La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 22 settembre 2013

Bronte, tragedia sulle rive del Simeto. Recuperato corpo di un 32enne

Inutile l'arrivo dei soccorsi

Domenica 15 Settembre 2013
di Luigi Saitta e Anthony Distefano

La vittima è un cittadino rumeno ma residente a Maletto. Dopo il tuffo nelle acque del fiume, non è più tornato a galla. (Foto Luigi Saitta)

Le operazioni di soccorso dei sommozzatori

BRONTE. La tragedia si è compiuta attorno alle 16. Una battuta di pesca tra quattro uomini di origine romena che, nel breve volgere di pochi istanti, si tramuta in dramma. Il gruppetto si trovava lungo la riva del fiume Simeto nel tratto che bagna ed attraversa il territorio di Bronte: siamo in contrada Placa Torre, impervia zona di campagna. Si era a pescare, si diceva. Poi, un paio di loro decidono di "avventurarsi" per un bagno sulle acque del fiume assecondando una improvvisa calura e lì accade la tragedia. Uno dei due, si tratta del 32enne romeno ma residente a Maletto, Aurel Acatrinei, non risalirà più a galla. Il suo corpo prima viene dato per disperso, poi si capisce è finito annegato.

L’allarme viene dato dai suoi compagni. Sul posto, si precipitano i carabinieri della Compagnia di Bronte e Randazzo, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Adrano e Maletto, i sommozzatori del nucleo di Catania ed il personale medico del 118 di Maniace e Bronte. In cielo si librano anche due elicotteri: l’elisoccorso ed un mezzo dei pompieri. La dinamica della tragedia resta da definire. Il 32enne si era immerso in un punto dove l’acqua del fiume scorre lenta e ad una profondità minima. Più avanti, però, si raccoglie come in una grande vasca e si fa, invece, profonda: il corpo privo di vita del 32enne è stato raccolto proprio in fondo a quella sorta di laghetto che si viene a creare naturalmente. Una morte avvenuta molto probabilmente per una pesante ferita riportata al collo: in pratica, il tuffo in acqua si sarebbe concluso con un violento impatto sul letto del fiume. Una fine terribile. Una fine atroce e senza scampo.

16 Settembre

Fonte: LiveSiciliaCatania

Nessun commento:

Posta un commento