La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 29 dicembre 2013

In decembrie noi apariții editoriale la Rediviva: Viorel Boldiș si Julio Monteiro‏

Editura Rediviva din Milano își îmbogățește spre sfârșit de an, colecția Phoenix, dedicată poeziei, cu două volume care aparțin a doi poeți contemporani: Viorel Boldiș de origine română și Julio Monteiro Martins născut în Brazilia. Casa de editură Rediviva din Milano, prima casă de editură românească din Italia, a publicat în decursul anului 2013 opt volume încadrate în diferite colecții (poezie, romane, culegere de povestiri) . Rediviva a fost prezentă în acest an la mai multe târguri si evenimente editoriale italiene: Salonul de Internațional de Carte de la Torino, Festivalul de Literatură, BOOKcity Milano etc.

"MORARUL ZEILOR. Poezii din străinătate", este titlul culegerii de poezii a poetului Viorel Boldiș. Volumul care apare în limba română, poartă în conținutul său suferința și nostalgia celor care au plecat de Acasă, dorul care rămâne o constantă oriunde esti, oriunde te poarta pașii. Viorel Boldiș dă mărturie prin poezia sa, sentimentelor delicate care străbat ființa umană în momentul depărtării de casă și se dovedește un fin cunoscător al celor două lumi, al celor două realități: Aici si Acasă. Între Aici și Acasă - două coordonate care străbat ca un leit-motiv poezia autorului - este un univers întreg: casa, familia, prietenii, cântecele, tradițiile și mai ales amintirile.

Străine sărbători

Crăciunu-ți e departe, Crăciun printre străini,
Asculți cu ochii-n lacrimi colinde și suspini.
Ți-e plină masa, iată, dar tu suspini și taci
C-ai vrea și tu acasă Crăciunul să ți-l faci.

S-auzi câinii cum latră și-n poartă cum îți bat
Colindătorii satului cu sufletul curat,
Să-i lași să-ți intre-n casă, să-ți cânte lin, duios,
Colindele ce-anunță Nașterea lui Hristos.

Dar nu-i nimeni pe stradă, colindători nu vin.
Amar mai ești Crăciune, Crăciunule străin,
Că poți să ai de toate, și bani și masa plină,
Prietenii-s departe și nimeni n-o să vină.

Tu taci ș-asculți întruna cum leru-i iarăși ler
Și sufletu-ți se 'nalță cu steaua sus pe cer
Și fuge precum gândul în satul tău sărac...
Tu lasă-l să se ducă, atâta fă-i pe plac.

Sufletu-ți e departe, doar tu printre străini,
Asculți cu ochii-n lacrimi colinde și suspini.
Aștepți să latre câinii, aștepți colindători...
E-aproape dimineață... străine sărbatori.

(poezie din volumul: Morarul zeilor)

LA GRAZIA DI CASA MIA, așa intitulează volumul, Julio Monteiro Martins, una dintre vocile italofone, de origine braziliană, cele mai apreciate în panorama literară contemporană. O carte care ne conduce spre casa, spre radacini, pe care autorul Julio Monteiro Martins, o imaginează într-o călătorie interioară, construită din amintiri, dar și una geografică, printre reliefurile braziliene.

Autorii:

Julio Monteiro Martines. S-a născut la Niteròi in Brazilia. În țara sa, a publicat mai multe volume de povestiri, eseuri, romane, între care: Torpalium, Sabe quem dançou?, A oeste de nada și O espaço imaginário. A predat ca profesor de literatură la Goddard College (Vermont) între 1979 și 1980, la Institutul Oficina Literária Afrânio Coutinho (Rio de Janeiro) din 1982 până în 1989, la Institutul Camões din Lisabona în 1994 și în cadrul Institutului Pontifical al Universitatătii Catolice din Rio de Janeiro în 1995. A primit titlul de "Fellow in Writing" al Universității din Iowa (International Writing Program) în 1979. Actualmente predă limba și literatura portugheză la 'Universitatea de Studi din Pisa. Este redactor al revistei Sagarana (http://sagarana.net/ ). In Italia a publicat: Il percorso dell’idea (petits poèmes en prose, 1998), Racconti italiani ; La passione del vuoto (Besa Editrice, 2003); Madrelingua (Besa Editrice, 2005); L'amore scritto (Besa Editrice, 2007).

Viorel Boldiș. Poet și prozator, născut la Oradea, în 1966. Din anul 1995 trăiește în Italia. Autor a numeroase nuvele, povestiri și poezii, a câștigat în Italia în decursul anilor numeroase premii literare între care: ”Culture a confronto’‘ Brescia (2000 și 2003), Premiul Național pentru poezia Eks&Tra 2005. În 2009 în cadrul Concursului pentru literatura de copiii “Sono partito dall’altra parte del libro per incontrarti” câștigă premiul cu povestirea Amir, căruia îi urmează în 2010 la Trieste: premiul International Poetry Slam și în 2011, premiul Scrivere Altrove pentru dubla sa participare ca poet și prozator. În anii 2011 și 2012 a fost premiat cu Diplomă de Excelență Culturală din partea Parlamentului României. Poeziile și nuvelele sale au fost publicate în diferite reviste și anotologii literare din Italia. A publicat volumele de poezii: Da solo nella fossa comune (Gedit, 2006), Rap…sodie migranti (Centro Studi Tindari Patti, 2009); povestirea: Amir (Sinnos, 2009), Il fazzoletto bianco (Topipittori, 2010) cu ilustrații semnate de Antonella Toffolo. În 2013, cu ocazia Salonului Internațional de carte de la Torino lansează la editura Rediviva, volumul: în limbile română și italiană: “150 grammi di poesia d’amor” (150 de grame de poezie de dragoste).

Milano, Biroul de Presă - Editura REDIVIVA
www.redivivaedizioni.com

“Io romena, devo dire grazie all’Italia”

di Chiara Maffioletti

Un collega, Davide Vannucci (su Twitter lo trovate come @vannuccidavide) ha intervistato Raluca Teodor Mocrei, una ragazza romena che in Italia ha capito di avere un talento, una predisposizione che non era mai riuscita a vedere prima di venire ad abitare a Roma. Ora sta provando a costruirci attorno una professione. Ecco come:

Non serve scomodare Goethe o Stendhal. Ancora oggi il grand tour in Italia può essere fonte di ispirazione, quando il viaggio diventa arte, letteratura, esaltazione del Bello. Raluca Teodor Mocrei è nata in Bucovina, Nord della Romania. Infanzia in una famiglia anomala, per gli standard del Paese, in un ambiente bilingue. Studi in Relazioni Pubbliche all’università di Bucarest, la migliore del Paese, quella in cui, all’epoca di Ceausescu, si plasmava la propaganda di regime e a cui ancora oggi i politici della Romania democratica si rivolgono per consulenze di immagine.

Anche lei si è specializzata in marketing applicato alla politica. Eppure, sin da adolescente “sognava di vivere altrove, senza sapere dove”. Poi, dopo un Leonardo in Belgio – settore di interesse, la e-democracy – e un Erasmus a Perugia, ha deciso di vivere in Italia. I soliti problemi burocratici, per il riconoscimento della laurea. All’epoca, oltretutto, la Romania non faceva parte della Ue. Poi, un master in comunicazione pubblicitaria e design strategico, sempre in Umbria. Racconta Raluca: “Ho lavorato 6 anni come ghostwriter, scrivendo su argomenti di business e relazioni pubbliche, per un’azienda americana. Ho fatto l’interprete e la traduttrice. A Bucarest avevo avuto alcune esperienze come news editor per una televisione locale. Insomma, pensavo di seguire un’altra carriera”.

E qui entra in ballo la sindrome di Goethe, senza tirare in ballo Stendhal: “L’Italia, la sua bellezza, ha tirato fuori la creatività che era dentro di me, anche se in modo latente. Ho cominciato a lavorare come fotografa, ho organizzato mostre, ho eseguito lavori su commissione”. Il talento si è fatto multiforme, Raluca ha partorito le idee per un paio di collezioni, una di vestiti, l’altra di pupazzetti., grazie a una sorta di imprinting materno: “Da piccola, per gioco, mi piaceva disegnare abiti. Mia mamma lavorava, con un ruolo manageriale, per una delle tante fabbriche collettive di abbigliamento. Poi, dopo la caduta del muro, è passata ad una piccola azienda, una di quelle che lavorano per i grandi marchi, quando scelgono di delocalizzare ad Est”.

La sua storia personale è un turbinio di professioni: copywriter, creative director, fashion editor per una rivista on line, con trasferimento a Roma, dietro proposta di un’amica. Poi, la svolta: “Volevo fare qualcosa che potesse unire l’intuizione visiva con la scrittura. Così è nata l’idea del blog. Il suo scopo non è didattico. Non voglio insegnare alla gente come si deve vestire. Voglio ispirare le persone, regalare loro qualche slancio emotivo, stimolare la creatività altrui”.

Latte Fashion Delicious, il blog di Raluca (www.lattefashiondelicious.com),  è eclettico come la personalità di chi lo ha inventato. Ci sono riflessioni filosofiche, spunti comici, consigli di stile. C’è una sezione in cui l’autrice presenta le sue idee in materia di moda, un argomento su cui, ovviamente, è piuttosto perentoria: “Non amo le etichette. Non mi piace essere definita una hipster, o vestirmi sempre in materia vintage, o signorile. L’atto con cui una persona sceglie cosa mettersi, ogni mattina, rappresenta un momento della costruzione del sé. Tutti i giorni decidiamo chi vogliamo essere attraverso gli abiti. È sbagliato considerare in maniera superficiale la cura del proprio corpo e del proprio aspetto. Grazie alla moda, ogni giorno possiamo essere qualcun altro”. Il blog contiene moltissime fotografie, e non solo di styling. Ci sono lavori commissionati e progetti più personali. Interni di case romane, vicoli, angoli liberty, palazzi in rovina, sconosciuti ai più. C’è una parte dedicata ai video di moda, da potenziare (“ho decine di script”, dice, ”avrei bisogno di una collaborazione”). C’è una sezione dedicata ai design floreali, dove ritorna l’imprinting familiare: “Mia nonna faceva la fioraia. Sono cresciuta con queste immagini e con la passione per i bouquet”.

Anche per Raluca c’è una quota di Bello che non viene conosciuta, e quindi valorizzata: “A Roma non c’è una vera e propria industria della moda, quantomeno non è paragonabile a quella di Milano. Però in certi quartieri, penso a Monti, ci sono tante botteghe artigianali, tante fabbriche di design, espressione del genio italico. Io vorrei farle conoscere. È il mio modo di ringraziare l’Italia, che ha mi ha permesso di conoscere me stessa”.

Fonte: Solferino28 - Corriere della Sera

Boxe. Domenica a Ugento sifda tra Italia e Romania

Sabato 28 Dicembre 2013

Il PalaOzan ospiterà il VI Galà Pugilistico Città di Ugento tra le rappresentative italiana e rumena, nel segno di Mandela...

È proprio il caso di dirlo: il conto alla rovescia è iniziato. Mancano difatti pochi giorni per l'inizio della sesta edizione del Galà Pugilistico – Città di Ugento. La prestigiosa kermesse, in programma domenica 29 dicembre (a partire dalle ore 19,00) all'interno del PalaOzan-Tiziano Manni di Ugento, anche quest'anno si accinge a regalare grandi emozioni per il corposo pubblico chiamato ad assistere ad uno dei principali eventi sportivi organizzati nel Salento.

La manifestazione è organizzata grazie alla sinergia dell'Assessorato allo Sport di Ugento, all'A.S. Eventi & Sport e alla società pugilistica BeBoxe di Copertino.

Particolarmente raggiante per l’avvicinarsi del 29 dicembre, è il massimo responsabile della macchina organizzativa: «Dopo aver affrontato un periodo denso di incombenze legate ai preparativi della kermesse, è oramai cominciato il count down – spiega l’organizzatore Totò Carafa – La boxe è uno sport meraviglioso; sul ring si ha la consapevolezza che tutto quello che potrebbe farti male si materializza davanti agli occhi dell’atleta e che nessuno giocherà alle tue spalle; non ci sono traditori sul ring, nessuna bugia su quel quadrato, perché la boxe è onore ed insegna a crescere e diventare uomini. Si dice che l'uomo sia fatto di carne ed ossa e da una fibra miracolosa detta coraggio. I pugili, il loro coraggio, le loro privazioni; sono proprio le privazioni, insieme al sacrificio, al sudore e l’audacia che caratterizzano i pugili. Tornando al prossimo evento che sarà ospitato al PalaOzan, posso certificare il fatto che tutto il mio staff è già pronto per regalare al pubblico presente, nuove ed intense emozioni».

Quest'anno, sarà la volta della rappresentativa della Romania: il prossimo 29 dicembre, sei pugili, tra i migliori protagonisti salentini del 2013, affronteranno i rumeni. Tra i pugili italiani, l’Elite Giuseppe Carafa di Ugento, i gemelli (Junior) Damiano e Nicola Cordella di Copertino, Tony Sponziello (Elite) di Brindisi, ed inoltre Francesco Macrì (Junior) e Francesco Castellano (Elite) di Taranto.

Gli avversari Rumeni saranno: Marcel Fodor, Andrei Sfiriac, Tamas Kolosxvari, Zol Gergey, Lorand Szabo e Alin Bodea.

L’interessante sfida internazionale Italia vs Romania, non sarà il solo evento in programma dallo staff organizzatore. Il match-clou difatti, sarà rappresentato dall'incontro professionistico – valevole per la categoria dei Superwelter (sulla distanza delle sei riprese) tra il 21enne salentino Andrea Manco 5(ko1)+0+1 (OPI 2000) e il 35enne ungherese Lajos Munkacsy 10(ko4)+9(ko2)+3 (Petranyi Box Promotion). Manco attualmente rappresenta la migliore giovane espressione professionistica sul nostro territorio. Infine, ad impreziosire ulteriormente la serata ci saranno anche due match di kick-boxing: a salire sul quadrato, il 18enne professionista casaranese Matteo “Bull” De Rosa e il tarantino Alessandro Liuzzi; nella sfida femminile, sarà di scena Letizia Scarinci.

«Voglio concludere – aggiunge l’organizzatore Carafa – ricordando che in questo evento come sempre sono state coinvolte diverse scolaresche della provincia e invito tutti a seguire una serata dalle forti emozioni; infine voglio concludere citando le parole del compianto Nelson Mandela (grande amante della noble art): “Amo la scienza del pugilato: la strategia di attaccare e indietreggiare allo stesso tempo. La boxe significa uguaglianza. Sul ring il colore, l'età e la ricchezza non contano nulla”».

La conferanza stampa dell’evento, si svolgerà nel pomeriggio di sabato 28 dicembre, all’interno dell’Hotel Parco dei Principi a Torre San Giovanni (Marina di Ugento), alla presenza dei pugili e delle autorità politiche locali.

La struttura scelta dagli organizzatori, il PalaOzan di Ugento, ha indossato l'abito dei grandi appuntamenti, trasformandosi in pochi anni, nel Madison Square Garden del Salento. All'interno della struttura ugentina si sono avvicendati pugili olimpionici e professionisti, ricordiamo ad esempio, l'esordio in Puglia (nel 2008) del Supermedio Giuseppe Loffredo di Monteroni, ma anche le grandi emozioni registrate durante il match del Peso Massimo Emanuele Leo di Copertino contro il fortissimo lituano Ziausys Remijgius; sul ring di Ugento nelle passate edizioni sono saliti, il calabrese Alfredo Natoli, il giovane fighter Andrea Manco di Melissano, il quale ad Ugento ha combattuto da dilettante e poi da professionista; ed ancora il pugile locale, il plurititolato Giuseppe Carafa di Ugento (dagli esordi, alle numerose vittorie conseguite in ambito nazionale). Il Madison Square Garden del Salento ha anche ospitato nomi eccellenti: Dario Vangeli di Copertino (in forza al Gruppo Sportivo Fiamme Oro) di Copertino presente nelle classifiche mondiali e candidato per le prossime Olimpiadi in Brasile; Il mediomassimo Luca Capuano di Brindisi anche lui candidato olimpico. Negli anni passati, gli organizzatori hanno composto una squadra italiana (rappresentativa di Club) per confrontarsi al cospetto di avversari internazionali e i risultati per i colori azzurri sono stati particolarmente fruttuosi: Carafa e compagni hanno rifilato un secco 7-0 alla rappresentativa della Slovacchia e un'entusiasmante 3-2 sugli ospiti provenienti dall'Ungheria.

Fonte: Pianeta Lecce

Festa al Toscanini all'insegna delle tradizioni della Romania


Le foto dell'associazione Stindardul Geto-Dacic

26/12/2013

gruppo Folkloristico “Dagli Antenati Tramandato”

Ha avuto un grande successo lo spettacolo organizzato dall'Associazione Stindardul Geto-Dacic del 21 dicembre all'Auditorium Toscanini, intitolato "La stella di Betlemme nello spirito della tradizione romena".

L'evento è stato presentato dall'attrice e regista Violeta Otilia Birla, un spettacolo pieno di magia, di colori, di musica, di canti, di recitazione e danze natalizie provenienti da diverse zone etnografico-folkloristiche della Romania (danza dell'orso, della capra, del Cervo, delle maschere e Călușarii (cavalieri)), interpretate dai bambini e ragazzi di Centro di Cultura e tradizioni romene di Torino, e il gruppo Folkloristico “Dagli Antenati Tramandato” grazie a loro hanno portato al pubblico parmigiano l'allegria delle usanze antiche specifiche di Natale e di Capodanno. Ion Mihai, il piccolo violinista di 10 anni di Parma, ha interpretato alcuni brani della musica classica, Tema di Handel, "Ciarda” di Alberto Curci, J.S. Bach e anche l'inno nazionale della Romania. Claudia Serdan, la poliedrica artista romena che ormai vive in Italia da 16 anni vicino a Milano, ha mostrato le enormi potenzialità della sua voce, incantevole, proponendo brani della musica folk romena accompagnata con la sua chitarra e dalla sua band Reggaemotion composta solo dagli italiani che suona un reggae misto internazionale, vivace ed energetico, per far divertire e ballare chi li ascolta riuscendo a trasmettere delle vibrazioni positive di pace, gioia e amore, in un mondo che ormai ne ha sempre più bisogno. (tra cui anche quella della musica folk romena).
Alla fine dello spettacolo Babbo Natale ha distribuito regali a tutti bambini e ragazzi presenti all'evento, festeggiando tutti insieme l'arrivo di Natale con un buffet ricco di prodotti tipici della Romania, offerto da Transilvania Market di Parma e con un brindisi di un Augurio Di Buone Feste e Buon Anno da parte della nostra associazione per tutti i romeni e italiani che vivono a Parma e per il popolo cristiano.

Carmen Scortanu

Fonte: Gazzetta di Parma

“Milano și viitorul nostru” - campanie de informare pentru străini pe tema selectării deșeurilor‏

Marti, 10 decembrie a.c la Palazzo Marino din Milano, Fundatia Amsa și CONAI, cu contribuția Primăriei din Milano, au lansat campania de publicitate și informare “Milano și viitorul nostru”.

Proiectul este menit în special să sensibilizeze și informeze comunitățile de străini care trăiesc în Milano pe tema separării deșeurilor și reciclarea acestora.

Materialele publicitare: afișe, pliante, au fost tipărite în toate cele nouă limbi ale comunităților mai numeroase care trăiesc în Milano: arabă, chineză, franceză, română, spaniolă, etc. A fost lansat site-ul Amsa care are o secțiune și în limba română.

Mai mult de 200 000 de cetățeni străini care locuiesc în Milano sunt interlocutori importanți - consideră organizatorii – în îmbunătățirea sistemului de colectare a deșeurilor. Potrivit unui sondaj realizat de Ipsos în decembrie 2012, un procent de 57% dintre străinii stabiliți în Milano au declarat că nu au făcut selectarea deșeurilor în țara de origine și întâmpină dificultăți în înțelegerea unor reguli și prin lipsa unor informații în propria limbă.

“Obiectivul nostru este de a face din Milano capitală a selectării deșeurilor pentru EXPO 2015 obiectiv pe care îl vom atunge cu ajutorul tuturor - a declarat la lansarea campaniei de la Palazzo Marino, Pierfrancesco Maran, responsabil al Departamentului Ambient din cadrul Primăriei din Milano.

“Contribuția noilor cetățeni din Milano este esențială în îmbunătățirea rezultatelor separării deșeurilor, a declarat cu prilejul conferinței de presă Emilia Rio, Președinte Amsa – Inițiativa "Milano și viitorul nostru" promovează cultura, grija și respectul pentru ambient, dialogând direct cu comunitățile de străini din Milano, cu obiectivul de a implica cel mai mare număr de cetățeni, grație publicării materialelor în nouă limbi.

Între comunitățile străine cele mai numeroase din Milano se numără: filipinezii, egiptenii, chinezii, peruvienii, românii, marocanii, ucraineni.

Corespondență Milano: Violeta P. POPESCU


Ufficio Stampa Amsa 
02.2729.8015 
ufficio.stampa@amsa.it; 
www.amsa.it
Ufficio Stampa CONAI 
02.54044264 - 02.31914.295 
morbidini@conai.org   
arianna.ronda@hkstrategies.com 
www.conai.org  

Latina. Morto il romeno ferito dall'ex guardia giurata. Ora le vittime sono tre

Constatato il decesso di Gabriel Bogdan, 21 anni, Roberto Zanier l'aveva colpito alla testa dopo aver già ucciso la madre del ragazzo e, prima ancora, sua mamma nel sonno.

LATINA - E' morto Andrei Gabriel Bogdan, il ragazzo di 21 anni che sabato scorso è stato ferito alla testa da Roberto Zanier, l'ex guardia giurata che aveva già ucciso sua madre e poi era andato nell'appartamento affittato ad alcuni romeni iniziando a sparare all'impazzata. Lì aveva ucciso la mamma del giovane romeno deceduto oggi al "Goretti", sostenendo che non pagasse il canone. Nello stesso tugurio Zanier, che nel frattempo ha confessato i delitti commessi, aveva ferito il compagno di Elena Tudora, 44 anni, mentre l'altro figlio si era salvato perché il colpo non era partito dalla pistola. Il giovane morto oggi praticamente non aveva speranza, il proiettile aveva gravemente lesionato il cervello e già nei giorni scorsi era stato avviato l'accertamento di morte cerebrale ma l'elettroencefalogramma aveva dato lievissimi segni di ripresa. Il decesso è stato certificato nel pomeriggio.

Venerdì 27 Dicembre 2013

Fonte: Il Messaggero

Incidente in autostrada A14, paura per una donna romena di 36 anni

28/12/2013

Campomarino. Incidente questa mattina 28 dicembre intorno alle 8 lungo il tratto molisano dell’autostrada A14. Forse a causa di un colpo di sonno, una donna romena di 36 anni, M.A. le iniziali, ha perso il controllo della sua auto in direzione sud all’altezza di Campomarino. La conducente ha riportato alcune contusioni ed è stato soccorsa dai sanitari del 118 e della Misericordia di Termoli. Non è stato necessario il ricovero in ospedale. Nell’incidente sono sono rimasti coinvolti altri mezzi. Sul posto gli agenti della Polizia autostradale di Vasto sud per i rilievi.

Fonte: PrimoNumero

Caprarola, il furgone sbanda sulla Cimina. Morti due ragazzi romeni di 20 anni

VITERBO - Ancora sangue sulle strade della Tuscia: a perdere la vita venerdì notte sono stati due ragazzi di venti anni, morti sul colpo. Il tragico incidente è avvenuto a Caprarola intorno alle 23,15 al km 17,500 della sp Cimina.

A perdere la vita due ragazzi romeni si tratta di A.E. del ’94 e D.J. del ’92.

Sul posto sono intervenuti i sanitari dl 118, ma per entrambi non c’è stato nulla da fare, sono morti sul colpo.

Il furgone era rubato, secondo i rilievi della polizia. All’interno sono stati ritrovati arnesi da scasso.

Sabato 28 Dicembre 2013

Fonte: Il Messaggero

Schio, suora picchiata da Babbo Natale

INDIGNAZIONE
Il mendicante era stato invitato a spostarsi.

Veduta di Schio (Vicenza)

Se non nascondesse drammi personali, la notizia potrebbe far sorridere. A Schio, nel Vicentino, Babbo Natale ha aggredito una suora.
L'aggressore era in realtà un accattone travestito a tema per le feste, e il 26 dicembre sera ha colpito al volto con un pugno madre Laura delle Canossiane, dopo essere stato invitato a spostarsi dalla religiosa.
Il mendicante era entrato nella che ospita le spoglie di Santa Giuseppina Bakhita a chiedere l'elemosina durante l'esibizione del gruppo corale della comunità romena.
Invitato a uscire dalla suora, l'ha poi attesa all'esterno. E alle 18 fuori l'ha aggredita.

Sabato, 28 Dicembre 2013

Fonte: Lettera43

sabato 28 dicembre 2013

Vince un viaggio a Sharm, El Sheik, rinuncia e dona il ricavato agli orfani romeni

La scelta di una casalinga di Santo Stefano Ticino

Alla festa dei comunisti di Cornaredo, una sera d’estate, a passeggio con le amiche, ha comprato un biglietto della lotteria a favore dei bambini in Romania. I biglietti venduti dall’Associazione «Cuore per Cuore» erano più di 5 mila. Ma la dea bendata ha baciato proprio lei. E così Eugenia M., 55 anni, casalinga di Santo Stefano Ticino, ha vinto il primo premio: un viaggio di una settimana per due persone a Sharm El Sheik. Ma lei non ci ha pensato su neppure un minuto: ha chiesto e ottenuto di monetizzare il premio e ha donato l’ammontare, 800 euro, all’associazione. Così alla «Casetta di Macin», villaggio romeno in una regione vicina all’Ucraina, i volontari avranno i soldi per pagare il riscaldamento. E magari comprare qualche sorpresina ai bambini.

La casetta ne accoglie una ventina, da 3 a 7 anni. Li chiamano «orfani bianchi» Sono i figli delle badanti, che lasciano la Romania per venire a lavorare in Italia. Crescono da soli, affidati ai padri, se non sono emigrati anche loro, oppure altri parenti. Spesso in una povertà estrema. È un dramma a cui Cuore per Cuore cerca di porre rimedio, nel suo piccolo, ospitando i bimbi nella casetta, dove trovano affetto, cure, l’istruzione e un pasto caldo tutti i giorni, in attesa del ritorno della mamma. «Ma no, non avrei potuto andare a Sharm - si schernisce Eugenia -, avevo comprato il biglietto per aiutare questi bambini, non per fare una vacanza». Ma 800 euro le avrebbero fatto comodo. «Sì, ma anche se non siamo ricchi, noi abbiamo le basi per essere felici: una casa, una famiglia. Loro non hanno neppure l’affetto di mamma e papà». Per aiutare Cuore per Cuore si può contattare il numero 347.97.82.591.

20 dicembre 2013
Giovanna Maria Fagnani

Fonte: Corriere della Sera

Rischia di partorire per strada, ragazzo salva madre e bimbo

A Foggia un trentenne ha soccorso una donna rumena che è stata colta da lancinanti dolori sul marciapiede. Il piccolo è stato chiamato Angelo

di MARIA GRAZIA FRISALDI

Rischia di partorire per strada ragazzo salva madre e bimboHa rischiato di nascere in strada, “al freddo e al gelo”, nella notte tra il 24 ed il 25 dicembre. Ma duemila anni dopo l’illustre Predecessore. E’ questa la storia di Angelo, un maschietto di 2,135 kg nato la scorsa notte al pronto soccorso degli ospedali riuniti di Foggia solograzie al provvidenziale intervento di un ragazzo che ha soccorso la sua mamma, piegata in due dai dolori delle doglie, mentre era in strada.

Aveva fretta di nascere Angelo: mamma Alina – una donna rumena di 25 anni, all’ottavo mesi di gravidanza – attendeva il suo arrivo a fine gennaio, ma le contrazioni l’hanno sorpresa con quattro settimane di anticipo. Solo la freddezza del suo soccorritore ha fatto sì che Angelo nascesse in ospedale, ricevendo le opportunecure del caso.

A suo figlio, Alina ha dato il nome di Angelo, forse proprio in omaggio al suo “angelo custode”, ossia ilragazzo foggiano di circa 30 anni, di cui non conosce nemmeno il nome. Quello stesso ragazzo che l’ha notata mentre si contorceva in stradaper le contrazioni in atto, l’ha

fatta salire nella sua auto e l’ha trasportata al pronto soccorso cittadino, dove l’equipe guidata dal primario Vito Procacci l’ha aiutata a partorire.Alina e il suo bambino ora stanno bene.

Questo fiocco azzurro ha trasformato il turno di notte al pronto soccorso del nosocomio foggiano in una festa per medici, infermieri, ausiliari e guardie giurate del reparto, che hanno regalato alla giovane donna dell’Est un paio di scarpine per il nuovo arrivato.
(25 dicembre 2013)

Fonte: La Repubblica

Impiantata protesi a clochard rumeno privo di una gamba

21 dicembre 2013 Cosenza Cronaca

Il clochard romeno Gheorghita Tanasi scampato al rogo avvenuto il 2 marzo di quest'anno in un rudere di via 24 Maggio a Cosenza, malato e privo di una gamba, ha una protesi impiantatagli ieri. A fargli questo regalo di Natale, così come gli aveva promesso un mese fa quando lo aveva incontrato e iniziato ad aiutarlo, è stato il leader del Movimento Diritti Civili, che insieme alla protesi gli ha dato un nuovo contributo economico e gli anche comprato e regalato una paio di scarpedi cui il clochard era privo.. Dopo averlo aiutato e incontrato un mese fa, il leader di Diritti Civili, gli aveva promesso che avrebbe fatto l'impossibile per esaudire questo suo desiderio: la protesi. Ieri sera ha mantenuto la sua promessa con la consegna della protesi, un paio di scarpe e un nuovo contributo economico. "Gli avevo promesso - dice Corbelli - che avrei fatto di tutto, l'impossibile, per esaudire questo suo desiderio di avere la protesi per ridare un po' di serenità a questo povero e sfortunato romeno. Cosa che grazie a Dio ho potuto fare. Ieri, prima di Natale, la protesi gli è stata impiantata. E' il più bel regalo di Natale che si potesse fare a questo uomo così sfortunato. Sono contento di averlo potuto aiutare".

Fonte: AGI

Bordighera: corsi di tennistavolo aperti a tutti con il tecnico romeno Mircea Vitan con il GSTT

mercoledì 11 dicembre 2013

I bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni possono frequentare i corsi nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 17,30 alle 19,30, con lezioni e allenamenti al tavolo ed una parte di preparazione atletica.

Il Gruppo Sportivo Tennistavolo Bordighera 1948, nel pieno della stagione agonistica e sociale, organizza corsi di tennistavolo aperti a tutti quelli che, di qualsiasi età e livello, si vogliono avvicinare ad uno sport impegnativo e stimolante o semplicemente ad un gioco molto divertente.

“I vantaggi del ping pong rispetto ad altri sport sono molteplici – spiega Stefano Raimondo, vicepresidente del GSTT Bordighera – come il costo contenuto, la possibilità di iniziare a qualsiasi età e di raggiungere comunque livelli soddisfacenti per divertirsi e per partecipare a campionati e gare, se si ha voglia di impegnarsi. Dal punto di vista motorio si tratta di uno sport completo, senza rischi di scontri né di infortuni particolarmente gravi". Il GSTT dispone di uno dei migliori tecnici che oggi operano in Italia, il rumeno Mircea Vitan, professore di educazione fisica ed ex atleta della nazionale rumena: Mircea, coadiuvato dai tecnici Stefano Raimondo e Manuel Vicari, si occupa del settore giovanile che godo di ottima salute e continua a regalare grandi soddisfazioni, come il podio ai Ping Pong Kids nazionali 2013 (Matteo Vitan e Michel Giudice). I bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni possono frequentare i corsi nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 17,30 alle 19,30, con lezioni e allenamenti al tavolo ed una parte di preparazione atletica.

“L'età migliore per iniziare a giocare a tennistavolo é 6/7 anni – spiega Mircea Vitan – in modo da poter sviluppare al meglio le capacità motorie del bambino, con grandi benefici per il suo sviluppo fisico ed atletico, e consentirgli di essere competitivo in tutte le manifestazioni giovanili". I ragazzi più grandi e gli adulti possono imparare a giocare a tennistavolo, allenarsi o giocare liberamente nei giorni di martedì e giovedì dalle 19 alle 22, seguiti da Stefano Raimondo, vicepresidente e tecnico dall'esperienza ventennale, e da tecnici e giocatori di buon livello come Andrea Fuso Nerini, Chiara Donetti o Elena Valassina, vere dominatrici della scorsa stagione femminile.

“Il tennistavolo in età adulta é un ottmo divertimento e può diventare uno sport avvincente ed appassionante – afferma l'avvocato Chiara Donetti, dirigente del GSTT e protagonista degli ultimi campionati italiani – anche iniziando a giocare dopo i vent'anni si possono raggiungere buoni livelli, partecipare a gare e ottenere grandi risultati. Siamo uno dei club con il miglior settore femminile, partecipiamo da anni alla serie B, ci piacerebbe accogliere nella nostra squadr nuove iscritte. Per chi non ha voglia di impegnarsi troppo, il ping pong può restare uno sport amatoriale molto divertente, che offre un ottimo sfogo dopo una giornat di lavoro". Il ping pong rappresenta quindi un'ottima alternativa ad altre attività motorie in voga tra gli adulti, in quanto permette di tenersi in forma divertendosi, in un ambiente sano e stimolante, che offre la possibilità di vivere anche esperienze agonistiche. Gli interessati possono contattare Stefano Raimondo al 3490094219 per un periodo di prova gratuita dell'attività del GSTT Bordighera.

Fonte: Sanremo News

Promozione – Mercato, è il romeno Dragos Vlad il primo straniero nella storia del Riviera

dicembre 13, 2013 - Calcio

Il romeno Dragos Vlad ai tempi del Pistunina (scatto di R.S.)

Il Riviera Messina Nord riappare sulla scena del calciomercato di dicembre con un’altra doppia operazione: in entrata il presidente Massimo De Domenico annuncia l’accordo con il fantasista romeno Dragos Vlad, classe 77 (ha compiuto 36 anni lo scorso 1° giugno), da anni residente a Messina tanto da aver militato in varie formazioni tra cui Itàla in Promozione nel 2007/08, e in Prima Categoria con Pistunina, Mediterranea Nizza, Messina Sud e Messana. Si tratta del “primo straniero della storia del Riviera“, scrive il numero uno messinese, sottolineando come a lui si aggiungeranno almeno altre 4 pedine, che saranno annunciate nella giornata di mercoledì prossimo.

Tutti rinforzi programmati a suo tempo, assicura il presidente rivierasco, molto prima dell’ultimo capitombolo interno infrasettimanale con la Ciappazzi. “Erano già acquisiti da tempo – dice De Domenico – purtroppo le societàdi appartenenza non hanno acconsentito al passaggio diretto”. Ceduto invece in prestito, all’Usclo Pace, il giovane Danilo Lipari.

Presidente, come vede l’obiettivo permanenza dopo la 9^ sconfitta stagionale su 13 partite, che vi relega sempre più in fondo alla classifica del girone B di Promozione?

“Non è cambiato niente, anche se speravo in qualcosa di più. Fondamentali saranno le prossime due consecutive partite in casa, a cominciare domani (sabato 14 dicembre 2013) con il Torregrotta per proseguire il 21 con la Fiumefreddese. Speriamo anche in un pò di fortuna, dopodiché avremo 15 giorni per amalgamare la squadra”.

Fonte: MessinaSportiva

Il Due Torri si rinforza con Alessio Lo Nigro ed il rumeno Adrian Bica Badan

Il rumeno Adrian Bica Badan nel giorno della presentazione a Mazara.
Ex Catania e Milazzo, torna quindi in provincia di Messina
a distanza di qualche stagione
dicembre 5, 2013 Calcio

Il Due Torri si è assicurato due innesti di spessore, sfruttando subito la finestra di mercato appena aperta. Si tratta del play Alessio Lo Nigro, classe 1990, e della mezzala Adrian Bica Badan (’88). Entrambi provengono dal Mazara, società che li ha liberati nella tarda mattinata di ieri.

Per Lo Nigro svariate le esperienze nei campionati dilettantistici, con 46 presenze e cinque reti anche in D con le maglie di Mazzolara e Comacchio, al Nord Italia. Il rumeno Bica Badan vanta invece ben 45 apparizioni anche tra i professionisti, in Seconda Divisione, con le divise di Milazzo, Cassino e Comacchio.

“Si tratta di due giocatori che conosciamo bene – ha sottolineato il direttore generale del Due Torri Benedetto Bottari – Bica Badan non siamo riusciti a tesserarlo l’anno scorso, Lo Nigro invece lo seguivamo già da due anni. Non appena si sono liberati abbiamo colto l’opportunità. Non escludiamo qualche altro movimento nel reparto avanzato”.

Nei giorni scorsi era stato ufficializzato l’ingaggio del centrocampista Salvatore Treppiedi, classe 1994, cresciuto nel vivaio della Sampdoria e lo scorso anno al Noto con 7 presenze all’attivo. In uscita invece erano state formalizzate le rescissioni con Crescibene, Carrello, Cariolo e Crippi.

Queste le schede dei due neo-acquisti del Due Torri:
Alessio Lo Nigro (177 CM x 68 Kg)
Stagione – Squadra – Campionato – Presenze – Reti
13-14 – Mazara – Eccellenza – 8 – 1
12-13 – Campofranco – Eccellenza – 34 – 3
11-12 – Campofranco – Eccellenza – 23 – 4
10-11 – Campofranco – Promozione – 15 – 5
10-11 – Aragona – Promozione – 15 – 1
09-10 – Mazzolara – Serie D – 24 – 3
08-09 – Comacchio – Serie – D – 22 – 2
07-08 – Comacchio – Eccellenza – 19 – 3

Adrian Bica Badan (178 cm x 72 Kg)
Stagione – Squadra – Campionato Presenze – Reti
13-14 – Mazara – Eccellenza – 11 – 0
12-13 – Nissa – Serie D – 32 – 3
10-11 – Viitorul Constanta – B – 11 – 0
10-11 – Milazzo – Lega Pro II – 10 – 0
09-10 – Cassino – Lega Pro II – 20 – 0
08-09 – Comacchio – Lega Pro II – 25 – 0
07-08 – Catania – Primavera – 29 – 1

Fonte: Messina Sportiva

A Tolmezzo offesi l’arbitro di origine romena e il Muggia, ad Azzano Decimo preso di mira il Kras

Discriminazione territoriale anche tra i dilettanti

TRIESTE. Sabato 23 e domenica 24 novembre: date da segnare sul calendario del calcio dilettantistico regionale, date in cui si disputavano due gare della dodicesima d’andata dell’Eccellenza, Azzanese-Kras e Tolmezzo Carnia-Muggia., su cui si è espresso il giudice sportivo, rimandando la prima per ulteriori accertamenti alla Procura federale e deliberando sulla seconda, condannando i carnici a disputare una gara senza pubblico, pena sospesa dalla condizionale per un anno.

Il motivo, le offese, nel primo caso, alla formazione di Repen, nel secondo all’arbitro, nato in Romania, ed alla formazione muggesana. Per entrambe, scatta la discriminazione etnica, con le conseguenze del caso, secondo le norme introdotte quest’anno: Tolmezzo avvisato che, se si dovesse ripetere la situazione entro un anno, scatterà la pena, per giunta raddoppiata per l’ulteriore infrazione.

«Purtroppo – commenta il presidente regionale Gianni Toffoletto – abbiamo vissuto un caso analogo nel campionato carnico e più che la giustizia sportiva, ovviamente importante, è preoccupante quel che può succedere dopo, con la giustizia ordinaria. Le società possono far prevenzione, ma non correre dietro a tutti i tifosi a tappare le bocche. Sono situazioni che avviliscono e alla fine pagano sempre le società».

È l’arbitro, in definitiva, che nel suo rapporto segnala gli episodi di intemperanza del pubblico e, di conseguenza, il Giudice deve applicare i regolamenti: il direttore di gara, al limite, potrebbe anche sospendere la partita se non dovesse sentirsi – a seguito di ingiurie e minacce – psicologicamente nella condizione di continuare ad arbitrare, cosa che non è successa nei due casi in questione con i fischietti, anzi, tranquillissimi nel dirigere le gare. L’arbitro, per antonomasia, deve avere la vista acuta ma, da qualche tempo, ha affinato anche l’udito a leggere settimanalmente le decisioni del giudice sportivo: tantissime le multe comminate alle società per le intemperanze dei tifosi che, sui campi dilettantistici, sono udibili, individuabili e probabilmente conosciuti.

La tiratina d’orecchi, visto che di udito si parla, agli arbitri in generale però non la risparmiamo: se è giustissimo riferire le offese dei tifosi, sarebbe logico sentire altrettanto bene quello che, quasi sempre, si percepisce in tribuna dal campo: parolacce, “vaffa”, proteste plateali che spesso i fischietti fanno finta di non sentire, fino alle bestemmie che dovrebbero esser punite con l’espulsione e due giornate di squalifica.

Guerrino Bernardis
07 dicembre 2013

Fonte: Il Piccolo

venerdì 27 dicembre 2013

Consegnata al sindaco Roberto Cenni una medaglia del senato rumeno per alti meriti per l’integrazione

23 dicembre 2013 Attualità Prato

Il sindaco Cenni riceve l'onorificenza per l'integrazione con i rumeni

Questa mattina l’assessore all’Integrazione Giorgio Silli e il referente della comunità rumena, Stefan Stanasel hanno consegnato in palazzo Comunale al sindaco di Prato, Roberto Cenni, il diploma di benemerenza e una medaglia del senato rumeno per alti meriti per l’integrazione dei cittadini rumeni.

Fonte: Comune di Prato - Ufficio Stampa

Enel (-1,2%): si ritira da progetto nucleare in Romania

La società rumena a controllo pubblico Nuclearelectrica ha annunciato che Enel e ArcelorMittal si sono ritirate dal progetto per la costruzione di altri due reattori nucleari presso un impianto del gruppo.

Financial Trend Analysis 23 dicembre

La società rumena a controllo pubblico Nuclearelectrica ha annunciato che Enel e ArcelorMittal si sono ritirate dal progetto per la costruzione di altri due reattori nucleari presso un impianto del gruppo. Enel e ArcelorMittal avevano il 15% del progetto.
(SF)

Fonte: Trend Online

Fotovoltaico, Thesan realizza 6 impianti romeni

Operazione da 13 milioni della società del Gruppo Savio
20 dicembre

TORINO - Operazione da 13 mln di euro in Romania, nel campo delle energie rinnovabili per la Thesan (Gruppo Savio), impegnata in 6 progetti fotovoltaici con una potenza massima di 9 MWp. Il primo impianto, a sud-ovest di Bucarest, è già in esercizio: è stato finanziato da Banca Italo Romena (Veneto Banca). La Thesan svilupperà altri progetti in Brasile, "con l'obiettivo di sviluppare il mercato del Sudamerica", annuncia l'ad Aimone Balbo. Sede centrale della Thesan è a Chiusa San Michele (Torino).

Fonte: ANSA


Leggi anche:
DLA PIPER CON SAVIO NELLA COSTRUZIONE DI 6 IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN ROMANIA PER UN CONTROVALORE DI OLTRE 13 MILIONI DI EURO

Consorzio Italia-Romania per Alfred: reattore-test a fissione

Ansaldo Nucleare, Enea, Icn hanno creato il consorzio Falcon

Roma, 19 dic. (TMNews) - Alfred, Advanced Lead Fast Reactor European Demonstrator, è il un reattore nucleare dimostrativo di quarta generazione raffreddato a piombo liquido che sarà creato in Romania grazie alla collaborazione tra Bucarest e Roma e in particolare tra Ansaldo Nucleare, Enea e Istituto di Ricerca Nucleare romeno "Icn".

E' stato firmato a Bucarest, alla presenza del ministro romeno delegato per l'Energia, Costantin Nita, l'atto costitutivo del Consorzio Falcon (Fostering Alfred Construction). L'ingegner Giovanni Lelli, rappresentante di Enea, ha dichiarato che la costituzione del Consorzio per la realizzazione in Romania del reattore Alfred è un successo della collaborazione fra ricerca pubblica e industria, fra Enea e Ansaldo Nucleare. L'industria italiana ha così accesso ai finanziamenti romeni e della Ue per la fornitura di componenti ad alta tecnologia. I laboratori dell'Enea del Centro Ricerche del Brasimone qualificheranno alcuni di questi componenti. Le capacità di progettazione e infrastrutturali italiane in un settore ad alta tecnologia hanno così il modo di contribuire allo sviluppo tecnologico europeo e del nostro paese.

Presenti alla cerimonia come firmatari anche i legali rappresentanti di Ansaldo Nucleare, ingegner Roberto Adinolfi, Enea e l'Istituto di Ricerca Nucleare "Icn", Constantin Paunoiu.

Alfred è il nome dell'impianto dimostrativo che costituisce la soluzione emersa dalle attività di ricerca europee, e in particolare italiane, sviluppate per far fronte alle problematiche di sicurezza degli impianti nucleari in caso di eventi estremi e contribuire così allo sviluppo di un sistema energetico a basse emissioni di carbonio. E' il frutto dell'impegno congiunto di industrie, università e laboratori di ricerca italiani, che a partire dagli anni '90 hanno perseguito l'obiettivo di dar vita ad una nuova filiera di reattori a fissione ad elevato grado di sicurezza, grazie all'impiego di meccanismi di prevenzione e di protezione passivi. I reattori di quarta generazione si prefiggono inoltre di sfruttare efficientemente il contenuto energetico del materiale fissile e di riciclare le scorie all'interno del reattore stesso, riducendo così drasticamente la quantità di rifiuti radioattivi a lunga vita.

La progettazione del dimostratore Alfred è stata sviluppata fino ad ora nell'ambito del settimo Programma Quadro di ricerca Euratom ed ha visto Ansaldo Nucleare impegnata in qualità di leader nelle attività di integrazione di sistema ed Enea nello sviluppo tecnologico, mentre l'Università italiana ha curato la formazione specifica degli studenti che hanno avuto la possibilità di formarsi partecipando attivamente al progetto. L'Istituto di Ricerca Nucleare Romeno Icn ha partecipato alle attività di progettazione di Alfred a partire dalle sue prime fasi contribuendo alla progettazione del nocciolo del reattore e promuovendo le attività preliminari all'iter necessario per la sua approvazione in Romania. Il Consorzio, che dopo l'atto costitutivo tra i primi tre firmatari verrà allargato alla partecipazione di numerose organizzazioni europee che già hanno espresso il loro interesse, si prefigge di reperire, tramite meccanismi in kind, le risorse necessarie alla realizzazione di una prima fase di sviluppo tecnologico e progettuale.

Per la successiva fase di costruzione del reattore si intende fare ricorso ai finanziamenti della European Investment Bank ed ai fondi infrastrutturali (Cohesion Funds), a cui in particolare la Romania può accedere nella sua qualità di nuovo membro della Comunità Europea. La collaborazione tra Italia e Romania nel settore nucleare ha una storia più che trentennale: Ansaldo Nucleare ha avuto un ruolo fondamentale nella realizzazione delle prime due unità di tipo Candu (reattori ad acqua pesante) della centrale di Cernavoda, collaborando con i detentori canadesi della tecnologia e con numerose industrie romene: oggi l'impianto di Cernavoda produce il 20% del fabbisogno elettrico del Paese e ne è previsto un raddoppio, per il quale ancora una volta Ansaldo Nucleare si è candidata.

Fonte: TM News

Verona, gli affari in Romania inguaiano Papalia e svelano nuovi misteri

Il presunto socio occulto della Soveco, l’azienda che ha ristrutturato il super attico dell’ex vicesindaco della città veneta, Vito Giacino, è indagato dalla magistratura italiana e quella romena. M5S e il Pd chiedono la convocazione della Commissione parlamentare antimafia

di Paolo Tessadri | 10 dicembre 2013

Affari pubblici, interessi privati. Antonino Papalia, il presunto socio occulto della Soveco, l’azienda che ha ristrutturato il super attico dell’ex vicesindaco di Verona, Vito Giacino, è indagato sia in Italia sia in Romania, dove è azionista della raffineria Crisana a Suplacu de Barcau, attraverso la società Ecodiesel.

La Soveco ha circa un miliardo di euro di lavori pubblici dal Comune di Verona, ma non ha ancora ottenuto il certificato antimafia per la costruzione del filobus. Ma sono proprio gli affari in Romania che hanno inguaiato Papalia. Affari in cui compare anche la Erg, la società petrolifera i cui vertici sono indagati per la presunta evasione da 900 milioni di euro. Ad aprile 2010, Papalia si mette in affari con la veronese BPP, la società petrolifera di Andrea Bussinello, ma Papalia si “scorda” di pagare quasi 10 milioni di euro alla società petrolifera, che lo querela. Chi presenta Papalia a Bussinello? “Il direttore commerciale extrarete di Erg mi ha presentato il sig. Antonino Papalia, socio della società rumena Ecodiesel”, scrive Bussinello. Da quel momento comincia “un rapporto di fornitura di prodotti petroliferi”, poiché “la circostanza che Papalia mi fosse stato presentato dal direttore commerciale extrarete di Erg, mi aveva tranquillizzato non poco. Importante anche la considerazione che il sig. Papalia è coniugato con la sig.ra Sabina Colturato, socia della società Soveco spa”.

Bussinello chiede il rilascio di una fideiussione bancaria di cinque milioni di euro prima di cominciare le forniture. La firma sulla fideiussione è di Sabina Colturato e di Francesco Urtoler, amministratore unico di Soveco. Bussinello si fida “Soveco è società conosciuta e impegnata in vari appalti per conto dell’amministrazione comunale”. Sottoscrivono contratti di fornitura per più di 60 milioni di euro. Ma nell’ottobre 2010 “l’esposizione debitoria di BPP nei confronti di Ecodiesel per merce fornita e non pagata era pari a euro 13.800.000 circa”, si legge nella querela. Bussinello riesce a rientrare di cinque milioni di euro. Ricomincia la fornitura, mentre il debito aumenta e arriva a più di nove milioni di euro a gennaio 2011. Papalia assicura che è in arrivo una linea di credito dalle banche romene, “millanta anche contatti con alti esponenti governativi ed altre importanti società rumene”.

Intanto i debiti crescono a 9.850 milioni di euro. A Orodea, in Romania, si tiene un incontro fra Papalia, Bussinello e funzionari della Banca di Transilvania e “nel corso dell’incontro emerse con assoluta certezza che Ecodiesel aveva preso letteralmente in giro BPP”. E lo scopre “con sgomento”, scrive Bussinello, che ha in mano una fideiussione da cinque milioni di euro. Papalia e soci confezionano allora un documento falso: “Un presunto accordo a firma apparente (in quanto mai apposta) del sottoscritto Andrea Bussinello, con il quale avrebbe rinunciato espressamente alla fideiussione da parte di Urtoler Francesco, Colturato Sabina e Soveco spa a favore di Bpp spa”. Un falso clamoroso e confezionato malamente. E Bussinello scopre che “i signori Antonino Papalia, Racz Peter Attlia e Balai Calin Adrian sono indagati in Romania per i reati di associazione a delinquere, finalizzata all’evasione fiscale, riciclaggio e falsità in scrittura privata”.

Balai è il socio di Papalia nella raffineria romena, mentre Racz è pluripregiudicato, sotto inchiesta per non aver pagato le accise per centinaia di milioni di euro al governo romeno, la cognata di Racz è in società con Papalia nella raffineria. Intanto la stampa romena punta il dito sulle società dell’italiano: si parla di indagini su accise non pagate, di gasolio prelevato illegalmente dalle condotte romene, di riciclaggio di denaro sporco. Avrebbe, inoltre, corrotto due politici romeni, che si sarebbero salvati grazie all’elezione al parlamento. L’austriaca Die Presse scrive parole di fuoco su Papalia, dicendo che sarebbe legato alla ‘ndrangheta. Papalia ha anche il fiato sul collo della magistratura romena. Intanto Bussinello, visto che non viene pagato, si rivolge al tribunale di Verona, ma all’inizio di quest’anno la querela viene ritirata, benché il conto di quasi 10 milioni di euro non sia stato pagato e la fideiussione non sia stata riscossa. Succede che nel frattempo Bussinello si metta in società con l’Agsm, la municipalizzata che eroga gas ed energia elettrica del Comune di Verona, per installare 10 nuovi distributori di benzina low cost, quattro già entrati in funzione. L’Agsm, finora ad allora, mai si era occupata di distribuzione di carburante e la newco, la A&B, vede l’azienda pubblica con il 55 per cento e Bussinello in minoranza. L’Agsm è presieduta da Paolo Paternoster, nonché segretario provinciale della Lega.

Spunta anche la moglie dell’ex vicesindaco Giacino, poiché la consulente per un certo periodo di Bussinello è l’avvocato Alessandra Lodi, proprietaria dell’attico ristrutturato da Soveco, la società che deve 10 milioni di euro a Bussinello. Costo della consulenza: cinque mila euro il mese. Ci sarebbe un mezzo accordo, ma molto vago e per nulla concreto fra Papalia e Bussinello: sarebbe stata individuata una società di consulenza per mettere in vendita la raffineria in Romania, valutata attorno ai 23,5 milioni di euro. Perché Bussinello ha ritirato la denuncia, perché non ha recuperato almeno i cinque milioni di euro della fideiussione bancaria, perché avrebbe di fatto quasi rinunciato a 10 milioni di euro? È solo una coincidenza il ritiro della querela e la nascita quasi contestuale della società fra Bussinello e Azienda municipalizzata dell’energia di Verona? Il mistero è fitto. Dopo le denunce dell’avvocato Michele Croce, anche attraverso il blog Verona Pulita, si sta scoperchiando il malaffare, mentre M5S e il Pd chiedono la convocazione della Commissione parlamentare antimafia a Verona.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Gas di scisto, la protesta romena in Italia

Ambiente Anche nell'Est europa iniziative in nome della "pubblica utilità"

Il comitato si chiama “Romanii din it no fracturarii hidraulice”, e il 15 dicembre ha promosso una manifestazione in Piazza Castello, a Milano. È nato per sostenere gli attivisti che in Romania si mobilitano sulla "questione energetica" (a inizio dicembre hanno subito una grave repressione, come spiega Re:Common): il 70% del Paese infatti, è oggetto di concessioni e licenze per lo sfruttamento di idrocarburi di tutti i tipi

di Pietro Dommarco - 19 dicembre 2013
TRATTO DA La vita dopo il Petrolio

Violeta Vasian e Roxana Macovei sono due attiviste del comitato “Romanii din it no fracturarii hidraulice”. È nato in Italia per sostenere la causa dei cittadini romeni che da mesi, in patria, si oppongono fermamente ai progetti della Chevron per la ricerca e l’estrazione di shale gas con la tecnica della fratturazione idraulica.
Violeta e Roxana sanno bene che esportare il problema e la protesta fuori dai confini della Romania può servire da cassa di risonanza necessaria per sensibilizzare l’Europa e l’opinione pubblica su quanto sta accadendo nella loro terra di origine.

Noi le abbiamo incontrare qualche giorno fa, a Segrate -in occasione di un convegno informativo sul rischio trivellazioni nell’Est milanese, nell’ambito del permesso di ricerca Melzo- e, da subito, hanno fatto capire che sono disposte ad andare avanti. Infatti, dopo una prima manifestazione organizzata lo scorso 16 novembre in piazza Duomo, a Milano, a distanza di un mese -il 15 dicembre- hanno promosso un nuovo sit-in informativo in Piazza Castello, sempre nel capoluogo lombardo (è quello cui fa riferimento la foto in questa pagina).

“Il governo romeno -ci raccontano- ha ceduto quasi il 70 % del territorio della Romania alle compagnie petrolifere, concedendo licenze per estrazioni di idrocarburi di tutti i tipi, convenzionali e non convenzionali, firmate dall’Agenzia nazionale per le risorse minerarie”. Autorizzazioni che l’Ente rumeno -l'omologo del nostro Ufficio nazionale minerario per gli idrocarburi e le georisorse (Unmig)- sta rilasciando in assenza di una legislazione adeguata in materia, in grado di regolamentare e tutelare il territorio dai danni provocati dall’estrazione di shale gas.
Inoltre, “alle già ‘folli’ decisioni del governo -sottolineano le due attiviste- si aggiungono leggi altrettanto folli sparate a raffica con ordinanze d’urgenza. La più preoccupante è l’espropriazione per pubblica utilità, modificata per l’occasione, al fine di poter includere -nel campo d’azione degli espropri- anche le estrazioni da miniere, petrolifere, gassifere e gas non convenzionali”.

Quello che poi, per legge, avviene già nel nostro Paese. Emanazione di decreti per espropriazione per “pubblica utilità” da destinare ad infrastrutture energetiche (estrazione idrocarburi, stoccaggio di gas, realizzazione di infrastrutture a supporto) considerate di interesse strategico nazionale in base alla Legge Obiettivo n.443/2001. Gli ultimi procedimenti emanati quest’anno, infatti, hanno riguardato il progetto Total “Tempa Rossa” in Basilicata, i metanodotti Zimella-Cervignano d’Adda e Massafra-Biccari, così come le operazione di indagine geofisica per i progetti “San Marco” e “San Potito e Cotignola Stoccaggio” in Emilia-Romagna.

Quella rumena sembrerebbe essere una situazione fuori controllo, che sta assumendo sempre di più caratteristiche d’urgenza. “Oltre a Pungesti, un paesino di 3.472 abitanti ubicato nel distretto di Vaslui, dove il prete ha informato i cittadini proiettando le immagini del film “Gasland”, ci sono tantissime comunità più sfortunate, dove sindaci e consigli comunali locali hanno accettato, senza opporsi, prospezioni, esplorazioni ed estrazioni senza un’informazione al pubblico adeguata, o in molti casi inesistente. Inoltre, laddove è stato organizzato un incontro pubblico si nota chiaramente che i rappresentati locali assumono posizioni di parte, o peggio ancora abusano della funzione che hanno per intimidire i cittadini”.

Sullo sfondo, il concetto che si sta cercando di far passare in Romania è che l’estrazione di gas di scisto e il sostegno al progetto della Chevron -come sostenuto anche da molti media locali- si renderebbe necessario per far conquistare alla Romania l’indipendenza energetica dalla Russia, per la creazione di nuovi posti di lavoro e per l’ottenimento di compensazioni “sociali” in cambio del danno ambientale. “Alcuni rappresentati locali hanno beneficiato di vacanze pagate dalle compagnie per visitare i siti petroliferi della Polonia, alloggiando in alberghi a 5 stelle e mangiando cibi che non si sono mai sognati”, concludono Violeta e Roxana.

In Romania -come in Italia, e in una sorta di gemellaggio petrolifero fondato sullo sfruttamento dei territorio, sull’esproprio delle identità locali e sull’assuefazione delle comunità locali- operano molte società a responsabilità limitata, intenzionate a trivellare anche in zone sensibili e vulnerabili. Una di queste è l’area di Mangalia, vicino al Mar Nero ed in prossimità della centrale nucleare di Cernavoda, così come nella provincia di Costanta, dove l’estrazione di gas di scisto minaccia centri abitati ed indotti turistici.

Fonte: Altreconomia

A Montescaglioso si cerca Ludovicu Zediu. Il 55enne è scomparso sabato scorso

CRONACA

Ex agricoltore, Zediu vive nella cittadina della provincia del Materano da 7 anni

di ANTONELLA CIERVO

A Montescaglioso si cerca Ludovicu Zediu Il 55enne è scomparso sabato scorso
Montescaglioso e, nel riquadro, Ludovicu Zediu

Proseguono le ricerche di Ludovicu Zediu, il 55 enne rumeno che vive a Montescaglioso e di cui non si hanno notizie da sabato. L’uomo ieri è stato visto verso le 11 del mattino nei pressi della città da un camionista che non conoscendo la vicenda non lo ha fermato. Ex agricoltore, Zediu vive nella cittadina della provincia del Materano da 7 anni e stava per completare la domanda per ottenere la pensione. Anche il suo medico curante ha confermato che l’uomo è affetto dal morbo di Alzheimer e questo fa temere maggiormente per le sue condizioni, a diversi giorni dalla sua scomparsa. I carabinieri della stazione di Montescaglioso, intanto, stanno proseguendo le ricerche insieme ai volontari della Protezione civile concentrandosi nell’hinterland di Montescaglioso anche sulla scorta della segnalazione del camionista che ha visto Zediu ieri mattina. Alle operazioni potrebbero aggiungersi nelle prossime ore anche unità cinofile provenienti da Bari.

lunedì 23 dicembre 2013

Fonte: Il Quotidiano della Basilicata

Trovata la rumena, era nelle campagne di S.Angelo all'Esca

Solo 24 ore di grande spavento. La rumena Liliana Eideg che era in cura presso una clinica di Sant'Angelo all'Esca è stata ritrovata dai Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano nelle campagne attorno al centro abitato del paese. Era cosciente ma in condizioni di salute assai precarie tanto che è stato richiesto l'intervento del 118 per ricoverarla in una struttura ospedaliera.(mercoledì 18 dicembre 2013 alle 17:23)

Fonte: IrpiniaNews

Rumene sfruttate. A Varese

IL CASO

Striscia la Notizia scopre lo sfruttamento di lavoratrici attirate in città col miraggio d'un lavoro. E che invece vengono sfruttate: indaga la Questura

Un frame tratto dalla puntata del 17 dicembre di Striscia la notizia

Varese - Max Laudadio l'ha aspettata nel piazzale delle ex Ferrovie Nord.
Proprio qui Viorica T. s'era presentata pensando di trovare la donna rumena che l'aveva contatta in cerca d'un lavoro. Stando alla testimonianza di altre due donne rumene, infatti, era emersa un'attività di reclutamento con "diritto d'intermediazione" che assomiglia a una truffa con sconfinamenti nel caporalato.
Stando a quelle testimonianze, la donna rumena che ha tentato di sottrarsi alle domande incalzanti di Laudadio, sarebbe l'intermediaria (pagata 200 euro a commissione) di un'agenzia che ha diverse sedi in Italia, una delle quali proprio nel Varesotto. La denuncia dello sfruttamento l'ha fatta Striscia la Notizia nella puntata in onda su Canale 5 la sera di martedì 17 dicembre (CLICCA QUI per guardarla).
Per le rumene che cercano un lavoro regolare, la loro connazionale promette, in Italia, contratti annuali da 1.500 euro al mese, salvo poi farsi pagare sull'unghia 200 euro per sé, 400 euro per l'agenzia interinale con la quale collabora e 100 euro per il viaggio. Capita - così la testimonianza - che il lavoro finisca in una settimana e che a quel punto, chi s'è sobbarcato i costi di trasferimento e di "agenzia" si ritrovi nei guai.
La polizia è intervenuta non appena Viorica T. ha tentato di andarsene dal piazzale a bordo di un fuoristrada. Sono in corso indagini ma nel frattempo Max Laudadio, armato di microfono e telecamera, ha fatto irruzione nella sede dell'agenzia interinale varesina con cui l'intermediaria rumena sosteneva di lavorare: "La puntata andrà in onda la sera di mercoledì 18 dicembre - dice Max - nel corso di Striscia. Ma continueremo a seguire questa vicenda perché questo caso è tutt'altro che isolato".

di Mario Visco 18 dicembre 2013

Fonte: La Prealpina

giovedì 26 dicembre 2013

Concerti di organo‏ a Roma il 28 e 29 dicembre


Concerti di organo

Sabato, 28.12.2013 Ore 20.00

Chiesa di San Giuseppe
Via Nomentana, 60

Programma: Franck, Bach, West, Young

Domenica, 29.12.2013 Ore 19.30

Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone
Via dei Banchi Vecchi, 12

Programma: medaglione - César Franck

Con la partecipazione del Prof. Dr. Felician Rosca
e la sua classe di studenti della Facoltà di Musica dell’Università di Timisoara

Organisti :
Alma Bompa
Robert Adam
Cristina Struta
Denis Moldovan
Minodora Luca
Prof. Dr. Felician Rosca

Accademia di Romania in Roma

Nae Lăzărescu a murit. Actorul Nae Lăzărescu avea 72 de ani

Joi, 19 Decembrie 2013

NAE LĂZĂRESCU A MURIT, informează REALITATEA TV. Renumitul actor de comedie avea 72 de ani şi suferea de mai multe afecţiuni. Lumea teatrului deplânge moartea lui Nae Lăzărescu.

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Marele actor NAE LĂZĂRESCU A MURIT, informează REALITATEA TV. Actorul avea 72 de ani şi grave probleme de sănătate din ultima perioadă l-au forţat să renunţe la actorie.

În ultima perioadă a fost tintuit la pat. Maestrul Nae Lazarescu nu se mai putea deplasa decat cativa pasi, pentru ca obosea foarte repede.

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Arşinel: NAE LĂZĂRESCU a fost un stâlp al teatrului românesc

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Actriţa Stela Popescu a povestit, la Realitatea TV: "L-am văzut acum o lună. A jucat şi în toamnă, şi în luna septembrie, de aproximativ două luni n-a mai jucat. " Actriţa a explicat că şi-l va aminti pe renumitul actor NAE LĂZĂRESCU ca pe "un om care se tinea de şotii, de glume, am atâtea amintiri, era plin de glume si avea o memorie excepţională, aşa că aducea foarte multe în lumea teatrului românesc".

NAE LĂZĂRESCU. Dorel Vişan: NAE LĂZĂRESCU a fost un artist foarte special


NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Faimosul actor român s-a nascut pe 8 septembrie 1941. Nae Lăzărescu era cunoscut mai ales pentru scenetele de comedie pe care le-a realizat de-a lungul timpului alaturi de partenerul sau de scena, Vasile Muraru.

Nae Lăzărescu a jucat si in filme, printre care „Grabeste-te incet”, „Santaj”, „Baloane de curcubeu”, „Casatorie cu repetitie” si „Viraj periculos”. De asemenea, a jucat in animatia „Maşini”, i-a dat voce personajului Clang.

NAE LĂZĂRESCU. Vasile Muraru, colegul şi partenerul de scenă al lui Nae Lăzărescu a vorbit, la Realitatea TV, despre trecerea în nefiinţă a acestuia: "Dumnezeu să-l ierte. Vă daţi seama că eu sunt ca şi în familie, aşa că am auzit vestea morţii sale imediat ce s-a întâmplat. Am primit vestea cu mare bucurie, pentru că am înţeles că a pornit spre lumină, că s-a liniştit, s-a dus către Dumnezeu şi că, alături de multe alte talente, este în Ceruri. Discreţia de care a dat el dovadă ca să nu întristeze lumea merită respectată şi acum. Şi-a iubit colegii, teatrul, scena.... Constantin Tănase a fost viaţa lui. Am vorbit ultima oară alaltăieri....am vorbit mai multe", a mai spus Vasile Muraru.

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Trupul neînsufleţit al actorului Nae Lăzărescu va fi depus, vineri la prânz, la Teatrul de Revistă "Constantin Tănase, a precizat Alexandru Arşinel. NAE LĂZĂRESCU va fi înmormântat sâmbătă.

Nae Lăzărescu spunea în iulie că s-ar putea să fie nevoit să ia o pauză de la actorie, din cauza unor probleme de sănătate. Actorul arăta, într-un interviu, că a făcut stand-up comedy de când s-a născut şi că a vrut neapărat să lucreze la Teatrul "Constantin Tănase".

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Mărturii INEDITE despre o viaţă TUMULTUOASĂ: "Am avut cinci neveste şi după patru divorţuri..."

Corina Chiriac: NAE LĂZĂRESCU a fost un om elegant şi discret

NAE LĂZĂRESCU. Cântăreaţa Corina Chiriac a declarat, pentru MEDIAFAX, că Nae Lăzărescu, care a încetat din viaţă joi dimineaţă, era un om discret şi elegant, afirmând că a fost unul dintre marii actori de comedie ai scenei româneşti.

Întrebată ce a însemnat întâlnirea cu Nae Lăzărescu, Corina Chiriac a declarat pentru MEDIAFAX: "Au fost anii cei mai frumoşi ai carierei mele. (...) L-am întâlnit la spectacole, la emisiuni de televiziune. (...) Nae era discret şi elegant în culise cu actorii", a declarat artista.

"Nae a fost unul dintre marii actori de comedie ai scenei româneşti. (...) Sper ca Dumnezeu să-l odihnească în pace, iar locurile rămase vacante să fie ocupate de oameni cu devotament precum regretatul Nae Lăzărescu", a mai afirmat aceasta.

NAE LĂZĂRESCU A MURIT. Vasile Muraru: "Am primit vestea cu mare bucurie. S-a liniştit"

NAE LĂZĂRESCU s-a născut pe 8 septembrie 1941, fiind cunoscut în special pentru scenetele de comedie pe care le-a realizat de-a lungul timpului alături de partenerul său de scenă, Vasile Muraru, scrie MEDIAFAX.

În perioada în care era student la ASE, NAE LĂZĂRESCU juca într-un grup de teatru satiric, cu care participa la festivaluri de amatori, apoi a lucrat trei ani la Rapsodia Română, la secţia de estradă.

Ulterior, vreme de aproape 50 de ani, a lucrat la Teatrul de Revistă "Constantin Tănase", unde l-a cunoscut pe Vasile Muraru, iar cupletele interpretate de ei sunt memorabile.

NAE LĂZĂRESCU. Într-un interviu acordat pentru site-ul Teatrului de Revistă,NAE LĂZĂRESCU spunea că a avut mai multe modele în carieră: "Am avut mai multe modele. Atunci Franţa deţinea crema comicilor. Bourvil, Fernandel, mai târziu au apărut Jean Le Trevle şi mulţi alţii. Marcel Sardou, celebru critic de film, spune că cel mai bun film trebuie să îl facă englezii, să îl finanţeze americanii şi să îl vadă francezii".

De asemenea, vorbind despre rolurile în care a jucat, NAE LĂZĂRESCU spunea: "Toate rolurile îmi sunt dragi, bineînţeles că am avut şi "copii nereuşiţi", că nu se poate altfel. Teatrul de revistă este ca un ziar, un ziar vorbit. Textul de revistă durează cel mai puţin, se schimbă împrejurările".

"Genul teatrului de revistă poate părea la prima vedere uşor, dar, dacă este luat în serios, este destul de dificil", mai spunea Nae Lăzărescu în acelaşi interviu.

Despre experienţa cu televiziunea, NAE LĂZĂRESCU spunea că a început să facă spectacole cu ocazia diverselor sărbători. "Ştiu că televiziunea era în Moliere. Acum, la ce să mă duc? La mese rotunde cu capete pătrate?! Toţi ştiu tot. Noi, studenţii, aveam emisiune lunară. Aveam formaţii una mai bună ca alta. La cuplete, pe noi ne acompania la pian Eugen Ciceu. Aveam cântăreţi buni. Era Dan Spătaru, Pompilia Stoian, Anca Agemolu...".

NAE LĂZĂRESCU a jucat şi în filme, printre care "Grăbeşte-te încet", "Şantaj", "Baloane de curcubeu", "Căsătorie cu repetiţie" şi "Viraj periculos". De asemenea, în animaţia "Maşini", i-a dat voce personajului Clang.

Sursa: REALITATEA.NET

Două curse aeriene care veneau din Italia, redirecţionate din cauza ceţii

PUBLICAT Luni, 23 Decembrie 2013
SURSA Mediafax
FOTO: www.economica.net

Două curse aeriene care veneau din Italia şi trebuia să aterizeze pe aeroportul din Craiova au fost redirecţionate către Bucureşti şi Timişoara din cauza ceţii, iar pasagerii au fost transportaţi la Craiova cu microbuzele.

Potrivit reprezentanților Aeroportului Internaţional din Craiova, două aeronave care trebuia să aterizeze luni seară la Craiova au fost redirecţionate către Timişoara şi Bucureşti, din cauza ceţii, vizibilitatea fiind sub 30 de metri.

Prima aeronavă, care venea de la Milano şi care ar fi trebuit să aterizeze la ora 18.30 la Craiova, a fost redirecţionată spre Bucureşti, iar cea de a doua cursă, care decolase de la Roma şi ar fi trebuit să ajungă la Craiova la ora 18.40, a fost redirecţionată spre Timişoara.

Pasagerii din cele două aeronave au fost preluați de microbuze, pentru a fi transportați la Craiova. Microbuzele au fost puse la dispoziţie de compania care asigura zborurile.

Pe de altă parte, pasagerii care urmau să plece spre Italia cu cele două curse au fost cazați la un hotel din apropierea aeroportului sau au avut posiblitatea de a-şi reprograma zborurile.

Sursa: REALITATEA.NET

Operaio precipita nella tromba dell'ascensore, è in coma al Cto

Grave incidente sul lavoro ieri pomeriggio nel palazzo di Reale Mutua, all'incrocio tra via delle Orfane e via Corte d'Appello. Un romeno di 43 anni è caduto nella tromba dell'ascensore. Per lui prognosi riservata

Redazione · 7 dicembre 2013

Ieri pomeriggio un operaio romeno di 43 anni, M.D., è precipitato nella tromba dell’ascensore mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione. Il grave incidente è avvenuto nel palazzo di Reale Mutua, all'incrocio tra via delle Orfane e via Corte d’Appello.

L’infortunio è avvenuto intorno alle ore 16, a quell'ora sono partite le prime chiamate di emergenza al 118 e ai vigili del fuoco. I soccorritori giunti sul posto pochi minuti dopo hanno trovato il romeno al suolo privo di conoscenza. I medici l’hanno subito trasportato al pronto soccorso del Cto. Le condizioni dell’uomo sono piuttosto gravi.

A causa della ca­duta il 43enne ha riportato un trauma maxillo-facciale e ora si trova in coma farmacologico, ricoverato in terapia intensiva e con prognosi riser­vata. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri e i tecnici dello Spresal che dovranno fare chiarezza sull'incidente. Non è ancora chiaro, infatti, come l’uomo abbia fatto a cadere. Due le ipotesi: un malore o una disattenzione che lo ha portato a scivolare e a cadere nel vuoto.

Fonte: TorinoToday

Ritrovato cadavere del rumeno caduto nel fiume Agnena

Lunedì 23 Dicembre 2013

CRONACA | Mondragone - Nella mattinata di ieri, in Mondragone (Caserta), località Pescopagano, lungo tratto finale del fiume Agnena, i Carabinieri del locale Comando Arma, collaborati dalla Guardia Costiera, dai sommozzatori dei vigili del fuoco e dalla Polizia di Stato al termine di attività di ricerca, hanno rinvenuto il corpo senza vita di USTUROI Vasile, classe 74 della Romania, bracciante agricolo. L'uomo il 15 dicembre u.s. nel corso della notte, per cause tutt'ora in corso di accertamento, mentre percorreva quella strada con la bici, era caduto nelle acque dell'adiacente fiume Agnena scomparendo all'interno del corso fluviale. La salma è stata traslata presso istituto di medicina legale di Caserta per il successivo esame autoptico.

Fonte: CasertaNews

Carlentini, muore travolto da un'auto

16/12/2013 - di SALVO DI SALVO

CARLENTINI. Incidente stradale mortale, ieri sera, sulla strada statale «194» che collega Ragusa a Catania, all’altezza del chilometro 800, in territorio di Carlentini. La vittima è Cristian Gavrilutà, 37 anni, rumeno, che lavorava nei campi della zona di Lentini. L’uomo, ieri sera, intorno alle 22,15 stava camminando ai bordi della «Ragusana», in direzione di Catania, quando è stato travolto da un mezzo di grossa cilindrata. Nell’impatto il rumeno è finito contro il guardrail è per lui non c’è stato nulla da fare. L’autombilista invece è fuggito facendo perdere le tracce.
In quel tratto la statale «194» è al buio, con problemi per la visibilità, mentre probabilmente il rumeno che la stava percorrendo a piedi stava facendo rientro nell’abitazione, nella zona di Agnone Bagni.
Il terribile impatto per il trentasettenne è stato fatale. Il corpo, dai primi accertamenti effettuati, è stato trascinato per diversi metri lungo la strada rispetto al punto in cui è stato investito. A fare scattare l’allarme sarebbero state alcune telefonate giunte ai carabinieri. Sul luogo dell’incidente sono arrivati i carabinieri della stazione di Carlentini, i vigili del fuoco e le ambulanze del «118» ma ai soccorritori non è rimasto altro che accertare il decesso del tentasettenne rumeno. Sul posto è giunto anche il medico legale, Walter Di Mauro, nominato dal magistrato della Procura. Il corpo senza vita di Cristian Gavrilutà è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale di Lentini. La statale «194» è rimasta chiusa al traffico per diverse ore a partire dalle 22,15 di ieri sera per permettere agli investigatori di effettuare i rilievi dell’incidente. I carabinieri stanno anche indagando per individuare l’auto che ha investito il bracciante rumeno.

Fonte: Giornale di Sicilia

Frontale auto-moto, muore un altro giovane centauro

CRONACA

Tragico impatto questa mattina a Buonviaggio, perde la vita Marius Florian lungu, ragazzo romeno di 24 anni.

La Spezia - Non ce l'ha fatta a salvarsi la vita. Un giovane motociclista romeno di 24 anni, Marius Florian Lungu, è morto in seguito ad un impatto tremendo causato dallo scontro frontale fra la sua moto, una Honda 1000, e un'auto, condotta da un ragazzo di 20 anni. E' successo questa mattina pochi minuti prima delle 7 sul dosso di Via Buonviaggio, all'intersezione con la strada per San Venerio-Carrozzo e Valeriano: la molto è sbalzata a distanza, l'impatto con l'asfalto tremendo. La sensazione che fosse qualcosa di grave era quasi una certezza.

E' stata immediatamente chiusa la strada al traffico veicolare (nel frattempo si era formata una lunga coda dei pendolari che vanno al lavoro) e sul posto sono intervenuti i militi della Pubblica Assistenza della Spezia e l'automedica Delta 1: il medico e l'infermiere hanno capito subito che le condizioni del ragazzo erano gravissime e hanno iniziato le manovre rianimatorio sul posto. Subito si è riscontrato un politrauma che ha causato l'arresto cardiocircolatorio. Così il paziente è stato intubato e l'ambulanza è volata verso il Pronto Soccorso dell'ospedale Sant'Andrea dove sono state proseguite le manovre rianimatorie, mentre la Polizia Stradale ha effettuato i rilievi. Manovre che non sono bastate perché di lì a poco il cuore del giovane centauro si è fermato per sempre.

Venerdì 6 dicembre 2013

Fonte: Città della Spezia

Uccide la madre e un'altra donna. Latina, fermato l'omicida in fuga

Uccide la madre e un'altra donna Latina, fermato l'omicida in fuga
La polizia scientifica in via Darsena a Latina

E' stato fermato dalla polizia Roberto Zanier l'uomo che questa mattina a Latina ha ucciso la madre e una donna romena.

Mentre su Latina albeggiava e chi era sveglio si preparava alla spesa per il pranzo di Natale, lui uccideva la madre con un cuscino sul volto e un colpo di pistola. 'Volevo proteggerlà dirà poi al momento della cattura. Ma la sua lucida follia prosegue dopo l'omicidio. Lascia il cadavere della madre in casa e raggiunge la villetta paterna dove vivono come affittuarie alcune famiglie di romeni, e uccide un'altra donna. Ferisce il figlio di lei in modo grave, il marito, e cerca di uccidere un'altra romena graziata da una pistola inceppata o forse, chissà, scarica. E' il sabato di follia omicida di Roberto Zanier, 35 anni, ex guardia giurata, la cui corsa è stata fermata dalla polizia in aperta campagna dopo alcune ore. Ad un amico, ieri sera, avrebbe parlato di una lettera, nella quale avrebbe spiegato il suo gesto. "Riceverai una lettera - gli avrebbe detto il killer - in cui spiegherò tutto". Latina si è svegliata con il terrore di avere per le strade un pluriassassino capace di una efferatezza fuori dal comune, che né i motivi economici, la disoccupazione, una depressione di cui parla chi lo conosceva potranno forse spiegare mai del tutto. Agli agenti che lo hanno fermato, dopo ore di ricerche in cui è stato impiegato anche un elicottero, Zanier, un passato nel basket e lavori saltuari, non ha opposto alcuna resistenza. Vagava da solo, in stato confusionale, verso la Pontina, in un paesino vicino a Latina. Dell'omicidio della madre, agli agenti ha solo detto: "volevo proteggerla. E' la fine del mondo". E poi ai poliziotti ha indicato il canale dove ha gettato l'arma, che non è stata ancora trovata. Non aveva un cattivo rapporto con la madre, dicono i conoscenti, era andato a vivere con lei dopo la separazione dei genitori. Eppure, è stata lei la sua prima vittima. Poi Roberto, descritto da tutti come "un bravo ragazzo", è uscito. E mentre in città regnava la calma della mattina presto di un sabato prenatalizio è arrivato a casa di suo padre. Ha preso nuovamente la pistola e ha cominciato a sparare all'impazzata a una famiglia di romeni, affittuari in uno dei garage della villetta. A farne le spese è stata Elena Tudosa, 44 anni, che è morta subito. Nemmeno di fronte a quel sangue Zanier si è fermato: ha continuato a sparare, ha colpito gravemente alla testa il figlio di lei, Andrei Gabriel Bogdan, 19 anni, poi operato e ricoverato in ospedale, e ha ferito anche il compagno della vittima. Le grida erano forti, le hanno sentite anche i vicini. E' arrivato lo zio di Roberto, che vive lì con il fratello e che non deve aver creduto ai suoi occhi di fronte a quella carneficina: ha tentato di fermarlo, insieme al marito della vittima, ma Roberto era accecato dalla rabbia. Voleva uccidere ancora, la sua furia non si è placata se non dopo aver provato a colpire un'altra donna, un'altra romena, sempre un'affittuaria. Non è riuscito a spararle solo perché la pistola si è inceppata, o perché era scarica. E' stata lei, mentre gli altri cercavano di bloccarlo, a chiamare la polizia. Ma Roberto era ormai fuggito in auto. Sarà ricercato per alcune ore: posti di blocco in tutto il capoluogo pontino e un elicottero chiuderanno il cerchio poco dopo le 12, trovandolo sotto choc a poca distanza dall'auto, unica compagna in una fuga senza speranze. Ora all'appello manca solo l'arma del delitto.

La polizia scientifica in via Darsena a Latina

Sabato 21 dicembre 2013

Fonte: L'Unione Sarda


Leggi anche:
Duplice omicidio. Il killer: “Ho salvato mia madre dalla fine del mondo”
Duplice omicidio a Latina, resta gravissimo il ragazzo rumeno ferito da Zanier

Casilina, trentenne aggredito da quattro persone fuori da un locale e accoltellato al cuore

di Marco De Risi

Gli aggressori hanno cenato al tavolo vicino al suo in un locale al Casilino. Hanno aspettato che uscisse per aggredirlo e colpirlo con una coltellata all’altezza del cuore. L’agguato si è consumato lunedì sera in via Casilina 1874 in zona borgata Finocchio. A rimanere in terra in una pozza di sangue un romeno, Costantin Butnaru, 30 anni, con un lavoro e senza precedenti penali. La vittima è stata subito soccorsa al policlinico Tor Vergata. Lo straniero è stato sottoposto ad un intervento chirurgico ed è ricoverato in prognosi riservata. Le sue condizioni sono gravissime.

Sono gli agenti del commissariato Casilino ad indagare sul tentato omicidio. Da una prima ricostruzione, il romeno sarebbe stato pedinato da quattro individui che sono entrati anche loro nel locale e si sono seduti ad un tavolo vicino a quello della vittima che stava con un'altra persona. Hanno aspettato che pagasse il conto e che uscisse in strada per piantargli la lama in petto. Gli investigatori devono capire se gli aggressori siano italiani oppure anche loro romeni. Sono state interrogate le persone che si trovavano nel locale con la speranza di raccogliere qualche elemento utile per individuare i responsabili.

Nei prossimi giorni, se le sue condizioni miglioreranno e potrà parlare, sarà ascoltata anche la vittima. Occorre capire anche il movente del tentato omicidio. Pochi giorni fa nella stessa zona, la polizia arrestò un italiano di 19 anni, che per un banale litigio con il titolare di un bar, impugnò una pistola e sparò una decina di colpi che distrussero le vetrine del locale e ferirono di striscio tre clienti.

Mercoledì 25 Dicembre

Fonte: Il Messaggero

Viterbo: Detenuto romeno si toglie la vita poche ore dopo il suo ingresso nel carcere di Viterbo. Intervento del garante del Lazio: "E' il 17° decesso dall'inizio dell'anno"

10-12-2013

Detenuto romeno si toglie la vita poche ore dopo il suo ingresso nel carcere di Viterbo. Intervento del garante del Lazio: "E

Si è ucciso, impiccandosi nella sua cella, dieci ore dopo il suo ingresso nel carcere di Viterbo. La notizia del sesto suicidio registrato nelle carceri del Lazio dall’inizio del 2013 (il 17mo decesso dall’inizio dell’anno) è stata resa nota dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

L’episodio è avvenuto venerdì scorso. La vittima è un cittadino romeno di 51 anni, Paul Badeia. L’uomo si trovava agli arresti domiciliari per furto e ricettazione ed è finito di nuovo in carcere per evasione. A suo carico era stata notificata anche un’accusa di omicidio seguito ad una rapina compiuta sempre a Viterbo. Arrivato al “Mammagialla” alle ore 13.45, l’uomo ha sostenuto le visite di primo ingresso, compreso il colloquio con la psicologa che non avrebbe riscontrato nessun segno che facesse presagire quanto sarebbe accaduto poche ore dopo.

Ad accorgersi del suo decesso, intorno alle 23.15 sono stati gli agenti di polizia penitenziaria che lo hanno trovato con un lenzuolo stretto intorno al collo all’interno della sua cella, dove era solo.

Quello di Paul è il 17mo decesso registrato nelle carceri del Lazio dall’inizio dell’anno: sei sono stati i suicidi, quattro i decessi per malattia e sei per cause da accertare. Al computo va aggiunta anche una donna che lavorava come infermiera a Rebibbia. Nei mesi scorsi un altro detenuto si era impiccato, quella volta nel carcere di Velletri, poche ore dopo il suo ingresso in carcere.

«E’ la seconda volta, quest’anno - ha detto il Garante Angiolo Marroni - che una persona decide di togliersi la vita poche ore dopo essere entrata in carcere. Il problema vero è che il sovraffollamento moltiplica il lavoro degli operatori che hanno davvero pochissimi spazi di manovra per capire se una persona abbia una sofferenza psicologica tanto grave da indurla a privarsi della vita. L’episodio reso noto oggi è l’ennesima conferma che il carcere può piegare anche le persone più forti e che occorre davvero riflettere per tornare ad un sistema detentivo che rimetta la vita, la speranza e la dignità al centro».

Fonte: Occhio Viterbese

domenica 22 dicembre 2013

Concerto straordinario di organo‏ presso l'Accademia di Romania a Roma

Concerto straordinario di organo

Chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi in Roma

Via dei Portoghesi, No 2

Domenica 22.12.2013

Ore. 18.30

Con la partecipazione del Prof. Dr. Felician Rosca

e la sua classe di studenti della Facoltà di Musica dell’Università di Timisoara

Organisti :

Alma Bompa

Robert Adam

Cristina Struta

Denis Moldovan

Minodora Luca

Prof. Dr. Felician Rosca

Programma: opere di Bach, Frank, Young, West

Accademia di Romania in Roma