La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 16 marzo 2013

A Novellara spettacolo della compagnia rumena Osono

Il Festival internazionale TeatroLab prosegue con i matinée delle scuole in concorso e con l’arrivo di un altro gradito ospite: la compagnia rumena Osono Theatre, nell’ambito del Progetto STEA. Nata vent’anni fa dall’incontro di 120 artisti, 35 dei quali tuttora presenti nei diversi ruoli di attori, danzatori, sceneggiatori e direttori, nella città rumena di Saint George, la compagnia è attiva nel teatro sociale contemporaneo.

Principale obiettivo di tutte le iniziative è quello di dare spazio ai giovani ricercatori di teatro sperimentale ed educarli, attraverso un dialogo interraziale ed artistico, affinché trovino il proprio posto all’interno della società, come individui responsabili di una comunità dai saldi valori interculturali di tolleranza reciproca ed ascolto.

Nel corso del tempo il lavoro dell’associazione è uscito dai confini nazionali rumeni e le performance proposte sono state presentate in innumerevoli nazioni del mondo, dalla Romania, al Belgio, dalla Thailandia, alla Germania, ricevendo 16 premi nazionali ed internazionali, tra cui l’ambito Csokonai Vitéz Mihàly, riconoscimento più alto per i teatri indipendenti del Ministero Ungherese delle Risorse Nazionali.

All’interno di TeatroLab la compagnia Osono presenterà, per la prima volta portato in scena in Italia, il proprio ultimo lavoro “As water reflects the face”, sabato 16 marzo alle 20:30, presso il Teatro Tagliavini di Novellara.

La performance ha un carattere di documentario, in cui esplorare i problemi sociali riguardanti i giovani, in particolare nel territorio rumeno interessato dal fenomeno, dalle sottovalutate implicazioni per le nuove generazioni, della emigrazione di buona parte della popolazione attiva, alla ricerca di un lavoro e di una possibilità di miglioramento delle opportunità offerte ai propri figli. Lo spettacolo narra storie di bambini solitari, genitori inermi, vulnerabili, attraverso esperienze personali in un happening teatrale, sempre alla ricerca di sé stessi, con il desiderio di incontrare il pubblico.

Portato in scena in diversi paesi d’Europa e non solo, può contare un totale di 123 rappresentazioni.

La visita a Novellara della compagnia si aprirà con un laboratorio teatrale, tenuto domani sera in collaborazione con la direzione artistica di Etoile, per gli allievi partecipanti al progetto internazionale di scambio STEA.

Per maggiori informazioni +39 333 90 55 604 e www.centroetoile.eu

Fonte: Sassuolo2000

Nessun commento:

Posta un commento