La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

venerdì 10 febbraio 2012

La calciatrice si fa suora: ora Emilia insegna ai ragazzini

Dieci anni nella Nazionale romena. Ora suor Emilia Jitaru insegna in un asilo di Livorno e ha aperto una scuola calcio per bambini che non vengono fatti giocare. Ecco la sua storia
Il videomessaggio: "Venite alla mia scuola calcio"
Per dieci anni ha giocato nella serie A femminile di calcio e la Nazionale romena le stava addosso. Ma il pallone non era più sufficiente: «A 21 anni ho sentito che lo sport mi stava dando solo gioie momentanee e che avevo un vuoto dentro. Poi ho scoperto che ero stata convocata da Dio per una missione». Così l'allora giovane centravanti del Selena Bacau lasciò un futuro scintillante e prese i voti: diventò suor Emilia Jitaru ed entrò nell'istituto delle Maestre Pie Venerini.

Oggi suor Emilia, 42 anni, romena, è a Livorno dove, oltre a dare una mano all'asilo gestito dall'istituto, ha aperto da alcune settimane una mini scuola calcio per i ragazzini che nelle altre squadre non vengono fatti giocare. La sua storia è raccontata sulle pagine del periodico cattolico “Toscana Oggi”.

La prima volta che finì in panchina, per colpa di un infortunio, Emilia aveva 18 anni e da 7 giocava in serie A. Nata nello stesso Paese della ginnasta Nadia Comaneci, come lei già da ragazzina ha toccato i vertici dello sport: «non esistevano categorie separate: se eri bravo, ti prendevano e ti facevano giocare».

Mancina come il “Maradona dei Carpazi” Gheorghe Hagi, suor Emilia ha all'attivo 25 gol. Una volta segnò da 32 metri: «Non mi accorsi che la palla era entrata - racconta - Quando tutte le compagne gridarono capii che si era infilata nel sette».
Poi la chiamata, non dal ct della Nazionale, ma per qualcosa di più profondo: «Mi presentai all'istituto, in Romania, in un giorno di pioggia: avevo una coda come Roberto Baggio, fradicia». La piccola scuola calcio (nome: “Tre Arcangeli”, come l'unità pastorale in cui si trova) «è un modo per far incontrare il Signore - spiega - E' un momento in cui si parla di nuova evangelizzazione, no?».

Infatti suor Emilia ora vuole incontrare padre Nike, don Maurizio De Sanctis, ex ballerino e ora vulcanico parroco di una chiesa di Livorno. «Quando sono arrivata - racconta suor Emilia - mi sono accorta che in chiesa venivano solo anziani. Allora a un convegno avvicinai il vescovo Simone Giusti e gli dissi: secondo lei possiamo fare una squadra per ragazzi scartati o che non vengono fatti giocare?».

Dopo le autorizzazioni dei superiori ecco la squadra: 14 giocatori dai 7 ai 18 anni (4 femmine e 10 maschi). «Il calcio trasmette gioia - dice - Se un ragazzo è triste perchè non lo fanno giocare c'è qualcosa che non funziona. Invece con il gioco si possono trasmettere i valori: il rispetto di sè e degli altri, l'amicizia, la gioia di stare insieme e di conoscersi. Alla fine vorrei avvicinare i ragazzi al mondo del volontariato: il centro mondialità, Sant'Egidio, la Caritas».
07 febbraio 2012

Fonte: Il Tirreno

Leggi anche:
Ex Campionessa di calcio diventa suora

Citeste si:
O călugăriţă din Bacău antrenează o echipă de fotbal în Italia

Nessun commento:

Posta un commento