La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 29 dicembre 2014

Giovane madre porta i sapori romeni in Borgo dellaVittoria

Culture gastronomiche a confronto in pieno centro storico grazie a un nuovo negozio per i tanti immigrati dall’Est

 PESCIA. C'è la branza de burduf (formaggio di pecora), il cascaval (caciocavallo) e l'urda (formaggio di latte di pecora). E ancora i mititei (salsicce di manzo aromatizzate e cotte alla griglia), le sarmale (involtini di polpette di carne trita avvolte in foglie di cavolo) e il cozonac (il panettone ripieno di noci, che ha la forma di un plumcake). Sono solo alcune delle specialità tipiche della tradizione gastronomica romena, da qualche settimana in vendita anche a Pescia, in Borgo della Vittoria.

 Il negozio reca l'insegna “Oltenia”, che è il nome della regione della Romania da cui proviene la sua titolare, Adela Flori Stefan: «All'inizio mi sarebbe piaciuto aprire un ristorante con le specialità della mia terra – racconta – ma sono diventata mamma da poco e sarebbe stato troppo impegnativo conciliare le due attività. Così ho ripiegato su un negozio di alimentari».

 Un piccolo emporio, dove è possibile trovare tutte le specialità della cucina romena: dalle conserve, agli insaccati, dai vini ai dolci: «È un modo per far sentire più a casa i tanti romeni che vivono a Pescia – spiega Adela – anche se mi piacerebbe arricchire la mia clientela con le persone del posto».

 Aperto da poco, all'alimentari Oltenia vanno a comprare solo connazionali: «A dire il vero entra anche qualche italiano – sottolinea Adela – ma si tratta di persone che hanno avuto badanti romene o che sono state in vacanza in Romania e hanno avuto modo di conoscere la nostra cucina».

 Ma perché i pesciatini non mangiano cibo romeno? «Sono diffidenti – secondo Adela – molte persone pensano che la nostra merce non sia sottoposta a sufficienti controlli e per questo motivo non sia sicura. In realtà non è così. E poi c'è anche un po' di chiusura nei confronti si sapori molto diversi da quelli che normalmente trovano nelle loro tavole. Ebbene, io invito a provare. Magari non saranno di loro gradimento e allora possono tornare alle vecchie abitudini, ma può capitare di trovare qualcosa di prelibato anche se prodotto e coltivato molto lontano da qui e allora perché non concedere al palato una nuova esperienza?».

 La cucina romena è molto semplice, ma saporita. I piatti, quasi tutti a base di carne, verdure o pesce risultano abbastanza facili nella preparazione. Nel negozio di Adela è possibile trovare anche cibi prodotti dalle multinazionali che tutti conosciamo, come ad esempio la Coca Cola company, ma che normalmente non troviamo sugli scaffali dei supermercati perché vengono prodotti all'estero o per altri mercati, un esempio per tutti la Fanta all'uva, chiamata anche Fanta grape soda.

 Fonte:Il Tireno

Nessun commento:

Posta un commento