La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 28 maggio 2013

Progetto Comenius Regio - Eurociss. Quarta mobilità rumena in Provincia di Fermo

Pubblicato in Comunicati Stampa 15/05/2013

Nell’ambito del progetto comunitario Comenius Regio - Eurociss (European Citizenship between School and Society) la Provincia di Fermo, in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore “E.Mattei” di Amandola e l’Associazione Euronet di Offida, suoi partner italiani, dall’8 all’ 11 maggio ha accolto la delegazione dei partner rumeni di Timisoara, composta da dirigenti scolastici, autorità e docenti del distretto di Timis (School Inspectorate of Timis County, College Food Industry e Tudor Tanasescu Vocational High School).

Durante i giorni di mobilità istituzionale, sono stati approfonditi i temi del progetto, incentrati sullo sviluppo della cittadinanza europea attiva ed inclusiva da inserire nei moduli formativi rivolti alle giovani generazioni di studenti e sono stati predisposti i prodotti finali previsti a fine progetto (brochure sulle buone prassi per la lotta contro il pregiudizio, la discriminazione e la violenza, pubblicazione sui moduli formativi, cd rom culturale dei rispettivi territori).

In occasione della festa dell’Europa, il 9 maggio è stato promosso a San Benedetto del Tronto, proprio in occasione dell’ultima visita in Italia della delegazione rumena, l’evento finale del progetto EUROCISS “Festa dell’Europa, 9 maggio - Cittadinanza in movimento!”, organizzato dal Centro Europe Direct Fermo-Marche Sud (Provincia di Fermo), incentrato sul tema della cittadinanza attiva e dei giovani, futuri cittadini di domani e riservato agli studenti delle scuole secondarie. Nel programma della manifestazione, oltre al momento celebrativo, ci sono stati vari interventi di esperti del settore della mobilità europea e della cittadinanza attiva: Giuseppe A. Trotta - Consulente EURES Regione Marche, Serena Cappannini - Consulente di Politiche Comunitarie, Stefano Campanari - Presidente dell’Associazione Scambieuropei, Sole Cococcioni - responsabile dell’Informagiovani di Porto San Giorgio. Nel corso dei loro interventi, sono stati illustrati i principali strumenti operativi per consentire ai giovani di cogliere le numerose opportunità di mobilità e lavoro nel territorio europeo, ma anche per sensibilizzarli e coinvolgerli affinché possano acquisire sempre più la percezione del loro “status” di cittadini europei e dei diritti che ne derivano, in primis il diritto di circolare e soggiornare liberamente nell’Unione Europea.

Nella mattina del 10 maggio il tavolo di lavoro si è spostato presso l’Istituto Tecnico Commerciale “E. Mattei” di Amandola, dove i partner rumeni sono stati accolti dall’Assessore provinciale alle Politiche Comunitarie Adolfo Marinangeli, dalla Dirigente Scolastica Paola Farina, dal dott. Giuliano Bartolomei e dott. Andrea Mora dell’Associazione Euronet di Offida, e si è assistito ad una simulazione di una seduta del Parlamento europeo nel corso della quale una classe di studenti è stata chiamata a rappresentare i 27 Stati Membri e i gruppi politici presenti nel Parlamento europeo per discutere e legiferare su due temi di attualità nelle commissioni parlamentari, nei riunioni dei gruppi politici e nelle plenarie, con l’obiettivo di far riflettere sul concetto di cittadinanza attiva e di far crescere nelle nuove generazioni la consapevolezza del loro essere cittadini europei.

Nel pomeriggio il partenariato si è ritrovato nella sede dell’Associazione Euronet a San Benedetto del Tronto, per lavorare insieme alla definizione dei moduli formativi sulla cittadinanza da applicare nelle scuole partner e alla versione definitiva di una brochure comune sulle buone prassi.

Fonte: Provincia di Fermo

Nessun commento:

Posta un commento