La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 11 dicembre 2011

Il miraggio politico. Venezia, sette artisti romeni alla galleria Totem-Il canale

di Enrico Migliaccio

Il miraggio politico raccoglie diversi artisti romeni contemporanei presentati dalla curatrice Alexandra Titu negli spazi della galleria Totem-Il canale di Venezia, in collaborazione con l’Istituto romeno di cultura e ricerca umanistica di Venezia e l’Istituto culturale romeno di Bucarest.

Diversi come esperienza e generazioni ma uniti da un concetto metaforico artistico-politico, gli artisti protagonisti sono Teodor Graur, Marinela Preda Sânc, Alexandru Rădvan, Aurel Vlad, Ioan Augustin Pop, Matei Bajenaru e Sorin Oncu. Al centro della mostra, un approfondimento sui nuovi conflitti ideologici, sulle pressioni economiche di un mondo che sta globalizzando ogni meccanismo. Questa relazione costante conosce gradi diversi di dipendenza dell'arte nei confronti di tutto ciò che è politica o dell’impegno conflittuale con l’universo del potere. In questo senso, l’arte può imporsi come strumento di massimo impatto con autorità critica, corrosiva e accusatoria di fronte alle istituzioni che mette al centro dei propri lavori.

«Gli artisti di attualità – afferma Alexandra Titu sul progetto, avviato nel 2009 – prendono come temi situazioni e fenomeni sociali generati negli spazi marginali della Romania a livello sociale come i miraggi che hanno sostenuto in maniera ricorrente il fenomeno del nomadismo e dell’emigrazione, motivati dalle crisi economiche, dagli effetti della deindustrializzazione altrettanto brutale e accelerata del regime comunista, contenuti reali di termini apparentemente innocenti veicolati dai media. Le loro opere fanno riferimento simultaneamente o in maniera differenziata alle responsabilità locali delle politiche nazionali e alle strategie dell’apertura e della chiusura ulteriore, dell’integrazione/esclusione». Nell'esposizione veneziana sono dunque affrontate problematiche forti con strumenti di linguaggio come il realismo attuale e simbolico, l'astrattismo metaforico, l'uso dell’ironia nei confronti delle gerarchie, perse nel gioco del dominio politico.

Fino al 31 dicembre
galleria Totem il canale
Dorsoduro, Accademia 878B, Venezia
Info: www.totemilcanale.com

Fonte: Inside Art

Nessun commento:

Posta un commento