La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 31 marzo 2014

Serata di poesia - Austerloo di Daniela Crasnaru‏

Lunedì, 7 Aprile 2014, ore 18,00
Accademia di Romania, Sala Conferenze

Serata di poesia

Austerloo
di Daniela Crasnaru

In occasione dell'uscita della traduzione svedese

Dall’iniziativa dell’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma alla quale hanno aderito l'Istituto Rumeno di Cultura di Stoccolma e l’Accademia di Romania in Roma, nasce la presentazione del volume di poesie Austerloo di Daniela Crasnaru, presentazione che avrà luogo il 7 aprile, ore 18.00, presso la sede dell'Accademia di Romania - Sala Conferenze (Piazza Josè de San Martin 1).
La manifestazione si terrà nei suoi bellissimi spazi in presenza degli Ambasciatori di Svezia e Romania: S.E. Ruth Jacoby e S.E. Dana-Manuela Constantinescu.

Intervengono:
Dan Shafran, Istituto Rumeno di Cultura, Stoccolma
Angela Tarantino, Università La Sapienza, Roma

La poetessa Daniela Crasnaru ha partecipato insieme ad una ventina di scrittori rumeni alla Fiera del Libro di Göteborg l'anno scorso.
Daniela Crasnaru nata nel 1950 è una delle figure centrali della poesia rumena. Dal debutto, nel 1973, ha pubblicato una dozzina di raccolte di versi, nonché racconti e libri per bambini. L'anno scorso è uscito il suo primo romanzo. Le sue poesie sono tradotte in circa 15 lingue e, proprio in occasione della presenza dell'autrice alla fiera del Libro di Göteborg, D. Crasnaru è stata presentata in lingua svedese con la traduzione di Dan Shafran presso l'Istituto Rumeno di Cultura. (Alcune poesie erano già state tradotte per l'antologia di poesie rumena della casa editrice Tranan, Omjagintefår tala mednågon nu) Austerloo comprende una settantina di poesie tratte da precedenti raccolte, pubblicate tra gli annii '80 e '90 del Novecento, vale a dire nel periodo della dittatura romena e nel decennio successivo. La poesia della D. Crasnaru non viene considerata una particolarmente “politica”, ma per il sistema di censura di Ceausescu era già sospetto il fatto stesso di essere poetessa.

Ingresso libero.

Accademia di Romania
Piazza José de San Martin, 1 - 00197 Roma
Tel.: 00-39-06-320.80.24; 00-39-06-320.15.94;
00-39-06-323.67.72; Fax: 00-39-06-3216964
E-mail: accadromania@accadromania.it ;
Web site: www.accadromania.it

domenica 30 marzo 2014

SoNoRo-Interferenze 2014 al Palazzo Ricci di Montepulciano‏ / SoNoRo-Interferențe 2014 la Palazzo Ricci din Montepulciano


COMUNICAT DE PRESĂ

SoNoRo-INTERFERENȚE 2014 la Palazzo Ricci din Montepulciano

Pentru al șaselea an consecutiv, tinerii muzicieni români selectați în cadrul programului SoNoRo-Interferențe vor lucra, timp de o săptămână, alături de patru muzicieni consacrați ai scenei internaționale: pianista Diana Ketler, profesoară la Academia Regală de Muzică din Londra, violonista Alissa Margulis, profesoară la Conservatorul din Bruxelles, violistul Răzvan Popovici și violoncelistul Alexander Bouzlov, profesor la Conservatorul P.I.Ceaikovski din Moscova.

Studenții selectați pentru a participa la workshop-ul de la Montepulciano sunt: Radu Duncă, Cifor Dariu, Cristian Suarășan, Vilhelem Andraș, Adrian Vasile, Luca Pulbere, Eszter Boglarka Olah, Gabriela Bokor. Sesiunea de lucru se va încheia cu un concert, în cadrul căruia tinerii muzicieni vor interpreta, alături de profesorii lor, lucrările studiate împreună. Printre acestea se numără piese de Robert Schumann, P.I.Ceaikovski, Johannes Brahms și Antonín Dvořák.
Workshop-ul SoNoRo-Interferențe de la Montepulciano, Italia, se desfășoară în perioada 30 martie – 6 aprilie, cu sprijinul partenerilor principali - Institutul Cultural Român, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția și BRD – Groupe Société Générale - și în parteneriat cu Academia Europeană Palazzo Ricci.
***
Creat în 2007, programul educativ SoNoRo – INTERFERENŢE este o iniţiativă în premieră în România, care doreşte să contribuie la ridicarea nivelului profesional al tinerilor muzicieni români şi la lărgirea orizonului lor cultural, în context european. Unul dintre scopurile acestui program educativ este crearea, pe termen lung, a unei elite muzicale, pentru a continua demersul Festivalului SoNoRo de a include România în circuitul de vârf al vieții muzicale europene.
Tinerii muzicieni români admişi la selecţii vor avea ocazia să studieze muzica de cameră alături de artişti de talie internaţională şi de profesori de la diferite Universități de Muzică din Europa. Anul acesta vor fi organizate în cadrul programului patru workshop-uri de câte o săptămână, în România, la Portul Cultural Cetate și la Busteni, în Castelul Cantacuzino, în Italia, la Montepulciano (Palazzo Ricci), și, în premieră, și în Germania, în Academia de Muzică Bad Endorf. La finalul fiecărei sesiuni de lucru, tinerii muzicieni vor interpreta lucrările studiate în cadrul workshopului, alături de profesorii lor, în concerte special organizate. Concertele finale vor avea loc la Portul Cultural Cetate, Bucureşti, Bușteni, Montepulciano și Bad Endorf. În plus, cele mai bune ansambluri formate pe parcursul workshopului SoNoRo – INTERFERENŢE vor avea ocazia să concerteze în cadrul Festivalului Internaţional de Muzică de Cameră SoNoRo 2014.
Preselecțiile pentru SoNoRo – INTERFERENŢE 2014 au avut loc în perioada 25-27 ianuarie 2014 la București și la Cluj, iar dintre cei aproximativ 80 de tineri care s-au înscris au fost aleși 34 de bursieri.
Pentru mai multe detalii despre proiectele SoNoRo vă rugăm să consultați: www.sonoro.ro

Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISITCĂ DE LA VENEȚIA
------------------------------------------------------------------
COMUNICATO STAMPA

SoNoRo-INTERFERENZE 2014 al Palazzo Ricci di Montepulciano

Per il sesto anno consecutivo, giovani musicisti romeni selezionati nell’ambito del progetto SoNoRo-Interferenze studieranno una settimana insieme a quattro musicisti consacrati al livello internazionale: la pianista Diana Ketler, docente presso l’Accademia Reale di Musica di Londra, la violinista Alissa Margulis, docente presso il Conservatorio di Bruxelles, il violista Răzvan Popovici e il violoncellista Alexander Bouzlov, docente presso il Conservatorio P.I.Ceaikovski di Mosca.
Gli studenti selezionati per partecipare al workshop di Montepulciano sono: Radu Duncă, Cifor Dariu, Cristian Suarășan, Vilhelem Andraș, Adrian Vasile, Luca Pulbere, Eszter Boglarka Olah, Gabriela Bokor. La sessione di lavoro si concluderà con un concerto, nel quale i giovani musicisti interpreteranno, insieme ai loro professori, brani studiati durante il workshop. In programma brani di Robert Schumann, P.I.Ceaikovski, Johannes Brahms e Antonín Dvořák.
SoNoRo-Interferenze di Montepulciano, Italia, si svolgerà nel periodo 30 marzo – 6 aprile, con il sostegno dei partner principali: l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e BRD – Groupe Société Générale e in partenariato con l’Accademia Europea Palazzo Ricci.
***
Fondato nel 2007, il programma educativo SoNoRo – INTERFERENZE è un’iniziativa che desidera migliorare il livello professionale dei giovani musicisti romeni e l’allargamento del loro orizzonte culturale nel contesto europeo. Uno degli scopi di questo programma educativo e la creazione, a lungo termine, di un’elite musicale, per la continuazione del Festival SoNoRo che include la Romania nell’importante circuito della vita musicale europea.
I giovani musicisti selezionati avranno l’occasione di studiare musica da camera insieme con artisti di livello internazionale e professori di varie Università di Musica d’Europa. Quest’anno sarà organizzato nell’ambito del programma quattro workshop di una settimana in Romania, a Portul Cultural Cetate e a Busteni, presso il Castello Cantacuzino, in Italia, a Montepulciano (Palazzo Ricci), e per la prima volta in Germania, presso l’Accademia di Musica Bad Endorf. Alla fine di ogni sessione di lavoro i giovani musicisti interpreteranno i brani studiati nell’ambito del workshop, insieme ai loro professori, in concerti speciali organizzati a Portul Cultural Cetate, Bucarest, Bușteni, Montepulciano e Bad Endorf. In più, i migliori ensemble formati durante il workshop SoNoRo – INTERFERENZE avranno l’occasione di sostenere concerti nell’ambito del Festival Internazionale di Musica da Camera SoNoRo 2014.
Le selezioni per SoNoRo – INTERFERENZE 2014 sono state organizzate nel periodo 25-27 gennaio 2014 a Bucarest e Cluj-Napoca, e dai circa 80 giovani musicisti inscritti sono stati selezionati 34 borsisti.
Per altri informazioni: www.sonoro.ro

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro  
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

Mostra d'arte "Bianco e Nero" di Matei Luca Stoian

Cari amici dell’Accademia

Siamo lieti di invitarvi all’inaugurazione della mostra d’arte

Bianco e Nero

Matei Luca Stoian

Lunedi 31 Marzo 2014 ore 17,30

Sala Esposizioni (Viale delle Belle Arti, 110 –Roma)

La mostra resterà aperta dal 31 marzo al 6 aprile 2014

ogni giorno ore 17.00- 19.00

Accademia di Romania in Roma

Vizita Ambasadorului Dana Constantinescu la Napoli

Comunicat de presă

În perioada 25-26 martie, Ambasadorul Dana Constantinescu a efectuat o vizită la Napoli pentru a participa la Forumul economic ROMANIA - O NOUĂ OPORTUNITATE A AGRICULTURII EUROPENE, organizat împreună cu Consulatul Onorific al României la Napoli şi cu patronatele Confagricultura Campania şi Unioncamere Campania.
Forumul s-a axat pe oportunitățile de investiții din România, şi s-a bucurat de prezența a numeroase persoane (peste 150 de reprezentanți de societăți comerciale din sudul Italiei) interesate în deschiderea de noi piețe pentru produse de excelență italiene și de a profita de noile oportunități de investiții pentru diversificarea producției. Potrivit consilierului economic al Ambasadei României în Italia, iniţiativa a oferit "o oportunitate, aceea de a prezenta România în adevăratul său sens, o piață în plină expansiune, o țară care are perspective foarte bune de dezvoltare. Există un interes major pentru produsele italiene și multe dintre societățile deschise de către italieni în România au demonstrat oportunitățile de investiții în acest domeniu care reprezintă un motor al economiei românești, în plină ascensiune. "
În cadrul vizitei la Napoli, Ambasadorul a avut o serie de întâlniri cu reprezentanţii autorităţilor locale italiene, la care a fost însoţită de Gilda Pacifico, Consulul Onorific al României la Napoli şi de consilierul economic al Ambasadei. Dana Constantinescu s-a întâlnit cu Francesco Antonio Musolino, prefectul de Napoli, Guido Trombetti, vice-preşedinte al Regiunii Campania, Luigi de Magistris, primarul oraşului Napoli. Împreună cu aceştia au fost analizate posibilităţile de colaborare în domeniul economic şi cultural, dar şi în ceea ce priveşte fructificarea prezenţei româneşti în regiune. Împreună cu primarul din Napoli a fost discutată posibilitatea realizării unui proiect de înfrăţire cu un oraş din România.
Ambasada României în Italia adresează mulţumiri Consulatului Onorific al României de la Napoli, Confagricoltura Campania, Camerei de Comerț Italiene pentru România și Confindustria România dar, mai ales, organizatorilor, CTC Consulting pentru implicarea și cooperarea lor în organizarea acestui eveniment care, avînd în vedere perioada de criză traversată, oferă posibilitatea producătorilor ambelor țări de noi piețe de desfacere pentru produse şi pentru consolidarea afacerilor.

Ambasada României în Italia

Il futuro? Investire nell’agricoltura romena, delegazione termolese al forum di Napoli

Pubblicato in Lavoro ed economia | emanuelebracone@termolionline.it 27 marzo, 2014

TERMOLI. C’era anche una delegazione di Termoli ieri mattina alla Camera di commercio di Napoli, in piazza Bovio, per la prima giornata del Forum economico ‘Romania: la nuova frontiera dell’agricoltura europea’.

Un incontro organizzato dall’Ambasciata e dal Consolato romeni in Italia e a Napoli, da Confagricoltura Campania e promosso dalla Corporate Tax Consulting in collaborazione con la Camera di commercio italiana per la Romania, Unioncamere Campania e la Pmi international.

Una iniziativa che prende le mosse dalle grandi possibilità che ci sarebbero investendo nei terreni di uno degli stati di più recente adesione all’Unione europea.

QUESTA LA SCHEDA MESSA A PUNTO DALLA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA ROMANIA.

disponibilità di un grande mercato locale, con elevata potenzialità di espansione nei paesi limitrofi;

- presenza di terreni particolarmente fertili e pianeggianti a prezzi estremamente convenienti. Oggi lo Stato rumeno incentiva gli investitori stranieri, in particolar modo coloro che acquistano quantità di appezzamenti di notevoli dimensioni, contribuendo ad aumentare la produttività e la redditività del settore agricolo;

- ottime prospettive di incremento del valore fondiario: terreni comprati solo cinque anni fa hanno già quintuplicato il loro valore ad oggi. Il rendimento in rapporto all’investimento è più che buono; inoltre è garantita la compravendita dei terreni agricoli tramite regolari atti notarili come d’uso in Italia;

- elevati margini di sviluppo per l’ormai improrogabile ammodernamento e ristrutturazione del settore agricolo e ottime prospettive di investimento nel settore dei macchinari agricoli;

- incentivi da parte del governo Romeno (nonostante la crisi) nei confronti degli investitori operanti nel settore dell’energia rinnovabile, in linea con le indicazioni dell’Unione Europea per la riduzione dell’inquinamento da combustibili fossili;

- agricoltura biologica in fase di pieno sviluppo, visto anche l’aumento della domanda di prodotti tradizionali e di qualità protetta;

- ricchezza del suolo Romeno di Cernoziom o “terra nera”, un tipo di terra molto fertile, adatta a qualsiasi tipo di coltivazione. Il Cernoziom è presente, oltre che in Romania, solo in poche altre zone d’Europa e del mondo, come Ucraina, Russia, Nord della Cina e alcune parti degli Stati Uniti d’America;

- ricostruzione o, dove mancassero, costruzione ex novo di infrastrutture di irrigazione che andrebbero a coprire e servire una parte importante della superficie agricola utilizzabile (SAU);

- ristrutturazione e riorganizzazione nei settori caseario e delle carni;

- integrazione verticale tra i vari componenti della filiera, ovvero agricoltori, unità di trasformazione dei prodotti agricoli e reti della GDO (Grande Distribuzione Organizzata).

- organizzazione annuale di varie fiere agroalimentari, tra le quali INDAGRA, un eccellente vetrina internazionale per i più importanti produttori mondiali del settore.

Oltre a tutta questa serie di vantaggi si aggiungono i finanziamenti europei erogabili tramite il Fondo Europeo per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale (come si vedrà nella sezione Fondi Europei). Tali fondi sono erogati in misura maggiore alla Romania, essendo un paese di recente adesione all’Unione Europea che non ha ancora espresso tutto il suo potenziale di crescita rispetto agli altri Stati Membri. Inoltre, come confermato dal Commissario Europeo per l’agricoltura, il romeno Dacian Cioloş, questi fondi aumenteranno nel periodo 2014-2020.

Fonte: TermoliOnline

Sportivi români participanţi la Maratonul de la Roma

COMUNICAT DE PRESĂ

În perioada 22-24 martie, Ambasadorul Dana Constantinescu şi reprezentanţii Ambasadei i-au încurajat şi i-au felicitat pe sportivii sosiţi din România pentru a participa la Maratonul de la Roma, aflat la cea de-a XX-a ediţie.
Astfel, sâmbătă 22 martie, Ambasadorul a fost prezent la Palazzo dei Congressi din EUR, unde a avut loc înregistrarea sportivilor şi ridicarea numerelor de competiţie. Aici a avut loc o primă întâlnire cu grupul de sportivi sosiţi din România, cărora le-a mulţumit pentru prezenţa la Roma şi i-a încurajat în perspectiva competiţiei. Grupul de sportivi sosiţi din România a depăşit 100 de persoane, aflându-se în topul primelor 10 state reprezentate la acest maraton.
Duminică, 23 martie, un reprezentant al Ambasadei împreună cu membri ai comunităţii româneşti i-au încurajat pe maratoniştii români şi au alergat în semn de solidaritate în cadrul cursei de 5 km.
Printre sportivii cei mai vizibili s-a numărat şi Ilie Roşu, sosit din Vrancea, care a alergat întregul traseu al maratonului purtând steagul României şi cel al Italiei. Mai multe informaţii despre activitatea sportivă dedicată României se găseşte pe blogul www.ilierosu.ro .
Luni, 24 martie, o parte din sportivii care au încheiat cursa de 42,195 km au fost primiţi la sediul Ambasadei şi felicitaţi pentru demersul lor.

Ambasada României în Italia

Noua Dreaptă Italia prezentă la Academia Română din Roma‏

Joi, 27 martie a.c., reprezentanţii Noii Drepte Italia au participat la o lansare de carte („Basarabie! Libertatea şi progresul vin de peste Prut”, autor: Sergiu Ion Chircă) prilejuită de aniversarea a 96 ani de la Unirea Basarabiei cu România din 1918. Lansarea, găzduită de Academia Română din Roma (Academia di Romania in Roma), s-a bucurat de prezenţa autorului cărţii, profesorul universitar şi membru al Academiei Române, Sergiu Ion Chircă, a profesorului Mihai Bărbulescu (director – Academia di Romania in Roma) şi a poetului George Lupaşcu. Moderatoarea evenimentului a fost Tatiana Ciobanu, reprezentanta asociaţiei culturale Dacia din Roma.

Cu această ocazie, liderul ND-Italia, Liviu Guriuc a ţinut următoarea cuvântare:

Anul acesta se împlinesc 96 ani de la Unirea teritoriilor dintre Nistru şi Prut cu România. La 27 martie 1918 (stil vechi), Sfatul Ţării din Basarabia a decis în unanimitate Unirea Basarabiei cu Regatul României; se făcea astfel un prim pas înspre realizarea dezideratului unionist de la 1600 al lui Mihai Viteazul şi înspre definitivarea unei entităţi statale a locuitorilor din provinciile istorice cu populaţie majoritar românească. România Dodoloaţă prindea contur!

Ruptă din trupul Moldovei istorice şi anexată de către Imperiul Ţarist la 1812, basarabenii au fost supuşi unui acut proces de eradicare a identităţii româneşti timp de mai bine de un secol, prin mijloace nedemne de reprezentanţii unui popor ce se vrea a fi civilizat.

Cu toate acestea, spiritul românesc nu a pierit în Basarabia, căci, după cum afirma marele cărturar Nicolae Iorga, „Nimeni nu creează hotare care să rămâie pentru totdeauna, decât numai dacă este o garanţie de suflet în dosul fiecărei cuceriri, a fiecărei întregiri”. Dovada validităţii acestei constatări este chiar decizia Actului Unirii semnat de către Sfatul Ţării încheiat prin cuvintele „Trăiască Unirea Basarabiei cu România, de-a pururea şi totdeauna!”

În favoarea revenirii Basarabiei la patria-mamă s-au pronunţat de-a lungul timpului aproape toate personalităţile culturale şi o mare parte a elitei politice româneşti. Constatarea faptului că basarabenii sunt români nu doar prin limbă sau credinţă, ci şi prin tradiţii, obiceiuri şi felul de a fi, a fost observată de cei mai mari istorici ai neamului românesc, începând cu Nicolae Iorga despre care am pomenit deja, şi terminând cu istorici contemporani precum Neagu Djuvara, Ioan Scurtu sau basarabenii Anatol Petrencu şi Ion Şişcanu.

La 27 martie 1918, George Enescu, care se afla Chişinău pentru „a contribui” cu vioara sa la înfăptuirea Unirii, avea să facă o apreciere valabilă astăzi, în 2014, la fel cum era acum 96 de ani: „Basarabia este pentru noi un juvaier în toate privinţele şi datoria noastră este să ajutăm prin toate mijloacele trezirea poporului la viaţa culturală şi artistică, căutând simpatia fraţilor noştri moldoveni şi făcându-le tot binele de care au fost privaţi atâta vreme.”

ND-Italia mulţumeşte cu această ocazie invitaţiei primite din partea asociaţiei culturale Dacia şi gazdei evenimentului, Academia Română din Roma. (Biroul de Presă al Noii Drepte Italia)

Nihil sine Deo!
Noua Dreapta Italia (http://nouadreaptaitalia.org/ )

I rumeni d'Italia invadono l'etere. Ecco la tv da 600 mila spettatori

RomaItalia

ESCLUSIVO. Il patron di Romit Tv, Emanuele Latagliata, sceglie affaritaliani.it per spiegare l'incredibile successo della tv comunitaria che macina audience tra il milione e 400 mila cittadini Ue che vengono da Moldavia e Romania. “Noi leader tra le badanti, chi ci trascura non capisce...”

Giovedì, 27 marzo 2014
di Fabio Carosi

Tra i 600 e i 700 mila telespettatori al giorno, con una fidelizzazione che fa invidia alle televisioni blasonate e un pubblico composto dal 90 per cento di donne. Dopo l'esperimento su Roma e Milano, la tv romena Romit Tv si conquista un posto sul digitale terrestre e, dagli studi romani del quartiere Prati ora inonda l'Italia. E se qualcuno ha ancora dubbi sulla “Potenza di fuoco” della televisione dei rumeni in Italia, basta sintonizzarsi nella serata per vedersi un'intervista in italiano e rumeno a Marco Masini.
Partita ufficialmente a settembre del 2012, Romit Tv (canale 246 del digitale terrestre), la tv che parla rumeno e italiano è diventata una specie di must in una comunità che è in continua espansione e per la quale l'integrazione è sempre più un obiettivo prioritario. E anche la politica si è accorta che quel formidabile bacino di telespettatori è un terreno fertile in vista delle elezioni. Soprattutto quelle europee di maggio.
“Tutti ci vogliono e ci cercano – racconta Emanuele Latagliata, l'ideatore e manager dell'associazione culturale che ha ottenuto la frequenza del digitale terrestre come tv della comunità – ma nessuno si siede a ragionare su come lavorare per dare una mano all'integrazione dei romeni che in Italia sono oltre 1 milione e 400 mila (fonte Caritas). Dei nostri telespettatori sappiamo più o meno tutto: il 90 per cento sono badanti che hanno un regolare contratto di lavoro e che, non potendosi permettere abbonamenti satellitari, seguono i nostri programmi sul digitale terrestre. E lo fanno con una frequenza incredibile: o vi vedono, oppure ci ascoltano mentre lavorano in casa e per tutta la giornata”.
Vediamo allora cosa programma la tv bilingue. “Noi siamo riconosciuti in Italia e in Modavia ma non i Romania, dove il Governo permette l'accesso alla tv solo via cavo e quindi a pagamento. Ciononostante abbiamo accordi importanti con la Tv Moldava e altre tv dell'est che ci permettono di diffondere in Italia format come Masterchef e Ballando con le stelle in lingua rumena. Noi li diamo in diretta. Ma anche la programmazione nostra è seguitissima – spiega Latagliata – abbiamo ogni sera spazi di servizio come quello dell'avvocato che risponde in diretta, il sindacalista consulente del lavoro e, dal lunedì al mercoledì, anche una serie di ospiti italiani che vengono intervistati”.
L'idea di costruire un “biscione rumeno” nasce sette anni fa: “Sì, ad un convegno in romania dove da tempo lavoro con la mia azienda di automotive – racconta Latagliata – ma già da giovane avevo la passione per la rafio e la tv. Mia è l'idea di RadioRoma, poi venduta e du autonmotive channel”.
E ora un canone da 600 mila telespettatori giorno?
“E qualcuno dovrà fare i conti con noi, perché l'ondata di immigrati c'è, stanno imparando velocemente e già si vedono i primi impegni politici come cittadini Ue e non nelle liste “aggiunte”. Rumeni e Moldavi in Italia sono una realtà che il Paese non può far finta di non vedere”.

Fonte: Affaritaliani

Vizita la Ambasadă a copiilor şi tinerilor din Parohia Ortodoxă Roma 3

COMUNICAT DE PRESĂ

În seara zilei de vineri, 21 martie, Ambasadorul Dana Constantinescu şi colectivul Ambasadei i-au întâmpinat pe copiii şi tinerii din Parohia Ortodoxă Roma 3 în sediul din Via Nicolo Tartaglia 36.
Tinerii români rezidenţi în Italia au avut ocazia să cunoască personalul Ambasadei şi domeniile în care acesta işi desfăşoară activitatea. La rândul lor, membrii Ambasadei au adresat întrebări legate de felul cum percep tinerii identitatea românească, precum şi experienţa concretă de emigraţie din România către Italia, în plan social, cultural şi educaţional. Tinerii au fost încurajaţi să se integreze în societatea italiană şi să aprecieze ţara-gazdă, însă totodată să se simtă mândri de identitatea lor românească.
Acţiunea s-a înscris în practica misiunii de strângere a legăturilor directe cu membrii comunităţii româneşti din Italia. Prin acest tip de iniţiative se urmăreşte realizarea unei comunicări directe pe probleme specifice, necesară identificării unor posibile modalităţi de sprijin pe care Ambasada, în limitele în care activează, îl poate oferi, dar şi modul în care noile generaţii se pot implica în sprijinul unei mai bune percepţii a comunităţii româneşti, la nivelul societăţii italiene.

Ambasada României în Italia

E' ortodossa la prima chiesa non cattolica

Ecco come sarà la chiesa ortodossa, prima chiesa non cattolica che sorgerà
 a Brescia, nel quartiere Sanpolino
30.03.2014

Il progetto prevede anche un nuovo oratorio
L'area è in concessione dal Comune per 99 anni
Sabato prossimo la benedizione del terreno

I romeni bresciani avranno finalmente la loro nuova chiesa. Dopo più di un anno di ritardo rispetto ai programmi, sono ufficialmente iniziati i lavori per la costruzione del complesso ortodosso a Sanpolino, a due passi dalla fermata della metropolitana e dal distaccamento della Polizia locale, nella parte sud del quartiere.
IL PROGETTO, realizzato dall'architetto Cesare Castagnari in collaborazione con il collega Iulian Diaconescu, prevede la costruzione di un oratorio e di una vera e propria chiesa: l'area (un triangolo di terra delimitato da via Merisi, via Fiorentini e corso Bazoli, data in concessione per 99 anni dal Comune di Brescia con un atto notarile del 18 dicembre 2012 al costo di 85 mila euro) è stata recintata da pochi giorni. Sul cancello è appesa l'autorizzazione della Regione Lombardia per l'inizio dei lavori che indica la ditta responsabile – la Edil Quattro costruzioni Srl di Bergamo - e l'ammontare presunto dei lavori, circa 400 mila euro.
Gli ortodossi romeni avranno così un nuovo punto di riferimento e potranno abbandonare la cappella nell'istituto Razzetti di via Milano. In realtà, per la chiesa bisognerà pazientare ancora. Per quanto non si sa, come spiega padre Gheorghe Timis, il punto di riferimento spirituale dei rumeni ortodossi che vivono in città: «Tutto dipenderà dall'aiuto dei fedeli, delle aziende, di chiunque vorrà sostenerci. Come dicono gli italiani, »facciamo un passo alla volta«: ma Dio è grande e siamo sicuri che ci aiuterà». Molto dipenderà quindi dalle donazioni dei fedeli, e padre Gheorghe chiama a raccolta anche i fedeli italiani, che «ci hanno sempre dato una mano: in fondo stiamo costruendo una chiesa cristiana, anche solo 20 euro sono importanti». Inoltre, il rapporto con la Chiesa bresciana è sempre stato ottimo, come testimoniano le parole del vescovo di Brescia, monsignor Luciano Monari, che riferendosi ai romeni ortodossi disse: «Carissimi fratelli: vi amiamo». La chiesa romena fa affidamento non solo sulla Divina provvidenza, ma anche sulla generosità dei suoi fedeli e di tutti i bresciani: per questo ha aperto un conto intestato alla Parrocchia ortodossa romena alla Bcc Agro bresciano di Brescia San Polo per sostenere il progetto. l'Iban per effettuare donazioni è IT 37 C 08575 112010 00000 183624.
I LAVORI PARTITI in questi giorni riguardano la costruzione dell'oratorio: «Un luogo importantissimo per noi, per i nostri bambini e ragazzi, che da emigrati rischiano di perdere del tutto la loro identità: se avessimo iniziato subito a costruire la chiesa avremmo perso tempo prezioso», rimarca padre Gheorghe. Sabato prossimo, verso le 14, il terreno verrà benedetto. La speranza è di finire tutto entro l'autunno e di ricevere il vescovo romeno ortodosso, Siluan Span, per benedire la struttura e posare la prima pietra della nascente chiesa di Sanpolino. Per vederla realizzata completamente, poi, ci vorranno anni: solo per decorare il luogo di culto ortodosso (che coprirà una superficie di 300 metri quadrati) ci vorranno dai 2 ai 3 anni, perché ogni centimetro viene dipinto. «Sarà bellissima», garantisce padre Gheorghe, che guida una comunità molto numerosa: i romeni bresciani sono oltre 15 mila. In un primo tempo si era pensato di costruire un prefabbricato per dare subito una chiesa agli ortodossi bresciani e abbandonare così via Milano ma l'idea è stata scartata per la scarsità di risorse: troppi i 60 mila euro necessari per la sua realizzazione, che verranno dirottati interamente sulla costruzione della chiesa vera e propria, dedicata ai santi Costantino e Elena.

Manuel Venturi

Fonte: BresciaOggi

Romeni ortodossi di Padova in festa: Zip vende la chiesa di Camin

Domenica 30 marzo, nella vecchia chiesa di San Gregorio la comunità locale dell'Est Europa celebra una messa alla presenza di ospiti illustri per suggellare l'acquisto del luogo di culto utilizzato già dal 2007

Redazione· 29 marzo 2014

Sarà festa per la comunità romena ortodossa di Padova domenica 30 marzo. Dopo lunghe trattative, il consiglio di amministrazione del consorzio Zip ha autorizzato la vendita della chiesa di sua proprietà alla comunità ortodossa rappresentata dal parroco Gheorghe Verzea. Alle 12 nella chiesa ortodossa romena di Camin la messa domenicale sarà celebrata alla presenza di ospiti illustri e la comunità romena ortodossa incontrerà l'ambasciatore Romeno a Roma Dana Costantinescu, il console generale di Trieste Cosmin Dumitrescu e l'archimandrita di Roma Atanasie assieme ai rappresentanti locali dell'amministrazione, la consigliera comunale Nona Evghenie, il sindaco reggente Ivo Rossi, il già ministro Flavio Zanonato ed il presidente del consorzio Zip Angelo Boschetti.

RISTRUTTURAZIONE. La vecchia chiesa di San Gregorio è usata dalla chiesa ortodossa romena dall'ormai lontano 2007 e la sue presenza nel territorio è ormai consolidata e molto ben inserita. Il luogo di culto, sia per le sue dimensioni che per la disponibilità di parcheggio, è adatta all'utilizzo che ne viene fatto, ma con il passare degli anni la struttura comincia a richiedere anche degli interventi di ristrutturazione e manutenzione, lavori non praticabili da chi utilizza lo spazio in concessione gratuita. Ora che la comunità romena ortodossa ne diventa proprietaria, potrà non solo eseguire i lavori necessari, ma anche ipotizzare la creazione di un vero centro culturale romeno, un centro parrocchiale di ascolto e anche un piccolo centro di accoglienza per le persone in gravi difficoltà.

9MILA ROMENI A PADOVA. "A Padova la comunità romena conta circa 9mila persone e l'80% di queste sono di religione ortodossa. La chiesa è il luogo d'incontro nei momenti di gioia ma anche di dolore nella vita delle persone. Credo pertanto che il luogo di culto sia essenziale per il buon inserimento e per l'integrazione delle persone che si trovano lontano dalla propria terra", dichiara Nona Evghenie, consigliera comunale di origine romena.

Fonte: PadovaOggi

venerdì 28 marzo 2014

Acli. Corso di lingua e cultura rumena a Cagliari

Eventi
17 marzo 2014

Iscrizioni entro il 7 aprile.

Le Acli Provinciali di Cagliari informano che sono aperte le iscrizioni per il corso di lingua e cultura rumena.
Il corso, tenuto da una docente madrelingua, avrà una durata di 20 ore e si terrà presso i locali della sede regionale Acli della Sardegna, in via Roma, 173 – secondo piano.
Le lezioni inizieranno il 9 aprile 2014 e si svolgeranno ogni mercoledì dalle 18 alle 20.
Iscrizione obbligatoria entro il 7 aprile.

Per il presidente delle Acli di Cagliari Mauro Carta "il corso nasce dalla necessità di far conoscere e diffondere l'identità culturale e linguistica del popolo rumeno, ma soprattutto dall’importanza che viene riconosciuta allo studio delle tradizioni, dei costumi e degli aspetti socio-economici di questo Paese. La presenza dei rumeni nell'Isola è, infatti, la più significativa: il 32% degli immigrati, costituito da oltre 10 mila cittadini rumeni, ha deciso di vivere e lavorare nella nostra regione. In questi ultimi anni, inoltre, sono stati attivati tanti progetti e diversi rapporti di cooperazione con la Sardegna e sono nate in Romania tante attività produttive gestite da imprenditori sardi”.

Per informazioni sul corso contattare la segreteria organizzativa al n. 070/43039 o all’indirizzo di posta elettronica acliprovincialicagliari@gmail.com

Fonte: ComuneCagliariNews

Il misterioso ritorno della grande letteratura romena

Editoriale

Nelle librerie è aumentata la richiesta di testi di Eminescu e Eliade, forse letture di badanti nostalgiche

Piccolo da Chioggia

era. Quasi notte a dire il vero, dato che mi sono attardato a disegnare. Con ultimi scarabocchi che non hanno né capo né coda. Non sono un pittore, in fondo. Sono solo un disegnatore tecnico, autodidatta per giunta, che a volte si inventa per diletto e melanconia di quell’imprendibile che sente una qualche fantasia futurista o astratta. Che cos’è l’astrazione se non la possibilità ultima di espressione per chi vuole esprimere un qualcosa ma non ne ha avuto la formazione ordinata in un iter accademico? O non è stato accompagnato e carezzato, fin da fanciullo, dalle Muse?

Non credete alle favole di chi dice che l’arte astratta sia un’invenzione fantastica del superbo spirito del tempo moderno. Erano solo quattro scarabocchiatori incapaci di ritrarre una Madonna come quella di Filippo Lippi che si sono atteggiati a pontefici dell’infinito e indistinto astratto. Ve lo assicuro io che disegno delle “astrazioni”. A volte pure ben riuscite.

Mi sdraio e mi lagno con me stesso per la scarna ispirazione. Sono consapevole che la via futurista o astratta è quella che unica mi rimane per dar volo ad una povera fantasia solitaria e messa a dura prova dallo Zeitgeist. A letto accendo la radio e ascolto una voce anonima leggere un articolo di giornale che dalla metà in poi si fa davvero interessante. Caso davvero raro. Si dice che dai dati delle librerie italiane risulta essere salita una domanda inaspettata di libri del poeta Eminescu, di Mircea Eliade, e di fiabe romene e moldave. L’autore dello scritto vedeva, con ragione, la causa della ricerca di questi libri nel consistente numero delle donne di quel lembo di Europa orientale che assistono le famiglie italiane nell’allevare i bambini o nell’alleviare la difficile e pietosa cura dei malati. Queste donne, non essendo il loro compito fatto di sole cure materiali, sono tornate come per miracolo a quell’antico uso di raccontare delle storie antiche come il mondo ai loro assistiti per distrarli e render meno arduo loro il crescere o il curarsi. Di qui la necessità di rinverdire sempre e nutrire la fantasia con la lettura del grande Eminescu, il poeta dell’”Isola di Euthanasios”, di Eliade e, possiamo aggiungere (l’autore dell’articolo non nominava altri), forse di Vasile Alexandri, o di altri. L’articolo letto alla radio termina presto ma mi ritorna a tutta una teoria di ricordi. Sono i ricordi di letture serrate ed estranee al mio patetico regime scolastico. Letture disordinate eppure meravigliose e libere. Rammento i vivi brevi paragrafi del trattato di storia delle religioni di Eliade nella piccola libreria di mio padre e mia madre. O le fiabe romene con i disegni di Val Munteanu e irte del mito antico e di profonde metafisiche. Pure quelle nella biblioteca familiare.

Ora sono in giro per l’università patavina. Per una semplice curiosità mi trovo in una via di periferia, a lettere straniere, dove mi leggo distrattamente i programmi dei corsi. Per l’esame di cultura romena un professore tiene un corso monografico dal titolo: “la narrativa fantastica di Mircea Eliade”. Ecco che mi balenano altri ricordi luminescenti innescati da questa semplice scarna teoria di parole:

la narrativa fantastica di Mircea Eliade

sono le storie d’amore raccontate nella casa dai due invitati rimasti soli: Nozze in Cielo. E dove si celebrano le vere Nozze se non a cospetto del cielo e della sua volta stellata? Solo il titolo di questo romanzo è un diamante! E la storia dell’aviatore Andronico e di Dorina fuggiti nella selva e ritrovati a dormire nell’isola di una Romania costellata di boschi e laghi: Il serpente. La trama misteriosa e fiabesca di Notti a Serampore con gli inesplicabili viaggi nel tempo. Le donne romene e moldave raccontano dunque, e danno un nuovo respiro a quella sentenza di Eliade che ho letta ma non ricordo più dove

i popoli non finiranno mai di raccontare storie

non poteva che essere così: non sono appunto donne che devono inventarsi di essere anche maestre e vengono dal popolo di un indimenticabile maestro romeno della pedagogia come Jon Gavanescul, del quale intravedo, in una sbiadita foto trovata chissà dove, il volto gentile e fiorito del bianco della chioma? Qualcosa dunque è rimasto anche presso di noi di un mondo antico e lontano che credevo ritiratosi in un piccolo giardino il cui accesso ho obliato. E questo qualcosa vive e si fa sentire ancora anche per il mezzo apparentemente disanimato di invisibili onde radio captate nella casuale veglia notturna.

Fonte: Totalità

Andreea Munteanu, aur la bârnă și bronz la sol în Italia

Micuțele tricolore, de la stânga la dreapta (în alb): Paula Tudorache,
Ștefania Stănilă, Andreea Munteanu, Miriam Aribășoiu și Silvia Zarzu
Monday, 24 March 2014
Autor: Mugur Băileșteanu

Gimnasta Andreea Munteanu a câştigat, duminică, medalia de aur la bârnă şi pe cea de bronz la sol.

Andreea Munteanu a câştigat medalia de aur în finala de la bârnă, fiind notată cu 14.833, anunță Mediafax. Medalia de argint a revenit italiencei Elisa Meneghini (14.200), iar cea de bronz sportivei americane Alyssa Baumann (14.200). În aceeaşi finală la senioare, cea de-a doua reprezentantă a României, Ştefania Stănilă, s-a clasat pe locul 5 (13.700).

În finala de la sol, Andreea Munteanu a fost notată cu 13.967 puncte, cu care a cucerit medalia de bronz, cea de aur revenind gimnastei americane Mykayla Skinner (14.533), iar cea de argint compatrioatei sale, Kyla Ross (14.233). În aceeaşi finală, Ştefania Stănilă, s-a clasat tot pe locul 5 (13.633).

Sâmbătă, Andreea Munteanu şi Ştefania Stănilă s-au clasat pe locurile 13, respectiv 14, în concursul individual-compus, în timp ce echipa de junioare a României a cucerit medalia de argint a competiţiei, în componenţa Laura Jurcă, Andra Butuc, Ştefania Orzu, Asiana Peng, Andra Stoica şi Andreea Iridon (punctaj total de 212,900 puncte).

Sursa: EVZ.ro

Chivu dice addio al calcio: pronta la risoluzione con l'Inter

Chivu (getty Images)
dopo l'operazione a miami il difensore è pronto a salutare definitivamente il mondo del calcio

Dall'inizio della stagione non solo non ha mai messo piede in campo, ma non ha neanche poi passato così tanto tempo con i compagni: Cristian Chivu è ormai pronto a dire addio non solo all'Inter, ma ad un mondo, quello del calcio, che nella sua carriera non lo ha certo risparmiato in fatto di infortuni.

Il centrale rumeno è tornato in questi giorni alla Pinetina, come testimoniato anche da alcune foto postate dai giocatori nerazzurri sui propri profili ufficiali di Twitter, probabilmente per discutere il suo futuro contrattuale: stante l'impossibilità di ritornare a giocare accertata anche dall'operazione specialstica affrontata a Miami, Chivu è pronto a rescindere il proprio contratto, che sarebbe comunque scaduto nel giugno prossimo. Addio all'Inter, addio al calcio.

Scritto il 13/03/2014

Fonte: FantaGazzetta

Vino: Romania, è un nuovo mercato 40% importato è italiano

(AGI) - Roma, 17 mar. - Cresce il consumo di vino di qualita' in Romania. E, di pari passo, si impenna l'importazione di etichette italiane che raggiungono un ragguardevole 40% sul totale. Numeri importanti che testimoniano dell'appeal che il nostro vino continua ad avere oltre confine, sia sui mercati tradizionali che su quelli, come il romeno, ancora tutti da scoprire.
Ma il fascino del Made in Italy dalle parti di Bucarest non si limita al consumo delle nostre eccellenze enoiche. E' di questi giorni la notizia che una cittadina italiana si e' aggiudicata il premio come miglior sommelier dell'anno al termine di una gara molto serrata, visti gli altissimi standard raggiunti dalla sommellerie rumena. Si tratta di Marinela Vasilica Ardelean, rumena di nascita ma con doppia cittadinanza da circa 15 anni e professionalmente attiva nel nostro Paese.
E' stata lei a occupare il gradino piu' alto del podio nella 13esima edizione del contest che rientra nell'ambito di quelli organizzati sotto l'egida ASI (Associazione Internazionale dei Sommelier).
"Una bella soddisfazione personale - sottolinea Marinela Vasilica Ardelean - ma anche la conferma del fatto che il vino, in Romania, parla sempre piu' spesso italiano. Certo, non ci troviamo ancora di fronte numeri importanti, l'import del settore si attesta intorno ai 13 milioni di euro l'anno e quindi il business per le aziende italiane si aggira sui 5-6 milioni di euro. Ma i dati e gli studi parlano di un trend in forte crescita e quindi quello rumeno puo' diventare, per le cantine italiane, un importante punto di riferimento".
L'impatto globale del mercato del vino e' in effetti di 300 milioni di euro l'anno, con un consumo pro capite di circa 25 litri. Numeri che pongono la Romania nella top ten mondiale nel consumo dei vini giuridicamente tassati (dati OIV, Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino).
"Ovviamente stiamo parlando di un mercato ancora giovanissimo - spiega la Ardelean - Basti pensare che nel periodo comunista l'attenzione era puntata unicamente sulla quantita'. E da circa 20 anni che si e' deciso di puntare sulla qualita', sia in termini di produzione che di consumo, e i risultati iniziano a vedersi. Tante enoteche, ristoranti con carte dei vini importanti, negozi gourmet. E, come filo conduttore, un'attenzione sempre viva nei confronti di tutto cio' che e' Made in Italy". In questa sorta di Rinascimento del Vino, un ruolo fondamentale e' quello ricoperto proprio dai sommelier.
"Dal 2003 - racconta Marinela Vasilica Ardelean - la figura professionale del sommelier e' stata introdotta nel Codice Rumeno delle Occupazioni e oggi sono centinaia i miei colleghi che svolgono una fondamentale attivita' divulgativa e promozionale, fondamentale per la commercializzazione del prodotto. Il tutto a un livello altissimo, se si pensa che nei vari challenge i sommelier rumeni si aggiudicano sempre i premi piu' importanti: quinto posto ai Mondiali di Tokyo, terzo posto agli Europei a San Remo. E sono tutti innamorati dei grandi vini italiani: Barolo, Brunello, Prosecco Superiore ma anche Chianti, Lambrusco, Greco di Tufo, Amarone e tanti altri".(AGI) Bru

Fonte: AGI

Assegni nucleo familiare (ANF) Inps: nipoti a carico, cittadini stranieri e comunitari

23-03-2014 - Elisa Conte

I requisiti per il riconoscimento degli assegni nucleo familiare per i nipoti, per i cittadini stranieri e comunitari.

Assegni nucleo familiare (ANF)

Gli assegni per il nucleo familiare dall'Inps possono essere percepiti dai lavoratori dipendenti sia del settore privato che pubblico, da chi è percettore di pensione o di indennità previdenziali da lavoro dipendente (es. Aspi e mini Aspi), dai percettori di indennità Inail per tubercolosi. Hanno diritto, altresì, i soci delle cooperative presso cui prestano attività lavorativa come dipendenti. L'importo dell'assegno per il nucleo familiare varia in base ai componenti della famiglia e del reddito complessivo: l'importo è decrescente per scaglioni di reddito crescente. Sono inoltre previsti aumenti degli scaglioni di reddito se il richiedente è vedovo/a, divorziato o separato legalmente; se nel nucleo familiare sono presenti disabili.

Nucleo familiare: i soggetti che concorrono alla composizione del nucleo familiare sono:
•il medesimo richiedente, il coniuge, i figli, sorelle e fratelli, i nipoti, minori o inabili, se però sono orfani di entrambi i genitori e non hanno diritto alla pensione di riversibilità.

Nipoti: la Corte Costituzionale con una storica sentenza del '99 ha fatto rientrare tra i familiari anche i nipoti in linea retta (minori) anche se non affidati ai nonni, ma viventi con questi ultimi. Pertanto, gli ascendenti (i nonni) possono richiedere gli assegni per i nipoti purché i genitori non abbiano redditi da lavoro dipendente o altra fonte di reddito. Sono esclusi dal reddito la casa di abitazione e l'eventuale indennità di accompagnamento.

Cittadini stranieri: hanno diritto al riconoscimento dell'assegno per il nucleo familiare anche i cittadini stranieri che risultano essere lavoratori dipendenti in Italia, anche se i familiari per cui richiede gli assegni (moglie e/o figli) non hanno ancora la residenza anagrafica nel nostro Paese, purché però si trovino in Italia ed il centro dei loro affetti sia qui e si evinca dalle relazioni quotidiane. L'assegno invece non spetta per i lavoratori extracomunitari stagionali ai sensi dell'art. 25 del decreto legislativo n. 286/1998.

Cittadini comunitari: a questi ultimi - lavoratori subordinati o autonomi in Italia - è riconosciuto l'assegno per il nucleo familiare anche se i familiari risiedono all'estero.

Fonte: Blasting News

Voto al parlamento europeo Uffici aperti ai comunitari

PEGOGNAGA. Una nota dei servizi elettorali del comune di Pegognaga informa che in occasione delle prossime elezioni del Parlamento Europeo, che si svolgeranno il prossimo 25 maggio, i cittadini dell'Unione Europea non in possesso di cittadinanza italiana residenti a Pegognaga, che volessero esercitare il diritto di voto devono presentare al sindaco del Comune domanda di iscrizione nell'apposita lista aggiunta. Il cittadino dell’Unione Europea deve essere in possesso dei seguenti requisiti: capacità elettorale sia con riferimento alle leggi Paese di origine sia alle leggi italiane; età non inferiore ai diciotto anni; registrazione nell’anagrafe della popolazione residente di Pegognaga. La domanda di iscrizione va compilata su apposito modulo disponibile presso l’ufficio Elettorale del comune di Pegognaga oppure, on line, utilizzando il modulo messo a disposizione dal Ministero dell’Interno all’indirizzo http://elezioni.interno.it/optanti2014.html. Il modello di domanda, una volta compilato, dovrà essere completato con la firma autografa. (v.n.)

18 marzo 2014

Fonte: Gazzetta di Mantova

Guvernul a sistat negocierea cu Italia pentru avionul demnitarilor şi vrea un Airbus 318 de la Tarom

Sâmbătă, 15 Martie 2014
SURSA Mediafax

Guvernul român a sistat negocierile cu Executivul italian pentru achiziţionarea unei aeronave destinate demnitarilor şi vrea să cumpere pentru astfel de zboruri speciale un avion tip Airbus 318 de la compania naţională Tarom.

Potrivit surselor, reprezentanţii Guvernului au început deja discuţiile în acest sens cu cei ai Tarom.

Prin această operaţiune de vânzare, costurile aferente aeronavei vor fi scăzute din contabilitatea operatorului aerian.
În luna noiembrie, premierul Victor Ponta a dispus constituirea unei comisii interministeriale care să negocieze cu Guvernul italian achiziţionarea unei aeronave pentru demnitari, după ce oficialii Guvernului au arătat că România este singura ţară din Uniunea Europeană care nu are aeronavă oficială, iar Executivul de la Bucureşti trebuie să închirieze o aeronavă de dimensiuni mai mari de la Tarom, ceea ce ridică foarte mult costul deplasărilor.

Pe fondul discuţiilor legate de costuri, preşedintele Traian Băsescu a declarat, în primăvara anului trecut, că nu va mai utiliza aeronava pusă la dispoziţie de Tarom pentru vizitele sale externe şi că, atunci când va avea nevoie de un avion, va închiria în regim charter de la o companie străină, iar premierul Victor Ponta a folosit în unele deplasări curse de linie sau aeronava militară Spartan.

În luna august, Guvernul a aprobat, prin ordonanţă de urgenţă, achiziţionarea unei aeronave pentru înalţi demnitari, preşedintele Comisiei pentru apărare din Senat, Corneliu Dobriţoiu, precizând atunci pentru MEDIAFAX că suma totală necesară achiziţionării în leasing a aeronavei se ridică la 56 de milioane de euro.

La data adoptării ordonanţei, premierul Victor Ponta declara că Guvernul şi-a propus să achiziţioneze o aeronavă de 12 locuri pentru a fi folosită în deplasările oficiale de către preşedintele României, prim-ministru, preşedinţii celor două Camere ale Parlamentului şi miniştri.

În luna februarie a anului trecut, directorul general al companiei Tarom, belgianul Christian Edouard Heinzmann, afirma că operatorul aerian, aflat sub management privat, vrea să-şi standardizeze flota de avioane, care ar trebui să scadă în următorii doi ani.

El arăta explicat că flota Tarom are mai multe tipuri de avioane, iar o uniformizare a acesteia ar reduce costurile cu combustibilul cu 35% şi ar permite o utilizare mai ridicată a aeronavelor, precizând totodată că operaţiunile de negociere cu producătorii pentru această operaţiune ar putea fi iniţiate în 2014.

Flota companiei este cuprinsă din 4 aeronave A318, 2 aeronave A310, 4 aeronave B737 - 300, 4 aeronave B737 - 700 şi o aeronavă B737 - 800, plus 7 aeronave ATR 43-500 şi 2 aeronave ATR 72-500.

Tarom, aflată sub autoritatea Ministerului Transporturilor, nu a mai obţinut profit din anul 2007.

La începutul acestui an, Senatul a atribuit Tarom, prin negociere fără anunţ de participare, un contract de 1,4 milioane de lei fără TVA, pentru servicii de transport aerian, pe curse interne, al senatorilor în acest an, suma fiind cu peste 300 de mii de lei mai mare decât cea convenită în 2013.

Sursa: REALITATEA.NET

Amore ostacolato dai genitori: due minorenni si rifugiano nel porticciolo di Pastena

Erano scappati da Angri. Lui italiano, lei romena: entrambi di 17 anni. Questa relazione era osteggiata dai genitori del ragazzo che erano arrivati a intimare al giovane di non rivedere più la coetanea

19 marzo 2014

Angri: Giovanni Alfano scomparso da una settimana insieme alla fidanzatina

Erano scappati da Angri per amore. Lui, Giovanni Alfano, italiano, lei, Juliana Afrasimei, romena: entrambi di 17 anni. Questa relazione era osteggiata dai genitori del ragazzo che erano arrivati a intimare al giovane di non rivedere più la coetanea. Allora meglio fuggire, nonostante non avessero soldi o destinazione.

La fuga, iniziata il 12 marzo, si è interrotta questa mattina. Perchè alcuni abitanti del quartiere Pastena di Salerno non riuscivano a capire come mai, da giorni, due ragazzi dormissero sotto una barca sulla spiaggia. Per questo hanno allertato i carabinieri che li hanno ritrovati e condotti a casa. Lo racconta il Corriere del Mezzogiorno.it.

Fonte: SalernoToday

Cassola, in fiamme Skyway discoteca romena: indagini in corso

Il rogo è divampato in via Ferrarin poco prima delle due e ci sono volute due ore di lavoro dei vigili del fuoco per domare le fiamme. I carabinieri stanno indagando sulle cause, si presume dolose

Giulia Guidi· 18 marzo 2014

In fiamme la discoteca frequentata abitualmente da cittadini di origine romena, lo Skyway a San Giuseppe di Cassola, nel Bassanese. Il rogo è divampato poco prima delle due, nella notte tra lunedì e martedì, nel locale di via Ferrarin e ci sono volute due ore di lavoro per spegnere l'incendio. Il locale era deserto perchè era un giorno di chiusura. Secondo le prime informazioni si tratterebbe un atto doloso. Sul posto anche i carabinieri di Romano d'Ezzelino.

Aggiornamento ore 12.30: I carabinieri del nucleo operativo stanno ancora compiendo i rilievi all'interno del locale, luogo dove sono divampate le fiamme. Secondo indiscrezioni, si tende ad escludere che l'origine sia un corto circuito.

Fonte: VicenzaToday

giovedì 27 marzo 2014

Batte la testa cadendo sui pattini


CRONACA | martedì 18 marzo 2014

La 21enne stava pattinando in compagnia della madre quando ha perso l'equilibrio

E' caduta mentre stava pattinando all'interno del mercato coperto di Cossato. La botta è stata forte ma le condizioni di Elen Iriene Cezara, 21 anni non sono preoccupanti ha subito soltanto la rottura di un polso. La ragazza si stava divertendo accompagnata dalla madre, quando ha perso l'equilibrio, è caduta all'indietro e ha sbattuto violentemente la nuca contro il pavimento di cemento restando svenuta. Sul posto è intervenuta l'ambulanza del 118 che ha trasportato d'urgenza la ragazza in ospedale.

Fonte: NewsBiella

La Cassia uccide ancora: un 23enne si schianta contro un palo della luce

Ancora un incidente mortale sulla Cassia all'angolo con via Vincenzo Tieri. Un romeno 23enne N.L. per cause imprecisate, mentre era a bordo di un motociclo, si è schiantato contro un palo della luce.

Trasportato in codice rosso all'ospedale San Filippo neri, è giunto morto nella struttura sanitaria. Sul posto sono intervenuti gli agenti del XV gruppo Cassia della polizia locale di Roma capitale. Nessun'altra persona è rimasta coinvolta nell'incidente.
Martedì 25 Marzo 2014

Fonte: Il Messaggero

Pastori romeni ridotti in schiavitù, assolti due allevatori

(ANSA) - Assolti perché i fatti non sussistono. I giudici della Corte d'Assise di Nuoro hanno emesso questo pomeriggio la sentenza nei confronti degli allevatori di Ottana, Antonio e Pietrino Dettori, padre e figlio rispettivamente di 83 e 51 anni, accusati di aver ridotto in schiavitù Liviu Ganga, 23 anni, il coetaneo Marian Cullan e la moglie di quest'ultimo, Maria Adele Punca, di 21, tutti di nazionalità romena. Tra il 2009 e il 2010 avevano lavorato per loro come servi pastori. FO

20-MAR-14

Fonte: ANSA

Annegati nell'auto nel canale, identificati i quattro ragazzi. La più giovane aveva 20 anni

Foto Businesspress
Lutto cittadino a Comacchio nel giorno dei funerali

di Federico Malavasi
La tragedia

Massenzatica, auto nel canale: morti quattro giovani

Ferrara, 19 marzo 2014 - Sono stati identificati anche gli altri due giovani che hanno perso la vita nel tragico incidente avvenuto a Massenzatica nel pomeriggio di martedì: si tratta di Stefano Bertaglia, 30 anni di Ariano Polesine e di Loredana Nicoleta Caruntu, romena di 20 anni.

A quanto si apprende, i giovani si stavano preparando per festeggiare il compleanno di Liliana Dragnescu (31enne romena legata sentimentalmente all'altra vittima, Matteo Carli, 30enne di Comacchio). Liliana, conosciuta da tutti come Laura, aveva compiuto gli anni sabato, ma i ragazzi avevano deciso di approfittare della serata di chiusura del locale nel quale le due straniere lavoravano (martedì appunto) per concedersi una serata di festa tutti insieme.

Quella che doveva essere una serata di gioia e spensieratezza, alle 17.45 sulla provinciale per Ariano, si è invece trasformata in tragedia. Il sindaco di Comacchio Marco Fabbri ha deciso di proclamare il lutto cittadino per il giorno dei funerali dei quattro ragazzi. “A nome dell’amministrazione comunale mi unisco al dolore dei familiari e degli amici di Matteo, Liliana, Stefano e Loredana – dichiara il sindaco – e durante i funerali tutta la comunità si unirà al lutto cittadino. Saranno esposte le bandiere a mezz’asta, mentre negli uffici pubblici si osserverà un minuto di silenzio e gli esercizi commerciali abbasseranno le serrande”.

Federico Malavasi

Fonte: Il Resto del Carlino

Diciassettenne scomparso nel Cosentino, trovato morto

13 marzo 2014, Cosenza Cronaca

Un giovane di 17 anni, di origine romena, è scomparso da ieri a Caloveto, nel cosentino. Il giovane, da tutti conosciuto e che si occupava di diversi lavori per conto di alcuni imprenditori, è adesso attivamente cercato dai carabinieri e da squadre di volontari nelle campagne tra Caloveto e Cropalati, dove passa il fiume Trionto. (AGI)

h 15:52 | I Vigili del Fuoco di Cosenza, impegnati nelle ricerche insieme alle altre forze dell'ordine, hanno rinvenuto nel letto del fiume Trionto il corpo del giovane scomparso A.P.. Appena terminate le formalità di rito si potrà procedere al recupero della salma. Dai primi riscontri il cadavere non presenterebbe segni di violenza, per cui si suppone che si sia trattato di un incidente.

Fonte: CN24TV

Rumena morta tra l’indifferenza a Locri, Comune le dà sepoltura

18 marzo 2014, Reggio Calabria Cronaca

L'Amministrazione Comunale di Locri ha reso noto, con un comunicato stampa, che "in data 24 gennaio 2014, per cause ancora non chiarite e senza il conforto di nessuno, prematuramente cessava di vivere, Ilie Gheorghite, 45 anni, cittadina di origine rumena.

Domani, mercoledì 19 marzo 2014, dopo un lungo e travagliato iter burocratico, pur non avendo nessuna competenza, ma con sensibilità e spirito di fratellanza, l'Amministrazione Comunale di Locri, dispiaciuta anche per la totale indifferenza dimostrata dai "professori" della solidarietà e dell'accoglienza, provvederà a dare degna sepoltura alla giovane e sfortunata cittadina rumena Ilie, deceduta nella nostra terra. La salma, dopo la benedizione religiosa presso la sala mortuaria dell'ospedale Civile di Locri che sarà alle ore 9:30, verrà tumulata nel cimitero cittadino. Il Sindaco e l'Amministrazione Comunale ringraziano per la grande sensibilità e disponibilità le Onoranze Funebri Chine' di Locri, che hanno compartecipato in maniera volontaria".

Fonte: AGI

Rapito a Borgo Sabotino, 28enne trovato morto in un pozzo a Cisterna

Il giovane romeno è scomparso una settimana fa: era a bordo della sua auto ed è stato speronato da un'altra vettura con tre uomini che hanno esploso alcuni colpi di pistola. Scoperto il cadavere a Olmo Bello. Secondo gli investigatori la vittima voleva avviare alla prostituzione una giovane connazionale: fermate tre persone

Rapito a Borgo Sabotino, 28enne trovato morto in un pozzo a Cisterna

Lo hanno rapito la scorsa settimana a Borgo Sabotino ed è stato ritrovato cadavere, questa notte, in un pozzo a Olmo Bello a Cisterna di Latina. L'attività di indagine svolta dalla Squadra mobile di Latina ha portato al ritrovamento del corpo di Nicolas Giuroiu, 28enne romeno, residente a Formello, che sabato pomeriggio, mentre era alla guida della sua auto, è stato speronato da un'altra vettura con tre uomini a bordo che, dopo aver esploso alcuni colpi di pistola, lo hanno immobilizzato e portato via. E' stato ucciso a colpi di pistola per una storia legata alla prostituzione.

Su quell'episodio hanno lavorato gli agenti della Mobile di Latina, diretti da Tommaso Niglio, che, questa notte, hanno trovato il corpo e fermato tre persone, due fratelli italiani di 22 e 15 anni e un rumeno di 18 anni, ora sotto interrogatorio accusati di omicidio, occultamento di cadavere, sequestro di persona e porto abusivo di arma da fuoco.

Il corpo della vittima era stato legato ad alcuni pesi perché affondasse. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire la vicenda anche grazie alle attività tecniche. Secondo l'ipotesi degli investigatori la vittima voleva avviare alla prostituzione una giovane connazionale, che invece rifiutava di vendersi in strada. Si è così rivolta ai tre connazionali e la vicenda è degenerata in una feroce violenza, anche a causa di un uso smodato di cocaina: dopo averlo sequestrato e dopo avergli inflitto diverse ferite, lo hanno ucciso con un colpo di pistola al cuore prima di legarlo e gettarlo nel tombino dove questa notte è stato trovato.

14 marzo 2014

Fonte: La Repubblica

La picchia selvaggiamente e poi si uccide accoltellandosi

Angela e Vasile Baran (Ansa)
A Rivalta, nel torinese:. La procura non esclude l’omicidio

La donna, rumena, 53 anni, percossa a calci e pugni, è in prognosi riservata. Era scappata dal suo paese, a causa delle violenze subite. L’uomo l’ha inseguita in Italia

di Alessandro Fulloni

Prima l’ha picchiata selvaggiamente. Poi si è pentito: e si è ucciso infliggendosi numerose coltellate. E’ successo a Rivalta, nel Torinese. La Procura però non esclude un altro scenario: quello dell’omicidio. Lei, prima di perdere i sensi, sarebbe riuscita a pugnalare il marito, con quel coltello preso in cucina. La donna, Angela Baran, una rumena di 54 anni, è ricoverata in prognosi riservata.

Medici cautamente ottimisti

I medici sono cautamente ottimismi. A trovare i genitori, entrambi insanguinati (lui in fin di vita) poco prima delle 13, la figlia Ileana Traila, badante romena di 35 anni. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri della compagnia di Moncalieri i litigi fra i due coniugi proseguivano da tempo. Qualche settimana fa Angela Baran, esasperata, aveva lasciato la Romania per raggiungere la figlia a Rivalta, dove lavora da 7 anni. Domenica sera si è presentato a sorpresa anche Vasile Baran. Gli inquirenti ipotizzano che i coniugi abbiano avuto l’ennesima discussione, finita in tragedia.

La figlia ascoltata in caserma

È ancora negli uffici della caserma dei carabinieri di Orbassano la figlia dei coniugi romeni protagonisti della lite finita nel sangue in un appartamento di Rivalta. Da alcune ore la donna, 36 anni, che ha trovato il padre morto e la mamma gravemente ferita, viene ascoltata dai militari, coordinati dal pm Lisa Bergamasco che conduce l’inchiesta. Insieme a lei è presente anche il marito. Gli investigatori vogliono chiarire i contorni della vicenda, che al momento presenta ancora numerosi punti oscuri.

25 marzo 2014

Fonte: Corriere della Sera

Era già stato condannato per violenze. Il sindaco: «Doveva essere in cella»

Monte Bue (Cene), il luogo del delitto
11 marzo 2014

Tra i lampeggianti che rischiaravano la notte e i tanti mezzi dei carabinieri e dei vigili del fuoco accorsi sul monte Bue ieri sera si sono precipitati anche il parroco don Camillo Brescianini e il sindaco di Cene, Cesare Maffeis.

Incredulo e abbottonato sino alla fine, il primo cittadino fa però sua «la domanda che ci poniamo tutti: una persona con questi trascorsi – pare frequentasse anche gli ambienti della droga – cosa ci fa libera, in giro? Doveva stare in carcere o in comunità».

Il trentasettenne autore dell’omicidio che si è consumato ieri sera sul monte che sovrasta gli abitati di Cene e, sull’altro versante, di Leffe, il 16 luglio 2013 nel casolare che aveva in uso qui in via Zeno Capitanio aveva portato una prostituta romena che aveva poi picchiato, procurandosi la condanna a tre anni di reclusione per tentata violenza sessuale e lesioni personali.

Stesso teatro, la cascina sul monte Bo’, una ragnatela di strade e stradine che si diramano tra i boschi costellati di ville, altre cascine e caselli di caccia, un nuovo gesto di violenza nei confronti di una donna, romena come la prima. E lui, Isaia Schena, trovato accanto al corpo della sua vittima, Madalina Palade, 27 anni, romena.

IL PRECEDENTE

La vicenda risale al 16 luglio 2013. L’uomo aveva avvicinato la ventiquattrenne nella zona tra Ghisalba e Cologno, sulla Francesca, e aveva concordato con lei una prestazione sessuale. La ragazza aveva raccontato che avevano raggiunto un albergo, dove l’uomo le aveva pagato 350 euro per due ore, quindi aveva subito proposto di spostarsi a casa sua, alzando la cifra di un altro migliaio di euro. La ragazza aveva acconsentito, ma lungo il tragitto aveva tenuto informata un’amica del percorso. I due avevano raggiunto una zona isolata di Cene, un cascinale, e la giovane aveva raccontato: «Quando siamo entrati, volevo il pagamento. Lui invece ha chiuso la porta a chiave, si è spogliato completamente e mi ha preso le mani».

Gesti che l’avevano spaventata e spinta a fuggire fuori: lì era stata inseguita dal trentaseienne, ancora svestito, e picchiata, dopo un tentativo di trascinarla all’interno. La giovane era però riuscita a scappare, scivolando prima in una piccola scarpata e poi raggiungendo la strada: soccorsa da un automobilista, aveva allertato i carabinieri.

In ospedale le erano state riscontrate varie fratture, con prognosi di 40 giorni. L’uomo era stato arrestato in ospedale. In direttissima aveva negato: «Avevo già pagato la prestazione, ma lei è fuggita col mio portafoglio: l’ho inseguita solo per recuperarlo».

Il pm aveva chiesto la condanna per violenza privata e lesioni a due anni. Il Collegio del Tribunale di Bergamo lo ha condannato a tre anni per tentata violenza sessuale e lesioni personali, disponendo anche un risarcimento per la 24enne di 40 mila euro.

Fonte: L'Eco di Bergamo


Leggi anche:
Venerdì l’autopsia di Madalina. Le amiche la ricordano sul web

Milano, ventenne romena sequestrata e violentata da due connazionali: presi

Venerdì 14 Marzo 2014
di Salvatore Garzillo

Un incubo durato 24 ore. Sequestrata, picchiata con catene e bastoni e violentata ripetutamente da due uomini in un casolare abbandonato e in un container a Monza. Due mostri, due pregiudicati romeni di 30 e 32 anni, che si erano presentati come i suoi salvatori.
A incastrarli sono stati i tatuaggi, uno in particolare: il volto di una donna disegnato sul petto con sopra la frase in romeno: «Odio le femmine perverse».
La storia di S.L., baby sitter romena di 20 anni che abita a Verona, inizia il 15 febbraio in stazione Centrale. Ha appuntamento per le 22,45 con il fidanzato, un connazionale di 20 anni, operaio a Piacenza. Al suo arrivo, però, il ragazzo non c'è. La giovane non parla italiano, non ha cellulare ma solo una scheda sim. Così chiede a due sconosciuti il telefonino in prestito, con il quale contatta il compagno e riceve l'assicurazione che in pochi minuti sarebbe stata raggiunta. Ma il tempo passa, e allora i romeni le offrono di accompagnarla a cena perché «la stazione è un posto pericoloso». Dopo un po' lei inizia a preoccuparsi, chiama di nuovo il fidanzato, che chiede di parlare con i due uomini, ma questi spengono il cellulare e danno il via all'incubo. Portano la ragazza in una villetta a Monza in zona San Fruttuoso, dove la picchiano e stuprano per ore. L'indomani uno dei due finge di riaccompagnarla in stazione ma invece la porta in un container poco distante, dove si ripetono le violenze brutali. Infine, alle 20 del 16 febbraio, la abbandona davanti alla Centrale, dove incontra il fidanzato che nel frattempo l'aveva cercata ovunque. Scioccata e ferita, la ragazza gli racconta tutto e denuncia alla polizia, fornendo dettagli precisi sui luoghi e sui tatuaggi degli aguzzini. Tre settimane di indagini, poi l'arresto per violenza sessuale e sequestro di persona di Silvian Luci Cristescu, 30 anni (quello con il tatuaggio incriminato), e Marian Scarlat, 32, identificato per due delfini disegnati attorno all'ombelico e una donna nuda sulla spalla.

Fonte: Leggo

lunedì 24 marzo 2014

Absurdistan - Serata omaggio dedicata a Eugen Ionesco‏

domenica 23 marzo 2014

96 anni dall'unità della Bessarabia con la Romania‏

Giovedì, 27 Marzo 2014, ore 18,00

Accademia di Romania, Biblioteca

Indirizzo: Valle Giulia, Piazza José de San Martin, 1 00197 Roma
E-mail: accadromania@accadromania.it  

96 anni dall'unità della Bessarabia con la Romania

Presentazione di libro:

„Bessarabia!

La libertà e il progresso vengono attraverso il fiume Prut”

Autore: Sergiu Ion Chirca

96 anni dall'unità della Bessarabia con la Romania

In occasione delle celebrazioni dei 96 anni dell'unità della Bessarabia con la Romania, l'Accademia di Romania in Roma in collaborazione con l'Associazione Dacia, ha l'onore di invitarla alla presentazione di libro „Bessarabia! La libertà e il progresso vengono attraverso il fiume Prut” („Basarabie! Libertatea si progresul vin de peste Prut”) autore Sergiu Ion Chirca.
Sergiu Ioan Chirica. Professore, membro onorario dell'Accademia Rumena di Chisinau (Moldavia).

Intervengono:
Prof. Mihai Barbulescu (Direttore - Accademia di Romania in Roma)
George Lupascu (poeta)
Moderatore - Tatiana Ciobanu (Associazione Dacia)

Accademia di Romania in Roma

L’Italia delle migrazioni, tra prospettiva storica e sviluppi possibili

Prossimamente al CSER

Tavola rotonda

L’Italia delle migrazioni,
tra prospettiva storica
e sviluppi possibili

Giovedì, 27 marzo 2014 – ore 17:00
CSER, Via Dandolo 58 - Roma

Presentazione del libro di Corrado Bonifazi
“L’Italia delle migrazioni” - il Mulino 2013

PROGRAMMA

Saluti: René MANENTI, Direttore CSER

INTERVENGONO
Prof. Antonio GOLINI, Presidente Istat, Emerito dell'Università La Sapienza
Dott.ssa Carla COLLICELLI, Vice direttrice CENSIS
Prof. Matteo SANFILPPO, Docente di Storia Moderna, Università della Tuscia
Dott. Michele COLUCCI, Ricercatore ISSM/CNR
Modera: prof. Matteo Sanfilippo

Sarà presente l’Autore

COMUNICATO STAMPA

Migrazioni: un concetto che abbraccia e supera la tradizionale polarità: immigrazione/emigrazione. È questa la prospettiva con cui guardare la mobilità odierna, accelerata dalla globalizzazione.

Il libro di Corrado Bonifazi presenta, in prospettiva migratoria, il “caso Italia”, passata in pochi decenni da tradizionale paese di emigrazione a paese di accoglienza.

Secondo le stime più accreditate, circa 28 milioni di italiani avrebbero lasciato il paese negli ultimi 150 anni, senza contare le migrazioni interne. Attualmente ha ripreso forza un movimento di uscita dall’Italia soprattutto di persone giovani e qualificate, mentre la quota dei cittadini stranieri residenti ha raggiunto i 4,3 milioni.

Scrive Bonifazi nelle conclusioni: “Si è forse già aperta una nuova fase nella storia delle migrazioni italiane, che potrebbero essere destinate ad assumere in tempi brevi nuove forme, superando il momento dell’immigrazione di massa che ha caratterizzato gli ultimi decenni. Quel che è certo è che il futuro delle migrazioni italiane non sarà meno interessante e importante del loro passato e del loro presente”.

L’approccio storico-demografico del libro permette di cogliere lo sviluppo delle principali linee socioeconomiche e demografiche che hanno determinato le migrazioni, e si presta ad un riflessione sulle complesse sfide che la presenza di cittadini stranieri comporta.

A partire da questo scenario, si aprono pressanti interrogativi: Come governare le migrazioni? Quali sono le prospettive a breve e medio termine? Quali possibili sviluppi nel sociale? Quali politiche per l’integrazione?

Ne parleremo con:
il prof. Antonio GOLINI, presidente Istat ed Emerito dell’Università La Sapienza
la dott.ssa Carla COLLICELLI, vice direttrice del Censis
il prof. Matteo SANFILIPPO, docente di Storia Moderna, Università della Tuscia
il dott. Michele COLUCCI, ricercatore all’ISSM/CNR

Sarà presente l’Autore.

Ai partecipanti sarà distribuita gratuitamente copia
della rivista Studi Emigrazione 192:
I cinquant’anni del Centro Studi Emigrazione di Roma

È gradito cenno di adesione.

Info e prenotazioni:
Mariella Guidotti, mguidotti@cser.it ; tel. 06 5809764

“Nicolae Steinhardt (1912-1989) e la vocazione alla libertà”‏

Mercoledì, 26 Marzo 2014, ore 16,00
Pontificio Istituto Orientale
P.zza Santa Maria Maggiore 7, 00185 Roma

“NICOLAE STEINHARDT

(1912-1989)

e la vocazione alla libertà”

“NICOLAE STEINHARDT (1912-1989) e la vocazione alla libertà”

Dedicato a Nicolae Steinhardt, insigne personalità del mondo culturale e spirituale romeno, il convegno nasce dalla collaborazione dell’Associazione “Insieme per l’Athos” con l’Accademia di Romania in Roma, con l’Ambasciata di Romania presso la Santa Sede e con la Diocesi Ortodossa Romena d’Italia. A 54 anni dal battesimo di N. Steinhardt nel carcere di Jilava (16 marzo del 1960) e a 25 anni dalla sua morte (30 marzo 1989) il convegno del 26 marzo 2014 desidera riportare all’attenzione del pubblico italiano la forte testimonianza di fede di un importantissimo uomo di cultura romeno.

NICU STEINHARDT (29 luglio 1912 – 30 marzo 1989) è stato scrittore, critico letterario, saggista, giurista e pubblicista romeno. Al liceo “Spiru Haret” di Bucarest è stato collega dello storico delle religioni Mircea Eliade e del filosofo Constantin Noica. Laureato in Legge e in Lettere presso l’Università di Bucarest nel 1934, Steinhardt entra nella vita letteraria romena e dal 1939 lavora come redattore presso la Revista Fundatiilor Regale. La “purificazione etnica” messa in atto dal governo Antonescu-Sima fa vivere a Steinhardt - ebreo di famiglia - numerose privazioni professionali per motivi etnici.

Nel 1958 viene arrestato il filosofo Constantin Noica. Lo stesso Nicu Steinhardt è convocato il 31 dicembre 1959 dalla Securitate comunista e gli viene chiesto di fare da testimone dell’accusa contro Noica, pena l’inclusione nel gruppo di “intellettuali mistico-legionari”. Il rifiuto di testimoniare contro Constantin Noica ha come conseguenza la condanna a 13 anni di lavori forzati con l’accusa di “crimine di congiura contro l’ordine sociale”.

Tale condanna è l’occasione per concretizzare la sua decisione di farsi battezzare. Di origini ebree, Nicu Steinhardt si converte al cristianesimo ortodosso e riceve il battesimo il 15 marzo 1960 nel carcere di Jilava, prendendo il nome di Nicolae. È un battesimo che Steinhardt dichiara apertamente di aver ricevuto a nome dell’ecumenismo. L’episodio del battesimo è la sorgente di un’opera unica nella cultura romena: il “Diario della felicità” di Nicolae Steinhardt ha avuto 9 edizioni in Romania e si stima che sia stato stampato in più di 200.000 esemplari dal 1990 fino ad oggi. L’edizione italiana del “Diario della felicità” è firmata da Gabriella Bertini Carageani ed è a cura di Gheorghe Carageani (il Mulino, Bologna, 1995). L’opera è stata tradotta anche in francese (prefazione di Olivier Clément), spagnolo, portoghese/brasiliano, ungherese, ebraico.

Appena uscito dal carcere nel 1964, Steinhardt rientra nella vita letteraria romena. In seguito a queste collaborazioni nascono numerosi volumi di saggi e di critica letteraria. Dopo la morte del padre nel 1967, Nicolae Steinhardt comincia a cercare un monastero ortodosso dove essere accolto. Il 16 agosto 1980 riceve la tonsura nel monastero S. Anna di Rohia (Maramures), un luogo pieno di pace nel nord della Romania e ricco di una biblioteca di cca. 23.000 volumi che Steinhardt si prende il compito di riordinare. Muore a Baia Mare il 30 marzo 1989. I suoi funerali vennero rigorosamente sorvegliati dalla Securitate. Buona parte dei suoi manoscritti sono stati recuperati da amici e pubblicati postumi. Il Monastero di Rohia e la casa editrice Polirom di Iasi hanno pubblicato l’integrale dell’ opera di N. Steinhardt (15 volumi).

******

Il programma del convegno del 26 marzo 2014 dedicato a N. Steinhardt prevede gli indirizzi di saluto di: R.P. Prof. James McCANN, SJ (Rettore del Pontificio Istituto Orientale), S.E. Sig. Bogdan TATARU-CAZABAN (Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede), Dott. Giuseppe Sergio BALSAMÀ (Presidente Associazione “Insieme per l’Athos”). A seguire una serie di interventi tra cui spicca la presenza di S.E.R. Mons. SILUAN e di R.P. Abate Michel VAN PARYS, O.S.B. che hanno personalmente conosciuto Nicolae Steinhardt.

S.E.R. Mons. SILUAN, Vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia
Il monaco Nicolae visto con gli occhi di un giovane studente degli anni '90
- modello di libertà, di fede e di cultura

R.P. Abate Michel VAN PARYS, O.S.B., Egumeno del Monastero Esarchico di “Santa Maria” di Grottaferrata
Un itinerario paradossale – da dandy a monaco

Prof. Gheorghe CARAGEANI, Già ordinario di Lingua e Letteratura romena
I.U.O. Napoli - Università “La Sapienza” Roma
“Diario della felicità” – riflessioni polifoniche

Dr. Anca MANOLESCU, Collegio Nuova Europa - Bucarest
Nicolae Steinhardt e la scrittura come esercizio spirituale

R. P. Prof. Germano MARANI, SJ, Docente di Teologia Orientale, P.I.O.- Missiologia, PUG
Nicolae Steinhardt e la sua sensibilità europea

Moderatore: R.P. Prof. Edward FARRUGIA, SJ,
Docente di Teologia Dogmatica e Patrologia Orientale, P.I.O.

Accademia di Romania in Roma

Coffee, Tea...Me? @ Salotto Donna‏

Coffee, Tea…Me? @Cascina Cuccagna, Milano

Mercoledì 26 marzo, dalle 14:30 alle 16:30, Cascina Cuccagna ospita un nuovo appuntamento di "Coffee, Tea..Me?", uno spazio in cui conoscersi, raccontarsi e "conversarsi" in modo informale e divertente con tea, pasticcini e buona musica.

Chiacchierare non è mai stato così piacevole!

L'incontro, a cura di A.D.R.I. - Associazione delle Donne Romene in Italia costituisce un'ottima occasione per far conoscere ai partecipanti lo "Sportello Donna - madri a distanza", progetto attivo ogni mercoledì dalle 14:30 alle 16:30 in Cascina Cuccagna. Lo "Sportello Donna" offre un punto di incontro, condivisione e sostegno alla genitorialità e distanza, oltre a fornire consulenza lavorativa a tutto campo.

Leggi di più qui.

Modera: Giada Bossi

Ingresso libero. Portare il sorriso

Informazioni: info@cuccagna.org ; adri_milano@live.it

Incontro con il poeta romeno Ion Mureşan a Bistrot de Venise‏ / Întâlnire cu poetul Ion Mureşan la Bistrot de Venise‏

Întâlnire cu poetul Ion Mureşan la Bistrot de Venise

Marţi, 25 martie a.c., începând cu ora 17:00, selectul local veneţian Bistrot de Venise (Calle dei Fabbri, San Marco 4685, Veneţia) găzduieşte întâlnirea cu poetul Ion Mureşan, câştigătorul celei de-a XXIII-a ediţii a Premiului Naţional de Poezie Mihai Eminescu pentru Opera Omnia pentru anul 2013.
Prin elegantul său ambient şi prin temele de actualitate artistică, culturală şi socială abordate în cadrul evenimentelor organizate, Bistrot de Venise s­a impus ca fiind unul din punctele predilecte de întâlnire ale elitei artistice veneţiene.
Evenimentul, care îl are ca invitat pe poetul Ion Mureşan, reprezintă cea de-a şasea întâlnire de acest fel, după serile de poezie cu Nina Cassian din 17 martie 2009, Mircea Dinescu din 9 martie 2010, Ileana Mălăncioiu din 12 martie 2011, Matei Vişniec din 20 martie 2012 şi Marta Petreu din 14 martie 2013.
Proiectul se înscrie în strategia Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia privind promovarea constantă a literaturii române şi a traducerii acesteia în limba italiană.
Ion Mureşan este poet şi publicist, una din vocile cele mai importante ale poeziei româneşti actuale, cel care a afirmat şi a subliniat în repetate rânduri rolul benefic al poetului – „acest doctor de spirite, această clinică ambulantă” – şi al poeziei – „suprema terapie” –, şi despre care s-a spus: „Mureşan are un «ce» pe care, chiar când nu-l poţi înşfăca dintr-o dată, la prima lectură, îl simţi acolo, ştii că este, îl adulmeci şi îl cauţi”. (Mihai Şora)
Cel mai recent volum de poezie al său, cartea Alcool (Charmides, Bistriţa, 2010) a câştigat Premiul Uniunii Scriitorilor din România, Premiul revistei Observator cultural şi Premiul Radio România Cultural.
A fost tradus în diverse antologii de poezie românească apărute în Italia, Franţa, Germania, Ungaria, SUA, Marea Britanie şi în volum în limbile franceză, germană şi engleză: Le mouvement sans coeur de l’image, traducere de Dumitru Ţepeneag, Paris 2000, Acces interzis! Zugang verboten!, Büroarcrasch, Viena 2008 (ediţie bilingvă); The Book of Winter and Other Poems, University of Plymouth Press, Plymouth 2011.
Danilo De Salazar a absolvit Facultatea de Limbi Străine, specializarea Limbi şi culturi străine moderne, la Universitatea din Calabria, cu o teză de licenţă în literatură comparată intitulată Il Vento nella poesia. Lance Henson e Lucian Blaga. În prezent este colaborator lingvistic la catedra de Limbă şi literatura română a Universităţii din Calabria. Volume traduse din limba română: Radu Ţuculescu, Stalin, con la zappa in spalla, Editura Aracne, 2013; Nichita Danilov, La Finestra del tramonto. Antologie 1980-2011, Editura Aracne, 2012.
Întâlnirea anuală de la Bistrot de Venise cu un poet român este sprijinită financiar de Institutul Cultural Român.

Coordonator proiect: Corina Gabriela Bădeliţă
Tel. +39.041.5242309
e-mail: corina.badelita@icr.ro

INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ DE LA VENEŢIA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Veneţia
http://www.icr.ro/venetia/
------------------------------------------------------------------
Incontro con il poeta romeno Ion Mureşan a Bistrot de Venise

Martedì, 25 marzo a.c., dalle ore 17:00, il raffinato locale veneziano Bistrot de Venise (Calle dei Fabbri, San Marco 4685, Venezia) ospita l’incontro con il poeta romeno Ion Mureşan, vincitore nel 2013 della XXIII edizione del Premio Nazionale di Poesia Mihai Eminescu per Opera Omnia.
Con il suo ambiente elegante e i temi di attualità artistica, culturale e sociale affrontati nell’ambito degli eventi organizzati, Bistrot de Venise si è affermato come uno dei punti prediletti d'incontro dell’élite artistica veneziana.
L'evento, che vede come invitato il poeta romeno Ion Mureşan, è il sesto di questo tipo, dopo le serate di poesia con Nina Cassian del 17 marzo 2009, Mircea Dinescu del 9 marzo 2010, Ileana Mălăncioiu del 12 marzo 2011, Matei Vişniec del 20 marzo 2012 e Marta Petreu del 14 marzo 2013.
Il progetto rientra nella strategia dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia per la promozione costante della letteratura romena e della sua traduzione in lingua italiana.
Ion Mureşan è poeta e pubblicista, una delle voci più importanti della poesia romena attuale, colui che più volte ha affermato e ribadito il ruolo benefico del poeta – “questo dottore di anime, questo ambulatorio” – e della poesia – “la suprema terapia” – e del quale è stato detto: “Mureşan ha un «non so che»; anche quando non lo puoi afferrare di colpo, alla prima lettura, lo senti, sai che c’è, lo fiuti e lo stai cercando”. (Mihai Şora)
Il più recente volume di poesia, cartea Alcool (libro Alcol, Charmides, Bistriţa, 2010) ha vinto il Premio dell’Unione degli Scrittori di Romania, il Premio della rivista Observator cultural e il Premio Radio Romania Culturale.
È stato tradotto in alcune antologie di poesia romena pubblicate in Italia, Francia, Germania, Ungheria, SUA, Gran Bretagna e in volume in francese, tedesco e inglese: Le mouvement sans coeur de l’image, traduzione di Dumitru Ţepeneag, Berlin, Parigi 2000, Acces interzis! Zugang verboten!, Büroarcrasch, Vienna 2008 (edizione bilingue, romeno-tedesco); The Book of Winter and Other Poems, University of Plymouth Press, Plymouth 2011.
Danilo De Salazar si è laureato presso la Facoltà di Lingue Straniere dell’Università di Calabria, indirizzo Lingue e culture straniere moderne, con una tesi di letteratura comparata intitolata Il Vento nella poesia. Lance Henson e Lucian Blaga. Al presente è collaboratore linguistico presso la sezione di Lingua e letteratura romena dell’Università di Calabria. Volumi tradotti dal romeno: Radu Ţuculescu, Stalin, con la zappa in spalla, Aracne, 2013; Nichita Danilov, La Finestra del tramonto. Antologie 1980-2011, Aracne, 2012.
L’incontro annuale con un poeta romeno al Bistrot de Venise è organizzato con il sostegno finanziario dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest.

Coordinatore del progetto: Corina Gabriela Bădeliţă
Tel. +39.041.5242309
e-mail: corina.badelita@icr.ro

ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca) 30121 Venezia
http://www.icr.ro/venezia/