La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 28 dicembre 2013

Vince un viaggio a Sharm, El Sheik, rinuncia e dona il ricavato agli orfani romeni

La scelta di una casalinga di Santo Stefano Ticino

Alla festa dei comunisti di Cornaredo, una sera d’estate, a passeggio con le amiche, ha comprato un biglietto della lotteria a favore dei bambini in Romania. I biglietti venduti dall’Associazione «Cuore per Cuore» erano più di 5 mila. Ma la dea bendata ha baciato proprio lei. E così Eugenia M., 55 anni, casalinga di Santo Stefano Ticino, ha vinto il primo premio: un viaggio di una settimana per due persone a Sharm El Sheik. Ma lei non ci ha pensato su neppure un minuto: ha chiesto e ottenuto di monetizzare il premio e ha donato l’ammontare, 800 euro, all’associazione. Così alla «Casetta di Macin», villaggio romeno in una regione vicina all’Ucraina, i volontari avranno i soldi per pagare il riscaldamento. E magari comprare qualche sorpresina ai bambini.

La casetta ne accoglie una ventina, da 3 a 7 anni. Li chiamano «orfani bianchi» Sono i figli delle badanti, che lasciano la Romania per venire a lavorare in Italia. Crescono da soli, affidati ai padri, se non sono emigrati anche loro, oppure altri parenti. Spesso in una povertà estrema. È un dramma a cui Cuore per Cuore cerca di porre rimedio, nel suo piccolo, ospitando i bimbi nella casetta, dove trovano affetto, cure, l’istruzione e un pasto caldo tutti i giorni, in attesa del ritorno della mamma. «Ma no, non avrei potuto andare a Sharm - si schernisce Eugenia -, avevo comprato il biglietto per aiutare questi bambini, non per fare una vacanza». Ma 800 euro le avrebbero fatto comodo. «Sì, ma anche se non siamo ricchi, noi abbiamo le basi per essere felici: una casa, una famiglia. Loro non hanno neppure l’affetto di mamma e papà». Per aiutare Cuore per Cuore si può contattare il numero 347.97.82.591.

20 dicembre 2013
Giovanna Maria Fagnani

Fonte: Corriere della Sera

Nessun commento:

Posta un commento