La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 27 luglio 2014

La cantante romena haiducii promuove gemellaggio con la Sardegna

SARDEGNA: LA CANTANTE HAIDUCII PROMUOVE "GEMELLAGGIO" CON ROMANIA

Sassari, 20 luglio 2014- Lo hanno voluto intitolare «Il dono di Paula: un libro per te» il gemellaggio tra la Romania e la Sardegna che la ha avuto come protagonista la cantante e attrice romena Paula Mitrache, conosciuta in tutto il mondo come Haiducii, celebre per aver interpretato qualche anno fa il famoso tormentone dell'estate 'Dragostea din teì. Haiducii ha voluto fare al Centro di Aggregazione Sociale di Nughedu San Nicolò, in provincia di Sassari.

L'artista, che da anni si occupa anche di tematiche sociali legate all'immigrazione, ha voluto donare al Centro - su iniziativa della Associazione di mediazione culturale 'Dacia Nicolaianà da lei fondata e presieduta a Bari - una collezione di libri di alcuni dei più rappresentativi autori della Letteratura Romena. Nell'affollatissimo appuntamento di Nughedu San Nicolò, svoltosi presso la sede del Centro alla presenza dell'intera giunta comunale presieduta dal sindaco Dario Fenu, l'omaggio dei volumi è stato celebrato con una pubblica lettura di alcuni testi letterari romeni e italiani e con la consegna di una targa all'artista.

Fra i testi romeni Paula Mitrache ha letto la poesia di Viorel Boldis «A mezz'aria tra due patrie» in cui l'autore, uno dei più rappresentativi cantori contemporanei della diaspora romena nel mondo, esprime i contrastanti sentimenti di chi vive sulla propria pelle l'esperienza dell'immigrazione. I poeti Teresa Campus e Ginetto Becciu hanno a loro volta letto delle proprie composizioni in lingua sarda, mentre la maestra Franca Cherveddu ha declamato, sempre in sardo, la Littera de sa muzere de s'emigradu (Lettera della moglie dell'emigrato).

Fonte: MNews

Nessun commento:

Posta un commento