La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 22 maggio 2014

Storici: è morto Radu Florescu, autore revival di Dracula

cultura

Parigi, 20 mag. - (Adnkronos) Lo scrittore e storico di origine romena Radu Florescu, protagonista del revival storiografico sulla leggenda di Dracula, ispirata da Vlad l'Impalatore vissuto in Transilvania nel XV secolo, è morto nella sua casa di Mougins, in Francia, all'età di 88 anni. Florescu è autore di una dozzina di libri, tra cui cinque dedicati a Dracula, il più famoso dei quali è ''In Search of Dracula", tradotto in 15 lingue, scritto con lo storico Raymond T. McNally e pubblicato per la prima volta nel 1972. Il volume ebbe un immediato successo internazionale ed in italiano apparve nel 1973 con il titolo ''Alla ricerca della stirpe di Dracula'', pubblicato da Sugar Editore. Il libro è stato più volte ampliato e aggiornato, riedito in italiano nel 1976 con il titolo ''Dracula'' dall'Editore Cappelli. Nel 1996 Florescu ha pubblicato ''Storia e mistero del conte Dracula. La doppia vita di un feroce sanguinario'', tradotto in italiano da Piemme Edizioni.

Il professor Radu Florescu, nato a Bucarest il 23 ottobre 1925 che lasciò adolescente con la sua famiglia per trasferirsi a Londra, appartiene a una discendenza le cui origini risalgono al tempo del principe Dracula. Profondo conoscitore di storia romena in particolare, di quella slava in generale, i suoi studi hanno dato un contributo determinante alle ricerche sull'origine della leggenda di Dracula. Allievo a Oxford dello storico Sir William Deakin, Florescu insegnò alla prestigiosa università inglese e in seguito si trasferì in Usa al Centro di studi slavi della Boston University.

Gli studiosi McNally e Florescu hanno verificato per primi laddove finisce la verità e incomincia la leggenda, cercando i motivi che spinsero Vlad (soprannominato Dracula, cioè diavolo) a commettere atroci delitti; senza dubbio vi era in lui una buona dose di follia di cui, forse, era astutamente consapevole. Fu un figlio del suo tempo, diventato poi mito letterario e fenomeno della cultura di massa.

Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento