La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 3 febbraio 2013

Supermarket romeno aperto senza autorizzazioni: multa di 5 mila euro

Il «Milcov» di via Sarpi aveva aperto qualche settimana fa: la polizia municipale sequestra migliaia di prodotti tra cui biscotti, caffè, sottaceti, spezie, dolci e surgelati

Il paradiso delle specialità dei Carpazi
In Romeno Autoritatile padovane inchid Milcov

PADOVA. Avrebbe dovuto essere il «paradiso dei Carpazi», con prodotti tipici della Romania a beneficio dei padovani e della numerosa comunità romena che vive in città. Ma il «Milcov», il nuovo supermercato aperto qualche settimana fa in via Sarpi, non aveva alcuna autorizzazione. Neppure la cosiddetta Scia (Segnalazione certificata di inizio attività), un’autocertificazione in cui si dichiara al Comune l’apertura del negozio.

Per questo il blitz della polizia municipale, qualche giorno fa, ha trovato una situazione di completa irregolarità. Gli agenti della Squadra attività economiche hanno verificato anche che la maggior parte dei prodotti posti in vendita era priva delle indicazioni obbligatorie in lingua italiana previste dalla legge. Per questo è scattato il sequestro dei prodotti. E in particolare:1300 confezioni di biscotti e merendine, circa 230 confezioni di caffè, 60 confezioni di infusi vari, 30 confezioni di arachidi, circa 230 confezioni di prodotti dolciari. 180 confezioni di spezie varie, circa 90 confezioni di dado vegetale, 310 confezioni di sottaceti, 100 confezioni di prodotti surgelati, 400 pezzi di latticini.

Visto il gran numero di pezzi e la deperibilità della merce, tutto è stato lasciato all’interno del supermercato che però è chiuso al pubblico. Al titolare del negozio arriverà una multa di 5 mila euro. Ancora in corso invece le verifiche sulla regolarità igienico-sanitaria dei locali: se verranno riscontrare altre irregolarità il supermarket romeno rischia un'altra multa di 3 mila euro.

20 gennaio 2013

Fonte: Il Mattino di Padova

Nessun commento:

Posta un commento