La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 28 novembre 2013

La festa dei romeni a Marsciano

“Insieme per conoscerci meglio”.

È questo il tema della festa, giunta alla quarta edizione, organizzata dall’Associazione romeni in Marsciano per sabato 30 novembre 2013 presso il Palazzetto dello Sport. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comune di Marsciano e con il sostegno di alcuni sponsor aziendali locali, prende spunto dalla Festa nazionale della Romania per la nascita dello Stato nazionale romeno moderno che ricorre il 1° dicembre ed ha, tra le sue finalità, quella di mantenere vive le radici culturali nazionali dei romeni emigrati in Italia e, al contempo, creare una ulteriore occasione di incontro tra romeni e italiani.

Quest’anno, vista l’altissima partecipazione che caratterizza questa festa con la presenza di romeni che arrivano non solo da Marsciano o dalla regione Umbria, ma anche da altre zone del centro Italia, la festa è stata spostata presso il palasport marscianese.
A partire dalle ore 15.30 sarà teatro di un vero e proprio spettacolo aperto a tutti e con ingresso gratuito, con musica e balli popolari, al quale prenderanno parte molti artisti romeni, tra cui Maria Ciobanu e Ionut e Doinita Dolanescu.
Da Roma arriva anche il gruppo folk romeno “Hora Moldovei”.

L’evento sarà aperto dai saluti del Sindaco di Marsciano Alfio Todini cui seguirà la performance della Brass Band “La Fanfarona” diretta dal M° Augusto Mencarelli che, oltre ad alcuni pezzi del proprio repertorio, eseguirà gli inni nazionali italiano e romeno.

Fonte: IlTamTam

mercoledì 27 novembre 2013

Istituto Romeno di Venezia: Mostra in occasione alla Festa Nazionale della Romania - 5 dicembre‏

Comunicat de presă

Inaugurarea expoziţiei documentare dedicate
“Patrimoniului arhitectural al judeţului Prahova”
cu ocazia Zilei Naţionale a României la IRCCU Veneţia

Joi, 5 decembrie a.c., orele 18.00, în Noua Galerie a IRCCU Veneţia va avea loc vernisajul expoziţiei documentare dedicate “Patrimoniului arhitectural al judeţului Prahova”. Evenimentul marchează sărbătorirea Zilei Naţionale a României şi este organizat de Direcţia Judeţeană pentru Cultură Prahova alături de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia.
Expoziţia face parte dintr-un proiect amplu care are drept scop popularizarea şi introducerea în circuitul turistic a valorilor arhitecturii din zona Văii Prahovei.
Zona dispune de un patrimoniu arhitectural şi istoric foarte bogat şi divers funcţional şi stilistic. În cadrul expoziţiei sunt incluse mai multe categorii arhitecturale: arhitectura religioasă (biserici şi mănăstiri), conace şi reşedinţe boiereşti, arhitectura sătească civilă, arhitectura orăşenească civilă. Astfel, vor fi prezentate monumente de mare însemnătate ale zonei, prin imagini reprezentative, scurte descrieri şi date istorice, cum ar fi casa Hagi Prodan şi casa Ghiţă Ionescu din Ploieşti, biserica Sf. Nicolae Tabaci şi complexul memorial Nicolae Iorga din Vălenii de Munte, castelul Peleş din Sinaia, mănăstirea Sinaia, castelul Zamora din Buşteni, conacul Bellu din Urlaţi, fosta mănăstire Brebu cu reşedinţa domnească a lui Matei Basarab, mănăstirile fortificate de la Apostolache şi Vărbila, casa Cămărăşiei şi biserica Sf. Trei Ierarhi din Slănic Prahova, biserica Sf. Trei Ierarhi din Filipeştii de Pădure (pictată de Pârvu Mutu Zugravu).
Expoziţia beneficiază de sprijinul financiar al Institutului Cultural Român şi al Direcţiei Judeţene pentru Cultură Prahova (Ministerul Culturii), şi este realizată cu patronajul Ordinului Arhitecţilor din România – Filiala Prahova, Regiunii Veneto, Provinciei Veneţia şi al Primăriei Veneţiei. Expoziţia va rămâne deschisă publicului până pe data de 15 decembrie în Noua Galerie a IRCCU Veneţia (Cannaregio 2215 – 30121 Veneţia). Intrarea este liberă.

Pentru mai multe detalii:
Alexandru Damian, coordonator proiecte arte vizuale
Tel. +39.041.524.2309
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Veneţia, ITALIA

-----------------------------------------

Comunicato stampa

“Il Patrimonio architettonico della provincia Prahova”
in occasione alla Festa Nazionale della Romania all’Istituto Romeno di Venezia

Giovedì, 5 dicembre a.c., ore 18.00, presso la Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Venezia avrà luogo l’inaugurazione della mostra documentaria dedicata al “Patrimonio architettonico della provincia di Prahova”. L’evento è organizzato in occasione alla Festa Nazionale della Romania ed è organizzato dalla Direzione Provinciale per la Cultura Prahova insieme all’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia.
La mostra, che fa parte di un più largo progetto, ha il fine di popolarizzare ed introdurre nel circuito turistico i valori architettonici della zona di Prahova.
L’area ha un impressionante patrimonio architettonico e storico, diversificato dal punto di vista funzionale e stilistico. Nell’ambito della mostra sono incluse varie categorie architettoniche: l’architettura religiosa (chiese e monasteri), ville e residenze dei boiari, architettura civile rurale e urbana. I più rilevanti monumenti dell’area saranno presentati con immagini rappresentative, brevi descrizioni e dati storici: la casa Hagi Prodan e la casa Ghiţă Ionescu di Ploieşti, la chiesa San Nicola di Tabaci ed il complesso memoriale Nicolae Iorga di Vălenii de Munte, il castello Peleş di Sinaia, il monastero Sinaia, il castello Zamora di Buşteni, la villa Bellu di Urlaţi, l’ex monastero Brebu con la residenza principesca di Matei Basarab, i monasteri fortificati di Apostolache e Vărbila, la casa Cămărăşiei e la chiesa Santi Tre Gerarchi di Slănic Prahova, la chiesa Santi tre Gerarchi di Filipeştii de Pădure (dipinta da Pârvu Mutu Zugravu).
La mostra è realizzata con il sostegno finanziario dell’Istituto Culturale Romeno e della Direzione Provinciale per la Cultura Prahova del Ministero della Cultura e gode del patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Romania – Filiale Prahova, Regione del Veneto, Provincia di Venezia e Comune di Venezia. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 15 dicembre nella Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Venezia (Cannaregio 2215 – 30121 Venezia). Entrata libera.

Per ulteriori dettagli:
Alexandru Damian, coordinatore progetti arti visive
Tel. +39.041.524.2309
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Venezia, ITALIA

martedì 26 novembre 2013

Ziua Națională a României sărbătorită la Verona, Torino și Veneția‏


COMUNICAT DE PRESĂ
Ziua Națională a României sărbătorită la Verona, Torino și Veneția
România își sărbătorește Ziua Națională la 1 Decembrie, dată care amintește și celebrează momentul cel mai reprezentativ al istoriei și existenței poporului român, unirea tuturor conaționalilor într-un singur stat, realizată în 1918. Purtători de cuvânt ai romanităţii orientale, românii și-au păstrat neîntinată limba şi numele, amintitor Romei Eterne. Ca şi Italia, România s-a format de la mijlocul secolului al XIX-lea, dispărând succesiv hotarele care-i despărţeau pe români. Italia a reprezentat, totodată, unul din modelele care i-au ajutat pe bărbaţii de stat români în construirea statului modern.
Pentru a marca această importantă sărbătoare Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția organizează turneul “SoNoRo Bucharest Festival On Tour”, care se va desfășura în perioada 29 noiembrie – 1 Decembrie 2013 în trei orașe din Italia: Verona, 29 noiembrie 2013, ora 18:00 la Conservatorul “Evaristo Felice Dall’Abaco”, Torino, 30 noiembrie 2013, ora 20:00 la Conservatorul de Muzică “Giuseppe Verdi” și Veneția, 1 Decembrie 2013, ora 19:00 la Conservatorul de Muzică “Benedetto Marcello”.

Concertele turneului “SoNoRo Bucharest Festival On Tour” vor fi susținute de trei muzicieni români: Vlad Maistrovici - vioară, Răzvan Popovici – violă și Christian Naş – violă. În program piese de: George Enescu, Wolfgang Amadeus Mozart, Béla Bartók, György Ligeti, Antonín Dvořák și Johann Halvorsen.

Turneul “SoNoRo Bucharest Festival On tour” este organizat în colaborare cu Consulatul General al României la Trieste (pentru etapele Verona și Veneția), Asociația Open Onlus din Verona (pentru etapa Verona), Primăria orașului Torino și Consulatul General al României la Torino (pentru etapa Torino) și beneficiază de patronajul următoarelor instituții: Ambasada României în Italia, Regiunea Veneto, Regiunea Piemonte, Provincia Verona, Provincia Torino, Provincia Veneția, Primăria orașului Verona, Primăria orașului Torino și Primăria orașului Veneția.

Vlad Maistrovici, vioară – Laureat al concursurilor internaţionale Tillett Trust şi Young Concert Artist Trust, Vlad a susţinut numeroase apariţii ca solist pe marile scene în Marea Britanie (Wigmore Hall, South Bank Centre), Franţa, Olanda, Belgia (Salle Flagey), Germania, Elveţia, Italia, Croaţia, România, Rusia, Israel, Statele Unite (Merkin Hall NY), Brazilia, precum și în compania unor ansambluri ca Orchestra de Cameră a Uniunii Europene, Orchestra de Cameră din Lusanne, South Bank Sinfonia din Londra, Orchestra de Cameră Radio Bucureşti. Împătimit al repertoriului cameral, a avut privilegiul de a colabora de la o vârstă fragedă cu muzicieni de renume cum ar fi Pierre Amoyal, Dora Schwartzberg, Jeremy Menuhin, Ivry Gitlis, Gordan Nikolich. Vlad îmbină cu succes cariera concertistică și cea de compozitor. În 2003 a fost distins cu Marele Premiu al Concursului Internațional George Enescu, ceea ce a confirmat talentul său manifestat încă din copilărie. Muzica sa a fost abordată și înregistrată de interpreţi și ansambluri renumite ca London Symphony Orchestra, London Philharmonic Orchestra, European Union Chamber Orchestra, Britten-Pears Orchestra. Născut în 1985 la Ploieşti, a urmat cursurile Liceului de artă Carmen Sylva. La vârsta de 16 ani, recomandat de pianista Lory Wallfisch, a obținut o bursă la vestita Yehudi Menuhin School unde a studiat cu Natalia Boyarskaya. Între 2002 și 2009 a studiat vioara cu Felix Andrievsky şi compoziţia cu Mark-Anthony Turnage și Jonathan Cole la Royal College of Music din Londra, iar în 2011 a obţinut diploma Master Soloist de la Haute Ecole de Musique Lausanne, la clasa lui Pierre Amoyal.
Răzvan Popovici, violă – născut la Bucureşti într-o familie de muzicieni şi-a început studiul violei cu tatăl său, Mugur Popovici. În calitate de solist a cântat pe scenele Teatrului Champs-Elysées din Paris, Filarmonicii din Köln, la Festspielhaus din Baden-Baden, dar și la Musashino Hall din Tokio, Konzerthaus și Musikverein din Vienna și la Carnegie Hall în New York. Ca interpret de muzică de cameră, a colaborat cu Konstantin Lifschitz, Natalia Gutman, Alexander Lonquich, Rainer Kussmaul, Radovan Vlatkovic, Daishin Kashimoto și Gilles Apap la festivaluri precum cel din Lucerna, Wiener Festwochen, Schwetzinger Festspielen, Festivalul Harrogate, Ferrarra Musica, Boswil Sommer, Festivalul de Muzică de Cameră din Oxford, Elverum Festspiele sau Festivalul Internațional de Muzică din Kobe, dar a putut fi urmărit și pe scene celebre precum South Bank și Wigmore Hall din Londra, YMCA din Ierusalim sau Prinzregententheater din München. Răzvan a participat ca instrumentist în Orchestra Filarmonicii din Berlin și a fost prim violist invitat al mai multor orchestre din Europa precum Filarmonica din Essen, al orchestrelor de cameră din München, Köln, Kobe și al Orchestrei Festivalului din Gstaad. Răzvan este iniţiatorul şi directorul Festivalului Chiemgauer Musikfrühling din Germania şi al Festivalului Internaţional de Muzică de Cameră SoNoRo din Bucureşti.
Christian Naş, violă - s-a născut la Cluj şi a terminat studiile la Conservatorul din Cluj. La propunerea dirijorului Nikolaus Harnoncourt, Christian a primit o bursă pentru a-şi continua studiile la Conservatorul din Graz, în Austria. În anul 1997 a devenit prim violist al Orchestrei Simfonice din Graz.
Din anul 1999, Christian Naş este membru al Orchestrei Radio din Stuttgart, Germania. Ca muzician de cameră, el este invitat regulat la festivaluri din Germania, Austria, Japonia și România, printre care se numără Chiemgauer Musikfrühling, Kulturwald, Boswil Sommer sau SoNoRo. Primul său CD “Songs and Dances of Life” a apărut la editura Humanitas Multimedia din România şi la casa de discuri Solo-Musica din München.
Organizatori: Institutul Cultural Român și Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția

Cu patronajul: Ambasada României în Italia, Regiunea Veneto, Regiunea Piemonte, Provincia Verona, Provincia Torino, Provincia Veneția, Primăria orașului Verona, Primăria orașului Torino și Primăria orașului Veneția

În parteneriat cu: Consulatul General al României la Trieste, Consulatul General al României la Torino, Primăria orașului Torino, Conservatorul “Evaristo Felice Dall’Abaco” din Verona, Conservatorul de Muzică “Benedetto Marcello” din Veneția, Asociația Open Onlus din Verona și Promos Comunicazione din Milano

Parteneri Media: Radio Torino International, ziarul Ora României din Torino, VeneziaNews, Un ospite di Venezia, Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia.
Pentru alte informații: Mihai Stan - 3349976873
Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISITCĂ DE LA VENEȚIA
_____________________________________

COMUNICATO STAMPA

Festa Nazionale della Romania celebrata a Verona, Torino e Venezia

La Romania celebra la sua Festa Nazionale il 1 Dicembre, una festa che ricorda e celebra il momento più rappresentativo della storia e dell’esistenza del nostro popolo, l’unità di tutti i connazionali in un unico stato avvenuta nel 1918. Portavoce della romanità orientale, i romeni hanno conservato inalterata la loro lingua e il proprio nome, un rimando all’eterna Roma. Come l’Italia, la Romania ha cominciato a prendere forma, in quanto stato moderno, verso la metà dell’Ottocento, allorché si sono dissolti i confini che dividevano i romeni. L’Italia, inoltre, ha rappresentato uno dei modelli che sono stati alla base della fondazione dello stato romeno moderno.

Per segnare la Festa Nazionale della Romania l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia organizzerà la tournée “SoNoRo Bucharest Festival On Tour” che si svolgerà nel periodo 29 novembre – 1 Dicembre 2013 in tre città d’Italia: Verona, 29 novembre 2013, ore 18:00 presso il Conservatorio “Evaristo Felice Dall’Abaco”, Torino, 30 novembre 2013, ore 20:00 presso il Conservatorio Statale di Musica “Giuseppe Verdi” e Venezia, 1° Dicembre 2013, ore 19:00 presso Conservatorio di Musica “Benedetto Marcello”.

I concerti della tournée “SoNoRo Bucharest Festival on tour” saranno sostenuti da tre musicisti romeni: Vlad Maistrovici - violino, Răzvan Popovici – viola e Christian Naş – viola. In programma musiche di: George Enescu, Wolfgang Amadeus Mozart, Béla Bartók, György Ligeti, Antonín Dvořák e Johann Halvorsen.

La tournée “SoNoRo Bucharest Festival On Tour” è organizzata in collaborazione con il Consolato Generale della Romania di Trieste (per la tappa di Verona e Venezia), l’Associazione Open Onlus di Verona (per la tappa di Verona), il Comune di Torino e il Consolato Generale della Romania a Torino (per la tappa di Torino) e gode del patrocinio delle seguenti istituzioni: Ambasciata di Romania in Italia, Regione Veneto, Regione Piemonte, Provincia di Verona, Provincia di Torino, Provincia di Venezia, Comune di Verona, Comune di Torino e Comune di Venezia.

Vlad Maistrovici, violinista – laureato dei concorsi internazionali Tillett Trust e Young Concert Artist Trust, Vlad a sostenuto numerosi concerti come solista sui grandi palcoscenici di Inghilterra (Wigmore Hall, South Bank Centre), Francia, Olanda, Belgio (Salle Flagey), Germania, Svizzera, Italia, Croazia, Romania, Russia, Israele, Stati Uniti (Merkin Hall NY), Brasile, insieme a l’Orchestra da Camera dell’Unione Europea, l’Orchestra da Camera di Losanna, South Bank Sinfonia di Londra, l’Orchestra da Camera Radio di Bucarest. Ha collaborato con musicisti importanti: Pierre Amoyal, Dora Schwartzberg, Jeremy Menuhin, Ivry Gitlis, Gordan Nikolich. Nel 2003 ha ricevuto il Grande Premio del Concorso Internazionale George Enescu di Bucarest. La sua musica è stata interpretata e registrata da orchestre importanti come London Symphony Orchestra, London Philharmonic Orchestra, European Union Chamber Orchestra, Britten-Pears Orchestra. Nato nel 1985 a Ploiesti, Romania ha seguito i corsi del Liceo d’Arte “Carmen Sylva” e a 16 anni, raccomandato dalla pianista Lory Wallfisch, ha ottenuto una borsa alla prestigiosa Yehudi Menuhin School dove ha studiato con Natalia Boyarskaya. Tra il 2002 e il 2009 ha studiato violino con Felix Andrievsky e il corso di composizione con Mark-Anthony Turnage e Jonathan Cole alla Royal College of Music di Londra, e nel 2011 ha ottenuto il diploma Master Soloist della Haute Ecole de Musique Lausanne nella classe di Pierre Amoyal.

Răzvan Popovici, violista – nato a Bucarest in una famiglia di musicisti, ha iniziato lo studio della viola con suo padre, Mugur Popovici. Come solista ha suonato sui palcoscenici del Teatro Champs-Elysées di Parigi, della Filarmonica di Köln, Festspielhaus di Baden-Baden, Musashino Hall di Tokio, Konzerthaus e Musikverein di Vienna e Carnegie Hall di New York. Come interprete di musica da camera ha collaborato con Konstantin Lifschitz, Natalia Gutman, Alexander Lonquich, Rainer Kussmaul, Radovan Vlatkovic, Daishin Kashimoto e Gilles Apap a festival come quelli di Lucerna, Wiener Festwochen, Schwetzinger Festspielen, Festival Harrogate, Ferrarra Musica, Boswil Sommer, Festival di Musica da Camera di Oxford, Elverum Festspiele o il Festival Internazionale di Musica di Kobe. Si è esibito anche su palcoscenici importanti come South Bank e Wigmore Hall di Londra, YMCA di Gerusalemme o Prinzregententheater di Monaco di Baviera. Ha partecipato come strumentista nell’Orchestra Filarmonica di Berlino ed è stato primo violista invitato in numerose orchestre d’Europa quali: la Filarmonica di Essen, le Orchestre da Camera di Monaco di Baviera, Colonia, Kobe e l’Orchestra del Festival di Gstaad. Răzvan Popvici è il fondatore e direttore del Festival Chiemgauer Musikfrühling di Germania e del Festival Internazionale di Musica da Camera SoNoRo di Bucarest.

Christian Naş, violista - nato a Cluj-Napoca ha conseguito la laurea presso il Conservatorio di Cluj-Napoca, Romania. Alla proposta del direttore d’orchestra Nikolaus Harnoncourt, Christian ha ricevuto una borsa di studio per seguire i corsi del Conservatorio di Graz, Austria. Nel 1997 è diventato primo violista dell’Orchestra Sinfonica di Graz. Dal 1999, Christian Naş è membro dell’Orchestra Radio di Stoccarda, Germania. Come musicista da camera è stato invitato a vari festival in Germania, Austria, Giappone e Romania, tra i quali: Chiemgauer Musikfrühling, Kulturwald, Boswil Sommer o SoNoRo. Il suo primo CD “Songs and Dances of Life” è apparso presso la Casa Editrice Humanitas Multimedia Romania e alla Casa Discografica Solo-Musica di Monaco di Baviera.

Organizzatori: Istituto Culturale Romeno di Bucarest e Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

Con il patrocinio di: Ambasciata di Romania in Italia, Regione Veneto, Regione Piemonte, Provincia di Verona, Provincia di Torino, Provincia di Venezia, Comune di Verona, Comune di Torino e Comune di Venezia

In partenariato con: Consolato Generale della Romania a Trieste, Consolato Generale della Romania a Torino, Comune di Torino, Conservatorio “Evaristo Felice Dall’Abaco” di Verona, Conservatorio di Musica “Benedetto Marcello” di Venezia, Associazione Open Onlus di Verona e Promos Comunicazione di Milano

Media partner: Radio Torino International, Il giornale Ora Romaniei di Torino, Venezia News, Un ospite di Venezia, Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia.
Per altri informazioni: Mihai Stan - 3349976873

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

Festa della Romania in collaborazione con il circolo Acli di Cassano, a Inzago l'1 dicembre

 

Lunedì 01 Dicembre 2014

Festa della Romania in collaborazione con il circolo Acli di Cassano, a Inzago l'1 dicembre

L'assocuazione culturale IHthIS in collaborazione con il circolo Acli, il Comune e la parrocchia ortodossa rumena di Cassano d'Adda organizza la

Festa Nazionale della Romania 2013

Appuntamento con la Romania! Il 1 Dic. 2013 alle ore 12, presso la Sala Eventi di "Punto d'Incontro" sita in Via GIuseppe Vittorio 13 (Strada Padana Superiore) a Inzago (MI), si terrà l’annuale evento promosso dall’Associazione Culturale IH.th.IS. in occasione della Festa Nazionale della Romania.

Giunto alla quinta edizione, l’evento consente ai partecipanti di immergersi in un mondo di immagini, sapori e tradizioni romene, riproposte per l’occasione dall’associazione culturale italo romena IH.th.IS. Per vivere insieme all’intera comunità un pomeriggio all’insegna di un importante anniversario per la Romania, che ricorda la formazione, il 1 dicembre 1918, dello stato nazionale romeno moderno.

“L’associazione IH.th.IS., nata nel 2009, si propone di favorire e promuovere la cultura e il benessere psicofisico delle persone immigrate dall’Est Europa e in particolare dalla Romania attraverso attività multiculturali, sociali, sportive e ricreative nel campo artistico, musicale, del teatro, del canto e della danza, nonché attività nel campo della comunicazione e del comportamento, della cittadinanza attiva e della libertà religiosa. “

L’evento al quale abbiamo l’onore di invitarVi, fa parte del ciclo di manifestazioni culturali e sociali sulla Romania, che ha come titolo “Conosciamoci meglio”.

Il programma della manifestazione:

ore 12,00 - 13,30 – Accoglienza e pranzo tipico romeno


ore 13,30 - 15,00 - Incontro Culturale

Esibizione di violino, con Dana Bucium - Baia Mare (RO)

Spettacolo e balli tradizionali con il gruppo "Dor Românesc"

Intervengono

Presidente IH.th.I.S, Prof. Codrin Hârjoabă

Parroco ortodosso romeno di Cassano, Padre Traian Şteţco

Saluto dei rappresentanti del Consolato Romeno di Milano

Saluto dei rappresentanti del Comune di Cassano d'Adda

Saluto dei rappresentanti di ACLI

Saluto dei rappresentanti di CIT (Centro Integrazione Treviglio)

ore 15,00 - 18,00 - Musica e balli con l'accompagnamento del gruppo "Sonyx"

Durante l’evento si potrà acquistare oggettistica romena e libri, visionare dei documentari per approfondire le conoscenze sulla Romania, incontrare la comunità romena, iscriversi all’associazione e offrire la disponibilità per futuri progetti.

Per la sostenibilità della manifestazione, per il pranzo sarà richiesta un offerta. Per info e prenotazioni: info@ihthis.org   www.ihthis.org

Bambini a scuola di romeno per non perdere le loro radici

Bambini e ragazzi rumeni e moldavi a lezione di grammatica e tradizioni
FOTO PECORA
12.11.2013

Il centro accoglie anche i piccoli che vivono a Povegliano, Valeggio e Mozzecane: una comunità che qui conta oltre 1.300 persone

La maestra arriva parlando romeno. Fa l'appello e chiede ai bambini da dove provengono. Poi racconta alcune fiabe del suo paese, ne narra la storia, mostra cartine geografiche e corregge la grammatica dei presenti.
È la scuola di lingua e civiltà romena e moldava, la cui campanella è suonata per la prima volta giovedì scorso alle scuole elementari in corso Vittorio Emanuele II.
Qui, una volta alla settimana, per due ore al pomeriggio, i bambini romeni e moldavi di Villafranca possono saldare le loro radici e prepararsi qualora dovessero tornare in patria: uno Stato che alcuni non hanno mai visto, ma che è la madrepatria della mamma e del papà.
L'iniziativa era stata lanciata ancora a giugno da Dana Manuela Costantinescu, ambasciatrice romena in visita a Villafranca, che aveva proposto l'apertura di questo doposcuola finanziato dall'ambasciata. Così è stato.
La maestra è Cristina Colta, insegnante romena proveniente dal Veneziano.
Segue una trentina di bambini e ragazzini di elementari e medie, divisi in due gruppi, che frequentano l'istituto comprensivo di Villafranca retto da Mario Sartori, o provenienti da Valeggio, Povegliano e Mozzecane.
«Si tratta di bambini romeni e moldavi, alcuni sono nati qui, altri sono venuti da piccoli e hanno già radici e rapporti con la madrepatria. Prevediamo che la richiesta si ampli: alcuni genitori sono interessati, ma attendono di vedere di cosa si tratta», spiega Riccardo Beghini, insegnante dell'istituto comprensivo.
«Il progetto dell'ambasciata romena, che finanzia tutto, prevede anche un corso per la scuola dell'infanzia, in futuro. È aperto anche agli italiani».
«La nostra scuola mette soltanto a disposizione l'aula, diventando in questo modo un ponte di apertura culturale tra diverse realtà».
«Il corso, extracurricolare, non sarà un elemento di confusione, anzi: chi fatica ad apprendere una lingua in genere ha problemi perché non ha una madrelingua ben consolidata. Apprende l'altra comparandola con quella che conosce bene».
Il bambino, inoltre, conoscerà le sue radici saldando il legame con cultura e lingua d'origine, ma non è solo questo l'obiettivo: «Questi alunni», spiega l'insegnante Colta, «saranno facilitati anche in un loro eventuale ritorno in patria, dove sapranno integrarsi meglio con salde radici. La crisi economica, infatti, ha spinto molte famiglie a tornare a casa, lasciando l'Italia. Lo scorso anno sono rientrati 5.100 bambini. Sapere il romeno sarà loro utile».
Questa scuola è attiva dal 2007 in Italia, Spagna e Belgio, col finanziamento ministeriale romeno. In Veneto quattro professoresse fanno la spola tra le province di Padova, Treviso, Belluno, Venezia e Verona.
«Partiamo dalle usanze e dalle tradizioni, raccontando storie della mitologia popolare, parlando nella nostra lingua. Poi diamo nozioni di grammatica, di storia e di geografia e insegniamo anche l'inno nazionale. Libri e dispense vengono messi a disposizione gratuitamente», conclude Cristina Colta.
Per Villafranca è un progetto che arriva ad hoc: la comunità romena infatti è quella straniera più numerosa, con 1.301 persone.
Ogni domenica un gruppo si ritrova nella chiesa della Disciplina per la messa e gli aventi diritto al voto hanno eletto un consigliere comunale romeno, Catalin Mustatea, che ha due figlie piccole nate qui in città.
Una di loro frequenta la scuola pomeridiana: «È importante per la pronuncia, così quando andiamo in vacanza in Romania sa leggere bene. Per lei la madrelingua è l'italiano che con l'inglese e il romeno si formerà un buon bagaglio», spiega Mustatea che ha accolto, la scorsa settimana, anche il pastore Badea Cartan, giunto a piedi dalla Transilvania: l'ospite ha portato, tramite Radio Timisoara, mille volumi di narrativa romena che sono stati donati alla biblioteca comunale.

Maria Vittoria Adami

Fonte: L'Arena

Assegno nucleo familiare e assegno maternità: entro gennaio le domande

Lo rende noto il Comune in una nota. Le domande possono essere inoltrate entro e non oltre 31 gennaio presso le Circoscrizioni comunali di appartenenza

18 novembre 2013

L'Amministrazione comunale rende noto ai cittadini italiani o comunitari, residenti a Palermo, che possono essere inoltrate le domande per l'assegno per nucleo familiare con tre figlio minori e per l'assegno di maturità, 2013.

Assegno per nucleo familiare con tre figlio minori - La prestazione economica, prevista per l'assegno nucleo familiare è rivolta a tutti i nuclei familiari composti da cittadini italiani, comunitari o stranieri titolari dello status di rifugiati politici e di protezione sussidiaria residenti nel Comune di Palermo, con almeno tre figli minori e con un valore ISE (indicatore della situazione economica) non superiore ad euro 25,108.71 annui per cinque componenti; a diversa composizione del nucleo familiare corrisponde una riparametrazione dei valori ISE.

LEGGI ANCHE: ALBO SCRUTATORI, DOMANDE ENTRO IL 30 NOVEMBRE

LEGGI ANCHE: BONUS BAMBINO, DOMANDE ENTRO GENNAIO

Assegno di maternità - La domanda di concessione dell'assegno di maternità deve essere presentata dai soggetti aventi diritto, nel termine perentorio di sei mesi dalla data di nascita del figlio o dalla data di ingresso nella famiglia,in caso di affidamento preadottivo o di adozione. Le domande possono essere inoltrate entro e non oltre il 31/01/2014 presso le Circoscrizioni comunali di appartenenza.

Tutte le informazioni sono in homepage sul sito www.comune.palermo.it

Fonte: PalermoToday

Copiii din România și Republica Moldova sunt așteptați la o noua editie a Concursului International de Poezie de la Triuggio‏

FOTO VILLA CANONICA TRIUGGIO
LOCUL PREMIERII EDITIEI 2013-2014

A 23- editie (2013-2014) a traditionalului concurs de poezie Internationala Giovani e Poesia din Triuggio (Milano) asteapta si anul acesta participarea copiiilor si scolilor din Romania si Republica Moldova. Participarea copiiilor romani a devenit o constanta a acestui concurs la care se inscriu anual mai mult de o mie de participanți din peste 20 de tari. România este tara cu cele mai multe creatii in concurs fiind răsplătita de-a lungul anilor, cu importante premii la toate secțiunile prestigioasei competitii.

Centrul Giovani e Poesia din Triuggio (Milano) în colaborare cu Centrul Cultural Italo-Român, Primaria din Triuggio, Banca Credito Cooperativo Valle del Lambro, Asociația Culturală si Fotografica Valle Lambro, Editura Prometeus și cu patronajul ziarului “Il Cittadino” din Monza, Universitatea Valle del Lambro și “Messaggero dei Ragazzi” din Padova, anunță startul celei de a XXIII-a ediție a Premiului Internațional de Poezie de la Triuggio, Milano.

Premiul Internațional de Poezie s-a născut in anul 1991 ca un obiectiv al Centrului de Poezie și Tineret din Triuggio. În decursul anilor s-a constatat o mare participare a elevilor și tinerilor din Italia dar și a altor țari, tot mai prezente în cadrul importantei manifestări de poezie de anvergură internațională.

Centrul Cultural Italo-Român din Milano este partener și susținător al concursului în relația cu România și Moldova din anul 2009.

La concurs sunt invitați să participe nu doar copiii din România cât și cei care trăiesc și învață în Italia. Toti cei interesați sa participe pot scrie si pe adresa Centrului Cultural Italo Român

infoculturaromena@gmail.com (Violeta Popescu) pentru informatii suplimentare.

REGULAMENT CONCURS

Premiul ediției din anul 2013-2014 va cuprinde șase secțiuni.

A. Sectiunea destinată copiilor cu vârsta cuprinsă până la 12 ani împliniți.

B. Sectiunea destinata scolilor;

C. Tinerilor între 13 și 17 ani împliniți

D. Tinerilor după 18 ani;

E. Poezii inedite;

F. Fotografie și Poezie pe tema Natură și Societate.

Concursul permite participarea la mai multe secțiuni.

Participarea are în vedere următoarele cerințe:

Pentru secțiunile A-C-D se vor prezenta un maximum de 3 poezii pe temă liber aleasă; La secțiunea E participarea prevede prezentarea unui numar cuprins între 20 și maxim 35 de poezii, care să constituie o culegere de poezii.

La sectiunea B participarea constă într-o creație comună sau un proiect comun care aparține unei școli sau unui grup de clase dintr-o școală;

La secțiunea F participarea consistă în prezentarea unei poezii împreună cu o fotografie sugestivă, format 13x18 sau 10x15.

Toate creațiile vor fi originale și vor fi trimise în șapte copii (doar pentru secțiunea F este necesară prezentarea a două copii) între care doar una va avea datele autorului: nume, prenume, varsta, nationalitatea, locul nasterii, numarul de telefon al autorului sau al scolii unde invata, adresa email. Poeziile vor fi expediate împreună cu chitanța care dovedește achitarea cotei de participare.

Autorii vor trebui să declare că sunt autori și creatori la secțiunile la care participă. Școlile participante la secțiunea B vor trebuie să atașeze o lista cu datele elevilor și operelor, eventual o prezentare.

La secțiunea C se va atașa și o copie dupa cartea de identitate unde apare data nașterii.

Textele aparținând participanților din toate țările vor fi prezentate in mod obligatoriu în două limbi. În cazul copiiilor și școlilor din Romania poeziile sau creațiile literare prevăzute în concurs, vor fi trimise în limbile: română și italiană.

Clasificarea premiilor:

Secțiunea A – Medalie de argint la primii trei clasificați

Secțiunea B – Plăci pentru primele trei școli clasificate

Secțiunea C: primul clasificat: 150 de euro; premiul doi si trei: medalie de argint

Secțiunea D: primul clasificat: 250 de euro; premiul doi si trei: medalie de argint

Secțiunile E si F: Medalii si trofee la primii trei clasificați

Sunt prevazute ca și la edițiile precedente:

- Medalie de argint din partea Camerei Deputaților Italiene

- Premiul Special oferit de Editura Prometheus.

- Premii oferite de ziarul: "Messaggero dei Ragazzi".

- Premiul Special pentru cea mai bună creație dedicată mamei “in memoria di Bruna Baroni”.

- Premiul Spacial “in memoria di Ettore Villa” pentru cel mai bun tânăr autor

- Premiul “Andrea Negrotto Cambiaso” pentru cel mai bun text care reliefeaza valorile vieții

- Premii Speciale oferite de Pro Loco Triuggio și Università del Tempo Libero della Valle del Lambro.

-Premii Speciale oferite celor mai frumoase texte pe tema Naturii

- Premiul Special “in memoria di Eugenio Bentivegna” pentru cel mai bun text al unui autor tanar

- Alte premii și recunoașteri venite din partea Comisiei sau Juriului

Ceremonia de Premiere este preconizată pentru prima duminică a lunii iunie 2014 la Villa Canonica din Triuggio (Milano)

Vor fi informați doar câștigătorii ediției. Premiile vor trebui ridicate personal sau prin intermediul unei persoane delegate.

Poeziile premiate și unele creații ale primilor clasificați de la secțiunile B și E vor fi reunite într-o antologie ingrijita de Editura Promoteus și vor fi publicate.

Participarea implică acceptul integral al întregului concurs.

Cotele obligatorii de participare la Concurs:
• Secțiunile A - B gratuite;
• Secțiunea C- 10 euro cota de participare
• Secțiunea D – 20 euro cota de participare;
• Secțiunea E – 10 euro cota de participare
• Secțiunea F - 10 euro cota de participare

Pentru autorii care provin din țari extra UE, participarea este gratuită. Copiii din Republica Moldova pot participa gratis.

Cotele vor fi trimise fie printr-un serviciu de transfer de bani, fie vărsate în contul BANCOPOSTA. n 000052597465 (IBAN: IT35G0760101600000052597465) cu numele: CENTRO GIOVANI E POESIA.

Important

Toate creațiile vor fi trimise pana la data de

31 ianuarie 2014 pe adresa:

CENTRO GIOVANI E POESIA - Via Indipendenza, 25 – 20844 Triuggio (MB). Italia.

Toate poeziile care vor ajunge dupa data mentionata nu vor intra in concurs.

lunedì 25 novembre 2013

Un nuovo consolato romeno apre a Castelvetrano

di: Comunicato stampa - del 2013-11-20

Un nuovo consolato romeno apre a Castelvetrano

Dopo Caltanissetta, anche a Castelvetrano apre lo sportello del Consolato rumeno, che fornirà informazioni ed assistenza ai cittadini rumeni presenti in città. La novità è maturata in seguito agli incontri promossi nei mesi scorsi dall'Associazione Nazionale Italo Romena A.N.I.R., con il corpo diplomatico romeno, che vedrà una volta al mese il Console Generale Carmen Liliana Iacob presente a Castelvetrano nella sede dell'Associazione di via Rossini, 49.

“I vantaggi per i cittadini romeni presenti a Castelvetrano, ma anche per quelli che vivono nella provincia di Trapani e Palermo – dice la referente Anir di Castelvetrano Graziella Parrinello – consistono nel non doversi più recare a Catania, dove è il consolato romeno.

Abbiamo pensato di offrire questa possibilità, perchè tanti di loro, non potendosi recare a Catania per motivi economici o per altre ragioni, si ritrovano spesso con i documenti scaduti, cosa che abbiamo verificato quando ci sono state consultazioni elettorali.

Invitiamo quindi – aggiunge la Parrinello – tutti quelli che hanno bisogno di informazioni e di rinnovare i propri documenti, a rivolgersi alla suddetta sede Anir di Castelvetrano, telefonando anche al 3282587724 (Graziella Parrinello) o al 3203139909 (Diana Danila). Ricordiamo inoltre a tutti che i cerficati internazionali non hanno bisogno di essere validati con il timbro Haga”.

Il timbro Haga è legato ad una convenzione firmata nel 1961 da diversi paesi, tra cui l'Italia e la Romania, per la procedura semplificata per la legalizzazione di atti pubblici da utilizzare in Paesi diversi da quelli che li hanno rilasciati, poi superati dalla Convenzione di Vienna del 1976, entrata in vigore in Italia nel 1983, che prevede l'esenzione dalla legalizzazione per estratti di atti di stato civile, redatti sui formulari plurilingue.

Fonte: Castelvetrano New

Le donne romene in Italia e il fenomeno degli "orfani bianchi"

L’ambasciatrice romena in Italia, Dana Manuela Constantinescu, ha nuovamente incontrato sabato, dopo un precedente colloquio in ottobre, Silvia Dumitrache, presidente dell’Associazione “Donne romene in Italia”, per analizzare e ribadire il sostegno alle donne che lasciano Romania in cerca di lavoro nella Penisola e ai loro figli, i cosiddetti “orfani bianchi” lasciati nel Paese d'origine. Elisa Sartarelli ha raccolto la testimonianza di Silvia Dumitrache:RealAudioMP3

R. - Parlando con la nostra ambasciatrice, siamo arrivati anche all’argomento della cosiddetta “sindrome della badante” o “sindrome d’Italia”, che è una malattia riconosciuta dal Sistema sanitario nazionale. Si tratta di una depressione molto profonda in cui si ammalano le donne, le mamme. Evidentemente stando loro male, anche i loro bambini a distanza ne sentono la sofferenza e alcuni di loro in Romania non ci sono più…

D. - Lei è l’ideatrice del Progetto “La mamma ti vuole bene” per prevenire e diminuire il numero di omicidi e suicidi causati dalla lontananza tra genitori e figli. In cosa consiste questo progetto?

R. - E’ un progetto di comunicazione audiovisiva online. Si tratta di uno strumento pratico per mettere in contatto i familiari a distanza. Abbiamo discusso anche di tanti problemi, della realtà e delle difficoltà che incontrano le donne che vanno all’estero per lavoro. La maggior parte di loro sono in Italia da sole, senza la famiglia. E abbiamo parlato quindi anche dell’importanza vitale per i bambini della comunicazione e come poter sostenere questa nostra attività. Ho trovato molto interesse da parte della nostra ambasciatrice.

D. - Ora si vorrebbero coinvolgere anche le biblioteche nazionali, che sono coinvolte in Romania, ma poco in Italia…

R. - E’ vero. Dobbiamo trovare la soluzione a questo, perché è un progetto portato avanti da una Associazione che in questo momento non ha neanche una sede: è molto, molto difficile portarlo avanti. Quindi, abbiamo bisogno di fare rete, di avere un sostegno reale sia istituzionale che economico. Verranno coinvolte tutte quelle biblioteche che hanno la possibilità di offrire spazio con un po’ di privacy, perché non tutte le biblioteche in Italia hanno questa possibilità.

D. - Cos’è la "piattaforma famiglia online"?

R. - La piattaforma famiglia online è - chiamiamola così - un nostro nuovissimo prodotto. Si tratta di una piattaforma che offre sempre la comunicazione audiovisiva gratuita online aperta a tutti le comunità. Sulla piattaforma l’utente troverà una applicazione, già istallata, che può utilizzare per mettersi in contatto con i familiari.

D. - Sono previsti dei corsi rivolti alle mamme romene per insegnare loro ad usare il computer e Skype per vedere i loro bambini?

R. - Certo, sarebbe utile poter fare dei corsi per l’utilizzo del computer, perché - al di là della possibilità di utilizzare il computer per la comunicazione a distanza - questi corsi sarebbero veramente utili anche per poter usare un conto bancario. E’ molto importante! La maggior parte delle donne questo non lo sa fare… L’anno scorso, nel Nord Italia c’erano 140 mila donne, tra i 25 e i 40 anni. Un dato recente dice che un romeno su sei lavora all’estero e che il 56% sono donne. Io sono comunque fiduciosa e spero tanto di poter offrire - tutti insieme - un vero sostegno ai genitori e alla famiglia a distanza.

Ultimo aggiornamento: 25 novembre

Fonte: Radio Vaticana

Povestea Monseniorului Anton Lucaci, omul care l-a învăţat pe Papa Ioan Paul al II-lea limba română: "La schimb, el m-a învăţat limba sfinţilor"

VORBEŞTE ROMÂNEŞTE.
de Ramona LOZNIANU, Raluca ION
Publicat la: 25.11.2013

Vă vom prezenta, începând din această seară, o serie impresionantă de poveşti ale unor adevăraţi misionari ai limbii române, oameni care reuşesc prin harul, talentul şi priceperea lor să îi facă şi pe alţii să înţeleagă frumuseţea acestei limbi. Veţi face cunoştinţă cu toţi, în cadrul campaniei VORBEŞTE ROMÂNEŞTE, care vă invită să ne gândim într-un fel nou la cuvintele pe care le folosim zi de zi, fără se le dăm prea mare importanţă. De ce am lansat această provocare puteţi citi AICI.

Cu 14 ani în urmă, într-un avion Alitalia care cobora din cerul senin de deasupra Bucureştiului, Papa Ioan Paul al II-lea a ridicat ochii din filele pe care le ţinea între degete şi a întrebat cu un licăr de omenească îndoială. “Crezi că o să meargă?”. “Dacă pronunţaţi cum aţi făcut-o până acum, este excelent”, i-a spus atunci preotul aflat lângă Sfântul Părinte, în aeronava care aducea pentru prima dată un Suveran Pontif pe pământ românesc. Se cunoşteau de aproape o lună, timp în care s-au întâlnit aproape zilnic, la aceeaşi masă din apartamentul pontifical de la Vatican, în care preotul nu mai călcase niciodată până atunci. Se numeşte Anton Lucaci, are 71 de ani, este astăzi monsenior, iar drumul vieţii sale l-a dus dintr-o comună din Iaşi, pe nume Răchiteni, în casa Sfântului Părinte unde a intrat cu dragoste şi cu o misiune: aceea de a-l învăţa pe Papa Ioan Paul al II-lea limba română, în care şi-a rostit aproape toate discursurile în timpul călătoriei sale la noi în ţară.

Omul a cărui istorie personală se leagă de cea a României

L-am vizitat pe monseniorul Anton Lucaci în casa sa de la Roma, de pe terasa căreia se vede toată Cetatea Eternă şi în timp ce mii de ani de istorie ţi se aştern la picioare, eşti fascinat de istoria personală a acestui om a cărui viaţă se leagă printr-un fir invizibil de istoria României. A ajuns pentru prima oară la Roma, în 1973, din Iaşi, unde era preot catolic şi formator la Seminarul Teologic, pentru a se pregăti la universităţile pontificale, alături de alţi doi preoţi. Era o întâmplare rară în România comunistă din care nimeni nu putea ieşi, o întâmplare născută dintr-un mic joc al istoriei. “Am înţeles ulterior de ce s-a acceptat trimiterea noastră la Roma. Urma ca Ceauşescu să vină pentru prima dată la Vatican, în mai 1973”.

S-a întors în ţară în primăvară lui 1981, când a început să predea la Institutul Teologic Romano Catolic din Iaşi, iar apoi a revenit la Vatican, în toamna lui 1989. Acolo l-a prins Revoluţia, pe care spune că a trăit-o “mai dureros” decât dacă s-ar fi aflat în ţară, “la fel cum un apropiat al unei persoane bolnave suferă mai mult decât aceasta”. Nu a putut sta mult departe şi noaptea de Anul Nou l-a găsit la Bucureşti, împreună cu nunţiul apostolic, arhiepiscopul Francesco Colasuonno. “Nu ştiam cum să iau legătura cu Nunţiul Apostolic, căruia îi era de 5 ani interzis să intre în ţară. Atunci trimis o ilustrată de Crăciun în care îi uram sănătate şi îi lansam invitaţia de a merge în România”. Acela a fost un nou moment de cotitură în istoria României, momentul în care a început lungul proces de refacere a legăturilor Sfântului Scaun cu ţara care tocmai ieşise din comunism.

Papa, către monseniorul Lucaci: “Mă las în mâinile dumneavoastră!”

Anul 1999 a adus o altă împrejurare, cea mai importantă, în care destinul său s-a legat din nou de cel al ţării în care s-a născut. A fost “momentul de vârf, de har” al existenţei sale, după cum însuşi monseniorul Lucaci o mărturiseşte. Când s-a hotărât ca Papa Ioan Paul al II-lea să viziteze România, lucra la Radio Vatican. A fost chemat de la lucru pentru a i se spune că el este cel care urma să-i fie profesor de română Sfântului Părinte. Nu era pregătit, nu era îmbrăcat în haine preoţeşti şi un episcop l-a certat: “- Puteai să-ţi iei cel puţin haina preoţească pe tine. "- Excelenţă, vin de la muncă”, s-a apărat el.

La sfârşitul primei lor întâlniri pentru pregătirea vizitei în România, Papa i-a spus Părintelui Lucaci: “Mă las în mâinile dumneavoastră!”. “Vorbea cu dumneavoastră şi când am auzit că se lasă în mâinile mele, mi s-a ridicat părul în cap. Cum să auzi că Papa se lasă în mâinile mele?”, povesteşte monseniorul Anton Lucaci. Cu modestie spune că, în timpul unui discurs pe care Papa Ioan Paul al II-lea l-a rostit în Vinerea Mare comentând cuvintele lui Isus
, a conştientizat că vorbele Papei nu îi erau adresate lui, iar acesta avea de fapt în gând încredinţarea în mâinile lui Dumnezeu în ceea ce priveşte vizita în România.

Papa Ioan Paul al II-lea voia să ştie tot

A urmat aproape o lună de lecţii de limba română, în apartamentul pontifical, într-o sală de primire în care îl găsea mereu pe Papă, însoţit de secretar. “De cele mai multe ori, secretarul îl însoţea până la o masă, Papa lua loc în capul ei şi în dreapta stăteam eu cu discursurile pregătite, cu anumite semne, cu accente. Şi Papa repeta cu tot efortul, cu toată răbdarea. Eram uimit”, îşi aminteşte monseniorul, care simţea în preajma celui de lângă el o “aură de protecţie”, venită dintr-o “umanitate sfântă”. Aşa a reuşit să scape de sentimentul de stinghereală pe care l-a avut la început în prezenţa Suvernului Pontif.

Acesta citea discursurile pregătite pentru vizita din România întrebând care este semnificaţia fiecărui cuvânt. “Eu i-am spus să rostească mai repede, chiar dacă nu înţelege. El a spus ”.

În Piaţa Sfântul Petru, monseniorul Lucaci ne povesteşte cu emoţie despre experienţa de atunci şi despre ocaziile următoare în care l-a întâlnit pe Sfântul Părinte. A rămas alături de Suveranul Pontif, ajutându-l de fiecare dată când acesta urma să vorbească în limba română cu diferite ocazii. În aprilie 2005, când Papa Ioan Paul al doilea s-a stins, părintele Anton Lucaci a plâns în piaţa Sfântul Petru alături de sutele de mii de credincioşi. “Am plâns. Nu am mai rezistat. Când au ridicat sicriul, mi-am pus mâna pe piept. Am simţit că mi se strânge inima”, îşi aminteşte părintele Lucaci. Pleca sfântul pe care el îl învăţase limba română, dar care îi dăruise în schimb ceva mult mai preţios: “limba sfinţilor”.

De câţiva ani, monseniorul Lucaci a renunţat uşor-uşor la îndatoririle sale bisericeşti, care îi ocupau întreaga zi şi îi transformaseră viaţa într-un fel de fugă. De-a lungul vieţii a fost preot la Parohia Santa Paola, capelan al comunităţii românilor de rit latin din Roma, coordonator naţional pentru românii catolici de rit latin din Italia, redactor şi apoi director programului de limbă română de la Radio Vatican până în octombrie 2012. Monseniorul Anton Lucaci are acum răgazul de a se ruga mai mult, de a se bucura de ziua de duminică sau de a aduna ce a mai scris „pe ici pe colo” cu gândul că „poate prinde bine cuiva”.

“Nu e potrivit să vorbeşti de Dumnezeu şi să nu te întorci la om”

Coborâm din casă pe strada pe care părintele Lucaci a străbătut-o zi de zi, până anul trecut, în drumul său spre Radio Vatican. Destinaţia nu mai e aceeaşi, dar monseniorul îşi aminteşte cum aproape în fiecare zi îl aşteptau acolo 5-6 români care îl rugau să-i ajute să-şi găsească un loc de muncă. “Pe atâţia români cu care am venit în contact, i-am ajutat numai pe motivul uman şi creştin, dar şi pentru faptul că suntem de aceeaşi limbă”, mărturiseşte părintele Lucaci, care nu poate trece indiferent nici acum pe lângă cei aflaţi în nevoie. În timpul plimbării noastre se opreşte adesea în faţa sărmanilor care îi cer ajutorul şi nu întoarce nimănui spatele.

Povestea monseniorul Anton Lucaci va continua la Roma, locul unde a avut prilejul să cunoască cinci papi. Despre actualul Suveran Pontif, Papa Francisc, care uimeşte întreaga lume prin atitudinea şi gesturile sale, părintele Lucaci spune că “îi salută pe cei pe care nu-i salută nimeni. Indirect, spune că orice fiinţă umană merită respect indiferent de aspect, de condiţie, de situaţie. Nu e uşor să vezi într-o faţă desfigurată chipul şi asemănarea lui Dumnezeu. Papa nu foloseşte cuvinte, ci foloseşte gesturile care vorbesc oamenilor despre om. Nu e potrivit să vorbeşti de Dumnezeu şi să nu te întorci la om”.

Ramona Loznianu este editor al ziarului Gândul

Raluca Ion este editor al ziarului Gândul

Sursa: Gândul

Quod erat demostrandum, film del rumeno Andrei Gruzsniczki, porta a casa il Premio Speciale della Giuria al Festival Internazionale del Film di Roma 2013

Quod erat demonstrandum - Recensione

Inviato il 19/11/2013 da Elena Pedoto

Bucarest, 1984. Un matematico di talento (Sorin) fa pubblicare i risultati di una sua importante ricerca sua un rivista statunitense senza chiedere il permesso alle autorità, ma il Partito Comunista Rumeno non la prende bene e decide di fargliela pagare, mettendogli alle calcagna uno dei suoi più fidati collaboratori. E nella persecuzione messa in atto ai danni di Sorin entreranno in gioco non solo la possibilità di fallire la carriera accademica (già ostacolata dalla continua impossibilità di pubblicare le sue ricerche) ma anche il futuro delle persone a lui più care, tra cui Elena Buciuman, una storica amica che sta tentando di raggiungere il marito (anche lui matematico), ‘evaso' in Francia e mai più rimpatriato. Tra pedinamenti, intercettazioni e falsità ognuno dei protagonisti sarà infine costretto a seguire la strada verso la propria ‘salvezza' nonostante ciò comporti passare sopra la fedeltà ai propri valori, alla propria etica e soprattutto ai propri sentimenti. Quod erat demostrandum, come volevasi dimostrare, ovvero la locuzione di prassi usata alla fine di ogni dimostrazione fisico/matematica rimanda dunque a una banale quanto inconfutabile verità: "quando il 'gioco' si fa duro il margine per tenere in considerazione le altrui necessità si assottiglia - in proporzione - sempre di più".
Come volevasi dimostrare

Quod erat demonstrandum - recensione - Cinema Se Le vite degli altri (già citatissimo nel confronto con questo suo ‘cugino' tematico Quod erat demostrandum - film rumeno in concorso all'ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma) apriva un varco ideologico e artistico sulla società della Berlino Est assediata dal Partito Comunista, Quod erat demostrandum (pur simile nella messa in scena delle dinamiche persecutive del partito comunista e del claustrofobico senso di non-libertà derivante), segue con maggiore ‘isolamento narrativo' e semplicità le dinamiche di una manciata di esistenze ugualmente condizionate (forzate) nelle loro scelte dal ‘burattinaio' comunista, avvolgendole in un bianco e nero atemporale e ancor più silente. Marionette alla mercé del volere del padrone, Sorin, Elena e lo stesso informatore della polizia sono infatti i protagonisti silenti di Quod erat demostrandum, inquadrati dal regista Andrei Gruzsniczki in una fase di conflittualità sociale destinata a divenire sempre più interiore e vissuta nell'ottica di un crescente condizionamento che limiterà non solo praticamente la loro vita (restare in Romania, fuggire in Francia, (s)vendere i propri amici in cambio della salvezza) ma anche e soprattutto la loro possibilità di relazionarsi con gli altri scevri da pressioni psicologiche. Andrei Gruzsniczki dirige un buon film che ritrae con rigorosa precisione la pressione e la paura instillate dal regime, potendo contare sull'ottima interpretazione di Ofelia Popii nei panni di Elena e di Sorin Leoveanu in quelli dell'omonimo protagonista Sorin. I loro personaggi, contenuti e anzi sottoesposti, restituiscono con rigore lo stato d'implosione inquadrato dal film ed evidenziano (in linea con la fotografia) la lenta ‘decolorazione' delle loro vite spiate, mercificate, e sempre più proibite.

Quod erat demostrandum, film del rumeno Andrei Gruzsniczki, porta a casa il Premio Speciale della Giuria al Festival Internazionale del Film di Roma 2013. Un riconoscimento meritato che sottolinea il tatto e la pregnanza di un’opera che mira a rappresentare il crescente appiattimento societario indotto dal ‘modus operandi’ dittatoriale.

VOTOGLOBALE7.5

Fonte: EveryEye

Premi: consegnati a Sergio Pretto e Raffaella Verga i Pannunzio

Roma, 23 nov. (Adnkronos) - Sono stati consegnati oggi pomeriggio a Torino i riconoscimenti del concorso letterario 'Mario Pannunzio'. Hanno vinto il primo premio della sezione Narrativa, ex aequo, il giornalista romano Sergio Pretto, con il romanzo d'esordio 'Novecento Rom', e la scrittrice ligure Raffaella Verga con 'L'effetto domino'. Gli altri premiati sono Michele Navarra secondo posto e Giorgio Alonico con Calogero Serce ex aequo al terzo posto. Nella sezione Poesia i vincitori sono invece Vincenzo Prete in ex aequo con Eugenio Ciuccetti (primo premio), Angela Ambrosini ex aequo con Manuela Bellodi (secondo premio) e terzo premio per Giulia Briano. 'Novecento Rom' di Pretto, pubblicato da Carta Canta, è un affresco inter-generazionale ambientato nel mondo di una famiglia di nomadi e ispirata a fatti realmente accaduti a cavallo tra la Seconda Guerra Mondiale, la caduta del regime del dittatore romeno Nicolae Ceausescu ed i giorni nostri. Il romanzo, già protagonista all'edizione 2012 e 2013 del salone del Libro di Torino, narra le drammatiche vicende di Decebal e di suo padre Simplon. Prima raccontando la rivolta contro il dittatore romeno e poi, attraverso una serie di flash back, gli anni della persecuzione nazista e dei campi di sterminio. Non un romanzo storico ma un intimo racconto delle avventure, degli amori e delle tragedie, fino al rocambolesco arrivo a Roma, in un campo nomadi di periferia, dei discendenti della nobile famiglia del 'Re dei Rom'. Per scrivere 'Novecento Rom', Pretto ha vissuto diversi mesi in Romania, documentandosi sulle storie ascoltate in prima persona dai vecchi zingari dei villaggi gitani ed accertandone la veridicità storica. Un rapporto, quello tra lo scrittore e gli zingari romeni, che ha portato quest'ultimi a tatuare sul braccio dell'autore il simbolo dell'appartenenza Rom che gli permette di entrare nei campi zingari di tutta Europa. Pretto è stato caporedattore al Gr1, in Rai, dopo aver scritto per 'Paese Sera' e 'Momento Sera'. Suo "maestro di strada e di cultura- lo definisce lo stesso autore- fu Pier Paolo Pasolini". Attualmente Pretto lavora al suo nuovo romanzo 'Lo Zingaro danzante', storia del pugile sinti che osò sfidare il Nazismo sul ring di Berlino nel 1933.
(23 novembre 2013)

Fonte: La Repubblica

Il console romeno

su Bugiardino
Autore: Marilù Oliva
Data:2013-11-17

Titolo: Il console romeno

Autore: Diego Zandel

Editore: Oltre Edizioni

Collana: edeia

Il libro: Ha scritto il critico Sergio Pent che Diego Zandel è “uno scrittore che sa rinnovare certe pieghe della letteratura cosiddetta di confine, ma con ampie falcate in una dimensione internazionale che è ancora poco di casa in Italia”.
Che sia così lo dimostrano anche i sette racconti qui riuniti, i cui riferimenti sono realtà di diverso ambito geopolitico – il rapporto palestinese/israeliano in Il fratello,la Grecia del post-colonnelli in La vendetta, la Romania di Ceausescu in Il console romeno, il mediterraneo in Duca Lamberti in crociera – mentre, pur ambientati in Italia, altri racconti si occupano di quelle frontiere che attraversano la nostra coscienza, in una dimensione fortemente noir come in In memoriam e Traguardo di sangue, con l’unica eccezione dello spiazzante Rosa shocking.
I racconti qui riuniti, sono stati scritti in tempi diversi e, perciò, diversi nelle motivazioni che li hanno ispirati così come nei contesti, sono la testimonianza che, quando uno scrittore è dotato di una forte impronta caratteriale, ritrova sempre nei materiali di cui si serve una unità difondo che costituisce la sua personale cifra narrativa.

Uscito ottobre 2013

Pag. 180

Euro 18

ISBN 9788897264248

ISTRUZIONI PER L’USO

Categoria farmacologica:

Radice di Arnica: fa stare meglio ed è un energico stimolante del sistema nervoso.

Composizione ed eccipienti:

Una bella scrittura limpida e corposa che accompagna sette racconti disegnati con precisione e un pizzico di nostalgia. Sciolti tra autobiografia e invenzione, i racconti sono stati scritti in tempi diversi, ma tutti convergono nel grande scenario storico del Novecento, di cui Zandel è grande narratore: dal conflitto palestinese/israeliano alla Romania di Ceausescu alla dittatura greca dei colonnelli.

Indicazioni terapeutiche:

Questo libro cura i dislivelli dell’anima.

Consigliato a tutti, benefico per:

Chi ha le mani che tremano.

Funzionari che hanno poca fiducia in sé.

Chi millanta il suo altruismo per poi pensare, subdolamente, al proprio tornaconto.

Chi non si rassegna che la vita vada così.

Controindicazioni:

Non assumere in prossimità di zone rumorose.

Posologia, da leggersi preferibilmente:

Sorseggiando da un bicchiere colmo di zuica.

Effetti indesiderati:

Se vi ritenete uomini privi di emozioni, vi ricrederete.

Avvertenze:

Conservare senza portarsi dietro dolori segreti .

Somministrazioni:

«Che la vita lì fosse dura lui se ne era reso conto quasi subito. Se l’albergo sfolgorava di luci e il cibo era di vasta scelta, con menù di alta cucina, la città appariva misera. I negozi erano vuoti, i mercati rionali vendevano solo mele, null’altro. Nella morsa della crisi energetica, quando calava il buio, le strade erano prime di illuminazione, nei negozi brillava tutt’al più una lampada di pochi kilowatt. La televisione trasmetteva programmi solo per due ore al giorno. I riscaldamenti, pur con quel freddo che si avvertiva soprattutto la sera, erano razionati».

«Tardo pomeriggio in una primavera incerta. Interno bar. I tubi al neon fanno scivolare una luce bianco opaca sui consunti marmittoni grigio azzurri del pavimento. L’ampia vetrina, immiserita di poche e vecchie confezioni di cioccolatini in mostra, si affaccia su una via periferica semideserta, ingombra di macchine parcheggiate sui marciapiedi. Ogni tanto il passaggio di un’automobile, più smesso il rumore roboante e fastidioso di un motorino. Dietro il bancone, una donna non più giovane, magra e piacente, pur nel disordine dei capelli trattenuti da mollette infilate a caso, asciuga con uno straccio il ripiano del banco di alluminio».

L’autore: Diego Zandel è nato nel campo profughi di Servigliano da genitori fiumani nel 1948. È autore dei romanzi Massacro per un presidente (Mondadori, 1981), Una storia istriana (Rusconi, 1987, Finalista Premio Napoli 1987), Crociera di sangue (Mondadori,1993), Operazione Venere (Mondadori, 1996), I confini dell’odio (Aragno, 2002), L’uomo di Kos(Hobby&Work, 2004), Il fratello greco (Hacca, 2010), I testimoni muti (Mursia, 2011), Essere Bob Lang (Hacca, 2012). Con Giacomo Scotti ha scritto Invito alla lettura di Andrić (Mursia, 1981). Suoi racconti compaiono in diverse antologie. È tradotto in Grecia e Croazia.

Fonte: L'Unità

Il quotidiano rumeno National promuove Scicli

scritto il 19 nov 2013

Il quotidiano rumeno National promuove Scicli. Grazie all’educational dei giornalisti stranieri tenuto in città. Più che un articolo giornalistico, una pagina di letteratura. E’ quella che Tatiana Covor ha scritto sul Jurnalul National, Romania, a pochi giorni dall’educational promosso dal Comune di Scicli e dalla Regione siciliana nella cittadina barocca, con i maggiori giornalisti stranieri di stanza a Roma.
Scrive Tatiana: “Arriviamo a Scicli, 26 mila abitanti: la mano di un bimbo sembra aver sparso case dappertutto, una sopra l’altra, strette, incollate, legate, affratellate, scorrono lungo le strade, si arrampicano sulle colline, la linea del cielo è spezzata da cupole, torri, croci, un’altra casa, una roccia… no, è una casa… no, invece è una roccia… Abbassi lo sguardo per difendere gli occhi dal riflesso della luce e ti capitano davanti i balconi, sorprendenti balconi appoggiati su forme fantastiche o, quantomeno, gigantesche. Sirene, animali, maschere terrificanti, le mostruose forme del barocco”.

Fonte: RTM

Maddalena, "Non chiamatemi Miss"

Ritratto di Dario Pallotta
17Nov

Avezzano - Ha 20 anni e studia mediazione linguistica all'università de L'Aquila. Parla Romeno, la sua lingua madre, italiano, inglese,francese e spagnolo. Le piace mangiare tanto e tutto.

E soprattutto, non vuole fare la modella. Lei si chiama Maddalena Netedu,ed è ultimo volto marsicano scoperto dal fotografo delle Miss, Antonio Oddi.

"Sono stata sempre restia ad entrare nel mondo della moda - racconta Maddalena, mentre sorseggia un caffè- non mi è mai piaciuto : ho accettato di farmi fotografare da Antonio perchè ritengo il suo progetto spettacolare".

Una proposta, quella del fotografo marsicano, che ha messo a confronto due età difffrenti: la signoria Maria di 90 anni e la modella ,"per un giorno" , Maddalena. Quale è stato il risultato? " Tante risate e una grande lezione di vita".

"Ci sarà sempre qualcuno che ti parlerà alle spalle - afferma la raggazza- l'importante è andare avanti a testa alta; se ci sarà di nuovo un'occasione, dove si potrà unire la bellezza di una donna con il fascino di una donna di 90, sarò onorata di partecipare."

In poche parole Maddalena ci vuol far capire che potrebbe, da un momento all'altro, cambiare idea sulla moda ad una condizione però: basta che sia per un fine socialmente utile.

E mentre Maddalena ci racconta la prima volta che è venuta in Italia, a Roma, che le piace il mare, Pescara, ed ama ballare le canzoni del momento, ci saluta e ci ricorda di non doverla mai chiamare "miss".

Fonte: Terre Marsicane

Rumena apre disco pub con sexy spritz in bikini

Nasce La Clotze gestito dalla ventenne Brenda, con dieci collaboratrici maliziose che serviranno l’aperitivo in abiti succinti e provocanti

PADOVA. La formula è simile a quella proposta dalla sexy barista Laura Maggi a Bagnolo Mella, ma in salsa veneta. Anzi, venetissima. In via Eulero, al civico 24, nasce La Clotze, disco pub gestito da una ventenne rumena. Brenda, così si chiama la ragazza, ha idee chiare e innovative su come coniugare allegria, divertimento e momenti piccanti.

Sexy Spritz. “Il locale apre alle 18, con servizio bar e birreria – spiega Brenda – Le mie collaboratrici ed io ci trasformiamo, e, al posto dell'happy hour, comincia il Sexy Spritz. L'aperitivo viene servito in abiti piccanti a tutti i clienti, che possono rilassarsi e scambiare due chiacchiere con noi in tranquillità e con più attenzioni rispetto a quelle riservate da un barista distratto. Dalle 22 la situazione si fa ancora più maliziosa, ma sempre nei limiti del lecito, fino alle 4.00 di notte”.

Tradizione veneta. Niente lap dance: “La Clotze – continua Brenda – si può definire un 'sexy disco pub', che segue, nella cura della somministrazione delle bevande, la tradizione veneta. Una tradizione di cui io stessa mi sono innamorata: da quando sono in Italia ho avuto modo di tornare in Romania una decina di volte. Ogni volta ho preparato lo spritz, nelle sue varie versioni, ai miei amici – conclude – La differenza fra questo e altri locali è che io e le mie collaboratrici, 10 ragazze bellissime di tutti i Paesi del mondo, oseremo di più, in termini di abbigliamento e malizia”.

Listino anticrisi. L'ingresso è gratuito, senza tessere o biglietti di sorta. E il listino prezzi è anticrisi: “La situazione in Italia non è delle migliori, lo sappiamo bene. Investire è un rischio per tutti, me compresa. Ma con un pizzico di cortesia in più, pur a prezzi contenuti, sono sicura che non deluderò nessuno dei miei clienti. Provare per credere – insiste – Ci sono discoteche e night club che impongono prezzi di 15/20 euro a bevuta. Da noi il listino è allineato a quello di un qualsiasi disco pub o locale notturno. Solo che davanti e dietro al banco ci sono le ragazze più sexy di Padova”.

14 novembre 2013

Fonte: Il Mattino di Padova

Stop alla violenza sulle donne

Fonte: Levoltapagina



Leggi anche:
Femminicidio, ecco come difendersi

Rumorosi e arrabbiati contro lo sterminio romeno

Manifestazione a Treviso organizzata da Enpa, Oipa e Lav

Presenti l'eurodeputato Zanoni, il sindaco e il presidente della provincia

Roma, 11 novembre 2013 - Sabato 9 novembre 2013, Treviso è stata pacificamente invasa da rappresentanti e attivisti delle associazioni animaliste e comuni cittadini, che hanno chiesto di fermare il massacro dei cani in Romania. L’eurodeputato Andrea Zanoni del gruppo ALDE, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo ha partecipato alla manifestazione organizzata da OIPA, ENPA e LAV.

Il corteo di una cinquantina di persone si è snodato da piazza Rinaldi, per percorrere poi Calmaggiore, piazza dei Signori fino a piazza Borsa, dove al presidio si poteva firmare la petizione per fermare il massacro. Alla manifestazione hanno preso parte anche il Presidente della Provincia Leonardo Muraro, il sindaco d Treviso Giovanni Manildo e quello di Ponzano Veneto (TV), sede del canile multizonale Giorgio Granello, che è anche segretario provinciale della Lega Nord.

Il Governatore veneto, Luca Zaia, ha inviato una lettera di solidarietà ai manifestanti. Zanoni ha incontrato in Municipio il sindaco Giovanni Manildo, che ha consegnato alla delegazione OIPA, ENPA e LAV la lettera inviata al sindaco di Timisoara, con cui Treviso è gemellata, e in cui ha chiesto interventi a tutela degli animali e lo stop al massacro.

"La risposta accorata dei trevigiani che hanno firmato in centinaia la petizione è la dimostrazione di quanto sia sentita la terribile vicenda che vede migliaia di cani uccisi barbaramente in Romania dopo l’approvazione da parte del Parlamento rumeno della legge che permette lo sterminio di massa - ha affermato Zanoni - Mi ha fatto molto piacere vedere il Presidente Muraro, il sindaco di Treviso Manildo e quello di Ponzano Granello appoggiare la manifestazione prendendovi parte attivamente".

"Da Bruxelles abbiamo già chiesto più volte alla Romania di adottare una gestione del randagismo non violenta basata ad esempio su tecniche indolori come la sterilizzazione. La legge approvata dal Governo e avallata dalla Corte Costituzionale rumena che ha convalidato le uccisioni di massa dei cani randagi costituisce un affronto all’intera Ue e a quei milioni di amanti degli animali che non vogliono assistere ad atrocità inaccettabili nell’Europa del XXI secolo", ha proseguito Zanoni.

"Così facendo la Romania sta andando contro i principi alla base dell’Unione europea di cui fa parte. La mia battaglia e quella delle tantissime persone che non accetteranno mai tali barbarie non si fermerà fino a quando quella assurda legge non verrà cancellata. Entro fine anno andrò con una delegazione di colleghi deputati dell’Intergruppo per la Conservazione ed il Benessere degli Animali ad incontrare direttamente a Bucarest le autorità rumene per chiedere l’abolizione di questa scellerata norma".
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net

Fonte: Quotidiano.Net

Dal fucile parte un colpo per errore Pavia, vittima un cacciatore romeno

Dal fucile parte un colpo per errore Pavia, vittima un cacciatore romeno
24 novembre 2013

Dinu Balazs Timis, residente a Lodi, aveva 34 anni. Con lui c'era un amico, rimasto illeso. Dall'arma del 34enne sarebbe partito un colpo che lo ha raggiunto alla giugulare

22:16 - Morte assurda a Menconico (Pavia), dove un uomo di 34 anni è stato ucciso per errore da un colpo del suo fucile. Dinu Balazs Timis ha preso una carabina dai sedili posteriori della sua auto. Dall'arma, secondo l'amico che era a fianco, è partito un colpo che ha raggiunto la giugulare. Poi, in conseguenza del colpo, il piede si è spostato dal freno e la vettura, una Ford Galaxy, si è messa in moto, finendo in un bosco e ribaltandosi.

Secondo la ricostruzione fornita ai carabinieri dal passeggero dell'auto, anch'egli romeno, residente a Bascapè, nel Pavese, i due erano in zona per una battuta di caccia al cinghiale. Timis avrebbe accostato l'auto al ciglio della strada e preso dai sedili l'arma. Poi, la tragedia. L'amico, una volta uscito dalla vettura, ha dato l'allarme. Per il conducente dell'auto non c'è stato nulla da fare.

Fonte: TGCOM24

domenica 24 novembre 2013

Primo impegno per il neo eletto presidente Pittella: lunedì incontro con delegazione Romania

Il neo eletto presidente della Basilicata, Marcello Pittella
Basilicata 

Potenza - (Adnkronos) - Per dare seguito al protocollo sottoscritto lo scorso anno, finalizzato allo scambio di conoscenze e buone pratiche nell'ambito di progetti comunitari

Potenza, 23 nov. (Adnkronos) - Primo impegno istituzionale per il neo eletto presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, non ancora in carica in attesa della proclamazione della Corte d'Appello. Sara' presente lunedi' alla visita di una rappresentanza istituzionale della Romania, guidata dal presidente della Provincia di Gorj Ion Calinoiu. La delegazione rumena sara' a Potenza per dare seguito al protocollo sottoscritto lo scorso anno con la Regione Basilicata, finalizzato allo scambio di conoscenze e buone pratiche nell'ambito di progetti comunitari. L'incontro si terra' alle ore 11 nella sala Verrastro del palazzo della Giunta.

Fonte: Adnkronos

Gela, scomparsa sedicenne rumena

di Giuseppe D′Onchia - Pubblicato il 20 Novembre 2013

Da venerdì 8 novembre scorso, non si hanno più notizie di una ragazzina rumena di 16 anni, che vive assieme ai genitori e a due fratelli di 13 e 7 anni, in uno stabile di via Milazzo, nel quartiere Carrubbazza a Gela. Si tratta di Ana Maria Tatan. La sedicenne, che frequenta l’istituto Alberghiero, si è volatilizzata nel nulla. Alla mamma, Alina Nicoleta Tatan, aveva detto che sarebbe andata da un’amica, ma da quel momento si sono perse le tracce. Una regolare denuncia di scomparsa è stata presentata alle forze dell’ordine. Più volte i genitori della ragazzina (la mamma lavora in un bar e il padre è un muratore) hanno tentato insistentemente di chiamarla al telefono, perennemente irraggiungibile. Non è la prima volta che la sedicenne fa parlare di se. Due mesi fa aveva lasciato la sua abitazione per farvi ritorno dopo una settimane. La madre scoprì che aveva trascorso quel tempo a casa di un’amica. Chiunque avesse notizie, può contattare le forze dell’ordine, o chiamare i seguenti numeri telefonici: 389/9517550 – 380/4637589

Fonte: TG10

Fuori pericolo la fidanzata del rumeno morto nell’incidente di Acate

23/11/2013
Cronaca | Acate

Lei ha 33 anni

Acate - E’ stata sciolta la prognosi della rumena (N.N. di 33 anni) che è rimasta coinvolta nell’incidente stradale di giovedì sera verificatosi alle porte di Acate, sulla circonvallazione e che è costato la vita al 42enne rumeno Aurel Nekhifor. Dopo essere stata ricoverata all’ospedale Guzzardi di Vittoria in prognosi riservata, i medici l’hanno giudicata guaribile in 40 giorni salvo complicazioni.

La coppia viaggiava in sella ad una Vespa quando per cause da accertare da parte della Polstrada si è scontrata con un’Audi A6, condotta da un 50enne di Acate rimasto illeso, che percorreva la circonvallazione, mentre lo scooter usciva da una traversa. Insieme al 50enne, anche un 23enne di Vittoria che ha riportato lievi ferite. Il romeno viveva a Vittoria ed era occupato nell’ambito dell’attività agricola. Saranno gli agenti della Polizia stradale ad accertare eventuali responsabilità.

Sulla circonvallazione di Acate non è raro imbattersi in scooter o biciclette che procedono anche senza luce; lo stesso tratto stradale, in passato, è stato spesso anche per questa ragione teatro di altri incidenti stradali.

Michele Farinaccio

Fonte: RagusaNews


Leggi anche:
Scontro auto-scooter: un morto sul colpo
Acate, auto contro scooter. Muore rumeno, prognosi riservata per la fidanzata

Uomo travolto e ucciso da un'auto nella notte a Ranzo. Mistero sulla dinamica

Ranzo - Accertamenti sono in corso per ricostruire la dinamica dell'accaduto e per capire per quale motivo la vittima stesse circolando a quell'ora per una strada così fuori mano. Maggiori informazioni nel corso della mattinata

Un clochard romeno di 49 anni, Ioan Creanga Dorinel, è stato travolto e ucciso da un'auto, una Alfa Romeo 159, condotta da un impiegato savonese, A.V., di 29 anni, intorno alle 3, in località Bacigalega di Ranzo, sulla statale 453 che collega Pieve di Teco, ad Albenga (Savona), nell'entroterra di Imperia.

A nulla è servito il tempestivo intervento del personale sanitario del 118, l'uomo è deceduto e sul posto è intervenuto anche il medico legale.

Accertamenti sono in corso da parte dei carabinieri per ricostruire la dinamica dell'accaduto. La vittima era già stata segnalata, nel pomeriggio, da alcuni automobilisti che lo avevano visto camminare in maniera sconnessa tra le gallerie della zona.

L'investimento è avvenuto in una zona particolarmente buia. Il conducente del veicolo è stato sottoposto agli esami del sangue per verificare l'eventuale assunzione di alcol o stupefacenti; mentre la salma del romeno è stata affidata all'autorità giudiziaria, che ha già disposto l'autopsia.

Stando a quanto finora ricostruito, pare che il romeno stesse camminando in mezzo alla carreggiata, all'uscita di una curva, quando è sopraggiunto il veicolo, il cui conducente non ha potuto far altro che investirlo. Al momento, tra l'altro, non è ancora ben chiaro se la stessa vittima fosse sobria o ubriaca.

L'automobilista verrà indagato per omicidio colposo, ma come atto dovuto, visto che potrebbe, un domani, al processo, risultare parte lesa.

di Fabrizio Tenerelli
17/11/2013

Fonte: Riviera24

Incidente a Piscina, una donna trasportata al Cto

L'incidente è avvenuto questa mattina verso le 8.30 nei pressi del raccordo autostradale di Piscina. Una donna è stata trasportata in elisoccorso al Cto di Torino

Redazione· 11 novembre 2013

Un violento incidente è avvenuto questa mattina verso le 8.30 a Piscina, nella bretella che conduce all'autostrada Torino-Pinerolo, in direzione del capoluogo. Una Citroen C3, sulla quale viaggiavano due donne (una residente a Piscina e di origine romena, M.T., e l'altra, L.L., pinerolese) è stata tamponata da un'Alfa Romeo 159, che era guidata da un uomo di Cumiana.

A causa dell'incidente, la donna romena (di 44 anni) è stata trasportata in elisoccorso dal 118 al Cto di Torino, mentre l'altra è rimasta ferita in modo meno grave. Illeso, invece, l'uomo alla guida dell'Alfa Romeo. Per la conducente della Citroen i medici non si sono ancora pronunciati sulla sua prognosi.

Sul luogo dell'urto è intervenuta la polizia stradale per i rilievi, e il traffico ha subìto dei rallentamenti.

Fonte: TorinoToday

Incidente sulla SS106, travolto 31enne rumeno

Indagini in corso da parte degli agenti di Polstrada e questura

Dal Comando provinciale della Polizia Stradale di Reggio Calabria,
Riceviamo e pubblichiamo:
Comunicasi che alle ore 02:00 odierne, sulla SS 106 Jonica del Comune di Reggio Calabria, precisamente alla chilometrica 0+200 si è verificato un incidente stradale con esito mortale in cui rimaneva coinvolta un’autovettura Renault Clio ed il pedone di nazionalità rumena Tuinea Fanel di anni 31 e residente alla Frazione Pellaro (RC) che decedeva sul posto.

Per l’incidente stradale di che trattasi, sono in corso accertamenti atti a ricostruire l’esatta dinamica in collaborazione con personale della Squadra Mobile della locale Questura, tenuto anche conto, che il pedone, nella circostanza dell’evento si trovava in compagnia di altre persone ai margini della medesima strada teatro del sinistro.

I rilievi di rito e le attività di competenza di questa Sezione Polizia Stradale di Reggio Calabria diretta dalla D.ssa Giuseppina PIRRELLO sono state coordinate sul posto dall’ Ufficiale di P.G. reperibile Ispettore Capo Chiarella Maurizio sotto le direttive del magistrato di turno della Procura della Repubblica Dott. Matteo Centini.

La salma, dopo il riconoscimento avvenuto sul posto da parte di alcuni parenti e stata trasportata presso la sala mortuaria degli ospedale riuniti di Reggio Calabria ove trovasi a disposizione dell’A.G., mentre, l’autovettura coinvolta, per analoghe esigenze d’indagine è stata posta in sequestro.

La circolazione stradale, grazie alla presenza di numerose pattuglie della Polizia Stradale e della Questura di Reggio Calabria, non ha subito particolare disagio.

Domenica 10 novembre 2013

Fonte: ReggioTV

Cadavere in uno stabile in disuso: disposta l'autopsia per stabilire le cause della morte

Su segnalazione di un gruppo di romeni, i carabinieri di Codogno hanno ritrovato stamattina il cadavere di un uomo in un fatiscente stabile disabitato. Il corpo di N.T., 56enne romeno, era al termine di una ripida rampa di scale. Il decesso risulterebbe avvenuto nella nottata e non si esclude possa essere scivolato ed aver battuto violentemente la testa. Il cadavere è stato trasportato all'Università di Pavia per l'esame autoptico da parte del medico legale intervenuto in luogo.

Mercoledì 13 Novembre 2013

Fonte: Il Messaggero

Suicida un ventisettenne rumeno a Badolato

Scritto da Redazione 
Venerdì, 15 Novembre 2013

BADOLATO - Nella serata di giovedì, intorno alle 21:30 nel piazzale di via Mazzini a Badolato Marina, un ventisettenne di origini rumene, Copilu Stefan Dan, si è tolto la vita impiccandosi. Come riporta il sito badolato.weboggi.it, il corpo è stato notato da alcuni passanti che hanno allertato immediatamente le forze dell'ordine. Secondo quanto riscostruito dai Carabinieri, il giovane si sarebbe tolto la vita in seguito ad una delusione d'amore. Il ragazzo infatti, descritto da tutti come una persona seria ed educata, integrata nella comunità badolatese, non sopportava il fatto di aver perso la persona che amava fino a decidere di porre fine alla sua vita. La donna, dopo una convivenza con lo stesso Stefan, sarebbe tornata in Romania, decretando la fine della loro storia.

Fonte: Soveratiamo

Reggio: trasferita, tra le polemiche, la salma del rumeno assassinato ad ottobre

Martedì 12 Novembre 2013

Riceviamo e pubblichiamo - Finalmente la salma del giovane rumeno Ioan Lacatus ucciso a San Gregorio a poca distanza dall’Aeroporto di Reggio Calabria e il cui cadavere era stato trovato su una Alfa Romeo bloccata in bilico sul molo del pontile di San Gregorio probabilmente per essere spinta in mare, è stata trasferita con il volo Reggio-Roma, delle ore 18.45, di lunedì 11 novembre per poi proseguire per Bucarest.

E’il caso di ricordare che all’interno dell’Alfa Romeo, insieme al ventottenne rumeno, vi era il cadavere della trentacinquenne rumena, jone Hoholea, uccisa a colpi di pistola.

Solo grazie alla pazienza e tenacia della Presidente dell’Associazione” Santa Maria” di Reggio, la D.ssa Elvira Aurora Leta - delegata dalla famiglia Lacatus, che assiste ed aiuta gli immigrati in Italia “, si è riusciti a superare difficoltà e ostacoli frapposti per trasferire la salma.

Infatti, la famiglia del rumeno Lacatus, che vive in Romania in condizioni indigenti e di assoluta povertà, non disponeva di mezzi per pagare il trasferimento della salma.

Per questo la Presidente dell’Associazione Leta si premurava, l’otto ottobre u.s presentare al Comune di Reggio la richiesta per erogare un contributo per le spese e essere aiutata nelle procedure burocratiche, ma, in tutto questo periodo,ha dovuto constatare disinteresse, pigrizie incomprensibili , mancanza di risposte.

C’è da osservare che, pochi giorni prima, nell’incontro chiesto dal CIDS al Prefetto di Reggio, il Dott Vittorio Piscitelli , sulla crescita impressionante della violenza, sul punto il Prefetto,con la sensibilità che lo distingue, aveva condiviso l’esigenza che le istituzioni intervenissero per risolvere questi casi umanitari

Anche la Regione , ai sensi della legge 29/2009,può intervenire per “l’adozione di apposite misure volte a facilitare il rimpatrio di salme di cittadini stranieri “, ma, purtroppo, lunedì 11 recataci nella sala mortuaria degli Ospedali Riuniti, c’era solo la Presidente dell’Associazione Leta esasperata per le difficoltà incontrate.

E’auspicabile che ciò non succeda più .

Rivolgiamo invito alla Commissione Straordinaria al Comune per dare indicazioni e direttive precise e farle attuare; prevedere nel bilancio una determinata somma da erogare per contribuire a coprire le spese per il trasferimento ,ove , malauguratamente dovessero verificarsi altri casi; istituire una ristretta commissione per esaminare eventuali richieste dovessero presentarsi.

Demetrio Costantino Presidente CIDS- Comitato Interprovinciale per il diritto alla sicurezza

Fonte: Strill

La badante va via con i soldi ma per il giudice non è reato

LAEURRU

SASSARI. L’amore tra l’avvenente badante e romena e il pensionato era filato liscio per circa un anno. Un idillio fatto di carezze, complicità e bonifici bancari. Tanti bonifici bancari. Troppi secondo un arzillo settantaseienne di Laerru che dopo aver visto il conto in banca ridursi all’osso ha deciso di porre fine al grande amore.

Quarantacinque anni ben portati, la dolce metà arrivata dall’Est prima del fidanzamento con il pensionato si era occupata della vecchia matrigna dell’uomo. Finita la storia d’amore la donna aveva fatto le valige ed era andata via. Solo qualche giorno dopo la partenza l’uomo si era accorto che in casa, oltre alla presenza femminile che aveva allietato le sue giornate per un anno, mancavano una decina di paia di lenzuola ricamate a mano di proprietà dell’anziana matrigna. Così tre anni fa, ancora con il cuore spezzato, il pensionato si è rivolto dai carabinieri. Ai militari aveva raccontato di tutti quei bonifici (circa 40mila euro), delle spese per far sostenere l’esame della patente alla fidanzata (altri 1000 euro), dei tanti biglietti aerei per andare in Romania a trovare i parenti e infine di quelle lenzuola ricamate che avevano un valore non solo affettivo. Qualche giorno fa la vicenda è finita davanti al giudice Antonietta Crobu. Il pensionato in aula ha ripercorso le tappe di quell’amore e di tutti quei bonifici sul conto dell’ex fidanzata romena. «Non le bastavano mai, voleva sempre più soldi» ha detto l’uomo con un pizzico di rammarico. Davanti alla legge però la donna, difesa dall’avvocato Antonio Secci, non ha commesso alcun reato. Il giudice ha stabilito che per i doni (i tanti bonifici) dell’ex fidanzato non può essere perseguita e per le lenzuola avrebbe dovuto essere denunciata dalla proprietaria, la matrigna del pensionato. Cosa che non è mai avvenuta e che ha portato alla sua assoluzione. (l.f.)

11 novembre 2013

Fonte: La Nuova Sardegna