La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 29 luglio 2012

Aprilia, via Inghilterra: minaccia il suicidio per vedere la figlia, evitata una tragedia

ROMA, 28 LUGLIO – Ieri mattina, alle 8:35 la squadra “7A” dei VV.F. di Aprilia (distaccamento 9 capitanata da Ricci Giuseppe e altri 5 uomini e 1 Autopompaserbatoio, il Carro Teli ed 1 Autoscala, è intervenuta presso le case popolari di Via Inghilterra per “soccorso a persona”.
La squadra è intervenuta per soccorrere un cittadino rumeno, Onu Nalin, pronto a gettarsi dalla finestra della propria abitazione perché impossibilitato a poter vedere la propria figlia. La bambina vive con la mamma separata da anni dal marito. Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco e la mediazione dei CC di Aprilia hanno evitato il suicidio.

Il cittadino rumeno si è procurato delle ferite da taglio sul corpo proprio per allontanare l’intervento dei soccorritori: soltanto l’arrivo della figlia dell’uomo è riuscita a convincere il padre a desistere dal folle gesto e a scendere sano e salvo in strada. Non appena sceso sano e salvo l’uomo è stato soccorso dal 118 e trasportato nel Presidio Ospedaliero di Aprilia. L’accaduto si è concluso alle 10:25 senza danno alcuno sullo stato fisico del cittadino rumeno e i Vigili del Fuoco hanno potuto tirare un sospiro di sollievo ritornando in caserma alle 11.00.

I Carabinieri di Aprilia dal canto loto provvederanno agli adempimenti di rito e di loro pertinenza per quanto concerne la sventata “minaccia di suicidio”.Purtroppo non sarà né il primo, né l’ultimo gesto dettato dall’amore di un padre verso la propria famiglia. Il divorzio dei genitori sconvolge più lui che lei che dal canto suo nel 90% delle situazioni è affidataria dei figli lasciando al padre alcuni giorni e nei casi peggiori solo alcune ore di visita. Ogni anno in Italia possiamo contare migliaia di casi anche con esiti drammatici.

Stefano Parisi

Fonte: RomaTG24

Nessun commento:

Posta un commento