La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 29 gennaio 2012

Cittadini comunitari. Il diritto di voto alle elezioni amministrative 2012

Scritto da Asha Sabrie il 27/01/2012

Il 6 e il 7 maggio si svolgeranno le elezioni amministrative in oltre mille comuni italiani.

Sono quattro, infatti, i capoluoghi di Regione (Genova, Palermo, L’Aquila e Catanzaro) votanti e ventotto, in tutto, i capoluoghi di Provincia, da Nord a Sud della Penisola, dove verrà rinnovata sia la giunta che il sindaco.
Tra gli undici milioni di elettori, chiamati alle urne, sono compresi anche i cittadini Ue.

Per poter votare bisogna essere iscritti a una lista elettorale aggiunta1. Tale iscrizione alla lista avviene tramite la compilazione di un modulo, all’interno del quale bisognerà inserire i dati anagrafici e una dichiarazione che attesti il diritto di voto del cittadino nel paese d’origine, e che dovrà essere consegnato al comune di residenza.
È necessario presentare questa domanda un mese prima dalle elezioni, e dopo l’iscrizione del cittadino alle liste elettorali, il diritto di voto sarà garantito anche per le successive votazioni.

C’è la possibilità, per i cittadini comunitari, di candidarsi come consiglieri comunali ma non per la carica di sindaco o vicesindaco.

La partecipazione alle elezioni amministrative dei comunitari è significativa e prelude alla piena integrazione del cittadino comunitario nel tessuto urbano.
In alcuni comuni italiani la presenza straniera si attesa intorno al 15 e 20 percento della popolazione residente: basti pensare che nella sola città di Genova, la maggioranza degli immigrati residenti è composta da sudamericani; mentre nel comune di Palermo gran parte dei cittadini stranieri proviene dall’Asia.

Per quel che riguarda, invece, i cittadini appartenenti alla UE, le comunità più numerose di residenti sono rappresentate da quella romena, seguita da quella polacca e bulgara.

Alla luce di questi dati, è auspicale che ci sia un’estensione del voto amministrativo anche ai cittadini non comunitari; affinché vi sia il completo coinvolgimento di tutti i cittadini nella vita politica e civile del proprio comune di appartenenza.

Un passo in più verso la costruzione di una comunità coesa e priva di barriere.
1 D.Lgs. 12 aprile 1996, n. 197 "Attuazione della direttiva 94/80/CE concernente le modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali per i cittadini dell’Unione europea che risiedono in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza".

Fonte: LookOut

Nessun commento:

Posta un commento