La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 29 settembre 2014

Rumeni in Italia, sono un milione. Nel 1990 erano 40mila

Pubblicato il 15 settembre 2014
La foto di di Alessandro Camilli
di Alessandro Camilli

ROMA – Quarantamila appena nel 1990, sopra quota un milione oggi. Sono gli immigrati romeni, nati nel paese che fu di Ceausescu, e ora residenti in Italia.
La notizia non farà piacere a Salvini&co. e nemmeno a tutti quelli che, a prescindere dai gusti e dai colori politici, vedono nel diverso e quindi anche nell’immigrato un problema o comunque una fonte di paura. Ma comunque la si voglia rigirare, il dato numerico raccontato da Danilo Taino sul Corriere della Sera, è uno di quelli che va tenuto in considerazione.
Oltre al valore simbolico, la comunità rumena è la prima nella storia del nostro Paese ad aver raggiunto e superato quota 1 milione di persone, il dato riportato da Taino è infatti importante da molti punti di vista.
Da quello sociale ad esempio, perché romeni e romene sono una presenza con la quale gli italiani entrano in relazione sempre più spesso. Da quello economico, perché gran parte di loro è inserita nel mondo del lavoro. Da quello commerciale, in quanto una comunità di un milione di persone inizia a essere seriamente interessante per chi vuole offrirle servizi, ad esempio viaggi e istruzione, o prodotti, con pubblicità annessa. Ed anche dal punto di vista politico, la spinta al rafforzamento di un rapporto tra Roma e Bucarest è quasi obbligata.
Ma veniamo ai numeri. Per la prima volta nella storia l’Italia ha una comunità nazionale di immigrati ufficiali che supera il milione di unità: sono i romeni, un milione e diecimila nel 2013. Una comunità che, numeri alla mano, è stata protagonista di una crescita straordinaria: nel 2010 erano 850 mila, nel 2000 120 mila e nel 1990 appena 40 mila. In 25 anni scarsi quindi la comunità rumena, considerando solo quelli nati nel paese dell’est Europa e non i loro figli nati già in Italia, e quindi considerando solo quella che viene definita la “prima generazione”, è aumentata di oltre 20 volte.
Una crescita cui hanno contribuito diversi e significativi fattori. In primis la caduta dell’Unione Sovietica e la conseguente caduta di quella cortina di ferro che teneva i confini tra Europa occidentale ed orientale pressoché sigillati. In secondi, l’adesione della Romania alla comunità europea, cosa che ha reso ancora più semplice e denso il flusso di persone tra Roma e Bucarest.
La comunità rumena non è però, nonostante sia la più numerosa, l’unica presente nel nostro Paese. I dati, compresi quelli che riguardano i rumeno, sono relativi al 2013 e raccontano che in Italia gli albanesi sono diventati 450 mila, i marocchini 430 mila, gli ucraini 210 mila, i cinesi 180 mila, i moldavi 150 mila, i filippini 130 mila (ci sono anche 230 mila tedeschi, 210 mila svizzeri, 150 mila francesi, ma si tratta di immigrazione diversa).
Una popolazione che cresce ad un ritmo non indifferente: nel 1990 gli immigrati in genere erano un milione e 430 mila, nel 2000 erano due milioni e 120 mila, nel 2010 erano saliti a quattro milioni e 800 mila e l’anno scorso sono arrivati a cinque milioni e 720 mila.
Cifre dietro cui si nasconde una piccola grande rivoluzione culturale per l’Italia e gli italiani. Noi non siamo infatti storicamente abituati come altri paesi europei e non a convivere con l’immigrazione e la nostra società non è una società multiculturale. Senza arrivare agli Stati Uniti basta guardare oltralpe o al di là della Manica, dove la storia coloniale di Francia e Gran Bretagna ha contribuito alla nascita di una società multiculturale con un secolo buono di anticipo rispetto a noi. Oggi, complice la globalizzazione, l’Europa unita e Schengen, la fine dell’Unione Sovietica e altro, anche noi ci stiamo avviando, con tutte le difficoltà ed i rigurgiti del caso, verso una società molto più multietnica, multiculturale e multirazziale. Ed il milione di rumeni ne è la prova.

Fonte: Blitz Quotidiano

Nessun commento:

Posta un commento