La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 3 novembre 2013

Donna di 51 anni colpita alla testa e scippata in piazza Napoli

Daniela Ganju, 51 anni, vittima dell'aggressione
Ancora un colpo con una modalità simile a quella utilizzata dal «rapinatore seriale». La vittima, una donna romena, è stata colpita alla testa con un oggetto contundente

di Enrico Ferro

PADOVA. Stavolta ha colpito alle 9 del mattino, il momento in cui aprono i negozi e il traffico dell’ora di punta cala. Stavolta ha scelto una donna di 50 anni, una badante rumena diretta a lavoro. L’ha colpita alla testa con un sasso, ancora una volta alle spalle. Ha deciso di farlo a Sacra Famiglia, in piazza Napoli, uno slargo di verde e panchine in mezzo ai palazzoni degli studenti. Lui è il rapinatore seriale, quello che prende alle spalle, quello che mira alla testa, quello dei cinque casi in 24 giorni. Quello che sta terrorizzando Padova.

L’agguato alle 9. Daniela Ganju, 51 anni il 12 novembre prossimo, rumena residente in città in via Marostica, stava raggiungendo l’abitazione in cui presta servizio come badante. Dopo aver percorso il quartiere di Sacra Famiglia si è spinta fino a piazza Napoli, spazio nato tra i condomini e la Fornace Carotta. Il balordo è arrivato come sempre da dietro. L’ha colpita alla testa con un oggetto contundente, forse un sasso, forse un tubo o chissà che altro. L’ha fatta cadere a terra e come un avvoltoio si è avventato su di lei rubandole la borsetta. Tutto questo per 30 euro, forse 40. Spiccioli.

L’allarme in tutta la città. Le urla della donna sono state sentite da alcuni residenti che si sono affacciati alle finestre. L’hanno soccorsa e lei, dolorante, ha mimato il colpo in testa appena ricevuto. La telefonata giunta alla centrale operativa dei carabinieri ha fatto scattare l’allarme in tutta la città. Subito sono scese in strada le pattuglie dei carabinieri e della polizia. Perché è il quinto caso e questo balordo va preso. A tutti i costi.

La notizia del quinto colpo del rapinatore seriale è stata diramata ovunque e ha risalito la piramide delle istituzioni cittadine: questore, prefetto, sindaco, vertici dei carabinieri, vertici della polizia. Tutti in fibrillazione e ora compatti. Militari e agenti hanno scandagliato piazza Napoli, giardino Napoli e si sono spinti anche in via Goito, nel parco dei Cigni, sulla passerella Goito e lungo passeggiata Camilotti a Città Giardino. Bassanello, Sacra Famiglia, Santa Croce: oltre venti uomini in strada per provare a raccogliere un indizio, un particolare che permetta di portare a termine questa sofferta indagine.

Ricoverata in ospedale Daniela Ganju è stata caricata in ambulanza e portata in pronto soccorso: le prime medicazioni e poi la lunga trafila degli accertamenti in Astanteria. «È stato terribile, ho tanta paura. Stavo camminando e mi ha preso da dietro. Mi ha colpito forte e poi mi ha derubato» ha detto la donna ancora fortemente scossa. È rimasta in ospedale fino al tardo pomeriggio ed è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni.

30 ottobre 2013

Fonte: Il Mattino di Padova

Nessun commento:

Posta un commento