La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 22 ottobre 2013

In uscita presso Rediviva Edizioni di Milano il volume di poesia "Supplemento di esistenza" di Spiridon Popescu‏

Di recente presso Rediviva Edizioni di Milano del Centro Culturale Italo Romeno www.redivivaedizioni.com è stato pubblicato il volume di poesie di Spiridon Popescu intitolato “Supplemento di esistenza” (edizione bilingue romeno - italiano) curato e tradotto dalla dott.ssa Mirela Tingire.

Spiridon Popescu è un importante poeta romeno, nato il 4 settembre 1952. Attualmente vive a Târgu – Jiu, città divenuta celebre grazie alla presenza di tre capolavori realizzati dal grande scultore romeno Costantin Brâncuşi: La Colonna infinita, La Porta del bacio e Il Tavolo del silenzio.Ha pubblicato in quasi tutte le riviste di cultura della Romania.
È autore di sei volumi di poesie, di cui uno in edizione bilingue (romeno – francese).
È membro dell’Unione degli Scrittori della Romania dal 1999.
Spiridon Popescu è un poeta particolare, con delle peculiarità alquanto rare. Per coloro che lo conoscono da vicino egli è il poeta che, attraverso il suo lirismo naturale, riesce a svelare ogni momento prosaico della vita. D'altronde la sua vita è un poema unico, un modo di essere interiore, fino ad arrivare all'estasi che solo la poesia riesce a creare, come una droga. [...] La sua cura per la parola scritta è come la cura che il fiume si prende nel levigare le sue pietre, perché - non è così? - non può presentarsi di fronte al mare con le pietre imperfette.
Ion Hirghiduş

Poeti romeni contemporanei - Spiridon Popescu
(a cura di Mirela Tingire)

Ha iniziato col scrivere quartine per i suoi compagni di scuola intorno ai undici o dodici anni, dando loro dei soprannomi strani, ha continuato partecipando a diversi concorsi scolastici di poesie, ha pubblicato nelle più grandi riviste di cultura romene, e stato anche indagato dal regime comunista per le sue poesie anticomuniste ed è stato denunciato da uno dei prefetti della regione Gorj a causa di una poesia. Si tratta del poeta romeno Spiridon Popescu.
Il poeta romeno Spiridon Popescu è membro dell’Unione degli Scrittori della Romania dal 1999 e autore di sei volumi di versi di cui una in edizione bilingue (romeno – francese).

Da quando ha iniziato a giocare con le parole, interpretandole e reinterpretandole, la vita artistica di Spridon Popescu ha dovuto fare i conti con le “regole” del regime comunista. Il suo primo volume di versi “Oglinda dintre noi” [“Lo specchio fra di noi”] esce nel 1991, due anni dopo la caduta di Ceauşescu. Questo perché il poeta rifiutò di modificare alcune delle sue poesie.
“Doamne dacӑ mi-eşti prieten” [“Dio se mi sei amico”] forse la più popolare tra le sue poesie, è cantata dal rinomato attore e cantautore romeno Tudor Gheorghe;

inoltre, grandi attori romeni come Florin Piersic, Adriana Trandafir e Horaţiu Mӑlӑele hanno recitato questa poesia.
Personaggio particolare, dotato della capacità di creare all’istante versi di ogni genere durante una festa il poeta recita alcune poesie che descrivono la situazione del Paese nel periodo comunista, ridicolizzando i coniugi Ceauşescu. Le conseguenze? Tutti – compreso Spiridon – vengono fermati e interrogati dalla polizia. In più, il poeta fu anche pedinato per un certo periodo di tempo.

Durante la collaborazione con un giornale locale vengono alla luce alcuni fatti riguardanti certi affari del prefetto di Gorj di allora, Toni Mihail Greblӑ. Sulla base di queste informazioni fornite dallo stesso giornale, Spiridon Popescu scrive e pubblica un libello che ironizza il suddetto prefetto. Scrive Spiridon: «La prefettura di Gorj bandisce un concorso per il posto di greblӑ [rastrello]. Possono candidarsi tutti gli attrezzi agricoli». Viene quindi denunciato e minacciato con la prigione. I magistrati decidono di non dare avvio alla procedura penale.

Fonte: www.pandurul.ro

Traduzione del volume a cura di Mirela Tingire
Mirela Tingire è nata il 04/07/1974 a Segarcea in Romania. Vive a Brescia dal 2004. Dopo la laurea in Scienze Teologiche e Letteratura presso l’Università degli Studi di Oradea (Romania) ha lavorato come professoressa di letteratura nella Scuola Secondaria di Secondo Grado. Nel 2010 ha conseguito la laurea cum laude in Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Nel 2012 ha conseguito la laurea Magistrale cum laude in Progettazione Pedagogica e Formazione delle Risorse Umane presso la medesima Università.
Attualmente svolge attività di ricerca, progettazione e formazione presso il Centro di Ricerca “Osservatorio sul Volontariato” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Inoltre, collabora con diversi Enti ed Istituzioni presenti sul territorio bresciano sui temi riguardanti la progettazione, la formazione, la promozione, il volontariato. Si interessa a tematiche ambientali e di educazione alla salute (alimentazione e stili di vita) nei contesti scolastici.

Collabora da tempo con il Centro Culturale Italo Romeno di Milano.

Nessun commento:

Posta un commento