La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 25 febbraio 2014

Invito al concerto Bach "Due per uno" presso l'Accademia di Romania

Cari amici dell’Accademia

Siamo lieti di invitarvi al concerto

BACH “DUE PER UNO”

Venerdì, 28 febraio 2014

Ore 20,30

Sala Concerti

David Simonacci

violino e pianoforte

Programma:

J. S. Bach (1685 – 1750) Sonata in Re BVW 1004 (per violino solo)
Allemanda
Corrente
Sarabanda
Giga
Ciaccona
Bach/F. Busoni (1866 – 1924) Corale “Ich ruf’ zu dir, herr Jesu Christ”
F. Busoni Chaccona (per pianoforte solo trascrizione dalla Sonata BVW 1004)

J. S. Bach Dalla partita in mi maggiore BVW 1006 (per violino)
Preludio
Gavotte en Rondeau
Gigue

Bach/Busoni Corale “Durch Adams fall ist ganz verderbt

S. Rachmaninov (1873 – 1943) Suite dalla partita in Mi Maggiore BVW 1006
Preludio
Gavotte en Rondeau
Gigue

G. Enescu Choral per pianoforte

Il programma è articolato in modo da offrire all'ascoltatore la possibilità di poter ascoltare in uno stesso concerto, alcuni capisaldi della letteratura violinistica di J. S. Bach ed alcune rielaborazioni delle stesse per pianoforte solo ad opera di due tra i più grandi pianisti del XX secolo: Ferruccio Busoni e Sergej Rachmaninov.

Per quanto riguarda i brani tratti dalle Sonate e Partite di Bach, nulla può essere aggiunto al riconoscimento universale di questi capolavori, che guardano così avanti sopratutto per l'utilizzo delle possibilità tecniche del violino, avanzatissime per l'epoca nelle quali queste opere furono concepite.

Le due trascrizioni di Busoni e Rachmaninov, rispettivamente della Chaccona in re maggiore e di tre brani dalla Partita in mi maggiore, rielaborano completamente il materiale originale, con innovazioni timbriche, armoniche ed un incremento della spazialità sonora, grazie ad una veste pianistica sontuosa e profondamente arricchita rispetto all'originale.

Conclude il programa un Choral del grande compositore e violinista rumeno George Enescu.

Accademia di Romania in Roma

Nessun commento:

Posta un commento