La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 25 agosto 2013

Dalla serie A romena all'Italia per amore, il Pro Piacenza sulle sue tracce

La moglie di Adrian studia qui e lui cerca un ingaggio come professionista

Pubblicato: giovedì 8 agosto 2013
Il calciatore

Piacenza - E’ una storia di sport e amore, quella di Adrian Lungu, 24enne giocatore romeno che ha militato anche nella serie A del suo paese ma che ha deciso di rimanere in Italia per seguire sua moglie che studia e lavora nel nostro paese. Per questo Adrian, dopo essere rimasto senza squadra, ha lanciato un appello alle società del territorio, per continuare nella sua professione di calciatore. E una prima offerta sembra essere già arrivata, ha confermato la moglie, visto che lui parla poco l’italiano. “Sì, le offerte non mancano. Soprattutto dalla Romania, con formazioni di serie A e B. però lui vorrebbe rimanere qui con me. Un'interessamento sembra essere arrivato anche dal Pro Piacenza. Lui vorrebbe trovare un ingaggio da professionista”.
Di seguito riportiamo la lettera girata alle redazioni da parte di Adrian Lungu per trovare un ingaggio in Italia: “Gentile direttore, mi chiamo Caius Adrian Lungu, ho 24 anni e sono un calciatore rumeno (nato a Timisoara il 2-6-89). Sono un esterno sia destro che sinistro. Nel 2011-2012 ho disputato un intero campionato nella serie A della Romania nel Vointa Sibiu, con cui la stagione precedente avevo ottenuto la promozione in A. Il club, arrivato quart’ultimo, e retrocesso, è poi fallito. Così mi sono ritrovato libero e proprietario del cartellino. L’anno scorso ho giocato in un club di serie B. Il mio sogno sarebbe quello di trovare un ingaggio, anche al minimo di stipendio (e senza alcuna spesa d’acquisto per la società), in un club di Lega Pro o anche di serie D o di Eccellenza, possibilmente in zona per continuare a fare il calciatore e poter vivere accanto a mia moglie. Se un dirigente di un club di calcio della Lombardia o dell’Emilia fosse interessato a visionarmi, prima di prendere una decisione, mi farebbe felice. Mi metterei a disposizione del club con eccezionale entusiasmo”.

Fonte: Piacenza24

Nessun commento:

Posta un commento