La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 4 settembre 2014

Scuola Edile, confronto coi funzionari del Ministero del Lavoro rumeno


VITERBO – Nell’ambito di un incontro programmato dal locale servizio Asl di prevenzione della salute nei luoghi di lavoro si è svolto nella mattinata del 2 settembre un confronto presso la Scuola Edile di Viterbo coi funzionari del Ministero del Lavoro Rumeno.

 Oggetto dell’incontro i due sistemi di prevenzione specifici del settore delle costruzioni; ragione di particolare interesse è peraltro la significativa presenza di lavoratori rumeni nel settore delle costruzioni( oltre 600 iscritti alla Cassa Edile e circa 30 imprese con titolari di nazionalità rumena) che ha motivato pure l’idea di una possibile collaborazione su comuni progetti formativi , su cui ci si è impegnati per opportune verifiche nelle rispettive competenze.

 Hanno partecipato all’incontro anche i responsabili della Direzione Territoriale del Lavoro di Viterbo. A seguito del saluto di presentazione del Sistema Bilaterale delle Costruzioni (CASSA EDILE, SCUOLA EDILE, CTP) fatto dal Presidente della Cassa Andrea Belli e dal Vicepresidente della Scuola Francesco Palese, ci si è soffermati proprio sulla specificità e sul ruolo degli organismi bilaterali e paritetici, emanazione della contrattazione tra parti sociali, che è l’elemento di assoluta originalità tra i sistemi dei rispettivi paesi riguardo tutela del lavoro e di prevenzione. Non esiste infatti in Romania una esperienza di questa natura, che si pone come fattore autonomo ed integrativo alla mano pubblica nei campi dell’assistenza, formazione e sicurezza.

Più assonanze sono state invece riscontrate riguardo alla formazione diffusa di lavoratori e tecnici come fattore sistematico e positivo per realizzare obiettivi di maggiore tutela nei posti di lavoro, in coerenza con in orientamenti e disposizioni comunitarie. La scuola ha fornito poi ai funzionari rumeni presenti all’incontro una ampia documentazione di materiale didattico e informativo prodotta proprio per supportare le esigenze formative/informative di lavoratori immigrati.



Fonte:On Tuscia

Nessun commento:

Posta un commento