La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 5 luglio 2012

Prima giornata in Romania. I vescovi umbri ricevuti dal Presidente Basescu

I vescovi umbri sono stati accolti ieri al loro arrivo all’aeroporto di Bucarest dall’arcivescovo cattolico della capitale romena, mons. Ioan Robu, che ha dato alla delegazione il benvenuto nella terra di Romania. Così è iniziata la prima giornata del viaggio che si concluderà il 6 luglio. Mons. Robu ha poi concelebrato l’Eucaristia insieme ai presuli umbri nella chiesa di San Giuseppe, detta degli italiani. Al termine della celebrazione l’arcivescovo romeno ha augurato a mons. Vincenzo Paglia un proficuo servizio alla Chiesa universale nel suo nuovo ruolo di presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia.Stesso augurio è stato rivolto a mons. Paglia dal Presidente della Repubblica di Romania, Traian Basescu, che ha desiderato ricevere ufficialmente, nella sua residenza, i vescovi umbri nel primo giorno del loro viaggio ecumenico. Nel corso dell’incontro, molto cordiale, sono stati affrontati temi di grande attualità come la crisi economica, l’Unione Europea e il ruolo delle Chiese cattolica ed ortodossa nel contribuire ad affrontare la difficile situazione internazionale (guarda il video).
Mons. Paglia salutando a nome di tutta la Ceu il Presidente Basescu, ha ricordato come in Umbria la comunità romena sia la più numerosa con circa 25 mila presenze. ‘“Noi vescovi siamo venuti a rinsaldare la fraternità tra due popoli molto vicini. Questa fraternità ci permette l’accoglienza reciproca e, al tempo stesso, di rimproverare le intemperanze degli uni e degli altri” ha detto mons. Paglia ricordando la concessione di due chiese (San Fiorenzo a Perugia e Sant’Alò a Terni) per permettere ai fedeli ortodossi romeni di praticare la loro fede.
Il Presidente Basescu ha espresso il suo compiacimento per l’attenzione che la Chiesa cattolica italiana ha per le comunità romene presenti in Italia: «poter usufruire delle “vostre” chiese permette ai miei connazionali di rimanere uniti in un Paese straniero».
04.07.2012

Fonte: La Voce

Nessun commento:

Posta un commento