La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 23 agosto 2012

Aprilia: identificato il cadavere ritrovato nelle campagne, è un romeno ucciso con 4 coltellate

Domenica, 19 Agosto 2012

Aprilia

E' stato identificato il cadavere dell'uomo ritrovato nelle campagne di Aprilia in avanzato stato di decomposizione. Si tratta di Christian Vasile, un romeno di 34 anni, con precedenti per piccoli reati, in Italia senza fissa dimora. I carabinieri, che stanno indagando sul caso, sono risaliti alla sua identità grazie alle impronte digitali. Da un primo esame esterno la vittima presentava 4 coltellate all'addome ed era in quel campo da due giorni. Non e' chiaro se l'uomo sia stato ucciso lì o se vi sia stato portato in un secondo momento. Diverse le piste seguite dai militari del comando territoriale di Aprilia, dal litigio tra disperati, al regolamento di conti all'interno di gruppi criminali stranieri che gestiscono attività illecite nel nord della provincia e nell'hinterland romano. Qualche elemento in più arriverà dall'autopsia che sarà eseguita con molta probabilità nella giornata di domani.

Intanto cresce l'allarme criminalità ad Aprilia. Questo e' il terzo delitto che avviene nelle periferie della città in tre anni. Il primo nel marzo del 2011 in via dei Rutuli , l'altro a distanza di tre mesi in via dei 5 archi nel cortile di un bar. Vittime sempre albanesi.

Se anche in questo caso verrà accertata la stessa nazionalità della vittima, si potrà parlare di una faida all'interno dei gruppi criminali albanesi che operano nell'hinterland romano e nel nord della provincia. Gruppi che gestiscono attività illecite quali prostituzione e droga.

Fonte: LatinaPress

Nessun commento:

Posta un commento