La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 31 marzo 2012

Festa dei Popoli a Lugo e Ravenna, al via le sfide calcistiche

30 marzo 2012 | Sport | Agenda | Lugo | Ravenna |

Torna domenica 1° aprile l’appuntamento con il calcio tra squadre di diversi paesi (avviato con la “Festa dei popoli”), organizzato da Avis e Aido, in collaborazione con le amministrazioni locali dei Comuni coinvolti, Uisp comitato Bassa Romagna, Il Tondo, Arcobaleno associazione interculturale, Romania Mare associazione Romena Moldava, Senegalesi insieme, Comunità islamica L’Unione. L’abbinamento vincente dell’evento è quello di unire lo sport con la cucina e la musica, all’insegna della socializzazione e della solidarietà.

Il torneo di calcio si svolgerà per quattro domeniche (oltre al 1° aprile, le altre date sono 22 aprile, 6 e 13 maggio) e dopo Lugo toccherà, rispettivamente, Cotignola, Fusignano e Ravenna. La formula sarà sempre la medesima. Si inizia al mattino con il torneo di calcio per proseguire poi la giornata a tavola. Il menù è rigorosamente interculturale e presenta piatti tipici della tradizione romagnola e di quella marocchina, senegalese e romena.

La prima giornata in programma a Lugo, al campo n. 2 dello Stadio comunale “Ermes Muccinelli”, vedrà l’incontro alle 9 fra il Resto del mondo (squadra formata da giocatori italiani e da quelli di nazionalità diverse da quella senegalese, romena e marocchina) contro i Senegalesi e, alle 10.30, si affronteranno Marocchini e Romeni.
Il pranzo avrà luogo al Centro sociale Il Tondo di Lugo con garganelli alle verdure, cous-cous al pesce, mici (carne romena ai ferri) e dolci.

Per l’intrattenimento saranno proposte musiche e danze maghrebine e romene.

Nel corso dell’iniziativa ci sarà anche la possibilità di degustare un nuovo energizzante naturale (Fab, realizzato dalla Forever Living Products) e il ricavato sarà utilizzato in beneficenza per sostenere le spese della giornata.

“È il secondo anno che Avis e Aido organizzano incontri con torneo di calcio, cucina e musica. La formula è vincente – afferma Ombretta Toschi, assessore alle politiche di integrazione per l’immigrazione del Comune di Lugo - Il lavoro svolto dall’Avis - insieme all’Aido e alle altre associazioni - sul tema immigrazione è encomiabile. Da tempo, infatti, le associazioni sono impegnate fortemente su questo versante. L’Amministrazione comunale di Lugo in queste occasioni cerca di fornire il proprio supporto nella maniera migliore possibile, ben consapevole del fatto che tutti - ognuno nel proprio ruolo e con le proprie responsabilità - stiamo “giocando lo stesso torneo”, dove la condizione per vincere è data dalla disponibilità, appunto, di tutti, a partecipare. L’ampia collaborazione da parte di molte altre associazioni attorno ad Avis e ad Aido è un elemento davvero importante e a nome dell’Amministrazione colgo l’occasione per ringraziare tutti i soggetti coinvolti, impegnati nel quotidiano affinché la società sia sempre più coesa e solidale”.

Il calendario delle altre 3 domeniche prevede:

domenica 22 aprile, a Cotignola, nel vecchio campo sportivo Vassura (via Alighieri, 2) l’incontro tra Marocchini e Senegalesi (ore 9) e Resto del mondo contro Romeni (ore 10.30). Il pranzo si svolgerà al Circolo dei contadini con la formula collaudata di piatti etnici delle varie nazionalità e musiche senegalesi e maghrebine.

Domenica 6 maggio, a Fusignano, alla Polisportiva di Maiano, piazza dello Sport 1 Maiano Monti, alle 9 scenderanno in campo Marocchini contro Resto del mondo, mentre alle 10.30 sarà la volta del match Senegalesi contro Romeni. Il pranzo è curato dalla Polisportiva Maiano con proposte a base di piatti etnici delle varie nazionalità e musiche senegalesi e romene.
Domenica 13 maggio si svolgeranno a Ravenna le finali del torneo di calcio.

In tutte le giornate, a iniziare dalla 2° a Cotignola, sarà presente l’autoemoteca dell’Avis: in tal modo i giocatori (ma anche i famigliari e gli amici) prima delle rispettive partite potranno effettuare l’idoneità al dono di sangue (è probabile che diverse persone siano tornate da Paesi per i quali è richiesta un’attesa prima della donazione) e di conseguenza prendere l’appuntamento per la data della donazione.

Francesco Laghi, presidente dell’Avis provinciale Ravenna, sottolinea: “Gli immigrati sono una risorsa per il nostro Paese e potenzialmente anche per l’Avis e per le necessità di sangue ed emoderivati di cui c’è sempre bisogno. Il dono, gratuito e anonimo, è un fattore che lega i popoli. A volte forse qualcuno se lo dimentica, ma gli immigrati contribuiscono alla formazione del nostro prodotto interno lordo, ai versamenti alle casse di previdenza e, in generale, al gettito fiscale. Tanto possono fare e fanno anche nel mondo dell’associazionismo e del volontariato ed anche questo ci fa essere tutti ‘cittadini del mondo’”.
Fonte: Ravenna 24 Ore

Nessun commento:

Posta un commento