La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 12 gennaio 2014

Liguria, giudici tolgono bimba di 4 anni a una rumena: "La madre ha stile di vita parassitario"

© Foto Getty Images
Scritto da: Lucia Resta - mercoledì 8 gennaio 2014

La bimba, Maria, è stata prelevata dall'asilo di Rapallo che frequentava gratuitamente.

Il giorno del rientro all’asilo dopo la pausa natalizia è stato piuttosto particolare per Maria, una bimba di 4 anni, figlia di una donna rumena di 38 anni che vive a Santa Maria Ligure nella residenza Melograno, realizzata dal parroco Don Marco Torre per le persone che non hanno casa né lavoro.

La bambina frequentava l’asilo Pippi di Rapallo, nido d’infanzia e scuola materna privata della Casa della Gioventù. Vi era ospitata gratuitamente e qui poteva anche mangiare e cambiarsi.

Qualche settimana prima di Natale il Tribunale dei Minori di Genova ha stabilito che la bambina deve essere affidata a una casa famiglia poiché sua madre ha uno stile di vita “parassitario” e strumentalizza sua figlia per ottenere benefici di vario genere, inclusa la casa comunale. Secondo i giudici la madre “ha dimostrato in questi anni un livello di grave inadeguatezza e irresponsabilità genitoriale, non mettendosi in grado di provvedere autonomamente al mantenimento e alla cura della figlia nonostante i molti e cospicui sostegni offerti” per questo il contesto familiare in cui è cresciuta Maria è inadeguato. La polizia in borghese è così intervenuta ed è andata a prendere la bambina direttamente dall’asilo ieri mattina alle 9.

Vittoria Brioschi, la direttrice dell’istituto da dove la piccola Maria è stata prelevata ieri mattina alle 9, ha detto che la bambina le è sempre sembrata ben accudita, pulita, ordinata e sua madre una persona per bene. Inoltre ha spiegato che Maria è molto socievole ed è considerata una leader dagli altri bambini.

Sempre secondo l’Asia la madre di Maria lavora come badante percependo 200 euro ufficialmente più altri soldi in nero, ha rifiutato un avvocato d’ufficio perché ha detto che ormai non si fida più di nessuno. Da ieri è disperata e vuole capire come fare per riavere sua figlia.

Fonte: Cronaca e Attualità


Leggi anche:
Fa la badante in nero, le tolgono la figlia. I giudici: "Ha uno stile di vita parassitario"
Le polemiche sul blitz all’asilo di Rapallo

Nessun commento:

Posta un commento