La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 1 ottobre 2014

Il famoso violinista italiano Uto UGHI in concerto all’Ateneo Romeno

COMUNICATO STAMPA

 In occasione della Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea (luglio - dicembre 2014) e della Giornata Internazionale della Musica (1 ottobre 1975), mercoledì, 1 ottobre 2014, alle ore 19.00, sul palcoscenico dell’Ateneo Romeno di Bucarest, l’Ambasciata della Repubblica Italiana in Romania, in qualità di Presidente di turno del Consiglio dell’Unione Europea, insieme all’Associazione Musica, Arte e Cultura e alla Filarmonica George Enescu, in partenariato col Museo Nazionale George Enescu, l’Università d’Arte George Enescu di Iaşi e Grand Hotel Continental, organizza un concerto straordinario sostenuto dal Maestro Uto UGHI e dal pianista Bruno CANINO, un evento che aprirà la stagione di musica camerale della Filarmonica George Enescu.

 Il programma del concerto include brani di Giuseppe Tartini, Antonín Dvořák, Ludwig Van Beethoven, Camille Saint-Saëns e Pablo De Sarasate.

 I BIGLIETTI SI METTONO IN VENDITA AGLI SPORTELLI DELL’ATENEO ROMENO (STR. CONSTANTIN ESARCU NR. 2), MARTEDÌ – VENERDÌ, 12:00-19:00, TEL: 0213156875

 Erede della tradizione delle prime grandi scuole italiane di violino, Uto Ughi ha dimostrato un tallento straordinario sin dall’infanzia: a sette anni sale, per la prima volta, sul palco per interpretare la Ciaccona della Partita n.2 di Bach ed alcuni Capricci di Paganini. Ha studiato la musica sotto la guida di George Enescu. Quando aveva dodici anni, i critici musicali erano del parere che „Uto Ughi deve considerarsi un interprete artistico e tecnico maturo”. Ha iniziato le sue tournée musicali nelle più grandi capitali dell’Europa. Da quel momento, la sua carriera ha preso una via ascendente. Ha suonato in tutto il mondo, ai festival più importanti, con le più famose orchestre: Concertgebouw di Amsterdam, Orchestra Sinfonica di Boston, Orchestra di Philadelphia, New York Philarmonic, Orchestra Sinfonica di Washington e tante altre, sotto la direzione di rinomati direttori d’orchestra come Barbirolli, Bychkov, Celibidache, Cluytens, Chung, Ceccato, Colon, Davis, Fruhbeck de Burgos, Gatti, Gergiev, Giulini, Kondrascin, Jansons, Leitner, Lu Jia, Inbal, Maazel, Masur, Mehta, Nagano, Penderecki, Pretre, Rostropovich, Sanderlin, Sargent, Sawallisch, Sinopoli, Slatkin, Spivakov, Temirkanov.

 Il Maestro Uto UGHI suona un violino Guarneri del Gesù del 1744 e un Stradivari del 1701, chiamato „Kreutzer” perché apparteneva al violinista omonimo al quale Beethoven aveva dedicato la sua famosa Sonata.

 Il pianista Bruno Canino è nato a Napoli ed ha studiato pianoforte e composizione al Conservatorio di Milano dove, di seguito, ha lavorato come docente per 24 anni. Nello stesso periodo ha insegnato pianoforte e musica da camera anche al Conservatorio di Berna. Come solista e pianista di musica da camera ha avuto dei concerti nelle sale e ai festival di Europa, America, Australia, Giappone e Cina. Forma un duetto pianistico con Antonio Ballista e collabora con musicisti famosi come Salvatore Accardo, Uto Ughi, Pierre Amoyal, Itzhak Perlman, Sergej Krylov. Nel periodo 1999 – 2002 è stato il direttore del Dipartimento di Musica del Biennale di Venezia e si è dedicato soprattutto alla musica contemporanea tramite varie collaborazioni con Pierre Boulez, Luciano Berio, Karlheinz Stockhausen, György Ligeti, Bruno Maderna, Luigi Nono, Sylvano Bussotti, interpretandone, spesso, brani in prima udienza.

 Bruno Canino ha suonato sotto la direzione di Claudio Abbado, Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Wolfgang Sawallisch, Luciano Berio, Pierre Boulez e con orchestre come la Filarmonica La Scala, l’Orchestra dell’Accademia Santa Cecilia, Berliner Philharmoniker, Filarmonica din New York, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de France. Tra le sue numerose registrazioni ricordiamo le più recenti Variazioni Goldberg di Bach e l’integrale per pianoforte di Casella e di Debussy di cui sono usciti i primi due CD. Ha tenuto dei masterclass per pianoforte solo e per musica da camera in Italia, Germania, Giappone, Spagna e partecipa, da più di trent’anni, al festival Marlboro degli Stati Uniti. Il suo libro Vademecum del pianista da camera è stato pubblicato dalla Casa Editrice Passigli.

 Organizzatori: l’Ambasciata della Repubblica Italiana in Romania, in qualità di Presidente di turno del Consiglio dell’Unione Europea, l’Associazione Musica, Arte e Cultura insieme alla Filarmonica George Enescu

 Partner: Museo Nazionale George Enescu, Università d’Arte George Enescu di Iaşi, Grand Hotel Continental e Aurel Vîrlan Photography

 Sponsor dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest: http://www.ambbucarest.esteri.it/NR/rdonlyres/62FEC136-F6CA-432C-9C84-ECCEB86DBAA2/0/sponsor4pagine.pdf

 Partner Media: Radio România Cultural, Radio România Muzical, Senso Tv, Blitz Tv, TV City Bucureşti, The Art of Living, Ziarul Metropolis, ArtOut, Catchy, Webcultura, Ceaşca de Cultură, B365.ro, Liternet, Calendar Evenimente, Agenţia de Carte, Artline, PR Wave, 4Arte.ro, Lirika, ExclusivNews, Evia Media, Sales Express, societatesicultura.ro, Gazeta de ştiri, Online Gallery şi 121Comunitatea Femeilor Senzaţionale.

 Ambasciata d’Italia a Bucarest
 tel. +40 21 305 2100
 e-mail: ambasciata.bucarest@esteri.it
web: http://www.ambbucarest.esteri.it/Ambasciata_Bucarest

 Associazione Musica, Arte e Cultura – Ufficio Stampa
 tel. +40 723917995; e-mail: birou.presa@musicarte.ro
 web: www.musicarte.ro
 https://www.facebook.com/asociatia.muzicaartacultura

Nessun commento:

Posta un commento