La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 30 gennaio 2011

O nouă politică agricolă comună pentru 2013: Drepturile micilor agricultori şi lucrătorilor sezonieri europeni

Vă invităm marţi 1 februarie 2011, începând cu ora 12.00, la conferinţa de presă „O nouă Politică Agricolă Comună (PAC) pentru 2013: drepturile micilor agricultori şi lucrătorilor sezonieri europeni”, care va avea loc în prezenţa delegaţiei sindicatelor şi asociaţiilor de mici agricultori şi lucrători agricoli din Franţa, Italia, Spania şi Polonia, veniţi în România în cadrul campaniei „Lucrătorii sezonieri şi agricultura ţărănească în Europa”. Evenimentul va avea loc la sediul Asociaţiei Agenţia de Monitorizare a Presei (AMP), Calea Plevnei, nr. 98, bl. 10C.
Cu această ocazie vom discuta viitorul politicilor europene privind agricultura şi migraţia. Reforma PAC este preconizată pentru 2013. Membrii delegaţiei prezente promovează reorientarea PAC spre micii agricultori şi politicile de angajare care garantează drepturile lucrătorilor sezonieri pretutindeni în Europa.
„ Este urgent să renunţăm la modelul industrial de agricultură şi să reorientăm politicile agricole către o agricultură ţărănească, care respectă mediul, drepturile femeilor şi bărbaţilor care lucrează în domeniu, precum şi consumatorii”.

„Subvenţiile Uniunii Europene în cadrul PAC nu trebuie acordate statelor care nu respectă obligaţiile minimale cu privire la forţa de muncă sezonieră din agricultură”.

Revendicările Confederation Paysanne
În 2008 doar 0,2% din ferme au beneficiat de 30% din subvenţiile europene alocate României . În bazinele europene de producţie intensivă, precum Andaluzia sau sudul Italiei, români, migranţi de alte naţionalităţi şi lucrători autohtoni muncesc în condiţii inacceptabile: sunt plătiţi prost, expuşi la riscuri considerabile privind sănătatea, exploataţi.
Conferinţa de presă este organizată în urma unei vizite care a avut drept scop stabilirea unor contacte cu societatea civilă şi sindicatele din România şi obţinerea informaţiilor cu privire la motivaţiile care determină migraţia în străinătate şi problemele cu care se confruntă micii agricultori din România.
Din această delegaţie fac parte Nicolas Duntze - Confederaţia Ţărănească (Franţa), Fabrizio Garbarino - Asociaţia Rurală Italiană, Grzegorz Pinkowski - Asociaţia Ziarno (Polonia) si Maria del Carmen Garcia Bueno - Sindicatul Andaluz al Lucrătorilor Agricoli (Spania).

Pentru mai multe informaţii, nu ezitaţi să ne contactaţi: Sylvie Planel, Confederaţia Ţărănească, sylvieplanel@gmail.com, tel: 0741397007, Rodica Novac, ADO SAH ROM, adosahom@starnets.ro, tel: 0722327262.

Detalii despre organizaţiile prezente în cadrul delegaţiei :

Confederation Paysanne (France)

- Confederaţia Ţărănească (Franţa)
Confederaţia Ţărănească este cel de-al doilea sindicat agricol, ca mărime, din Franţa. El pune sub semnul întrebării modelul agricol intensiv din ultimii 40 de ani, care a condus la: supraproducţie, crize sanitare (de exemplu boala vacii nebune, gripa aviară, gripa porcină), degradarea resurselor naturale, disparităţi între regiunile franceze, europene şi mondiale, precum şi diminuarea continuă a numărului de mici agricultor.
Mai multe detalii găsiţi pe pagina de web:
http://www.confederationpaysanne.fr/

Associazione Rurale Italiana (ARI, Italia)

- Asociaţia Rurală Italiană (Italia):
ARI este o asociaţie neguvernamentală italiană formată din mici agricultori, care militează pentru construcţia unei politici agricole care susţine şi încurajează, la toate nivelurile, o agricultură ţărănească solidară şi durabilă, adaptată la specificul fiecărei regiuni agricole.
Pentru mai multe detalii, vizitaţi:
http://www.assorurale.it/

Sindicato de Obreros del Campo y del Medio Rural de Andalucía (SOC, España) -

Sindicatul Andaluz al Lucrătorilor Agricoli (Spania)
SOC este un sindicat spaniol care luptă pentru o mai bună repartiţie a pământului în Andaluazia şi pentru apărarea drepturilor lucrătorilor sezonieri, din Andaluzia sau din străinătate. Sindicatul informează, acompaniază şi asigură asistenţă juridică pentru lucrătorii sezonieri.
Găsiţi mai multe detalii vizitând:
http://www.soc-andalucia.com/

ZIARNO (Poland)- ZIARNO (Polonia)
ZIARNO este o organizaţie neguvernamentală localizată într-o regiune rurală poloneză care organizează activităţi diverse, precum programe educaţionale pentru copii şi tineri în ferme organice sau evenimente culturale anuale. ZIARNO publică de 17 ani un ziar local şi a fost implicată în multe proiecte internaţionale.
Vizitaţi http://www.ziarno.org.pl/  pentru mai multe detalii.

Dalla Romania a Sassari


27 gennaio 2011
Gianluca Derelitto
 
Sassari - Cristina Gheorghe: il nome potrebbe non dire niente a chi segue distrattamente le vicende della Verde Vita. I tifosi più attenti, invece, hanno potuto ammirare le sue doti tecniche nella sfida di Coppa delle coppe con il Rostov Don, occasione nella quale è stata una delle migliori della compagine sassarese.

Abbiamo fatto una breve chiacchierata con questa forte, nonché simpaticissima,
giocatrice rumena, che "sogna" di ottenere la cittadinanza italiana per ritornare ad essere protagonista in campionato e, perché no, diventare, in un futuro non troppo lontano, uno dei pilastri della nazionale azzurra.
Quando hai cominciato a giocare a pallamano?
«Ho iniziato all'età di 14 anni con il Rapid, una squadra di Bucarest, dove mi ero recata dalla mia città natale, Slobozia, per disputare un torneo scolastico, in quella circostanza mi sono fatta notare e mi hanno subito scelta. Sono rimasta lì per quattro anni, periodo durante il quale coniugavo impegni di studio, che mi occupavano per quattro ore al giorno, ed impegni sportivi».
E a 18 anni l'arrivo in Italia.
«Si, per il mio arrivo qua devo molto a Giovanni Saporiti, general manager di quel Cassano che dominava la pallamano femminile italiana, a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta e consigliere federale».
VerdeVitaRostov1Quali sono state le tue tappe prima di arrivare a Sassari?
«Ho giocato a Mestrino, a Taufers, due anni a Casalgrande e poi sono andata a giocare a Cassano Magnago, città dove viveva mia madre. Abbiamo vinto il campionato di A2 e, dopo una stagione in A1 con la squadra lombarda, l'estate scorsa ho firmato per la Verde Vita».
Come è nata la tua decisione di venire a Sassari?
«Il presidente Pes mi aveva contattato già a Natale dell'anno scorso, ma ho preferito chiudere la stagione a Cassano per cercare di conquistare la salvezza e per un debito di riconoscenza. Durante le vacanze estive in Romania, sono stata contattata da una società del massimo campionato rumeno e devo confessare che ho riflettuto a lungo sulla decisione da prendere, dal momento che lo stipendio che mi offrivano era buono, per gli standard rumeni, e poi il livello della pallamano, in Romania, è molto più elevato rispetto a quello dell'Italia - dove le attenzioni per il nostro sport sono veramente poche e rivolte solo alla serie A di elite maschile -, quindi, avrei potuto crescere tanto dal punto di vista tecnico. Alla fine, però, ho deciso di venire a Sassari, perché avevo dato una mezza parola al presidente... io quando faccio una promessa la mantengo».

Come ti trovi a Sassari?
«Come città si sta benissimo, soprattutto per il clima. Ho vissuto per anni in posti freddi e Sassari, per me che vado matta per il mare, è il posto ideale. Per quel che riguarda più specificatamente gli aspetti legati alla pallamano, mi dispiace non poter dare il mio contributo in campo, ma sono contenta di fare parte di un gruppo bello ed unito, nel quale non esistono invidie e rivalità».
E i rapporti con l'allenatrice e il presidente?
«I rapporti con il coach Koka Milatovic sono molto buoni. Lei mi sta insegnando molte cose, poi è molto tranquilla e quando qualcosa non va si fa capire con uno sguardo. Con il presidente Antonio Pes, invece, ho un rapporto franco e diretto. Per la mia esperienza personale, posso dire che rispetta gli impegni molto più di altri presidenti che ho avuto in precedenza, poi mi piace molto il modo con cui carica la squadra prima delle partite. Credo che, dopo di lui, sarà difficile trovare un altro che faccia rimanere la pallamano femminile sassarese a così alti livelli».
A parte giocare a pallamano, fai altro?
«Studio lingue, inglese e spagnolo, all'università».
Per chiudere l'intervista, come vedi il tuo futuro?
«Mi piacerebbe fare l'allenatrice, insegnare la pallamano ai bambini. Ho fatto già un'esperienza a Cassano nelle scuole e mi sono divertita».

Fonte: Sardies

Torino, la città più romena d'Italia non ha più voli verso la Romania

Il Comune ne discute giovedì 3 Impressionanti dati dalla Caritas
27/1/2011

Da due settimane non ci sono più collegamenti da Caselle verso la Romania - Secondo la Caritas ci sono ben 86.000 romeni residenti in provincia di Torino, il doppio che nella provincia di Milano - In Piemonte sono 121.000
Qualcuno dice che la diffidenza di Caselle verso i voli etnici sia legata anche alla tipologia dei passeggeri, meno abituati a viaggiare in aereo (e quindi meno facilmente gestibili) ed anche meno propensi a spendere nei negozietti dell'airside. Non sappiamo sia vero, anche se non stentiamo a credere che i passeggeri business siano mediamente ben più "produttivi" per lo scalo. Ma al di là di queste ragioni, dobbiamo stare ai fatti: Caselle non ha più colegamenti diretti con la Romania. Con forte danno anche per le imprese torinesi (e sono tante) che operano là.
Il consigliere Andrea Tronzano (pdl) nelle scorse settimane ha portato il problema in Comune con una interpellanza che verrà discussa dalla seconda e terza commissione riunite giovedì 3 febbraio nella tradizionale Sala dell'Orologio a Palazzo Civico.
A questo punto vorrei rimandare tutti gli interessati ai dati di un'indagine della Charitas (marzo 2010) che ha fotografato il fenomeno romeno in Italia. In Piemonte i romeni residenti erano, un anno fa, 121.000 e di questi ben 86.000 vivevano in provincia di Torino. Per essere chiari, come fa ben notare questo documento, in provincia di Torino vive il doppio die romeni che vivono in provinci di Milano....
Forse è meglio che in Comune (ed anche in Sagat) diano un'occhiata qui:
http://www.dossierimmigrazione.it/schede/book-romania.pdf
La foto è d'epoca: a Torino Carpatair non c'è più.

Fonte: La Stampa

Il Pd si impegna: “Un romeno in Parlamento”

Accordo con il Partidul Social Democrat. Ma il primo banco di prova saranno le elezioni comunali

Roma – 25 gennaio 2011 – Metti, un giorno, un romeno in Parlamento. Un romeno-italiano, naturalmente, che però possa dare voce, a Montecitorio o a Palazzo Madama, alla più grande comunità di immigrati del nostro Paese.
A candidarlo sarà il Partito Democratico, che lo ha promesso al Partidul Social Democrat, la principale forza d’opposizione romena, in un accordo quadro di collaborazione stretto a metà gennaio. Pd e Psd sono politicamente vicini, all’Europarlamento sono compagni di gruppo (S&D), ma l’intesa è dettata soprattutto dalla “presenza di circa un milione di cittadini romeni sul territorio italiano”.
Nel testo siglato da Pierluigi Bersani e dal presidente del Psd, Victor Ponta, il Pd si impegna a coinvolgere in modo attivo nella vita sociale e politica italiana i cittadini romeni segnalati dal Psd e a “sostenere la candidatura di un rappresentante della comunità romena in Italia in seno al Parlamento italiano”. In Romania, il Psd promuoverà invece la partecipazione di italiani “raccomandati” dal Pd.
In Italia nascerà una filiale del Psd, per “sostenere il partito democratico nei rapporti diretti con la comunità romena”. I partiti si promettono infine collaborazione e sostegno “in occasione delle elezioni europee, politiche ed amministrative” e si impegnano a “promuovere esponenti della comunità romena in Italia”.
Il primo banco di prova? Le elezioni comunali che si terranno a primavera. I romeni, come gli altri cittadini comunitari, possono infatti votare. E a quanto pare Bersani e i suoi non hanno nessuna intenzione di lasciarseli scappare.
Elvio Pasca

Fonte: Stranieriinitalia.it

Caccia al voto romeno. Gariglio arruola una "testimonial"

di ANDREA ROSSI - Torino
politica 27/01/2011 - la storia

E il centrodestra pensa a una lista «etnica»

Sono i piccoli segnali a raccontare che sarà una battaglia all’ultimo voto. E chi vorrà vincerla, probabilmente, dovrà raschiare il fondo del barile, attingere a ogni brandello di città disposto a schierarsi. Varrà per le comunali di maggio. Varrà, forse ancor di più, per le primarie del centrosinistra.

La guida romena di Palazzo Reale sarà tra testimonial per Gariglio

Il bacino potenziale è ampio: si parte - almeno in teoria - dai 241.816 voti incassati dalla coalizione alle regionali dell’anno scorso. Quello reale, o verosimile, un po’ meno: le stime sull’affluenza alle primarie parlano di 30-40 mila elettori. Contesa serrata. E la differenza potrebbero farla gli outsider: i giovani tra 16 e 18 anni e tutti gli stranieri residenti a Torino, che alle elezioni non possono votare ma alle primarie sì.

Praterie. Non a caso i candidati vi si sono gettati a capofitto. Il primo colpo l’ha messo a segno Davide Gariglio. Il consigliere regionale ha «reclutato» in Nuove energie per Torino Daniela Jara Moya. Romena, 26 anni, è diventata suo malgrado un simbolo della Torino sospesa tra integrazione e diffidenza. Brava, a tal punto da ottenere il patentino di guida turistica e accompagnare ogni giorno i turisti a Palazzo Reale. Straniera, tanto da far storcere il naso a qualche visitatore, spingendolo a una pubblica denuncia. Dopo quell’episodio Gariglio l’ha contattata. E l’ha convinta: si occuperà di integrazione. Organizzerà incontri con le comunità straniere. Soprattutto, lavorerà - insieme con alcune associazioni peruviane e romene - per mobilitare gli immigrati in vista del voto. Daniela ha le idee chiare: «Facciamo parte di questa città, viviamo e lavoriamo qui. I nuovi cittadini hanno il dovere di pensare, credere, scegliere e votare. Non possiamo sempre aspettare che gli altri facciano qualcosa per noi».

C’è una città dentro la città che finora è rimasta pressoché inesplorata. La politica non l’ha mai corteggia. Ora si è resa conto del potenziale di voti che rappresenta. Alle primarie del centrosinistra potrebbero in teoria presentarsi tutti i 125 mila stranieri residenti a Torino. A maggio, invece, il bacino sarà più ristretto, ma non trascurabile: solo i comunitari residenti. Quarantasei mila persone: 1.200 francesi, quasi 700 spagnoli, poco meno di 500 inglesi e altrettanti tedeschi, ma soprattutto 42 mila romeni. Numeri e proporzioni la dicono lunga. E spiegano perché Gariglio si stia spendendo così tanto e perché Piero Fassino distribuirà i materiali della sua campagna elettorale anche in inglese, albanese, romeno, arabo.

Spiegano anche perché l’esigenza di mobilitare gli immigrati abbia fatto breccia a destra, al punto che il primo a sollevare il problema è stato Agostino Ghiglia, vice coordinatore regionale del Pdl. «Il Comune non sta muovendo un dito per informare i cittadini stranieri». Ha chiesto lumi con un’interrogazione in Consiglio comunale. Dice di aver ricevuto «risposte interlocutorie». Gli stranieri comunitari per poter votare devono iscriversi alle liste elettorali. Palazzo Civico, per ora, si è limitato a pubblicare in una sottosezione del sito Internet il modulo da compilare, anche in lingua romena. Ghiglia non è soddisfatto: «Non vorrei che alla fine l’informazione arrivasse tramite letterine autografate da qualche assessore. Invece servirebbe una comunicazione estesa. Devono registrarsi entro inizio aprile». Qualcuno chioserà maligno: il centrodestra s’interessa agli stranieri solo per denunciare le amnesie del Comune. Sbagliato. A destra è in piedi addirittura l’ipotesi di una lista «etnica», tutta composta da romeni. Ghiglia frena: «Parlo a titolo personale: le liste identitarie non mi convincono. Si rischia il ghetto. Di un fatto però sono certo: nelle nostre liste saranno candidati diversi stranieri».

Fonte: La Stampa

Leggi anche:

Sinigaglia(PD): “Veneto nega diritto tutela salute ai cittadini comunitari

Scandal în Italia după ce Garda Financiară va purta cămăşi "din ţara lui Dracula"

Marţi, 25 Ianuarie 2011

Formaţiunea xenofobă Liga Nordului, care face parte din coaliţia guvernamentală din Italia, a criticat dur obţinerea de către o firmă din România a unui contract pentru furnizarea de cămăşi agenţilor Gărzii Financiare italiene, informează ediţia online a agenţiei AgenParl.
Contractul obţinut de o firmă din Bârlad pentru a distribui cămăşi gărzii Financiare din Italia a fost contestat de formaţiunea xenofobă Liga Nordului.
"Aflăm de la site-ul de ştiri ItaliaOggi că o firmă românească a obţinut contractul Gărzii Financiare italiene pentru furnizarea de cămăşi. Deci, agenţii Gărzii Financiare italiene se vor îmbrăca în haine româneşti? Mi se pare total absurd", afirmă deputaţii Maurizio Fugatti, Giovanna Negro şi Silvana Comaroli, toţi membri ai Ligii Nordului.
Sub titlul "Garda Financiară se îmbracă din România, cumpărând 128.000 de cămăşi din ţara lui Dracula", site-ul de ştiri ItaliaOggi a relatat că licitaţia pentru acest contract a fost câştigată de compania Confecţii Bârlad.
Valoarea contractului este de 1,77 milioane de euro, în scădere faţă de licitaţia precedentă, care se încheiase cu un contract în valoare de 2,6 milioane de euro. Astfel, preţul unei singure cămăşi va fi de 13,8 euro.

Fonte: Realitatea.net

In Italia mancano 50 mila infermieri, straniero il 28%. Sono romeni, peruviani e indiani


I risultati del Report internazionale di Azione per la salute globale. A pochi giorni dall'approvazione del documento preliminare al Piano sanitario nazionale per il triennio 2011-2013, il rapporto punta i riflettori sulla futura mancanza di personale sanitario.
Con un avvertimento: attenzione a non impoverire i Paesi del Sud del mondo di preziose risorse professionali nel campo della sanità

ROMA - In Italia mancano 50mila infermieri a cui, entro il 2015, si aggiungerà una quota consistente di medici specialisti. Sopperiscono gli immigrati, pari al 28% del personale infermieristico. I dati del report internazionale di Azione per la salute globale saranno presentati al secondo Global Forum sulle risorse umane impiegate in sanità in programma a Bangkok dal 25 al 29 gennaio. Per compensare alla mancanza di personale sanitario l'Italia si affida a medici e infermieri stranieri, contribuendo così ad acuire la carenza di professionisti sanitari nei Paesi del Sud del mondo: in Italia sono stranieri il 28,4% degli infermieri (in maggior parte di nazionalità romena, peruviana e indiana) e il 4,4% dei medici. Sul territorio nazionale mancano inoltre circa 50mila infermieri a cui si aggiungerà, da qui a cinque anni, un numero consistente di medici specialisti, soprattutto nei campi della radiologia, dell'anestesia e della pediatria. A pochi giorni dall'approvazione del documento preliminare al Piano sanitario nazionale per il triennio 2011-2013, anche il report internazionale "Addressing the global health workforce crisis", dedicato alle politiche per la salute di Italia, Francia, Germania, Spagna e Gran Bretagna e al loro impatto sui paesi del sud del mondo, punta i riflettori sulla futura mancanza di personale sanitario. Attraverso il network Azione per la salute globale, le Ong italiane Cestas e Aidos saranno parte attiva al forum nella capitale thailandese.
"Gli Stati dell'Unione europea non possono sempre contare sulla migrazione per rispondere ai propri bisogni sanitari, anche perché così impoveriscono di professionisti i Paesi in via di sviluppo che si trovano ad affrontare emergenze sanitarie - spiega il presidente di Cestas Uber Alberti -. È arrivato il tempo che l'Europa metta a punto percorsi formativi qualificanti e argini questa fuga di cervelli dal Sud al Nord del mondo". È necessario, aggiunge la presidente di Aidos Daniela Colombo, "evitare la tentazione di ricorrere a politiche migratorie che saccheggino le risorse già scarse del Sud del mondo e promuovere il ruolo delle donne, che costituiscono l'80% del personale sanitario globale". Il Forum di Bangkok farà il punto sulla carenza di personale sanitario specializzato a livello globale. Nel mondo mancano 4,3 milioni tra medici, infermieri e ostetriche, con una situazione di vera e propria emergenza a Sud dell'Equatore. Circa il 50% dei professionisti sanitari nati nel Sud del mondo lavora infatti nei paesi Ocse: il risultato è che, mentre il continente americano dispone del 37% del personale sanitario e della metà dei fondi globalmente investiti per la salute, l'Africa può contare solo sul 3% dei professionisti e sull'1% delle risorse globali.
(26 gennaio 2011)

Fonte: Superabile.it

Romania: Le fonti della Rapsodia Romena n. 1 di George Enescu


Preparando la lezione sull'argomento, mi sono - presto - accorto che non esistono saggi in Italiano (ma nemmeno in Inglese o Francese o Tedesco) su quelle che sarebbero le fonti popolari utilizzate da George Enescu per l'elaborazione della sua prima Rapsodia Rumena.
Per fortuna c'è qualcosa in lingua rumena: si tratta di un file .doc depositato sulla piattaforma didactic.ro dalla collega Liliana Arteni (mulţumesc mult!).
Prima riascoltiamo la Rapsodia Rumena n. 1 nell'interpretazione di Sergiu Celibidache:


Ora cominciamo a risalire alla fonte: la prima è Am un leu şi vreau să-l beu


Quindi la danza moldava Hora lui Dobrică:


Mugur, Mugurel significa "piccola gemma" e qui la possiamo ammirare nell'interpretazione suprema del Taraf de Haidouks:


Invece Pasăre galbenă-n cioc è il "passero dal becco giallo":


Naturalmente non può mancare la celeberrima Ciocârlia qui liberamente trattata (con zelo onomatopieco) dall'Orchestra Lăutarii.


Fonte: Corso Unitre-Storia della Musica

Dopo Haiducii, il nuovo fenomeno romeno: Alexandra Stan con Mr.Saxobeat

gennaio 26, 2011 by volpedicarta

Romena classe 1989, dotata di bellezza ammaliante, dispensatrice di pura energia a trecentosessanta gradi, è la nuova grande rivelazione romena, dopo l’exploit di Haiducii nel 2003 con Dragostea din tei.
La dance di Alexandra Stan di Mr.Saxobeat è di immediata presa, affinata dalla touche del sax, e trascinante al punto da divenire fin da subito un grande successo in Romania.
Uscito l’8 novembre, Mr.Saxobeat (il terzo singolo dell’artista dopo Show me the way e Lollipop, entrambi datati 2009) dallo scorso mese è stabile alla posizione n.1 di tutte le chart rumene. Da pochi giorni è già un successo anche in Ungheria ed in Grecia, dove attualmente è la hit n.6 più scaricata di iTunes.
Divertente la clip video in cui la cantante dopo avere subito un arresto, finita in cella, attira l’attenzione di uno sprovveduto policeman, che in seguito alle seduzioni dell’avvenente ragazza, viene derubato delle chiavi e rinchiuso in cella al posto suo, a questo punto la ragazza si camuffa da policegirl…



Fonte: Musica e Contorni

Una scrittrice ad alta velocità

Florina Ilis, la più nota autrice rumena, finalmente arriva anche in Italia. La Crociata dei bambini racconta la storia di una scolaresca in gita che dirotta il proprio treno verso Bucarest. E lo fa con uno stile a cascata, senza maiuscole e con pochissima punteggiatura: ottocento pagine che viaggiano al ritmo di una locomotiva.

di Alessandra Minervini

Florina Ilis è una scrittrice rumena, la più nota. Non solo in patria. Di recente la rivista francese Courrier international ha eletto La crociata dei bambini, terzo romanzo della Ilis e unico suo tradotto in italiano, miglior libro straniero del 2010. Ma la notizia è un'altra. La Ilis ha scritto ottocento pagine di romanzo dove, come se non bastasse, i protagonisti sono tutti minorenni. Bambini dai nove ai tredici anni. Che, per giunta, si comportano proprio come tali: sono innocenti, ribelli, odiano gli adulti, sono idealisti e venderebbero i genitori per giocare un'ora in più con i videogiochi. Si innamorano, e sono pure fedeli.


Insomma ce le aveva tutte, questo romanzo, per essere abbandonato prima della metà e la tentazione è stata forte almeno fino a pagina cento (o giù di lì). Poi succede che sali sul treno senza accorgertene e ottocento pagine ti sembrano poche per restare in compagnia di questo mondo talmente reale da essere assurdo, talmente rumeno da sembrare italiano, nostro.

La storia è ambientata nella Romania post-comunista in una data non definita (l'unico riferimento cronologico nel testo è scritto alla fine, in calce, ed è il 2005, anno in cui il romanzo è stato pubblicato nel suo Paese). Tutto comincia in una stazione di Cluj dove, dal binario numero tre, sta per partire un treno prenotato dalle scuole della città con destinazione una colonia estiva nel Mar Nero. Quando le porte del treno devono ancora chiudersi, mentre i genitori dei ragazzini si affannano nelle ultime raccomandazioni, noi siamo già ostaggi di un punto di vista fluviale, di una soggettiva claustrofobica che fissa una varia umanità fatta di adulti benpensanti e di ragazzini prepotenti. E proprio loro, i ragazzini, sono gli unici a credere che il mondo degli adulti vada fermato, dirottato come un treno che corre troppo veloce senza conoscere il valore della sua destinazione.

La prima nota di merito risiede nella metafora del treno che è straordinaria perché, a differenza di altri treni, è un treno senza memoria storica dal momento che è stata calpestata dalla globalizzazione e cornificata dalle ruffianerie dei mezzi di comunicazione. Sono numerosi i passaggi meritevoli di sottolineatura. Uno di questi si trova a pagina 24 quando la Ilis descrive la violenta mutazione antropologica avvenuta in Romania dopo Ceauşescu in un gesto narrativo molto semplice: Cazimir, uno dei protagonisti dell'imminente rivolta, sta per salire sul treno ma per farlo deve scendere dal taxi (un Bmw metalizzato, ultimo modello) e si vergogna profondamente perché non indossa la nuova divisa di Beckham: “neppure quando qualcuno a scuola gli aveva rubato il poster di adi mutu aveva sofferto tanto,”

La virgola e le minuscole sono fedeli al testo. Non esiste punteggiatura. O meglio, è una punteggiatura stilosa (che rende la lettura più complicata, ma la sfida vale l'impresa) e non esiste un punto fino alla fine. Scelta opinabile, ma di sicuro consapevole. Contribuisce alla costruzione di un intreccio narrativo ispessito dalle chiacchiere degli adulti e dai piani cospiratori dei ragazzini. Del resto la stessa Ilis ha dichiarato: “Lo stile ‘a cascata’ mi viene in un certo senso imposto dal ritmo della narrazione stessa. Nei miei libri cerco di rappresentare con realismo la società romena post-comunista, senza rinunciare alla finzione romanzesca. Attraverso la mancanza di punti in qualche modo cerco di far percepire il ritmo ininterrotto della vita, non di una vita individuale, ma della vita in generale, un flusso che non cessa mai.”

Il cuore del romanzo coincide con l'arrivo di Calman, uno zingarello che dal primo momento in cui si infila nel treno, dimostra di essere nato per fare il leader. Ha un cuore duro e una forza di volontà anacronistica con la quale si impadronisce del treno, mettendo sotto scacco non solo il mondo adulto ma anche la sua innocenza e tutti noi mentre leggiamo.
25 Gennaio 2011
Fonte: Giudizio Universale

Train de vie (1998)

Giovedì 27 Gennaio 2011

Radu Mihaileanu, regista rumeno di origine ebraica, è un fine conoscitore dell'ironia dolce-amara del suo popolo. In Train de vie affronta un tema delicato e straziante come quello della Shoah, con tocco lieve e il meno possibile didascalico. Un po' come lo stesso Roberto Benigni nel suo premio Oscar La vita è bella (1997). Solo che il regista rumeno ci è arrivato per primo, pur vedendosi costretto a posporre la realizzazione del suo progetto. Mihaileanu infatti inviò inizialmente il suo soggetto a Benigni, il quale in un primo momento lo ignorò ma poi estrasse dal cilindro il suo capolavoro assoluto. Allietata dalla "zingaresca" colonna sonora di Goran Bregovic, la vicenda si svolge in un piccolo shtetl: un villaggio ebreo dell'Est europeo. Nella scena iniziale Schlomo, il matto del villaggio, corre a perdifiato per avvertire i suoi compaesani dell'imminente arrivo dei nazisti. Quando tutti non sanno che fare, Schlomo espone all'improvviso un'idea geniale: l'auto-deportazione dell'intero villaggio. Il suo piano consiste nell'acquistare un treno, travestire da nazisti quelli che fra loro hanno più dimestichezza con la lingua tedesca e tirar dritto con il loro "treno fantasma" fino in Palestina, via Russia. Questa idea, apparentemente strampalata, risulta essere in realtà la loro unica alternativa per sottrarsi ai lager nazisti. Il finale non è affatto scontato. Ne fuoriesce un film corale in cui ci s'immedesima coi bizzarri personaggi che, in fuga verso la loro Terra Santa, danno vita a rocamboleschi episodi. Il rabbino, nei pressi di un blocco nazista, prega il buon Dio d'Israele di salvare le donne e i bambini, e "già che c'è" anche i vecchi - lui compreso. Schlomo, la cui saggezza è racchiusa nella perla "L'uomo ha sicuramente creato Dio per inventare se stesso", confessa di aver sempre voluto fare il rabbino, ma poiché il posto era già stato occupato si è accontentato di fare il matto. Mordechai è un fabbricante di legname, scelto per interpretare il ruolo del comandante nazista, suo malgrado, e per questo viene detestato da tutti. Yossi è lo zimbello del villaggio, perennemente attaccato alla sottana della madre, instauratore d'una cellula bolscevica nel treno e fomentatore di una velleitaria rivolta. Esther, la bella di turno, è in cerca del grande amore e si concede al figlio di Mordechai - anch'egli bolscevizzatosi strada facendo - cui lei impartisce un prezioso insegnamento: il suo aggraziato seno vale più di tutti i Marx e i Lenin del mondo. Questo è forse il più bel film sulla Shoah: brillante, scorrevole, ma soprattutto riflessivo.
 
Fonte: Blogosfere

''Sicurezza sui cantieri edili''. Un’iniziativa dell’assessorato al Lavoro e Formazione e dell’ente Scuola edile di Viterbo


Martedì 25 Gennaio 2011

Una brochure per promuovere la cultura dell’informazione sulla sicurezza sul lavoro nei cantieri edili. Lo strumento, realizzato dal Dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl di Bologna su indicazione della Provincia e della Scuola edile di Viterbo (ente paritetico-sociale senza scopo di lucro, promosso e gestito da Confindustria Viterbo e dalle organizzazioni sindacali della Tuscia), in collaborazione con la Regione Lazio e la Prefettura di Viterbo, è stata presentata questa mattina nella sala del consiglio di Palazzo Gentili.

Realizzata in 5mila copie, tradotta in inglese, francese, arabo, polacco, romeno e sloveno, la brochure illustrata dal titolo “Sicurezza sui cantieri edili”, sarà inviata per posta agli oltre 4mila lavoratori, stranieri (comunitari ed extracomunitari) e non, che fanno capo al Comitato paritetico territoriale antinfortunistico, e distribuita attraverso le organizzazioni sindacali di categoria. Al suo interno, 70 tavole illustrate e commentate mostreranno quali sono i comportamenti da tenere sui cantieri per ridurre al minimo i rischi di infortunio, e quali invece gli atteggiamenti da evitare per non incappare in situazioni di pericolo. “Questa guida è uno dei primi, importanti, risultati del tavolo tecnico che la Provincia ha avviato con associazioni datoriali, sindacali e dei lavoratori – afferma l’assessore al Lavoro e Formazione, Paolo Bianchini. Uno strumento semplice, di facile comprensione, con una comunicazione accessibile, che mostra tutti gli elementi della sicurezza nei cantieri. Il mio assessorato, sempre in collaborazione con il mondo del lavoro, sta anche attivandosi per varare progetti di alfabetizzazione per i lavoratori stranieri, così da favorirne l’integrazione”.

“Iniziative come questa sono volte alla promozione, tra le aziende e tra i lavoratori, di una più consapevole cultura della sicurezza – interviene Andrea Belli, presidente della Scuola edile di Viterbo -. La prevenzione degli infortuni non va vista solo con un obbligo di legge, ma come una prassi da attuare nei cantieri: conviene anche alle imprese essere in regola, perché così si favoriscono la produttività. La spesa per la sicurezza non è mai inutile”.

“Finalmente si realizza un progetto che cercavamo di attuare da tempo – afferma Francesco Palese del Comitato paritetico territoriale –. Noi giriamo i cantieri, e spesso ci rendiamo conto della scarsa alfabetizzazione dei lavoratori stranieri, perciò siamo certi dell’utilità di questa guida che non sarà un vangelo, ma speriamo aiuti a migliorare le condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro”.

“Quello edile è un settore dove il rischio infortuni è alto – dichiara Fabio Turco, vice presidente del Comitato paritetico territoriale -. Eppure quello delle costruzioni è l’unico campo dove sono previste 16 ore di formazione obbligatoria per chi vi accede per la prima volta. Non basta, lo sappiamo, ma è necessario da parte nostra far di tutto per favorire la più ampia informazione”.

“Ora cerchiamo di dare continuità a questa importante iniziativa – dichiara in ultimo Sandro Mancinelli della Scuola edile -, con progetti di alfabetizzazione e con proposte utili che possano essere sposate dalle istituzioni e dalle amministrazioni”.

Fonte: Occhio Viterbese

Cosmina, autorizzata sepoltura

L'omicida: "Mi ha aggredito"
La salma della giovane rumena assassinata da un cliente tornerà nella città d'origine nei prossimi giorni. L'autopsia ha rivelato i segni di una collutazione prima dello strangolamento. Il 52enne Silvano Rainieri, reo confesso, questa mattina ha reso l'interrogatorio di garanzia, ribadendo la sua versione. Il legale difensore chiederà una perizia psichiatrica

di MARIA CHIARA PERRI

Una bara bianca per portare Emilia Cosmina Burlan a Urezani, in Romania, la città in cui è nata e dove riposerà per sempre. La madre e la sorella della giovane assassinata a Borghetto di Noceto stanno cercando un feretro candido, come vuole l'usanza rumena, dopo aver ottenuto dalla Procura l'autorizzazione per il seppellimento della salma. Manca ancora il rilascio di nullaosta internazionali per il trasporto, poi i resti della ventenne potranno lasciare per sempre Parma. Ieri pomeriggio il medico legale Edda Guareschi ha portato a termine l'autopsia: la giovane è morta strangolata dalla cinta del cliente che si era invaghito di lei, Silvano Rainieri. Il cadavere presenterebbe i segni di violenze, di botte ricevute prima dell'omicidio. Anche le mani di Emilia Cristina presentano lesioni, segno che potrebbe aver cercato di parare dei colpi. Certo è che prima della morte tra il cliente e la giovane prostituta c'è stata una furiosa lite. I consulenti depositeranno la relazione degli esami autoptici entro 90 giorni. "I risultati dell'autopsia sono molto importanti per determinare con certezza cosa sia successo prima del delitto, se possa esservi stata una violenza sessuale - spiega l'avvocato Sandro Milani, che assiste la famiglia Burlan e che ha nominato come perito di parte il medico legale Nicola Cucurachi - Rainieri sostiene di essere stato aggredito? Mi sembra un'interpretazione di comodo".

Silvano Rainieri, il macellaio 52enne di Parola di Fontanellato che ha ammesso la responsabilità dell'omicidio, questa mattina ha reso l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Maria Cristina Sarli, nel carcere di via Burla, assistito dall'avvocato Anna Papadia. L'uomo ha deciso di rispondere alle domande e ha ribadito quanto già riferito al pm Roberta Licci dopo l'arresto. Da tempo frequentava Emilia Cosmina, era diventato un cliente abituale e sognava di poter avere una relazione stabile con la giovane. Le avrebbe dato denaro e fatto numerosi regali per convincerla ad andare a vivere con lui. Domenica scorsa ha caricato la 20enne in via Emilia Ovest, dove la ragazza si prostituiva insieme a un'amica, e l'ha portata nelle campagne di Borghetto. Lì i due hanno avuto una lite perché l'uomo avrebbe dato un ultimatum alla giovane: se non fosse andata a vivere con lui avrebbe smesso di darle soldi. Questo, a detta di Rainieri, avrebbe provocato l'ira di lei che lo avrebbe morso alla mano, ferendolo all'indice e al mignolo. Da quel gesto sarebbe sorta una violenta collutazione, culminata col brutale strangolamento di Emilia Cosmina.

"Chiederò una perizia psichiatrica per il mio cliente - dichiara l'avvocato Anna Papadia - non mi sembra che sia una persona completamente lucida e consapevole di quello che ha fatto. Certo, sa cos'è accaduto e ha ammesso le sue responsabilità, ma non mi sembra che si renda conto appieno della realtà: basti pensare che dopo aver confessato pensava di poter tornare a casa, dalla mamma". Alla luce dei risultati della perizia il legale valuterà se chiedere il trasferimento in un ospedale psichiatrico giudiziario o se richiedere un rito di giudizio alternativo, che consenta uno sconto di un terzo della pena. L'anziana madre di Rainieri, 92enne, non sarebbe ancora stata informata dell'accaduto: le è stato detto che il figlio ha avuto un incidente.
(28 gennaio 2011)
Fonte: La Repubblica

Altre notizie di cronaca:
Dalla vecchia lavatrice spuntano 27 milioni di lire
Travolta sulle strisce: «Serve più educazione»
Uomo sorpreso in auto con un 14enne. Ha patteggiato una pena di due anni
Nomentana, incendio in appartamento: badante ferita lievemente
Rapine e violenza sessuale. 4 anni a 28enne di Viadanica
Lasciato da fidanzata beve detersivo, grave nel torinese
Parte accidentalmente colpo di pistola, si ferisce all'addome
Cinque auto in fiamme durante la notte
Pazzo di gelosia: accoltella convivente e ferisce anziana accudita dalla donna
Lodi, accoltellato un ragazzo. E' il secondo caso in due giorni
Aggressione a un pastore rumeno, scarcerato Gianluca Scaccia
Auto investe ciclista, ferito rumeno
La Spezia - Molestata alla fermata del bus
Cade in moto vicino al Coin. Grave un diciottenne romeno
Cervia, 19enne accusa rumeno di stupro, ma lui ha il video che lo scagiona

martedì 25 gennaio 2011

Tavola Rotonda - Immigrazione e integrazione :“dalle povertà locali a quelle globali”

CVM Comunità Volontari per il Mondo

presenta la 2° edizione della
Tavola Rotonda
Immigrazione e integrazione
“dalle povertà locali a quelle globali”

Sabato 29 gennaio 2011 ore 16.00
Auditorium “Cianfarani” Chieti

Secondo i dati Istat più recenti, relativi al 1º gennaio 2010, sono presenti in Italia 4.235.059 stranieri, pari al 7,0% della popolazione totale, con un incremento notevole rispetto all'anno precedente. In Abruzzo, nell’ultimo anno, si è registrata una crescita della presenza di immigrati dell'8,7% e su un totale di 75 mila residenti stranieri, la provincia di Chieti e seconda solo a quella di Teramo nell'accoglienza dei migranti. Sono infatti 18.260 quelli residenti in provincia di Chieti a fronte dei 17.260 dell'Aquila, dei 22.937 di Teramo e dei 14.280 di Pescara. I numeri ovviamente aumentano in maniera esponenziale se si prendono in considerazione anche i cittadini stranieri non in regola con il permesso di soggiorno. I dati emersi lo dicono chiaramente, anche nella nostra regione, sempre più sta emergendo una società estremamente composita e multietnica, dove si incontrano volti, linguaggi, usanze, storie, sapori, appartenenti a culture diverse. Un fenomeno, quello migratorio, che tende sempre più ad assumere carattere di stabilità. Di conseguenza aumentano le esigenze relative all’accoglienza, all’inserimento lavorativo e sociale, all’erogazione di servizi sul territorio ed in particolare le esigenze di integrazione scolastica dei minori. Il fenomeno tende sempre più ad avere la connotazione dell’insediamento definitivo, richiedendo pertanto, non politiche dettate dall’emergenza, ma dall’attivazione di progetti che favoriscano un inserimento stabile e ordinato degli stranieri. In questo senso è urgente una riflessione attenta sul fenomeno che si ponga l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sulla complessità del fenomeno migratorio a livello locale e soprattutto a livello globale, cercando di analizzare le cause che muovono milioni di esseri umani alla ricerca di una vita migliore. E’ indispensabile accrescere la comprensione delle disuguaglianze sociali a livello locale, nel cosiddetto nord del mondo e a livello globale, nel sud del mondo, in quelle nazioni dove vivono persone in situazione di estrema povertà, spesso vittime di ingiustizia, fame, malattie e guerre, cercando di capire insieme come porsi di fronte a queste emergenze planetarie dalle quali scaturiscono i principali flussi migratori. Bisogna inoltre comprendere come rinforzare il circolo virtuoso tra cooperazione allo sviluppo verso i paesi di origine e integrazione dei migranti in Italia. Queste tematiche saranno affrontate nella tavola rotonda dal titolo: “Immigrazione e integrazione: dalle povertà locali alle quelle globali”. L’evento, promosso dal CVM Comunità Volontari per il Mondo in collaborazione con la Caritas - Migrantes dell’Arcidiocesi di Chieti Vasto, il Centro Interculturale Mondo Famiglia, l’associazione ConPaz, i Bambini Visti dalla Luna e il CSV Centro Servizi per il Volontariato, si terrà a Chieti il 29 gennaio 2011 alle ore 16.00 presso l’auditorium “Cianfarani”. La tavola rotonda, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo, dal Comune, dalla Provincia, dalla Prefettura e dall’Università “G. D’Annunzio” di Chieti, prevede la partecipazione di qualificati rappresentanti del mondo dell’immigrazione, delle istituzioni, dell’associazionismo e di quello cattolico. Ospiti d’eccezione saranno: Francesca Gesualdi, già allievo e “figlio” adottivo di Don Lorenzo Milani alla scuola di Barbiana e fondatore del CNMS Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano (PI), Mihai Mircea Botcovan, scrittore rumeno vincitore nel 2003 del premio “Voci e idee migranti” e nel 2006 della XII edizione del Premio Eks&Tra e Sergio Marelli, segretario generale della FOCSIV (Federazione di 64 Organismi Cristiani di Servizio Introdurranno l’avv. Umberto Di Primio, Sindaco di Chieti e Don Enrico D’Antonio, direttore Migrantes regionale e Caritas Chieti Vasto, mentre concluderanno come lo scorso anno due politici abruzzesi: il Sen. Giovanni Legnini e l’On. Daniele Toto. L’iniziativa, moderata dal dr. Filippo Di Giovanni della Caritas Diocesana di Chieti, si propone di coinvolgere la cittadinanza di Chieti e della provincia in merito a tematiche correlate al fenomeno dell’immigrazione quali l’integrazione, l’intercultura, la convivenza pacifica e la legalità.

Per maggiori informazioni: cvmabruzzo@yahoo.com
CVM Abruzzo Via Solario 66100 Chieti - tel. 0871.349406

Campagna elettorale bilingue a Riano per informare mille cittadini ex romeni

Iniziativa del coordinamento della sinistra: «Così coinvolgiamo nel voto chi vive e lavora qui da anni»
Il testo della lettera in romeno agli elettori di Riano
AMMINISTRATIVE

Iniziativa del coordinamento della sinistra: «Così coinvolgiamo nel voto chi vive e lavora qui da anni»

ROMA - Una campagna elettorale bilingue (italiano-romeno) con iniziative, assemblee e discussione poliglotta. E pazienza per l’eventuale raddoppio dei tempi del dibattito perché a Riano, novemila residenti, mille dei quali ex cittadini della Romania, il battage per il voto alle comunali (maggio) sarà in simultanea. Incluso il materiale cartaceo come volantini, pubblicità e affissioni. L’iniziativa è partita dal coordinamento della sinistra nel quale sono confluiti Idv (dipietristi) sinistra, ecologia e libertà e l’ex Pdci di Oliviero Diliberto, ora Federazione della sinistra.

Uno dei candidati della lista bilingue
CITTADINI E BANDIERE - E’ già partita la lettera rivolta agli ex cittadini della Romania - ora con regolare cittadinanza italiana - operai, badanti ma anche molti commercianti e qualche artigiano fra cui anche uno sceneggiatore e regista televisivo. «Si tratta di una semplice comunicazione con le informazioni rivolte agli elettori» spiega Italo Arcuri dal coordinamento che ha appena messo in cantiere una serie d’iniziative, incluso il manifesto elettorale in cui il logo della comunità romena – due mani che si stringono sullo sfondo delle rispettive bandiere – che spiccherà accanto al simbolo dei dipietristi, Sinistra, ecologia e Libertà e Federazione della sinistra.

I simboli dei partiti che hanno creato la lista bilingue a Riano
MANIFESTO UNITARIO - Sabato la presentazione del coordinamento al Belvedere di Riano, nelle sale della chiesa di San Gabriele, mentre un primo manifesto unitario sarà pronto nei prossimi giorni. «L’iniziativa ha un doppio obiettivo - dice Arcuri -. Prima di tutto siamo convinti che l’inclusione di persone che vivono, lavorano e risiedono qui giovi alla sicurezza sul territorio più di altre misure. In secondo luogo, crediamo che sia doveroso estendere il diritto alla partecipazione a cittadini che sono italiani a tutti gli effetti». Alle ultime europee la stessa coalizione (ma senza romeni) portò a casa «circa il 12% dei consensi» spiega Arcuri. L’alleanza di certo non nuocerà.

Ilaria Sacchettoni
24 gennaio 2011

Fonte: Corriere della Sera

Juventus Torino l-a găsit pe "noul Buffon" la Vâlcea!

 Joi, 20 Ianuarie 2011
Autor: Andrei Călin

 "Bătrâna Doamnă" a plătit 400.000 de euro pentru portarul Laurenţiu Brănescu (16 ani), jucător pentru care s-au bătut şi englezii de la Manchester United, dar şi cei de la Aston Villa.

Portarul Laurenţiu Brănescu (16 ani) a devenit ieri protagonistul celui mai important transfer realizat în această iarnă de o formaţie din România.

 Lovitura a dat-o divizionara secundă CSM Râmnicu-Vâlcea, care l-a vândut pe Brănescu la formaţia italiană Juventus Torino în schimbul sumei de 400.000 de euro. Presa din "Cizmă" a anunţat realizarea acestui transfer la finalul anului trecut, dar vâlcenii au bătut palma cu reprezentanţii celor de la Juventus abia ieri. Italienii îl caracterizează pe jucătorul român ca fiind "noul Buffon".

La doar 16 ani, puştiul care măsoară 1,94 metri a fost dorit de mai multe echipe mari din Europa.

Bonusuri, în cazul în care va debuta la echipa mare

   După ce a dat probe la clubul englez Aston Villa, Brănescu a ajuns în curtea celor de la Manchester United. "A fost foarte încântat fiindcă a discutat chiar cu Alex Ferguson. S-a întâlnit şi cu David Beckham. Sunt şanse mari să ajungă la United", declara Cristi Buturugă, agentul jucătorului, pentru EVZ, la finalul anului trecut, în momentul în care puştiul oscila între două superputeri: Juventus şi Manchester.

  În cele din urmă, oferta făcută de clubul piemontez a fost mai bună şi pentru clubul CSM Râmnicu- Vâlcea, dar şi pentru jucător. Pe lângă suma de 400.000 de euro, CSM va încasa bonusuri atunci când goalkeeperul va debuta la echipa mare şi la prima reprezentativă. Prin comparaţie, Dinamo l-a vândut în această iarnă în Germania, la Karlsruhe (liga a II-a), pe Andrei Cristea, golgheterul ultimei ediţii de campionat (16 reuşite), cu suma de 675.000 de euro.

  Florin Verigeanu, directorul general al echipei din Râmnicu-Vâlcea, este mulţumit de lovitura pe care a dat-o cu tânărul fotbalist: "A durat o vreme până s-a stabilit numele echipei la care va juca Laurenţiu, pentru că a fost dorit atât de Juventus, cât şi de Manchester. Sunt mulţumit de acordul cu italienii. Suma de transfer este una bună, mai ales că este vorba despre un fotbalist tânăr. Brănescu este un produs veritabil al clubului nostru, este vâlcean şi îi doresc să se impună în Italia, dar şi la echipa naţională", ne-a declarat ieri oficialul vâlcenilor.

Va locui la hotelul clubului

  Brănescu a debutat în liga secundă în 2009, la doar 15 ani, în partida CSM Rm. Vâlcea - Arieşul Turda (scor 5-1), disputată în noiembrie 2009. "Are un psihic puternic. Este foarte matur pentru vârsta lui. La noi a debutat la 15 ani şi a avut câteva meciuri foarte bune", ne-a spus Robert Tufişi, antrenorul de portari al echipei vâlcene, despre Brănescu.

  Ieri după-amiază, fotbalistul a revenit în ţară alături de părinţi şi de impresarul Cristi Buturugă. Deoarece este minor, părinţii l-au asistat la semnarea contractului cu Juve.

 "Juventus l-a dorit foarte mult pe Brănescu. Asta a decis. Nu puteam să îi aşteptăm la nesfârşit pe cei de la Manchester. Juve este un club mare al lumii, iar condiţiile oferite sunt excelente. În Italia va sta singur şi va locui la hotelul clubului Juventus", ne-a declarat impresarul Buturugă.

DECLARAŢII

"Sunt mulţumit de acordul cu italienii. Suma de transfer este una bună, mai ales că este vorba despre un fotbalist tânăr."
,
FLORIN VERIGEANU, director general la CSM Râmnicu-Vâlcea

"Juventus şi l-a dorit foarte mult pe Brănescu. Jucătorul este foarte încântat de condiţiile oferite de către italieni."
,
CRISTI BUTURUGĂ, impresarul jucătorului

"Are un psihic puternic şi tupeu specific portarilor. Este foarte matur pentru vârsta lui."
,
ROBERT TUFIŞI, antrenorul de portari, de la formaţia CSM Râmnicu-Vâlcea


Sursa: Evenimentul Zilei

 Leggi anche :
Juve - preso giovane portiere romeno
Ufficiale Branescu

Chivu: "Il mio gol con la nuova testa"

Mercoledì, 19 Gennaio 2011

MILANO - "Dedico questo gol a mia moglie e a tutta la mia famiglia. Non è il primo di testa, ma il primo con la nuova testa sì". Lo precisa Cristian Chivu ai microfoni di Inter Channel proseguendo nel sottolineare che: "L'importante è aver vinto, l'importante è che il primo dei due recuperi che dobbiamo fare è andato come doveva e ci ha permesso di accorciare le distanze dalle altre squadre. Che cosa ci facevo in area al momento del cross di Maicon? Chiaro, provavo a fer gol, ma metà del merito va al mio compagno, al suo passaggio che è stato bellissimo".

Chivu continua analizzando l'episodio che ha portato il Cesena a reclamare un tocco di mano in area da parte del difensore rumeno: "La palla mi ha toccato la mano, neanche sapevo dove andava la palla. La migliore prestazione? Non lo so, io mi impegno sempre, come fa tutta la squadra e non ci sono partite diverse nella loro importanza".

Fonte : Inter.it

Suciu, ufficiale il trasferimento al Gubbio

Prestito secco fino al termine della stagione

La trattativa di cui si parlava da diversi giorni come fatta, è divenuta ora ufficiale: Sergiu Suciu, centrocampista romeno classe '90 di belle speranze lascia nuovamente la maglia granata per approdare, in prestito, al Gubbio, squadra rivelazione di questa Lega Pro 1.

A darne l'ufficialità è proprio il sito dei rossoblu, che, fino a Venerdì, erano piuttosto lontani all'acquisto del centrocampista, salvo poi un'accelerazione piuttosto convinta da parte dell'uomo mercato eugubino Gigi Simoni. Un'ottima occasione per Suciu, che potrà così giocare con continuità, prima di rientrare alla base.
(Foto: M. Dreosti)

Fonte: Toro News

Il sorriso dei bimbi di Inter Campus

Venerdì, 14 Gennaio 2011

RAMNICU VULCEA - Sessione invernale di allenamento per i bambini di Inter Campus Romania a Ramnicu Vulcea, con torneo conclusivo nella Salina di Ocnele Mari e giochi sulla neve a -15°C.

Fonte: Inter.it

Delegazione del distretto rumeno di Timis ricevuta in Provincia a Modena

19 gen 11

Le energie alternative, l’agricoltura, le infrastrutture, la sanità: sono alcuni temi sui quali il distretto di Timis – area della Romania di cui è capoluogo la città di Timisoara – è interessato a forme di collaborazione con il territorio modenese. Ne hanno parlato il presidente del distretto di Timis, Constantin Ostaficiuc, e il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini, nel corso di un incontro che si è svolto mercoledì 19 gennaio nella sede della Provincia.La delegazione rumena guidata dal presidente Ostaficiuc ha visitato nei giorni scorsi alcune aziende del settore agricolo, energetico e meccanico ed ha preso contatti con Promec, l’azienda speciale della Camera di commercio modenese per l’internazionalizzazione delle imprese.

L’incontro – ha spiegato il presidente Sabattini – è servito «a definire alcuni ambiti di possibile collaborazione tra i due territori, con l’obiettivo di favorire gli investimenti e gli scambi di esperienze».

Nella foto: il presidente della Provincia di Modena, Emilio Sabattini – il presidente del distretto di Timis, Constantin Ostaficiuc – il sindaco di Modena, Giorgio Pighi

----------------------------------------------------------------------------------------

Da Timisoara in visita presso le strutture sanitarie modenesi

19 gen 11

C’è anche il la sanità tra i tanti temi nella fitta agenda della delegazione, in questi giorni a Modena, proveniente da Timisoara, importante città rumena, approdata nella nostra provincia per sviluppare varie forme di collaborazione con realtà modenesi appartenenti a settori differenti.In ambito sanitario, allo studio in particolare un progetto per esportare le eccellenze modenesi nel campo della lotta ai tumori sviluppando una stretta collaborazione con le locali strutture sanitarie e l’Università di Timisoara.

Si tratta di una prima visita, che possiamo definire di natura esplorativa, per osservare da vicino quanto viene fatto nel campo della ricerca e della lotta ai tumori dalla sanità modenese, e che servirà per gettare le basi per la stesura di un protocollo che andrà a definire le modalità operative della futura collaborazione.

L’idea sulla quale si andrà a lavorare è quella di creare varie forme di scambio tra Azienda Usl, Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico e Università e le strutture sanitarie e universitarie dell’importante cittadina rumena.

Tra gli obiettivi primari vi è un affiancamento dei medici e ricercatori rumeni per consentire la graduale acquisizione di quel know how di cui le realtà modenesi dispongono, e che collocano Modena tra le eccellenze in Italia. Allo studio anche l’organizzazione di spostamenti di specialisti nella città di Timisoara per la realizzazione di corsi di aggiornamento e l’arrivo di medici rumeni che potranno perfezionare la loro preparazione.

Fonte: Sassuolo 2000

Băsescu: Cioran a fost un reprezentant de seamă al diasporei. Ne propunem ca 2011 să fie anul românilor

20 Ian 2011

Preşedintele Traian Băsescu a anunţat, joi, că autorităţile de la Bucureşti îşi propun ca 2011 să fie, în materie de politică externă, anul românilor. Şeful statului a făcut această declaraţie în timpul unui discurs susţinut cu ocazia întâlnirii anuale cu şefii misiunilor diplomatice acreditaţi în România.

"Optimismul şi nădejdea ne sunt mai necesare decât oricând. 2010 a fost un an care ne-a pus la încercare", a declarat preşedintele, care şi-a început discursul cu un bilanţ al tragediilor produse anul trecut. Printre acestea, şeful statului a amintit seismul din Haiti, mareea neagră din SUA, inundaţiile şi incendiile, precum şi tragediile aviatice, inclusiv cea în care şi-a pierdut viaţa preşedintele Poloniei.

Traian Băsescu a trecut apoi la evenimentele care urmează să se petreacă anul acesta. Unul dintre ele, aniversarea a 100 de ani de la naşterea lui Emil Cioran.

"Emil Cioran a creat o operă imensă în afara graniţelor României, mai precis în Franţa. Este un reprezentant de seamă al diasporei, iar 2011 ne propunem să fie, în materie de politică externă, anul românilor", a spus Băsescu, explicând că acest lucru înseamnă că autorităţile vor urmări acele obiective de politică externă cu consecinţe asupra vieţii de zi cu zi a oamenilor.


   Preşedintele a vorbit apoi despre obiectivele României în materie de politică externă pentru următoarea perioadă. Una dintre primele teme abordate s-a referit la aderarea ţării noastre la Spaţiul Schengen în acest an.

Traian Băsescu a cerut ca aderarea la Schengen să se facă în baza regulilor convenite prin tratatele UE şi să nu fie tratată discriminatoriu. Acesta a subliniat că nu există nici cel mai mic indiciu că România ar genera riscuri privind fluxurile migratorii ilegale.

"Pentru România, aderarea la Spaţiul Schengen în acest an rămâne un obiectiv major. Într-o uniune de state democratice, aşa cum este Uniunea Europeană, regulile stabilite unanim prin reprezentanţii lor trebuie respectate de toţi membri", a spus Băsescu.

Preşedintele a adăugat că "România şi-a îndeplinit şi continuă să îşi îndeplinească obligaţiile", aşa cum au constatat şi vizitele de evaluare a îndeplinirii angajamentelor pentru aderarea la Schengen.

"România nu poate fi tratată de o manieră discriminatorie", a mai spus preşedintele.

 În timpul discursului, şeful statului reluat şi unele precizări referitoare la problema romilor în Europa. Preşedintele susţine că principiul liberei circulaţii  în Uniunea Europeană nu poate fi aplicat restrictiv, pe principii etnice.

Traian Băsescu susţine că este necesar ca, în completarea eforturilor naţionale, acest grup, în speciali romii nomazi, să beneficieze de o abordare la nivel european, în ceea ce priveşte proiectele de incluziune socială.

"În acelaşi timp, principiul liberei circulaţii nu poate fi aplicat restrictiv pe principii etnice", a mai spus Băsescu, subliniind că trebuie aplicat unitar  cadrul normativ european în materie.
 
Traian Băsescu a continuat apoi să puncteze principalele obiective ale României pe plan extern. Printre acestea, participarea la procesul de consolidare a Uniunii Europene, clarificarea implicaţiilor intrării în vigoare a Tratatului de la Lisabona, implementarea strategiei Dunării şi securitatea energetică.

Traian Băsescu se întâlneşte anual cu şefii misiunilor diplomatice acreditaţi în România. Anul trecut, întâlnirea a avu loc la aceeaşi dată, 20 ianuarie. Şeful statului s-a mai întâlnit, la 22 iulie 2010, şi cu ambasadorii statelor membre UE acreditaţi la Bucureşti.

Discursul complet al lui Traian Basescu [file pdf]

 Sursă : Antena 3

Cerignola, Istituto don Bosco: ’bando’ per mediatore culturale di lingua rumena

Sarà impiegato in 40 ore lavorative. La domanda scade il 30 gennaio

 L'istituto comprensivo statale Don Bosco di Cerignola ha pubblicato un bando per il reclutamento di un mediatore linguistico di lingua rumena per il Piano Offerta Formativa relativo a.s. 2010/2011. Il Mediatore sarà impiegato per 40 ore lavorative in favore degli alunni della scuola di nazionalità rumena.

Requisiti richiesti:
Prerequisiti:
− Titolo di mediatore linguistico−culturale;
− Conoscenza della lingua rumena;
− Laurea / diploma di scuola secondaria di 2° grado.

Criteri per la comparazione:
Titoli
Laurea: Punti 4
Diploma: Punti 2

Esperienze lavorative
− Comprovata e documentata esperienza lavorativa in analoghi progetti presso Istituzioni scolastiche per corso di almeno 20 ore: Punti 1,0.
− Precedenti e positivi rapporti di collaborazione didattica e di attività svolte presso l’Istituzione Scolastica scrivente per corso di almeno 20 ore: Punti 2,0
A parità di punteggio sarà data priorità all’anzianità anagrafica.

Scadenza del bando
Le domande dovranno pervenire alla scuola, in busta chiusa con indicazione all’esterno della dicitura ’Bando per la selezione mediatore linguistico’, entro le ore 12 del 30.01.2011, a mezzo posta o mediante consegna a mano.
La graduatoria sarà affissa all’Albo della scuola dal 1° febbraio 2011.

Per informazioni
Istituto Comprensivo ’Don Bosco’
Sez. Staccata ’Borgo Tressanti’
Via Tomba dei Galli 5 − 71042 Cerignola (FG)
Tel.0885413215 − Telefax 0885417600
Fgic84600d@istruzione.it
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "DON BOSCO"
Allegati:
Bando Mediatore linguistico[file pdf] 

Fonte : Frontiera tv

Leggi anche : 
Castellammare, inserimento al lavoro: nasce lo Sportello Immigrati
Corso di formazione per i giovani fioranesi del Servizio Civile
Cerveteri, fondi regionali per l'occupazione 

I compagni di classe - "Aspettaci lassù" scrivono i compagni di classe di Bogdan Axine, il diciottenne morto di incidente in moto in via Zambonate

Bergamo
I compagni di classe - "Aspettaci lassù" scrivono i compagni di classe di Bogdan Axine, il diciottenne morto di incidente in moto in via Zambonate.
Il messaggio degli amici:
"Bogdan, ci troveremo ancora insieme"

Riceviamo e pubblichiamo un breve messaggio dei compagni di classe di Bogdan Axine, il diciottenne di origine romena morto la mattina del 18 gennaio in via Zambonate, cadendo dalla sua moto. Bogdan Axine ha studiato all'Itis Paleocapa negli ultimi tre anni, con i compagni che oggi frequentano la Terza Ope. Il messaggio è firmato con i soprannomi.

"Bogdan, per noi sei stato davvero un grande amico e un ottimo compagno di classe. Ci hai accompagnato con la tua compagnia e la tua voglia di scherzare lungo questi ultimi tre anni di scuola e per questo ti ringraziamo, e ti chiediamo di aspettarci lassù, affinchè un giorno ci possiamo ritrovare tutti insieme a divertirci..."

I tuoi compagni di classe Pol, Ago, Ciuby, Avo, Bonzi, Bravi, Civi, Cucchi, Peter, Di vivo, Fiore, Gritti, Iannili, Ischia, Ketty, Morè, Salvi, Vezzi, Zano.

Nella foto sopra Bogdan Axine è il quinto da sinistra della fila più in alto. L'immagine di classe è stata scattata l'anno scorso.

Bogdan "era l'anima della classe"

Mercoledi 19 Gennaio 2011

Fonte: Bergamo News

Leggi anche:
Tanti compagni di scuola ai funerali del 18enne romeno
E' morto il 18enne romeno caduto dalla moto in centro città

Schianto contro il muro, seduto senza cinture a 11 anni in fin di vita

 24/01/2011 - ALL’USCITA DEL SOTTOPASSO DEL LINGOTTO
 
MARCO ACCOSSATO

Torino
 Un bimbo romeno di 11 anni è ricoverato in condizioni disperate al ReginaMargherita, dopo esser stato soccorso ieri sera nel sottopasso del Lingotto insieme ad altre quattro persone, fra cui una bimba, anch’essa romena. Cristian Stefanenco, l’undicenne, e Denise Melcimioc, 9 anni, viaggiavano sui sedili posteriori di una Opel Corsa probabilmente guidata da Cristian Relu Pistritu, 39 anni, che ha svoltato per imboccare l’uscita di via Nizza, schiantandosi contro il muro.

I bambini sono stati trasportati all’Infantile, Pistritu al Cto, insieme ad altre due persone: l’uomo è in prognosi riservata, mentre gli altri feriti - compresa la bambina - hanno riportato contusioni leggere e non sono in pericolo di vita. Stefanenco è stato portato attorno alle 22 in sala operatoria per un disperato tentativo di salvarlo. Ha un gravissimo trauma cranico e nessuna altra frattura né ferita: l’ipotesi più probabile è che non avesse le cinture di sicurezza e nell’urto sia stato catapultato contro il parabrezza.

Da chiarire l’origine dell’incidente. Non ci sono testimoni, oltre ai feriti. L’unica certezza per ora è la violenza dell’impatto. E’ possibile che chi era al volante abbia deciso all’ultimo di sterzare a destra per raggiungere via Nizza dal sottopasso, o si sia accordo in ritardo che stava superando l’uscita che voleva imboccare. Non ci sono tracce di frenata. L’auto s’è schiantata contro la parete sinistra dell’uscita, incastrandosi tra il muro e la segnaletica che indica il bivio. Sono intervenute diverse ambulanze del 118, oltre ai vigili urbani: le condizioni del bimbo di 11 anni sono apparse subito le più gravi.

Fonte: La Stampa

Stenograme in sexgate-ul din Italia: Doua romance la petrecerile lui Berlusconi

Corespondenta de la Roma

de Miruna Cajvaneanu HotNews.ro

Joi, 20 ianuarie 2011 Actualitate
Diasporă
 
Ioana Visan

Foto: Captura PlayTV

La inceputul lunii ianuarie, procuratura din Milano a demarat o ancheta penala care il vizeaza direct pe premierul Silvio Berlusconi, suspectat de trafic de influenta si relatii sexuale cu o presupusa prostituata minora de origine marocana, Ruby El Mahroug.

In contextul anchetei, ziarele din Peninsula au publicat o serie de detalii descoperite de magistrati si unele fragmente de interceptari telefonice in care apare din nou numele romancei Ioana Visan. Mai precis, anchetatorii vor sa afle mai multe detalii despre contractele unor apartamente de pe strada Olgettina 65, in care ar locui "protejatele lui Berlusconi", printre care s-ar afla si romanca Ioana Visan, alaturi de alte trei tinere: Elisa Toti, Aris Espinoza, Barbara Guerra, informeaza Pupia Tv.

Ioana Visan - originara din Arges, impreuna cu o alta romanca, Ioana Claudia Amarghioale, ar fi participat ca dame de companie la o petrecere organizata de premierul italian in seara de 25 august 2010. Conform cotidianului Corriere della sera, din verificarile politiei judiciare, rezulta ca la petrecerea organizata de premier au fost invitate patru fete straine: romancele Ioana Claudia Amarghioale si Ioana Visan, brazilianca Iris Berardi si rusoaica Raissa Skorkina.

Potrivit documentelor aflate in posesia magistratilor si publicate partial si de Diretta News, una din tinerele care il frecventau pe Silvio Berlusconi in mod frecvent, la resedinta sa de la Arcore, ar fi tocmai Ioana Visan. "Apartamentul Ioanei Visan de pe strada Olgettina 65 a fost perchezitionat zilele trecute. Telefonul acesteia apare prezent atat in 2009, cat si in 2010, deseori si pe perioade indelungate de timp, in zona satelitara de la Arcore. In 2010, celularul ei rezulta ca fiind la Arcore pe timpul unei intregi saptamani, de la 1 la 8 ianuarie. Apoi, de la 6 la 7 februarie, 8 si 9 februarie, 15, 20 si 21 februarie, 7 si 8 martie, de pe 13 pe 15 martie, 21 si 22 martie, 28 si 29 martie, de pe 4 pe 6 aprilie, pe 10 si 11 aprilie, 18 aprilie, 25 aprilie, 2 si 3 mai, 9 si 10 mai, 15 si 16 mai, 19 mai, 30 mai, 4 si 5 iulie, 12 si 13 iulie, 8 si 9 august, de pe 10 pe 14 august, de pe 23 pana pe 25 august, 19 si 26 septembrie".

In septembrie 2009, romanca Ioana Visan a fost una din protagonistele unui adevarat "sexgate" care l-a avut in centru pe premierul italian Silvio Berlusconi. Doua dintre cele mai importante cotidiene din Italia, Corriere della Sera si La Stampa, au publicat fragmente ample din interogatoriul la care a fost supus Gianpaolo Tarantini, un cunoscut intreprinzator italian, care a declarat in fata organelor de ancheta ca, in diferite ocazii, a platit 30 de tinere pentru a-i tine companie lui Silvio Berlusconi. Printre fete, apar in mai multe randuri si referiri la Ioana Visan, mai bine cunoscuta in anturajul ei drept "Ana".

Sursa: HotNews

domenica 23 gennaio 2011

“Luoghi” al Circolo Arci Bellezza a Milano

Ciclo di eventi “Luoghi” al Circolo Arci Bellezza
via Giovanni Bellezza, 16

Domenica 23 gennaio 2011

Letterature Migranti

L’incontro “Letterature Migranti” vuole essere un dialogo con alcuni autori stranieri e di seconda generazione che si sono cimentati a raccontare la loro esperienza per il tramite della lingua italiana contribuendo a diffondere una narrazione dell’alterità. Il nuovo sguardo sulla realtà di questi autori e autrici ci permette di apprendere le ragioni e le emozioni di un viaggio che, realmente e metaforicamente, si delinea attraverso le difficoltà e le fatiche della diversità nelle quali possiamo riconoscere le nostre debolezze e i nostri pregiudizi.

Ore 16.30 inizio dell’incontro

Saranno presenti:
Mihai Mircea Butcovan, scrittore e poeta romeno
Ardita Demneri, poetessa albanese
Pap Khouma, scrittore senegalese

presenta
Alessandra Coppola, giornalista del Corriere della Sera

A conclusione dell’incontro sarà offerto dall’Arci Bellezza un aperitivo.

Dalle 20.00 sarà possibile assaporare la cucina del Bellezza, mentre la serata proseguirà con gli intermezzi teatrali e musicali di Mohamed Ba noto autore e attore senegalese.

Fonte: L'Osservatore Romeno

Uniti nella comunione

DIOCESI. Iniziative gia fatte, e in programma, per la Settimana di preghiera per l'unita dei cristiani

La parrocchia ortodossa romena di Perugia ha promosso un incontro di preghiera ecumenica domenica 16 gennaio. La folta comunita ortodossa romena ha accolto una rappresentanza di frati francescani del Sacro Convento di Assisi, del Centro francescano internazionale per il dialogo Ofm Conv. (Cefid), con il suo responsabile p. Silvestro Bejan, romeno e una rappresentanza del Centro ecumenico di Perugia.

Il parroco ortodosso padre Ionut Radu ha commentato il testo base della Settimana di preghiera per l'unita dei cristiani (Atti 2,42: )Uniti nella insegnamento degli apostoli, nella comunione, nello spezzare il pane e nella preghiera ) dicendo che la preghiera per i fratelli cristiani di altra confessione ,la normalita nella comunita ortodossa romena di Perugia, in quanto tutte le volte che gli ortodossi romeni pregano lo fanno sempre per coloro che hanno costruito la chiesa nella quale si trovano; e visto che attualmente la loro parrocchia ospitata nei locali della parrocchia di San Barnaba, pregano per i fratelli della comunita cattolica.

Al commento dei testi sacri si sono alternate anche preghiere di intercessione in italiano e canti in lingua romena, concludendo con il Padre nostro, il segno della pace e la distribuzione del pane benedetto a tutti i presenti.

L'incontro di preghiera, molto partecipato e sentito, si a svolto come introduzione alla Settimana di preghiera per l'unita dei cristiani: i celebranti hanno invitato la comunita ortodossa a partecipare alla preghiera ecumenica di sabato 22 gennaio, ad Assisi, insieme con i frati francescani Conventuali, con i delegati di Giustizia, pace salvaguardia del creato della Cimp e con i fratelli e le sorelle dell'Ordine francescano secolare del Nord Italia, alle ore 20.45 nella basilica inferiore di San Francesco.

Il giorno seguente il parroco ortodosso Ionut Radu ha partecipato all incontro di apertura della Settimana al Centro ecumenico San Martino, dove mons. Elio Bromuri ha illustrato lo stato del dialogo ecumenico ed ha dato appuntamento a sabato 22 alle 18, nella cattedrale di San Lorenzo.

L'arcivescovo mons. Gualtiero Bassetti nella celebrazione eucaristica per la Settimana di preghiere cedere il pulpito al pastore valdese emerito Archimede Bertolino. Lunedi 24, al Centro ecumenico (ore 18) vi sara un incontro con la presenza di rappresentanti di diverse confessioni cristiane. Il giorno seguente, martedi 25, alle ore 17.30 sara presente il rabbino della comunita ebraica di Roma Cesare Moscati.

Annarita Caponera

Fonte: LA VOCE

Incontro con rumeni del Piemonte

Siamo lieti di invitarvi alla presentazione ufficiale

Partito Democratico Liberale Romeno in PIEMONTE
Incontro con rumeni del Piemonte

DOMENICA 23 GENNAIO 2011 ore 10
Preso Comune di Torino Sala delle Colone

Saranno presenti:
Vice Presidente del Gruppo PPE – DE - VITO BONSIGNORE
Capo Gruppo PDL Torino - DANIELE CANTORO
Capo Gruppo Destra - GIUSEPE LONERO
Responsabile Regionale Destra – VALTER MACARELI
Consigliere Vice Capo Gruppo PDL Torino – ENZO LIARDO
Deputato è Presidente P. D. L. per rumeni al estero - WILLIAM GABRIEL BRANZA
Presidente P. D. L. delle Donne rumene al estero - ADINA STEFANESCU
Presidente P .D.L. in Italia - SAVOIU ION
Presidente P.D.L. in Italia delle donne ELENA ION

lunedì 17 gennaio 2011

Invito alla serata omaggio al pittore Horia Bernea, giovedì 20 gennaio ore 18,30‏


Lo scorso dicembre si commemorava il 10° anniversario dalla scomparsa del pittore romeno Horia Bernea. Artista di grande raffinamento, Horia Bernea esordì come pittore nel 1965. Profondamente legato alla “Città Eterna”, l’artista ha mantenuto con essa un rapporto fecondo e vivificante. Alla metà degli anni ’90, l’Accademia di Romania ha ospitato l’artista ed una sua eccezionale mostra personale.
Un’altra testimonianza della comunione tra Horia Bernea e Roma è il bellissimo catalogo Roma bizantina: Roma caput mundi. Una guida soggettiva della Città Eterna (corredato da dialoghi, note, fotografie, acquerelli e disegni suoi), ideato sotot forma dialogica nel periodo 1998-1999 insieme al teologo ed antropologo Teodor Baconschi, attuale capo della diplomazia romena.

La mostra riunisce una serie di opere dell’artista rimaste in collezioni pubbliche e private d’Italia ed è corredata da suggestivi materiali fotografici e pubblicazioni, a testimonianza della sua impressionante attività artistica ed al suo legame profondo con l’Urbe.

Un progetto curato dall’Ing. Stefano Ionescu, reso possibile grazie alla collaborazione con l’Istituto di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia.

L’inaugurazione sarà preceduta dal concerto di pianoforte sostenuto dall’artista Paul Coriolan Cartianu (musiche di Enescu, Brahms, Constantinescu, Liszt), con un intermezzo poetico romeno in lingua italiana (T. Arghezi, I. Pillat, L. Blaga, N. Stanescu, A. Blandiana, M. Petreu) nella lettura dell’attrice Adina Cartianu.

Accademia di Romania