La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

venerdì 10 febbraio 2012

Roma, tre morti in poche ore. Emergenza ghiaccio, obbligo catene

Domenica 05 Febbraio 2012

Sparse 600 tonnellate di sale, strade chiuse, voli cancellati Secondo le previsioni, venerdì nuovo rischio neve

ROMA - Altre due vittime per il freddo a Roma e in provincia. Una donna italiana di 78 anni è stata trovata morta alla stazione Termini, mentre una donna di 66
anni è stata trovata morta assiderata nella sua casa fatiscente a Palestrina, vicino alla capitale. Stamani è stato rinvenuto il corpo di I.O., un uomo romeno di 62 anni incensurato nella pineta di via delle Azzorre, a Ostia. E in città ora è il ghiaccio il vero nemico sulle strade. Alcune vie della Capitale sono state chiuse al traffico e l'obbligo di catene a bordo o gomme da neve è stato prorogato a domani alle 12. Disagi e cancellazioni negli aeroporti. Le scuole e gli uffici pubblici domani rimarranno chiusi. Intanto le previsioni parlano di nuovo rischio neve per venerdì. Critica la situazione in provincia, specie nel frusinate.

Sparse 600 tonnellate di sale. Sono state sparse altre 600 tonnellate di sale e «le strade principali sono libere», spiega il sindaco Gianni Alemanno, protagonista di una furiosa polemica con la Protezione civile. Il Primo cittadino invita i romani «a muoversi solo se necessario, con catene o pneumatici antineve e utilizzando la viabilità principale. Se possibile - aggiunge il sindaco - date una mano alla Protezione civile per pulire i marciapiedi e liberare Roma dal ghiaccio. se nevicherà di nuovo, è ovvio che l'emergenza sarà prolungata». Alcune strade sono state chiuse e i trasporti sono rallentati, mentre si registra la morte di un altro clochard, a Ostia, dopo le due vittime di ieri, un'altra senzatetto, sempre a Ostia e un uomo a Frosinone travolto dal crollo di un capannone.

Strade chiuse per il ghiaccio. Chiusa via della Dataria, in centro, e via dei Prati Fiscali. Sono state riaperte alla viabilità il muro torto e la rampa di accesso alla tangenziale est castrense. La situazione dei trasporti: In funzione le metropolitane A e B e le ferrovie Roma-Lido e Roma-Giardinetti. La ferrovia Roma-Nord è attiva solo nel tratto urbano. Bus e tram in servizio, anche se a causa del ghiaccio si registrano rallentamenti. In periferia alcune linee di Roma tpl effettuano corse limitate a causa della presenza sulle strade di lastroni di ghiaccio. E sono molti i rami e gli alberi caduti sotto il peso della neve: un albero è caduto a via Mascagni (zona Casaletto); numerosi rami sono caduti anche in via delle Terme Deciane, all'Aventino. La strada è stata chiusa.

Obbligo catene prorogato. L'obbligo di catene a bordo o gomme da neve è stato prorogato fino alle 12 di domani. Ancora disagi all'aeroporto di Fiumicino, dove sono già 9 i voli cancellati. Criticità e cancellazioni anche nello scalo di Ciampino. Domani scuole e uffici pubblici ancora chiusi. Prorogato l'obbligo di catene a bordo o di gomme termiche anche sulle strade provinciali fino al 7 febbraio.

In 33mila senza elettricità. In 33 mila sono senza energia elettrica in Provincia di Roma. In alcuni casi da più di 48 ore.

Cancellati tutti gli scioperi del settore Trasporti. Tutti gli scioperi del comparto trasporti proclamati da Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, UglTrasporti e Sul per domani, sono stati tutti rinviati a data da destinarsi. Lo rende noto l'Agenzia per la Mobilità di Roma.

Disagi negli scali di Fiumicino e Ciampino. Come conseguenza del maltempo e delle basse temperature previste, oltre che in Italia, in molte parti d'Europa, all'aeroporto di Fiumicino sono finora 9 i voli cancellati. Cancellazioni anche allo scalo di Ciampino.

Assalto ai supermercati. La psicosi da neve porta ad assaltare i supermercati e i fornai per fare incetta di pane e altri generi alimentari nell'ipotesi di una lunga emergenza.
Fonte: Il Messaggero

Nessun commento:

Posta un commento