La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 24 ottobre 2012

Superstock 600: Mircea Vrajitoru esce dal coma

24 ottobre 2012

Come abbiamo avuto modo di documentare lo scorso 26 settembre, in occasione del penultimo appuntamento stagionale del Campionato Europeo Superstock 600 a Portimao Mircea Vrajitoru, 19enne pilota rumeno dal 2009 presenza fissa della categoria, è stato sfortunato protagonista di un drammatico incidente nelle prime fasi di gara.

Trasportato d’urgenza presso l’Ospedale di Faro per la brutta botta alla testa e conseguente trauma celebrale, Mircea seppur giudicato “fuori pericolo” dai medici è rimasto a lungo in coma farmacologico indotto dai medici per prevenire conseguenze peggiori.

Ad un mese dall’incidente, Vrajitoru è finalmente tornato in madrepatria e, soprattutto, si è risvegliato definitivamente dal coma. Accompagnato dai familiari in un viaggio lungo 3500 kilometri fino all’Ospedale di Timisoara, Mircea ha reagito agli stimoli dei medici, aperto gli occhi ed è stato staccato dai macchinari per la respirazione assistita.

Il pilota rumeno dovrà aspettare ancora qualche settimana/mese prima di conoscere l’esatta prognosi per recuperare da un infortunio di simile entità, anche se a detta dei dottori al suo seguito i progressi sono definiti “incoraggianti”.

Mircea Vrajitoru dal 2009 corre nel campionato Europeo Superstock 600, vantando un settimo posto a Misano lo scorso anno quale miglior risultato mentre, in questa stagione, ha totalizzato complessivamente 8 punti grazie a due 14° posti (Imola ed Aragon) ed il 12° piazzamento conseguito al Nurburgring quale miglior risultato.

Servizio Fotografico: Diego De Col

Fonte: Bike Racing

Nessun commento:

Posta un commento