La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 17 agosto 2013

Romania: finalmente riaprono le adozioni internazionali. Ai.Bi. accreditata

Si riaccende la speranza per le famiglie rumene e italo rumene residenti in Italia. Dal prossimo settembre i primi abbinamenti. Ai.Bi. accreditata: chi può adottare un minore rumeno?

ADOZIONI – L’Autorità Centrale della Romania (ORA) ha deciso di riaprire le adozioni internazionali chiuse dal 1 di gennaio 2005 (quando è entrata in vigore la Legge 273/2004 sul regime giuridico delle adozioni), e di esaminare nuovi dossier a partire da settembre 2013.

Questa grande opportunità riguarderà però solo ed esclusivamente le coppie rumene o italo-rumene residenti in Italia (o in altri Paese esteri), che potranno quindi adottare nel proprio Paese d’origine. La nuova legge sulle adozioni internazionali, entrata in vigore nell’aprile 2012, riapre infatti la possibilità di adottare in Romania a quelle coppie in cui almeno uno dei due coniugi sia di nazionalità rumena.

I coniugi, per poter adottare, dovranno rispettare i requisiti della legge italiana prevista per le adozioni internazionali, come per esempio i limiti d’età degli aspiranti genitori.

Per quanto concerne i minori adottabili, sono bambini per i quali non è stato possibile identificare una famiglia adottiva residente in Romania, entro un periodo di 2 anni dalla sentenza irrevocabile di approvazione dell’apertura della procedura di adozione interna. Hanno un’età superiore ai 3 anni, e possono essere di un’etnia diversa da quella rumena.

Per adottare in Romania, i coniugi dovranno effettuare due viaggi. Nel primo, la coppia dovrà recarsi nel Paese per conoscere il bambino abbinato. La normativa rumena prevede che durante la permanenza vengano effettuati un minimo di 8 incontri con il minore, nell’arco di 30 giorni e sotto la supervisione degli operatori locali competenti. A conclusione di questi incontri, il Tribunale fisserà l’udienza di adozione. Durante il secondo viaggio, invece, il minore sarà affidato alla coppia e potrà essere predisposta la documentazione necessaria all’ingresso in Italia della nuova famiglia.

Ai.Bi. ha ricevuto l’accreditamento ad adottare in Romania, così come altri 8 enti autorizzati, fra cui 7 statunitensi (Children’s House International – CHI; Fundaţia Nightlight Christian Adoptions; AGAPE ADOPTIONS; BAL JAGAT-CHILDREN’S WORLD Inc.; Lifeline Children’s Services; Agentia Hands Across the Water; Agenţia Alliance for Children) ed uno canadese (CARC–International Adoptio).

Per ulteriori informazioni chiamare l’ufficio Adozioni Internazionali di Ai.Bi. – Amici dei Bambini, dalle 9.10 alle 18.00, da lunedì al venerdì: 02/988221.

6 agosto 2013

Fonte: News24h

Nessun commento:

Posta un commento