La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 6 aprile 2014

Sicurezza, Rossi punta a un accordo con la polizia rumena

Oggi l’incontro con l’ambasciatrice di Bucarest in Italia e con il console generale a Trieste: come fermare i loro molti connazionali che delinquono a Padova

SICUREZZA: PADOVA PENSA AD ACCORDO CON POLIZIA ROMENA
Poliziotti Bucarest per collaborare a contrasto criminalità

(ANSA) - PADOVA, 1 APR - La Romania arriva in soccorso dell'Italia sul fronte della sicurezza. Succede a Padova, dove nelle ultime settimane sono aumentati i casi di microcriminalità e 'spaccatè ai danni di negozi che spesso - lo dicono le indagini delle forze dell'ordine - hanno visto protagonisti malviventi di origine romena. L'accordo non c'è ancora, ma stamane il sindaco reggente di Padova, Ivo Rossi, ha avuto un primo incontro con l'ambasciatrice della Romania in Italia e con il console generale a Trieste, per l'avvio di «una collaborazione indispensabile» per intensificare le attività investigative e di repressione dei reati predatori sul territorio padovano. «Avremo un incontro entro una decina di giorni - ha aggiunto Rossi - per passare alla fase operativa: l'obiettivo è quello di far arrivare a Padova funzionari del consolato e poliziotti romeni che aiutino quelli italiani nelle attività di intelligence finalizzate alla repressione in particolare di accattonaggio molesto e spaccate nei negozi». Rossi ha aggiunto di aver già illustrato al Prefetto e al Questore di Padova le idee scaturite dall'incontro con l'ambasciatrice e con il console. «Credo che un rafforzamento dei rapporti tra le autorità romene e quelle locali - ha concluso - darà soluzioni di livello europeo ad un problema che oltre a Padova, riguarda le altre grandi città del Nord Italia. È un modo per garantire una maggiore sicurezza e magari un giorno, con le modalità previste dalle norme, far scontare ai criminali comunitari attratti dalla ricchezza delle nostre città, le pene nel loro paese. (ANSA).

Fonte: ANSA

Nessun commento:

Posta un commento