La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 26 novembre 2014

Festa Nazionale della Romania a Torino


-M.C.- Ogni Romeno sa che ogni primo di dicembre è Festa nazionale. Questa data, che ricorda la formazione, il 1 dicembre 1918, dello stato nazionale romeno moderno, con l’unione della Bessarabia (27 marzo-9 aprile 1018), la Bucovina (15-28 novembre 1918) e la Transilvania (1° dicembre 1918) alla Romania, viene ricordata ogni anno non solo in patria, ma anche in Italia e nel mondo, grazie alle comunità romene emigranti. La solennità del 1° dicembre è festa nazionale dell’Indipendenza, unità e libertà della Romania.

A Torino si festeggerà domenica 30 novembre, presso la Sala A.T.C di Corso Dante 14 dalle ore 16:30. Lo spettacolo, in omaggio, ha come titolo “La Trecutu-ti Mare, Mare Viitor” (Al glorioso passato, un glorioso futuro).

Il programma prevede, in apertura, i saluti di Petre Cristea e Bruno Labate. Segue un montaggio letterario-musicale, con la partecipazione del Coro “Cantam Domnului” dalla chiesa ortodossa Rumena Sfanta Parascheva di Torino.

A seguire canzoni e balli Folkloristici in costumi popolari, con la partecipazione del gruppo “DE LA BATRANI CETIRE” (coreografo Clement Dobos).

Una serie di cantanti di grande popolarità intratterrà il pubblico: Elena Chiriac, Pastina Barbu, Gicu Pitirut, George Bighiu, Petre Cristea, Vali Cosma, Nicolae, Blaga, Fabiano Cobzaru, Pino Abramo e la ginnasta Romina Husanu.

Si chiude con un apericena a base di prodotti tipici romeni. Presenta Irina Tancau.

Tra gli invitati d'onore Tiberiu Dinu, Console Generale del Consolato Rumeno a Torino. Insieme a lui Giovanni Maria Ferraris, Giampiero Leo, Donato Ladik, Mauro Carmagnola e Marcello Croce.

Fonte: ArticoloTre

Nessun commento:

Posta un commento