La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 2 aprile 2012

Giovanni Bellucci al Louvre

Il pianista italiano il 4 e 5 aprile 2012 sarà in concerto all’Auditorium parigino, con le le 19 Rapsodie Ungheresi di Franz Liszt
Giovanni Bellucci

E' tra i dieci grandi interpreti lisztiani della storia, unico italiano accanto a Claudio Arrau, Martha Argerich, Georges Cziffra, Wilhelm Kempff, e Krystian Zimerman. Dopo il perentorio responso della rivista francese Diapason, per il suo Cd dedicato alle Parafrasi su temi d'opera di Verdi e Bellini (premio "Choc" di Le Monde de la Musique e "Editor's choice" di Gramophone), il pianista Giovanni Bellucci sarà ospite della prestigiosa programmazione dell'Auditorium du Louvre a Parigi per un doppio récital (4 e 5 aprile 2012) che si annuncia come un evento di grande interesse.
Nell'occasione, che vedrà protagonista il pluripremiato artista italiano (vincitore di concorsi internazionali quali il Reine Elisabeth de Belgique, il Monte-Carlo Piano Masters, il Prague Spring, l'Alfredo Casella), Giovanni Bellucci presenterà un programma musicale di straordinaria intensità, dedicato a uno dei principali artefici dell'età d'oro del pianoforte, il romanticismo, Franz Liszt.
Del grande virtuoso magiaro verranno eseguite le 19 Rapsodie Ungheresi, composizioni che tratteggiano inconfondibilmente quella trascendentale raccolta pianistica che rappresenta uno dei vertici del virtuosismo strumentale e che Liszt definì, in un suo libro apparso nel 1859 (Des Bohémiens et de leur musique en Hongrie), «frammenti epici che non narrano fatti, ma rivelano stati d'animo e riassumono l'ideale di una nazione».
L'incisione di Giovanni Bellucci delle 19 Rapsodie Ungheresi di Liszt, unitamente alla rarissima Rapsodia Rumena dello stesso autore, è stata appena pubblicata dalla Universal.

I concerti parigini di Giovanni Bellucci saranno trasmessi da Radio France, il 4 aprile alle ore 20,00 in diretta, e il 27 aprile alle ore 14,00, in differita.

Il pubblico italiano potrà ascoltare questo evento attraverso il sito web di France Musique
http://players.tv-radio.com/radiofrance/playerfrancemusique.php

Informazioni :
+ 33 (0)1 40 20 55 55
Prenotazioni :
+ 33 (0)1 40 20 55 00
http://www.louvre.fr/giovanni-bellucci-piano
http://www.louvre.fr/giovanni-bellucci-piano-0


Giovanni Bellucci è considerato uno dei più autorevoli pianisti del nostro tempo: il magazine francese Diapason lo include nella Top Ten dei virtuosi lisztiani della storia, accanto a Martha Argerich, Claudio Arrau, Gyorgy Cziffra, Krystian Zimerman. Per la rivista britannica Gramophone, Bellucci "è un artista destinato a continuare la grande tradizione italiana, storicamente rappresentata da Busoni, Zecchi, Michelangeli, Ciani, Pollini".
"Bellucci è una forza della natura scatenata, una forza enorme e palpitante". La recensione di Piero Rattalino dipinge il ritratto di un talento manifestatosi nel 1979, quando Giovanni, quattordicenne, scopre in circostanze casuali il pianoforte. All'età di 16 anni esegue le 32 Sonate di Beethoven e debutta con orchestra interpretando il Totentanz di Liszt. Diplomatosi con lode e menzione d'onore sotto la guida di Franco Medori presso il Conservatorio "S. Cecilia", Bellucci ottiene in seguito il "Master" dell'Accademia Pianistica di Imola, avvalendosi degli insegnamenti del grande maestro russo Lazar Berman.
"Bellucci ci riporta all'età d'oro del pianoforte". Così il quotidiano Le Monde esalta la vittoria alla World Piano Masters Competition di Montecarlo 1996, culmine di una lunghissima serie di successi nei concorsi internazionali (dal "Regina Elisabetta" di Bruxelles al "Primavera di Praga", dal "Casella" della RAI al "C. Kahn" di Parigi, dal "Busoni" al premio "Liszt").
Stabilitosi a Parigi, intraprende un'intensissima attività concertistica, che lo vede solista con orchestre come la Los Angeles Philharmonic, la Dallas Symphony, la Sydney Symphony Orchestra, la BBC Philharmonic, la Philharmonique di Monte-Carlo, la Sinfonica dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l'Orchestre National d'Ile de France, la Philharmonique de Liège, la "Sinfonia Varsovia", l'Orchestra da Camera di Zurigo, la National Polish Radio Symphony Orchestra, l'Orchestra del Teatro Nazionale di Mannheim, la Czech Radio Symphony Orchestra di Praga, la Royal Flanders Philharmonic Orchestra di Anversa, l'Orchestra di Padova e del Veneto, la Prague Chamber Orchestra, l'Orchestre National de Lille, l'Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, la Singapore Symphony Orchestra, ecc.
Invitato dai più celebri teatri di tradizione e festival (dall'Hollywood Bowl – cui deve il suo debutto americano di fronte a 18.000 spettatori - alla Herkulessaal di Monaco di Baviera, dal Teatro alla Scala al Festival di Brescia e Bergamo, dalla Golden Hall del Musikverein di Vienna al Prague Spring Festival, dalla parigina Salle Pleyel o dal Théâtre du Châtelet allo Yokohama Festival in Giappone, dal Grande Auditorio Belém di Lisbona al Festival di Bath in Inghilterra, dal Piano Festival di Singapore alla Société Philharmonique di Bruxelles, dal Festival de La Roque d'Anthéron o dalla Folle Journée di Nantes al Festival di Lugano, dal Festival di Ravello a quello di Radio France a Montpellier, dal Teatro La Fenice di Venezia al Teatro Nazionale di Mannheim), Giovanni Bellucci ha ricevuto – dopo la sua prima trionfale tournée australiana – il premio "Récital of the year", attribuito dal Sydney Morning Herald. Recentemente ha debuttato al Théatre des Champs Elysées a Parigi, ha eseguito al Festival di Radio France l'integrale delle Rapsodie ungheresi di Liszt, e presentato ai festival di Nohant (Francia) ed Husum (Germania) la propria trascrizione per pianoforte solo del Concerto n. 1 op. 11 (Concerto sans Orchestre) di Fryderyk Chopin. Nella stagione 2011-2012 Giovanni Bellucci suonerà in duo con il violinista Uto Ughi per l'Accademia Nazionale di S. Cecilia, le Serate Musicali di Milano e il Festival di Brescia e Bergamo (Brahms, le 3 Sonate).
Tutti i suoi Cd, editi da DECCA, WARNER CLASSICS, ACCORD-UNIVERSAL, OPUS 106, ASSAI, DANACORD, sono stati premiati dalle più diffuse riviste specializzate: "Choc de l'année" della rivista Classica Répertoire e "Choc" di Le Monde de la Musique in Francia, "Editor's choice" della britannica Gramophone, 5 stelle di Musica, 5 stelle del BBC Music Magazine, "Cd exceptionnel" di Répertoire, "ffff" di Tèlérama, "Miglior Cd" per la rivista Suono, ecc.
La Universal ha appena presentato l'integrale delle Rapsodie Ungheresi di Franz Liszt (in un doppio Cd che comprende anche l'inedita Rapsodia Rumena S.242 di Liszt) e il Cd "Chopin Métamorphoses", nel quale Giovanni Bellucci ha registrato alcuni brani in prima mondiale, come il Concerto n.1 di Chopin/Tausig e la Polacca op. 53 "Eroica" di Chopin/Busoni. Di prossima pubblicazione il Concerto op. 39 per pianoforte e orchestra di Ferruccio Busoni, inciso dal pianista italiano in collaborazione con l'Orchestra e il Coro del Teatro Nazionale di Mannheim.

Fonte: AmadeusOnline

Nessun commento:

Posta un commento