La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 30 novembre 2009

1 Dicembre, la Festa Nazionale della Romania


Il popolo romeno è, sicuramente, una delle nazioni più unite ed omogene nell’essenza delle parole, dei sentimenti e degli ideali che definiscono la sua tormentata storia multimilllennaria.
Discendente dai remoti Daci, popolo coraggioso, accanito e fiero, pronto in qualunque momento a sacrificarsi per i suoi campi dorati dalla ricchezza dei grani, ma anche per l’oro dei suoi monti bagnati dagli sguardi azzurri dei laghi e della dolcezza del miele, dei frutteti e delle vigne, i Romeni conservano anche tratti caratteristici dei suoi colonizzatori, i Romani.
Si potrebbe dire che la sua esistenza si distendesse tra le ambiziose dimensioni dominatrici dei grandi imperii, da quel Romano, fino all’Impero Ottomano, Absburgico e sovietico. Nonostante ciò, nessuno mai potrà contestare la sua esistenza su queste terre, dai più remoti tempi, perché essa viene incisa nell’unità stessa della lingua, la stessa per tutti i romeni da qualunque parte del Paese e del mondo.
In effetti, il Romeno non ha nessun dialetto che si parli sul territorio della Romania, ci sono soltanto delle parlate specifiche alle diverse regioni storiche, con particolarità esclussivamente fonetiche o di vocabolario che non impediscono però, la naturale e diretta comunicazioni tra i cittadini da tutti gli spazi geografici, ciò che confera più fascino e personalità dell’unità nella diversità.
Eredi della popolazione della distesa Dacia, dalla formazione dei primi stati voivodali e fino in presente, i Romeni hanno bramato e bramano ancora compiere la loro unità territoriale, eloquente come quella della loro lingua.
Il desiderio di essere di nuvo insieme, si concretizzò, prima di tutto, anche se per poco tempo, nel 1600 quando il voivoda Michele il Bravo riuscì a realizzare la loro prima unificazione.
Dopo lunghe discussioni, lui riuscì ad ottenere dall’Impero absburgico il suo riconoscimente come voivoda dei Paesi Romeni e della Moldavia e di governatore della Transilvnia, con il titolo di principe. Il suo assassinio sulla Pianura di Turda, nel periodo 9-19 agosto del 1601, rispondeva perfettamente agli scopi e agli interessi del potere imperiale asbuogico.
Sulla sua grandezza, lo strico romeno Nicolae Iorga scriveva:”
" Dal 1600 nessun romeno ha potuto più pensare all’unione senza la sua immensa personalità, senza il suo scudo o la sua scure alzata verso il cielo della giustizia, senza il suo volto di pura e completa poesia tragica”.
Grazie ad un contesto politico europeo favorevole alla modenizzazione della società, generato dalle Rivoluzioni del 1848, l’ideale dell’unione romena si realizzò parzialmente nel 1859, quando si unirono la Moldavia e la Valacchia, in seguito alla scelta come voivoda, negli ambedue paesi, del voivoda moldavo Alexandru Ioan Cuza, che diventava così, il pimo voivoda dei Principati unitie dello sato nazionale Romania...
Fonte: 2duerighe

Il prezzo della libertà

Roma, Il 10 dicembre 2009 alle ore 11.30 Accademia di Romania in (Valle Giulia) Piazza José de San Martin, 1 Forum di presentazione alla stampa Tracce, eroi e frutti della rivoluzione romena del 1989. Una mostra ed un libro per ripercorrere i giorni della libertà della Romania e la sua attualità, per conoscere davvero l orgoglio di un popolo fratello Partecipano: Veronica Marica Presidente e Direttore Artistico Makenoise Giuseppe Rippa Direttore Quaderni Radicali Cornel Baicu Vice Direttore dell’Accademia di Romania in Roma Una testimonianza – Miruna Cajvaneanu, Giornalista Romena dell agenzia HotNews e della Gazeta Romaneasca. L’iniziativa è promossa dall’associazione culturale Makenoise sulle immagini del fotografo Manolo Cinti e realizzata grazie al contributo del Comune di Roma e del Consiglio Regionale del Lazio. La mostra gode, inoltre, del patrocinio del Parlamento Europeo.
Fonte: Fidest

Libri, “Come Nessuno: Adrian Mutu, la consacrazione di un fenomeno”


FIRENZE - 30 Nov 2009 -
Dagli esordi della carriera in Romania dove fu soprannominato “Briliantul”, il brillante, fino all’arrivo – ed alla consacrazione – a Firenze. Adrian Mutu raccontato nel libro “Come nessuno” di Matteo Morandini. La presentazione del volume (Limina Edizioni, pp 158), si terrà martedì 1 dicembre alle ore 17.00, presso la sede del Consiglio regionale in via Cavour 4 – Palazzo Panciatichi, Sala del Gonfalone. All’iniziativa interverranno, oltre l’autore, il vicedirettore del Quotidiano Nazionale Enzo Bucchioni e Stefan Stanasel, rappresentante in Toscana della commissione per le Politiche Estere del Senato della Romania. Il volume di Morandini si addentra nelle pagine scure dell’avventura di Mutu al Chelsea e sulla multa di 17 milioni che la Fifa gli ha comminato e che ancora incombe sul prosieguo della sua carriera. Ma non solo. Il giornalista fiorentino si sofferma anche sulle pagine chiare dell’amore ritrovato dopo la caduta e del legame di Adrian con Firenze, una città che come nessun’altra si innamora dei suoi campioni e che con essi riesce a sognare anche l’impossibile.
Fonte: Primapress

130 de ani de relaţii diplomatice româno-italiene


Secretarul de stat pentru afaceri europene Bogdan Mazuru a participat, alături de Mario Cospito, ambasadorul Italiei la Bucureşti, la o conferinţă de presă organizată astăzi la sediul Ambasadei Italiei, în contextul împlinirii a 130 de ani de relaţii diplomatice româno-italiene.
Prezenţa unei importante comunităţi româneşti în Italia, precum şi a numeroşilor oameni de afaceri italieni în România, conferă relaţiilor bilaterale o trăsătură definitorie. În acest context, o prioritate deosebită a celor două diplomaţii constă în sprijinirea comunităţii de români în Italia, respectiv a celei italiene în România.
Secretarul de stat Bogdan Mazuru a evocat excelentele relaţii între România şi Italia şi a subliniat că „nu sunt multe ţări cu care România are relaţii atât de profunde şi de solide de prietenie, în afara Italiei. Doresc să mă refer la ceea ce reprezintă relaţia româno-italiană în prezent, mai precis la trei componente: cea politică, ce include parteneriatul strategic bilateral încheiat în 1997, viziunea comună asupra Europei şi convergenţa aproape totală în ceea ce priveşte temele europene, dar şi componenta economică şi cea socială”. De asemenea, Bogdan Mazuru a subliniat că în anul 2010, se va desfăşura, la Bucureşti, cea de-a doua ediţie a Summit-ului interguvernamental româno-italian.
În ceea ce priveşte cooperarea economică, demnitarul român a apreciat prezenţa puternică a investitorilor italieni în economia românească şi a accentuat că „există premisele necesare ale dezvoltării în continuare a acestor relaţii, în domenii precum agricultură, energie, transporturi sau turism”. Din punct de vedere social, Bogdan Mazuru a subliniat că prezenţa unei importante comunităţi de români în Italia şi a uneia italiene în România „reprezintă, poate, baza cea mai solidă dintre România şi Italia”.
Ambasadorul Italiei la Bucureşti, ES Mario Cospito, a realizat un scurt istoric al relaţiilor bilaterale dintre Italia şi România, subliniind că stabilirea de relaţii diplomatice între cele două ţări în 1879 „a marcat o apropiere istorică bazată pe rădăcini culturale comune”.
Ambasadorul italian a accentuat faptul că multiplele niveluri la care cele două ţări colaborează în prezent sunt consecinţa unui proces constant de cooperare reciprocă iar domeniul economic este unul de excelenţă: „pentru întreprinderile italiene, România a devenit un fel de a doua patrie; acest proces de schimburi economice a întărit pe de o parte întreprinderile italiene iar pe de altă parte a consolidat economia română”.
Cei doi demnitari au trecut în revistă evenimentele pe care Ministerul Afacerilor Externe şi Ambasada Italiei le vor organiza în perioada următoare, pentru marcarea, într-un mod festiv, a celor 130 de ani de relaţii diplomatice:

30 noiembrie 2009: concert de muzică clasică, organizat de Ambasada Italiei, la Muzeul Naţional de Artă al României – sala „Auditorium”. Concertul va fi susţinut de muzicieni din cadrul Academiei Naţionale italiene de muzică „Santa Cecilia”;

9 decembrie 2009: expoziţie de modă (noduri de cravată) organizată de Ambasada Italiei, la Muzeul Naţional de Artă al României;

10 decembrie 2009: expoziţie şi prezentare power point de documente diplomatice, care vor puncta cele mai importante momente ale relaţiilor bilaterale româno-italiene, organizate de Ministerul Afacerilor Externe, în colaborare cu Ambasada Italiei la Bucureşti, la sediul MAE.
În acelaşi context al celebrării 130 de ani de relaţii diplomatice româno – italiene, Ambasada României la Roma va organiza pe 2 decembrie 2009, sub patronajul Ministerului Afacerilor Externe italian, al Primăriei din Roma, al Ministerului Culturii, Cultelor şi Patrimoniului Naţional din România şi al Radiodifuziunii Române, un concert extraordinar de muzică clasică, urmat de o recepţie oficială oferită oficialităţilor italiene şi corpului diplomatic acreditat în capitala Italiei.
Evenimentul cultural, susţinut de Orchestra Naţională a Radiodifuziunii Române la Sala Giuseppe Sinopoli – Auditorium „Parco della Musica” din Roma, una dintre cele mai prestigioase locaţii din capitalia Italiei, va avea ca obiectiv promovarea prin muzică a coeziunii culturale româno-italiene şi va beneficia de prezenţa unui public diversificat.
Concertul va fi dirijat de maestrul Radu Popa, artist de renume internaţional iar soliştii vor fi violonistul Alexandu Tomescu - care va interpreta cu vioara Stradivarius Elden Voicu şi care are în palmares peste 100 de premii naţionale şi 26 de distincţii internaţionale, şi Horia Mihail - pianist care a susţinut peste 2000 de concerte în România.
Programul concertului va include opere muzicale ale unor compozitori de prestigiu internaţional, cum ar fi Ludwig F. Mendelssohn, Gioacchino A. Rossigni, Martian Negrea, George Enescu.
Sursa: mae.ro

Romania, in attesa del ballottaggio


La vera sorpresa del primo turno delle presidenziali è stata l'elevata affluenza alle urne
Romania al ballottaggio. La sfida tra Traian Basescu, l'attuale capo dello stato che al primo turno delle presidenziali ha rimediato il 32,4 per cento delle preferenze, e Mircea Geoana, il leader socialdemocratico, fermo al 31,17 per cento, si fa infuocata.
“Nel Paese – ha detto Franco Aloisio, rappresentante della Fundatia Parada , in Romania da dieci anni, che si occupa dei ragazzi di strada di Bucarest – l'atmosfera è tranquilla. Il primo turno delle presidenziali si è svolto in maniera regolare. Ci sono state delle infrazioni: persone che hanno votato due volte, certificati elettorali spariti, schede elettorali riapparse dal nulla. Irregolarità che sono state commesse da tutti i partiti e che comunque non hanno pregiudicato l'esito della votazione”. Anche la missione dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), inviata nel Paese per vigilare sul regolare svolgimento delle presidenziali, ha confermato che le elezioni, generalmente, si sono svolte nel rispetto degli standard internazionali, per quanto non siano mancate piccole irregolarità. “La vera sorpresa – ha raccontato Aloisio – è stata la grande affluenza popolare alle urne. Ha votato circa il 54,3 per cento degli aventi diritto, che per la Romania è una percentuale molto elevata. I romeni tendenzialmente hanno una scarsa coscienza civica e si disinteressano alla vita politica, ma questa volta hanno mostrato un maggiore attaccamento. E' un buon segnale”.
C'è, dunque, da attendere il sei dicembre, giorno del ballottaggio, per capire chi sarà il nuovo presidente della Romania. “Basescu – ha dichiarato il responsabile della Fundatia Parada – cinque anni fa poteva contare su un capitale elettorale immenso che, però, nel tempo si è bruciato. Tentativi di modernizzazione sono stati fatti, ma fino a che non sarà la popolazione in prima persona a chiedere l'attuazione di riforme, tutto rimarrà invariato. Ora il vero arbitro della situazione è Crin Antonescu, leader dei liberali. Sarà lui a determinare il vincitore delle presidenziali che, con ogni probabilità, sarà Mircea Geoana. Si è creata nel Paese una forte coalizione anti-Basescu e Antonescu ha già dichiarato che sosterrà il leader dei socialdemocratici. Se Basescu vincesse, sarebbe davvero una sorpresa e mostrerebbe il forte distacco esistente tra i partiti e gli elettori”.
Anche i romeni che vivono in Italia hanno partecipato alle presidenziali. Seggi elettorali sono stati aperti in varie città per permettere ai cittadini della Romania di esprimere il loro voto. “Rispetto al solito – ha spiegato Elena Radulescu – direttrice dell'associazione socio-culturale Columna di Padova che si occupa della diffusione della cultura romena in Italia – hanno votato tante persone, 867. In realtà l'affluenza è stata molto più elevata. Nella provincia di Padova si sono presentate più di mille possibili elettori, ma non tutti hanno avuto la pazienza di aspettare. Ai seggi si sono create lunghissime code e alcuni hanno desistito”. Si tratta sempre di numeri molto bassi rispetto alla media europea e per una nazione che da soli vent'anni è uscita da una dittatura, ma sono segnali incoraggianti che denotano un cambiamento di rotta. “Molti romeni – afferma la direttrice di Columna – stanno pensando di fare ritorno in Romania e tanti sono già rientrati. La crisi che ha colpito l'economia mondiale ha spinto molti migranti romeni a tornare in patria. Almeno lì si sentono a casa. Forse anche per questo motivo molti romeni hanno votato, perché ora sono più interessati agli sviluppi interni del proprio Paese”.
Benedetta Guerriero
Fonte: Peace Reporter

Le autorità romene studino la possibilità di istituire un liceo italo romeno in Italia

Milano, 26/11/2009 (informazione.it - comunicati stampa) Il 20 e il 21 novembre l'Università' di Bucarest in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia e l'Istituto Italiano di Cultura (Iic) hanno organizzato il convegno internazionale ''Fortuna Labilis Studia Perennia'', per i cento anni dalla fondazione della cattedra di italianistica presso l'ateneo della capitale romena. Lo studio dell’italiano in Romania è molto diffuso , prova ne sono gli oltre 10.000 alunni romeni ripartiti su 120 istituzioni scolastiche, tra cui licei e ginnasi, che hanno studiato l'italiano nell'ultimo anno scolastico, i quattro licei bilingui romeno - italiani e i sette lettorati d'italiano nelle più importanti università della Romania, mentre in altre l'italiano viene insegnato come lingua opzionale''. Questo dato permette di comprendere l’importanza delle relazioni culturali tra Italia e Romania e dell’interesse verso il “bel Paese” da parte del popolo romeno. A tale proposito sarebbe interessante che anche in Italia, stante la grande presenza di romeni nel nostro Paese si valuti la possibilità di inserire nei piani d’offerta formativa delle varie scuole la lingua romena come lingua opzionale accanto ai classici tedesco, francese e inglese e in tramite un accordo specifico tra i Ministeri della Pubblica Istruzione dei due paesi si possa costituire licei bilingue italo romeno nelle principali città italiane. Questo servirebbe ad intensificare la reciproca conoscenza oltre essere un tangibile segno di riconoscenza per l’interesse per la lingua e la cultura italiana coltivata dal popolo romeno.
Fonte: Informazione.it

Bolletta da settemila euro, badante assolta «Le telefonate hot erano dell'anziano»


L'uomo aveva accusato la donna di chiamare i connazionali in Romania per nascondere ai figli le spese del cellulare. Smascherato dai tabulati
Settemila euro di bolletta per l'anziano di Ponte delle Alpi che chiamava le «hot-line» (web)
BELLUNO - Badante accusata di telefonare dal cellulare dell’anziano in Romania. Lui l’accusa per nascondere le sue probabili telefonate verso le hot-line. Il settantenne di Ponte nelle Alpi che, molto probabilmente aveva avuto un «ritorno di fiamma», come ha supposto l’avvocato della difesa non sapendo come giustificare ai figli le bollette telefoniche troppo alte aveva incolpato Valentina Mirela Duta, una romena 26 anni, che aveva prestato il suo servizio come collaboratrice domestica nella casa dell’anziano tra il maggio e il settembre del 2007.
Alla denuncia dell’uomo, che aveva fornito agli inquirenti anche le bollette telefoniche con i numeri chiamati, era seguito l’iter processuale che aveva imputato la romena di appropriazione indebita. Fino alla discussione era pacifico per il pubblico ministero, e tanto più anche per il legale dell’anziano, che fosse da addebitare alla giovane straniera l’importo di 7000 euro di telefonate nel breve periodo di due mesi. Entrambi hanno chiesto sei mesi di reclusione e 600 euro di multa. Poi il colpo di scena dove lo spigliato avvocato della donna, (che è stata contumace fin dall’inizio, e che ora risiede in Italia, sposata con un italiano), dopo essersi andato a verificare le destinazioni dei numeri ha scoperto che molti non erano accessibili e quindi si sarebbe potuto ritenere che chiunque avesse potuto fare quelle onerose telefonate, il settantenne compreso. Tanto più che alcuni numeri rimandavano a vere e proprie ragazze squillo. Il giudice ha pertanto assolto la giovane romena.
Federica Fant
26 novembre 2009
Fonte: Corriere del Veneto

Domani festa nazionale per i rumeni, anche a Prato una messa e poi i festeggiamenti

Nel mese di dicembre i rumeni celebrano la festa nazionale, detta “giorno dell’unificazione”, che ricorda l’annessione della Transilvania alla Moldavia e alla Valacchia. La ricorrenza, molto sentita dalla popolazione, viene festeggiata anche a Prato, dalla comunità cattolica rumena. Domani, domenica 29 novembre, don Petre Tamas, cappellano della comunità, insieme all’Associazione Miorita invitano tutti i rumeni abitanti in città e tutti gli interessanti, alla festa. Alle 15, nella chiesa di San Domenico si terrà la celebrazione della messa in lingua e al termine i partecipanti si sposteranno nel salone della Misericordia in via del Seminario. Qui la festa prosegue con danze e canti tipici e la degustazione di piatti della tradizione rumena. Porteranno i loro saluti anche l’assessore comunale all’integrazione Giorgio Silli e l’assessore alle politiche sociali della Provincia di Prato Loredana Ferrara. “Festeggiare una importante ricorrenza rumena a Prato – sottolinea don Tamas – significa condividere con la città le tradizioni di un popolo che si vuole aprire e farsi conoscere. Invitiamo i pratesi – conclude il sacerdote – a partecipare a questo importante momento di condivisione”.
Fonte: Notizie di Prato

giovedì 26 novembre 2009

“Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei”‏

Prin prezenta, ARI invita in mod special Asociatiile Romanilor din zona Lazio si Toscana, reprezentanti ai cultelor, partide politice italiene, imprenditori romani si romanii rezidenti in Italia, de a participa la evenimentul “Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei”.

ARI pune la dispozitia organizatiilor care doresc sa participe, spatii pentru standuri, vizibilitate pentru afise si prezentari, etc.

Ca si în anii precedenti, Asociatia Românilor din Italia urmează traditia, sărbătorind si în anul acesta Ziua Natională a României. Pentru toti românii care din diferite motive nu pot sărbători acest eveniment alături de cei dragi de acasă, ARI va organiza acest ciclu de manifestări în orasele Roma si Florenta, care să le dea prilejul de a se bucura si a retrăi chiar si printre străini bucuria de a fi Român.

Românii sărbatoresc cu mândrie în fiecare an această zi specială din istoria neamului românesc. Oriunde s-ar afla, în tara mamă sau peste hotare, românii participă la afirmarea identitătii nationale romanesti, prin diverse initiative (spectacole, manifestări, etc.) în cadrul cărora se promovează cultura si traditia românească.


"În această zi - scria Nicolae Iorga - a sosit un ceas pe care-l asteptam de veacuri, pentru care am trăit întreaga noastră viată natională, pentru care am muncit si am scris, am luptat si am gândit. A sosit ceasul în care cerem si noi lumii dreptul de a trăi pentru noi, dreptul de a nu da nimănui ca robi rodul ostenelilor noastre".

Evenimente:

“Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei” – 28 noiembrie 2009 – Prato,Firenze

“Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei” – 29 noiembrie 2009 – Roma

  1. IMPREUNA PENTRU A NE CUNOASTE MAI BINE LA ZIUA NATIONALA A ROMANIEI.doc Scarica
  2. volantino INSIEME PER CONOSCERCI MEGLIO ALLA FESTA NAZIONALE DALLA ROMANIA.pdf Visualizza Scarica
  3. locandina INSIEME PER CONOSCERCI MEGLIO ALLA FESTA NAZIONALE DALLA ROMANIA.pdf Visualizza Scarica
  4. spec roma.wmv Scarica
Va astept cu drag,

Eugen Terteleac

Via del Fringuello, 50 A, Roma
Tel./ Fax. +39 06263162
Cell. +39 3286373670
e-mail: info@associazionedeiromeni.it
www.associazionedeiromeni.it

Invitatie la dezbatere despre filmul "Francesca" cu Bobby Paunescu si Monica Barladeanu‏

"FRANCESCA" ARE UN VIS.
UN VIS PERICULOS,
ACELA DE A VENI ÎN ITALIA

Din 27 Noiembrie in cinematografele italiene, filmul romanesc care a starnit furiile deputatei Alessandra Mussolini a fost aplaudat la Festivalul de la Venetia in 2009. Regizorul Bobby Paunescu si "Francesca" (Monica Barladeanu) vor veni in orasul dumneavostra pentru a lua pulsul comunitatii romanesti.

Ii puteti intalni la:

- TORINO, sambata 28 Noiembrie a.c. la Cinema Nazionale de pe Via Pomba,7 incepand cu ora 20:00. Dupa vizionarea filmului, va urma o dezbatere cu protagonistii si producatorii.

- ROMA, duminica 29 Noiembrie a.c. la Centrul Comercial "La Strada" din Circonvallazione Nomentana 528 Roma, incepand cu ora 16:00. Dezbaterea impreuna cu protagonistii, producatorii si publicul va fi moderata de avocatul Fabio Maria Galiani, expert in imigratie.

- PADOVA, joi 3 Decembrie a.c. la Cinema Multisala Astra din Via T. Aspetti, 21 incepand cu ora 21:30. Dupa vizionarea filmului va urma o dezbatere cu protagonistii si producatorii.

- TRIESTE, vineri 4 Decembrie a.c. la Cinema Ariston incepand cu ora 20:00. Dupa vizionarea filmului va urma o dezbatere cu protagonistii si producatorii.

- UDINE, vineri 4 Decembrie a.c. la Cinema Visionario din Via Ascuini, 33 incepand cu ora 22:30. Dupa vizionarea filmului va urma o dezbatere cu protagonistii si producatorii.


“Francesca” este un film care explora lucrurile la care renuntam prea usor pentru a cauta o viata mai buna în alta parte, în timp ce fiecare dintre noi lupta pentru a-si gasi un loc propriu. “Francesca” este o poveste contemporana despre familie, relatii individuale, despre nevoia de a avea încredere în ceilalti si riscurile pe care le implica acest lucru. Mai mult, este oglinda societatii în care traim – violenta, agresiva si periculoasa. - Bobby Paunescu

Icone romene alla "Mostra dei 100 presepi". Sale del Bramante, Basilica Santa Maria del Popolo‏


Icone romene alla “Mostra dei 100 presepi”

Sale del Bramante, Basilica Santa Maria del Popolo
27 noiembrie 2009 – 6 ianuarie 2010


Cari amici,

la 34º edizione della “Mostra dei 100 presepi” inizia domani alle ore 11,00

presso la Basilica di Santa Maria del Popolo.

L’Accademia di Romania vi invita ad ammirare anche le undici icone ortodosse romene esposte in questa occasione, tutte ispirate al tema della Natività. Le icone provengono da collezioni private o sono firmate dall’artista Constantin Udroiu, uno dei più apprezzati ambasciatori dell’icona ortodossa romena in Italia.

Accademia di Romania

Gazeta Culturala‏

La Gazeta Culturala è nata con l'idea di dare una informazione trasversale ed europea sull'enorme bagaglio culturale romeno, è aperta a tutti, e la si può sfogliare sul proprio pc o, grazie al suo formato tascabile, la si può stampare e portare con se ovunque.
Anche se nata in Italia, la Gazeta è scritta in più lingue e senza traduzioni di supporto, per ottenere una maggiore diffusione a livello europeo, sia all'interno delle comunità romene sia tra gli addetti ai lavori (istituzioni, associazioni, ecc.).
Oltre ad ospitare articoli e pubblicazioni raccolte sulla rete, partecipano alla stesura della Gazeta intellettuali e varie personalità accademiche italiane e romene.
Naturalmente chiunque può collaborare inviandoci i propri articoli e storie da pubblicare...

Cordiali saluti
Walter Berardi
3283187901

Gazeta Culturala nr. 26 noiembrie 2009

Gazeta Culturala‏

Revelion 2010 la San Giorgio in Bosco

Va invitam la petrecerea noptii de Revelion intr-un restaurant cu specific romanesc. Programul v-a incepe la ora 20.00 pana dimineata la ora 06.00.
Restaurantul “SAN GIORGIO” se afla in Str. Chiesa, n° 223 - LOBIA de San Giorgio in Bosco (PD) : meniu si ambianta de exceptie, va asteptam sa intampinati noul an 2010 alaturi de noi.
Grupul Muzical “STYLE ORYENT” - MUZICA si VINUL fac PETRECEREA
Repertoriul bogat, divers, in permanenta actualizat si atent ales, ce contine atat muzica populara traditionala cat si hituri de ultima ora din muzica dance.
Focuri de artificii, Mos Craciun pentru “cei mici”, Colinde de Anul Nou si un meniu care satisface cele mai exigente cerinte.
Restaurantul are o casacitate de 150 de locuri, iar meniul si bauturile sunt romanesti si italiene.
Pretul, 60,00 de euro de persoana include mancare, bautura, muzica, focuri de artificii la ora 24.00 (pentru copii meniul este 30,00 de euro).
In sala de la primul etaj al restaurantului va fi program de discoteca cu “DJ - DRAGOS” - muzica romaneasca, internationala, populara si manele - jocuri de lumini pentru toate gusturile.
Cei 3 bucatari si 7 ospatari vor servi gustari romanesti si italiene, aperitivul, sarmalute cu mamaliguta, gratar asortat, salata, prajituri, iar dis-de-dimineata, invitatii se vor ”drege” cu ciorba de burta.
Nu ezitati sa rezervati aici o masa pentru noaptea de Revelion.
Cu 60,00 de euro de persoana, puteti petrece Revelionul „ca acasa”, cu sarmale si ciorba de burta. Noaptea dintre ani va aduce alaturi, in restaurantul cu specific romanesc, prieteni si rude care se vor simti ca acasa fara a mai bate drumul pana in Romania.
Parcare mare pentru masini in curtea restaurantului, cu terasa externa pentru fumatori. Pentru consumatii extra meniu, barul restaurantului este deschis toata noaptea.
Pentru cine doreste, se v-a realiza filmatul video al noptii de Revelion in format DVD, si fotografii pentru o amintire de neuitat.
Prenotarile si rezervarile se fac pana pe data de 25 Decembrie 2008 cu plata în anticip. Locurile la mese vor fi personalizate în functie de exigenta fiecaruia.
Pentru prenotare si rezervare:
* Adrian Teodorescu *
- Cell. (+39) 340 666 7745
* Dragos Daniel Gheorghe *
- Cell. (+39) 320 260 7036
LA MULTI ANI !HAPPY NEW YEAR !TANTI AUGURI

Alleanza Romena

Elezioni Pre­sidenziali Romene, grande affluenza al seggio di Ladispoli

26.11.2009
Notizie dalla Provincia di Roma

“Il seggio elettorale di Ladispoli, con 734 votanti, è stato il secondo in tutto il Lazio, dopo quello organizzato presso il consolato onorifico di Roma”. Queste le prime dichiarazioni del delegato ai rapporti con la Comunità romena Adrian Gherman all’indomani delle consultazioni pre­sidenziali della Romania che si sono svolte domenica 22 novembre.

Il ministero degli Esteri della Romania aveva organizzato 294 seggi elettorali in tutto il mondo laddove si trova la comunità romena. Per l’Italia il ministero degli Esteri aveva autorizzato come seggi elettorali 55 località.

“A Ladispoli, vista la percentuale – ha proseguito Gherman — che si è avuta in tutta Italia, abbiamo avuto un’ottima affluenza alle urne. Gli elettori erano chiamati a esprimere la propria pre­ferenza per l’elezione del pre­sidente della Repubblica Romena, per il referendum per il Parlamento unicamerale e per diminuire il numero dei parlamentari”.

Per quanto riguarda le pre­sidenziali, a Ladispoli il maggior numero di pre­ferenze le ha ricevute il pre­sidente uscente, Tra­ian Basescu con 447 voti validi.

“Un ringraziamento – ha concluso Gherman — all’Amministrazione comunale di Ladispoli e a tutto il personale dell’Ufficio elettorale che con la loro disponibilità hanno permesso ai cittadini romeni di poter esprimere il loro voto anche lontano da casa”.

Fonte: Punto a capo online

Elezioni a Catania


COMUNICATO STAMPA
Si sono svolte a Catania le elezioni del Presidente della Romania, nonché il referendum sul Parlamento Unicamerale ela riduzione del numero dei parlamentari, nell’unico seggio elettorale, allestito dall’Ambasciata della Romaniaper la Regione Sicilia a Catania in via Castello Ursino 10,con il generoso sostegno del Comune di Catania, al quale vala gratitudine della comunità rumena di Catania e della Sicilia. Dobbiamo riconoscere che, rispetto al numero dei cittadini rumeni presenti nell'urbe, 384 votanti rappresenta una esigua parte della comunità, comunque il più alto numerotra i seggi a sud di Roma. Dobbiamo anche dire che, dovuto alla complessità del voto di questa tornata, perl'elezione del Presidente e per i due referendum, lo spogliosi è concluso alle sei del mattino di lunedì. Le elezioni sono stati una prova e una occasione per la comunità rumena della Sicilia per dimostrare la volontàdi far sentire la propria voce, l’interesse per il futurodel paese di origine e far vedere la loro cospicua presenzaqui in Sicilia. E' importante sottolineare che i rumenicominciano sentire sempre di più la necessita dipartecipare alle scelte politiche. Le consultazioni si sono svolte sotto il segno dell’unità della comunità rumena. Protagonisti dellacampagna di sensibilizzazione e mobilitazione sono stati insieme le associazioni Concordia e Siro, le parrocchie ortodosse di Catania, Palermo e Messina. Lo spirito èstato uno e condiviso, quello della partecipazione comeespressione della volontà di essere e contare. Non si sonofatte campagne elettorali. La maggior parte dei rumeni hannol'accesso ai canali televisivi rumeni e sono, di conseguenza, ben informati di tutto ciò che succede in Romania ed in grado di esprimere opzioni chiare e motivate individualmente. E per questo che l'attenzione dei promotoridella campagna di sensibilizzazione si è concentrata sull'informare e facilitare il raggiungimento del seggio elettorale; sulle opzioni di voto si è conservato il massimo rispetto delle scelte individuali. I rumeni torneranno al voto per il ballottaggio del 6 dicembre tra i due candidati, il Presidente in carica TraianBasescu e lo sfidante Mircea Geoana. Torneranno perscegliere il loro Presidente.
Catania, 23 novembre 2009
Vasile Mutu,Presidente

Associazione Concordia

PNL a decis: Îl susţine pe Geoană în turul al doilea şi pe Johannis premier


24 nov 2009

Liberalii îl susţin pe Mircea Geoană, candidatul Alianţei PSD-PC la prezidenţiale, în turul doi al alegerilor prezidenţiale. Anunţul a fost făcut de preşedintele liberalilor Crin Antonescu în urma şedinţei Biroului Politic Naţional al partidului.
PNL doreşte crearea unei majorităţi pentru susţinerea lui Klaus Johannis în funcţia de premier

PNL doreşte crearea unei majorităţi pentru susţinerea lui Klaus Johannis în funcţia de premier

Preşedintele PNL, Crin Antonescu, a declarat că se doreşte crearea unei majorităţi pentru susţinerea numirii lui Klaus Johannis în funcţia de premier. Ludovic Orban a fost însărcinat cu negocierea unui acord politic cu PSD. Relu Fenechiu a fost desemnat negociator coordonator al programului de guvernare.

"Crearea unei majorităţi parlamentare pentru susţinerea ca premier a lui Klaus Johannis, elaborarea eunui program de guvernare care să scoată românia din criză, susţinerea lui Mircea Geoană pentru turul doi al alegerilor prezidenţiale în condiţiile în care se va semna un acord politic bazat pe principiile fundamentale ale PNL, obiectivele majorităţii nou create sunt următoarele: Scoaterea României din criza politică, economică şi morală, Asigurarea stabilităţii politice şi morale a României, Asigurarea bunei guvernări a României bazată pe principiile competenţei, transparenţei corectitudinii şi cheltuirii transparente a banului public, Reformarea clasei politice, Refacerea prestigiului internaţional al României". Aceasta este hotărârea Biroului Politic Central al PNL citită chiar de şeful partidului Crin Antonescu care a primit de la acelaşi for statutar mandat pentru declaraţii, semnarea de acorduri politice, negocieri.

Ludovic Orban şi Romeo Stavarache va coordona eforturile de campanie în turul lui al PNL, a mai anunţat Antonescu care a amintit şi de susţinerea UDMR pentru un guvern Johannis.

Crin Antonescu a spus că nu s-a făcut un bilanţ al rezultatelor de la alegeri, dar a subliniat că îl vede ca pe un succes.

Sursa: REALITATEA.NET

Rezultate finale: Traian Băsescu - 32,44%, iar Mircea Geoană - 31,15%


REZULTATE FINALE: Traian Băsescu - 32,44%, iar Mircea Geoană - 31,15%
25 nov 2009 REALITATEA.NET

Candidatul susţinut de PD-L şi candidatul PSD merg împreună în turul II al alegerilor prezidenţiale. Biroul Electoral Central a anunţat astăzi rezultatele finale ale primului tur.

Download documente »
Rezultatele alegerilor prezidenţiale pentru turul I

Potrivit Biroului Electoral Central, candidatul susţinut de PD-L, Traian Băsescu, a obţinut 32,44% din voturi. El se va confrunta în turul II de scrutin Mircea Geoană. Cndidatul PSD a obţinut 31,15% din sufragii.
Pe locul trei în preferinţele românilor s-a clasat Crin Antonescu. Candidatul PNL a obţinut 20,02% din totalul voturilor exprimate. L-a urmat Corneliu Vadim Tudor cu 5,56%, candidatul UDMR, Hunor Kelemen, cu 3,83% şi independentul Sorin Oprescu cu 3,18% din voturi.
George Becali, candidatul PNG-CD, a fost votat de 1,91% din alegători, Remus Cernea a obţinut 0,62% din voturi, Constantin Rotaru - 0,44%, Eduard Manole - 0,44%, Ovidiu Iane - 0,23. Pe ultimul loc s-a clasat Constantin NInel Potîrcă, candidatul Partidei Romilor, cu 0,21% din numărul total de voturi exprimate.

Sursa: Realitatea.net

Românii la urne in Italia


Corespondenta de la Roma

Românii la urne in Italia: “Votam, e un drept al nostru. Poate intr-o zi ne intoarcem in tara”
de Miruna Cajvaneanu HotNews.ro
Duminică, 22 noiembrie 2009 Actualitate Diasporă

Vot in Italia
Foto: HotNews.ro

Accademia di Romania ora 11,30. La cele doua sectii de vot organizate in incinta institutiei, lumea asteapta la coada sa voteze: zece, cincisprezece, chiar douazeci de persoane. Centrul cultural roman e situat intr-unul din cartierele - chic ale Romei - Parioli, iar romanii au venit cu masinile personale, dar si cu tramvaiul, care opreste exact in fata sectiei de votare.

In sectia de vot sunt amenajate si doua mese cu scaune, iar unul din membrii comisiei da instructiuni persoanelor prezente la rand. Alegatorii semneaza doua declaratii pe propria raspundere, in care se angajeaza ca nu vor vota in alte sedii electorale.

Completarea celor doua formulare ingreuneaza mult procesul electoral. Oamenii cauta in pasaport codul numeric personal: “Ce adresa pun, cea din Italia, sau cea din Romania?” sau “Eu trebuie sa completez autodeclaratia chiar daca am domiciliul in Italia?”- sunt doua din intrebarile cele mai frecvente adresate membrilor comisiei.

La iesirea din sectie a aparut si o echipa Rai, pentru principalul telejurnal din Italia. In calitate de jurnalista romanca, sunt invitata sa ma alatur realizatorilor.

Cativa intervievati nu ezita sa declare numele candidatului ales. Multi sunt emotionati si decisi. “Votam, e un drept al nostru. Poate intr-o zi ne vom intoarce in tara”, spune Viorica, 43 de ani. “Votez pentru mai multa justitie si dreptate”, declara Marcel, 52 de ani, muncitor la Roma.

Spre deosebire de alegerile parlamentare de anul trecut, azi se poate vota cu orice document de identitate valabil romanesc. Nu este obligatoriu domiciliul in Italia.

Dupa vot, multi romani se intalnesc la statia de tramvai. Mai leaga o vorba, dar fara sa spuna direct cu cine au votat. “Sunt de 11 ani in Italia, am venit la fiecare votare”, ne spune Emanuel din Suceava. “Si, cel mai probabil, vin si la turul doi”, adauga el. Alti doi romani comenteaza dezbaterea televizata de vineri seara si replicile candidatilor. “Ce ziceau ultimele sondaje?”, se intreaba in drum spre casa, Viorel, 46 de ani.

La celalalt capat de linie al tramvaiului 19 se ajunge in cartierul Centocelle, periferia sud-est a Romei, unul din cele mai populate cartiere cu romani. Chiar in piata si in parcul din fata statiei, sunt cateva grupuri de conationali, iesiti la plimbare profitand de soare si vremea calduroasa. E ora 14, si doua familii cu copii servesc o pizza la o terasa. Nu se discuta deloc despre politica “Ati fost la vot?”- “Oricum mai e un tur, vedem atunci”, ne spune Liviu.

Mai incolo, pe o banca, stau la soare doua romance, ambele “badante”, au in grija doua batrane italience. “Se voteaza si in Italia? Nu stiam, oricum ce castig eu daca votez? Tot aici, dupa batrana trebuie sa stau, in fiecare zi”.

La sectiile de vot din nordul Italiei situatia este asemanatoare cu cea de la Roma. La Padova si la Torino sunt cozi in fata sectiilor. “Sper sa nu vina toata lumea abia la sfarsitul zilei, ca sa aiba timp sa voteze toti”, ne-a declarat Dumitru Ilinca, unul din membrii comisiei de vot de la Padova.
In Italia s-au organizat 55 de sectii de vot, fata de cele doar 20, puse la dispozitie anul trecut. Cele mai numeroase sunt in regiunea Lazio: la Roma cinci sectii, plus cele din provincia capitalei, in cateva localitati cu o mare concentratie de romani: Ladispoli, Sezze, Marcellina, Viterbo, Guidonia, Fonte Nuova. Mai multe institutii italiene au pus la dispozitie propriile localuri pentru scrutinul de azi: Sala Consiliului din Primaria orasului Guidonia, Palatul Culturii la Varese, Biroul electoral al orasului Bari. La Napoli, romanii voteaza la sediul Politiei rutiere. La Rimini, in schimb, sectia electorala a fost infiintata in incinta unui centru comercial, iar la Catania, in Sicilia, romanii isi aleg presedintele nici mai mult nici mai putin decat in sala oficiala rezervata celebrarii casatoriilor civile.

Sursa: HotNews.ro

Leggi anche:
Elezioni in Romania. Băsescu e Geoana al ballottaggio
Romania al ballottaggio
Bari - Paula Mitrache ringrazia Bari per aver consentito agli immigrati le votazioni per il Presidente della Romania

mercoledì 25 novembre 2009

Il console romeno incontra il sindaco Flavio Zanonato


Lunedì 23 Novembre 2009

Il sindaco Flavio Zanonato ha incontrato il console romeno Radu Dobre questa mattina nel suo studio a Palazzo Moroni. L'incontro è stata l'occasione per discutere, insieme all'assessore alla Cooperazione internazionale Alessandro Zan e alla consigliera comunale Nona Evghenie, l'esito delle elezioni di ieri (22 novembre 2009) e per commentare la partecipazione al voto dei romeni che vivono in Italia: a Padova circa un migliaio di votanti si è recato al seggio messo a disposizione dall'Amministrazione comunale. Nel corso del colloquio durato circa un'ora sono stati toccati argomenti riguardanti la presenza e la partecipazione alla vita sociale della comunità romena .

Fonte: Padova24Ore.

“Medalia de onoare”, di Calin Peter Netzer


TORINO 27 – “Medalia de onoare”, di Calin Peter Netzer (Concorso)
Il film di Netzer cerca il respiro ampio nel passo lento, nel movimento minimo e aspira a entrare, a pieno titolo, in ‘una certa tendenza’ del nuovo cinema rumeno. Un cinema riconoscibilissimo, che sembra sempre tormentato da un’ossessione, inchiodato su un punto focale che si pone all’esatto incrocio tra l’ironia amara e surreale e la tragedia degli affanni individuali e collettivi

La Storia non si cancella in un batter d’occhi. Come se un semplice cut potesse chiudere definitivamente una sequenza. Le immagini di ieri sono ombre persistenti, proiettate sui corpi e le esistenze. In una casa grigia e anonima, assalita dal freddo di una Romania che reca ancora i segni del lungo inverno della dittatura, Ion I. Ion conduce la sua grama vita da pensionato e sconta gli errori del passato. La moglie non gli rivolge la parola e il figlio Cornel, emigrato in Canada, lo detesta. C’è un motivo grave alla base di quest’odio. Una colpa che nasce da un atto di viltà mascherato d’amore. I giorni passano monotoni, le bollette non pagate si accumulano e la solitudine è una condanna certa. Finché non giunge una lettera che sembra aprire uno spiraglio di luce sulla vita di Ion Ion. Il Ministero della difesa ha deciso di insignirlo della medaglia al valore per non meglio precisate imprese compiute durante la Seconda guerra mondiale. Il vecchio reduce sogna il riscatto. Ma il destino ha in serbo altre sorprese.
Il secondo lungometraggio del trentaquattrenne Netzer sembra mostrare una doppia anima. La sceneggiatura di Tudor Voican punta alto, incrociando i temi eterni dellla vecchiaia, del declino e della solitudine con il ritratto di una nazione che stenta a rinascere dalle ceneri di un plumbeo passato. D’altro canto, la regia di Netzer sembra mantener un profilo basso, affidandosi a uno stile controllato, dai ritmi pacati. Molti interni, inquadrature per lo più fisse, pochi movimenti di macchina. E tutto in funzione della storia e degli attori, a partire dall’eccellente protagonista, Victor Rebengiuc. In realtà Medalia de onoare cerca il respiro ampio nel passo lento, nel movimento minimo e aspira a entrare, a pieno titolo, in ‘una certa tendenza’ del nuovo cinema rumeno. Un cinema riconoscibilissimo, che sembra sempre tormentato da un’ossessione, inchiodato su un punto focale che si pone all’esatto incrocio tra l’ironia amara e surreale e la tragedia degli affanni individuali e collettivi. Quella medaglia è la speranza di un riscatto, ma anche il pallido surrogato di una riconciliazione sommersa dagli egoismi e dalle meschinità. Un sogno di felicità e, al tempo, il segno dell’incubo di una burocrazia che gira a vuoto. Ma l’impasse esistenziale e politica, come una strana condanna, sembra imbrigliare il cinema. E il film di Netzer sconta il limite di un’immagine che insegue la scrittura, senza mai raggiungerla.
Articolo del 22/11/2009 di Aldo Spiniello

Fonte: Sentieri Selvaggi.

Incidenti lavoro: crolla solaio in Versilia, grave muratore

(AGI) - Viareggio, 23 nov. - Un muratore di 38 anni di origini rumene e' ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Versilia dopo essere stato travolto da un solaio durante i lavori di ristrutturazione di un frantoio a Quiesa, localita' del comune di Massarosa che si affaccia sul lago di Massaciuccoli. L'uomo, residente a Torre del Lago e regolarmente assunto, si trovava insieme a due compagni di lavoro quando - per cause ancora in via di accertamento - e' rimasto coinvolto dal crollo di un solaio. Le operazioni di soccorso, condotte dai vigili del fuoco di Viareggio, si sono rivelate particolarmente complesse perche' prima di poter estrarre il ferito, i soccorritori hanno dovuto mettere in sicurezza la zona del frantoio pericolante. Una volta recuperato, il muratore rumeno e' stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Versilia dove e' stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni sono critiche tanto che i medici si sono riservati la prognosi, ma l'uomo non e' in pericolo di vita. Sull'episodio ha aperto una inchiesta la medicina del lavoro dell'Asl Versilia, mentre la Procura di Lucca ha disposto il sequestro del cantiere.

Fonte: AGI.

Tragedia nel cantiere, eseguita l'autopsia

Notizie - Latina
Le indagini

Sono questi i traumi che hanno ucciso Cristinel Nicolae Biceaga, operaio romeno di 40 anni, che è rimasto vittima dell'incidente sul lavoro avvenuto giovedì mattina. Ferite «classiche», causate dalla terribile caduta che ha visto precipitare l'operaio da una copertura di eternit alta circa sei metri e mezzo. L'esame autoptico sul corpo della vittima è stato effettuato ieri presso il cimitero comunale di Latina dal medico consulente per la Procura della Repubblica, appartenente al team dell'università di Tor Vergata, e terminato attorno alle 14.30. Come da prassi, i prelievi istologici e tossicologici daranno - fra un paio di mesi - ulteriori approfondimenti sull'episodio. Nicola, come lo chiamavano i suoi amici italiani, giovedì mattina era andato a lavorare al cantiere che la sua ditta aveva preso sulla Migliara 45 per la ristrutturazione di un capannone. Era noto nell'ambiente lavorativo per la sua onestà e serietà.
22/11/2009
Fonte: Il Tempo.

Novara: Schedatura degli alunni stranieri nelle scuole


Entro il dieci Dicembre in Provincia di Novara sarà completata la schedatura di tutti gli scolari “ non interamente italiani”. Si comincia con romeni e nomadi

(se. bag. 20/11) - Con una lettera circolare, recapitata a tutte le Dirigenze didattiche di ogni scuola di qualsiasi ordine e grado della provincia di Novara.
Il Dirigente scolastico provinciale Giuseppe Bordonaro, coadiuvato dalla funzionaria del Provveditorato Maria Grazia Albertini, ha ordinato la schedatura di tutti gli alunni di nazionalità straniera, di quelli che hanno almeno un genitore straniero e quindi la doppia nazionalità, nonchè di tutti i figli di nomadi ivi compresi quelli italiani.
Nell’opera di schedatura, oltre alle notizie ed ai dati anagrafici concernenti l’alunno, dovranno essere indicate le condizioni dei rispettivi genitori, incluso l’eventuale stato di clandestinità degli stessi, e dell’alloggio in cui la famiglia vive. Dovrà essere fatta anche menzione dell’eventuale condizione di “ trovatello” dell’alunno. Tutte notizie la cui raccolta è in parte vietata dalle norme nazionali sulla Privacy e da quelle Onu, condivise a suo tempo dall’Italia, sulla protezione dei diritti dell’infanzia. Il lavoro demandato alle singole dirigenze scolastiche che si avvarranno dei vari docenti per completarlo, ricorda da vicino quello che si voleva compiere nella rovente estate del 2008 in tutti i campi nomadi d’Italia quando alla Polizia ed ai Carabinieri era stato chiesto di rilevare le impronte digitali anche ai minori di anni dieci. Il progetto poi in parte non venne attuato a causa del deciso intervento dell’Unione europea. Già da oggi si comincia con le rilevazioni concernenti bambini romeni, italiani con un genitore di nazionalità romena e nomadi di ogni nazionalità, anche autoctona. A ruota seguirà la schedatura degli altri. Con la probabilmente ipocrita motivazione di voler agevolare l’inserimento di questo genere di bambini ed adolescenti nel sistema scolastico italiano, il Dirigente scolastico novarese dunque ha inaugurato una campagna che presto si diffonderà su tutto il territorio nazionale. “ Che le motivazioni addotte dal Provveditorato nel richiedere la schedatura siano ipocrite lo si evince dal fatto che anche cittadini pienamente italiani, come sono quelli con la doppia nazionalità o i nomadi autoctoni, devono essere registrati. Probabilmente si intende solamente appesantire il clima di odio e sospetto nei confronti degli stranieri al fine di emarginarli dal contesto scolastico e sociale ed indurli a lasciare l’Italia. Pulizia etnica si chiama. A voce in Provveditorato poi ci hanno detto di iniziare da romeni e nomadi” afferma un insegnante che chiede l’anonimato, ribadisce che vorrebbe fare obiezione di coscienza contro tale odioso compito discriminatorio ma che ah troppa paura di perdere il posto di lavoro. I partiti d’opposizione in una città in mano al centro- destra, il Sindaco è leghista, ora promettono un’opposizione durissima in ogni sede istituzionale ed invitano gli insegnanti che figurano pure tra i loro iscritti all’obiezione di coscienza. Da oggi però in Italia non esistono più solamente gli invisibili senza diritti, come sono gli stranieri siano essi comunitari che extracomunitari od i nomadi, ma in questa categoria da criminalizzare ad ogni costo entrano a far parte pure i sangue misti la cui unica colpa è quella di avere un padre od una madre che ad un certo punto della loro vita hanno deciso di donare il proprio amore ad un partner non italiano.

Fonte: AGENFAX

Leggi anche:
Melis (Pd) denuncia: a Novara si schedano gli alunni stranieri

Travolto da un'auto, ciclista muore sul colpo a Livorno


18 novembre 2009

Un rumeno che viaggiava in sella alla sua bicicletta e' morto travolto da un'auto stamani, intorno alle 7.30, a Tripesce, nel territorio comunale di Cecina (Livorno). La vittima e' il 34enne Robert Lucaci. Il ciclista ha svoltato a sinistra in una strada secondaria, quando e' stato investito frontalmente da un'auto. Sul posto e' intervenuta un'ambulanza del 118, ma Lucaci era morto sul colpo,a causa del violento impatto. La dinamica dell'incidente e' al vaglio della Polstrada.

Fonte: Adnkronos IGN.

giovedì 19 novembre 2009

În data de 22 noiembrie 2009 vor avea loc scrutinul pentru alegerea Preşedintelui României şi referendumul naţional.


La acest scrutin poate vota orice cetăţean român aflat în străinătate (care are domiciliul sau reşedinţa în străinătate sau care se află ocazional în străinătate). Aşadar, pot vota şi turiştii.

Pentru a vota, cetăţenii au nevoie de acte de identitate valabile. Recomandăm tuturor cetăţenilor români cu documente româneşti expirate sau lipsă să se prezinte din timp la sediile reprezentanţelor diplomatice, pentru a obţine actele de identitate valabile. În străinătate se poate vota şi cu titlul de călătorie.

Conform legii (Legea 3/2000 cu modificările şi completările ulterioare, art. 15[1], al. 1 şi 2), având în vedere că referendumul naţional se desfăşoară în aceeaşi zi cu alegerile pentru Preşedintele României, organizarea şi desfăşurarea referendumului se realizează potrivit prevederilor Legii 370/2004 pentru alegerea Preşedintelui României, cu modificările şi completările ulterioare.


Sursa: Romania-Ministerul Afacerilor Externe

Mutu, Un poeta lo rivuole in nazionale


Intervistato dalla Gazeta Sporturilor, Adrian Paunescu, poeta, giornalista e politico rumeno, ha dichiarato: "So che Razvan Lucescu è una persona intelligente e che conosce bene il calcio. Ma è un po' troppo orgoglioso. E nel caso di Adrian Mutu dovrà rinunciare a questo orgoglio perché nel calcio, e in particolare in Romania, non ci sono talenti del suo calibro. Con la maglia della Fiorentina sfodererà delle prestazioni tali che la federazione non potrà fare a meno di lui".
Fonte: Viola Planet

Giornata Nazionale della Romania

In occasione della GIORNATA NAZIONALE DELLA ROMANIA, L’Associazione COLUMNA organizza:
- 28 novembre ore 15.30 – Piazza Voltabarozzo- PADOVA
SPETTACOLO DI MUSICA E BALLI TRADIZIONALI ROMENI
- 29 novembre ore 15.00 – Prato della Valle – PADOVA
SPETTACOLO DI BALLI E MUSICA ROMENA, ITALIANA E INTERNAZIONALE
sfilata di abiti tradizionali e stilizzati
cucina tradizionale
mostra di artigianato
lotteria
- 1 dicembre ore 15.30 – Piazza Forcellini – PADOVA
SPETTACOLO DI MUSICA E BALLI TRADIZIONALI ROMENI
- 1 dicembre ore 18.30 – Cinema REX – PADOVA
“VOCI E TESTI PER LA FESTA NAZIONALE” : letture e commenti a cura di
Dan Octavian Cepraga, Afrodita Cionchin e degli studenti del
lettorato di romeno dell’Università di Padova
La serata continuerà con una sfilata di abiti tradizionali e
stilizzati, seguita da un
CONCERTO DI MUSICA CLASSICA
e si concluderà con un rinfresco.
Vi aspettiamo.
Elena Radulescu
Presidente COLUMNA:
associazione socio-culturale romena
35127- Padova, Via Alsazia,3
Tel. 049-8702747; Fax 049-7960966; Cell. 346 307 3643
info@ass-columna.org;
www.ass-columna.org
Fonte: SanGiorgioInBosco

AH1N1, l'Ausl prepara opuscolo in 11 lingue

"Influenza A H1N1: la prevenzione è nelle tue mani" ed è in undici lingue diverse. Si tratta del pieghevole realizzato dalla Regione Emilia-Romagna, che contiene informazioni sulle precauzioni da adottare per proteggersi dal virus, e che verrà distribuito in 200 mila copie, per contrastare la diffusione dell'influenza. Lo comunica una nota dell'Ausl di Parma che elenca anche le lingue in cui è tradotto l'opuscolo: albanese, francese, rumeno, inglese, portoghese, spagnolo, russo, arabo, cinese, hindi, urdu, quelle più rappresentative delle etnie presenti in regione e nella provincia. Dalla prossima settimana, l'Ausl inizierà a consegnare 19.850 copie agli Spazi salute immigrati, Consultori familiari, alle comunità e associazioni di stranieri di Parma e provincia, mentre altre 2.250 copie saranno disponibili all'Azienda ospedaliero-universitaria.
Fonte: La Repubblica Parma.it

Influenza A: A Salerno, muore romeno sofferente tumore

Un rumeno 28enne e' morto all'ospedale di Salerno "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona"; il test sul contagio da virus dell'influenza A H1N1 ha dato esito positivo. L'uomo era sofferente da due anni per un tumore. Da tre giorni era stato trasferito dall'ospedale di Battipaglia a quello di Salerno, dove ci sono altri 14 casi di contagio, tutti di pazienti con patologie pregresse.
(14 November 2009)
Fonte: repubblica.it

Varazze: Ancora gravi le condizioni dell'operaio romeno infortunato


Permangono gravi le condizioni di Fanel Stancu, l’operaio romeno di 35 anni, dipendente di un’impresa edile della provincia di Torino, rimasto ferito giovedì a Varazze in un cantiere di scavo tra via Villagrande e via Livio Canale. L’uomo ha subito la frattura della tibia e lo schiacciamento del piede sinistro, provocato dalla benna di una pala meccanica condotta da un collega. Stancu è stato operato al Santa Corona di Pietra da tre equipe che si sono avvicendate e che per ora sono riuscite a scongiurare l’amputazione del piede.
Fonte: Savona News

Feste d'inverno: la festa di S. Andrea


Nella tradizione romena quella di S. Andrea è una tipica festa invernale, che segna anche l’inizio del periodo natalizio. Questa festa è molto importante dal punto di vista religioso, ma presenta al suo interno anche degli elementi che si possono ricondurre al paganesimo.
Continua su: Guide Supereva.it

lunedì 16 novembre 2009

Cluj: Mandorlini 'Qui per vincere il campionato'


E' iniziata oggi l'avventura di Andrea Mandorlini alla guida del Cluj. Il 49enne ex centrocampista dell'Inter, terzo allenatore italiano del club rumeno dopo Cristiano Bergodi e Maurizio Trombetta, prende il posto di Antonio Oliveira, con cui ieri la societa' ha raggiunto l'accordo per la risoluzione del contratto, ed è concentratissimo in vista di questo nuovo capitolo della sua carriera. 'E' la piu' grande sfida della mia carriera. Molti tecnici...
continua su: Sport Mediaset

sabato 14 novembre 2009

Invito alla mostra "Gli artisti dell'Academia". L'inaugurazione venerdì 20 novembre‏




I tre artisti borsisti dell'Accademia di Romania - Marius Purice (scultore), Monica Timofei (pittore), Paul Timofei (pittore) vi invitano insieme a noi alla mostra in cui ammirare i frutti artistici del loro soggiorno a Roma.

Accademia di Romania

Festival di cinematografia romena. Roma, 16 -18 novembre 2009


Festival di cinematografia romena
Roma, 16 -18 novembre 2009
Cinema Nuovo Olimpio, Via in Lucina 16/g

Durante i tre giorni del festival, verrano presentati otto lungometraggi prodotti negli ultimi anni in Romania: Racconti dell'età dell'oro (Amintiri din epoca de aur), regia Hanno Höfer, Razvan Marculescu; Onde fredde (Razboi pe calea undelor), regia Alexandru Solomon; Come ho trascorso la fine del mondo (Cum mi-am petrecut sfârsitul lumii), regia Catalin Mitulescu, La grande rapina comunista (Marele jaf comunist), regia Alexandru Solomon, California Dreamin', regia Cristian Nemescu; A est di Bucarest (A fost sau n-a fost), regia Corneliu Porumboiu; La carta sarà blu (Hârtia va fi albastra), regia Radu Muntean; 4-3-2, regia Cristian Mungiu.

Programma

Accademia di Romania
Tel. 06-320.80.24 - E-mail

Fonte: Roma-Intercultura

Filmul “Francesca” va fi difuzat integral în cinematografele din Italia


Corespondenta de la Roma

Decizie a judecatorilor italieni: Filmul “Francesca” va fi difuzat integral în cinematografele din Italia

de Miruna Cajvaneanu HotNews.ro
Vineri, 13 noiembrie 2009 Actualitate Cultură

Bobby Paunescu si Monica Barladeanu
Foto: HotNews.ro

Filmul “Francesca”, al regizorului roman Bobby Paunescu, va fi difuzat in Italia in versiune integrala, incepand cu data de 27 noiembrie.

Decizia apartine judecatoarei Luciana Sangiovanni, de la Tribunalul Civil de la Roma, in procesul intentat de Alessandra Mussolini impotriva producatorului si casei de distributie "Fandango", prin care se cere blocarea filmului. Nepoata lui Benito Mussolini, membra a parlamentului italian, a facut apel in instanta, dupa ce a aflat ca este insultata in mod grav de catre unul din personaje, cu apelativul “acea curva care vrea sa-i omoare pe romani”.

Filmul, prezentat in avampremiera la Festivalul de la Venetia, a fost interzis in salile din laguna, printr-o decizie provizorie a administratiei publice.

“Fraza nu prezinta continut ofensatoriu in sine, daca o consideram in contextul respectiv” , si-a motivat decizia judecatoarea Sangiovanni.

Reactia Alessandrei Mussolini a fost imediata si extrem de dura la adresa judecatoarei care a anuntat sentinta: “Instanta a hotarat ca dreptul la libera exprimare al regizorului este mai presus decat dreptul meu de a nu fi insultata."

"Am crezut ca in Italia exista dreptul la critica, dar cu anumite limite, adica acelea de a nu defaima pe nimeni", continua Mussolini."De azi inainte, oricine e liber sa insulte pe oricine, daca o face prin intermediul versurilor sau al unei opere artistice”, a declarat deputata italiana. Si a pus imediat in aplicare cele spuse, insultand-o intr-o poezie stangace chiar pe judecatoarea Sangiovanni: “Draga judecatoare Luciana Sangiovanni, dumneavoastra sunteti o idioata si va voi cere despagubiri, pentru ca sentintele dvs nu sunt niciodata drepte si ii invit pe toti judecatorii sa va ia la bataie cu bastoanele!”

Polemica a ajuns in Parlament

Polemica legata de filmul “Francesca” a ajuns si in Parlamentul italian, unde Alessandra Mussolini a cerut sa intervina in timpul unei discutii legislative privind animalele domestice: “Iau cuvantul in calitate de animal (…), pentru ca am fost tratata chiar mai rau decat un animal, chiar de catre un judecator de sex feminin. De azi va fi legal ca in orice cinematograf sa fie insultata o femeie, in plus deputata a statului italian.”

Aldo di Biaggio, deputat al formatiunii Popolo della Libertà, coleg de partid cu Alessandra Mussolini, a cerut, printr-un comunicat oficial, interventia premierului Silvio Berlusconi in cazul “Francesca”, motivand ca insultarea unui reprezentant al institutiilor italiene este contrara in primul rand, principiilor constitutionale.

“Vreau sa precizez ca eu condamn atitudinea manifestata de Alessandra Mussolini fata de romani. Nu am fost si nu sunt de acord cu pozitia dansei. Apelul meu catre presedintele Consiliului de ministri, Silvio Berlusconi, nu este in apararea Alessandrei Mussolini, ci in apararea unui principiu. Alfel spus, intr-o opera de arta s-ar putea folosi expresia “fascista” sau “rasista”, dar nu trebuie admise jigniri la nivel personal, cum ar fi expresia “curva”, folosita in film. Vreau sa amintesc ca Alessandra Mussolini este mama a trei copii si as avea aceeasi pozitie fata de orice femeie, romanca sau italianca, insultata in acest mod”, a declarat pentru HotNews.ro deputatul Aldo Di Biaggio.

Nepoata lui Mussolini a anuntat deja ca va recurge in apel, impotriva sentintei anuntata de Tribunalul de la Roma.

Sursa: HotNews.ro

Potrà uscire il film del romeno Paunesco


Ira della Mussolini: giudice lei è un'idiota

ROMA (12 novembre) - Il film di Bobby Paunescu, Francesca, in cui all'inizio un personaggio romeno definisce Alessandra Mussolini «una troia che vuole ammazzare tutti i romeni» potrà uscire nelle sale. Il giudice Luciana Sangiovanni, del Tribunale Civile di Roma, ha rigettato infatti la richiesta della Mussolini di impedire l'uscita della pellicola nelle sale italiane. Il film, prodotto e distribuito in Italia dalla Fandango di Domenico Procacci, uscirà il 27 novembre.

«Non c'era da parte del regista Bobby Paunescu, né da parte della Fandango che lo distribuisce intenzione di insultare nessuno, vorrei ribadirlo oggi che il giudice ha rigettato il ricorso dell'on. Alessandra Mussolini», dice Procacci commentando la sentenza. «Quello che scrive il giudice è giusto: "la frase incriminata è priva di autonoma valenza offensiva se contestualizzata"», aggiunge Procacci che conclude «mi auguro che la vicenda finisca qui».

L'ira della Mussolini: caro giudice lei è un'idiota. «Il provvedimento con cui è stata rigettata la mia richiesta di impedire la circolazione di un film in cui mi si rivolgono frasi ingiuriose, oltre ad essere lesivo dei miei diritti come persona e come parlamentare, è di una pericolosità sociale senza precedenti», ha commentato Mussolini. Il giudice ha sostenuto che «prima che il mio diritto a non essere diffamata, prevale il diritto di critica del regista romeno di manifestare liberamente il proprio pensiero attraverso la realizzazione di un film. Ho sempre saputo che il diritto di critica, in questo Paese, possa essere liberamente esercitato, ma con dei limiti, che sono quelli di non diffamare qualcuno».

«Da oggi invece, secondo la sentenza del giudice Luciana Sangiovanni, chiunque sarà libero di insultare qualcun'altro, purché lo faccia in versi o in una qualsiasi opera d'ingegno», continua la Mussolini, che a questo punto "omaggia", si fa per dire, in versi il magistrato «Caro giudice Luciana Sangiovanni, lei è un'idiota e Le chiederò i danni, poiché le Sue sentenze non sono mai azzeccate, invito gli altri giudici a prendela a legnate!».

Saltamartini: boicottare il film. «Ieri le vignette contro il ministro Meloni, oggi la pellicola cinematografica contro l'onorevole Mussolini. Evidentemente esiste una fetta di cosiddetta "cultura" che nell'insulto volgare alle donne del Pdl trova la sua unica capacità espressiva», afferma la deputata Barbara Saltamartini, responsabile delle Pari opportunità del Pdl. «A questo punto, vista la decisione della Fandango e del giudice di difendere un film diffamante e pericoloso, invito tutti a boicottarne la visione».

Fonte: Il Messaggero.

Il sindaco Galvagno ha ricevuto in Municipio il Console romeno Buje


(fe.fra 12/11) - Il sindaco di Asti Giorgio Galvagno, l’assessore ai Servizi Demografici Pierfranco Verrua e il segretario generale Vincenzina Giaretti hanno ricevuto in Municipio il console generale romeno a Torino Mugurel Buje, accompagnato da collaboratori e rappresentanti della comunità romena residenti in città. La visita rientra tra gli incontri organizzati in vista delle elezioni presidenziali che si svolgeranno in Romania domenica 22 novembre, con possibile turno di ballottaggio domenica 6 dicembre.
Al fine di dare la possibilità di voto ai romeni residenti all’estero, il Consolato Generale di Romania in Torino ha chiesto all’Amministrazione Comunale la possibilità di allestire un seggio per i romeni residenti nel Comune di Asti. Il seggio verrà predisposto nel salone del Municipio in piazza San Secondo e rimarrà aperto per le operazioni di voto domenica 22 novembre dalle 7 alle 21; lo spoglio delle schede inizierà subito dopo la chiusura del seggio.

Fonte: AGENFAX.

Europarlamentare romeno in città

Attualità - Rivarolo - 12/11/2009
di m.b.

Per la prima volta a Rivarolo, un europarlamentare romeno, Viorel Badea, ha tenuto un convegno rivolto alla comunità romena presente nel territorio.

Il convegno, svoltosi martedì 3 novembre, presso l’oratorio di San Michele, è stato organizzato con il preciso scopo di affrontare una serie di problematiche incontrate dai romeni in Italia.

«La comunità romena si sta dando da fare per ottenere una migliore convivenza con il popolo italiano – spiega Elena Nistor, presidente uscente dell’associazione Romania nel Mondo – per una migliore comprensione delle leggi, integrazione e informazione sui diritti e doveri da rispettare. Per questo l’approccio diretto è il migliore, per cui si è deciso di organizzare questo incontro».

Presenti alla serata Radu Lupu, referente della Comunità Romena del Nord Italia e Dumitru Ilinca presidente del Partito Democratico Liberale Romeno.

Dopo una breve panoramica sulla politica romena in vista del referendum che si terrà il 22 novembre, sulla proposta di diminuire il numero dei parlamentari, si è passato a discutere sulle problematiche di maggior rilievo.

La prima riguardava il rischio che corrono badanti e colf di diventare evasori fiscali.

«A causa della scarsa informazione – spiega Nistor – le lavoratrici in quest’ambito non sono in grado di capire quale sia la prassi giusta per pagare le tasse, e rischiano di essere raggirate da datori di lavoro che affermano di averle pagate per loro quando magari non è così».

Un altro problema emerso è quello riguardante lo spostamento, da Rivarolo a Ivrea, dello sportello Inps preposto al lavoro domestico, rendendone difficoltoso il raggiungimento per alcune persone.

«Ultimo punto discusso quello relativo alla carenza di informazioni riguardanti gli aiuti messi a disposizione dallo Stato nei confronti degli stranieri – conclude Nistor – per sussididi di disoccupazione, affitto e utenze».

Durante la serata alcuni intervenuti hanno sottolineato la scarsa compattezza esistente tra i membri della comunità romena presenti nel territorio.

«La comunità romena è aperta alle iniziative culturali e di integrazione – hanno replicato – però manca un punto di riferimento».

Secca la risposta di Viorel Badea:«È necessario che ci sia solidarietà e unione. Perché le cose possano migliorare e perché ci sia davvero integrazione fra i popoli, occorre impegnarsi ed essere uniti».

Fonte: LOcalport

Karate, allo “Spartaco Pucci” si impongono la Palumbo e il team maschile

di Pierluigi Cascianelli
mercoledì 11 novembre 2009

Domenica scorsa il Palazzetto dello Sport è stato teatro della quarta edizione del memorial “Spartaco Pucci”, organizzato dalla società locale Meiji Kan. Alla manifestazione hanno partecipato oltre 250 atleti provenienti da tutto il Lazio e che si sono cimentati in varie esibizioni di “kata” (forme) divisi per età e cintura.

All’evento erano presenti il Segretario della FIK Gianni Papa, il Direttore Sportivo nazionale Gilberto Berlen e l’Assessore allo sport Fulvia Fanciulli. Il clou della competizione è stato l’incontro internazionale di combattimento a squadre, classe cadetti, tra le rappresentative di Siviglia (Spagna), Viterbo, Orastie (Romania) e Civitavecchia . Per ciò che riguarda il campo femminile c’è stato il successo della squadra rumena, quella locale invece ha prevalso fra i maschi. Il team della Meiji Kan, formato da Simone Stefanini, Emanuele Bonomi, Umberto D’Ambrosio e Raffaello Tupu, sotto la guida del coach Virginia Pucci, ha battuto in finale la temibile Romania. Nella gara internazionale di kata, riservata alle cinture nere, vittoria per la campionessa Arianna Palumbo che ha preceduto un’atleta spagnola, una rumena ed una macedone. “E’ stato un fine settimana all’insegna dello sport e della amicizia internazionale – ha dichiarato soddisfatto il maestro Stefano Pucci - anche se l’impegno economico ed organizzativo sta diventando sempre più oneroso”. Intanto il maestro Pascual Vidal Romero, presidente della federazione Andalusa ha già invitato i ragazzi della Meiji Kan per un incontro internazionale che si terrà in primavera a Siviglia, mentre il maestro Mihai Cioroianu ha chiesto la partecipazione della squadra civitavecchiese per un importante torneo a Timisoara in Romania, il prossimo Dicembre: altre due significative opportunità per il team locale di partecipare ad importanti eventi internazionali.

Fonte: TRC Giornale

Sono stranieri gli angeli della città

Marocchini e romeni nei City Angels, il 30 per cento non è italiano
Sono stranieri gli angeli della città
Erica Di Blasi
Il presidente della Circoscrizione 2: "Questi servizi non hanno nulla a che vedere con le ronde, loro non cercano nemici, ma amici" Il 30 per cento dei City Angels è di origine straniera. Sotto la Mole le nazionalità più presenti tra i volontari sono quelle marocchina e romena. «Gli stranieri - sottolinea il fondatore Mario Furlan - svolgono un ruolo importante perché ci aiutano a interagire con i loro connazionali, facendoci conoscere i loro usi e costumi. È capitato che gli immigrati che mandiamo a svolgere i servizi di scorta non venissero subito ben accolti dalle donne che aprivano loro la porta: la diffidenza però è sempre durata meno di cinque minuti». Qualche anno fa un quarantenne marocchino - ribattezzato Nico dai City Angels - ha salvato un´anziana da uno scippo. «È stato un attimo - spiega in un italiano ancora incerto - e ho deciso di intervenire. C´era un ragazzo che cercava di strappare la borsa a quella signora: ho temuto che le facesse male. Ma questo non è che uno dei servizi che svolgiamo». A Torino dal settembre 2005, in poco più di quattro anni di attività gli Angeli hanno distribuito quasi 50mila pasti e oltre 28mila vestiti ai senzatetto. Hanno anche scortato 316 persone, soprattutto donne nelle ore serali e anziani che ritirano la pensione o prelevano soldi al bancomat. Inoltre sono intervenuti per sedare 92 risse e sventare 47 scippi e 135 borseggi. «In queste attività - spiega Giglio, una donna romena in Italia da ormai 16 anni - conoscere un´altra lingua diventa importante. Qualche tempo fa, durante un nostro giro, ci siamo imbattuti in due miei connazionali che discutevano animatamente: i miei colleghi, temendo una rissa, stavano per intervenire. Per fortuna c´ero anch´io: stavano semplicemente parlando di musica e discutendo su due artisti. Altro che rissa. Adesso mio figlio non vede l´ora di compiere diciotto anni per unirsi a noi: è un modo efficace e particolare di fare volontariato».
Per tre anni gli Angeli torinesi hanno svolto il servizio d´ordine alla mensa della Caritas di via Brugnone, nella circoscrizione 8. «E per due estati - aggiunge Alfredo Tavernese, presidente della sede di Torino - nel 2008 e 2009, su richiesta della Circoscrizione 2, abbiamo offerto un presidio di cortesia, di assistenza ai cittadini e di prevenzione della microcriminalità, in occasione delle manifestazioni organizzate alla Cascina Giaione». Proprio dove in luglio i City Angels hanno salvato un congolese da un´aggressione razzista. «Questi servizi non hanno niente a che vedere con le ronde - mette però bene in chiaro Andrea Stara, presidente della Circoscrizione 2 - perché loro non cercano nemici, ma amici». In chiave anti bulli e portoghesi gli Angeli si sono inoltre offerti volontari per presidiare la piscina Lombardia. Da qualche settimana proprio Torino ospita la loro sede nazionale: gli uffici messi a disposizione dalla circoscrizione sono in via Gaidano 79.
(11 novembre 2009)
Fonte: L'Espresso.

mercoledì 11 novembre 2009

Elezioni per il Presidente della Romania e il referendum nazionale i seggi elettorali in Italia

Le Elezioni per il Presidente della Romania e il referendum nazionale si

svolgeranno domenica, 22 novembre 2009, nell'intervallo 07.00 - 21.00!

I seggi elettorali in Italia si trovano:

Acilia - Piazza Capelvenere n. 13, Roma (Sede municipale di Acilia)

Alessandria - Via Teresa Michel n. 17

Ancona - Via M.Fanti, n. 9 (Palazzo Camerata)

Arezzo - Piazza Giotto, n. 2

Asti - Via San Secondo n. 1

Bari - Via Cairoli n. 2 (locali del Servizio Elettorale)

Bergamo - Largo Roentgen n.2

Bologna - Via Guelfa, n. 9

Brescia - Vicolo del Manzone n. 18

Catania - Via Castello Ursino n. 10 (Sala Matrimoni)

Como - Via Varisina (piazza Connellatti)

Cosenza - Via Bengasi n. 1 (Ufficio Elettorale del Comune)

Cuneo - Via A. Rossi n. 22

Fermo - Via Mazzini, n.2

Firenze - Lungarno Amerigo Vespucci, n. 30

Fonte Nuova - Via Brennero snc (Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo)

Genova - Piazza de Ferrari n. 4

Grosseto - Via De Amicis, n. 1

Guidonia - Via Baden Powell snc (Sala Consiliare)

Ivrea - Via Varmondo Arborio n. 22 (Doicesi D’Ivrea)

Ladispoli - Piazza Falcone snc (Palazzo Comunale)

Latina - Viale XVIII Dicembre n. 124 (Cooperativa Il Gabbiano)

Lecco - Corso Martiri della Liberazione n. 54 (în vecinătatea Gării

Centrale)

Livorno - Scali Finocchietti, n. 8

Lodi - Via A. Negri n.19 (autobuz QC1 Fer 6)

Marcellina - Via Europa n. 34 (Biblioteca Comunale)

Milano - Via Gignese n. 2

Napoli - Via De Giaxa n. 5 (Comando della Polizia Municipale)

Novara - Via Perazzi n. 5E

Olbia - Via Macerata (Poltu Quadu) (Palazzo Comunale)

Padova - Via Alsazia n. 3 (Sala Ugo Pisani)

Perugia - Via Umberto Gnoli, San Marco (Sala del Consiglio)

Pescara - Piazza Italia n. 1, primo piano (Sala Consiliare del Comune)

Piacenza - Via Martiri della Resistenza, n.8 / A (Zona Stadion, autobuz 8)

Pordenone - Via Carducci n. 1

Reggio Calabria - Via S. Anna II° Tronco (Sala Polifunzionale del CE.DIR)

Rimini - Via XXIII Settembre, n. 124 (Centro commerciale I PORTICI alle

Celle)

Roma 1 - Via del Serafico n. 69 (Sezione Consolare)

Roma 2 - Piazza Jose de San Martin n. 1 (Accademia di Romania)

Roma 3 - Via F.Conti n.11 (Sala Cinema Municipale - Municipio VIII)

Roma 4 - Via Canterano n.12, (Centro Anziani di Settecamini - Municipio V)

Roma 5 - Piazza Jose de San Martin n. 1 (Accademia di Romania)

Sezze - Via Garibaldi (Auditorium S. Michele Arcangelo)

Sondrio - Largo Sindelfingen (Centro Commerciale, piano rialzato -

Auditorium)

Terni - Via Aminale n. 22 (Centro Socio-Culturale Augusto Romagnoli)

Torino - Via Ancona n. 7

Trento - Via Romano Guardini n. 31

Treviso - Via Terraglio n. 140 (Centro Conferinze - Hotel Maggior Consiglio)

Trieste - Via Udine n.11

Udine - Via Pradamano n. 11

Varese - Via Sacco n. 9/11 (Palazzina della Cultura)

Venezia - Cannaregio 2215 - 2216 (Istituto Culturale Romeno)

Verona - Via Dogana n. 2/A (Palazzo Toniolo)

Vicenza - Via Vaccari n. 107 angolo Via Rismondo n. 2, primo piano (linia 4)

Viterbo - Piazza dei Caduti n. 19 (Centro Sociale Polivalente “Sacrario”)



Possono votare tutti i cittadini romeni che si trovano all'estero (compresi i

turisti), con i seguenti documenti validi, stabiliti dalla legge: carta

d'identità, carta d'identità provvisoria, carta d’identità (buletinul de

identitate), passaporto semplice, passaporto semplice elettronico, passaporto

semplice a validità temporanea, passaporto diplomatico, passaporto diplomatico

elettronico, passaporto di servizio, passaporto di servizio elettronico, il

titolo di viaggio (è rilasciato se i documenti d’identificazione suddetti non

sono validi o sono stati persi).

Si prega di contattare in anticipo le rappresentanze diplomatiche o gli

uffici consolari per l’aggiornamento dei documenti d’identità

Per ulteriori informazioni, Vi preghiamo di consultare „La guida dell’

elettore romeno all'estero”, sito web del ministero, "le elezioni presidenziali

/ referendum 2009":

http://www.mae.ro/index.php?unde=doc&id=40633: Altri dettagli:Autorità

Elettorale Permanente sito: http://www.roaep.ro/ e l'Ufficio elettorale

centrale : http://www.bec2009p.ro/.

Fonte: Comunicati.net

Carpatair: Bari-Bucarest, riparte il volo diretto


Due voli settimanali (tre dal 3 dicembre) da e per la capitale rumena a 69 euro

“Dopo la vicenda di Myair abbiamo un momento di difficoltà, ma per fortuna quel momento è stato assorbito”. Luglio sembra ormai un brutto ricordo pure per Mario Loizzo. La notizia di oggi porta buon umore, e non solo per il capoluogo pugliese. Con il ripristino del diretto Bari-Bucarest (andata e ritorno), prima coperto dalla compagnia ormai sull’orlo del fallimento, Aeroporti di Puglia sopperisce a una tratta di importanza strategica. “Sono tanti i cittadini rumeni che vogliono venire qui e gli imprenditori pugliesi con interessi in quelle zone”. In poche parole l’amministratore unico Mimmo Di Paola chiarisce cosa li ha spinti a lavorare su questo fronte.
E Carpatair ha raccolto l’invito. “Siamo stati contattati per coprire la tratta”, ha spiegato Gianbattista Sassaro, manager italiano della compagnia attiva dal 1999, “e dopo averci riflettuto abbiamo accettato la sfida”. In realtà, l’azienda privata, di capitale svizzero-rumeno, da e per Bari ha già attivato da due anni il collegamento con Timisoara. Per questo sostituire la Myair collegando il capoluogo pugliese alla capitale rumena, non è stato proprio un tuffo nell’ignoto.
Il volo è già partito il 27 ottobre scorso e prevede tre partenze settimanali: il martedì, il giovedì (dal 3 dicembre) e la domenica alle ore 18.50 da Bari (arrivo a Bucarest alle 21.35 ora locale).
Negli stessi giorni è prevista la partenza dalla Romania verso la Puglia (17.15 e atterraggio al Karol Wojtyla alle 18.05 ora italiana). La tariffa promozionale è di 69 euro a tratta tasse escluse per viaggiare su un Saab 2000 da 50 posti. “Contiamo di riempire il mezzo al 65% durante ogni volo”, ha specificato Sassaro.
“Un pezzo di futuro della nostra Puglia sta nei Balcani”, ha ribadito Loizzo che ha annunciato ulteriori collegamenti internazionali con l’aeroporto di Bari e quello di Foggia. I particolari saranno svelati nei prossimi giorni. L’assessore pugliese ai trasporti ha soltanto anticipato che la terra in questione è la Germania. “Ciò che stiamo ottenendo”, ha concluso, “è frutto della vitalità del nostro sistema economico, e della qualità di Aeroporti di Puglia”. Oltre che della spesa affrontata dal governo in carica. “Se non avessimo speso più di 60 milioni per il miglioramento dei servizi dei nostri aeroporti, tutto questo non sarebbe stato possibile”.
Fonte: Bari Live

Travolti mentre camminavano sul ciglio della strada: coppia romena morta, 2 feriti

FOGGIA - 9 nov. 2009
Sono una coppia di cittadini romeni, un uomo e una donna, le vittime dell'incidente stradale che ha coinvolto ieri, domenica sera, quattro pedoni a San Marco in Lamis. Travolti e uccisi da un’autovettura che percorreva la provinciale che collega la borgata foggiana di Arpinova a a San Marco. Si tratta di George Mirian Stanciu, di 31 anni, e Tudorel Lacramioara, di 27. Un’altra coppia di connazionali è rimasta ferita. Secondo la ricostruzione della polizia municipale di Foggia i quattro romeni stavano camminando lungo il lato della strada, poco illuminata, nei pressi delle loro abitazioni, quando sono stati investiti da una Citroen C5 condotta da un uomo di 35 anni che da San Marco in Lamis si recava a Foggia.
LO CHOC E LE CURE IN OSPEDALE - Stanciu e l’amica sono morti sul colpo, mentre gli altri due sono rimasti feriti: l'uomo è stato ricoverato negli Ospedali riuniti di Foggia in gravi condizioni, mentre la donna è stata medicata e dimessa. A coordinare le indagini è il pm di turno della Procura foggiana, Alessandra Fini, che dovrà valutare la posizione dell’investitore - ricoverato anche lui in ospedale per lievi ferite e sotto choc. Il 35enne è risultato negativo ai test anti alcool e anti droga a cui è stato sottoposto.
R.W.
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Picchia la figlia diciassettenne perché fidanzata con un romeno: arrestato

CATANZARO (9 novembre) - Ha picchiato la figlia di 17 anni perché non voleva che avesse una relazione sentimentale con un ragazzo romeno e per questo è stato arrestato dai carabinieri. F.M., di 49 anni, di Falerna, è accusato di lesioni personali aggravate mentre suo figlio, di 27 anni, è stato sottoposto all'obbligo di dimora con l'accusa di sequestro di persona. I fatti risalgono al settembre scorso.
Prese a calci la figli. L'uomo incontrò la figlia mentre era in compagnia del fidanzato romeno. Una relazione che contrastava da tempo. Giunta a casa, l'uomo colpì la ragazza con un calcio alle gambe e poi la scaraventò contro un bidone dell'immondizia procurandole delle lesioni al torace. Alla scena assistette anche l'altro figlio che non aggredì la sorella, ma rinchiuse la madre in una stanza per mezzora per impedirle di soccorrere la ragazza e sottrarla alle ire del padre. L'arresto e la misura cautelare dell'obbligo di dimora sono stati disposti dal gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura.
La ragazza via di casa. Ha lasciato l'abitazione dei genitori ed è andata a vivere con il fidanzato romeno. Anche questa circostanza ha fatto sì che l'uomo, F.M., di 49 anni, dopo l'arresto ottenesse i domiciliari. Con la presenza della figlia in casa questa misura sarebbe stata inattuabile.
Fonte: Il Messaggero
Leggi anche: Blitz Quotidiano - Catanzaro, picchia figlia perchè fidanzata con un rumeno: arrestato “padre padrone”