La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 28 ottobre 2012

Coppia romena vince trent’anni di luce

Sono due coniugi residenti in città gli estratti del concorso nazionale HappyEnel. Ieri la premiazione in via Maroncelli

di Antonello Palmas

OLBIA. E ora la vita di Maria Loredana Maracine sarà un po’ più luminosa, almeno quanto il suo sorriso disarmante: è una giovane romena di 28 anni, residente in città ormai da sei anni, la vincitrice a livello nazionale di ben trenta anni di fornitura elettrica gratuita. Succede grazie a HappyEnel, la cui prima estrazione ha premiato sicuramente la persona giusta. È il primo concorso del genere in Italia e Maria Loredana vi ha partecipato iscrivendosi in occasione della firma del contratto con Enel Energia.

La giovane era visibilmente emozionata per il colpo di fortuna capitatole quando ieri mattina ha fatto ingresso nel Punto Enel di via Maroncelli dove era in programma la cerimonia di premiazione: coccolata come fosse un’amica di sempre dagli impiegati e dai dirigenti della società elettrica. Con lei il marito, entrambi vestiti con tinte rosa per l’occasione, una mattinata particolare. La responsabile della Divisione mercato area centro, Lucia Cortini, ha consegnato loro una sorta di mega-assegno che simboleggia la vincita, accendendo l’interruttore virtuale della fortuna per una famiglia che sinora ha fatto del sacrificio la propria bandiera.

Maria Loredana, infatti, proviene da un piccolo centro della Romania meridionale, Caracal (la leggenda vuole che abbia preso il nome dall’imperatore romano Caracalla, ma non è vero). Racconta di avere due lauree in materie giuridiche, ma di non averle potute sfruttare nel suo Paese «perché tutto è bloccato e stanno solo licenziando». Laggiù ha così lasciato con i nonni un figlio di sette anni («lo vedo due volte all’anno») e insieme al giovane marito Franco Adrian, muratore, si è trasferita in cerca di fortuna a Olbia, dove nonostante gli studi si è dovuta adattare a fare le pulizie in alcuni condomini, attività che integra lavorando in un bed & breakfast nel periodo estivo.

Nel manifesto promozionale dell’iniziativa il concorso HappyEnel viene raffigurato come una slot machine che dispensa gettoni di luce e (non a Olbia) gas, e in effetti quello dei due coniugi romeni è stato come sbancare un casinò: «La nostra ultima bolletta è stata di 220 euro – dice Maria Loredana – e quindi riusciremo a risparmiare una bella cifra. Quando mi hanno telefonato per avvisarmi ho pensato a uno scherzo, poi è arrivata la raccomandata: sono felicissima». Secondo i dirigenti Enel in media una famiglia non spende meno di 1000 euro all’anno in bollette: insomma, Maria Loredana e Franco potrebbero aver vinto non meno di trenta-quaranta mila euro.

Sanno di essere gli invidiati del giorno e non nascondono un po’ di imbarazzo per tutte le attenzioni che gli vengono riservate. «Sono contentissima» è l’unica cosa che la ragazza riesce a dire al momento della consegna del premio, sotto i lampi dei flash. Della fornitura elettrica gratuita potrà usufruire per i prossimi tre decenni su tutto il territorio nazionale. Ma potrebbe anche succedere che i due decidano di ritornare in Romania: «No, no, non se ne parla proprio, qui stiamo benissimo».

25 ottobre 2012

Fonte: La Nuova Sardegna

Nessun commento:

Posta un commento