La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 29 aprile 2013

Chiude con successo il corso di formazione di volontari dell'Aos, nuove immissioni

L'Associazione AOS - Associaz. Oncologica Senigalliese, grazie alla preziosa azione di supporto svolta come collaboratrice insieme alla omologa Partner rumena "Stanful Nectarie" di Bucarest ha consentito l'avvio e la crescita- seppur graduale- su tutto il territorio rumeno (oltre la Capitale anche ad altre medie città come Cluj, Iasi, ecc.) sotto la direzione del patronato di medicina integrativa (Patmedin)- di una efficace esperienza di assistenza domiciliare per malati oncologici, portando in alto il nome di Senigallia anche negli ambienti medico-ospedalieri ed autorità politiche rumene.
Il partenariato relativo al Know How del Modello di Assistenza AOS, finanziato dalla CEE per il triennio 2010/2013 nell'ambito del Programma Operativo Sviluppo Risorse Umane (POSDRU), ha comportato anche scambi ed accordi curati dal Presidente AOS Dott. Paolo Quagliarini nonchè numerose visite a Bucarest di istruzione tecnica e cura del Dott. Menichetti Tito, Primario di Oncologia Ospedale di Senigallia ed altri nostri esperti.

Si è voluto dedicare un esclusivo incontro con i patners Rumeni, all’interno del Corso di formazione per Volontari organizzato dall’AOS, per mettere a confronto l’attività del volontariato svolto in entrambi i Paesi.

Sono stati passati in rassegna, con reciproca soddisfazione, i notevoli risultati conseguiti grazie alla collaborazione degli esperti dell'AOS con la parte rumena, rappresentata dalle Dott.sse Casandra Virlan - Esperta in monitoraggio del Progetto ed Anca Luca - Esperta Comunicazione nonchè della psicologa dott.ssa Adina Moraru che hanno portato i saluti del Presidente Dott. Sergiu Stan (impossibilitato) ed il caloroso ringraziamento anche dei malati e delle Autorità sanitarie rumene.

Nessuno avrebbe scommesso tre anni fa che in così breve tempo, la Romania , paese con una difficile storia politica pregressa, ridotte possibilità di intervento socio-sanitario e caratterizzato da un contesto socio-culturale molto chiuso, potesse con grande impulso realizzare un così grande cambiamento. Tutto ciò è stato possibile anche grazie al tutoraggio dell'AOS di Senigallia, insieme all’intervento sul territorio del Patronato Rumeno capace di garantire servizi di assistenza ( anche psicologica individuale e di Gruppo) diretta ai malati, in gran parte del territorio nazionale ma di essere riusciti a coinvolgere anche le strutture sanitarie, le scuole, artisti,ecc. in una diffusa campagna di sensibilizzazione culturale e di prevenzione: educazione stili di vita sana, distribuzione materiale informativo cartaceo e multimediale, campagna su mass media per screening di massa, ecc.

Intanto è terminato il Corso di Formazione dei Volontari con l'attenta e fruttuosa partecipazione di una quarantina di aspiranti, cui farà seguito colloqui di selezione ed un periodo di tirocinio, per una eventuale immissione nell'equipe socio-infermieristica domiciliare.

Il Corso , articolato su 8 Lezioni, è stato tenuto dagli Oncologi Dott.Tito Menichetti, dott.Massimo Marcellini, Dott.Danilo Massidda, dalla PsicoOncologa Dott.ssa Rossana Franceschini, con la partecipazione di altri esperti in altre discipline connesse e con il contributo prezioso degli infermieri e volontari dell’equipe AOS.

Il Presidente, Dott. Quagliarini, nel ringraziare i partecipanti, ha rimarcato l'esigenza di potenziare l'equipe socio- sanitaria anche con nuove immissioni di volontari per rispondere in maniera sempre più qualificata ai bisogni di assistenza e vicinanza dei malati oncologici, auspicando anche forme di solidarietà e di sostegno da parte della cittadinanza ( adesione alla sottoscrizione del 5 per mille, contributi volontari,ecc.) in grado di coprire le crescenti spese organizzative dell'AOS in concomitanza con l'aumento del volume di attività e con la stretta finanziaria degli Enti di Sanità Pubblica".

da Alberto Bruschi
portavoce AOS

Fonte: Vivere Senigallia

Nessun commento:

Posta un commento