La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 29 novembre 2011

La tournèe „George Enescu in Italia” si conclude a Roma con un concerto dedicato alla Festa Nazionale della Romania‏

La tournèe „George Enescu in Italia” si conclude a Roma con un concerto dedicato alla Festa Nazionale della Romania
Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Romania e della Repubblica Italiana, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, in partenariato con l’Ambasciata di Romania di Roma, l’Ambasciata di Romania presso la Santa Sede, l’Accademia di Romania in Roma, l’Ente Nazionale del Turismo della Romania a Roma, e in collaborazione con la Società Enescu e l’Istituto Culturale Romeno di Londra, il Museo Nazionale George Enescu di Bucarest, il Festival Internazionale George Enescu di Bucarest, l’Accademia Nazionale Santa Cecilia e il Conservatorio Santa Cecilia di Roma organizza, in occasione della Festa Nazionale della Romania, l’ultima tappa della tournée “George Enescu in Italia”. L’evento avrà luogo giovedì, 1° Dicembre 2011, ore 20:00, presso la Sala Petrassi dell’Accademia Nazionale Santa Cecilia – Auditorium Parco della Musica di Roma.

Solisti del concerto saranno il violinista Remus Azoiței (direttore artistico della Società Enescu di Londra) e il pianista Eduard Stan (fondatore del Festival Enescu di Heidelberg/Mannheim – 2005).
Avvalendosi del sostegno dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, la tournée “George Enescu in Italia” si è svolta durante il 2011 in altre tre città d’Italia: Venezia, Verona e Torino.
Il concerto di Roma gode dell’alto patrocinio della Sua Altezza Reale, la Principessa Margareta di Romania, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali della Repubblica Italiana, della Regione Lazio, della Provincia e del Comune di Roma.

Il programma del concerto include: George Enescu – „Impressions d’enfance”, Op. 28, e Franz Schubert – Fantasia in Do Maggiore, D 934.
Media partner: Rai Radio 3

Coordinatore progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro

ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

Ziua Nationala a Romaniei sarbatorita la Milano‏


CENTRUL CULTURAL ITALO-ROMAN DIN MILANO

COMUNICAT. Ziua Nationala a Romaniei sarbatorita la Milano

Cu ocazia Zilei Nationale a Romaniei, Centrul Cultural Italo-Roman din Milano invita publicul roman si italian la deschiderea expozitiei “Simbolurile sacrului” care reuneste importante nume de artisti romani si italieni.

Expozitia ingrijita de curatoarea Ana Cominio va cuprinde lucrarile artistilor: Paolo BONALDI, Claudio BORGHI, Alina MARGULESCU STROIE, Albano MORANDI, Daniela NENCIULESCU, Daniele NITTI SOTRES, Simona Teodora ROSCA, Daniele SALVALAI.

Serata din 1 decembrie 2011 va debuta la orele 18.30 la Start Studios Milano, 68 metriquadri, Via Malipiero 2, Milano cu inaugurarea expozitiei care se bucura si de aparitia unui Catalog (23 pagini color) publicat de Editura Nomos di Milano ce va fi distribuit gratuit celor prezen

In programul manifestarii sunt incluse: vizionarea filmului “Doina (15')” scurtmetraj relizat de Nikolas Grasso, film cu cinci premii internationale, urmat de un recital extraordinar de muzica clasica si folclorica sustinut la nai de Mariana PREDA, Romania.

Traditiile Maramuresului istoric vor fi puse in scena de elevii Liceului “Mihai Eminescu” din Baia Mare, intr-un program cultural artistic care va prezenta pubilcului traditia sezatorii din aceasta veche vatra romaneasca.

Evenimentul este realizat cu parteneriatul si sprijinul Asesoratului de Cultura al Primariei din Pavia, Start Sudio Milano care va gazdui expozitia pana pe data 24 decembrie 2011, Banca Intesa San Paolo, Money Exchange.

Un bufet cu produse traditionale si vinuri romanesti va fi oferit celor prezenti de Milcov Market SRL.
Manifestarea se bucura de patronajul Provinciei Milano, Primariei din Pavia si Fundatiei Memoria din Bucuresti. In cursul anului 2012 expozitia va fi organizata la Muzeul de Arta Contemporana Broletto din Pavia.

Biroul de presa
Centrul Cultural Italo-Roman Milano
tel: + 3407638880

Evenimente culturale de excepţie la Torino

Institutul Cultural Român organizează cu ocazia Zilei naţionale a României, mai exact în zilele de 1 şi 2 decembrie, două evenimente culturale de excepţie:

* joi, 1 decembrie de la orele 20.30 la Teatrul Gobetti (în Via Gioachino Rossini n. 8, Torino), Horaţiu Mălăele şi Niculae Urs vor juca în piesa "Măscăriciul" de A.P. Cehov, în regia lui Horaţiu Mălăele.

* vineri, 2 decembrie, de la orele 20.00 la acelaşi Teatro Gobetti, Opera Naţională din Bucureşti vă invită la o gală de balet.
Cele două evenimente sunt organizate în colaborare cu Primăria din Torino.

Toate informaţiile privind biletele de intrare şi programul detaliat al celor două seri vor fi puse la dispoziţie pe măsură ce vor sosi la redacţia noastră.

Sursa: Città di Torino

Afişele campaniei "De ce iubesc România" sunt acum şi în germană, spaniolă şi italiană

Afişele din cadrul campaniei "De ce iubesc Romnia", cu Ilie Năstase, Nadia Comăneci, Ştefan Obobleja, Henri Coandă şi Nicolae Păulescu, sunt disponibile acum şi în limbile germană, spaniolă şi italiană.
Acestea pot fi descărcate de pe site-ul campaniei, deceiubimromania.ro..Pe lângă acestea, apar afişele în limba română şi engleză.
De la sublim, la grotesc, între derizoriu şi excepţional, România este o continuă provocare. Dar este provocarea noastră, a tuturor românilor. Oricât de greu ar fi, tot mai bine e acasă şi oricâte ţări am colinda, România e locul pe care-l purtăm în suflet, sau locul pe care vrem să-l schimbăm pentru a putea spune sincer ROMÂNIA, te IUBESC.

NU facem o campanie autorităţilor, nu sprijinim pe nimeni. Îi invităm pe români, oriunde s-ar afla să facă diferenţa, să nu le fie ruşine cu ce e în sufletul lor, să mărturisească ce le place şi ce nu, îi invităm să fie mândri că sunt români, SĂ O SPUNĂ, SĂ O ARATE.
Campania DE CE IUBESC ROMÂNIA intră într-o nouă fază. De astăzi ProTV, Gândul, Pro Sport, Sport.ro, Ziarul Financiar, Mediafax te provoacă.
25.11.2011

Sursa: Gandul

"Tamburi di Pace" ai Castelli Romani

COMUNICATO
Gialuma onlus presenta:
"Tamburi di Pace"
Monnezza non ti butto ..ma..ti batto! ...e...faccio nascere "Musica"

si informa che dal 1 dicembre 2011 fino al luglio 2012, prenderà l'avvio ad Ariccia il corso “TAMBURI DI PACE”corso gratuito destinato ai ragazzi tra i 10 ed i 17 anni di ogni nazionalità e che risiedono nel territorio dei Castelli Romani.Il corso è patrocinato e finanziato dalla Provincia di Roma ed è patrocinato dal comune di Albano Ariccia e Lanuvio si terrà ad Ariccia presso le salette parrocchiali del Santuario di Galloro gentilmente concesse da donAndrea.

Per INFO ed ISCRIZIONI rivolgersi presso la sede di Gialuma ad Ariccia p.zza Aldo Moro snc a partire da lunedì 21 novembre dalle ore 18 alle 19 tutti i giorni esclusa domenica cell 3481689027 - 3274068376
Ci piace sottolineare l'importanza di questo progetto,infatti il corso,primo nel suo genere,si propone:

1) Di realizzare laboratori di riciclo -attivo con guida alla costruzione diretta degli strumenti musicali da parte dei ragazzi ,affrontando tematiche dell'uso e del riuso degli oggetti,del consumo responsabile e del riuso degli oggetti e della riutilizzazione del cosidetto"rifiuto",tramite metodiche di didattica divertente ed educativa.

2) Di educare alla produzione ed all'ascoltazione del suono e della musica

3) Di confrontarsi nel gioco,ed attraverso la musica con coetanei di diversa provenienza e cultura.

4) Di realizzare una vera e propria Band Musicale"Tamburi per la Pace"

5) Di educare alla conoscenza ed al rispetto ed alla solidarietà verso realtà in stato di necessità particolari. e veri e propri "Spettacoli" i cui proventi saranno utilizzati al sostegno di realtà in particolare necessità,Infatti i percussionisti saranno solidali con il territorio ed interverranno, invitati,
nelle diverse realtà di Festa dei Comuni,perportare il loro "Messaggio Sonoro" e veri e propri "Spettacoli" i cui proventi,saranno destinati al sostegno di situazioni e realtà in particolare stato di necessità. "

GIALUMA ONLUS
ILPRESIDENTE
DR LUANA MANNOCCI

Mons. Filippo Santoro nuovo arcivescovo di Taranto, mons. Santos Abril y Castelló nuovo arciprete di Santa Maria Maggiore

Il Papa ha nominato nuovo arcivescovo di Taranto mons. Filippo Santoro, finora vescovo di Petrópolis, in Brasile. Mons. Santoro, nato a Carbonara, in provincia di Bari, 63 anni fa, succede a mons. Benigno Luigi Papa, che lascia per raggiunti limiti di età. Mons. Filippo Santoro ha compiuto gli studi filosofici all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ottenendo il Dottorato in Filosofia. A Roma ha conseguito la Laurea in Teologia Dogmatica, presso la Pontificia Università Gregoriana, come alunno dell’Almo Collegio Capranica. È stato ordinato sacerdote il 20 maggio 1972, per l’arcidiocesi di Bari-Bitonto. Dopo l’ordinazione sacerdotale ha svolto i seguenti incarichi e ministeri: direttore dell’Istituto Superiore di Teologia di Bari e responsabile di "Comunione e Liberazione" in Puglia dal 1974 al 1984; sacerdote fidei donum nell’arcidiocesi di São Sebastião do Rio de Janeiro (Brasile) dal 1984 al 1996; responsabile di "Comunione e Liberazione" a Rio de Janeiro dal 1984 al 1988; responsabile di "Comunione e Liberazione" in Brasile e in America Latina dal 1988 al 1996. Nel 1992 è stato membro della Delegazione della Santa Sede per la Conferenza Mondiale sull’Ambiente (ECO-92) e nello stesso anno ha partecipato come teologo alla IV Conferenza Generale dell’Episcopato Latinoamericano a Santo Domingo. Eletto alla sede titolare di Tuscamia e nominato vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di São Sebastião do Rio de Janeiro il 10 aprile 1996, ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 29 giugno successivo. Dal 12 maggio 2004 è vescovo della diocesi di Petrópolis. All’interno della Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile (C.N.B.B.) è al presente membro del Consiglio Permanente e della Commissione Episcopale per la Dottrina della Fede. Inoltre, è gran cancelliere dell’Università Cattolica di Petrópolis. È autore di diverse pubblicazioni di carattere teologico e filosofico.

Sempre oggi, Benedetto XVI ha nominato nuovo arciprete della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma l’arcivescovo spagnolo Santos Abril y Castelló, vice camerlengo di Santa Romana Chiesa. Succede al cardinale statunitense Bernard Francis Law che nei giorni scorsi ha compiuto 80 anni.

Il Papa ha quindi dato il suo assenso all’elezione canonicamente fatta dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Greco-Cattolica Romena del rev. Claudiu-Lucian Pop, finora rettore del Pontificio Collegio "Pio Romeno" in Roma, a vescovo della Curia Arcivescovile Maggiore, assegnandogli la Sede titolare Vescovile di Mariamme. Il rev. Claudiu-Lucian Pop è nato il 22 luglio 1972 a Piscolt (distretto di Satu-Mare), Romania, nell’Eparchia di Oradea. È stato alunno del Pontificio Collegio Pio Romeno in Roma dal 1991 al 1999, frequentando i corsi filosofici alla Pontificia Università Urbaniana e quelli teologici alla Pontificia Università Gregoriana, dove nel 2006 ha conseguito la Laurea in Teologia spirituale. È stato ordinato sacerdote il 23 luglio 1995 a Oradea per l’imposizione delle mani di mons. Vasile Hossu. Dal 1999 al 2002 ha svolto il ministero presbiterale nella parrocchia di San Giorgio dei Romeni a Parigi come vicario e dal 2002 al 2007 come parroco e rettore della Missione greco-cattolica romena della capitale francese.

La Congregazione per le Chiese Orientali, su presentazione dell’arcivescovo maggiore e del Sinodo della Chiesa Greco-Cattolica Romena, lo ha nominato nel dicembre 2007 rettore del Pontificio Collegio "Pio Romeno" in Roma. In tale incarico ha diretto la collana di studi "Quaderni del Pio Romeno", continuando l’edizione di vari libri di teologia in lingua romena.

Infine, il Santo Padre ha nominato capo ufficio nella Sezione per gli Affari Generali della Segreteria di Stato mons. Cesare Burgazzi, finora minutante nella medesima Sezione della Segreteria di Stato.
21/11/2011

Fonte: Radio Vaticana

Se caută muncitori români pentru Italia. Vezi joburile

Italia rămâne încă una dintre cele mai bune opţiuni ale românilor care vor să lucreze în străinătate. Cel puţin 1.000 de joburi sunt vacante în momentul de faţă pentru muncitorii români.

Italia a ocupat locul 4 la începutul lunii noiembrie în topul ţărilor cu cele mai multe oferte de angajare adresate românilor, după Marea Britanie, SUA şi Germania, conform unei statistici realizate de site-ul Tjobs.ro.

Dintre toate CV-urile trimise de români în luna octombrie, aproape 9% au vizat locuri de muncă din Italia, această destinaţie fiind depăşită doar de Marea Britanie (27%) şi Germania (11%).

Vezi mai jos domeniile cu cele mai multe joburi pentru români. Poţi vedea aici lista joburilor din Italia.

Curățenie, întreținere / menaj și îngrijire bătrâni (51 de poziții vacante): Sunt preferate femeile care au deja experiență în îngrijirea de bătrâni sau copii. Salariul lunar variază între 800 – 900 euro. Nu există cheltuieli de masă sau cazare, acestea fiind asigurate de familia sau instituţia pentru care se lucrează.

Hoteluri / turism (53 de poziții vacante): Există oportunități atât pentru tineri (studenți), cât și pentru persoane cu vârsta de peste 30 de ani. Salariile sunt cuprinse între 600 – 900 euro / lună, iar masa și cazarea sunt asigurate de angajator.

Entertainment: 80 de poziții sunt vacante pentru animatori turistici, în complexe hoteliere de 4 și 5 stele. Oferta se adresează în special tinerilor dornici să lucreze sezonier în perioada estivală următoare. Salariile sunt sub 600 euro pe lună, însă masa, cazarea, transportul dus – întors și asigurarea medicală sunt plătite de angajator;

Inginerie (20 de poziții vacante): Se caută urgent sudori MIG/MAG și TIG/WIG pentru companii industriale (rafinării și subcontractori ai acestora). Salariul orar este 9 - 11 euro/lună. Se impune o experiență de minimum 3 ani în domeniu.

Personal medical și sanitar (120 de poziții vacante): În această perioadă se caută infirmiere / asistente medicale cu diverse specializări medicale. Salariile lunare încep de la minimum 1.200 euro și pot ajunge până la 2.500 euro. Uneori, masa, cazarea și asigurarea medicală sunt plătite de angajator.

Construcții / amenajări (50 de poziții vacante).

Între condiţiile generale impuse de agenţiile de recrutare se numără cunoașterea limbii italiene la un nivel conversațional bun (engleza este un plus), experiența în domeniu (mai ales în cazul asistentelor medicale și al meseriașilor industriali), iar experiențele anterioare de muncă în străinătate sunt un plus.
24 nov 2011

Sursa: Realitatea Net

Il bimbo ha fretta e nasce in casa

Matino. Una 24enne di nazionalità romena si trovava da sola al momento della "rottura delle acque". Ha partorito ma ha fatto in tempo a chiamare il 118

MATINO - Momenti di tensione ieri mattina, a Matino, per una ragazza che ha partorito in casa, da sola e senza assistenza. Il lieto evento casalingo, oramai una rarità, è arrivato per M.C.P., una ragazza di 24 di nazionalità romena. Ieri mattina, verso le ore 10.30, la partoriente si trovava a casa sua quando è arrivata la naturale "rottura delle acque", segno evidente che il momento della nascita era imminente. La ragazza se la stava prendendo comoda e, come vogliono le abitudini del suo Paese di origine, si stava preparando per un parto nel suo stesso letto. Ma la creatura che aveva in grembo ha avuto evidentemente fretta di nascere prima del tempo e così è stato.

La ragazza si è così trovata da sola a fronteggiare il lieto evento ed è riuscita a chiamare il 118. I medici del "Ferrari" sono giunti immediatamente sul posto e hanno trovato la donna con in grembo il bambino. Trasportata al pronto soccorso del "Ferrari", la ragazza ha trovato un'equipe multidisciplinare (ostetrica, medico ostetrico, rianimatore, pediatra) pronta per l'assistenza. I medici hanno reciso il cordone ombelicale che legava ancora mamma e figlio. La ragazza e il bambino sono stati ricoverati: la prima perché non ha espulso la placenta; il secondo per precauzione. Le condizioni di entrambi sono ottime.
Il lieto fine è stato assicurato per l'intervento celere della struttura ospedaliera del "Ferrari" che ha garantito l'assistenza totale per la paziente e il suo bambino. Rimane il caso raro di mettere al mondo un figlio in casa propria, ma altrettanto singolare è nascere in un paese (in questo caso, Matino) dove non esistono strutture sanitarie.
22 novembre 2011

Fonte: Il Tacco d'Italia

Altra tragedia sul lavoro muore operaio edile

Un romeno di 53 anni ha perso la vita in un cantiere in zona Anagnina. Sarebbe rimasto schiacciato sotto i pannelli di legno per il getto del calcestruzzo.

Un operaio romeno di 53 anni, Ioan Tohanean, è morto in un cantiere di costruzioni in zona Anagnina (via del Fosso Centroni) mentre stava accatastando pannelli di legno per il getto del calcestruzzo. L'operaio sarebbe rimasto schiacciato sotto il peso dei pannelli che improvvisamente hanno ceduto crollandogli addosso. Agenti di polizia del commissariato Romanina e personale della Asl sono al lavoro per chiarire la dinamica esatta dell'incidente.

Pochi giorni fa, l'ncidente nello stabilimento Fiorucci, a Pomezia. La mano di un operaio era rimasta incastrata dentro un'impastatrice. Il 22 novembre scorso altre due vittime sul lavoro. Il primo incidente, nel comune di Supino, in provincia di Frosinone. Un lavoratore polacco di 28 anni è precipitato da una impalcatura, cadendo da un'altezza di circa dieci metri mentre eseguiva dei lavori di sistemazione sul tetto di una fabbrica. Poco più tardi nel Viterbese: un uomo di 58 anni, residente a Soriano nel Cimino è stato schiacciato da due lastre di peperino, una pietra locale, pesanti alcuni quintali
ciascuna, nella cava in cui lavorava.
25 novembre 2011

Fonte: La Repubblica

Românii îi scapă pe italieni de sinucidere

Autor: Traian George Horia
Luni, 21 Noiembrie 2011

Angajaţii unui call-center din Capitală îi ajută pe gamblerii din Italia să nu se omoare dacă pierd bani la poker.
Operatorii români de call-center îi calmează pe italieni atunci când pierd sume mari de bani la jocurile de noroc.

După ce în ultimii 10-15 ani numeroase companii din Occident şi-au externalizat activitatea de call-center şi au început să o aducă spre România, angajaţii români de la "serviciile pentru clienţi" ale acestor firme au ajuns să consilieze oameni din întreaga lume: din Europa, Statele Unite sau Canada. În ultima vreme, proprietarii web-site-urilor de jocuri de noroc, poker sau cazino au înfiinţat pentru clienţi aceste servicii de "helpdesk", unde li se explică oamenilor cum să se înscrie pe site sau sunt convinşi să înlăture gândul sinuciderii dacă au pierdut sume prea mari de bani.

Ca un sprijin suplimentar, site-urile de poker au avocaţi şi psihologi angajaţi pentru acelaşi scop: să convingă jucătorii că viaţa e frumoasă şi că sinuciderea din cauza banilor este un gest necugetat.

Salariul - 300 de euro. În străinătate se câştigă 1.000

Dacă ar fi fost operator de call-center în Spania sau Italia, Diana Mărgineanu ar fi câştigat cu un contract part-time, de cinci-şase ore de muncă pe zi, un salariu de minimum 1.000 de euro. Dar este unul din zecile de angajaţi ai unei firme românoitaliene cu sediul în Bucureşti, care administrează un web-site de jocuri de noroc şi un call-center. Salariul său este de numai 300 de euro.

La serviciu, Diana trebuie să vorbească din Bucureşti cu clienţii din Italia ai firmei. Sunt cei care joacă sume impresionante pe internet, la poker sau cazino. Îi convinge pe gambleri să nu se supere, să nu facă scandal, să nu se sinucidă dacă pierd bani sau să revină pe site pentru o nouă partidă de poker. Deseori reuşeşte. În limbajul patronilor săi, asta se numeşte "calificativ foarte bun" şi cu el poate obţine chiar o mică mărire de salariu.

180 de secunde pentru fiecare "răvaş de client"

La ora 17.00 fix, Diana s-a aşezat în faţa calculatorului şi a luat primul mesaj de la primul client. După contul afişat de computer, îi scria Giuseppe din Milano. Italianul acuza că managerii site-ului îi discriminează pe cei care iau ecstasy. În plus, turbulentul voia înapoi banii pierduţi. Diana spune că omul "trişase" jocul electronic. Fata s-a prezentat politicoasă şi i-a răspuns pe internet că firma îi tratează egal pe toţi clienţii. Despre restituirea banilor, vor lua o decizie şefii ei. Diana a notat mărunt toată discuţia într-un "răvaş de client". E o obligaţie de serviciu. "Răvaşul", ca rezumat al conversaţiei online, urma să fie stocat în arhiva firmei de jocuri.

Între fiecare doi clienţi, Diana are alocate doar trei minute pentru a scrie un astfel de "răvaş".

"Am pierdut toţi banii!"

Nu a apucat să termine rezumatul discuţiei cu Giuseppe că pe monitor a apărut contul de client al lui Bernadino Gallo, un calabrez. Informaţiile arătau că italianul stătea pe site cu orele şi, de obicei, pierdea toţi banii. Urmau accese de furie pe site, care se spărgeau frecvent în capul operatorului de call-center. "Am pierdut toţi banii", i-a scris calabrezul în mesaj. Diana îi caută iar contul şi vede că numai azi a pierdut aproape 1.500 de euro. Diana a scăpat uşor. Italianul nu pare a avea gânduri negre, de sinucigaş.

Să joci un euro, să câştigi 50

Operatoarea s-a uitat la ceas, avea 60 de secunde ca să îi răspundă şi să scrie "răvaşul de client". "Ne pare rău pentru faptul că aţi pierdut la joc", a tastat ea. Urmau alţii.

I-a scris şi lui Fabrizio Maragnano, un sicilian din Palermo. "Fac foamea", i-a spus el. Jucase un euro la Bingo, câştigase 50 şi voia să ştie când îi vor fi viraţi banii. Pentru câştig, Fabrizio va plăti din cei 50 de euro impozit.

Pe aceste website-uri, conturile clienţilor vor fi transmise Administraţiei Fiscale din ţara lor. De exemplu, Fiscul Italian are evidenţa strictă a conturilor jucătorilor pe Internet încă de la începutul oricărui proiect din Ro mânia. Dacă un italian a câştigat 100 de euro la poker, Fiscul îi va reţine 15-20 de euro pentru bugetul public.

"Bună ziua! Sunt Diana şi ne pare rău pentru faptul că aţi pierdut la joc. Vă mai aşteptăm pe website-ul nostru de poker."
DIANA MĂRGINEANU, operator call-center

AJUTOARE

Psihologii şi avocaţii, angajaţi din oficiu

Înainte să se angajaze, operatorii de call-center trebuie să urmeze cursuri de formare. Acolo află, de la un professor italian, că sunt cam trei milioane de italieni dependenţi de poker, iar cel puţin 10 % dintre ei sunt consideraţi "clienţi problematici". Ei sunt cei care ameninţă cu sinuciderea, cu spânzurarea, otrăvirea angajaţilor sau aruncarea în aer a call-center-ului, dacă pierd banii sau dacă nu primesc rapid ce au câştigat la cazinoul electronic. Pentru ei, patronatul de la call-center angajează avocaţi şi psihologi, care să-i consilieze, fără însă a-i depărta de patima jocurilor de noroc. Ca în orice afacere, prezenţa lor pe site, fie că joacă un euro sau 10.000, este la fel de importantă.

"Clienţii problematici" sunt însă spaima operatorilor români, care se descurcă greu ca să îi liniştească dacă sunt agitaţi. De cele mai multe ori, aceştia sunt jigniţi şi ameninţaţi.

Sursa: EVZ

Sommaruga in Romania: gruppo di lavoro contro tratta delle donne

Roma: consulta femminile, a Velletri doppia violenza
Cronaca

Roma, 22 nov. (Adnkronos) - ''Solidarieta' alla vittima, ai giudici e alle forze dell'ordine, e condanna dell'indecoroso spettacolo avvenuto in aula di tribunale''. E' quanto espresso dalla Consulta Femminile per le Pari Opportunita' del Lazio, in relazione ''all'incivile e violenta rissa'' avvenuta nell'Aula del tribunale di Velletri, in cui si stava celebrando il processo contro tre giovani italiani accusati da una 16enne romena di violenza sessuale, e trasformata luogo di scontro tra i familiari degli imputati, il collegio giudicante e le forze dell'ordine.

''Ribadiamo il nostro no - dice la Presidente Donatina Persichetti - ad ogni forma di violenza e, in particolare, in quelle dove restano coinvolte le donne''. Lo stupro della ragazza romena di 16 anni, si ricostruisce nella nota, era avvenuto a Torvajanica nell'aprile del 2010 e l'altro giorno, alla sentenza di condanna a 8 anni e mezzo, una ventina di familiari di due dei tre imputati hanno prima minacciato i giudici, costretti a rinchiudersi all'interno della camera di consiglio, e poi hanno iniziato a sfasciare l'aula del tribunale, le vetrate, i mobili del pian terreno. Sei carabinieri sono rimasti feriti e un'auto delle forze dell'ordine danneggiata.

''I fatti si commenterebbero da soli - ha proseguito Persichetti - ma e' necessario indignarsi per evitare che violenze del genere restino in silenzio, ancor piu' a pochi giorni dalla 'Giornata Internazionale contro la violenza delle donne' del 25 novembre che la Consulta Femminile per le Pari Opportunita' del Lazio ricorda con la cerimonia di premiazione della quarta edizione del bando 'Mai piu' violenza: esci dal silenzio!' che si svolgera' il prossimo 28 novembre''.
22/11/2011

Fonte: Libero Quotidiano

Leggi anche:
Stupro Velletri: dopo la distruzione del Tribunale continuano le accuse e le giustificazioni
Emilia-Romagna: Donne, da gennaio a ottobre 2.256 nei centri anti violenza della regione

Martellate alla badante della madre arrestato un sessantenne a Trabia

La giovane romena aveva comunicato la sua intenzione di tornare in patria. Al culmine di una lite, l'uomo l'ha aggredita. Operata, la donna è in Rianimazione a Villa Sofia

Al culmine di un'accesa lite ha colpito a martellate la badante romena della madre. La giovane è in gravi condizioni, mentre l'aggressore è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio.

Francesco Gattuccio, 60 anni, che vive a Palermo, come ogni weekend era andato a Trabia, a casa della madre novantenne. Secondo le prime ricostruzioni, i rapporti tra la badante, 25 anni, e l'aggressore erano tesi da tempo. Gattuccio non condivideva le abitudini della romena e criticava il modo in cui accudiva sua madre. Le discussioni tra i due erano frequentissime.

Negli ultimi giorni la giovane aveva comunicato la decisione di tornare nel suo paese. La notizia non sarebbe stata gradita dall'uomo che ha avuto l'ennesima lite con la romena. Gattuccio sarebbe entrato nella stanza in cui la giovane dormiva con la madre per prendere una medicina. La donna avrebbe reagito male. Al culmine della lite lui ha afferrato un martello e l'ha aggredita. La badante, soccorsa dagli operatori del 118, è stata portata all'ospedale Villa Sofia di Palermo con un trauma cranico. Operata, adesso è ricoverata in Rianimazione: le sue condizioni sono gravi, la prognosi è riservata.
20 novembre 2011

Fonte: La Repubblica

L'ex sindaco Fumagalli in aula. A Varese è il giorno della verità

VARESE
Per Aldo Fumagalli è il giorno della verità: l'ex sindaco di Varese, costretto alle dimissioni nel ottobre del 2005, è chiamato oggi in tribunale a difendersi dalle accuse di peculato e concussione che gli muove il pm Agostino Abate.

Riguardano il disinvolto utilizzo dell'auto blu e di un appartamento del Comune in via Vetta d'Italia, destinato ai profughi e nel quale l'ex primo cittadino volle a tutti i costi piazzare due sue favorite, rumene, ai tempi dunque, (tra ottobre e novembre 2002), cittadine non comunitarie, Nicoletta Ramona Raduly e Adrian Tripon.

La concussione riguarda le pressioni esercitate sulla presidente della cooperativa SetteLaghi, Augusta Lena (parte civile nel processo), perché assumesse Emilia Carling, cittadina rumena, Edith Elizabeta Szabo, cittadina rumena priva di regolare permesso di soggiorno per la quale nel febbraio 2004 l'imputato consegnava a Lena la fotocopia del passaporto; Annamaria Apostu, cittadina rumena priva di regolare permesso di soggiorno della quale ancora Fumagalli consegnava a Augusta Lena nel febbraio 2004 i dati anagrafici, assunzioni non realizzatesi per la mancanza dei presupposti di legge.
Così l'accusa. Difeso dagli avvocati Cesare Cicorella e Giancarlo Beraldo, Fumagalli dovrà giustificare i suoi frequenti in compagnia di giovani ragazze. Tra i testi anche ex assessori, come William Malnati, Alessio Nicoletti e Roberto Puricelli.
24 novembre 2011

Fonte: La Provincia di Varese

Bologna, scontro tra auto guidata da rumeno e scooter: muore vigile urbano

Bologna, 21 nov. – Un agente del Corpo di Polizia Municipale di Bologna, Gianluca Ferrari, 42 anni, residente a Bologna, e’ morto questa mattina a seguito di un incidente stradale avvenuto alle ore 7.28 in via Marzabotto, nei pressi di via Baracca.

L’uomo si stava recando in scooter al lavoro, quando si e’ scontrato – per cause ancora in corso d’accertamento – con un’auto guidata da L.C., 43 anni, di nazionalita’ rumena, residente a Sala Bolognese. Trasportato al Maggiore, l’uomo e’ deceduto poco dopo.

Sul posto, i rilievi sono stati eseguiti dalla Polizia Stradale. Cordoglio per la morte del giovane agente e’ stata espressa dal Comandante dei vigili, Carlo Di Palma che ha voluto ricordarlo “per le sua grande generosita’, il suo impegno, la sua correttezza professionale e l’entusiasmo che caratterizzava il suo lavoro al servizio del cittadino”.

Fonte: Imola Oggi

Rumena uccisa da un treno tre anni fa, le indagini proseguiranno

Nessuna archiviazione. Lo ha deciso il Gip Maria Rosaria Di Girolamo

Non sara' archiviata ma dovra' proseguire con ulteriori indagini l'inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro relativa alla morte di Ilenia Sander, rumena di 51 anni, deceduta nel pomeriggio del giorno di Santo Stefano del 2008 dopo essere stata investita da un treno, all'altezza di Simeri Crichi (Catanzaro). Il giudice per le indagini preliminari Maria Rosaria Di Girolamo, infatti, ha accolto oggi la richiesta degli avvocati Domenico Chianese e Vincenzo Bianco, che rappresentano i familiari della vittima, i quali si sono opposti alla richiesta di archiviazione avanzata dal sostituto procuratore Alessia Miele. Gli avvocati hanno sostenuto con insistenza che la signora Sander perse la vita a causa del fatto che l'attraversamento dei binari che utilizzo' era incustodito, e la conseguente necessita' di verificare ulteriormente se esistano ed in capo a chi responsabilita' per tale trascuratezza. Proprio il fatto di aver tentato di oltrepassare i binari accedendo ad un passaggio a livello dimesso sarebbe stato all'origine della tragedia, secondo la ricostruzione dei fatti operata nell'immediatezza dei fatti. La Sander, che lavorava in Italia come badante, quel pomeriggio del 26 dicembre attorno alle 18.30 avrebbe provato ad attraversare le rotaie, in localita' "Homo morto" a Simeri Crichi, all'altezza di quell'attraversamento incustodito, senza accorgersi che sopraggiungeva un treno partito da Catanzaro Lido e diretto a Crotone che la travolse trascinandola per diversi chilometri. Solo alla stazione successiva il conducente verifico' cosa potesse essere stato il rumore che aveva avvertito in precedenza, facendo la macabra scoperta dei pochi resti della donna rimasti agganciati alla motrice.
Giovedì 24 Novembre 2011

Fonte: Catanzaro Informa

domenica 27 novembre 2011

Lezione aperta su George Enescu per gli studenti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma‏

Comunicato Stampa - Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

Lezione aperta su George Enescu per gli studenti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma

Martedì, 29 novembre 2011, dalle ore 15:00, presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma (Via dei Greci 18) si terrà una lezione aperta per gli studenti che frequentano la prestigiosa istituzione romana.

La lezione aperta sarà sostenuta dalla Dott.ssa Laura Manolache, direttrice del Museo Nazionale “George Enescu” di Bucarest, dal Dott. Mihai Constantinescu, direttore del Festival Internazionale George Enescu di Bucarest e dalla Dott.ssa Alexandra Șolea, rappresentante del Festival Internazionale George Enescu in Italia.

L’evento fa parte della tournée “George Enescu in Italia”, organizzata dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest.

L’organizzazione della lezione aperta ha lo scopo di presentare e promuovere la vita e l’opera del più grande musicista romeno tra gli studenti italiani del campo musicale che seguono i conservatori delle quattro città dove si è svolta la tournée (Venezia, Verona, Torino e Roma). In tale occasione, sarà presentata l’edizione 2013 del Festival e Concorso Internazionale George Enescu di Bucarest, affinché gli studenti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma possano inscriversi al Concorso Internazionale “George Enescu” di Bucarest.

Coordinatore progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

A Palermo la commemorazione di Nicolae Balcescu

ORDO SUPREMUS MILITARIS TEMPLI HIEROSOLYMITANI – O.S.M.T.H.
ORDINE DEI CAVALIERI DEL TEMPIO DI HIERUSALEM
Gran priorato d’italia
Membro consultivo accreditato ONU – Membro IPB Ginevra
Membro Agenzia Europea FRA - ONG - Fondatore OSMTH
commenda di Nostra SIGNORA del Tempio PALERMO
COMMENDA KAROLUS MAGNUS BUCAREST
ACCADEMIA TEMPLARE - TEMPLAR ACADEMY
CAVALIERI TEMPLARI ONLUS

Programma di massima per i festeggiamenti del 150° dell'Unità d'Italia;
Ricordo del Conte Cammillo Benso di Cavour (1810 - 1861)
Ricordo di Nicolae Bălcescu (1819 — 1852)

Giorno 29 Novembre 2011
Arrivo a Palermo della comunità rumena, invitati e delegazioni;
h. 21,00 Cattedrale di Monreale. Settimana internazionale della musica sacra. Arie eseguite dal Cavaliere ad honorem dell'Ordine: Mezzo soprano e compositrice Teresa NICOLETTI;

Giorno 30 Novembre 2011
Giornata a disposizione per la visita della città e dei luoghi storici. Deposizione dei fiori sulla tomba di Nicolae Balcescu.

Giorno 1 Dicembre 2011
h. 10,00 Deposizione di corone di fiori sul luogo di morte di Nicolae Balcescu, commemorazione, Via Butera 22/26;
h. 16,30 Chiesa Ortodossa Rumena. SS Messa. Festeggiamenti per la festa Nazionale della Romania.
h. 18,00 Scambio di presenti alla comunità e kit scolastici ai bambini. (con il contributo della Commenda di Bagheria)
h. 20,00 Agape fraterna con la comunità e ospiti.

Giorno 2 Dicembre 2011
h. 10,00 La delegazione incontra le autorità della città. Presidente Provincia
h. 15,30 Convegno: Cavour e Balcescu: due cuori; due nazioni; un solo ideale.
Luogo: Chiesa Sant'Antonio Abate complesso dello Steri, sede dell'Università di Palermo.
Organizzato dall'Accademia Templare - Templar Accademy.
Relatori:
Accademia Storica Nazionale di Bucarest; Prof. Claudio PATERNA; Prof.sa Maria Pasqua FUMERA; Prof.sa Gabriella PORTALONE e Prof. Ninni GIUFFRIDA, dott. Michel TARLOWSKI.
Introduce Ing. Filippo GRAMMAUTA. Modera Dott. Domenico CALLEA.
Evento Patrocinato: dall'Università di Palermo; dalla Provincia Regionale di Palermo; dal Consiglio Provinciale di Palermo; dalla Fondazione Giuseppe e Marzio TRICOLI; fondazione Siciliana Storia Patria.
Festeggiamenti dell'Unità d'Italia e festeggiamenti dell'Unità della Romania.
h. 18,30 Capitolo Rituale cerimoniale Chiesa Sant'Antonio Abate del complesso dello Steri. h.
h. 21,00 Cena di gala.

Giorno 3 Dicembre 2011
Partenza delegazione.
-------------------------------------------------------------------------

I 150 anni dell'Unita' d'Italia festeggiati dall'Ordine dei Templari
In primo piano le "Commende" di Bagheria, Palermo e Bucarest

Comunicato Stampa - Le Commende di Bagheria e di Palermo, gemellata con la Commenda rumena Karulus Magnus di Bucarest, unitamente al Balivato di Sicilia; all'Accademia di Studi Templari di Roma; alla Cavalieri Templari ONLUS ed all'Accademia di Bucarest; ha programmato dal 29 Novembre al 2 Dicembre p.v., una serie di incontri e manifestazioni che si inquadrano nella ricorrenza e festeggiamento del 150° anniversario dell'Unita' d'Italia.

In particolare verra' commemorato il conte Camillo Benso di Cavour, figura importantissima sia per l'Italia che la Romania, e, l'eroe nazionale rumeno Nicolae Balcescu, morto in esilio a Palermo. Entrambe le figure perorarono la causa di indipendenza dell'Italia e della Romania, Cadetti rumeni combatterono nel regio esercito sabaudo ed al fianco di Garibaldi.
Per Cavour , porre la questione rumena fu il mezzo attraverso il quale , non solo dimostrare la sua personale amicizia con i patrioti rumeni molti dei quali avevano trovato rifugio e ascolto presso la capitale sabauda, ma anche di parlare dei problemi italiani facendo leva sulla questione delle nazionalita'.

L'11 settembre 1851 il comitato rivoluzionario rumeno, organizzato a Parigi da Nicolae Balcescu e da C A. Rosetti, accolse la proposta avanzata da Mazzini, Darasz e da Arnold Ruge, con la quale si invitavano i rumeni a proseguire la lotta per l'indipendenza del loro paese. La questione nazionale divenne cosi' centrale per i patrioti rumeni che cercavano da un lato di opporsi all'impero austriaco e dall'altro di lottare contro le decisioni delle potenze europee.

L'incontro, ed i festeggiamenti in comune, vogliono esaltare la collaborazione che hanno spinto tutte le Nazioni Europee al sostegno dei propri ideali per la liberta' e la propria indipendenza, in un'Europa pre unitaria dove era comunque forte l'idea di mutuo soccorso, contrapponendosi alle idee odierne di federalismi ed indipendenze locali. [...]

Fonte: Il Settimanale di Bagheria

«Sono un rumeno in teatro e presto anche al cinema»

ALESSANDRO GASSMAN
26/11/2011

Alessandro Gassman in «Roman e il suo cucciolo», al Grande Teatro di Verona

Dalla comunità latina di New York ad una periferia urbana in Italia, la storia di Cuba and his Teddy Bear di Reinaldo Povod torna in teatro a 25 anni dalla magistrale interpretazione di Robert De Niro a Broadway.
E lo fa con Alessandro Gassman, protagonista e regista di Roman e il suo cucciolo, nell'adattamento di Edoardo Erba, che sarà in scena al Nuovo per il Grande Teatro da martedì 29 novembre a domenica 4 dicembre. Un allestimento di grande impatto drammatico, forte di oltre 200 repliche e del Premio Ubu 2010 come miglior spettacolo e per il miglior attore under 30 (a Giovanni Anzaldo, Cucciolo).
Per Gassman ancora un testo contemporaneo, dopo La forza dell'abitudine di Bernhard e La parola ai giurati di Reginald Rose (pure al Grande Teatro tre stagioni fa).

Cosa l'ha colpita di questo testo?
Dopo La parola ai giurati, che parlava della pena di morte, avevo bisogno di trovare un altro testo che mi coinvolgesse emotivamente altrettanto, e avesse anche un tema sociale. Qui si parla di stranieri nel nostro paese, ma anche del degrado di certe nostre periferie, dove convivono diverse nazionalità, dove tutti stanno male e si comportano male. E mi interessava capire quante possibilità hanno i ragazzi figli di stranieri ma nati o cresciuti qui, di togliersi da quel degrado.

Come ha fatto a «diventare» un rumeno, come si è preparato al ruolo?
Ho lavorato sull'osservazione e non era difficile visto che i rumeni sono gli stranieri più numerosi in Italia, un milione e 400mila, e imparano l'italiano facilmente mantenendo quel loro accento. E ho cercato del personaggio il suo cuore, tutti ce l'abbiamo in fondo un cuore, il suo è molto molto in fondo.

Ci vedo dentro la tragedia greca in questo testo.
Sicuramente. È un melodramma moderno, con personaggi tragici al punto che possono anche far ridere in certi momenti. Il pubblico ride, ma soprattutto si commuove, perché si parla del rapporto difficile tra un padre e un figlio e della droga, questo teatro tocca corde sensibili.

Una storia che sembra fatta apposta per il cinema.
Infatti diventerà un film, prodotto da Rai Cinema. È ormai ufficiale che inizieremo le riprese nel marzo 2012 a Latina. È la pianura pontina, piatta, mi serviva uno spazio senza orizzonti.

Lei dall'anno scorso è anche direttore artistico dello Stabile del Veneto e prima lo era di quello dell'Abruzzo. Non è un ruolo ingrato in tempi di crisi e di tagli allo spettacolo?
Semmai è una sfida. Sono molto contento di lavorare in Veneto, una terra che insieme a Napoli ha dato moltissimo al teatro. Seguendo le mie indicazioni abbiamo lavorato per incrementare il pubblico, che in due stagioni è aumentato del 30%, e soprattutto per ringiovanirlo. La ricetta? Testi adatti ai giovani, che abbiano qualcosa da dire anche a loro, come questo Roman e il suo cucciolo. Le proposte giuste fanno più degli sconti sui biglietti, che comunque pratichiamo.

Lei recentemente ha aggiunto la «n» al suo cognome, tornando al vero nome della sua famiglia, Gassmann. Ci spiega perché?
«La enne era stata tolta da mio padre durante la guerra, per modificare un nome ebreo in tempi di persecuzioni. Ora, in un periodo di razzismi e paure che crescono nel mondo e anche qui, ho pensato fosse giusta, simbolica, questa scelta, per dare un segnale forte. C'è tanto bisogno di segnali forti.
Daniela Bruna Adami

Fonte: L'Arena

sabato 26 novembre 2011

Romeni e albanesi festeggiano insieme con canti, balli e poesie

Associazione Madre Teresa Ravenna & Associazione Romania Mare

Vi invitano a festeggiare insieme

LA FESTA NAZIONALE DELLA ROMANIA & LA FESTA DELL’INDIPENDENZA DELL’ALBANIA

IL 26 E 27 NOVEMBRE 2011

Il programma prevede:
sabato 26 novembre alle ore 17.30
partita di calcetto tra le squadre romena e albanese
al Centro sportivo Trieste, via Tommaso Gulli 140, Ravenna

domenica 27 novembre alle ore 14.30
poesie e balli folcloristici romeni e albanesi
al centro interculturale Valtorto, Via Faentina 216, Fornace Zarattini

Interverranno
Martina Monti, assessore all’Immigrazione Comune di Ravenna
Ilario Farabegoli, ex assessore all’Immigrazione Comune di Ravenna
Arijon Abdyli, presidente Associazione Madre Teresa Ravenna
Marinella Ciochina, presidente Associazione Romania Mare

Parteciperanno
Liliana Picari, presidente Associazione Integriamoci Insieme
Anteo Malvasio, presidente Associazione Agimi

Per informazioni: Marinella Ciochina 3939169427
 ------------------------------------------------------------

COMUNICATO STAMPA

Sabato 26 e domenica 27 novembre le Associazioni Madre Teresa Ravenna e Romania Mare organizzano due giorni di eventi per festeggiare insieme la Festa di indipendenza dellʼAlbania che ricorre il 28 di novembre e la Festa nazionale della Romania che ricorre invece il primo dicembre.
Il programma prevede per sabato una partita di calcetto tra le squadre romena e albanese alle 17.30 al Centro sportivo Trieste di via Tommaso Gulli 140. Domenica invece sarà dedicata ai balli folcloristici, ai canti e alle poesie dei rispettivi Paesi. Lʼappuntamento è alle 14.30 al centro interculturale Valtorto di via Faentina 216. Parteciperanno lʼassessore comunale allʼImmigrazione Martina Monti, lʼex assessore comunale allʼImmigrazione Ilario Farabegoli, il presidente dellʼassociazione Agimi Anteo Malvasio e la presidentessa dellʼassociazione Integriamoci Insieme Liliana Picari.
“Abbiamo deciso di festeggiare insieme per rimarcare il grande rapporto di collaborazione, fratellanza e convivenza che esiste oggi tra le nostre due comunità - dichiarano Arijon Abdyli, presidente dellʼAssociazione Madre Teresa Ravenna e Marinela Ciochina, presidente dellʼAssociazione Romania Mare -. Invitiamo i ravennati a partecipare domenica alla nostra festa, sarebbe unʼoccasione per conoscere meglio un pezzo della nostra storia”.
Il 28 novembre lʼAlbania festeggia il 99esimo anniversario dellʼindipendenza dallʼImpero Ottomano e la fine di un lungo periodo di guerre per la difesa dei propri territori e di quelli europei. La festa nazionale romena celebra invece la nascita dello Stato nazionale romeno moderno con lʼunione della Bessarabia, la Bucovina e la Transilvania alla Romania.
Ravenna, 22 novembre 2011

Una chiesa cattolica per i fratelli ortodossi

La chiesa cattolica di San Fiorenzo a Perugia diventa la sede della la parrocchia ortodossa romena di San Sava. Domenica si inaugura con il Vescovo Span

Una chiesa cattolica per i fratelli ortodossi
Quando è stato eletto papa il cardinale Ratzinger, con il nome di Benedetto XVI, in uno dei primi discorsi affermò che avrebbe continuato l’opera dei predecessori e del Concilio in ambito ecumenico, considerato un cammino irreversibile e prioritario, ma con una sottolineatura: avrebbe fatto gesti concreti e non semplicemente dialoghi o dichiarazioni.
Da allora questi gesti concreti si sono moltiplcati nella periferia della chiesa cattolica e anche da noi in Umbria, nelle varie diocesi, sono stati compiuti gesti di accoglienza e offerte di collaborazione con comunità di varie confessioni cristiane.
Un campo privilegiato di questa azione concreta è stato quello delle relazioni con i cristiani della Chiesa ortodossa dei vari Patriarcati, in considerazione del fatto che, tra l’altro, gli immigrati che vengono in Italia per lavoro sono per la maggior parte di confessione cristiana ortodossa. Edifici sacri prima adibiti al culto cattolico romano sono stati affidati a comunità ortodosse per loro celbrazioni liturgiche.

L’ultima ad essere consegnata ad una parrocchia ortodossa romena è la chiesa di San Fiorenzo a Perugia. L’interesse di questa assegnazione e la sua importanza risiede nel fatto che si tratta di una Chiesa importante del centro storico di questa città che per la prima volta nella sua secolare storia vede il suo tessuto civico culturale definirsi come pluralistico. Sono stati presenti anche prima culti di comunità cristiane non cattoliche, ma in periferia e in maniera quasi sommessa. Ora accanto alle campane della chiesa del Gesù, della Cattedrale, di san Domenico e di san Pietro, risuoneranno anche le campane di san Fiorenzo per le celebrazioni ortodosse bizantine della parrocchia intitolata al martire san Sava di Buzau. I suoni formeranno un concerto molto suggestivo e di buon auspicio per la concordia e l’armonia delle diverse comunità unite nella stessa fede cristiana, anche se non ancora in piena e perfetta comunione.

“San Fiorenzo è anche un nostro santo perché morto nel 250 dopo Cristo quando ancora la Chiesa era unita” dice Ionut Radu, il parroco, che racconta come i fedeli romeni abbiano preso a cuore questo martire del quale, peraltro, nella chiesa che è stata loro affidata riposano le spoglie mortali. Un fatto importante perché, spiega, “da noi è piuttosto raro trovare in una chiesa il corpo intero di un martire”.
Per l’inaugurazione ufficiale della parrocchia ortodossa di San Sava verrà il vescovo della Diocesi ortodossa romena d’Italia mons. Siluan Span, e sarà una festa per tutta la numerosa comunità romena (circa 28mila persone) che vive nella provincia di Perugia. Alla liturgia domenicale partecipano in media circa 200 persone ma nelle solennità come la Pasqua si raccolgono alcune migliaia di fedeli e neppure San Fiorenzo potrà accoglierli. La parrocchia ha consentito, però di attivare attività pastorali per i ragazzi e per gli adulti (hanno formato un coro) anche se, con loro non è facile perché la maggior parte lavorano.
Padre Ionut è particolarmente orgoglioso del lavoro fatto per la mostra, interamente realizzata da loro scegliendo tra oltre 500 immagini di fotografi romeni. Gli stessi pannelli sono realizzati con legno di abete, che nella tradizione romena è l’albero della vita, fatto venire dalla Romania. La mostra sarà portata in giro per l’italia per far conoscere la bellezza e la ricchezza delle tradizioni e dell’ambiente di questo Paese ora non più così lontano.
Lunedì, al Centro ecumenico, non solo si parlerà dei canti natalizi tradizionali, “i più antichi che si conoscono e che sono ancora sono eseguiti dal popolo” fa notare padre Radu, ma si potranno ascoltare dalle voci del coro romeno.

Appuntamenti

SABATO 26, ore 16, Museo del duomo di Perugia (Museo capitolare), inaugurazione mostra fotografica di Corneliu-Tudor Manolache “Romania, immagini dall’anima al sogno” alla presenza dell’Ambasciatore di Romania presso la SAnta Sede Bogdan Tataru-Cazaban, l’arcivescovo mons. Gualtiero Bassetti e il vescovo della diocesi ortodossa Romena d’Italia mons. Siluan Span.
DOMENICA 27, ore 9.30, chiesa San Fiorenzo, apertura del nuovo luogo di culto della comunità ortodossa romena di Perugia con liturgia presieduta da mons. Siluan Span, vescovo della diocesi Ortodossa Romena d’Italia.
LUNEDÌ 28, ore 18, Centro ecumenico San Martino, “Studio e approfondimenti sulle tradizioni natalize romene”: “Canti natalizi (colinde) in Romania. Rilevazioni etnomusicologiche nel delta del Danubio (Sf. Gheorghe) e nel distretto di Cluj (Hasdate)”. Relatori Giancarlo Palombini e Georgeta Stoica (Università degli studi di Perugia, dipartimento Uomo e territorio, sezione Antropologica). “Canti natalizi (colinde) nella spiritualità romena”. Relatore p. Hrisostom Radasanu, responsabile per l’Istruzione e la cultura della Metropolia di Moldavia e Bucovina.

Maria Rita Valli

Fonte: La Voce

Europei per l’Italia: verso le elezioni comunali di Genova 2012

Sabato 26 Novembre alle ore 18 presso Centro Eventi Genova Bi.Bi Service – Via XX Settembre 41/3 piano ( L’Ultimo portone di Via XX Settembre verso Piazza De Ferrari, sulla destra).
Il movimento “Europei per l’Italia” nato con l’obbiettivo di promuovere, tra i cittadini comunitari, una cultura della partecipazione democratica alla vita delle singole realtà locali, promuove un incontro aperto a tutta la cittadina in vista delle ormai prossime elezioni comunali di Genova 2012. Il Movimento, che si batte anche da sempre per una reale immagine dei cittadini comunitari, oltre ogni facile stereotipo, è da sempre portatore della convinzione che solo attraverso la partecipazione – anche elettorale – dei cittadini comunitari alle elezioni locali si può non solo facilitare l’integrazione ma costruire una nuova comunità , fatta dalla sintesi tra i vecchi e i nuovi arrivati.
Nel caso del capoluogo Ligure, occorre riscoprire la tradizionale apertura della città all’altro e far diventare Genova una vera Capitale Europea.

www.europeiperlitalia.it
info@europeiperlitalia.it
Tel: 347 41 66 068

Borsa di studio "Giuseppe Sironi" allo studente romeno Adrian Alexandru Barbu


Fauser: borsa di studio al miglior studente straniero

Consegnata sabato 19 novembre la borsa di studio "Giuseppe Sironi", istituita dal Centro Studi Novaria 2000 e dedicata allo studente straniero più meritevole tra gli iscritti all'Istituto Tecnico Industriale Fauser di Novara.

Il contributo economico è intitolato a Sironi, chimico di fama internazionale con più di 80 brevetti, a cui la scuola novarese aveva già intitolato il Dipartimento di Chimica dell'Istituto.

Per l'anno scolastico 2010-2011, la commissione di valutazione ha assegnato la borsa di studio allo studente rumeno Adrian Alexandru Barbu. La cerimonia di consegna del premio è stata alle ore 11,15 del 19 novembre presso l'aula magna dell'Itis Fauser. Presenti i compagni di classe del giovane studente, gli studenti del biennio dell'Istituto, la famiglia Sironi, i rappresentanti del Centro Studi Novaria 2000, il preside della scuola Ing. Paolo D'Errico e la professoressa Rossella Pazzini, in rappresentanza del Dipartimento di Chimica.

Fonte: Novara Today

Intervista a Irina Serban, scrittrice di origini rumene

CARA ITALIA … Epistolario alla nazione per il suo 150° Anniversario (1861 – 2011) . L’elegante cerimonia di chiusura del concorso Cara Italia …, segnata dalla presenza di Monica Palozzi, carismatica e impeccabile padrona di casa, che ha fortemente voluto agitare un tema attualissimo, ha visto la partecipazione di molti ospiti e concorrenti, compresa di Irina Serban che lo ha vinto. Come la stessa Monica Palozzi chiarisce: La lettera che Irina ha indirizzato all’Italia è una lettera di impostazione surrealistica, in cui lo scrivente della stessa è il destino. In essa si ripercorre -senza giudicare- il corso storico dell’Italia, risalendo dall’epoca imperiale romana sino ai nostri giorni.

E’ sottolineato in essa, dall’ultima frase “Sappi che continuerò ad osservarti e ogni tanto a visitarti”, il concetto di un determinismo che governa l’universo. Ed è, forse, proprio questa concezione che anima il mondo, ciò che ha spinto la Giuria del concorso a optare per la scelta della lettera di Irina Serban.
Chi volesse leggere la lettera di Irina, può consultare la pagina fb di Pragmata, dove appare in nota o acquistare il libro “Cara Italia…”.

Il contributo di Irina Serban si può leggere qui:
http://it-it.facebook.com/pages/Pragmata/64481330247?sk=app_2373072738

Si possono vedere foto, rassegna stampa e molto altro connesso all’evento qui: http://www.pragmata.info/Cara%20Italia.htm
L’INTERVISTA
D – Che effetto fa vedere la copertina di Cara Italia …?

R – Tornare a casa dopo molto tempo e vedere da lontano le piccole luci della città, poi da più vicino quelle del quartiere dove abiti, poi a due passi da te una finestra illuminata e una madre ansiosa nascosta dietro le tende, ti fa sentire tranquillo e in pace con tutto il mondo. È questo l’effetto che mi fa la copertina del libro, di un Italia accesa come il focolare di una casa in attesa dei suoi cari.

D – Quando nascono l’interesse per la cultura e la passione per la scrittura?

R – Un mostro sacro come Hemingway direbbe ironicamente che tra una caccia e una donna nasce l’interesse per la cultura e la passione per la scrittura. Io che non sono nemmeno un mostriciattolo mi permetto una risposta più modesta: il desiderio di scrivere l’ho portato con me dalla Romania ma l’ho abbandonato all’arrivo in Italia. Scrivere in romeno non mi riusciva più e scrivere in italiano non mi riusciva affatto. Ho ripreso un paio di anni fa.

D – E come è venuta la voglia di partecipare a un concorso letterario in Italia?

R – Scrivere è come uno sport. Lo faccio perché sento il bisogno e il desiderio urgente di affidare alla pagina bianca qualche pezzettino della realtà visto in modo diverso. Partecipare ai concorsi è forse un desiderio di condividere.

D – Ci parli del tuo contributo a Cara Italia …?

R – È un contributo che probabilmente ha delle ingenuità e una certa sensibilità. Ho cercato di essere originale senza però tralasciare l’aspetto umano.

D – Altre tue opere?

R – Non ho pubblicato nessun libro, ma mi piacerebbe. Ho soltanto piccoli testi in prosa, alcuni vincenti altri no e altri in attesa di essere valutati in diversi concorsi. Variano: dall’ironia alla semplicità, dal romanticismo all’astratto, non perché faccia sperimenti letterari, ma perché ogni personaggio che ho in mente è diverso.

D – Da quanto tempo vivi sulla Penisola? Come ci sei giunta? E prima?

R – Sono arrivata in Italia nel 2002, il 6 gennaio per l’esattezza, assieme a mia madre e mio fratello. Mio padre ci aspettava da tre anni e aveva le idee molto chiare su quello che avremmo fatto mio fratello e io: ragionieri. Mio fratello ci è riuscito, ma io provenivo da un liceo psico-pedagogico e ho continuato il percorso. Avete mai visto una insegnante straniera? Nemmeno io! In Romania studiavo, uscivo con gli amici, collaboravo col giornale locale ed ero innamorata.

D – Nella pagina facebook di Pragmata-Monica Palozzi (http://it-it.facebook.com/pages/Pragmata/64481330247 ), abbiamo notato che sei seguita sia da connazionali che da italiani: c’è differenza? E tra gli italiani e i rumeni c’è differenza nell’approccio verso la letteratura?
R – “Connazionali” ??? Ho visto solo una! Alla cerimonia di Roma ho conosciuto una ragazza romena invitata da Monica. Lei è l’unica che mi segue su face e credo di sapere il perché: come romena che vive in Italia s’identifica con il successo di una delle sue connazionali. Non posso che essere felice per questa sua piccola gioia che le ho regalato. Per quanto riguarda gli italiani e la letteratura, l’approccio è diverso. La gente si lamenta spesso che qui si leggono, e ancora meno si comprano, pochi libri, ma almeno qui si scrive. In Romania la gente è talmente impoverita e preoccupata per il domani che il tempo dedicato alla cultura è quasi inesistente.

D – Ci fai almeno un nome di un autore rumeno che apprezzi? Perché?

R – Mircea Eliade. È un autore del ‘900 e credo che S. King sarebbe invidioso delle sue opere. Eliade ha un talento straordinario nel far passare al lettore cose straordinarie per poi ributtarlo nel suo mondo. Qualche sua opera mi pare sia stata tradotta anche in italiano.
D – Ce ne dici uno italiano? Perché?

R – Leonardo Sciascia. Il suo modo di scrivere è geniale e mi sarebbe piaciuto conoscerlo, magari averlo come maestro. Tuttavia, ammetto che non sempre riesco a capire dove vuole parare. Il giorno in cui riuscirò a leggere uno dei suoi libri senza fare ricerche in internet mi considererò una vera scrittrice. Se devo scegliere anche uno scrittore attuale scelgo Massimo Manfredi. È uno di quei scrittori ai quali invidio la chiarezza delle idee esposte.
D – Progetti per il futuro?

R – Sogni più che progetti. Collaborare con delle riviste, pubblicare un libro, due, tre, aprire una cartoleria… basteranno 100 anni?

di Alessia e Michela Orlando

Fonte: ZaZoom

PD italiano e PSD romeno: siglato importante protocollo segno di integrazione compiuta

Lo hanno dichiarato Marco Miccoli ed Eugenio Patanè nella conferenza stampa del 18 novembre 2011.

"Un importante protocollo di intesa che consentirà ai cittadini romeni residenti a Roma di collaborare con il PD nell'ottica di politiche di integrazione sempre più coinvolgenti e partecipative. - hanno dichiarato il segretario del PD Roma, Marco Miccoli e il presidente del PD Roma, Eugenio Patanè nel corso della conferenza stampa tenutasi oggi 18 novembre 2011 a margine della stipula dell'accordo di collaborazione tra il Partito Democratico di Roma ed il Partito Social Democrat (PSD) di Roma.
"Abbiamo superato con il lavoro - hanno detto - il tema della paura che venne instillato nel corso della campagna elettorale da Alemanno, parlando soprattutto di opportunità, possibilità, coesione. Ora si apre una stagione nuova fatta di conseguimento di diritti a seguito di una integrazione compiuta. Con il PSD Romeno collaboreremo a fondo con l'obiettivo di far partecipare alla vita politica cittadini romeni nelle nostre fila fino a conseguire il risultato di un'elezione presso le assemblee capitoline."

L’accordo stipulato, che si inquadra nei rapporti di amicizia e collaborazione fra i due Paesi e sull’appartenenza di entrambi i Partiti al Gruppo Parlamentare Europeo S&D, discende da analoga intesa siglata nel gennaio 2011 dal Segretario PD Pierluigi Bersani e dal Segretario PSD Victor Ponta.
Alla firma dell’accordo, che prevede il coinvolgimento dei cittadini romeni nella vita sociale e politica del Partito in particolare sui temi del lavoro, del sociale, della scuola, dell’integrazione e della sicurezza, hanno partecipato, insieme a Miccoli e Patanè, il Presidente del PSD Roma, Florin Tataru Gheorghe e il Segretario del PSD Roma, Ene Crina.
Presenti anche il deputato romeno Cristian Rizea, il deputato del PD On.Guido Melis, la responsabile della Politiche Sociali del PD Roma, Emanuela Droghei, il responsabile del Forum Immigrazione del PD Roma, Sergio Gaudio, il responsabile della Comunicazione Gianluca Santilli.

Folta la partecipazione di cittadini romeni che hanno assistito con entusiasmo alla stipula dell'accordo bilaterale. Gli incontri ora si intensificheranno poichè in numerosi circoli della Capitale i cittadini romeni potranno iscriversi e partecipare alla vita politica sul territorio.
Per gennaio è prevista la partenza di un corso di formazione politica per stranieri curato dal PD Roma e dal Forum Immigrazione del PD.

Fonte: Abitare a Roma

Napolitano: «È una follia che i figli di immigrati nati in Italia non siano cittadini»

Al Quirinale l'incontro con la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia
Il Capo dello Stato:«Così si acquisiscono anche nuove energie»

MILANO- Dal confronto politico all'immigrazione. Giorgio Napolitano al Quirinale torna a parlare della situazione italiana. Ma allarga anche alle altre problematiche. Per il Capo dello Stato ora c'è «la possibilità di fare in Parlamento quello che non si è potuto fare negli anni passati». Certo, il mare è ancora «un po' mosso ma credo ci siano maggiori possibilità di dialogo e confronto fra gli schieramenti». Certo che «avremo le condizioni per una maggiore obiettività e costruttività»

L'IMMIGRAZIONE- Ed è proprio sulla scia del dialogo che Napolitano coglie l'occasione di parlare anche di diritti degli immigrati durante l'incontro con la federazione delle chiese evangeliche in Italia. Riprende il discorso fatto solo una settimana fa quando al Colle ha ricevuto una rappresentanza dei "nuovi cittadini italiani". «Mi auguro che in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un'autentica follia, un'assurdità. I bambini hanno questa aspirazione». Napolitano ha auspicato che tale iniziativa dovrebbe rientrare nella consapevolezza della necessità di «acquisire anche nuove energie in una società per molti versi invecchiata se non sclerotizzata». E la nomina di Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant'Egidio, a ministro della Cooperazione internazionale e dell'integrazione sociale segnala «la possibilità di riprendere le politiche di integrazione che hanno uno sviluppo ormai lontano».

LE REAZIONI- «Le parole di Napolitano spronino il Parlamento a riprendere l'esame delle proposte di legge sui nuovi italiani. Non è un tema che può essere rinviato alla prossima legislatura», afferma Flavia Perina, deputata di Futuro e Libertà. Di tuttaltro avviso Mario Borghezio, eurodeputato della Lega: «Il presidente della Repubblica non deve permettersi di imporre, contro la nostra tradizione giuridica millenaria, lo ius soli sul ius sanguinis, stravolgendo così il nostro diritto». Gli fa eco il collega Matteo Salvini: «Le priorità per gli italiani e per i padani in particolare (che è una follia negare che esistono!) non sono nè i soldi per Roma Capitale nè regalare la cittadinanza agli stranieri o ai figli degli stranieri. Napolitano sta proprio esagerando»
23 novembre 2011

Fonte: Corriere della Sera

Citeste si:
Napolitano: Copiii de imigranti nascuti in Italia ar trebui sa primeasca automat cetatenia

Minori. Unicef: "Oltre metà degli stranieri in Italia ha assistito a episodi di razzismo"

Oltre uno su cinque dichiara di averli subiti direttamente, soprattutto a scuola

Roma, 19 novembre 2011 - Oltre la meta' degli adolescenti di origine straniera che vivono in Italia denuncia di aver assistito a episodi di razzismo e oltre uno su cinque dichiara di averli subiti direttamente, soprattutto a scuola.

E' quanto risulta dal sondaggio condotto dalla Lorien consulting per l'Unicef, in vista della Giornata dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza che si celebra domenica. Il 54% afferma di essere stato presente a fenomeni razzisti e il 22% di essere stato personalmente oggetto di manifestazioni discriminatorie.

E' specialmente nell'ambiente scolastico che i minori immigrati hanno visto o subito episodi di razzismo, fatto riferito dal 62%. "Il razzismo e' dunque vivo e ben presente nella vita quotidiana dei ragazzi, specie di origine straniera", sottolinea l'Unicef. Ad occuparsi della lotta contro il razzismo sono, per i minori immigrati intervistati, soprattutto le istituzioni nazionali per il 21%, la Chiesa cattolica per il 18%, le organizzazioni internazionali e le scuole, entrambe per il 17%.

Il razzismo, per gli adolescenti di origine straniera, non si esprime tanto attraverso manifestazioni violente (15%) ma principalmente tramite il rifiuto e l'emarginazione (44%) o la distinzione verso persone di altra etnia, cultura, religione (39%). Quanto ai rapporti fra adolescenti italiani e stranieri, le occasioni di incontro sono per il 70% almeno una volta a settimana, specie nel tempo libero, per il 44% dei casi e a scuola per il 42%.

Fonte: Stranieri in Italia

Cade una ruspa. Operaio romeno muore schiacciato

Georghe Zaarja lavorava in un cunicolo stradale profondo alcuni metri. Romeno, 36 anni, ieri pomeriggio stava montando una paratia di metallo pesante alcuni quintali nel cantiere di via Silvio Canevazzi, a Ponte Galeria, vicino all' autostrada Roma-Fiumicino. Alle 14.30 un blindo-escavatore, un macchinario usato nel cantiere, parcheggiato sul ciglio del cunicolo, è stato tamponato da un mezzo più grande in manovra che lo ha rovesciato di sotto e non gli ha lasciato scampo: l' apparecchio si è abbattuto sul romeno schiacciandolo. Sotto choc l' altro operaio che manovrava la ruspa: ha assistito alla tragedia ed è stato ricoverato in stato di choc in ospedale. Sarà indagato per omicidio colposo. L' incidente, sul quale indagano i carabinieri della compagnia di Ostia, è il quinto sul lavoro dall' inizio dell' anno a Roma. Gli investigatori hanno svolto un sopralluogo nel cantiere insieme con gli ispettori del lavoro e hanno ascoltato gli altri operai. Per il romeno, che era assunto regolarmente dalla ditta che si occupava della collocazione di alcune tubature della rete fognaria, non c' è stato nulla da fare nonostante i soccorsi immediati. Un mese fa, a Capannelle, aveva perso la vita Nello Marinsaldi, 81 anni, titolare del vivaio Romana Flora, schiacciato da un cancello difettoso. Pochi giorni prima era deceduto un altro lavoratore, Dumitra Mariusz Ionel, operaio romeno di 35 anni, caduto da una scala in un appartamento al terzo piano di un palazzo in via Tevere, nei pressi di piazza Fiume.
Frignani Rinaldo
17 novembre 2011

Fonte: Corriere della Sera

Votò 2 volte in Romania, in carcere per brogli a Viareggio

E' un giovane straniero colpito da un mandato di cattura europeo

VIAREGGIO, 19 NOV - Un romeno di 26 anni, Marian Amza, e' stato arrestato dalla polizia a Viareggio come ricercato con un mandato di cattura europeo per scontare una pena di quattro anni per brogli elettorali. Secondo quanto riferito, l'uomo, alle ultime elezioni europee del 7 giugno 2009 aveva votato due volte nel suo Paese. Allontanatosi dal suo Paese, ieri sera e' stato ritrovato dalla polizia a Viareggio. Ora e' nel carcere di San Giorgio di Lucca in attesa della convalida dell'arresto, dopo di che potra' essere trasferito in Romania.

Fonte: ANSA

Sul lavoro una strage di romeni. Cinque morti sui luoghi di lavoro in meno di 24 ore

Roma. E’ morto Daniel Petreche operaio romeno di 36 anni. Una strage di romeni sul lavoro in Italia con questo giovane morto a Roma sono 28 i romeni morti in Italia solo sui luoghi di lavoro. I romeni sono oltre il 46% di tutti gli stranieri morti in Italia. E’ una tragica realtà che dovrebbe far riflettere tutti gli italiani onesti che dovrebbero onorare e rispettare questi nostri “cugini” che stanno pagando un prezzo altissimo per il nostro benessere. Petreca è morto in un cantiere stradale a Ponte Galeria. La tragedia nel primo pomeriggio. Petreca è rimasto schiacciato da una pesante paratia di metallo, caduta accidentalmente. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Ponte Galeria e personale dell’Asl. Anche in questo caso ancora da chiarire la dinamica dell’accaduto
Trapani E’ morto Salvatore Amoroso un agricoltore di 76 anni. Amoroso è morto nelle campagne di Trapani schiacciato dal suo trattore mentre stava raccogliendo le olive. ed è deceduto poco dopo il trasporto in ospedale. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Massa Carrara, 16 novembre 2011 -E’ morto Enrico Mauceri fulminato un cavatore di marmo di 32 anni. La tragedia in cui sono stati rimasti gravemente feriti anche due suoi colleghi in una cava del bacino marmifero di Torano, presso Carrara.sembra che i tre lavoratori erano nei pressi di una cabina elettrica quando sono stati investiti da una scarica elettrica per cause ancora da chiarire. I due feriti sono invece statitrasportati in elicottero in ospedale a Carrara. Sul posto la polizia e personale della Asl.Ma per il povero giovane non c’era più niente da fare

Palermo. E’ morto Antonio Cinquemani, 47 anni, di Partinico. Cinquemani operaio dell’Amap, azienda acquedotti di Palermo, è morto dopo essere stato colpito da un getto d’acqua uscito con una violentissima pressione da un grosso tubo. Cinquemani era impegnato con altri colleghi nell’individuare una perdita segnalata sulla condotta idrica di grande portata che lo ha scaraventato a diversi metri di distanza I medici del 118 hanno potuto solo constatare il decesso. I carabinieri stanno indagando sulla tragedia

A3 Salerno-Reggio Calabria E’ morto Fabio Bruno un operaio di 27 anni, dipendente di una ditta subappaltatrice impegnata in un cantiere per l’ammodernamento dell’autostrada tra Campotenese e Morano. Il povero giovane è morto in seguito al ribaltamento di un carrello elevatore utilizzato per sollevare e trasportare materiale. Bruno era alla guida del mezzo che, per cause da accertare, si è ribaltato. L’ANAS ha nominato una commissione d’inchiesta interna per verificare la dinamica e le cause dell’incidente.
17 novembre 2011

Fonte: Il Mezzogiorno

Morì nei campi, chiesto il rinvio a giudizio per tre persone

Nel luglio 2008 il bracciante romeno Gheorghe Radu morì nelle campagne di contrada Cocciolete, abbandonato al suo destino sotto al sole cocente. Ora le indagini sono a una svolta: la Procura ha chiesto il processo per Teodoro Zullo, proprietario del terreno dove perse la vita il 35enne, Domenico Scarano e Edilio Cardinale, coloro che avevano assunto l’uomo e organizzato il lavoro. Il 17 gennaio ci sarà il predibattimento.
Campomarino. Muore di lavoro il 29 luglio 2008 nelle campagne di Campomarino. Dopo tre anni nessuna giustizia. Ma quando ormai moglie e figlia, Maria e Valentina, hanno perso le speranze, la giustizia comincia a fare il suo corso. Si saprà presto infatti la verità sul bracciante romeno Gheorghe Radu.
Le indagini dei giudici sono state lunghissime. Nei giorni scorsi finalmente è arrivata la richiesta di rinvio a giudizio per tre persone. Successivamente il giudice per l’udienza preliminare ha fissato la data del processo nel quale si dovrà decidere se archiviare le posizioni degli indagati oppure se rinviarli a giudizio. Il predibattimento a porte chiuse si svolgerà il prossimo 17 gennaio 2012, alle ore 11.30 a Larino. Come riporta il quotidiano on line "l’Indro" nel pezzo del collega Paolo De Chiara, gli imputati sono Teodoro Zullo (proprietario del terreno, teatro dell’evento tragico), Domenico Scarano e Edilio Cardinale (che assumevano e organizzavano). Secondo la tesi dell’accusa avrebbero agito con «negligenza, imprudenza e violazione della normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro, destinando Gheorghe Radu, il 35enne deceduto, a lavoro agricolo in spregio a qualsiasi accortezza». Non tenendo conto nemmeno e soprattutto delle sue condizioni di salute.

Gheorghe aveva problemi di cuore e non ha retto alla fatica. Quel giorno, durante la pausa pranzo, si era accorto che qualcosa non andava. Aveva avvertito i compagni. Non era rientrato sui campi per raccogliere e riempire le cassette di pomodoro.
Aveva trovato riparo nei pressi di un tir. Nessuno si è accorto del giovane lavoratore.
«E’ stato lasciato morire come un cane - ripete la moglie Maria - non è possibile perdere la vita a 35anni per lavoro. Durante la mattinata avevo provato a chiamare mio marito. Il telefono squillava, ma nessuno mi ha risposto. Solo la sera ho saputo che mio marito era morto. Me l’ha detto un carabiniere». Maria Radu e sua figlia Valentina, che oggi ha poco più di tredici anni, vivono come allora a Torremaggiore (Foggia). Lo stesso paese dove lo attendevano tornare da lavoro in quel luglio di sangue per le campagne molisane.

Un luglio indimenticabile anche per il consigliere regionale Michele Petraroia che si è speso sempre per la ricerca di quella verità. La stessa per la quale Maria e Valentina ora si costituiranno parte civile contro chi ha permesso che il loro caro continuasse a lavorare sotto il sole cocente dei campi di pomodori del basso Molise. (Vp)
19 novembre 2011

Fonte: Primonumero1

Interpreti e traduttori come entrano in Italia?

Buongiorno, sono una cittadina ucraina diplomata come interprete nel mio Paese. Tra le lingue che conosco c’è anche l’italiano. Qual è la procedura per venire a lavorare in Italia?

Roma – 11 novembre 2011 - L’ingresso in Italia dei cittadini extracomunitari traduttori o interpreti è disciplinato dall’articolo 27 del T.U. sull’immigrazione (d.lgs. 286 del 1998) e dall’articolo 40 del D.P.R. 394 del 1999. I traduttori o gli interpreti, rientrano nelle categorie dei fuori quota, e non sono quindi soggetti ai termini ed alle quote previste del decreto flussi.

Il titolo di studio và vistato dalla Rappresentanza diplomatica italiana
Il traduttore o l’interprete è considerato tale quando sia in possesso di uno specifico titolo di studio che lo abiliti a svolgere questa determinata attività. Il titolo o attestato professionale deve essere rilasciato da una scuola statale o da un ente pubblico o istituto paritario, secondo la legislazione dello Stato di provenienza.
Prima di poter richiedere il visto, il titolo di studio deve essere tradotto e legalizzato presso la rappresentanza italiana presente nel Paese di origine dello straniero.
Il traduttore o l’interprete può venire in Italia sia per motivi di lavoro subordinato che autonomo.

Il traduttore o l’interprete lavoratori subordinati
In caso di richiesta per lavoro subordinato, il datore di lavoro deve inoltrare telematicamente la domanda di nulla osta alla Prefettura – Sportello unico per l’immigrazione, collegandosi al sito del Ministero dell’Interno (www.interno.it). Dal sito, si può accedere alla procedura telematica, scaricando il programma ed effettuando la richiesta del relativo modulo (modulo G). All’interno del modulo, vanno indicati i dati della società richiedente, del legale rappresentante, i dati del lavoratore, il titolo di studio di cui è in possesso il cittadino extracomunitario con i dati relativi al visto apposto dalla rappresentanza italiana con la data. Nel modulo va poi inserita la proposta di contratto di soggiorno, indicando il contratto di categoria applicato, le mansioni, il periodo di lavoro e la località di impiego del lavoratore, oltre al luogo dove quest’ultimo alloggerà. Nella domanda vanno indicati gli estremi della marca da bollo telematica da € 14,62.

La Prefettura, effettuati tutti i controlli di rito ed ottenuto il parere favorevole della Questura e della Direzione provinciale del lavoro, provvederà ad emettere il nulla osta al lavoro e ad inviarlo presso la Rappresentanza italiana nel Paese di origine del lavoratore. A questo punto lo straniero potrà ritirare il visto.

Il nulla osta ha valore di sei mesi dalla data del rilascio, ed il passaporto del cittadino straniero dovrà avere una durata di almeno tre mesi superiore al periodo indicato dal visto.
Entrato in Italia, entro 8 giorni, lo straniero con il datore di lavoro si dovranno recare presso lo Sportello unico per la sottoscrizione del contratto di soggiorno e reperire i moduli da inviare alla Questura per la richiesta del permesso di soggiorno da effettuarsi mediante i Kit reperibili presso gli uffici postali.

Il traduttore o l’interprete lavoratori autonomi
L’attività di traduttore o interprete, può essere svolta anche in maniera autonoma, in presenza di un contratto stipulato con il soggetto che richiede la prestazione, che non configura un’attività subordinata (ad esempio una prestazione d’opera, contratto a progetto, contratto di collaborazione).
In caso di richiesta di visto per lavoro autonomo il cittadino extracomunitario, potrà inoltrare direttamente l’istanza alla Rappresentanza diplomatica italiana presente sul suo Paese.

In questo caso però, per ottenere il visto, oltre al titolo di studio tradotto e legalizzato presso la stessa Rappresentanza, lo straniero dovrà produrre una certificazione rilasciata da parte della Direzione Provinciale del Lavoro del luogo ove svolgerà la propria attività, che attesta che il rapporto di lavoro non è subordinato (si tratta di una formale dichiarazione di responsabilità del committente o del suo legale rappresentante, vidimata dalla Direzione provinciale del lavoro- Servizio ispezioni, nella quale si indichi che in virtù del contratto stipulato non verrà instaurato alcun rapporto di lavoro subordinato).

Lo straniero dovrà allegare alla richiesta del visto la certificazione riguardante la disponibilità di un alloggio idoneo (con la documentazione relativa alla disponibilità, come un contratto di affitto; una dichiarazione resa da un cittadino italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia, che attesti di aver messo a disposizione del richiedente il visto un alloggio idoneo, corrispondente ai parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, ecc.).

Lo straniero dovrà produrre inoltre il nulla-osta al lavoro autonomo rilasciato della Questura competente per territorio, (che potrà essere richiesta anche da un proprio rappresentante munito di apposita procura), non anteriore a 120 giorni dalla presentazione della richiesta del visto. Anche alla Questura dovranno essere prodotti: il contratto di prestazione d’opera, la certificazione della DPL, la dichiarazione dei redditi della società richiedente, la copia del passaporto dello straniero e la documentazione relativa all’alloggio (si consiglia di rivolgersi alla Questura competente per territorio per avere la lista completa dei documenti necessari al rilascio del nulla-osta).

Ottenuto il visto di ingresso ed arrivati in Italia, entro 8 giorni dall’ingresso lo straniero dovrà provvedere ad inoltrare la richiesta di permesso di soggiorno alla Questura.

Avv. Andrea De Rossi

Fonte: Stranieri in Italia

lunedì 21 novembre 2011

Formazione, incontro con delegazione romena

Martedì 22 novembre

Formazione, incontro con delegazione romena

Al Museo civico di Albano

Per facilitare l'incontro della domanda/offerta di lavoro

(Albano Laziale - Attualità) - Martedì 22 novembre alle 11 presso il Museo civico in via Risorgimento ad Albano, nell'ambito del progetto europeo Posdru/90/2.1/S/63611 "Pregatiti pentru a piata muncii" e a conclusione dello step dei gruppi di lavoro, l'Ente di Formazione Albafor e l'Amministrazione comunale incontrano la delegazione della Romania composta da 35 fra ispettori scolastici, presidi e professori degli ispettorati scolastici di Bucarest e Prahova. L'occasione sarà utile per presentare le azioni comuni delle attività da sviluppare e che mirano a facilitare l'incontro della domanda/offerta di lavoro, una volta che gli allievi hanno completato il percorso scolastico, attraverso la loro partecipazione a tirocini formativi.

Fonte: CastelliNews

domenica 20 novembre 2011

Invito a MedFilmFestival - Pro Cult‏

Il 19 novembre all'Auditorium della Conciliazione di Roma prende il via la XVII edizione del MedFilm Festival, il più antico Festival Internazionale di Cinema della Capitale, dedicato alle cinematografie del Mediterraneo e al dialogo tra Europa, Maghreb e Medioriente. La ROMANIAsarà l'invitato europeo d'onore dell'edizione 2011, presentando la sua cinematografia in forte crescita, che per qualità ed intensità dei contenuti sta conquistando importanti riconoscimenti nei principali festival internazionali. Attraverso i film rumeni sarà possibile fare un viaggio al centro dell'Europa, in un paese noto in Italia più per il fenomeno dell'Immigrazione e dei Rom che per le ricchezze naturali ed artistiche di cui invece è ricco. Ricordandoci che la sua è una giovanissima democrazia, anch'essa nata sull'onda di uno straordinario evento storico, la caduta del Muro di Berlino, la Romania racconterà la veloce trasformazione sociale ed economica che sta vivendo, rivendicando un ruolo primario nello sviluppo culturale ed economico dell'Europa.
MEDFILM FESTIVAL 2011 ospiterà quest'anno la III-a edizione del festival del film romeno a Roma - PROCULT CINEMAFESTIVAL, un evento culturale giovane, dinamico e promettente per lo sviluppo della promozione culturale e la produzione cinematografica della Romania in Italia. La fusione temporanea dei due festival desidera mettere in atto uno dei principali obiettivi di MEDFILM FESTIVAL: la creazione di un "ponte di collegamento e paragone" permanente tra civiltà e religioni, in un itinerario costruito sul dialogo, l'intesa e la cooperazione, espresse tramite il cinema e l'audiovisivo, finestre aperte sul mondo intero per apprendere, comprendere ed apprezzare la diversità come valore.
Il film che rappresenteranno la Romania quest'anno, candidati ai premi MEDFILM FESTIVAL 2011 ed alle sezioni del festival PRO CULT 2011 saranno:

DOMENICA 20
Ore 16 Sala Deluxe: MORGEN di Marian Crisan
Ore 22 Sala Deluxe: CRULIC – THE PATH TO BEYOND (Crulic – Drumul spre dincolo) di Anca Damian

LUNEDÌ 21
Ore 16.30 Sala Kodak: CORTOMETRAGGI MADE IN ROMANIA:
Fata din Transilvania di Sabin Dorohoi
Suicide Me! di Jamil Hendi
Strung Love di Victor Dragomir
Music in the Blood di Alexandru Mavrodineanu
The Birthday di Luiza Parvu

Ore 22 Sala Deluxe: MORGEN di Marian Crisan
Alla presenza del regista

MARTEDÌ 22
Ore 16 Sala Deluxe: IF THE SEED DOESN’T DIE di Sinisa Dragin
Ore 20.30 Sala Kodak: TUESDAY AFTER CHRISTMAS di Radu Muntean

MERCOLEDÌ 23
Ore 18 Sala Deluxe: IF THE SEED DOESN’T DIE di Sinisa Dragin
Alla presenza del regista
Ore 16.30 Sala Kodak: CAMELIA di Marian Crisan
Ore 18.30 Sala Kodak: METROBRANDING – A LOVE STORY BETWEEN MAN AND OBJECTSdi Adi Voicu e Ana Vlad

GIOVEDÌ 24
Ore 16.30 Sala Kodak: DRAFT 7 di Luiza Pârvu

VENERDÌ 25
Ore 16.30 Sala Kodak: A LA RECHERCHE DE L’ESPACE PERDU di Ioana Maria Mischie

DOMENICA 27
Ore 18.30 Sala Kodak: BLUE DANUBE AND WILD HORSES di Dan Curean

L'Associazione per la Cooperazione TRANSILVANIA - ITALIA, l'associazione PRO EVENT e la Fondazione CIPAL hanno unito le proprie forze per offrire ai giovani talenti romeni la possibilità di presentare la "Romania d'oggi" sugli schermi romani. Partner istituzionali della Romania coinvolti nel progetto: ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA, INSTITUTO CULTURALE ROMENO, AMBASCIATA DI ROMANIA IN ITALIA, CENTRO NAZIONALE DELLA CINEMATOGRAFIA, GRUPPO D'AMICIZIA INTERPARLAMENTARE ROMANIA-ITALIA, ENTE NAZIONALE DEL TURISMO, MINISTERO DELLA CULTURA E DEL PATRIMONIO NAZIONALE, MINISTERO DELLO SVILUPPO REGIONALE E DEL TRASPORTO.
Il progetto sarà sostenuto dagli sponsor FARMEC S.A. - Cluj-Napoca, che concederà il premio della sezione "Il fascino dell'Est Europa" e la compagnia aerea TAROM. Media parteners:CORRIERE DELLA SERA e ACTUALITATEA MAGAZIN.

Accademia di Romania

Tragedia armena e amore per la vita nei sussurri di Vosganian

Non fosse altro che per avvicinare una tragedia ai più sconosciuta vale la pena leggere Il libro dei sussurri di Varujan Vosganian, scrittore rumeno di famiglia armena. Il genocidio del suo popolo a opera dei Turchi è certo uno dei capitoli neri della storia meno conosciuti. Si dirà, gli Armeni non hanno troppi santi in paradiso, fors’anche meno dei popoli rom su cui pure è stata sottolineata da pochi volenterosi la penuria di studi che ne raccontino le sciagure.

Il primo episodio grave a carico del popolo armeno è datato alla fine dell’Ottocento, ma quello più atroce porta l’anno 1915. I Turchi, con l’aiuto dei Curdi (adeguatamente sobillati dalla rassicurazione di spartirsi il loro territorio), punirono il legittimo desiderio di autonomia degli Armeni (nella stragrande maggioranza cristiani) incendiando i loro villaggi e passandone migliaia per le armi. Vosganian ricostruisce queste vicende, le fanfare di guerra che annunciavano l’arrivo dei predatori, la quiete domestica adusa alla paura, la consapevolezza di essere destinati a una vita instabile, incerta. Difatti, venti anni dopo la storia si ripeterà in maniera ancora peggiore e in un certo senso definitiva. Secondo lo psicoanalista Luigi Zoja, autore di un libro recente e capitale sulla Paranoia, i piani di sterminio dei nazisti sugli ebrei erano “preventivi”, quelli dei Turchi sugli Armeni nacquero dall’inconscio collettivo. Di sicuro, dopo l’arresto e la fucilazione di alcune centinaia di famiglie armene di Costantinopoli nell’aprile del ’15, tutti gli altri appartenenti alla comunità dovettero abbandonare i luoghi in cui vivevano e percorrere centinaia di chilometri per fuggire alla furia dei Turchi.

VosganianVosganian, che è stato in passato un componente importante del governo del suo paese, ora senatore, in questo che viene considerato un libro fondamentale dell’odierna Romania (l’editore è Keller), racconta vicende private e pubbliche di una popolazione mite e sommessa, dalla storia tragica della quale avrebbe volentieri fatto a meno (sui morti le cifre sono incerte). Nelle minuziosi ricostruzioni storiche e soprattutto nelle memoria di una famiglia costretta ad abbandonare le sua terra, emerge difatti un silente ma acuto amore per la vita.
Il libro a tratti potrebbe sembrare una saga, ma non lo è, perché la storia che racconta non può consolare granché, nonostante il tono non sia mai acceso, polemico. Descrive i vecchi quartieri dei poveri antenati in cui “i segreti venivano raccontati a bassa voce, sussurrando”. Odori, cibo, storie raccontate dagli anziani per deliziare i più piccoli e insegnare quel che c’è da insegnare. Poveri ma amanti della lettura, colti. Il tono passa dal malinconico all’elegiaco, non si nega il sorriso lieve; il ritmo non sempre felice. La tragedia incombe (“Nessuno può dire di sapere davvero cosa sia il silenzio, se non sente sulla schiena il crepitare dell’arma che viene caricata”), e in un certo senso non finisce con il genocidio di un secolo fa. Non mancano i collaborazionisti, infatti, come sempre, persino i negazionisti che hanno le loro intollerabili ragioni - una sola: l’opportunismo. Del resto, non tutti sono in grado di imparare la lezione, quella di cui scrive Vosganian: “I guerrieri del mio popolo mi trasmisero la forza di essere sconfitto, poiché solo i vinti muoiono davvero per lo loro idee”.
Michele Lupo

Varujan Vosganian
Il libro dei sussurri
Keller Editore
pagine 480
18,50 €

Fonte: Alibi Online