La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 29 giugno 2013

Ioana Visan "È una cosa pazzesca, non me lo aspettavo in Italia la stessa pena agli assassini"

La soubrette: sono stata massacrata, ma io ho detto la verità anche se non servirà a nulla

MILANO - La chiamano "Annina", è romena, stava spesso alle feste di Arcore, in aula aveva detto che ricordava Ruby Rubacuori come "una ragazza molto corpulenta fisicamente", come i suoi racconti così disperati che "ci fece pena", e si era rifiutata di rispondere, nonostante gli ammonimenti della presidente, alle domande del pubblico ministero sul tema del "sesso ad Arcore", dicendo "scelgo io i letti dove andare". Ma ieri Ioana Visan, dopo la sentenza e la trasmissione anche della sua testimonianza in procura, per riaprire le indagini, è "basita", come dice lei.

In fondo è semplice, il tribunale ritiene che lei e altre avete mentito.
"Ma ho detto le cose come stanno. Se noi siamo trenta a dire le stesse cose, sarà vero o no?".

Non è una questione di numeri, ma di fatti e di riscontri.
"Io ho detto quello che ho visto e sentito".

Per il tribunale no, anzi lei si è rifiutata di rispondere.
"Ho reagito alle domande che non accettavo"

Siete in parecchie papi-girl indagate per falsa testimonianza. E siete ancora pagate da Silvio Berlusconi con un mensile, o no?
"Abbiamo subito un danno. Io sono stata massacrata, mi hanno fatto ogni genere di pressione perché raccontassi chissà cosa, ma ho detto la verità e sono pronta a ripeterla, ma tanto non servirà a nulla,

mi spiace molto per l'Italia. Ci sono persone che uccidono e prendono dieci anni di carcere, sette anni a Berlusconi sono pazzeschi, è una condanna molto pesante, politica".

Non se l'aspettava?
"Per niente".

Non sa che c'è di mezzo una minorenne?
"A me hanno dato della prostituta, e se adesso mi accusano di avere detto le bugie, mi sembra il minimo ".
(p. c.)
(25 giugno 2013)

Fonte: La Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento