe internet.

Giuliano Stroe este cel mai puternic copil din lume. El trăieşte cu familia în Italia, iar tatăl său îl antrenează de la vârsta de doi ani. Clipurile cu exerciţiile băiatului au făcut senzaţie pe internet.

Oficialii de la Cartea Recordurilor au fost uimiţi de cascadoriile sale. Băiatul deţine şi recordul pentru cea mai rapidă cursă în mâini cu o greutate între picioare. Deşi clipurile sale sunt foarte urmărite pe Youtube, antrenamentele ar putea să îi facă rău. Mai exact, specialiştii se tem că transformările aproape incredibile pe care le-a suferit corpul său ar putea să îi afecteze creşterea.

Cu toate acestea, tatăl său neagă faprul că antrenamentele ar reprezenta vreun pericol. Iulian Stroe spune că băiatul nu se antrenează singur şi că imediat ce oboseşte este trimis la joacă.



Sursa: Antena 3

Astăzi creştinii îl sărbătoresc pe Sfântul Mare Mucenic Dimitrie


26 Octombrie 2009

Astăzi creştinii îl sărbătoresc pe Sfântul Mare Mucenic Dimitrie, Izvorâtorul de Mir, unul dintre cei importanţi martiri ai Bisericii Ortodoxe.

Potrivit tradiţiei creştine, Sfântul Dimitrie a trăit la Tesalonic, în timpul împăraţilor Diocleţian şi Maximian, cunoscuţi pentru reprimarea sângeroasă a creştinilor. Pentru că a refuzat să aducă ofrande împăratului Maximian, Dimitrie a fost întemniţat.

Nu a vrut să se lepede de creştinism, iar soldaţii i-au străpuns trupul cu suliţe. Din mormântul său au început să iasă picuri de mir, despre care credincioşii spuneau că are puteri tămăduitoare.

Peste 340.000 de români îşi aniversează astăzi onomastica de Sfântul Dumitru, potrivit statisticii cele mai multe persoane fiind bărbaţi, informează un comunicat al Ministerului Internelor şi Administraţiei.

Astfel, statisticile existente la nivel naţional arată că, din cele 343.726 de persoane care poartă nume sau derivate ale numelui Sfântului Dumitru, majoritatea sunt bărbaţi (aproape 300.000).
Dintre bărbaţii sărbătoriţi la această dată, majoritatea poartă numele de Dumitru (280.462), Mitică (8.503), Dimitrie (5.422). De asemenea, mai sunt români care poartă numele Dumitrache (1.218), Dimitri /Dimitre (200), Mitru (256), Mitrea (108), şi Mitu (548).

Cele mai frecvente prenume ale femeilor sărbătorite în această zi sunt: Dumitra (33.688), Dumitriţa / Dimitriţa (6.494), Dumitrana (366), Demetra (330), şi Dumitrica (389), se mai arată în comunicatul MAI.

Sursa: Realitatea TV

sabato 24 ottobre 2009

“Trilogia taraneasca” de Dinu Sararu, sambata 24 octombrie la Roma

Avem placerea sa va informam ca
la Centrul Comercial, Cultural si Social LA STRADA
va avea loc

* sambata 24 octombrie a.c.

* ora 18.30 – lansare de carte – “Trilogia taraneasca” de Dinu Sararu
* ora 20.00 – vizionarea filmului “Ticalosii” inspirat din romanul “Ciocoii noi cu bodyguard” de Dinu Sararu

Centrul Comercial, Cultural si Social LA STRADA

Biblioteche, porte aperte agli stranieri


Volumi in lingua originale e corsi d´italiano per mamme arabe e cinesi

di Chiara Righetti

Dai gialli di Agatha Christie in romeno a Pippi Calzelunghe in polacco, dal Bhagavadgita con testo sanscrito a fronte a Giufà, che ha fatto sognare nella stessa lingua generazioni di siciliani, arabi e turchi. Ma anche mostre, corsi, dibattiti: le biblioteche di Roma e provincia aprono agli stranieri. Dice Gabriella Sanna, responsabile Servizio Intercultura delle biblioteche romane: «Oggi gli immigrati sono l´8% dei nostri utenti, e dei nuovi iscritti: un´incidenza superiore a quella degli stranieri sulla popolazione di Roma». Da qui la decisione di avviare la campagna "Benvenuti in biblioteca". Che passa prima di tutto dal potenziamento degli scaffali in lingua, ormai presenti in quasi tutti i municipi. Qualche esempio? Se chi cerca testi in farsi deve rivolgersi al Caffè letterario sull´Ostiense, ci sono libri in cinese a San Lorenzo e al Pigneto. Mentre si trovano volumi in ucraino, spagnolo, albanese a Flaminio, Torre Spaccata, Trieste.

«Da un lato - dice Sanna - vogliamo valorizzare il plurilinguismo. Dall´altro vediamo la biblioteca come spazio laico, alternativo a chiesa e moschea, che può diventare luogo d´integrazione». Da qui i corsi d´italiano, anche questi presenti in vari municipi, dalla Borghesiana a Ostia al Prenestino, e anche questi calati nel territorio: se a Marconi, dove è forte la presenza egiziana, ce n´è uno per sole donne, quello al Pigneto è dedicato ai cinesi. Altri ingredienti della campagna di benvenuto sono ormai storici, come il portale Romamultietnica.it, che oltre alle news settimanali offre una guida della città in base alle nazionalità presenti a Roma; o "Storie del mondo", progetto per le scuole che propone la lettura di classici da India, Africa, Sudamerica come punto di partenza per l´incontro fra culture.

In provincia invece s´intitola "Biblioteche dal mondo" il progetto per l´apertura di uno scaffale multiculturale in otto Comuni a forte presenza straniera. Il primo apre il 20 novembre a Ladispoli; poi Anzio, Bracciano, Fiumicino, Lanuvio, Mazzano Romano, Tivoli e Zagarolo. Ogni scaffale ospiterà circa 200 volumi, dai classici dei Paesi d´origine a manuali bilingue, riviste e giornali. Non solo: le Biblioteche del mondo proporranno una serie d´iniziative sull´intercultura. Con "Le nuove generazioni si raccontano" G2, rete di giovani di seconda generazione, farà tappa nei Comuni coinvolgendo i coetanei in laboratori di scrittura e di sceneggiatura. Un secondo progetto si intitola "Così vicine così lontane: tate, colf e badanti"; prevede una mostra, ma anche un´indagine sui consumi culturali delle colf, cineforum e circoli di lettura. «La nostra popolazione è cambiata - osserva Cecilia D´Elia, assessore alle Politiche culturali della Provincia - e anche le nostre politiche devono farlo. La sfida è far sì che le biblioteche diventino un luogo in cui i migranti, oltre che utenti, possano essere sempre più protagonisti».
21 ottobre 2009)

Fonte: La Repubblica.

Accogliere gli immigrati. Testimonianze di inclusione socio-economica


Accogliere gli immigrati. Testimonianze di inclusione socio-economica
B. Ghiringhelli, S. Marelli (a cura)
Carocci 2009

Il volume raccoglie il risultato di un'indagine sull'inclusione socio-economica dei migranti in Italia, proponendo percorsi di integrazione virtuosa di immigrati, con interviste e testimonianze, e comprende anche un approfondimento specifico sulla crescita della comunità romena a Roma e provincia a seguito dell'ingresso della Romania nella Ue. Una comunità di lavoratori quella descritta dal volume, composta per il 52% da donne, impiegate soprattutto come badanti e assistenti familiari. Gli uomini invece trovano lavoro prevalentemente nel settore edile. Fortemente dediti al lavoro, il 78% risulta occupato, ma poco tutelati a livello contrattuale: secondo il volume, solo uno su tre ha un contratto e la crisi sta accrescendo il ricorso al lavoro nero da parte delle imprese. Secondo le stime Inail, relative al 2007, poi, uno straniero su quattro deceduto nei cantieri edili è romeno. L'impiego in mansioni dequalificate per i romeni che vivono in Italia dipende spesso anche dalla difficoltà a farsi riconoscere i titoli di studio acquisiti in patria o a certificare le esperienze lavorative maturate prima di arrivare in Italia. Infine, nonostante le difficoltà nel rapporto tra italiani e romeni nate a seguito di alcune vicende di cronaca avvenute negli ultimi mesi, la maggior parte di loro ha un'opinione «positiva» degli italiani.

Fonte: roma-intercultura.it

"Io, tormentata dalle multe". Ne ha prese 84 in 4 mesi

Un'infermiera rumena, residente a Gattolino di Cesena, è stata tradita dal vigile elettronico Sirio a Ravenna, dove si reca per lavoro. Deve pagare settemila euro di contravvenzioni. Cosa ne pensate?

Cesena, 23 ottobre 2009 - A Bologna ne sanno qualcosa fin dal 1994, a Como dal 1998 o a Roma dal 1999. A Ravenna, il controllo Sirio per intercettare le targhe dei veicoli che si intrufolano senza autorizzazione nella zona a traffico limitato è entrato in vigore il 16 luglio del 2007. Verissimo che la legge non ammette l’ignoranza. Ma forse è un tantino esagerato pretendere che per una malcapitata rumena, in Italia dal 2003, la criptica scritta «varco attivo» potesse suonare come un campanello d’allarme. Specie chi c’è cascato ormai sa perfettamente cosa significa: il “vigile elettronico” è in funzione.

La malcapitata rumena, 40 anni, infermiera, assolutamente ignara, in un «varco» Sirio all’imbocco di via Di Roma a Ravenna c’è transitata 84 volte. E adesso si trova con poco meno di 7mila euro di multe da pagare. Cioè l’importo che salta fuori con gli 82 euro a botta.

La prima infrazione la donna l’ha commessa il 10 aprile del 2008, cioè esattamente il giorno in cui la direzione di una casa di cura l’ha convocata per un colloquio di lavoro. La seconda il 12 aprile, il giorno nel quale ha preso
servizio. Per districarsi nel dedalo dei sensi unici, via Di Roma era l’unica strada che l’infermiera rumena nel tragitto di ritorno, per avviarsi verso Gattolino di Cesena, dove abita. E alla fine di ogni turno di lavoro per più di quattro mesi, puntualmente, di lì è passata. Finché un brutto giorno, a fine agosto, le arrivata la prima manciata di verbali. In capo a un paio di settimane se ne è trovati per le mani appunto 84.

La legge prevede che una notifica — pena la nullità — venga effettuata entro 150 giorni. Il termine qui è stato rispettato ma la tardività resta. Fosse stata avvertita (tanto più che l’accertatore risulta essere sempre lo stesso) nell’arco di un paio di settimane, la donna avrebbe avuto modo di ravvedersi. Invece anche dopo due ricorsi ai giudici di pace si è trovata con un pugno di mosche in mano. Le tocca pagare. L’unica facilitazione è che potrà farlo a rate: all’incirca 200 euro al mese a partire da novembre. Le ci vorranno all’incirca tre anni tondi tondi per estinguere il debito. Sempre che Sirio d’ora in poi non ci si metta più di mezzo.
di UGO RAVAIOLI

Fonte: Il Resto del Carlino.

Champions ribaltata: La nuova Europa pende a Est

gio, 22 ott 2009

Barça e Liverpool non basta la parola. Rubin Kazan e Unirea, il calcio va a Est.
Gerarchie ribaltate, l'Europa si ribella.

Rubin cosa? Il Barcellona del promesso Pallone d’oro Lionel Messi, di Ibrahimovic e di altra bella gente, non se n’è troppo preoccupato. Eppure avrebbe dovuto, perché anche l’Inter contro questa formazione tartara aveva rimediato un faticoso 1-1. Il Rubin Kazan, squadra del Tatarstan, 800 chilometri a Est di Mosca, martedì sera ha vinto 2-1 al Camp Nou contro i detentori della Champions League. In contemporanea, i rumeni dell’Unirea in trasferta a Glasgow strapazzavano 4-1 il Rangers, che non è una squadra di fenomeni ma ha sovente frequentato i salotti buoni del calcio. La geografia europea del calcio si è spostata verso Est. Dalla caduta del Muro, la Russia non era mai riuscita a superare la fase a gironi di una competizione internazionale. Ce l’ha fatta l’anno scorso, sbarcando in semifinale agli Europei. Un mese prima lo Zenit di San Pietroburgo aveva vinto la Coppa Uefa, impresa realizzata quattro anni prima dal Cska di Mosca. Ma se lo Zenit ha alle spalle la sponsorizzazione della Gazprom, il Rubin Kazan è una squadra artigianale, una multinazionale di giocatori sconosciuti provenienti da mezzo mondo, dall’Argentina alla Spagna, dalla Turchia all’Ecuador. L’allenatore è Kurban Berdyev, nato in Turkmenistan, musulmano devotissimo. Neppure l’Unirea vanta finanziatori ricchi o calciatori famosi, e fino al 2002 vivacchiava nella serie C rumena. Poi, un piccolo investimento alla volta, ha superato lo Steaua Bucarest e adesso fa la sua figura nell’Europa che conta. Michel Platini si stupisce anche degli ungheresi del Debrecen: «Hanno perso, però non mi aspettavo che riuscissero a segnare tre gol alla Fiorentina. Sono contento di questi risultati a sorpresa: i giocatori non sono robot, e così si rimescolano un po’ le carte». A Madrid per incontrare Florentino Perez e vedere Real-Milan, il presidente dell’Uefa non esclude che in Champions possano giocare le vincitrici delle coppe di lega: «Sono criteri stabiliti dalle federazioni nazionali. La decisione spetta a loro». Se le squadre dell’ex impero sovietico sono in rialzo (compresa la Dinamo Kiev), le grandi potenze appaiono in difficoltà, quando non in crisi. Il Barcellona, appunto. E il Liverpool, per fare un altro esempio. Dopo 6 sconfitte in 13 partite ufficiali (l’ultima con il Lione), la panchina di Rafa Benitez non è più così solida. Secondo la stampa inglese, il tecnico spagnolo potrebbe finire all’Inter in cambio di Josè Mourinho, che in Inghilterra vanta ancora parecchi estimatori. Benitez, tra l’altro, era già nel mirino di Moratti alla fine dell’era Mancini, però alla fine il presidente nerazzurro gli preferì lo Special One. Lo scambio dovrebbe avvenire a fine stagione, sempre che Liverpool e Inter riescano a superare la prima fase della Champions League. Altrimenti, secondo i bookmaker d’Oltremanica, l’operazione potrebbe avvenire in gennaio.

Fonte: Yahoo Sport.

Citeste si:
Rangers - Urziceni 1-4/ O echipa dupa chipul si asemanarea lui Dan Petrescu

De două ori mai multe secţii de votare în străinătate decât în 2004


Miercuri, 21 Octombrie 2009

Corectitudinea alegerilor ţine şi de buna informare a românilor din străinătate, a declarat miercuri ministrul interimar de externe Cătălin Predoiu, cu ocazia lansării unui ghid pentru alegătorii din străinătate.

Ministerul de Externe şi Autoritatea Electorală Permanentă (AEP) au lansat miercuri „Ghidul alegătorului român din străinătate”, prin care se urmăreşte asigurarea informării corecte a cetăţenilor români stabiliţi peste hotare despre condiţiile în care îşi vor putea exercita dreptul la vot la alegerile prezidenţiale.

"Nu noi am stabilit regulile jocului, cum se spune, dar în acelaşi timp vă asigurăm că le vom respecta întru totul. Cred că informarea corectă a cetăţenilor din străinătate în legătură cu procedura de desfăşurare a votului este un factor decisiv în asigurarea corectitudinii alegerilor", a subliniat şeful interimar al ministerului, Cătălin Predoiu.

El a explicat şi care sunt informaţiile cuprinse în ghidul lansat de MAE. "Prin acest ghid dorim să punem la dispoziţia alegătorilor din străinătate în termeni foarte simpli, practici, la îndemâna oricui, informaţiile cheie legate de procesul de vot, începând cu persoanele care pot să îţi exercite dreptul de vot în străinătate, documentele pe baza cărora îşi pot exercita dreptul de vot, procedurile care le stau la dispoziţie în cazul în care aceste documente au expirat, dacă şi până la ce oră se poate vota în respectivele secţii, conform legii", a punctat ministrul.

Ghidul va fi distribuit la misiunile României din străinătate, dar şi către organizaţii de români sau parohii româneşti.

Ghidul este publicat şi pe site-ul MAE, în cadrul secţiunii „Alegeri prezidenţiale 2009”, la adresa şi va fi postat pe paginile de internet ale misiunilor diplomatice, iar misiunile diplomatice multiplică materialul şi îl distribuie gratuit cetăţenilor români.

Pentru alegerile prezidenţiale de anul acesta, MAE a stabilit organizarea a 294 de secţii de vot în întreaga lume, dintre care 55 în Italia, 38 în Spania, 13 în R. Moldova, nouă în Franţa, trei în Ungaria, cinci în Germania, trei în Rusia, patru în Canada şi 28 în SUA. În străinătate vor fi transmise aproximativ 600.000 de buletine de vot, iar bugetul total alocat alegerilor din străinătate este de 3,7 milioane de lei noi.

Senatorul PSD Titus Corlăţean a declarat la începutul lunii că a intrat în posesia unor informaţii potrivit cărora ar exista tentative de fraudare a alegerilor prin multiplicarea secţiilor de votare din străinătate, care să fie conduse de oameni apropiaţi PDL, şi nu de diplomaţi.

Pe de altă parte, MAE a explicat că a decis organizarea a 294 de secţii de vot în străinătate, aproape dublu faţă de cele 153 organizate la prezidenţialele din 2004, în baza evaluărilor de la nivelul misiunilor diplomatice, în urma unor solicitări din partea comunităţilor de români din străinătate şi ţinând cont de interesul crescut pentru alegerile prezidenţiale.

Sursa: NewsIn

Guvernul a adoptat măsurile de organizare a referendumului simultan cu alegerile prezidenţiale


23 octombrie 2009

Guvernul a adoptat, vineri, două hotărâri care permit organizarea referendumului pentru Parlamentul unicameral simultan cu alegerile prezidenţiale, a anunţat ministrul interimar al Administraţiei şi Internelor, Vasile Blaga.

Primul articol al decretului prevede că populaţia este chemată să-şi exprime voinţa legat de trecerea la Parlament unicameral şi de reducerea numărului de parlamentari la maximum 300. Băsescu a adăugat că cel de-al doilea articol cuprinde întrebările adresate populaţiei la referendum, la care cetăţenii trebuie să răspundă cu "Da" sau "Nu": "Sunteţi de acord cu trecerea la parlamentul unicameral?" şi "Sunteţi de acord cu reducerea numărului de parlamentari la maximum 300?".

Preşedintele Traian Băsescu a anunţat, joi, că a semnat decretul privind organizarea referendumului pentru Parlament unicameral şi reducerea numărului de parlamentari la maximum 300 în 22 noiembrie, o dată cu primul tur al alegerilor prezidenţiale.

Parlamentarii au avizat negativ, miercuri, în plenul reunit al celor două Camere, scrisoarea preşedintelui Traian Băsescu privind convocarea unui referendum naţional în aceeaşi zi cu alegerile prezidenţiale pe tema Parlamentului unicameral şi a reducerii numărului parlamentarilor la maximum 300.

Sursa: Antena3.ro

Quando si vota per le primarie del PD, chi può votare, cosa serve?


IL 25 ottobre ricorda che:

Si vota dalle 7 alle 20 in oltre diecimila seggi.

Si vota una sola lista.

CERCA IL TUO SEGGIO SU www.partitodemocratico.it O TELEFONANDO AL NUMERO 848.88.88.00

Puoi votare se hai almeno 16 anni e sei: cittadino italiano, cittadino europeo con residenza in Italia, o cittadino di un altro paese con permesso di soggiorno in Italia.
Per votare basta un documento d’identità e la tessera elettorale. Per i minorenni e i cittadini stranieri serve solo il documento.

Gli studenti universitari e i lavoratori fuori sede, anche extracomunitari con permesso di soggiorno, possono votare nella città dove studiano o dove lavorano. Tale decisione deve essere comunicata alla sede provinciale del Partito Democratico del luogo in cui si studia o si lavora entro le 19 del 23 ottobre. Puoi trovare l’indirizzo su www.partitodemocratico.it

Le schede sono due: una di colore azzurro per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Nazionale, un’altra di colore rosa per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Regionale.
Sceglierai il tuo Segretario tracciando un unico segno su una delle liste dei candidati ad esso collegati.

E non dimenticare di versare un contributo minimo di 2 euro per aiutarci a sostenere l’iniziativa. Al momento del voto riceverai la molletta “Ci tengo”, simbolo di queste primarie.

Il 25 ottobre 2009 scegli tu il segretario del PD.

ALLEGATI
Depliant informativo (Documento PDF) Scarica l'allegato

Fonte: Mobilitanti.

Saluto in lingua rumena ai pellegrini e di fedeli giunti dalla Romania


Mercoledì, 21.10.2009 - L’UDIENZA GENERALE - CATECHESI DEL SANTO PADRE

Giovedì 22 Ottobre 2009

L’Udienza Generale di questa mattina si è svolta alle ore 10.30 in Piazza San Pietro dove il Santo Padre ha incontrato gruppi di pellegrini e di fedeli giunti dall’Italia e da ogni parte del mondo. Nel discorso in lingua italiana, il Papa, continuando il ciclo di catechesi sui grandi Scrittori della Chiesa di Oriente e di Occidente del Medioevo, si è soffermato su San Bernardo di Chiaravalle. Dopo aver riassunto la Sua catechesi in diverse lingue, il Santo Padre ha rivolto particolari espressioni di saluto ai gruppi di fedeli presenti. L’Udienza Generale si è conclusa con il canto del Pater Noster e la Benedizione Apostolica impartita insieme ai Vescovi presenti. [...]

Saluto in lingua rumena
Salut cu afecţiune pelerinii veniţi din România. Iubiţi prieteni, Ziua Misionară Mondială pe care am celebrat-o duminica trecută să fie şi pentru voi o invitaţie la a fi misionari ai Vestei Celei Bune a lui Cristos. Vă binecuvântez din toată inima. [Saluto con affetto i pellegrini provenienti dalla Romania. Cari amici, la Giornata Missionaria Mondiale che abbiamo celebrato domenica scorsa sia anche per voi un invito ad essere missionari della Buona Novella di Cristo. Volentieri vi benedico.] [01533-AA.01] [Testo originale: Rumeno] [...]

Fonte: Pontifex.

Mii de pelerini au luat cu asalt Bucureştiul pentru moaştele a şase sfinţi


24 Octombrie 2009

Mare procesiune religioasă în această dimineaţă, în Bucureşti. Pe străzi vor fi purtate în procesiune moaştele mai multor sfinţi, care vor fi depuse în faţa patriarhiei. Zeci de oameni şi-au petrecut toată noaptea pe dealul Mitropoliei, ca să fie primii care se vor închina la moaştele sfinte.

La Bucureşti sunt aşteptaţi pelerini din toată ţara. Biserica a avut grijă să asigure locuri de cazare pentru o parte din enoriaşi. La două colegii din Capitală, Mihai Eminescu şi Ion Creangă, au fost pregătite 450 de paturi.

"Suntem pregătiţi din punctul de vedere duhovnicesc, dar şi al hranei pentru pelerini cu sandvişuri, ceai cafea, fiind organizate protoierii care să aducă zilnic hrana pentru cei care stau la rând", a precizat un preot.

La ora 9.00 vor fi aduse din Grecia, pe Aroportul „Henri Coandă” moaştele Sfântului Vasile cel Mare. Între orele 10-11.00 va avea loc o procesiune religioasă cu moaştele sfântului Grigore de Nyssa. Procesiunea se va desfăşura pe traseul: Calea Şerban Vodă - strada Bibescu Vodă – Dealul Mitropoliei.

Tot astăzi la Patriarhie vor fi aduse şi moaştele Sfântului Grigore Teologul, de la Biserica Domniţa Bălaşa. Până la orele 12.00 vor fi blocate străzile Bibescu Vodă, Şerban Vodă şi cele din zona Dealului Mitropoliei.

Sursa: Realitatea TV

Un profesor italian afirmă că românii au o imagine proastă în Italia din cauza presei

24 Octombrie 2009

Profesorul universitar, Luigi Melica, şeful Departamentului de Relaţii Internaţionale a Universităţii din Salento (Italia), a declarat, vineri, la Tg Mureş, că italienii au o atitudine ostilă faţă de români din cauza presei şi că slovenii, de exemplu, comit la fel de multe infracţiuni în Peninsulă.

"În privinţa cetăţenilor românilor, ţara mea este ciudată din acest punct de vedere. Sunt perioade şi perioade. Şi din vina presei sunt perioade în care presa scrie că românii comit infracţiuni în fiecare zi, şi perioade precum acum, când în ziare nu se mai scrie nimic de români", a spus Luigi Melica, la conferinţa internaţională "Pedeapsa în Codul Penal, actualităţi şi perspective", transmite corespondentul NewsIn.

"Este o strategie în spatele acestui fapt, gândindu-ne la faptul că românul care a fost acuzat de viol acum un an era caracterizat de presă ca fiind un monstru. După examenul ADN, când s-a descoperit că nu este el vinovatul, a fost invitat la cel mai faimos post TV pentru a vorbi despre viaţa lui. Transmisiunea a avut cea mai mare audienţă", a afirmat profesorul universitar.

El a adăugat că, în raport cu proprii infractori, italienii au o reacţie contrarie. "Italia este cea care spune Germaniei: nu ne trimiteţi acasă infractorii, atunci când germanii au vrut să facă acelaşi lucru. Pentru prezentarea negativă au fost aleşi români, dar, de asemenea, puteau fi aleşi şi slovenii, care comit la fel de multe infracţiuni în Italia", a spus Luigi Melica.

El a adăugat că Guvernul italian dorea să emită un act prin care să îi poată expulza din ţară şi pe cetăţenii statelor membre UE care comit infracţiuni, "iar pentru aceasta am mediatizat foarte mult problemele create de români, ca şi populaţia să fie de partea Guvernului".

Sute de specialişti în domeniul Penal din ţară şi străinătate participă la Tg Mureş la conferinţa internaţională "Pedeapsa în Codul Penal, actualităţi şi perspective", organizat de Universitatea "Petru Maior", eveniment la care era anunţată şi prezenţa noului preşedinte al ÎCCJ, Lidia Bărbulescu, însă a anunţat în ultimul moment că este nevoită să contramandeze acţiunea. Deasemenea, a fost invitat şi a confirmat, dar nu a mai ajuns, chestorul Bujor Florescu, şeful DGIPI.

Sursa: NewsIn

Romeno morto: nessuno reclama la sua salma

Il 24enne tragicamente deceduto dopo l'arresto era senza fissa dimore. Difficoltà a rintracciare la famiglia. Non si sono fatti avanti parenti o amici
Una pattuglia dei carabinieri (foto Newpress)

Montecatini, 23 ottobre 2009 - Nessuno reclama la salma di Calin Sorin, il rumeno di 24 anni morto lunedì sera dopo essere stato arrestato dai carabinieri poco dopo l’aggressione a due ragazze connazionali al bar Gori e la rapina del portafoglio a una sua ex. Alla fine tragica e ancora incomprensibile c’è ora anche il fatto che nessuno si sia fatto avanti per la sua sepoltura, né amici, né familiari.

Il ragazzo è stato trovato in fin di vita dai carabinieri al comando e a nulla è servito il lungo tentativo di rianimarlo degli operatori del 118, dopo il primo intervento chiesto dai militari per riuscire a calmarlo e la successiva somministrazione da parte del medico presente di un calmante. Il rumeno è morto poco dopo durante il trasferimento all’ospedale di Pistoia in ambulanza. Probabilmente potranno essere gli esami tossicologici eseguiti nel corso dell’autopsia di martedì mattina a riuscire a fare maggiore chiarezza.

Il corpo resta così in attesa di decisioni all’obitorio di Pistoia. Le difficoltà per rintracciare i suoi parenti sono oggettive. Il giovane rumeno infatti non risulta residente a Montecatini e in pratica la sua era una vita da border line, senza fissa dimora. Pare che in passato fosse stato ospite di altri rumeni, ma senza aver mai avuto una casa propria. Anche dal punto di vista lavorativo non risulterebbe nessuna occupazione stabile. Un giovane straniero come tanti nella nostra città che vivono ai margini della legalità.

Fonte: La Nazione

Leggi anche:
Rumeno muore in cella, è mistero
Muore in casermadopo l'iniezione

Operaio rumeno investito dopo una lite

Arrestato un pregiudicato 40enne per tentato omicidio
23/10/2009
di ROSSELLA MONTEMURRO

Un'incomprensione, un litigio improvviso o una discussione degenerata per motivi economici. Potrebbero emergere ulteriori elementi sulle motivazioni che hanno spinto il grassanese Pasquale Dinisi, quarantenne disoccupato, ad investire con il suo Nissan Suv, nella notte tra mercoledì e giovedì, Jonut Juta, lasciandolo esanime in contrada Zaccardone.
Ieri, nel corso di una conferenza stampa, il comandante della Compagnia dei carabinieri di Tricarico, capitano Giuseppe Prudente e il brigadiere Giovanni Scaramuzzi, comandante interinale della Stazione di Grassano, hanno ricostruito le ore che hanno portato all'arresto per tentato omicidio di Dinisi, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e contro la persona.
“E' stata condotta un'importante attività di indagine che ha avuto caratteristiche di eccellenza. - ha affermato il capitano Prudente - Alle 2,30 di giovedì mattina è giunta una telefonata anonima al 118 che segnalava la presenza di un corpo esanime in contrada Zaccardone, una zona particolarmente impervia, lontana da vie di comunicazione.
I sanitari hanno prestato le prime cure a Jonut Juta, un cittadino rumeno, classe '79, residente a Grassano, muratore, coniugato con un figlio. Il ragazzo era esanime, privo di conoscenza e presentava numerose escoriazioni al volto e alle gambe”.
Trasportato all'ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera, dove è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione, il trentenne presentava escoriazioni al volto, fratture al femore, alla gamba destra e altre lesioni interne. Ieri mattina Juta è stato sottoposto ad un intervento chirurgico.
Nelle prime ore di giovedì mattina, dopo l'intervento del 118, è stata immediatamente allertata la Compagnia dei carabinieri di Tricarico. I militari hanno effettuato un sopralluogo nella zona.
“Abbiamo acquisito elementi ascoltando le persone intervenute. - ha detto il brigadiere Scaramuzzi - Sono venute fuori discordanze che hanno diretto le indagini sulla persona che è stata tratta in arresto. La vittima era incosciente e non è stato possibile comparare le notizie”.
La rete di informazioni costruita dalla Stazione di Grassano fra tutti coloro che avevano visto Juta per l'ultima volta ha permesso di valutare le informazioni vere e quelle distorte: in questo modo si è ristretto il cerchio. Juta conosceva il suo aggressore e lo aveva incontrato alcune ore prima, in un locale pubblico.
Dalla ricostruzione dei carabinieri, il trentenne sarebbe stato prima picchiato e subito dopo investito: le escoriazioni sul viso inducono a credere che il muratore sia stato anche malmenato, probabilmente in un luogo diverso da quello in cui è stato lasciato.
“Le prime indagini - ha aggiunto il capitano Prudente - sono state compendiate da un'informativa inoltrata all'Autorità Giudiziaria. Dalle incongruenze riscontrate e dai dati oggettivi siamo sufficientemente convinti di aver chiarito la vicenda. La Stazione dei carabinieri di Grassano da sempre svolge un'egregia attività di controllo del territorio, i militari hanno la capacità di conoscere le persone anche da piccole cose. Su questa vicenda, infatti, in sole quattro ore abbiamo avuto elementi sufficienti a carico di Dinisi ed è tutto merito del personale operante. Un lavoro encomiabile svolto dal brigadiere Scaramuzzi e dal comandante titolare, il maresciallo Giacomo Bello che, nonostante sia in malattia, ha condotto personalmente le indagini ed è stato presente durante le varie attività per spirito di servizio”.
Le indagini sono coordinate dal pm di Matera, Valeria Farina Valaori.

Fonte: Il Quotidiano della Basilicata.

Leggi anche:
Sala Cansilina, incidente tra moto e furgone: grave 21enne romeno
Tre anni, bionda, orecchini d'oro abbandonata nel cuore della notte
L'incredibile storia del pugile romeno Dumitrescu. Da una finale olimpica a una "carriera" da ladro
Attraversa sulle strisce: falciato sotto gli occhi della moglie
Raccolta di castagne in nero, un arresto e 7 denunce
Stazione centrale, rumeno accoltellato in strada
Imperia: ancora un incidente nella notte in piazza Calvi
Una donna romena salvata dal soccorso alpino di Calabria a Scaletta Zanclea
Tragedia sul lavoro, due imbianchini folgorati dall'alta tensione
Verona: polizia salva romena da stupro
Giovanissima prostituta rumena travolta e uccisa da un Suv e da un camion sull’Adriatica
Arrestati dalla polizia in Spagna i killer del romeno ucciso nella Cumana di Napoli
Angelo Savio Volpe chiede il rito abbreviato
Olbia: trovato il corpo di un rumeno. Viveva in una baracca, oggi l'autopsia

mercoledì 21 ottobre 2009

Umana sintesi‏ di Ileana Florescu


22 ottobre – 12 novembre 2009
Inaugurazione della mostra e presentazione del libro giovedì, 22 ottobre, ore 18.30
Accademia di Romania, Sala Esposizioni

Ileana Florescu, "Murmurã glasul mãrii" - mostra fotografica
Presentazione del volume “Umana sintesi” (Silvana editoriale, 2009) di Ileana Florescu

Giovedì, 22 ottobre, ad iniziare dalle ore 18,30, l'Accademia di Romania propone un incontro con l'artista Ileana Florescu per la presentazione del volume di fotografie L’umana sintesi(Silvana Editoriale, 2009) e l'inaugurazione della mostra di fotografia "Mormora la voce del mare".

Interverranno gli storici Diego Mormorio e Sergio Bertelli, la giornalista e critica d’arteAlessandra Mammì (L’Espresso) e Graziella Lonardi, collezionista ed ideatrice degli Incontri Internazionali d’arte di Roma.
Il compositore Franco Piersanti presenterà un brano musicale inedito ispirato alla mostra. Il brano sarà eseguito da Paolo Zampini (flauto contralto), Lisa Green (violino) e Franco Piersanti (pianoforte).
Un video di Ottavio Celestino documenterà il percorso artistico di Ileana Florescu dall’ideazione del progetto alla sua realizzazione finale.

Un insieme di “immagini di libri sommersi che la corrente marina sfoglia colti nel loro trasformarsi in cosa ricca e strana attraverso un sorprendente occhio fotografico”, ma anche di “pagine composte da altre pagine, dove i titoli degli scatti sono citazioni estratte dal libro annegato (grandi classici, ma anche testi più profani). I brani scelti, dialogando con l’apparato iconografico, si fondono in un’unica opera dalle profonde valenze filosofiche: italiano, inglese, francese, tedesco, russo, cinese, farsi, greco e latino (con testi rigorosamente riproposti in italiano e inglese nell’appendice) si susseguono, a comporre appunto L’umana sintesi, una goccia significativa nell'oceano dello scibile umano. Attraverso il realismo della fotografia il lettore approda ad un mondo fantastico che una terza lente, quella dell'acqua, permette di imprigionare in uno spazio quasi pittorico, atemporale. Ma l'acqua cristallina della Sardegna in cui i libri sono stati immersi, è sorgente rigeneratrice, catartica o distruttrice?

Comunicato stampa

Accademia di Romania

Premio letterario Insula europea‏, premiazione 30 ottobre a Perugia


COMUNICATO STAMPA

I vincitori della I edizione del Premio letterario Insula europea (www.insulaeuropea.eu), rivolto a cittadini della Unione europea, autori di opere narrative, inedite in Italia, sotto i 35 anni, sono:

Premio “Insula europea”:

Adrian Chivu, Caiet de desen (Quaderno di disegno), Bucuresti, Curtea Veche, 2008.

Premio speciale “Biblioteche comunali di Perugia”:

Christiaan Weijts, Via Cappello 23 (Via Cappello 23), Amsterdam, Uitgeverij De Arbeiderspers, 2008.

La cerimonia di premiazione avrà luogo a Perugia venerdì 30 ottobre alle ore 17,00, presso il Salone d’onore di Palazzo Donnini. Saranno presenti i vincitori.
Premio letterario "Insula europea"

Natura Dèi Teatri a Parma


NATURA DÈI TEATRI 2009
Creazione Contemporanea Festival Verdi 2009

Performing Arts Festival n [14

CAMPI
PARMA 17_22 OTTOBRE

http://www.lenzrifrazioni.it/natura

mercoledì 21 ottobre
ore 21.00 REPERTOIR OF THINGS AND HAPPNING Dan Perjovschi ore 21.00 ore 23.00 EVAPORATED LANDSCAPES Mette Ingvartsen
ore 22.O0 EXILIUM Lenz Rifrazioni

giovedì 22 ottobre
Corte di Giarola Collecchio
ore 15.00-19.00 Creare benessere: pratiche di teatro sociale a confronto seminario organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale dell’AUSL di Parma
ore 19.30 H 456 Black Widows Lenz Rifrazioni da Hamlet di William Shakespeare

Campi magnetici, campi poetici, campi di concentramento, campi nomadi, campi cinematografici – lunghi, lunghissimi, medi, controcampi – campi di grano, campi di battaglia, campi sonori. Il campo è spazio fisico, corporeo e mentale, delimita una zona dentro cui ognuno edifica la propria patria estetica, vitale, sentimentale. I ricordi, i profumi, la lingua, il futuro. Per l’artista ogni opera è un campo, lì abita il suo lavoro. Francesco Pititto
___

Natura Dèi Teatri (Parma, 17-22 ottobre) - Festival Internazionale di arti performative - prosegue mercoledì 21 ottobre (ore 21 e ore 23) con la performance Evaporated Landscapes della coreografa danese Mette Ingvartsen. Alle ore 22 si terrà Exilium di Lenz Rifrazioni dai Tristia e le Epistulae ex Ponto di Ovidio.

Natura Dèi Teatrigiovedì 21 ottobre

Natura Dèi Teatri si conclude giovedì 22 ottobre nella cornice di valore storico, architettonico e naturalistico della Corte di Giarola (Collecchio): dalle 15 alle 19 si terrà un seminario organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale dell’AUSL di Parma, alle 19.30 la première di H 456 Black Widows di Lenz Rifrazioni

Comunicato stampa
Arte e salute – creare benessere: pratiche di teatro sociale a confronto


Natura Dèi Teatri giovedì 22 ottobre

Programma
__
Il Festival Natura Dèi Teatri 2009
Creazione Contemporanea Festival Verdi 2009
è un progetto di Lenz Rifrazioni promosso da:

Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma
Comune di Parma_Assessorato alla Cultura, Fondazione Monte di Parma
Comune di Collecchio, Comune di Colorno
Comune di San Secondo, Comune di Fornovo Taro
Ausl_Dipartimento di Salute Mentale, Unione Pedemontana Parmense
Consorzio Parco Regionale Fluviale del Taro

con il sostegno di: Goethe Institut-Mailand

In collaborazione con: SMS Contemporanea_Siena,
cooperativa Sociale DOMUS_Parma, 00:am STU LAB Stu Pasubio

la Camera di Commercio di Parma
è partner speciale del Progetto Exilium

in partnership con:
Tpalazzo, Palazzo Dalla Rosa Prati Piazza Duomo Parma
S 19.it // web / film
__
Christian Donelli Ufficio Stampa e Comunicazione
Lenz Rifrazioni / Festival Natura Dèi Teatri Via Pasubio 3/ e 43122 Parma Italia
T. +39 0521 270141 uffstamp@lenzrifrazioni.it http://www.lenzrifrazioni.it
youtube www.youtube.com/lenzrifrazioni
skype christiandonellilenz

MAE a lansat ghidul alegătorului din străinătate, pentru alegerile prezidenţiale


21 octombrie 2009

Ministrul interimar al Afacerilor Externe a lansat, pe pagina de internet a ministerului, ghidul alegătorului din străinătate, pentru alegerile prezidenţiale din 22 noiembrie 2009. Informaţiile postate pe site-ul MAE sunt destinate cetăţenilor români aflaţi, în ziua alegerilor, în afara granişelor ţării. Astfel, pot fi găsite date despre scţiile de votare, procedura de vot şi actele necesare.
Cetăţenii români pot vota în străinătate pe baza următoarelor documente: cartea de identitate, cartea de identitate provizorie, buletinul de identitate ori paşaportul diplomatic, paşaportul diplomatic electronic, paşaportul de serviciu, paşaportul de serviciu electronic, paşaportul simplu, paşaportul simplu electronic, paşaportul simplu temporar, titlul de călătorie, valabile în ziua votării.

Ghidul alegătorului în străinătate (pdf)

Vezi lista secţiilor de votare (pdf)

Sursa: Antena3.ro

Elezioni Presidenziali Romene, si vota anche a Ladispoli

Mercoledì 21 ottobre 2009

“Il 22 novembre prossimo avranno luogo le elezioni presidenziali della Romania per la scadenza del mandato del presidente Traian Basescu, entrato in carica dopo il giuramento del 20 dicembre 2004. Votando con sistema maggioritario uninominale a doppio turno in caso che nessun candidato raggiunga il 50% + 1 dei voti si ricorrerà al ballottaggio fra i due candidati più votati e queste avranno luogo il giorno 6 dicembre. E Ladispoli sarà ancora una volta seggio elettorale per tutti i cittadini romeni residenti sul territorio”. A parlare è Adrian Gherman, delegato ai Rapporti con la Comunità Romena, che ha annunciato come l’amministrazione comunale del sindaco Paliotta abbia offerto la massima collaborazione per permettere ai cittadini romeni di poter votare anche lontano da casa.

“Il ministero degli Esteri della Romania - ha spiegato Adrian Gherman - ha organizzato 294 seggi elettorali in tutto il mondo laddove si trova la comunità romena. Per l’Italia il ministero degli Esteri ha autorizzato come seggi elettorali 55 località, fra le quali anche Ladispoli. Dobbiamo ricordare quali sono stati i fattori che ha determinato a presentare la domanda di adesione a essere ospiti delle Elezioni Presidenziali. Innanzitutto Ladispoli e nelle città vicine come Bracciano, Civitavecchia, Cerveteri, Anguillara, vivono un numero considerevole di cittadini romeni, circa 12.000 persone. In base alle statistiche del Ufficio Anagrafico, a Ladispoli sono iscritti 3.200 residenti romeni. Un altro fattore che ha determinato a organizzare anche Ladispoli un seggio elettorale e stato la disponibilità del comune che ha voluto offrire ai cittadini romeni la possibilità di esprimere uno dei diritti fondamentali della democrazia, quello del voto. Un altro fattore che e stato alla base di questa iniziativa è stata la cooperazione istituzionale tra il Comune di Ladispoli e le Istituzioni Diplomatiche Romene che si trovano sul territorio italiano. Per poter votare, l’elettore deve avere uno dei documenti romeni validi, o il Passaporto o la Carta di Identità. A Ladispoli le Elezioni Presidenziali avranno luogo nell’aula consiliare del Comune di Ladispoli in piazza Falcone, nei giorni 22 novembre e 6 dicembre nel caso di ballottaggio”.

Fonte: TRCgiornale.