La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 29 aprile 2012

Vivere in roulotte, 'siamo come barboni'

LA STORIA 27 aprile

Giuseppe e Mariana vivono in una roulotte sul lungomare di Ostia, vicino Roma. Lui, di Caserta, ha 57 anni; lei, di origine romena, 52, è cardiopatica. Né lui, né lei lavorano, solo qualche piccolo lavoro saltuario per Giuseppe - guardiano notturno sulle spiagge o lavoretti in giardino - ma del tutto insufficiente per vivere dignitosamente; la coppia riesce a sopravvivere con i pacchi alimentari offerti dalla parrocchia. E' una storia di forte indigenza quella dei due coniugi, insieme da cinque anni; entrambi al secondo matrimonio e già nonni dai figli della prima unione. "La roulotte in cui viviamo ci è stata regalata dalla Comunità di Sant'Egidio - racconta Giuseppe Palmigiano - prima abbiamo vissuto in un'altra roulotte in affitto, pagavo 100 euro al mese, e poi in un'auto per 5-6 mesi. Da qualche mese abbiamo questa nuova casa". Secondo l'Istat, sono oltre 71 mila le famiglie che vivono in abitazioni di fortuna, baracche e roulotte. Ma Giuseppe e Mariana non sono conteggiati nei dati: "non abbiamo risposto ad alcun questionario, non sapevamo del censimento. Nessuno ci ha detto niente. Io la residenza ce l'ho ancora a Caserta". "Fino a qualche anno fa - dice Giuseppe - lavoravo come operaio. Poi mi sono separato, ho perso il lavoro e sono venuto a Roma". In roulotte "si vive molto male. Non c'é né acqua né corrente né riscaldamento. Viviamo come barboni". L'acqua la prendono alla fontana: "riempio le bottiglie e con questa acqua ci laviamo e mangiamo. Per fare luce accendiamo la candela la sera e per scaldarci accendiamo il gas ma è pericoloso. Quest' inverno è stato particolarmente freddo, ce la siamo vista bruttissima. Mia moglie che è cardiopatica soffre molto". Giuseppe conosce altre famiglie nelle stesse loro condizioni; alcune con figli e non è proprio un gran vivere. Nuclei familiari ben noti dalla Fiopsd, la Federazione che raggruppa le associazioni che si occupano dei senza fissa dimora. "Non chiedo molto alla vita - conclude - solo un lavoro per fare una vita più tranquilla, e un'abitazione con le comodità di tutti. Io e mia moglie non chiediamo altro".

Fonte: ANSA

Nessun commento:

Posta un commento