La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 22 marzo 2012

Lobont-Viviano: Porta a porta

Tocca a Bogdan Lobont. Il portiere giallorosso oggi, nella sfida del “Barbera” contro il Palermo, dovrà sostituire lo squalificato Stekelenburg, espulso nel derby. Dovrà difendere i pali da Miccoli e compagni. Dovrà evitare che i tifosi giallorossi rimpiangano troppo l’espulsione di Stekelebenburg. Dovrà comandare la difesa, in emergenza, giallorossa. Insomma, dovrà fare una grande partita. Impresa alla portata di Lobont. La sua carriera sta lì a dimostrarlo. In Romania, dove è il portiere titolare della nazionale, è molto considerato. I tifosi rumeni lo hanno soprannominato “Pisca” (il gatto). Soprannome con cui viene chiamato da anni. La sua carriera iniziò nel Rapid di Bucarest dove giocò dal 1997 al 2000. La stagione 2000/2001 (quella del terzo scudetto giallorosso) la giocò con la maglia dell’Ajax ma a fine stagione tornò in Romania dove vestì la maglia della Dinamo Bucarest. Dodici mesi dopo rifece le valigie per tornare all’Ajax dove giocò dal 2002 al 2006 al fianco di un giovane Stekelenburg. Il suo esordio in serie A arrivò con la maglia della Fiorentina il 29/1/2006 (Udinese-Fiorentina 0-0).
Nel 2007 però tornò alla Dinamo Bucarest dove rimase fino al 2009, anno in cui venne chiamato a vestire la maglia giallorossa. Prima della sconfitta nel derby di domenica scorsa, la Roma, con Lobont tra i pali, era imbattuta: due pareggi, a San Siro con l’Inter (0-0) e all’Olimpico con il Siena (1-1), e due vittorie contro il Parma al Tardini (0-1) e l’Atalanta all’Olimpico (3-1). Ad oggi sono state cinque le presenze del portiere rumeno in questo campionato. 425 i minuti giocati con la maglia giallorossa. In due casi è entrato a partita in corso: a San Siro contro l’Inter al diciottesimo minuto del primo tempo, dopo il calcio in faccia di Lucio a Stekelenburg, e nel derby al settimo minuto, dopo l’espulsione del portiere olandese. In queste cinque partite sono stati quattro le reti subite dalla Roma con lui in porta e due le ammonizioni prese dal portiere rumeno. Dall’altra parte a 100 metri di distanza, a difendere i pali rosanero, ci sarà Emiliano Viviano, arrivato in gennaio in comproprietà dall’Inter. Nello scorso mercato estivo, prima dell’arrivo di Stekelenburg, a Roma si parlava molto di un possibile passaggio del portiere toscano al club giallorosso.
(Il Romanista)
 10 marzo

Fonte: Calciomercato

Nessun commento:

Posta un commento