La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 2 novembre 2014

Canicattì, un seggio speciale per migliaia di rumeni

IMMIGRATI
di Gioacchino Moncado — 01 Novembre 2014

Attesi arrivi da altre province. Potranno votare i maggiorenni con la cittadinanza del Paese dell’Est Europa, indipendentemente dalla residenza

CANICATTI'. Sono diverse migliaia i rumeni attesi domani in città in occasione del primo turno delle elezioni presidenziali che porteranno alla scelta del nuovo presidente della Repubblica rumena. Canicattì, infatti, è l’unico centro in tutta la Sicilia, oltre a Catania dove ha sede il consolato rumeno, in cui sarà allestito il seggio elettorale che consentirà a tutti i rumeni maggiorenni di poter esprimere la propria preferenza tra i vari candidati in lizza. Per Canicattì, dove la comunità rumena è tra le più numerose di tutta la Sicilia, la presenza del seggio elettorale rappresenta un importante riconoscimento per quanto di buono fatto in questi anni in tema di integrazione grazie all’azione di coesione esercitata dalla Chiesa Ortodossa di San Nicola e dall’associazione d’amicizia “ Italo – Rumena” che da diverso tempo opera sul territorio.
Il seggio elettorale, originariamente previsto dall’amministrazione comunale all’interno della scuola Petrella, nel quartiere Oltreponte, è stato all’ultimo momento trasferito presso la sede dell’Auser, accanto all’istituto socio – assistenziale Burgio Corsello ed alla chiesa di San Francesco. La scelta di allocare il seggio in piazza Cusmano è stata dettata da ragioni di opportunità in quanto la scuola Petrella è in una zona periferica e difficilmente raggiungibile a piedi rispetto alla sede dell’Auser.

Fonte: Giornale di Sicilia

Nessun commento:

Posta un commento