La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 27 gennaio 2014

“Pronti a mettere gli avversari allo spiedo”, romeni e italiani nella squadra ‘Santa Rita’

I ragazzi sponsorizzati dal Girarrosto sul campo
Pubblicato in Sport | micheleguidetti@termolionline.it 19 gennaio, 2014 |

TERMOLI. Nuovo turno per il torneo amatoriale di calcio a 5 “Arcadia” e andiamo a conoscere meglio la squadra che si fregia del nome Santa Rita Girarrosti, un nome sicuramente gustoso che tra le altre prerogative ha anche quella di essere una squadra multietnica, formata appunto da una parte da ragazzi del posto e dall’altra da ragazzi di origine romena.

E’ il primo anno che giocano assieme e alcuni di loro hanno dei trascorsi di calcio a 5 e a 11 e quest’anno si stanno prendendo discrete soddisfazioni essendo a questo punto del torneo al 6° posto, noi ne parliamo con un giocatore portavoce della squadra Nello Di Giandomenico. “In realtà – dice Nello – non osavamo pensare che a questo punto del torneo avremmo occupato la sesta posizione con 34 punti, questo ci gratifica molto, siamo davvero messi bene e fra poco giocheremo contro la Dommar Eni che è al terzo posto quindi una gara dura ma tutto può accadere”.

Se qualcuno volesse scherzare sul vostro nome e mettervi a rosolare su di un girarrosto troverebbe pane per i propri denti?

“No, non sbagli, sarà dura per chiunque farci allo spiedo anzi al contrario visto che gli spiedi li abbiamo noi è più facile che possa accadere il contrario”.

La vostra è una formazione eterogenea.

“Sì, due o tre italiani e gli altri romeni, abbiamo creato una cooperazione calcistica, comunque i ragazzi dell’est sono bravissimi”.

Ma eravate già un gruppo consolidato.

“No ci siamo conosciuti quest’anno, l’anno scorso avevamo un’altra squadra e quest’anno abbiamo formato questa multinazionale”.

Precedenti esperienze?

“Io calcio a 11, poi ho giocato come portiere lo scorso anno qui al torneo e quest’anno siamo davvero cresciuti come è cresciuto anche come qualità questo torneo grazie anche ad Antonio Giuditta uno dei promotori, loro i ragazzi rumeni sono in gamba capiscono bene la lingua”.

Non avevate grossi traguardi ma a questo punto l’appetito vien mangiando.

“Certo a questo punto l’appetito ci dice che vogliamo assaggiare qualcosa di più gustoso”.

Nello diciamocela tutta il vostro sponsor con i suoi ottimi prodotti vi rifocillerà aldilà dei risultati che senso ha per voi giocare per qualificarsi alla Porchetta Cup, quella per voi arriva ugualmente, tanto vale lottare per trofei e posizioni più importanti.

“Indubbiamente la Porchetta Cup noi l’abbiamo già messa in forno, adesso lottiamo per una posizione più alta possibile, una sorta di piazzamento Uefa (o Europa League, ndr)”.

Qual è il vostro giocatore più rappresentativo?

“Abbiamo Nico La Torre, una roccia difensiva, chi invece segna tanti gol sono Alexandru, Sergiu e Iulian, loro sono davvero tre bomber fortissimi, hanno giocato il calcio a 11 in Romania”.

Fonte: TermoliOnline

Nessun commento:

Posta un commento